Trasformandolo nella mia bambina

305Report
Trasformandolo nella mia bambina

Questo è interamente un atto di finzione, qualsiasi correlazione con persone o eventi reali è del tutto casuale. Non perdono questi atti nella realtà, sono solo un'esplorazione della fantasia. Godere!



Oggi ho trascorso una giornata speciale con il mio bambino. Abbiamo scopato per alcune settimane, addestrandolo a compiacere papà e trasformandolo nella piccola troia che sapevo volesse essere. Dopo il nostro piccolo viaggio di oggi, penso che se la stia cavando bene.

Quando l'ho preso in braccio indossava dei jeans larghi e una maglietta, semplicemente non andava bene. Ho dovuto risolvere questo problema. Quindi, dopo che gli ho dato un bacio sulle labbra e un abbraccio, siamo usciti.

Siamo andati al centro commerciale locale, senza dirgli dove stavamo andando e camminando casualmente verso il negozio di lingerie e mutandine. Vedendo lo sguardo sul suo viso, i suoi occhi illuminati, il sorriso che si allargava sulle sue guance, sapevo che era eccitato e non vedeva l'ora di quello che sarebbe successo dopo.

Abbiamo girato per il negozio, scegliendo cose per lui, valutandolo. Piccoli pezzi di lingerie da troia, mutandine attillate per il suo culetto pelato. Un'intera bracciata di loro. Dopo aver pensato che ne avevamo abbastanza, siamo scivolati silenziosamente nell'ultimo spogliatoio che c'era.

L'ho spogliato completamente nudo, gli ho dato un piccolo bacio sulla fronte e mi sono seduto. Gli ho detto di fare la modella per papà e lui ha sorriso e si è tuffato nel mucchio di tessuti di seta. Indossava mutandine, reggiseni, negligé, lingerie. Con ogni vestito il mio cazzo diventava sempre più duro, tendendo contro i miei pantaloni, la cerniera sembrava scoppiare. Non ero l'unico eccitato, mentre si infilava e si toglieva le mutandine di seta e raso, sospirava leggermente, il suo clitoride da ragazzino gonfio per l'attenzione di papà e i tessuti lisci.

Tuttavia, non volevo che questo mi distraesse, quindi l'ho afferrato per il polso e l'ho tirato vicino a me, l'ho girato e gli ho schiaffeggiato il culetto. Gli ho detto che è cattivo, che la mia bambina si sta divertendo troppo e deve scusarsi con papà. Quando ha iniziato a parlare gli ho messo le dita sulle labbra, gli ho detto che doveva mostrarmi che gli dispiaceva. Gli ho detto di lasciare il reggiseno e le mutandine che stava modellando e di guardare solo il rigonfiamento dei miei pantaloni. Capì immediatamente cosa intendevo e sorrise da un orecchio all'altro mentre si inginocchiava.

Ha tirato giù la cerniera e il mio cazzo è saltato fuori, duro e gocciolante di preeiaculazione. La sua piccola linguetta scivolava su e giù per l'asta, stuzzicandomi. Mi piace quando lo fa, ma non abbiamo avuto molto tempo, quindi gli ho afferrato la nuca e gli ho infilato il cazzo in bocca, seppellendoglielo in gola. Sapeva cosa stava arrivando, quindi rilassò la gola e si spalancò. Ho pompato forte e veloce nella sua piccola bocca e dopo pochi minuti ho sentito le mie palle irrigidirsi. Gemetti profondamente e con un'ultima spinta iniziai a venirgli in gola. Deglutì e deglutì, poi leccò il cazzo di papà e me lo rimise nei pantaloni.

Soddisfatto e contento della mia piccola puttana gli ho detto di scegliere un vestito che gli piaceva mentre io ne sceglievo due che mi piacevano. Ha scelto un paio di pantaloncini da ragazzo bianchi attillati e un reggiseno bianco abbinato mentre io ho scelto un minuscolo perizoma rosa con un reggiseno abbinato, più una giarrettiera e calze nere con un reggiseno nero di pizzo.

Quando siamo andati al bancone ci sono stati degli sguardi strani ma nessuno ha detto niente e ho pagato in contanti. Gli ho dato le borse da portare e siamo andati alla fermata successiva, il negozio di cosmetici. Siamo andati dritti al bancone e ho detto alla ragazza che lavorava al bancone che per scherzo per una festa volevamo truccare il mio ragazzo con un trucco davvero da puttane. All'inizio era titubante, ma quando il mio bambino innocente ha riso e ha giocato insieme dandole il suo sguardo più carino, ci è entrata. Ombretto, fondotinta, fard, lucidalabbra, le opere. Abbiamo comprato un set di quello che lei usava dicendo che nel caso si fosse incasinato avremmo dovuto ritoccarlo, gli ha persino mostrato come farlo. Aveva un aspetto fantastico, stava diventando una ragazzina così sexy. E ancora meglio, amava tutto.

Successivamente siamo andati al salone, catturando di nuovo sguardi strani e ascoltando alcuni sussurri. Abbiamo usato la stessa battuta di prima, era uno scherzo per una festa e la mia graziosa bambina ha mostrato un sorriso innocente. Tutte le ragazze hanno pensato che fosse fantastico e si sono riunite, tutte con suggerimenti per un nuovo look. Hanno scelto un look corto, un po' più lungo davanti alla frangia e si sono messi al lavoro. La mia bambina è decisamente stordita da tutte le attenzioni, i nuovi vestiti sexy e il nuovo look.

Quando ebbero finito, aveva un aspetto fantastico. Ero stordito e faticavo a mantenere la calma. La mia nuova bambina li aveva incantati tutti e quando abbiamo pagato e siamo usciti l'intero salone ha salutato e riso, dicendoci di tornare in qualsiasi momento e di divertirci alla festa. Non sapevano che ci saremmo divertiti più di quanto potessero immaginare!

Abbiamo camminato verso la macchina, mano nella mano, proprio come padre e figlia, anche se un po' maschiaccio con i suoi jeans larghi e la maglietta. Quando siamo saliti in macchina le ho detto di togliersi quei vestiti e di buttarli dietro, per ora non ci serviranno. Dille che d'ora in poi sarà completamente la mia bambina sexy. Sorride e si spoglia velocemente, afferrando a caso le borse e tirando fuori la giarrettiera nera e le calze insieme al reggiseno di pizzo e le indossa. Sorrido sapendo che mentre guidavamo, chiunque avesse guardato avrebbe visto la mia bambina sexy vestita come una puttana

Ho guidato lentamente per il centro commerciale, anche girandogli apposta, mostrando il nuovo look della mia bambina. Lo adorava, sorrideva timidamente e salutava anche un paio di volte. Questo mi ha eccitato così tanto, che tutti quei ragazzi non ne hanno idea e pensano solo che io abbia una piccola troietta sexy, tutta fissa, sorridente, fischiettante. Tutto per la mia piccola puttana sexy. Le ho detto di mandare baci, mostrare loro il suo petto piatto, entrare e divertirsi. Dopo alcune volte intorno al parcheggio, girando intorno al centro commerciale e diversi baci e flash soffiati, ho deciso che era ora di andare avanti. Ero anche follemente eccitato e ho pensato che fosse ora che ci dirigessimo in un posto tranquillo.

Lungo la strada ha continuato a flirtare con altri uomini, ragazzi che guardano da altre macchine e accelerano per abbinarci lungo la strada, volendo vedere di più della mia bella piccola puttana. Quando ci siamo fermati a un semaforo c'era un uomo all'angolo che aspettava l'autobus che ha guardato dentro, con gli occhi spalancati e un sorriso sul volto. Ho allungato la mano e ho chiesto alla mia bambina di succhiarmi le dita. L'uomo si chinò inconsapevolmente e si strofinò il rigonfiamento crescente nei pantaloni. Poco prima che il semaforo diventasse verde e partissimo, ho allungato la mano e ho massaggiato il clitoride gonfio della mia bambina sexy, tutto ciò che ha visto dall'angolo ero io che la strofinavo sotto il finestrino. Mentre mi allontanavo, mi fece un enorme sorriso e un pollice alzato.

Mentre guidavo le scostai le mutandine e cominciai a giocare con la sua fica da ragazzino. Gemette e scivolò in avanti allargando le gambe, dandomi un accesso migliore. Chiunque guardasse mentre passavamo avrebbe visto la sua testa all'indietro, gli occhi chiusi, la bocca aperta e gemere mentre facevo scivolare il dito nella sua figa da ragazzino. Ho messo due dita dentro e riuscivo a malapena a trattenermi, dovevo averla in quel momento. Si sentiva allo stesso modo, muovendo i fianchi e implorando papà di scoparla. Supplicando suo padre di infilarle il suo grosso cazzo mentre si scopava sulle mie dita.

Ho parcheggiato alla svolta successiva, su una strada buia e tranquilla fiancheggiata da alberi. Ho lasciato la strada e ho parcheggiato la macchina, già massaggiando il clitoride gonfio della mia bambina. Dovevo solo assaggiarlo così le ho spinto indietro il sedile, le ho allargato le gambe, ho inserito un altro dito e ho iniziato a sporgermi in avanti. Sospirò mentre spostavo la bocca sul suo clitoride duro da ragazzo, mordendo lungo l'asta con le mutandine che lo coprivano ancora.

Potevo sentirlo contrarsi e ho iniziato a stuzzicarlo, strofinando la lingua su e giù, assaporando il precum che si inzuppava attraverso le mutandine sulla punta. Ha iniziato a spingere i fianchi in avanti, sforzandosi di sentire la mia bocca attorno al suo clitoride da ragazzino. Dopo alcuni minuti, potevo sentirla respirare più forte, quasi lamentarsi nei suoi gemiti, alla disperata ricerca della mia bocca. Ho tirato da parte le mutandine e ho subito preso tutta la sua clitoride in bocca, fino alla base.

Ha iniziato a contrarsi, avrei giurato che fosse quasi venuta in quel momento, quindi non mi sono mosso, l'ho semplicemente tenuta in bocca mentre riprendeva il controllo. Quando il suo respiro rallentò un po', mi tirai su, succhiando forte, spostandomi verso la testa e cominciai a muovere la lingua intorno alla fessura. Il suo precum era delizioso, leggermente salato e ce n'era molto. Stavo mungendo il suo piccolo clitoride con la mia bocca, facendo scorrere la mia lingua in cerchio, muovendomi avanti e indietro, per tutto il tempo le mie dita spingevano lentamente dentro e fuori dalla sua figa da ragazzo.
Ho staccato la bocca e lei era così eccitata che si è spinta in avanti, cercando di farla rientrare. Mi sono avvicinato alle sue piccole palle calve e le ho prese entrambe in bocca, facendole roteare delicatamente mentre le mie due dita giocavano nella sua figa.

Dopo qualche minuto mi sono spostato di nuovo su e ho posizionato la mia bocca sul suo duro clitoride, prendendo solo la punta. Rapidamente ho piantato un terzo dito nella sua figa da ragazzo, facendola gemere forte in un misto di piacere e dolore mentre si piegava in avanti duro, spingendo la sua clitoride fino in fondo nella mia bocca in attesa.
Lei gemette e gemette, e con una vocina dolce ringraziò papà per aver succhiato il suo piccolo clitoride.

Sentire questo mi fa solo lavorare di più, facendo rimbalzare la testa su e giù sulla sua clitoride, le dita che martellano nella sua figa stretta da ragazzo. Dentro e fuori mentre ballonzolavo su e giù, il suo respiro diventava sempre più duro e veloce, aumentai il mio ritmo. Il suo clitoride inizia a diventare più duro, anche gonfiandosi leggermente di più. Sono stupito, pensando che non potrebbe nemmeno essere possibile e eccitato ancora di più dal pensiero, prendendo la sua clitoride nella mia bocca sapendo che verrà da un momento all'altro.

Sapevo come spingerla oltre il limite, ho spinto le mie tre dita il più profondamente possibile nella sua figa da ragazzo e ho iniziato a torcerle avanti e indietro, facendole girare. Immediatamente ha iniziato a sgroppare con forza nella mia bocca, gemendo senza parole e ho sentito il suo sperma iniziare a colpire la mia lingua in diversi forti schizzi. Si contrasse e si dimenò, l'orgasmo durò almeno un minuto e mi riempì la bocca con il suo sperma.

Quando ebbe finito, tornai su, tirai su il sedile e mi chinai per baciarla. Le nostre labbra si sono incontrate e ci siamo baciati forte, ho spalancato la bocca e le ho lasciato succhiare il suo sperma. Ha assorbito tutto e l'ho sentita deglutire due volte. Poi ho tirato fuori la lingua e lei l'ha succhiata, ottenendo fino all'ultimo pezzetto del suo sperma.

Mi sono rimesso al mio posto, ho guardato oltre e la mia piccola troia sexy e le ho detto che era il turno di papà. Lei sorrise e iniziò a sporgersi in avanti, aprendomi la patta e spostando la testa dentro, ma io la spinsi indietro per la spalla e le dissi di non farlo. L'ho baciata, le ho raggiunto il sedere e l'ho sollevata per tirarla sopra la console centrale e sulle mie ginocchia.

Ho spinto indietro il mio sedile circa a metà mentre lei si è messa a cavalcioni su di me e abbiamo appena iniziato a baciarci, velocemente, appassionatamente, disperatamente. Ci siamo baciati sempre di più, le mie mani si muovevano ed esploravano la sua schiena dal culo fino alle spalle, sentendo le cinghie del suo reggiseno e le sue mutandine sotto le mie dita. Le afferrai forte le guance del culetto e la macinai in avanti e in basso, strofinando il suo clitoride e la figa del ragazzo contro il mio cazzo duro attraverso i pantaloni.

Poi le ho detto che era ora, lei ha sorriso e ha alzato il culo per aprirmi i pantaloni e liberare il mio cazzo coperto di precum. Si abbassò e iniziò a massaggiarlo, lubrificando il cazzo di papà. Poi si è sputata in mano e si è allungata sotto di sé, strofinandola nella sua figa da ragazzino. Poi mi mise le mani sul petto e si abbassò sul mio cazzo in attesa, che si infilò facilmente dopo i colpi che le avevo appena dato con le dita. Continuò a spingere verso il basso, facendo scivolare il mio cazzo fino in fondo e poi si chinò in avanti per leccare e mordicchiare il mio lobo dell'orecchio.

Ha iniziato a muoversi su e giù lentamente, stringendo la figa del suo ragazzo mentre si fermava, sussurrandomi all'orecchio che adora il grosso cazzo di papà nella sua figa. Mi abbassai e le afferrai i fianchi, impedendole di prendere velocità. Volevo che durasse. Stava gemendo nel mio orecchio mentre la guidavo su e giù lentamente.
Mi diceva di scoparle la piccola figa, di farla diventare una vera donna, che il cazzo di suo padre era perfetto dentro di lei. Mentre parlava, potevo sentire il suo piccolo clitoride diventare di nuovo duro mentre si strofinava su e giù per il mio stomaco mentre andava su e giù. L'ho avvolto con la mano e l'ho tenuto stretto, ad ogni movimento su e giù sul mio cazzo lei mi ha scopato la mano con il clitoride. Ha iniziato a spingere nella mia mano, muovendosi sempre più velocemente sul mio cazzo.

Riusciva a malapena a parlare, le sue braccia avvolte intorno al mio collo, stringendola forte nel mio orecchio mentre mi diceva di venire nella sua figa, di venire nella mia bambina. Si stava muovendo velocemente, saltando sulla mia mano, quando ho sentito tutto il suo corpo irrigidirsi, la sua figa che si stringeva e pulsava, poi mi schizzava sperma caldo sullo stomaco e sul petto. Non appena ha iniziato a venire, ho stretto la mia mano più forte che potevo, costringendo il suo orgasmo a durare più a lungo in modo che continuasse a stringere il mio cazzo a ondate.

La sua figa da ragazzo continuava a stringere il mio cazzo e potevo sentire che stavo perdendo il controllo. L'ho sbattuta sul mio cazzo, le mie palle si sono strette di nuovo mentre venivo più forte di quanto non facessi da mesi, pompando il mio carico in profondità nella mia bambina. Stavo ancora venendo quando ne sentii un po' iniziare a fuoriuscire e sulle mie palle.

Alla fine il mio orgasmo svanì e il mio cazzo iniziò a sgonfiarsi. Si è alzata ed è saltato fuori da lei, con esso più del mio sperma si è riversato sul mio cazzo e sulle palle. Si chinò rapidamente e iniziò a leccarlo, pulendo il cazzo di papà con la lingua. Mi sono sdraiato e ho chiuso gli occhi, godendomi la sensazione e sentendo solo le onde del mio orgasmo rilassare lentamente tutto il mio corpo.

Presto finì di pulirmi il cazzo e le palle e prima di alzarsi mi leccò il culo qualche volta, ridacchiando quando sospirai felice. Si spostò sulla consolle centrale per tornare al suo posto, iniziando a raddrizzarsi, ma prima che si rimettesse a posto le mutandine avevo ancora una cosa che dovevo fare. L'ho spostata in ginocchio sul sedile, il suo culo esposto a me. Usando le mie mani per allargare le sue guance ho spinto la mia lingua direttamente nella sua figa da ragazzo, era tesa e sciolta, accettando facilmente la mia lingua. Ho leccato e succhiato il mio sperma, assaggiandoci entrambi e ingoiando ogni goccia. Ridacchiò e si dimenò, muovendo il suo culetto e facendomi lavorare per questo.

Quando sono stato soddisfatto di averla ripulita, l'ho fatta sedere di nuovo e siamo partiti, fermandoci a casa mia per una doccia veloce che si è trasformata in un'altra ora in cui ci accarezziamo, ci laviamo e veniamo di nuovo. Quando l'ho lasciata a casa sapevo che da quel giorno in poi sarebbe diventata una piccola puttanella fantastica.

Storie simili

Cappuccetto Rosso: Fuori dal bosco?

Cosa.. CHE CAZZO?! Ehm... ciao. Cosa... CHE CAZZO?! CHE CAZZO STAI FACENDO? Perché la fica di Molly è sulla tua... sulla tua... Peter è arrabbiato, oltre che incazzato, ma è un maschio umano. Ha un cazzo, e quel cazzo è più preoccupato del fatto che la mia lingua è a pochi millimetri dalla fica gocciolante della ragazza sexy. Il Lupo si allunga su di me e afferra il culo di Molly. La sua voce esce bassa, come un ringhio, Dovresti venire a prendere la figa che hai sempre sognato. La bocca di Peter sembra essersi seccata, o forse non può più...

686 I più visti

Likes 0

Dannii - Capitolo 2: Dannii ha degli amici

Ho incontrato di nuovo Dannii. All'inizio non me ne ero reso conto: c'erano troppe ragazze bionde magre e con i capelli lunghi che si divertivano davanti a me. Alcuni di loro mi guardarono da sopra i loro occhiali da sole, ammiccando mentre passavano. Ero seduto su una sedia di legno, tenuta insieme da un telo di lino, leggendo di tanto in tanto qualche riga del libro che avevo portato giù, ma il più delle volte fissavo il viale e la spiaggia dall'altra parte. Dannii si fermò quando mi vide. Si tolse gli occhiali da sole e mi guardò bene, prima che...

612 I più visti

Likes 0

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2K I più visti

Likes 1

White Lucy, Dark Meat ch.1

Introduzione “Shhhh…. Shhhh. sibilò Chris, interrompendomi. Tieni la testa bassa... non guardare in alto... ti vedranno. La mia reazione istantanea, ovviamente, è stata quella di guardare dritto in alto. Fu allora che li vidi. Due neri, alti e robusti, che stavano tagliando la radura erbosa, dritti nella nostra direzione. Non so chi sia stato davvero più sorpreso, Chris o me stesso. Negli 8 mesi in cui siamo venuti qui abbiamo visto forse 3 persone tutte. Our Spot, come eravamo venuti a chiamarlo, era una vecchia riserva abbandonata e ricoperta di vegetazione, in riva al lago. Il nostro posto segreto Era accessibile...

1.6K I più visti

Likes 1

Classe di schiavitù

“Benvenuta classe, alla prima lezione di...” il giovane insegnante maschio si avvicina alla lavagna, raccogliendo il gesso e scrivendolo a caratteri cubitali “BONDAGE 101” Tra gli studenti scoppia un ruggito di risate e risate, una presenza relativamente ridotta di sole 10 persone circa, 9 delle quali maschi e una femmina che non sembrava affatto appartenere a quel posto. Vestito con una gonna lunga con trecce e classi. Lentiggini chiare da abbinare alla sua pelle pallida. Con gli occhi bassi su un libro, senza prestare molta attenzione all'insegnante o agli altri studenti del resto. L'insegnante ha proseguito “Se sei venuto qui per...

736 I più visti

Likes 0

Vecchio magazzino abbandonato

Ho chiamato Marci dandole l'indirizzo di un vecchio magazzino abbandonato che possedevo nel Queens New York, le ho chiesto di incontrarmi lì. Il colpo dei tacchi dei suoi stivali che echeggiano sui muri di cemento è l'unico suono mentre entra nel magazzino e percorre il lungo edificio cercandomi. Si fermò. Le luci fluorescenti verde giallastre le infastidiscono gli occhi. Il pavimento è umido, bagnato in alcuni punti con pozzanghere di acqua nera, e le pareti di cemento scrostate si stanno sgretolando in alcuni punti. Questo magazzino è una discarica, decrepita, deprimente e anche disorientante. Puzza di benzina e fumi di diesel...

755 I più visti

Likes 0

Esca e cambia cap. 13

Grazie a garbonzo607 per le loro perspicaci modifiche. =================================== Ci sono volute sia Gina che Summer che rimbalzavano sul mio letto per svegliarmi. Ero morto per il mondo, eppure avevo incubi sui demoni che facevano a pezzi tutti coloro a cui tenevo, strappando loro le membra e mangiando la loro carne. Quando finalmente le due donne riuscirono a svegliarmi, ero fradicia di sudore e respiravo piuttosto affannosamente. Era ora, mi disse Summer con un sorriso, ma c'era uno sguardo preoccupato sepolto nel profondo dei suoi occhi. Cosa stavi sognando, che ti faceva gemere, agitarsi e rigirarsi, eh? Gina mi ha seguito...

641 I più visti

Likes 0

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

644 I più visti

Likes 0

La mia vita pt 7

Parte 7 di ? Mi sono svegliato. Poi è andato sotto la doccia. Sono rimasto lì, lasciando che l'acqua mi scorresse addosso. Mi sono pulito. mentre stavo finendo. Kelly è entrata. È entrata nella doccia. Ma mentre cercava di toccarmi, sono sceso e mi sono asciugato. cosa c'è che non va disse non voglio dissi L'ho fatto ma non l'avrei lasciata decidere quando l'ho fatto come ieri sera. Sono andato in soggiorno. Sara era seduta sul divano. cosa stai guardando dissi solo un po' di tv niente di speciale ha detto com'era la Disney ha aggiunto siamo stati benissimo dissi la...

695 I più visti

Likes 0

Incontro in collegio 05: Henrietta inculata dalla direttrice

Incontro in collegio Capitolo cinque: Henrietta inculata dalla direttrice Di miopenname3000 Diritto d'autore 2016 Cosa stavate facendo tu e Peony nella vasca da bagno? chiese Tabitha mentre lasciava cadere la camicia da notte della notte scorsa nel cesto della biancheria nella nostra stanza condivisa. Il mio è seguito. Restammo nudi nella nostra piccola stanza, i miei piedi danzavano sulle fredde assi del pavimento e battevo i denti. Faceva così caldo nella vasca da bagno e così freddo qui dentro. Si è scoperto che le ragazze del nostro dormitorio avevano il nostro bagno in stile romano, una grande pozza di acqua sorgiva...

531 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.