Affronta un diavolo arrapato - Una storia di Halloween

1.2KReport
Affronta un diavolo arrapato - Una storia di Halloween

AVVERTIMENTO! Questo avviso potrebbe non essere necessario per questa particolare storia, ma lo includo perché è necessario per la maggior parte delle mie storie. Se decidi di leggere altre mie storie, assicurati di leggere le informazioni e gli avvertimenti all'inizio di ogni storia.

Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale.

Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e realtà o se risiedi in uno stato, provincia, nazione o territorio tribale che proibisce la lettura degli atti rappresentati in queste storie, interrompi immediatamente la lettura e muoviti da qualche parte che esiste nel ventunesimo secolo.

L'archiviazione e la ripubblicazione di questa storia è consentita, ma solo se l'articolo include il riconoscimento del copyright e la dichiarazione di limitazione d'uso. Questa storia è protetta da copyright (c) 2018 di The Technician.

I singoli lettori possono archiviare e/o stampare singole copie di questa storia per uso personale e non commerciale. La produzione di copie multiple di questa storia su carta, disco o altro formato fisso è espressamente vietata.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

* * * * * * * * * * * *

Stan Satanowski è uscito dalla cabina abbronzante spray all'avanguardia nel suo seminterrato. Era un modello completamente automatico controllato da un computer e avrebbe dovuto costare molto più di quanto potesse permettersi, ma l'aveva ottenuto praticamente gratis.

Gratuito è un termine relativo. In questo caso, quando ha accettato un contratto per ripulire e ristrutturare uno spazio in un centro commerciale locale, ha accettato di conservare tutte le attrezzature attualmente nel negozio per un periodo di due anni.

L'inquilino precedente gestiva un salone di bellezza chiamato "Momma Ling's" che offriva di tutto, dall'acconciatura ai trattamenti per le unghie, dall'abbronzatura spray alle droghe, sì, droghe. Evidentemente il business della bellezza non stava pagando abbastanza, quindi Momma Ling - vero nome Cynthia Davidson - si è ramificata in vari oppioidi prescritti e non prescritti.

Sfortunatamente, Cynthia non aveva svolto ricerche sufficienti sulla possibile concorrenza e uno dei fornitori locali del quartiere ha espresso il proprio disappunto per la sua intrusione nel loro territorio di vendita sparando al locale e alle persone all'interno. In un'incredibile dimostrazione di accuratezza per le bande di strada, c'è stata una e una sola fatalità, Cynthia "Momma Ling" Davidson. Due clienti sono rimasti feriti da vetri volanti e uno ha ricevuto una lieve ferita da arma da fuoco alla gamba, ma il salone di bellezza e l'emporio della droga di Momma Ling sono stati definitivamente chiusi.

Evidentemente, Cynthia Davidson non era il suo vero nome perché i funzionari non sono riusciti a scoprire alcuna patente di guida valida... o parente prossimo... o luogo di nascita... o qualsiasi altra cosa. Tutta l'attrezzatura è stata evidentemente pagata, quindi una volta che la polizia ha liberato la scena del crimine, il contratto di locazione è stato annullato dai proprietari del centro commerciale e si è trattato solo di Stan che puliva tutto e faceva sembrare che Momma Ling non avesse mai esisteva.

L'unico problema era che tutta l'attrezzatura doveva essere conservata per almeno due anni nel caso in cui qualche creditore - o parente - si facesse avanti per reclamarla. Quindi, uno dei termini del contratto di ristrutturazione prevedeva che Stan conservasse gli arredi, pagando un canone mensile ovviamente, per 24 mesi. Quindi spettava a lui disporne nel modo che riteneva opportuno.

Quasi tutto è stato smontato e riposto nel retro del suo garage a casa. Ma gli aspetti tecnici di una cabina abbronzante spray autoapplicante lo affascinavano. Così ha fatto il possibile prezzo di vendita. Stan pensava che se avesse mantenuto lo stand funzionante, alla fine dei due anni avrebbe potuto venderlo per almeno cinque o seimila dollari.

Il problema era che doveva essere usato regolarmente per evitare che le pompe, le guarnizioni e gli ugelli si seccassero. Pensava di poterlo fare ogni tanto, ma a parte il ciclo di pulizia, la cabina era programmata per non funzionare a meno che non ci fosse una persona al suo interno. E qualunque cosa tu mettessi nei tubi per l'agente abbronzante doveva essere della giusta consistenza o il programma si sarebbe sbagliato. Ciò significava usare roba vera e finta per l'abbronzatura quando la eseguivi.

Quindi, una volta ogni due mesi, Stan mescolava una partita di abbronzatura finta e entrava nella macchina. Le prime due volte che lo ha fatto, i risultati sono stati, nella migliore delle ipotesi, contrastanti. Per fortuna c'era anche un ciclo di rimozione che spruzzava una soluzione che avrebbe tolto qualsiasi cosa fosse stata applicata, anche giorni o settimane dopo.

Dopo uno dei suoi peggiori tentativi iniziali in cui ha commesso un grave errore nel mescolare i colori dell'abbronzatura, è uscito dallo stand di un rosso intenso e all-over. "So cosa indosserò il prossimo Halloween", si disse allo specchio. Ha annotato con cura esattamente ciò che aveva fatto prima di reimpostare la cabina su un ciclo di rimozione.

Con la sua pelle tinta di un rosso intenso, Stan pensava di poter indossare qualsiasi cosa... o niente... alla prossima festa di Halloween. Ma aveva ancora bisogno di un espediente che lo mettesse sopra le righe. Così si è rivolto a suo cugino, Mark, che ha lavorato fornendo oggetti di scena speciali all'industria cinematografica.

"Ciò di cui hai bisogno sono le corna", disse Mark. "Ma devono apparire solo quando vuoi dimostrare che sei arrapato." Poi ha riso della sua stessa battuta.

Stan si limitò a guardarlo accigliato, ma Mark disse: “No, sul serio. Ho queste corna che si attaccano ai capelli e al cuoio capelluto. Devi solo pettinare il resto dei tuoi capelli sulle piccole protuberanze. Quando li vuoi, basta premere su uno di essi e si apriranno lentamente. Puoi far sembrare che ti stia solo togliendo i capelli. Quindi, quando vuoi che i clacson scompaiano di nuovo, spingili lentamente su entrambi e le speciali molle si spingono verso il basso finché il fermo non si innesta di nuovo.

"Quanto?" chiese Stan.

"Ho venduto le versioni finali per tremila dollari l'una", rispose Mark, sorridendo allo sguardo scioccato sul volto di Stan. Poi aggiunse: “Ma ho ancora i prototipi. Te li posso dare a cinquecento al paio. Non sono così appariscenti, ma le persone li vedranno a grandezza naturale. Non sarai su un grande schermo.

Tutto ciò che serviva dopo era che Stan si presentasse con un invito alla festa di Halloween di un amico. Il suo amico viveva vicino al college e Stan sapeva che lì ci sarebbe stato un numero significativo di studenti universitari. L'alcol gratis a una festa vicino al campus lo farà. Stan pensava di dover fare qualcosa di veramente convincente, ma il suo amico era d'accordo perché era amico di Stan... e perché non fa mai male avere un bel muratore a una festa come ulteriore attrazione per le studentesse.

Quella notte, Stan indossava un costume piuttosto interessante di pantaloni di pelle nera, un gilet nero e sandali di pelle nera. Il suo petto rosso, le braccia rosse, le mani rosse e i piedi rossi aggiungevano un effetto surreale alludendo alla possibilità che tutto il suo corpo fosse della stessa tonalità di rosso.

La sua battuta non era molto originale. In effetti era terribile, ma si adattava al suo costume. Si avvicinava a una giovane donna e diceva: "Un diavolo arrapato come me ha una possibilità con un bellissimo angelo come te?"

Stan sapeva che nove volte su dieci la ragazza si sarebbe limitata a ridere di lui, ma era fiducioso che ci fossero più di dieci belle donne alla festa.

Quando arrivava il momento delle presentazioni, diceva: "Sono Stan Satanowski". Dopo una pausa aggiunse: «Satanowski significa figlio del diavolo».

Aspettava una reazione della ragazza e poi diceva: “Prendo il nome dal mio bisnonno. Ha sempre detto che gli impiegati dell'immigrazione hanno incasinato una "A" nel suo nome... ma non ha mai detto se ne hanno omesso uno per creare Stan o ne hanno aggiunto uno per creare Son of Satan".

Per la prima ragazza, anche questo ha portato a ridere mentre se ne andava. Ma la seconda ragazza ha chiesto: "Quel costume copre tutto il tuo corpo?"

Stan rise la risata più profonda che riuscì a raccogliere e disse: “Questo non è un costume. Halloween è l'unico periodo dell'anno in cui posso andare in giro come me stesso.

Quindi allungò la mano e si scostò i capelli dalle corna. I dispositivi protesici hanno funzionato esattamente come aveva detto suo cugino. Spuntarono quando le sue mani li sfiorarono. Adesso c'erano due corna nere e lucenti che spuntavano dalla sua testa.

Poi disse in un profondo sussurro: "Se ti dai a me stasera... solo per la notte... ti esaudirò un desiderio".

"Solo per la notte?" chiese piano la ragazza.

«Solo per stanotte», la rassicurò Stan mentre la conduceva alla sua macchina.

Una volta arrivati ​​nella sua camera da letto, fu sorpresa di scoprire che Stan era davvero tutto rosso. Fu ancora più sorpresa quando lui insistette per usare il preservativo. "Abbiamo abbastanza piccoli diavoli arrapati che corrono in giro", ha detto con una risata. "E inoltre, mi è stato detto che il mio sperma può bruciare un po'."

In realtà, era preoccupato che il rosso potesse essere lavato via dalle sue secrezioni vaginali. Ha anche usato un preservativo quando le ha preso il culo circa un'ora dopo. Lo ha colto di sorpresa svegliandolo con un pompino al mattino. Pensò di tentare una scopata mattutina, ma lei scivolò giù dal letto e andò in bagno non appena lui le ebbe schizzato in bocca.

Quando tornò in camera da letto era già completamente vestita. "Ho bisogno di un passaggio per tornare al college", disse dolcemente. Poi ha aggiunto: "Il mio desiderio è che superi tutti i miei esami intermedi".

"Devi ancora studiare", rispose Stan mentre si infilava un paio di jeans. "Ma farai molto meglio di quanto speravi su tutti loro."

È stato cinque anni fa. L'amico di Stan ora gli chiede di venire alla festa. Evidentemente si era sparsa la voce del diavolo arrapato e molti studenti, soprattutto studentesse, volevano vederlo di persona.

Le ragazze non ridono più della sua battuta. La maggior parte sorride e dice: "No, non stasera". Alcuni, forse gli stessi angioletti arrapati, provano persino a prenderlo in braccio. Avrebbe potuto avere diverse ragazze a ogni festa, ma ha deciso di restare con una che fosse disposta ad andare a casa con lui per la notte. In questo modo avrebbe potuto mantenere vivo l'inganno di "esaudire un desiderio". Se rimanevano durante la notte, era molto più facile modellare quel desiderio in modo che fosse qualcosa che poteva essere fatto accadere, come dare loro abbastanza fiducia per fare davvero bene a metà mandato o in finale.

Quest'anno è stato diverso. Appena arrivato alla festa, sapeva chi avrebbe cercato di portare a casa con sé. Era alta... e bionda... e indossava un costume da angelo molto corto con un'aureola che era tenuta qualche centimetro sopra i suoi lucenti capelli biondi.

Stan prese un drink e ne versò metà in modo che sembrasse che fosse lì da un po'. Gli diede anche qualcosa da tenere in mano mentre si avvicinava alla ragazza e diceva: "Un diavolo arrapato come me ha una possibilità con un bellissimo angelo come te?"

Quella linea, così come il suo costume caratteristico, era diventata una sorta di leggenda nel campus. Diversi partecipanti alla festa si sono fermati a guardare mentre sorrideva al bellissimo angelo.

"Sì", rispose lei mentre corrispondeva al suo sorriso, "ma mi piacerebbe davvero godermi questa festa per un po' prima."

"Mi chiamo Stan Satanowski", disse rapidamente.

"Puoi chiamarmi Angel", rispose lei prima che lui avesse la possibilità di dire il suo nome completo.

"Allora, Angel", disse, cercando di riprendere il controllo, "bere, ballare o conversare mentre ci godiamo questa festa?"

Lei sorrise e rispose: "Cominciamo con la danza".

Stan posò il suo drink sul bancone e si spostò in un'area leggermente aperta dove alcune coppie stavano ballando al ritmo della musica ad alto volume. Mentre ballavano, era come se intorno a loro si formasse una bolla che teneva tutte le altre coppie a una certa distanza.

Stan non aveva mai visto prima una donna che sembrava trasudare così tanta sessualità. Era il sogno erotico di un'adolescente portato in vita. Stan non era un adolescente, ma questa donna stava sicuramente avendo un effetto sulla sua virilità. Stava anche diventando un po' scomodo ballare.

Prima che le cose diventassero troppo ovvie o scomode, si fermò e la afferrò leggermente per un braccio. "Perché non passiamo alla conversazione", disse con un sorriso.

Un paio delle ragazze vicine hanno scattato immagini con i loro telefoni del suo sorriso. I suoi denti bianchissimi accentuati contro il suo viso rosso intenso erano un'immagine che ogni ragazza vorrebbe avere sul suo telefono, specialmente intorno ad Halloween.

Stan manovrò il suo angelo a un tavolo aperto e si sedettero. Qualcuno gli diede la bevanda che aveva lasciato sul bancone. "Scusa", disse con un sorriso, "una volta che ha lasciato la mano è nel barattolo".

Guardò Angel, fece una delle sue risate profonde e fragorose e disse con un sorriso: “Sono sicuro di non essere l'unico diavolo qui stasera. Chissà cosa potrebbe esserci in quel drink?

"Sei estremamente attento", disse il suo bellissimo angelo.

"Devo esserlo", rispose Stan.

Poi lei gli sorrise. Non sapeva perché, ma all'improvviso decise che doveva essere totalmente onesto con questa donna.

“Angel,” disse dolcemente. "Devo dirti qualcosa. Questo", indicando la sua faccia rossa, "è tutto un espediente per portare a letto ragazze del college ingenue. Tutti conoscono la storia del mio nome. Il mio vero nome è Stan Satanowski, che significa Figlio di Satana, ma il vero nome di mio nonno era Stanowski. L'uomo dell'immigrazione ha aggiunto una "a" al nome e questo lo ha reso il suo nome legale. Il nonno ha pensato che non valesse il tempo e il denaro per sistemare le cose, quindi la famiglia è bloccata con Satanowski.

Sorrise piuttosto imbarazzato mentre ammetteva: “Non sono un figlio di Satana. Sono solo un ragazzo arrapato con una cabina abbronzante nel mio seminterrato che posso usare per rendere la mia pelle rossa per le feste di Halloween.

Si scostò con cura i capelli in modo che lei potesse vedere le protuberanze delle corna protesiche.

"Ho persino corna finte di Hollywood", ha continuato. Dopo un altro sorriso imbarazzato, ha detto: "Ho un cugino nel settore".

Si guardarono in silenzio per diversi minuti, poi finalmente Stan disse: “Mi piacerebbe portarti a casa mia per la notte, ma non posso farlo con false pretese. Se vuoi venire, va bene, andiamo a casa mia. Se non lo fai, allora possiamo restare qui a ballare.

Angel posò il suo drink e guardò Stan direttamente negli occhi. "Ho ballato abbastanza per una sera", disse molto piano. Poi, un po' più forte, aggiunse: "Andiamo a casa tua".

Detto questo si alzò e aspettò che Stan si unisse a lei. Si diressero velocemente verso la sua macchina. Una volta che furono a casa sua, Angel quasi corse alla porta.

Dentro, lo trascinò lungo il corridoio verso la sua camera da letto. E una volta in camera da letto, Stan rimase sbalordito mentre Angel gli toglieva il giubbotto dalle spalle. Non l'ha nemmeno vista afferrarlo, eppure lei glielo ha strappato di dosso in meno di un secondo. Lo spinse all'indietro sul letto e gli sfilò i sandali con due rapidi movimenti. Poi gli slacciò la cintura e gli aprì i pantaloni.

Stan pensava che si fosse avvicinata a lui per farlo, ma in qualche modo era ancora in grado di togliergli i pantaloni con un movimento rapido. Come al solito, era un commando, quindi il rapido movimento del cuoio che gli veniva tolto dal culo era quasi doloroso.

"Sei davvero rosso TUTTO" squittì Angel. “E tu hai una vera confezione da sei rossa. Sei un diavolo perfetto.

Saltò sul letto e si mise a cavalcioni su Stan.

"Fammi vedere le tue corna", disse eccitata.

Stan allungò una mano e fece scattare entrambi i clacson. Mentre apparivano lentamente tra i suoi capelli, Angel continuava a strillare di gioia.

Scivolò in modo da inginocchiarsi a cavalcioni sulle gambe di Stan. Chinò la testa più in basso e la sua lingua fece schioccare l'estremità del cazzo di Stan.

"Anche il tuo cazzo è rosso", disse, e poi si infilò tutto in bocca.

Stan si stava dimenando e schiaffeggiando il letto con le mani. Questa era la prima volta che perdeva il controllo durante il sesso. Angel aveva assolutamente il controllo e lo stava portando sempre più in alto e sempre più in alto.

Alla fine, sentì quel familiare ribollire nelle sue palle che ben presto esplose nella bocca di Angel. Succhiò avidamente il suo seme finché non smise completamente di pompare. Succhiò e bevve ancora per qualche istante e poi disse: "Quella è la Francia".

Quindi si tirò in piedi e si trascinò sulle ginocchia finché non si trovò a cavalcioni sul cazzo ormai flaccido di Stan.

"Aw, si è addormentato", ha detto con un broncio finto. "Penso che lo sveglierò."

Poi si è abbassata e ha iniziato a macinare il suo membro floscio. Non ci è voluto molto per "svegliarlo" e presto la virilità di Stan era di nuovo alta e orgogliosa.

"Stai lì sdraiato e lascia che questa cowgirl cavalchi", disse Angel con un grande sorriso. Mentre parlava, si abbassò lentamente sul cazzo di Stan.

Angel è partito molto lentamente. Stan era ancora parzialmente ubriaco rispetto a prima, quindi presto raggiunse quel picco in cui la sua mente non controllava veramente il suo corpo. Angel stava rimbalzando sui suoi fianchi e lui si stava sollevando per incontrare il suo rimbalzo.

Era quasi arrivato a quel punto quando lei si lasciò cadere completamente su di lui e iniziò a digrignare i fianchi in un piccolo cerchio. Dai suoi rantoli e gemiti, era ovvio che questo la stava davvero stimolando, ma non c'era un vero movimento dentro di lei e Stan era trattenuto nel punto appena prima del rilascio.

Questo non era mai successo prima. È sempre stato lui a far impazzire le donne. Non era giusto, ma era così vicino. Doveva venire... aveva bisogno di venire.

"Lasciami venire", gridò, quasi non credendo alla propria voce mentre si sentiva.

"Ti possiedo?" Angel chiese dolcemente.

"Sì!" Stan ha gridato di rimando: "Fammi solo venire!"

“Bravo ragazzo,” disse dolcemente Angel e cambiò il modo in cui digrignava i fianchi in modo che ora stesse tirando il membro gonfio di Stan quasi come se lo stesse mungendo.

In pochi secondi, Stan esplose in lei con un forte gemito. Stava di nuovo schiaffeggiando le lenzuola con le mani.

"Mio Dio!" gridò.

"Non esattamente", disse Angel con un sorriso, "ma quasi."

Una volta che Stan ebbe ripreso il controllo di se stesso, Angel disse allegramente: “Quella è l'Inghilterra... o dovunque. Vediamo se hai intenzione di visitare la Grecia.

Stan aveva già fatto il giro del mondo e sapeva cosa stava dicendo Angel. Era solo la prima volta che una ragazza aveva avviato l'intera sequenza.

Angel si sollevò e il cazzo di Stan si tirò fuori da lei con un leggero schiocco. Non era più completamente eretto, ma non era del tutto molle.

“Sembra che il piccolo Stan si stia stancando di nuovo,” disse Angel, fingendo di nuovo il broncio. "Dovrò solo svegliarlo per il nostro viaggio in Grecia."

Poi si voltò in modo da non guardare Stan e si sollevò in una posizione accovacciata in modo che tutto ciò che toccava Stan fossero i suoi culi. Ha quindi iniziato a dondolare i fianchi in modo che il suo culo stesse praticamente twerkando il cazzo di Stan.

«Oh, Dio», gemette piano Stan. "Oh, Dio," gemette di nuovo mentre Angel si abbassava in modo che il suo membro fosse strettamente schiacciato nel profondo delle sue chiappe.

"Sento che qualcosa si sta svegliando", disse con voce falsa, infantile.

Stan poteva sentire il suo cazzo ridiventare eretto.

"Si chiama ancora cowgirl quando sono rivolto da questa parte?" Angel chiese: "... e stai andando dalla porta sul retro?" Ha quindi iniziato a muovere il culo in cerchio in modo che il cazzo di Stan si strofinasse contro il suo sfintere e iniziasse lentamente a farsi strada.

"Forse in Grecia vanno a cavallo all'indietro", disse con una leggera risata e poi si spinse sull'uccello di Stan.

Questa volta, non si è preoccupata di stuzzicare Stan, ma invece ha fatto oscillare il culo su e giù sul suo cazzo con un ritmo regolare.

Stan, nel frattempo, si stava dimenando e urlando: "Perché non posso venire ?! Perché non posso venire?! Perché non posso venire ?!

"Perché non ho ancora fatto la domanda," disse Angel, tornando alla sua voce da ragazzina.

"Che domanda?" Stan ansimò.

"Ti possiedo?" disse Angelo.

"Sì!" Stan quasi urlò. "Sì! Fammi solo venire!

Con la parola cum, a Stan sembrò quasi che le sue palle fossero esplose. Non ricordava di aver mai sborrato così violentemente e di aver eiaculato così forte per così tanto tempo.

"È un bravo ragazzo", disse Angel mentre continuava a sedersi sul cazzo di Stan mentre si sgonfiava per la terza volta.

Dopo un po', si staccò dal cazzo ormai completamente flaccido di Stan e si rannicchiò accanto a lui.

"Sembra che un po' della mia finta abbronzatura rossa ti abbia cancellato", disse, accarezzandole una macchia rossa sul sedere.

«Non è niente», disse. «Posso occuparmene più tardi.»

"No", rispose Stan, "ho una macchina al piano di sotto che ci ripulirà entrambi in un attimo. Siccome si tratta di una rimozione e il posizionamento degli ugelli non è così importante, potremmo anche farlo insieme”.

"Non credo sia una buona idea", disse Angel. Per qualche ragione, sembrava ansiosa.

«Non c'è niente di cui preoccuparsi», disse Stan. “Adesso ho capito tutto. Posso indossare questo rosso e toglierlo senza problemi.

Angel iniziò a dire qualcos'altro, ma Stan alzò la mano, "E inoltre", disse con la sua migliore voce sensuale, "possiamo fingere di fare la doccia insieme".

Ora la stava conducendo giù verso il suo seminterrato. "Stan", disse, cercando di indietreggiare verso le scale, "penso che sia ora che anch'io sia sincera."

“Quale grande segreto stai nascondendo?” chiese con una risata mentre avviava i timer sulla macchina.

"Il mio vero nome è Lucy", disse mentre entrambi entravano nella cabina.

Ha iniziato a dire qualcos'altro, ma non era davvero possibile parlare mentre gli spray per rimuovere l'abbronzatura si muovevano su e giù sui loro corpi. Quando finalmente suonò il timer finale e poterono riaprire gli occhi, Stan esclamò: “Porca miseria. Ho davvero fatto un casino! Siamo entrambi rossi!

Lucia rise. «No, Stan», disse con calma. “Non hai sbagliato. L'ho fatto. Non avrei mai dovuto lasciarti entrare nella macchina.»

Fece scorrere la mano lungo il suo stomaco leggermente tremante e disse: «La macchina ha fatto quello che doveva fare. Ha rimosso tutta la finta abbronzatura... da entrambi.

Fece una pausa e poi disse lentamente: “Stavo cercando di dirtelo prima che mi tirassi in cabina, ma non mi hai ascoltato. Mi chiamo Lucy e questo è il mio colore naturale della pelle.

Gli occhi di Stan erano spalancati. "Dovresti essere rosso e la pelle pallida era finta?!!"

"Sì", disse con un sorriso. “Tutto il mio finto pallore è stato lavato via per rivelare la mia normale pelle rossa. ... E il tuo finto rosso è stato lavato via per rivelare la tua nuova pelle veramente rossa.

Stan continuò a fissarla.

«Hai lasciato le corna sul comò, vero?» chiese Lucy sorridendo maliziosamente.

"Sì perché?" Stan ha risposto.

Gli indicò la parte superiore della fronte e lui alzò immediatamente la mano per sentire... le corna.

Mentre abbassava il braccio lungo il corpo, la sua mano destra sfiorò la sua coda, che si stava arricciando intorno al suo corpo.

"Ah, sì", disse Lucy con un sorriso e una risata, "e poi c'è quello."

"Chi sei?!!" disse Stan ad alta voce.

«Te l'ho detto», disse maliziosamente, «mi chiamo Lucy. È l'abbreviazione di Lucifero.»

"Lucifero non è una donna!" gridò Stan.

"È quello che dicono tutti", rispose seccamente. "Ecco perché ho sempre dovuto usare un front man."

Fece scorrere le mani sul petto muscoloso di Stan e poi aggiunse: "... un frontman forte e sexy".

"Mi hai trasformato in un diavolo!" gridò Stan.

«No, no, no», rispose Lucy. "Tutto quello che ho fatto è stato rendere il tuo costume un po' più autentico."

"Quindi sono bloccato in questo modo come pubblicità per te?" chiese Stan, guardandosi le braccia e le mani rosse. La sua coda ora si era raggomitolata tra le sue gambe e sembrava un coglione estremamente smisurato con una mente propria.

"Il mio costume non era abbastanza buono per te ?!" quasi urlò.

«Ancora una volta no», rispose Lucy. "Anche se mi ha divertito il fatto che tuo cugino abbia usato lo stesso interruttore che ho sempre usato io."

Stan continuò a guardarla scioccato.

"Premi lentamente sulle corna", disse con fermezza.

Stan si portò di nuovo le mani alla fronte e iniziò a premere lentamente sulle corna. Mentre si ritiravano lentamente nella sua testa, la sua pelle tornò al suo colore normale. Una strana sensazione in cima alla fessura del culo gli disse che anche la sua coda si era in qualche modo ritirata nel suo corpo.

Rimase lì per diversi minuti esaminando le braccia e le gambe e quanto più poteva vedere del suo corpo. Alla fine disse: "Allora cosa vuoi da me?"

"Cosa voleva Phillip Morris con il Marlboro Man?" Lucy ha detto con una risata.

"Vuoi che faccia pubblicità ?!" gridò Stan, quasi isterico.

«Non esattamente», rispose Lucy. “Quando avremo una buona prospettiva, voglio che tu faccia i negoziati. A volte ci saranno vantaggi marginali simili a quelli che hai ottenuto quando hai fregato queste ingenue studentesse universitarie, ma di solito si tratta di una trattativa d'affari diretta.

"Quindi prometto loro qualcosa", ha detto Stan, ora suonando molto più padrone di sé, "e loro cederanno le loro anime".

"Questa è l'idea di base", disse Lucy con un sorriso, "ma avrai bisogno di un po' di allenamento".

"Cosa ci guadagno da questo?" chiese Stan, inclinando la testa e suonando più che sospettoso dell'affare. Dopotutto, questo era Lucifero, lui stesso... o lei stessa... o qualsiasi altra cosa.

"Eterna giovinezza, un corpo migliore anche di quello che hai adesso, e..." Lucy fece una pausa, "quando ti stanchi di tutto questo, diventi parte del mio staff."

“E se rifiuto?” chiese fermamente Stan.

"Devo riprodurre i video per te?" chiese Lucy con una traccia di rabbia nella voce. "Credo che la domanda fosse: 'Ti possiedo?' Ricordi la tua risposta... entrambe le volte che l'ho chiesto?"

Stan chinò la testa e disse tristemente: "Sì".

«Ma l'ho chiesto solo due volte», disse Lucy con un'alzata di spalle. "La puntura rossa mi ha così eccitato che ho dimenticato di fermarmi quando ti ho portato al limite."

Stan adesso sembrava molto confuso.

«Non te l'ho fatto dire tre volte», spiegò Lucy, «quindi non posso davvero rivendicarti come mia. Ciò significa che questa è strettamente un'offerta commerciale. Se vuoi il lavoro, hai sentito i termini. Se non lo fai, allora ti lascio a modo tuo. Puoi lavare via il rosso, insieme alle corna e alla coda, nel prossimo ciclo di rimozione.

La sua voce si indurì leggermente, "Ma quando verrà il momento", disse lentamente e distintamente, "verrai ancora nella mia dimora... solo che non sarà come un membro dello staff."

"Potrei sempre cambiare i miei modi", ha detto Stan.

"L'ho già sentito molte volte", rispose Lucy, "ma alla fine ne vedo ancora il novantanove per cento".

«Potrei sempre far parte dell'uno per cento», disse Stan, raddrizzandosi e incrociando le braccia.

"Veramente?" Lucy rispose, allungando la mano e accarezzando il cazzo di Stan. Immediatamente prese vita.

"OK", disse Stan lasciando cadere le braccia lungo i fianchi. "Hai ragione. Non potrei mai cambiare i miei modi. Quando vuoi che cominci?"

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

FINE DELLA STORIA

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

Storie simili

Dal negozio di alimentari a f

Ho guardato l'incredibile seduttrice da dietro pensando a tutte le cose sporche che le avrei fatto se ne avessi avuto la possibilità, che era esattamente come lo volevo. L'ho seguita da lontano e ho continuato a fare acquisti, o in questo momento per lo più facendo finta di farlo. Ero così perso nel corpo della ragazza adolescente di fronte a me che lo shopping per quello per cui ero venuto non sarebbe successo a causa della mia immaginazione iperattiva. Il fatto che il mio cazzo fosse duro come una roccia non aiutava, specialmente nei jeans attillati che indossavo. Speravo davvero che...

2.1K I più visti

Likes 0

La moglie di Frank parte 5

La moglie di Frank parte 5 Il viaggio di Jim Ritorno al Sexy Shop storia di: SindyxSin Jim riporta Kathy al sexy shop. NOTA DELL'AUTORE: Questa è una storia sessuale continua. Potrebbe avere del sesso rude e non dovrebbe essere letto da persone che non amano quel tipo di sesso. Non è per tutti, dolore, umiliazione e altri atti sessuali usati per degradare una persona non per tutti. Se questo ti eccita, sono felice, ma per favore non provare nulla di tutto questo su partner riluttanti. Le storie che precedono questa sono; Moglie Franchi, 1,2,3,4. Con l'aiuto di Frank e di...

1.9K I più visti

Likes 0

Mio fratello Turner e io

Ero seduto al tavolo della colazione cercando di decidere cosa fare. Stanotte era la vigilia di Capodanno e mio fratello mi aveva chiesto di andare a una festa di Capodanno con lui. Avevo appena compiuto 44 anni a novembre. Mio marito è morto tre anni fa e io vivevo da sola. Il nome di mio fratello è Turner e ha quindici anni meno di me. Mia madre mi ha avuto quando aveva solo 16 anni e non hanno avuto un altro figlio fino ai 31 anni. Da quando mio marito è morto, Turner è stato molto gentile con me. Viene a...

2.9K I più visti

Likes 0

Jilly

Ho sedotto, costretto o imposto me stesso a una ragazza giovane, minorenne. Chiamalo come vuoi, ma è successo, mi vergogno di averlo fatto, dopo la prima volta, ma ho continuato a godermi ciò che ho cospirato perché accadesse, ancora e ancora. Una storia vera che fortunatamente è andata bene, sarebbe potuta andare dall'altra parte! Perchè è successo? Sono un ragazzo, sposato da 15 anni e ad essere sincero annoiato di scopare mia moglie, che era passata dal godersi il sesso a sopportarlo. Avevo bisogno di un po' di spezie, qualcosa per farmi sapere che potevo ancora tirare, qualcosa per aumentare il...

2.6K I più visti

Likes 1

Le conseguenze 5

Jim stava camminando avanti e indietro per un'ora, dopo aver distrutto la loro flotta d'invasione, erano partiti dopo il unica nave rimasta della flotta Krang. Mary e Amber lo avevano osservato per quasi tutto il tempo Jim se non lo fai Siediti, ti farò fuori di testa, non posso sopportare molto di più del tuo ritmo,” Mary quasi ringhiò. Jim si sedette rapidamente sulla sedia di comando cercando di non guardare Mary, scusa Mary, odio questa attesa, è vero niente a portata di mano su cui non fare nulla su cui lavorare, sai che odio essere inattivo. Mi rendo conto che...

1.9K I più visti

Likes 0

Il compito erotico di Abby

Frequentavo la scuola media da diversi anni e mi ero fatto la reputazione di sfidare intellettualmente i miei studenti, specialmente nell'area della letteratura drammatica. Molti studenti sono andati in una scuola superiore in tutta la città che era eccezionale. . . anche degno di nota a livello nazionale. Uno di quegli studenti. . . Abby era di gran lunga la mia preferita. Aveva effettivamente trascorso i suoi anni elementari in Canada e l'istruzione che ha ricevuto è stata eccezionale. Nonostante la situazione che sto per descrivere. . . avvenuta quando aveva 14 anni, ho avuto il piacere di averla per tre...

1.8K I più visti

Likes 0

La ragazza dietro il muro

Ero al secondo anno di college quando l'ho incontrata. Kacey viveva nel dormitorio accanto a me, ma non l'avevo mai vista. La conoscevo solo dal nome sulla porta e da quello che ho sentito quella prima notte. Mi sono seduto nel mio letto preparandomi per andare a dormire. Accanto al letto fu spinto contro il muro, e fu allora che l'ho sentito; un gemito morbido e sexy dall'altro lato del muro. Ho spazzato via il primo suono ma quando ho sentito il secondo, un po' più forte e più a lungo, ho iniziato a immaginare il creatore di questi piccoli rumori...

1.9K I più visti

Likes 0

Sorella divertente (Pt1)_(0)

Andare in discoteca in città non è poi così male dici ai tuoi amici quando continuano a chiederti perché lo fai, Perché lo faccio? ti chiedi per la decima volta mentre tu e tua sorella state sulla piattaforma affollata aspettando il tubo a casa. Entrambe vestite con gonne quasi troppo corte per decenza e top attillati, tua sorella si è sempre lamentata del fatto che non indossi mai un reggiseno, i tuoi seni sodi e larghi e quasi cadono dalla linea del collo del taglio inferiore. 23:00 e non puoi credere a quante persone stanno ancora viaggiando, la vedi saltare e...

1.5K I più visti

Likes 0

Bug Chasing - Crociera per l'AIDS

All'inizio è stato difficile per me capire perché mi sentissi così. Ho adorato il modo in cui desideravo ardentemente il cazzo senza sella nel mio buco del culo finocchio, ho adorato quanto volevo che ogni cazzo che scopava la mia figa gay svuotasse un carico dopo l'altro di sperma caldo, appiccicoso e fuso nel profondo della mia figa palpitante e dolorante. Ma aspetta, non era quello che avevo difficoltà a capire. Quello che è successo è che, quando ho iniziato la mia carriera di pilota di cazzi alla tenera età di 14 anni, erano i primi anni '70, ancora un po'...

1.3K I più visti

Likes 0

LA MADRE INSEGNA LA FIGLIA_(0)

Dov'è tuo padre, ha chiesto Alicia Mead a sua figlia Nancy, mi sto stancando terribilmente di cercare di tenere traccia di quell'uomo!?! L'ultima volta che l'ho visto era in bagno, replicò Nancy versandosi un bicchiere di succo d'arancia, stava strofinando il pavimento intorno al gabinetto!!! Avrebbe dovuto farla finita molto tempo fa, disse Alicia irritata, se scopro che ha fatto una cazzata, gli farò desiderare che dannatamente non l'abbia fatto!!! Aw, rilassati con lui, mamma, disse Nancy tra un sorso e l'altro, sta facendo del suo meglio, dopotutto, sei piuttosto duro con lui!!! Alicia Mead si girò per affrontare sua figlia...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.