Cambio di vita_(0)

946Report
Cambio di vita_(0)

Miranda Parkes ha cantato insieme all'autoradio mentre faceva un
svoltare a destra in Jefferson Avenue e poi subito a sinistra
via Madison. La canzone era stata popolare ai tempi del suo liceo
giorni e ha riportato ricordi felici al quarantottenne.
Poi di nuovo, non aveva davvero bisogno di niente per sentirsi bene in questo momento,
non dopo aver lasciato lo studio del medico e la sua metà annuale fisica
un'ora prima con un certificato di buona salute. Nel suo stato felice e
con l'ora di pranzo così vicina, Miranda ha deciso di fermarsi dal suo più grande
casa della sorella e vedere se le piacerebbe uscire a pranzo.

Non capitava spesso che loro due dovessero farlo
più. Almeno non da quando Miranda era tornata a lavorare un po'
anni fa per aiutare con i costi del college dei ragazzi. Ora, con entrambi lei
figlio e figlia soli, i capelli sale e pepe
donna ha scoperto che le piaceva troppo per smettere. Lavorare al
Office Barn potrebbe non essere stato il lavoro dei suoi sogni, ma era meglio stare seduti
a casa in una casa ormai vuota e guardando le soap opera.

Il lavoro non era qualcosa che sua sorella Alice avesse mai avuto
di cui occuparsi. Mentre il marito di Miranda, Ralph, lo era
abbastanza successo come gestore di un negozio di elettronica locale,
Peter Moore, che Alice aveva sposato subito dopo il college, possedeva un
serie di negozi di lavaggio a secco che li hanno resi molto
più che comodo. Che Peter aveva dodici anni in più
di Alice o che il loro matrimonio fosse stato senza figli non sembrava
importare.

Un'ultima svolta in Washington Place ha portato Miranda a
La casa di Alice, una bella Colonial in fondo alla strada. Come lei
tirato davanti, Miranda fu deluso nel vedere che nessuno dei due
le loro macchine erano nel vialetto. Poi si ricordò di Alice
dicendo qualcosa sulla pianificazione di portare la sua macchina in assistenza
settimana e sembrava che questo fosse il giorno. Tanto per uscire
pranzo.

"Beh, forse un altro giorno", disse Miranda a se stessa
si aggiustò gli occhiali e si guardò alle spalle per controllare
traffico prima di uscire.

Aveva appena innestato la marcia e stava per partire
il freno quando si ricordò che ne portava ancora un po'
i documenti dell'avvocato di famiglia nella sua borsa che Alice le aveva chiesto
lei a raccogliere per lei. Li portava da due settimane,
dimenticando di darglieli due volte.

“Forse li lascerò qui prima di dimenticarli a
terza volta", pensò mentre rimetteva l'auto in parcheggio e
spento il motore.

Avvicinandosi alla porta d'ingresso, Miranda decise di non uscire
la busta nella cassetta delle lettere poiché, dopo tutto, l'informazione era
personale e non qualcosa che Alice potrebbe desiderare qualcun altro
lettura. Frugando ancora una volta nella sua borsa, arrivò velocemente
con le chiavi di emergenza che entrambe le sorelle portavano.

Dopo essere entrata dalla porta della cucina, Miranda
metti la busta sul bancone dove Alice era sicura di vederla e
scarabocchiato una breve nota su di esso. Quanto basta per dire che si è fermata
ed era dispiaciuto che le mancasse.

Miranda stava per andarsene quando credette di aver sentito un rumore
dal soggiorno. All'inizio era sicura che fosse la sua immaginazione,
ma dopo averla sentita una seconda volta, ne era quasi certa
qualcun altro era in casa. Non volendo farsi prendere dal panico, anche se parte
di lei voleva fare proprio questo, decise la donna dai capelli corti
prenditi un momento per sbirciare nel soggiorno attraverso la feritoia
porte sopra il bancone.

Se Miranda avesse visto una banda di ladri rubare
tutto ciò che sua sorella possedeva, non l'avrebbe spaventata tanto
come l'immagine che apparve quando aprì la porticina a
mezzo pollice. Nonostante l'assenza di macchine nel vialetto, lei
sorella era davvero a casa. Il problema era che non era sola.

Per quanto fosse difficile da credere per Miranda, il suo caro maggiore
sorella era seminuda e in ginocchio davanti al divano. Suo
grandi seni, di cui Miranda era sempre stata invidiosa, ora
pendeva libero mentre il suo vestito era abbassato intorno alla sua vita e il suo reggiseno era
ben visibile sul pavimento in moquette. Il cinquantaduenne
l'aspetto non era così scioccante quanto il fatto che lo fosse
fare sesso orale su un uomo sicuramente non suo marito.

Il giovane seduto sul divano, gli occhi chiusi mentre lui
inclinò la testa all'indietro e godette delle attenzioni di Alice, non poteva
stato più di ventuno al massimo. A torso nudo lui stesso, con la sua
jeans tirati a metà delle gambe, il giovane dai capelli neri aveva un
fisico piuttosto impressionante. Insieme a un petto ben definito e
braccia, Miranda ha anche notato un tatuaggio piuttosto grande di una pantera
suo bicipite sinistro.

Moralità e tutto il resto da parte per un momento, Miranda
trovavo incredibile che un giovane così figo potesse anche solo sembrare
due volte a sua sorella, tanto meno compiere atti sessuali con lei.
Dopotutto, l'onesta verità era che quando ci sei arrivato, Alice
Moore sembrava proprio quello che era: una donna di mezza età. OH
era ancora attraente per la sua età, soprattutto perché diversamente da “piccola
sorella”, Alice si rifiutò di far vedere i propri capelli corti anche al
più piccole tracce di grigio, ma aveva a malapena il tipo di corpo che
uomini bramati.

Miranda non ha avuto molto tempo per meditare sulla domanda come il
l'incontro a cui stava assistendo divenne improvvisamente ancora più intenso.
Alice sollevò la testa dal cazzo del giovane, di cui anche da
il suo punto di osservazione limitato, Miranda poteva vedere era piuttosto impressionante,
e si fermò fino in fondo. Quindi, dopo aver tirato il vestito fino in fondo
via, seguita dalle sue mutandine, Alice si arrampicò su di lui, afferrandolo
il suo cazzo e guidandolo dentro di lei.

"Oh sì, piccola", Miranda sentì Alice gridare alcuni
pochi istanti dopo, quando iniziò a cavalcare la sua virilità con un mai
furore crescente, “dammi quel bel cazzo, riempimelo!
Fottimi forte e fai venire la mamma!

Alla fine tutto è diventato troppo per Miranda e si è resa conto
che doveva uscire di lì. Chiudendo la porta a battente come
più silenziosamente che poteva, Miranda attraversò velocemente la cucina e fuggì
fuori dalla porta laterale, chiudendola dietro di sé. Non è stato fino a quando non lo è stata
di nuovo al sicuro nella sua macchina che si rese conto che nella sua corsa l'aveva fatto
conservava ancora abbastanza lucidità mentale per aver recuperato la busta
in uscita.

"Grazie a Dio per questo", si disse Miranda con gratitudine
ha tirato via la macchina il più velocemente possibile. L'ultima cosa che lei
Quello che volevo in questo momento era che Alice sapesse che si era mai fermata
stamattina e ho visto cosa stava succedendo nel suo salotto.
Non fino a quando non avesse deciso cosa, se non altro, avrebbe dovuto dire
tutta la faccenda.

-=-=-=-

Quella era una domanda che la tormentava per il resto
la settimana. Uno che le ha fatto evitare due telefonate di sua sorella,
dicendo a Ralph che l'avrebbe richiamata più tardi, cosa che non ha mai fatto
fatto. Come poteva quando ancora non sapeva cosa dire?

Nella tarda mattinata di sabato, la questione è finalmente giunta a una conclusione.
Ralph aveva annunciato che Peter aveva appena chiamato e chiesto se lui
voleva andare alla partita di baseball con lui. Evidentemente uno dei suoi
gli amici che originariamente avrebbero dovuto andare si erano cancellati alla fine
minuto. Visto che Peter aveva gli abbonamenti subito dopo il primo
linea di base, Ralph difficilmente avrebbe detto di no.

"Perché non vengo con te?" suggerì Miranda.

"Alla partita?" chiese Ralph, pensando che Miranda non l'avesse fatto
rendersi conto che si era già parlato degli altri posti.

“No, solo per vedere mia sorella”, ha chiarito, “guido io
a casa e Peter può accompagnarti dopo la partita.

«Bene, va bene», disse Ralph, non volendo veramente rinunciare al
macchina ma non volendo iniziare un diverbio che potrebbe rovinare la sua
nemmeno andare alla partita. «Ma ora devo andarmene se vogliamo
andare allo stadio per assistere all'allenamento di battuta.

"Nessun problema", Miranda sorrise, sapendo benissimo che lo era
sperando che dicesse che aveva bisogno di tempo per cambiare
prima di andare e poi cambiare idea. “Fammi solo prendere il
documenti che Alice voleva che consegnassi e sarò pronto per partire.

Prendendo la nuova busta in cui aveva trasferito i fogli
dal buffet in sala da pranzo, Miranda glielo fece cadere dentro
borsa e ha incontrato suo marito alla porta. Portare i giornali
sarebbe una buona scusa per la sua visita inaspettata, tanto più che
ancora non sapeva cosa fare riguardo a ciò che aveva visto.

-=-=-=-

"Sono così felice che tu abbia deciso di fermarti", stava dicendo Alice
versò alla sorella minore una tazza di tè mentre sedevano nel suo soggiorno
camera. “Stavo quasi cominciando a pensare che mi stessi evitando per
qualche ragione, che potrei aver fatto qualcosa per farti arrabbiare.

"No, sono solo stata occupata negli ultimi giorni", mentì Miranda,
sperando che per una volta Alice non vedesse attraverso il suo inganno.

"Davvero, con cosa?" chiese Alice, versandosi una tazza
prima di prendere posto sul divano.

Miranda emise un lieve sospiro, pensando che lo fosse Alice
seduto più o meno nello stesso punto in cui era stato quel giovane
l'altra mattina. Un ricordo che le ricordava la busta dentro
la sua borsa.

«Oh, ho quei documenti che mi hai chiesto di ritirare dal
studio legale», disse Miranda, pensando che avrebbe cambiato argomento
sarebbe una buona idea.

"Ti ho chiesto di ritirarli quasi un mese fa", Alice
commentò mentre beveva un sorso di tè.

"Beh, l'ho fatto, continuavo a dimenticarmi di darteli"
rispose Miranda, la sua natura difensiva dov'era sua sorella
interessato calci in automaticamente.

"Beh, sono contenta che non siano qualcosa di importante", Alice
ribatté, "non il modo in cui dimentichi le cose".

Cadendo in uno schema che era durato una vita, Miranda ha ottenuto
ancora più sulla difensiva e prima che sapesse cosa stava dicendo, lascia
il proverbiale gatto fuori dal sacco.

«Ti informo che sono passato l'altro giorno per lasciarli
ma...” iniziò a dire poi si fermò a metà frase, troppo tardi per
annullare il danno.

"Ma cosa?" chiese Alice.

«Ma tu eri occupato.»

"Non capisco", rispose Alice.

"Devo dirlo?" chiese Miranda.

“Se vuoi che sappia di cosa stai parlando, quello
potrebbe essere utile», sorrise Alice.

«Stavi facendo sesso proprio su quel divano con un ragazzo mezzo tuo
età", sbottò Miranda, dovendo quasi forzare le parole
la sua bocca.

«Un ragazzo della metà dei miei anni?» chiese Alice, come se non sapesse cosa
di cui parlava sua sorella.

“Capelli scuri, corpo molto bello, grande tatuaggio di una pantera sul suo
braccio», proseguì Miranda, «sono sicura che ti ricorderai di lui».

"Oh, stai parlando di Carl", disse infine Alice, con il suo tono
senza mostrare il minimo imbarazzo per essere stato beccato.
“Un ragazzo così simpatico, suo padre possiede il Martin's Garage dove noi
facciamo fare le nostre macchine. È stato così gentile da portarmi a casa dopo di me
lasciato il Beemer. Quindi stai parlando di mercoledì
Mattina."

Miranda improvvisamente si ritrovò a chiedersi se fosse passata
martedì o giovedì, avrebbe trovato qualcun altro su
quel divano con Alice. Da quello che stava dicendo sua sorella, Miranda
avuto l'impressione che avrebbe potuto avere.

"Con quanti uomini hai a che fare? Miranda ha scoperto
stessa chiedendo.

"Beh, in realtà non sono sicura che tu possa definirlo coinvolto", Alice
disse, continuando a farle scivolare il tè come se stessero discutendo della possibilità di
domani pioggia.

"Come lo chiameresti, esattamente?" chiese Miranda sbalordita.

“Hmmm,” Alice rifletté per alcuni secondi mentre lei
considerata la domanda. “Cazzo, immagino, mi sto solo divertendo
tempo."

"Che cosa?"

"Non sembrare così scioccata, sorellina", disse Alice con calma
posò la tazza sul tavolino. “Non è come se fosse il
prima volta che l'ho fatto.

“Quanti...” iniziò a dire Miranda, ormai incapace di uscire
le parole. "Per quanto..."

"Probabilmente dovrei dire almeno sei anni", disse Alice,
scegliendo di rispondere prima alla seconda domanda. “Per quanto riguarda un effettivo
numero, davvero non ho mai tenuto il conto.

"Non posso crederci!" esclamò Miranda. “Sei stato
sposato con Peter da oltre trent'anni e...”

“... e non abbiamo dormito insieme per l'ultimo
quindici di loro,” Alice completò la frase.

"Lui sa?" Miranda continuò.

"Non gliel'ho mai chiesto", rispose Alice, "e ad essere onesti, io
dubito davvero che gli importerebbe.

"Come puoi dirlo?"

"È lui che ha smesso di voler fare sesso, non io"
disse Alice.

"Ha mai detto perché?"

"NO." disse semplicemente Alice.

"Non riesco a immaginare come dev'essere avere tuo marito
perdere interesse per il sesso", ha detto Miranda.

"Non puoi?" chiese Alice.

"Cosa intendi?"

"Non è stato solo qualche mese fa che me l'hai detto?
erano passati secoli dall'ultima volta che tu e Ralph l'avevate fatto» disse Alice.
"È cambiato da allora?"

"No ma ..."

"Ma niente," interruppe Alice, "quando è stata l'ultima volta
tu e lui siete diventati tutti accaldati e sudati?"

La domanda fece riflettere Miranda mentre ci metteva molto tempo
momenti per considerare la questione. Il quarantottenne
ha iniziato a contare all'indietro e ha sentito un brivido quando settimane rapidamente
si trasformò in mesi e poi in quasi due anni. E il tempo
prima di allora non era nemmeno stato vicino.

"Esattamente." Alice ha detto mentre lo sguardo silenzioso sul suo più giovane
il volto della sorella confermò la sua convinzione.

"Ralph è un uomo molto impegnato, con il negozio e tutto e..."
Miranda ha cercato di spiegare, ma si è resa conto che non lo era nemmeno
convincere se stessa.

"Ha un modo per avvicinarti di soppiatto, vero?"

"Credo di sì." Ammise Miranda.

Miranda rimase seduta in silenzio per alcuni lunghi istanti, non proprio sicura
cosa dire dopo. Non riusciva a credere a quanto fosse casuale Alice
tutto questo, come se fosse la cosa più naturale del mondo.

"Posso farti una domanda, Alice," disse Miranda quando lei
riacquistò la sua compostezza. "È un po' personale."

"Certo perché no," rispose Alice.

"Mettendo da parte ciò che è giusto o sbagliato in quello che stai facendo"
Miranda ha incorniciato la sua domanda, "tutti gli uomini con cui stai ti piacciono
Carlo? Voglio dire, sono tutti..."

"Giovane e dotato?" lo interruppe Alice.

"Beh, non è esattamente come volevo dirlo, ma io
significa che era così giovane e di bell'aspetto, e..."

"... e io sono una vecchia signora che potrebbe facilmente essere sua madre, se no
sua nonna." disse Alice, terminando di nuovo il pensiero della sorella.

"Non intendevo in questo modo."

"Oh sì, l'hai fatto," sorrise Alice, "e sono d'accordo con te. Lo sarò
il primo a dirlo. Ma quello che devi capire è che lo sono
non cercare di uscire con loro, gioca un po' con loro. Metti te stesso
al loro posto. Data la possibilità che una donna, anche una abbastanza grande
essere la loro madre, offrire loro un pompino o una scopata veloce,
senza vincoli, quanti giovani arrapati lo faranno
lascia perdere. Oh, potrebbero non ammettere mai a nessuno di esserlo
scopato qualche vecchia ragazza, ma sicuramente si sono divertiti come l'inferno mentre loro
ci stavamo. In effetti, anche io sono rimasto sorpreso da quanti di loro
mi sono davvero divertito per il fatto che ero molto più grande".

È un modo strano, Alice aveva senso. Anche Miranda
dovevo ammetterlo.

"Com'è?" Miranda si è sorpresa chiedendo, il
inflessione nella sua voce senza lasciare dubbi su quale sia il significato di
"era.

"Emozionante," Alice sorrise ampiamente, l'unica parola che portava un
mondo di significato.

-=-=-=-

Per tutto il resto della giornata, e durante una notte semi-insonne,
La conversazione di Miranda con sua sorella si ripeteva nella sua testa.
Non avrebbe mai immaginato che Alice sarebbe stata una di quelle
donne che hanno preso amanti dalla parte, o che potrebbe esserlo
impassibile su tutto. Prima che il tè pomeridiano fosse finito, Alice
aveva persino fatto i nomi di una mezza dozzina di giovani che
con cui aveva fatto sesso. Il più scioccante dei quali era stato Doug
Maguire, che Miranda ricordava essere andato al liceo
con suo figlio.

"Non lasciare che il fatto che Doug possa permettersi di perdere venti o
così sterline ti prendono in giro", aveva detto Alice riferendosi al corpulento
commesso del minimarket, "quel ragazzo ha una lingua d'oro".

Anche molto nella mente di Miranda mentre salutava il primo
sole mattutino, era la realizzazione di quanto fosse vuota la sua vita sessuale
diventare senza che lei se ne accorga. Questo almeno, ha detto
lei stessa poteva fare qualcosa, e prima era meglio era.

Svegliarsi mezz'ora prima che lei e Ralph si alzassero normalmente
una domenica mattina, Miranda mise in atto il suo piano. Accuratamente.
scivolò giù dal letto, assicurandosi di non svegliarla
marito. Allontanandosi dal letto, scivolò via da lei
camicia da notte e le semplici mutandine bianche che indossava sotto.

Prendersi un momento per guardarsi nello specchio scorrevole
porte dell'armadio a muro della loro camera da letto, Miranda decise che lei
non era poi così scontento del corpo della donna che guardava
indietro a lei.

È vero, era sulla cinquantina, e decisamente
non aveva lo stesso fisico che aveva quando si era sposata,
ma tutto sommato, quello che aveva non era niente male. C'era riuscita
per evitare il forte aumento di peso che tanti suoi contemporanei
era caduto vittima, pesando attualmente solo una dozzina di libbre in più
di lei quando aveva vent'anni. Anche i suoi seni avevano retto bene
bene, nonostante gli anni e due gravidanze. Certo che c'era un
poche rughe sul viso, ma quel tanto che basta per dare il suo carattere come lei
diceva la mamma.

Tornando verso il letto, Miranda sollevò il leggero lenzuolo
aveva coperto lei e Ralph e vi si era arrampicato sotto. Fare una tenda
con il suo corpo, si fece strada verso il lato in cui dormiva suo marito
e si prese un momento per guardare il suo corpo.

Sarebbe stato bello poter dire quel Ralph
anche lui non era quasi cambiato, ma quella non sarebbe stata la verità.
Troppi fine settimana a guardare la partita davanti alla televisione
con l'unico esercizio che sta uscendo in cucina per ottenere
un'altra birra aveva preso il sopravvento. Tuttavia, non l'aveva sposato
solo per il suo aspetto.

Come era sua abitudine, fin dai tempi precedenti
sposato, Ralph indossava pantaloncini da fantino a letto e poco altro.
Dal modo in cui riposavano le pieghe della sua biancheria intima, Miranda poteva vedere
il contorno del suo cazzo. Quella era una cosa che non era cambiata
nel corso di tutti gli anni. L'uomo aveva ancora un pezzo impressionante di
attrezzatura. Allungando il dito indice, tracciò dolcemente
il profilo della sua virilità.

Ai tempi in cui si erano sposati per la prima volta, prima dei bambini e
tutte le responsabilità, la loro vita sessuale era stata simile a quella di a
coppia di conigli. Non c'era una stanza nella casa che loro
non aveva avvitato, in qualsiasi momento della giornata. Sentendo il suo cazzo agitarsi
In risposta al suo tocco, a Miranda venne in mente uno dei giochi
giocavano.

All'inizio della loro relazione, avevano stabilito a
una sorta di tradizione in cui Miranda lo avrebbe svegliato la domenica
facendo sesso orale su di lui. Ralph diceva che gli piaceva
ancor più del rapporto. Una cosa porterebbe inevitabilmente a
un altro e ci sarebbero volute un paio d'ore prima che ce la facessero
fuori dal letto. Miranda aveva deciso che era ora di rianimarlo
tradizione.

Infilandosi nei suoi pantaloncini, Miranda chiuse le dita
attorno al suo cazzo e lo sollevò con cautela liberandolo. Non è stato così divertente,
ricordava, se Ralph si fosse svegliato troppo presto. Dandone delicatamente alcuni
pompe lente per ripristinare un po' della sua fermezza, Miranda si chinò
e fece scivolare la testa del suo cazzo nella sua bocca.

Il gusto della sua virilità ha riportato ricordi piacevoli,
facendola domandare perché abbiano mai smesso di fare cose come
Questo. Sentendo il suo corpo rispondere all'umido abbraccio della sua bocca,
fece scorrere la lingua su e giù per la sua lunghezza. A parte la maggior parte
capelli grigi che ora lo circondavano, il cazzo di Ralph era cambiato poco
negli anni. Vale a dire che non ci voleva molto per ottenerlo
piuttosto duro.

La sua testa si alzò e si abbassò mentre cominciava a risucchiarlo
serio. Una mano gli cullava le palle, massaggiandole come l'altra
lo ha pompato nella sua bocca. Era andata avanti per qualche minuto quando
sentì che Ralph cominciava a muoversi. Se era fortunata, pensava come lei
raddoppiato i suoi sforzi, sarebbe riuscita a farlo venire altrettanto
si stava svegliando. Gli è sempre piaciuto quando lo faceva.

"Mmmmmm", Miranda sentì Ralph gemere nel sonno mentre lei
continuò a succhiarlo con entusiasmo.

Con una mano ancora avvolta sulla base del membro di Ralph,
Miranda ha portato l'altro tra le sue gambe e
cominciò a massaggiarsi. Le dita abili si fecero rapidamente strada verso
un posto familiare e Miranda ha cominciato a condividere i piaceri che lei
stava portando suo marito.

"Non ci vorrà molto ormai", pensò Miranda mentre ascoltava
un'altra, più forte, serie di gemiti da parte di Ralph e riconobbe entrambi i
segni di risveglio e di un orgasmo in avvicinamento. Si chiese
lo stesso tempo se fosse in grado di alzarlo una seconda volta così
che avrebbero potuto scopare la mattina presto.

Poi, proprio mentre stava per raggiungere l'orgasmo nella sua bocca, Ralph
svegliato. I suoi occhi si aprirono con una reazione che, sebbene esplosiva, lo fu
difficilmente quello che Miranda si aspettava.

"Cosa diavolo pensi di fare?" urlò mentre lui
tolse il lenzuolo da loro due e abbassò lo sguardo su di lui
moglie. La sua voce conteneva più di un tocco di rabbia.

"Se non lo sai, devo sbagliare," Miranda
rise mentre sollevava la testa dal suo cazzo quel tanto che bastava
risposta. Era incomprensibile per lei che lo fosse davvero
grave nella sua rabbia.

"Non credi che siamo un po' vecchi per queste sciocchezze?" Ralph
chiese mentre sollevava il corpo e si allontanava da lei.

"Senza senso?" ripeté Miranda, rendendosi conto che forse no
scherzare come pensava all'inizio. "Stai scherzando, vero?"

«Certamente no», disse Ralph mentre scendeva
letto e prese l'accappatoio.

"Non pensi che potrebbe essere divertente passare la mattinata a letto
come facevamo una volta?" chiese Miranda. "Dopo tutto, i bambini sono tutti cresciuti
e abbiamo la casa tutta per noi. Non ti mancano quelli
giorni?"

«No, in realtà non lo so» disse Ralph stringendo la fascia
sulla sua veste. "Oh, sarò il primo a dire che sono stati molto divertenti
e sono contento che li abbiamo avuti", proseguì, "ma deve esserci un
punto in cui finalmente cresci."

"Crescere?" chiese Miranda, incapace di credere che si sentisse veramente
quel modo.

"Sì, cresci," disse Ralph ancora una volta mentre indossava la sua
pantofole, "dopo tutto, siamo praticamente nonni per Pete's
bene." aggiunse, alludendo alla figlia recente
gravidanza.

"E i nonni non scopano?" Miranda pensò ma non lo fece
Dire. Invece chiese: "Non sarebbe divertente passare la mattinata?
a letto e coccole come una volta?"

«Non quando ho troppe cose da fare», rispose Ralph. "IO
voglio essere giù al negozio per le nove."

"Ma è domenica," ribatté Miranda.

"Domani faremo una grande svendita," spiegò Ralph, "io
voglio controllare tutto e assicurarmi che quei ragazzi che hanno assunto
ha etichettato tutto bene."

Miranda fece per dire qualcosa di più, poi pensò
meglio di esso. Nessuna quantità di chiacchiere avrebbe cambiato le cose.
La loro vita insieme aveva subito una transizione e lei nemmeno
notato che sta accadendo. Il pensiero le trasmise un sentimento triste.

"Non pensi che dovresti metterti dei vestiti prima
qualcuno ti vede dalla finestra?» disse Ralph, facendo suo solo
riferimento alla sua nudità. "Le strade già piene di bambini che giocano
palla."

"Almeno uno di loro potrebbe essere interessato a guardare,"
pensò Miranda mentre Ralph usciva dalla porta e lei
prese la sua veste.

-=-=-=-

Gli eventi di quella domenica mattina pesarono molto
La mente di Miranda per tutta la settimana successiva. Lei non li ha menzionati
di nuovo a Ralph, ed era abbastanza ovvio che considerava il
questione risolta. Né ha affrontato l'argomento con sua sorella,
Alice, entrambi per la riluttanza ad ammettere con lei che lo era stata
giusto, e la paura che avrebbe dovuto ascoltarla di più
sfrutta. O peggio, entra di nuovo in uno di loro.

No, si disse ripetutamente, doveva accettare il fatto
che la sua vita sessuale era ormai un ricordo del passato. Era strano, lei
rifletté che un pensiero del genere la infastidiva tanto quanto le dava.
Dopo tutto, non era che lei e Ralph avessero bruciato le lenzuola
questi ultimi anni. Infatti, come aveva detto ad Alice la settimana
prima, non avevano fatto l'amore più di tre volte nell'ultima
tre anni. Eppure, in qualche modo, la prospettiva che potrebbero ripiegare
l'abitudine in qualsiasi momento lo aveva fatto bene. Ora, con quello
possibilità svanita, sentiva di aver perso qualcosa di molto prezioso.

A parte questo, la settimana è passata abbastanza velocemente, come lei
trascorreva la maggior parte delle sue giornate lavorando presso Office Barn. Come
ha detto molte volte prima, potrebbe non essere stato il massimo
lavori, ma le persone con cui lavorava erano di prim'ordine.

"Spettacolo, ragazze", ha detto Mandy Clark ai suoi due colleghi
mentre si godevano la pausa caffè del tardo pomeriggio. "Sembra
Josh si sta preparando di nuovo per una caduta.

Tutti e tre gli occhi, quelli di Mandy, Lois Parker e...
Miranda si voltò per guardare Josh Allen avvicinarsi a Jennifer Forrest.
Josh era un ragazzo carino, la maggior parte direbbe, cinque sette e circa un
centotrentacinque lire. Aveva i capelli corti color sabbia e il
una specie di build media che era così media che non hai mai veramente
ne ha preso atto. Il suo unico vero inconveniente, la maggior parte sarebbe d'accordo era a
faccia da bambino che faceva sembrare il diciannovenne come se fosse ancora un
matricola del liceo.

Jennifer, d'altra parte, sembrava sempre più vecchia di lei
diciotto anni, dovuti in parte allo sviluppo fisico a un
tenera età e vestirsi sempre per mostrarle i suoi beni
vantaggio. Lunghi capelli castani le scendevano lungo la schiena, drappeggiati su un vicino
corpo perfetto la cui unica colpa era che i suoi seni erano appena un po'
troppo grande per la sua struttura. Pochi uomini, tuttavia, stavano per farlo
lamentarsi di ciò.

I due adolescenti si sono scambiati alcune parole troppo basse per essere
udire per caso. Quindi, fedele alla forma, Josh si è allontanato per alcuni secondi
più tardi, un'espressione di abbattimento sul suo volto.

"Kerpluk!" Lois rise piano.

"Quel ragazzo non si stanca mai di essere rifiutato?" Lois
disse mentre alzava la tazza per drenare l'ultimo sorso di caffè.

«Evidentemente no», rise Mandy.

“Penseresti che ormai si sarebbe reso conto che Jennifer era fuori strada
della sua lega», aggiunse Lois.

"Penseresti, vero?" Mandy ha risposto.

"In realtà mi dispiace per lui", ha offerto Miranda. “Lui davvero
è un bel giovanotto.

«Non ho mai detto che non lo fosse», convenne Lois, «l'ho solo detto se lo fosse
avesse alcun senso avrebbe smesso di sprecare il suo tempo e avrebbe rinunciato al
caccia."

«Forse pensava che potesse sentirsi in colpa per averglielo permesso
prendersi la colpa per lei quando ha rovinato l'ultimo ordine di rifornimenti
mese e alla fine ha detto di sì quando le ha chiesto di uscire a cena.
suggerì Miranda. “Dopo tutto, a Josh è stata tolta una giornata di paga
Quello."

“Pensi che le importerebbe davvero che fosse così stupido da stare in piedi
pronto per lei?" chiese Mandy.

“Sì, come se ci fosse qualche possibilità che Bob Carpenter stesse per farlo
incolpare Jennifer per tutto ciò che fa di sbagliato ", ha aggiunto Lois.

"Mi sto perdendo qualcosa qui?" chiese Miranda.

"Vuoi dire che non lo sai?" chiese Mandy, abbassandola
voce.

Lo sguardo sul viso di Miranda diceva che non aveva idea di cosa
stavano parlando.

«Jennifer si sta fottendo Bob Carpenter», sussurrò Mandy.

"Assolutamente no", rispose Miranda.

“Va bene, allora si sta solo chinando e allargando le gambe
mentre infila il suo cazzo in mezzo a loro ", Lois sorrise a bassa voce
voce.

"Dannazione", disse Miranda emettendo un lungo respiro.

"Bene, è ora di tornare al lavoro", disse Mandy mentre guardava
all'orologio e gettò il suo bicchiere di carta nella spazzatura.

Miranda rimase indietro ancora qualche istante, guardando dall'altra parte
il negozio di Josh. Era davvero un peccato che avesse una tale cotta per a
puttana senza cuore come Jennifer. Immagina di lasciarlo prendere il rap per
lei quando sapeva che Bob non avrebbe nemmeno detto una parolaccia su di lei
errore.

L'immagine del direttore del negozio ha messo un aspetto ancora più deprimente
pensò nella testa di Miranda. Bob Carpenter era solo di Ralph
età e, ovviamente, non aveva problemi con la sua libido. Era
possibile che Ralph avesse la sua "Jennifer" nel suo negozio? O era lui
dire la verità quando ha detto che aveva perso ogni interesse per il sesso?
L'unica cosa di cui era certa era che, in ogni caso, lui non ne aveva
più interesse per lei.

-=-=-=-

Il resto della giornata passò velocemente e prima che se ne rendessero conto,
il tempo di smettere era proprio lì. Mandy, Lois e Miranda lo erano
chiudendo i loro registri, di solito finivano con loro al
fine della giornata, quando hanno sentito Bob Carpenter chiamare Josh
il banco del servizio clienti dietro di loro.

“Avrò bisogno che resti fino a tardi il prossimo fine settimana per aiutarmi
con l'inventario", disse Bob al socio più giovane. "Ho appena pensato
Te lo farei sapere ora, nel caso tu avessi fatto dei piani.»

"Ma il mese scorso mi sono candidato per l'inventario, signor Carpenter", il
ha detto il diciannovenne dai capelli color sabbia, la sua voce mostrava rispetto per
il suo capo misto a una certa delusione. "Secondo
il programma, questo dovrebbe essere il turno di Jennifer.

"Ho un progetto speciale su cui voglio che Jennifer lavori"
disse il direttore del negozio a mo' di spiegazione. "Qualcosa che
è particolarmente adatta per. Quindi dovrai solo fare il suo turno come
BENE. Non sarà un problema, vero?"

«No, signore», disse Josh.

"Bravo ragazzo, sapevo di poter contare su di te." l'uomo più anziano
sorrise mentre si voltava e se ne andava.

"Un lavoro speciale per il quale è particolarmente adatta", Mandy
ripetuta a pappagallo dopo che Josh se n'era andato. “Posso immaginare cosa
comporta.”

“Forse dovrebbe fermarsi al negozio di ferramenta accanto e
prendi un paio di ginocchiere», suggerì Lois. “Scommetto che potrebbe
addebitarlo come spesa correlata al lavoro.

Entrambe le donne risero allo scherzo, ma Miranda rimase immobile
dispiaciuto per Josh. Almeno questa volta non l'ha fatto automaticamente
lascia che Jennifer lo calpesti, almeno in senso figurato. Forse lo era
finalmente superarla.

"Ti dispiace ancora per Josh?" chiese Lois, interrompendolo
Le riflessioni di Miranda.

«Un po'», ammise Miranda.

"Beh, faresti meglio a conservarne un po' per te"
Mandy consigliato.

"Mi scusi?" chiese Miranda.

"Nel caso in cui tu non abbia guardato la bacheca ultimamente,
indovina chi altro dovrebbe occuparsi dell'inventario
mese?" Mandy sorrise.

"Oh merda, mi ero completamente dimenticato." Miranda ha risposto.

"Sì, ci scommetto", sorrise Lois. «E non pensare nemmeno di chiedere
uno di noi lo faccia per te, io e Mandy abbiamo i biglietti per vedere
"Grease" al college della comunità e non abbiamo intenzione di farlo
mi manca."

"Non avrei nemmeno pensato di chiedere", mentì Miranda,
pensando a quanto odiasse l'inventario.

Detto questo, l'orologio sulla parete suonò le sei e loro
la giornata lavorativa era finita.

-=-=-=-

La principale preoccupazione di Miranda è dover lavorare fino a tardi
fine settimana era come avrebbe reagito Ralph. Non era così felice che
aveva mantenuto il suo lavoro dopo che i ragazzi avevano finito il college nel primo
posto, e praticamente impazzì l'ultima volta che aveva lavorato
tardi a fare l'inventario. Si è rivelato essere lo stesso fine settimana che
era il suo turno di ospitare il gioco del poker a rotazione.

Fortunatamente, tutto ciò che ottenne da Ralph fu un grugnito incomprensibile
dopo che lei glielo disse. Piuttosto che giocare a poker a casa il prossimo fine settimana,
lui ei suoi amici erano diretti al lago Armstrong per pescare e
giocare a carte. Era, Miranda lo sapeva, un'opportunità anche per loro
molto ubriaco e non devo spiegarlo alle mogli il prossimo
Mattina.

Così, sabato mattina presto, Miranda si alzò e aiutò Ralph
carica la macchina con la sua attrezzatura da pesca e le provviste per la notte
viaggio. Forniture che includevano una cassa di birra, di cui una confezione da sei
era già freddo nel frigorifero. Gli augurò buona fortuna, sapendolo
se aveva intenzione di portare a casa del pesce dalla sua escursione del fine settimana,
sarebbero venuti dal negozio di pesce di Peterson sulla Route 8. Dentro
per tutti gli anni in cui aveva fatto queste battute di pesca, Ralph l'aveva ancora fatto
to bring home enough to cook as a meal. Of course there were
always the stories of the big one that got away.

Knowing that her work day didn't begin until noon and would
run until the early evening because of inventory, Miranda decided
to go back to bed and get a few more hours sleep. When she got
up again a little after nine, she was glad she did. The three extra
hours had made a lot of difference.

Office Barn closed at noon on Saturdays, so there was no
reason to dress as she would if she was expected to deal with the
public. So instead of a nice blouse and skirt combo, Miranda laid
out sneakers, a pair of jeans and a comfortable red sweatshirt
before heading for the shower.

The cold water helped her shake off the last vestiges of
sleep. After drying off, she put on the clothes she had selected
and was ready to face the day. Walking into the kitchen, Miranda
opened the refrigerator door to get some eggs for breakfast, then
remembered that she'd forgotten to pick any up when she went
shopping the other day.

"I could just have cereal," she thought as she closed the
door, "but why not treat myself." It had been a while since anyone
had treated her to anything.

Picking up her purse and transferring her essentials to the
fanny pack she then strapped around her waist, Miranda headed
out to the car. Cara's Breakfast Nook ran a weekend special until
eleven and her French toast was a delight to behold. Since it was
only two blocks from Office Barn, she had plenty of time to enjoy
breakfast and still get to work with time to spare.

-=-=-=-

"Can I get you another refill on that coffee?" Ruth Hasset,
one of the waitress' at the Breakfast Nook asked as she looked
down at the empty cup in front of Miranda.

Miranda glanced down as well, both at the empty cup and the
small remnants of what had been a truly enjoyable breakfast. Lei
then checked her watch and decided that she still had plenty of
time.

"Just a half a cup," she said to Ruth who dutifully poured
just that amount, then wished her a good day and went on to
another of her tables.

Miranda brought the cup to her lips and was enjoying the
rich mix when a male voice from behind her also wished her a good
morning. It was a voice quite familiar but nevertheless
unexpected.

"Jim," she said in surprise, almost spilling her coffee as she
looked up at the white haired man standing next to the table.

"Something wrong?" the fifty year old asked as he saw that
he had startled her.

"No, I just didn't expect to see you, that's all," Miranda
smiled.

"I don't know why not," Jim smiled in return. "Gary and I
have been having breakfast here every Saturday for the last
twenty years. You know that."

The mention of the second man's name drew Miranda's
attention past Jim's shoulder where she saw another man about
the same age standing at the register and paying their bill. Now
she was even more confused. Jim Collins and Gary Paris were half
of Ralph's poker playing circle, and had been for over a decade. Se
they were here, who had her husband gone fishing with? Or were
they planning a late start to just take part in the game tonight?

"I guess I just forgot for a moment," she said, the puzzled
look on her face helping her explanation.

"Yeah, we're all getting to that age," Jim laughed as Gary
caught up to the two of them and handed the other man his part of
the change.

Gary said hello as well, asking her how she was doing and
remarking that he hadn't seen her sister around lately. Qualcosa
that was unusual since he lived just down the block from her.

"What did she do, pick up a new hobby?" he grinned.

"Something like that," Miranda replied, thinking that her
neighbor would be shocked to know what that hobby was.

"Well you tell her I was asking about her," Gary said.

"I will," Miranda replied as the two of them turned to leave
her to finish her coffee.

They had only gone a step or two further, when Miranda
asked them a question she was almost afraid to get the answer to.

"Are the two of you going up to the lake this weekend?"

"Up to the cabin?" Jim asked in turn, to which she nodded
her head in acknowledgment.

"The lake's been put off limits for fishing until next month
at least," Gary said, answering for his friend. "They had some kind
of spill there over the winter and they want to make sure it's
totally clear before they let anyone fish again. Not that we ever
really catch anything."

"Oh, I didn't know," Miranda said.

"Well we'd better get going," Jim now chimed in. "Say hello
to Ralph for us as well. Tell him the next time he decides to skip
our game to go on a business trip, he could at least just send the
money he usually loses." he added with a laugh. "That way he
won't be missed as much."

With that, both men were gone, leaving behind a now quite
concerned Miranda.

The rest of the coffee grew cold in her cup as she silently
sat there. Her first impulse was to call Ralph on his cell phone,
then decided against it. She wasn't sure that she wanted to know
where he really was at this moment, or with whom.

Leaving Ruth a tip, she picked up her check and headed to
the register herself. She was so dazed at the moment, she didn't
hear Ruth say goodbye as she walked past her, or notice anyone
around her as she walked to last two blocks to work.

-=-=-=-

The question weighed heavily on her mind the next few hours
as she, Josh and two other employee's did the store's inventory.
Distracted as she was, Miranda knew she wasn't really doing her
share, but Josh seemed more than willing to pick up the slack.
Miranda promised herself she would make it up to him another
time.

"Tony and Karen are going over to TJ's to grab a pizza,"
Josh said to Miranda as he found the aisle where she was working.
"Want to come along?"

The question made Miranda look at the large clock on the
wall. She hadn't realized it was already after six. The last few
hours had just raced by.

"No thanks, Josh," she smiled at the sandy haired young
man, "but could you do me a favor?"

"Sure, what do you need?"

"Can I borrow your car for a little while?" she asked. "I
took the bus to work and I really need to run a little errand."

"Do you want me to drive you?" he offered.

"No, you don't have to," she replied, "and I won't be long, I
promise. I just have to run over to my husband's store and pick
something up."

"No problem," Josh said as he handed her the keys.

-=-=-=-

As she pulled out of the parking lot and quickly covered the
twelve blocks to Crazy Al's, Miranda had to admit that she had no
idea what she was doing. Or what she expected to find.

The store was still open, as was the norm for a Saturday,
and no sooner had she entered when Artie Davis, the assistant
manager, met her. The forty-one year old had a smile on his face,
but behind it he had a feeling of concern.

"What brings you here this time of night, Miranda," he
asked. "don't tell me that after all these years that Ralph doesn't
trust me to run the place when he's gone and sent you over to
make sure everything is okay?"

The question had been said with humor, but Miranda knew
that there was some truth in it as well. She knew that Ralph
worried about Artie, but not for the reason the younger man
thought. He was constantly worried that the owners might realize
that the assistant manager was better at the job than his boss and
that they might decide to do something about it.

"No, I'm not here to check up on you, Artie," Miranda
smiled reassuringly. "I just wanted to check Ralph's desk and see
if he left some papers that he was supposed to sign. non riesco a trovare
them at home and thought that he might have left them here."

"Well you know where his office is," Artie replied as he
stepped out of her way, only half believing her explanation.

Miranda took a few minutes to check the drawers of Ralph's
desk, at least the ones that he didn't lock. She really didn't
expect to find anything, but at least looking was something.

"Find what you were looking for?" Artie asked when he saw
her come out of the office.

"No, maybe he still has them with him," Miranda mused,
hoping that would satisfy his curiosity. "Do me a favor, don't tell
him I came by, okay. You know how he can be about people going
through his stuff, even his wife."

"I understand," Artie said with an knowing grin, "you were
never here."

"Looks like you're having a pretty good night," Miranda said
as she changed the subject to the large number of customers in
the store.

"Yes we are," the blond haired man agreed, "I just wish we
weren't short handed as well."

"Someone not come in?" Miranda asked, hoping it didn't
sound like more than idle curiosity.

"Peggy Elliot," Artie said, the touch of annoyance in his
voice saying a lot of what he thought of the sales associate. "She
calls in late last night and says she'll be out all weekend. Why your
husband puts up with all her crap I'll never know. She has the
lowest sales record of anyone in the store and she's constantly
late or calling in sick. If it was up to me, she'd have been out on
her ass a long time ago."

The assistant store manager realized that he might have
gone over the line in questioning his boss's judgment, especially to
his wife. He quickly apologized and asked her not to repeat what
he had just said.

"How could I repeat anything that I wasn't here to hear in
the first place?" Miranda smiled as she bid him a good night,
thinking that she had taken too long on her break as well.

-=-=-=-

Retracing the streets back to the Office Barn, Miranda
conjured up the image of Peggy Elliot in her mind. A long haired
brunette in her early thirties, Miranda had gotten the impression
from their few brief meetings in the store that her intelligence
was greatly overshadowed by her bust size. Something that
seemed to be an asset when dealing with some customers, but not
enough to satisfy Artie Davis evidently. The thought made
Miranda wonder how she managed to satisfy Ralph's own strict
standards.

Finally, after parking Josh's car back in the employee
section of the parking lot, Miranda decided that she now had to
Sapere. Pulling her cell phone from her pack, she dialed the number
for Ralph's cell.

"Hi honey," she heard him say after recognizing her voice,
"what's up? Nothings wrong is it?"

"No, everything's fine," she lied, "I just wanted to see how
you were doing, that's all. Catch any fish?"

"Actually, I did pretty good," she heard him say, "caught
two beautiful trout but we fried them up for dinner. Sorry I
couldn't save you some"

"That's okay," Miranda said, "as long as you enjoyed them."

"We did."

"Well I have to go," she said, thinking that now she was very
late. "Don't let Jim and Gary take all of your money this time."
she said in closing.

"Not a chance," Ralph laughed, "both of them are playing
like shit. This time, I'm going to be winning the big pots."

The connection broke as she heard him hit the call end
pulsante. Miranda sat there for a few more minutes, just staring at
the phone and thinking about the conversation that she'd just had.

"Fucking lying bastard!" she finally said as she tossed it
back into her bag.

-=-=-=-

Seeking out Josh to return his keys and again thank him,
Miranda was surprised to discover that not only wasn't he angry
about her being late, he had worked through his own break and had
nearly completed both of their tasks. Feeling a little guilty, the
older woman suggested that maybe Josh take off early and she
would stay and finish up whatever was left. Without even
considering it, he said he'd rather stay and wait until they were
both done. Miranda promised herself to at least carry her own
weight the rest of the evening, despite her problems.

Ninety minutes later, the last box had been counted and
they could call it a night. As the senior employee, it was Miranda's
responsibility to make sure that everything was locked up tight, so
she was the last to leave.

Checking the side door from which she'd exited one last
time, Miranda turned around to find Josh waiting in the parking
lot. She was sure he had left with the others ten minutes before.

"I remember you saying you came in on the bus," Josh said
in way of explanation, "so I figured you might need a ride home."

"You didn't have to do that," Miranda replied, "but I do
really appreciate it. As long as it's not out of your way that is."

"It's not," Josh answered, even though it was in the
opposite direction.

-=-=-=-

It didn't take more then ten minutes for them to reach
Miranda's house, even with the heavy Saturday night traffic. Josh
pulled right into the empty driveway and waited until his co-worker
reached the front door. Keys in hand, Miranda paused at the door
for a second, then walked back to the driver's side of the car.

"Josh, could you do me another favor?" she asked as she
leaned forward against the open window. "I know I've already
probably used up my quota for the month. My husband is away for
the weekend and even though the timers turned the lights on, I
really feel funny walking into an empty house and ..."

"Sure, no problem," the nineteen year old said as he opened
the car and stepped out. "My mom feels the same way."

The analogy made Miranda suddenly feel her age. For all she
knew, she was possibly even older than Josh's mother.

Taking the keys from her hand, he opened the door and
stepped inside the semi-lit house. It only took a few minutes for
him to check out the two floors and the basement, declaring them
to be empty. When he came back into the living room where
Miranda had waited, she asked him if he would like something to
drink.

"After the day I've had, I really need a drink," Miranda
said, "would you like to join me? I have soda too if you'd like
something softer?"

"A drink would be fine," Josh replied, hiding the fact that
his experience with alcohol was extremely limited.

Miranda led him into the kitchen were she took a fifth of
Johnny Walker Blue Label from the back of one of the cabinets,
then two tumblers from another. The bottle belonged to Ralph and
was usually saved for only the most special of occasions. That she
was going to share it with this kid who wouldn’t know good scotch
from lemonade would surely send her husband into a rage. Quello
was the least of her concerns right now.

Filling both glasses a quarter of the way, she handed one to
Josh. He looked at the amber liquid for a moment, then brought it
up to his lips. Miranda was about to warn him to take it easy when
in one quick motion he downed the contents.

The results were predictable, especially with someone who,
it quickly became obvious, had never tasted scotch in his life. Josh
gagged on the liquid and his face turned a bright shade of red.

“Are you okay?” Miranda asked, her concern hiding the
amusement she felt at the same time.

“I’m fine,” Josh replied after taking a deep breath, looking
at the empty glass in his hand.

“This is pretty strong stuff,” Miranda smiled as she brought
her own glass up, “it helps if you just sip it, at least at first.”

“I’ll remember that next time,” Josh answered as he put
the empty glass down on the counter.

Picking up the bottle, Miranda refilled both glasses and
watched with interest as the young man picked it up and again
brought it to his mouth. This time, he was a little more cautious
and only took a little taste.

“That’s better,” she said as she watched him bring the glass
back down, and then took a longer sample of her own.

Josh tried the drink again, this time he handled it even
better. “It’s pretty good,” he offered.

“For what it costs a bottle it had better be,” Miranda
thought as she again refilled both glasses.

With the bottle still in her hand, Miranda led Josh to the
kitchen table and directed him to an empty seat. After he had sat
down, she took the other one next to him.

“So what’s the deal between you and Jennifer?” Miranda
asked after they had again drained their glasses, only to see them
fill up once more.

“I don’t understand,” Josh replied.

“Why do you waste your time with a tramp like that?” IL
salt and pepper haired woman expanded as she remembered the
gossip Mandy and Lois had shared with her. “A nice looking boy like
you could do a lot better.”

“It’s kind of complicated,” he answered, hiding what he
considered an embarrassing secret.

“Things are only complicated if you let them be,” Miranda
commentato. “Whatever it is, I wouldn’t hold it against you.”

“She and I, what I mean she once ...” he started to say, his
tongue loosened by the alcohol.

“The two of you went out?” Miranda asked.

“Well, not really went out.”

“Then, what did ...” she started to ask, then realized what
he was talking about. Or at least she thought she did. “Did the
two of you sleep together?”

“Not exactly.”

“She blew you?” Miranda asked, her own tongue also
loosened a bit.

“She used her hand,” Josh finally admitted.

“She gave you a hand-job,” she blurted out, trying hard not
to laugh.

Josh went on to explain that one night last month, Jennifer
had cornered him in the break room one night and asked him to
cover for her after she made a mistake on a major supply order.
She had read the stock numbers wrong and undercharged the
client almost a thousand dollars. She was afraid that if the
manager found out it was her, especially after a few other
mistakes, he would have to get rid of her.

What she didn’t tell him, Miranda supposed, was that she
was already doing a lot more for Bob Carpenter than just jerking
him off. It was that she wasn’t yet sure enough of her ability to
get him to overlook such a costly mistake. Once Josh had taken
the fall, and she no longer worried about being fired, she’d rather
forget the incident in the break room had ever happened.

“Was Jennifer the only girl you’ve ever been with?” Miranda
asked, surprised at how personal this conversation was becoming.

“I’ve dated other girls,” Josh admitted, “but I’ve never ...
gone all the way.”

“And you figure that Jennifer would be the one who would
want to go all the way.”

The look on his face said that Miranda had hit the truth
right on the mark. It was a look of confirmation, mixed with
discomfort at having been revealed as a horny teenager just
looking to get laid.

“That’s nothing to be ashamed about,” Miranda smiled as
she reached across the table and laid her hand on top of his. “I
would think that almost every boy your age thinks pretty much the
same way at one time or another.”

"Veramente?" Josh said.

“You should meet my sister,” Miranda laughed, thinking that
this was probably exactly the kind of young man she specialized in.

“Your sister?” Josh asked in confusion.

“Forget it, my mind was wandering,” she replied as she put
the cap back on the bottle, realizing that she’d had enough. As it
was, her mind was further drifting in a much more dangerous
direction.

If Alice were here in her place, Miranda was certain, the
young man sitting across the table from her would never have to
wonder again what it was like to be with a woman. In fact, he’d
probably have lost his virginity not long after stepping over the
threshold.

But of course she wasn’t Alice, or so she’d reminded herself
many times over the last two weeks. She couldn’t imagine cheating
on her husband, or at least she couldn’t until today.

“Miranda?” Josh asked, then repeated when he got no
response. “Miranda?”

"Che cosa?"

“You looked like you zoned out for a minute,” he said with
concern. “Are you all right?”

“I’m fine,” she smiled as her thoughts shifted to a
different, yet adjacent track.

“Maybe I should be going,” Josh suggested as he looked at
the clock on the wall, noting that it was almost half past nine.

“Do you have to?” Miranda asked. “It’s still pretty early.”

Josh seemed to hesitate on the answer.

“Of course if I’m boring you, or you have someplace more
important to go, I understand,” Miranda said.

“No, I don’t have anyplace to go.”

“Then why not stay a little longer then,” Miranda replied,
“at least until you let some of the scotch work its way out of your
system. We wouldn’t want you to get stopped at one of those
checkpoints they put up on weekends.”

The comment reminded Josh that he really wasn’t old enough
to legally drink, even though his father let him have a beer or two
at family functions. If the police, however unlikely, stopped him, it
could cost him his drivers license. They were pretty strict about
DWI around here, especially with teenagers.

“Okay, I’ll stay a while longer.”

“Excellent,” Miranda smiled, “because I am so enjoying our
little talk.”

“I guess I am too,” Josh replied, realizing that he really
didn’t want to leave after all.

“Why Jennifer?” Miranda asked as she went on, “I mean
aside from her obvious looks and the fact that she groped you.
Why not take a chance on one of the other girls in the store, say
Tina Maxwell? She’s pretty too and I know she likes you enough as
a co-worker. Why not ask her or one of the other girls out?”

“Tina is really nice,” Josh answered, “and if I was going to
be staying in town I would want to date her. But since I’m not, I
doubt a relationship would go very far. I don’t think any of the
girls are going to want to sleep with a guy who's leaving in two
months.”

“You’re leaving?”

“My family can’t afford college, and my grades aren’t enough
for a scholarship, so I’m going in the Air Force,” he explained.
“It’s a delayed enlistment, so I don’t leave for another six weeks.”

“And you didn’t want to go in the military a virgin.” Miranda
said, again hitting the nail right on the head. “Well I can
understand that.”

“I know it’s stupid but ...”

“It’s not stupid,” Miranda interrupted him. “At least not all
of it. I think the only stupid part of it all would be for you to
spend your first time with Jennifer. For all she cares about you, it
might as well as be with a prostitute, and that wouldn’t be a very
happy memory I’m sure.”

“Well I didn’t see myself as having many other options.”

“What about the other women in the store, some of the
older ones,” Miranda asked, thinking that she might be going out
on a limb here, “do you find any of them attractive?”

“Sure.”

“Like who?”

Josh again seemed a little embarrassed to answer.

“Come on, I won’t tell them if that’s what you’re worried
about.”

“Actually, I was afraid that you’d laugh,” he replied.

“Not a chance,” Miranda promised.

“Well, I think Lois Parker is nice looking, and Sally Sullivan
too,” he admitted.

“Did you ever think that one of them might feel the same
way about you?” Miranda asked, picturing both women in her mind.

“No.”

“Why not?”

“Because I don’t think women like that want someone like
me?” Egli ha detto.

“Just because you’re cute, young and have a nice body,”
Miranda noted.

“Because they’d be with someone who really wasn’t sure what
they were doing,” Josh said, putting forth a line of reasoning that
he was suddenly beginning to wonder if it might be flawed.

“Some might have a problem with that,” Miranda answered,
“then again, some women might consider it a challenge as well.”

Josh’s expression said that was a possibility he’d never
considered before. Miranda gave him a minute or two to think
about it, then asked him a question that she’d been considering for
the last few minutes.

“Josh, when you look at the other women at work,” she
asked, “have you ever looked at me in that way?”

Josh hesitated before answering.

“If the answer is no, I won’t be offended,” Miranda added,
“and if it’s yes, well I wouldn’t be offended either. In fact, I’d be
flattered.”

“Yes,” he said in a very low voice.

Now it was it was Miranda who hesitated, as she considered
the line in front of her and if she was really prepared to cross it.
Then she realized that deep in her thoughts, she already had. Lei
wasn’t sure when she had really made the decision, but she knew
that before the night was over she was going to end her sexual dry
spell.

“Josh, do you trust me?” Miranda abruptly asked.

”Of course,” he replied, wondering if he done something
wrong for her to ask such a question.

“And you know I wouldn’t do anything to hurt you, right?”

He nodded his head in agreement, still wondering what she
was talking about.

“Then just close your eyes for a minute and trust me.”

Totally bewildered, Josh did as she asked, keeping them
closed even as he felt her hands come to rest on his shoulders.
Even as he felt her move closer to him and the softness of her lips
pressed against his own.

For a heartbeat, the nineteen year old was too stunned to
respond. Then, as he felt the wetness of her tongue pressing
against his mouth, he opened his lips to admit it. It was hardly the
first time he’d had a girl’s tongue against his own, but he’d never
been so excited about it before.

The kiss seemed to go on forever as Mira

Storie simili

Dal negozio di alimentari a f

Ho guardato l'incredibile seduttrice da dietro pensando a tutte le cose sporche che le avrei fatto se ne avessi avuto la possibilità, che era esattamente come lo volevo. L'ho seguita da lontano e ho continuato a fare acquisti, o in questo momento per lo più facendo finta di farlo. Ero così perso nel corpo della ragazza adolescente di fronte a me che lo shopping per quello per cui ero venuto non sarebbe successo a causa della mia immaginazione iperattiva. Il fatto che il mio cazzo fosse duro come una roccia non aiutava, specialmente nei jeans attillati che indossavo. Speravo davvero che...

2.1K I più visti

Likes 0

La moglie di Frank parte 5

La moglie di Frank parte 5 Il viaggio di Jim Ritorno al Sexy Shop storia di: SindyxSin Jim riporta Kathy al sexy shop. NOTA DELL'AUTORE: Questa è una storia sessuale continua. Potrebbe avere del sesso rude e non dovrebbe essere letto da persone che non amano quel tipo di sesso. Non è per tutti, dolore, umiliazione e altri atti sessuali usati per degradare una persona non per tutti. Se questo ti eccita, sono felice, ma per favore non provare nulla di tutto questo su partner riluttanti. Le storie che precedono questa sono; Moglie Franchi, 1,2,3,4. Con l'aiuto di Frank e di...

1.9K I più visti

Likes 0

Mio fratello Turner e io

Ero seduto al tavolo della colazione cercando di decidere cosa fare. Stanotte era la vigilia di Capodanno e mio fratello mi aveva chiesto di andare a una festa di Capodanno con lui. Avevo appena compiuto 44 anni a novembre. Mio marito è morto tre anni fa e io vivevo da sola. Il nome di mio fratello è Turner e ha quindici anni meno di me. Mia madre mi ha avuto quando aveva solo 16 anni e non hanno avuto un altro figlio fino ai 31 anni. Da quando mio marito è morto, Turner è stato molto gentile con me. Viene a...

2.9K I più visti

Likes 0

Jilly

Ho sedotto, costretto o imposto me stesso a una ragazza giovane, minorenne. Chiamalo come vuoi, ma è successo, mi vergogno di averlo fatto, dopo la prima volta, ma ho continuato a godermi ciò che ho cospirato perché accadesse, ancora e ancora. Una storia vera che fortunatamente è andata bene, sarebbe potuta andare dall'altra parte! Perchè è successo? Sono un ragazzo, sposato da 15 anni e ad essere sincero annoiato di scopare mia moglie, che era passata dal godersi il sesso a sopportarlo. Avevo bisogno di un po' di spezie, qualcosa per farmi sapere che potevo ancora tirare, qualcosa per aumentare il...

2.6K I più visti

Likes 1

Le conseguenze 5

Jim stava camminando avanti e indietro per un'ora, dopo aver distrutto la loro flotta d'invasione, erano partiti dopo il unica nave rimasta della flotta Krang. Mary e Amber lo avevano osservato per quasi tutto il tempo Jim se non lo fai Siediti, ti farò fuori di testa, non posso sopportare molto di più del tuo ritmo,” Mary quasi ringhiò. Jim si sedette rapidamente sulla sedia di comando cercando di non guardare Mary, scusa Mary, odio questa attesa, è vero niente a portata di mano su cui non fare nulla su cui lavorare, sai che odio essere inattivo. Mi rendo conto che...

1.9K I più visti

Likes 0

Il compito erotico di Abby

Frequentavo la scuola media da diversi anni e mi ero fatto la reputazione di sfidare intellettualmente i miei studenti, specialmente nell'area della letteratura drammatica. Molti studenti sono andati in una scuola superiore in tutta la città che era eccezionale. . . anche degno di nota a livello nazionale. Uno di quegli studenti. . . Abby era di gran lunga la mia preferita. Aveva effettivamente trascorso i suoi anni elementari in Canada e l'istruzione che ha ricevuto è stata eccezionale. Nonostante la situazione che sto per descrivere. . . avvenuta quando aveva 14 anni, ho avuto il piacere di averla per tre...

1.8K I più visti

Likes 0

La ragazza dietro il muro

Ero al secondo anno di college quando l'ho incontrata. Kacey viveva nel dormitorio accanto a me, ma non l'avevo mai vista. La conoscevo solo dal nome sulla porta e da quello che ho sentito quella prima notte. Mi sono seduto nel mio letto preparandomi per andare a dormire. Accanto al letto fu spinto contro il muro, e fu allora che l'ho sentito; un gemito morbido e sexy dall'altro lato del muro. Ho spazzato via il primo suono ma quando ho sentito il secondo, un po' più forte e più a lungo, ho iniziato a immaginare il creatore di questi piccoli rumori...

1.9K I più visti

Likes 0

Sorella divertente (Pt1)_(0)

Andare in discoteca in città non è poi così male dici ai tuoi amici quando continuano a chiederti perché lo fai, Perché lo faccio? ti chiedi per la decima volta mentre tu e tua sorella state sulla piattaforma affollata aspettando il tubo a casa. Entrambe vestite con gonne quasi troppo corte per decenza e top attillati, tua sorella si è sempre lamentata del fatto che non indossi mai un reggiseno, i tuoi seni sodi e larghi e quasi cadono dalla linea del collo del taglio inferiore. 23:00 e non puoi credere a quante persone stanno ancora viaggiando, la vedi saltare e...

1.5K I più visti

Likes 0

Bug Chasing - Crociera per l'AIDS

All'inizio è stato difficile per me capire perché mi sentissi così. Ho adorato il modo in cui desideravo ardentemente il cazzo senza sella nel mio buco del culo finocchio, ho adorato quanto volevo che ogni cazzo che scopava la mia figa gay svuotasse un carico dopo l'altro di sperma caldo, appiccicoso e fuso nel profondo della mia figa palpitante e dolorante. Ma aspetta, non era quello che avevo difficoltà a capire. Quello che è successo è che, quando ho iniziato la mia carriera di pilota di cazzi alla tenera età di 14 anni, erano i primi anni '70, ancora un po'...

1.3K I più visti

Likes 0

LA MADRE INSEGNA LA FIGLIA_(0)

Dov'è tuo padre, ha chiesto Alicia Mead a sua figlia Nancy, mi sto stancando terribilmente di cercare di tenere traccia di quell'uomo!?! L'ultima volta che l'ho visto era in bagno, replicò Nancy versandosi un bicchiere di succo d'arancia, stava strofinando il pavimento intorno al gabinetto!!! Avrebbe dovuto farla finita molto tempo fa, disse Alicia irritata, se scopro che ha fatto una cazzata, gli farò desiderare che dannatamente non l'abbia fatto!!! Aw, rilassati con lui, mamma, disse Nancy tra un sorso e l'altro, sta facendo del suo meglio, dopotutto, sei piuttosto duro con lui!!! Alicia Mead si girò per affrontare sua figlia...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.