Dannii - Capitolo 2: Dannii ha degli amici

995Report
Dannii - Capitolo 2: Dannii ha degli amici

Ho incontrato di nuovo Dannii. All'inizio non me ne ero reso conto: c'erano troppe ragazze bionde magre e con i capelli lunghi che si divertivano davanti a me. Alcuni di loro mi guardarono da sopra i loro occhiali da sole, ammiccando mentre passavano. Ero seduto su una sedia di legno, tenuta insieme da un telo di lino, leggendo di tanto in tanto qualche riga del libro che avevo portato giù, ma il più delle volte fissavo il viale e la spiaggia dall'altra parte.

Dannii si fermò quando mi vide. Si tolse gli occhiali da sole e mi guardò bene, prima che lo sguardo sul suo viso cambiasse in riconoscimento. Fu solo quando i suoi occhi furono scoperti che mi resi conto che era lei, che mi salutava come se fossi un'amica perduta da tempo, mentre la verità era molto più superficiale.

Ho deciso di riconoscere anche lei. Mi sono alzato, mi sono avvicinato alla recinzione che separava la piscina dell'hotel dal viale e l'ho abbracciata. Ha spiegato la mia esistenza ai suoi amici in russo puro. Ha detto loro cosa era successo? L'ha ricoperta di zucchero o stava recitando ogni dettaglio sporco? Non ne avevo idea.

Dannii ha detto qualcosa ai suoi amici, poi ha salutato e ha attraversato il viale. Invece di camminare lungo la strada, però, lei e le altre due ragazze sono salite sulla spiaggia, hanno posato le borse e hanno iniziato a disfare i bagagli. Decisero di accamparsi proprio di fronte a me, a meno di sei metri di distanza. Quando si furono sistemati, Dannii attraversò di nuovo la strada e si fermò accanto alla staccionata.

"Vuoi venire?" lei chiese.
"Sto bene", risposi. "Vuoi venire?"

Non aveva idea di cosa avessi detto. Ma seriamente, quando una ragazza carina ti chiede di sederti con lei e le sue amiche in bikini, non si può dire di no. Presi la maglietta dal bracciolo della sedia, il telefono e il portafoglio dal tavolino e seguii Dannii. Mi ha presentato le sue amiche (di cui non ricordo neanche lontanamente i nomi, e quindi le chiamerò Anastasia e Viktoria, o Ana e Vicky) e mi ha indicato la sabbia. Sedersi.

Ho imparato rapidamente quanto fossero di spirito libero (per ora starò lontano dal termine "troia". Mi ero appena seduto e già ero circondato da tre paia di tette russe nude. Quelli di Dannii erano i più nella media, sebbene fossero nella parte più ampia dello spettro; Ana ne aveva a malapena, il che in realtà sembrava piuttosto caldo; e quelli di Vicky erano a dir poco enormi.

«Tocca a te», disse Vicky. Il suo inglese sembrava essere molto migliore di quello di Dannii.

Perché diavolo no, giusto? Inspirai per dare al mio petto quel qualcosa in più, poi mi tirai la maglietta sopra la testa. Sei occhi stavano fissando la parte superiore del mio corpo, e i miei stavano banchettando con i loro. Dannii fece scorrere le dita sul mio petto, ridacchiando qualcosa in russo. Vicky ha provato a tradurre ma ha fallito miseramente, prima di iniziare a chattare con Dannii nella loro strana lingua. Ana, che non aveva detto altro che il suo nome, continuava a fissarla. Non solo fissando, ma il tipo imbarazzante che fanno i bambini quando vedono qualcosa di intrigante, senza preoccuparsi di ciò che il soggetto del loro sguardo pensa di loro.

"Che cos'ha?" chiesi agli altri due.
"Penso che voglia pomiciare", ha risposto Vicky. Sembrava strana quanto me.
"Lei fa?" Ho chiesto. "Cosa la trattiene?"

Dannii ha chiamato il nome di Ana per tirarla fuori, e poi ha detto qualcosa in russo (che ovviamente non capivo) e ha annuito (cosa che ovviamente ho fatto). Ana si mosse, strisciando verso di me. Si mise in grembo e guardò Dannii, che annuì di nuovo. Poi mi ha baciato.

Non voglio romanticizzare troppo le cose, ma questo è stato uno di quei baci che non dimentichi mai. Era inimmaginabilmente lento e con le labbra secche, ma non era solo la sua bocca che stava baciando: era tutto il suo corpo. I suoi fianchi si posarono sulle mie cosce, le sue mani mi afferrarono le guance e mi girarono la testa nella direzione in cui voleva che girasse, le sue piccole tette cercarono il mio petto, ma non riuscirono mai a toccarle. Sentii anche una mano sul ginocchio, che non poteva essere di Ana (perché ne aveva solo due), e quindi doveva essere di Vicky.

Quando Ana mi lasciò andare, solo pochi secondi dopo che il bacio era iniziato, Vicky si alzò.

"Il mio turno!"

Ho sfruttato questo cambio della guardia per sedermi e non essere nella posizione sottomessa in cui mi trovavo con Ana. Il bacio di Vicky è stato molto più sciatto e ha coinvolto molto più contatto, non solo tra noi due, ma anche con Dannii e Ana. Ho sentito delle mani sulla mia schiena, sulla mia testa, sul mio sedere e alla fine - doveva essere di Vicky - sul mio cazzo. Pomiciare con Ana mi aveva già dato un solido semi, ma avere tre ragazze seminude che mi toccavano dappertutto mi rendeva completamente duro. Vicky sorrise ampiamente quando se ne accorse, e poi si sedette, leccandosi le labbra.

A questo punto, sembrava piuttosto ovvio che sarei stato coinvolto in qualche azione di gruppo piena di vapore (che era la verità). Tanto vale prendere l'iniziativa allora, pensai tra me e me.

"Se qualcuna di voi ragazze ha bisogno di usare il letto... intendo il bagno," dissi, "il mio hotel è proprio lassù. Sono sicura che potrei intrufolarvi."

Dannii balzò in piedi.

"Bagno! Io!"

"Potrei aver bisogno di qualcos'altro," sorrise Vicky. Mi sono alzato, ho aiutato le ragazze a rimettersi in piedi e ho afferrato una delle loro borse. Due di loro indossarono rapidamente una maglietta (la maggior parte degli hotel non ammette ragazze in topless nella hall), ma Ana non si preoccupò nemmeno. Mi hanno seguito fuori dalla spiaggia, attraverso il viale, attraverso l'area della piscina e nell'atrio. La ragazza dietro la scrivania non alzò nemmeno lo sguardo. Le porte dell'ascensore erano già aperte e noi quattro entrammo. Prima che le porte si chiudessero, Ana teneva già in mano gli slip del bikini. Era completamente nuda e si guardava allo specchio a parete. Qualcosa mi diceva che Ana era la ragazza che avrei scopato per prima.

Siamo arrivati ​​al sesto piano. Avevo pregato per un corridoio vuoto, ma quando le porte si aprirono, una coppia e due adolescenti stavano aspettando l'ascensore. Ana scese e si spinse tra la coppia, che stava fissando la ragazza nuda. Le loro figlie ridacchiavano e sussurravano parole che gli adolescenti usano molto (come omg e wtf e cose del genere). Ho provato a scusarmi mentre passavo, ma non avevo idea di come migliorare anche lontanamente le cose.

Ana è entrata per prima nella stanza e ha subito trovato la strada per il letto, sul quale si è sdraiata per allargare le gambe, e ha iniziato a giocare con se stessa. Dannii è effettivamente andata in bagno e Vicky è uscita sul balcone, ma non prima di essersi tolta di nuovo il top. Guardò le persone a bordo piscina e si accese una sigaretta. Sporgendosi oltre il bordo, lei...

Apetta un minuto. Ho detto che Ana ha iniziato a giocare con se stessa? Penso di averlo fatto. C'era una ragazza russa nuda che si toccava sul mio letto d'albergo e io stavo guardando Vicky? Non credo. Mi sono seduto accanto ad Ana e ho messo la mia mano sulla sua, guidandola tra le sue gambe. Dannii tornò, completamente nudo anche lui, e si unì alla festa sul letto. Ha iniziato a baciarmi dappertutto, mentre le sue mani si facevano strada fino al bordo dei miei pantaloncini e mi liberavano dallo spazio angusto, che era diventato ancora più stretto quando mi aveva toccato. Non si è presa il tempo di liberarmi adeguatamente del mio costume da bagno, perché la sua bocca era affamata e le sue labbra erano bagnate. Il calore della sua lingua mi fece crescere in proporzioni piene - e se ciò non bastasse, Vicky stava rientrando nella stanza, sedendosi sopra Ana e baciandomi sulle labbra. Diede un colpetto sulla spalla di Dannii, dicendole di farsi largo.

Vicky, proprio come durante il bacio sulla spiaggia, era molto meno paziente, e anche molto meno delicata. Mentre strofinava il mio cazzo contro l'interno delle sue guance, Dannii si voltò e si abbassò su di me. Tutto quello che dovevo fare era muovere la lingua per farla gemere e sbottare quelle che sembravano chiacchiere russe. Mentre Dannii si strofinava sulla mia faccia, la pressione sul mio cazzo si fermò per un breve momento. Non riuscivo a vedere cosa stesse succedendo, ma potevo inequivocabilmente sentire un altro corpo sopra di me. A giudicare dal peso, doveva essere Ana (te l'avevo detto che l'avrei fottuta per prima!). Era inimmaginabilmente tesa, e anche se questa posizione non le permetteva di chiudere le gambe, sembrava che le stesse stringendo insieme il più possibile.

Dannii rotolò via da me. Potevo finalmente vedere il corpo di Ana che saltava su e giù, il suo viso impegnato in un bacio con quello di Vicky. Dannii si chinò e portò la testa verso il campo di battaglia. Potevo sentire la punta della sua lingua contro il mio cazzo mentre il corpo di Ana si alzava in aria, e sono abbastanza sicuro che Ana potesse sentire la stessa punta sul suo pulsante dell'amore mentre tornava giù. La mia mano sinistra cercò la figa di Dannii, che stava quasi gocciolando dai suoi stessi succhi corporei e un po' della mia saliva, e la mia mano destra afferrò una delle gigantesche tette di Vicky e la strinse.

Ana è scesa da me e, dopo aver pulito il mio cazzo con la lingua, ha lasciato il posto ai suoi amici. Ne approfittai per tirarmi su. Scesi dal letto (sei splendidi occhi che mi fissavano, desiderosi di avere un ruolo nella mia prossima mossa) e mi fermai vicino al bordo. Afferrai Vicky e la girai, mettendola di fronte a me su mani e ginocchia. Le ho tirato giù gli slip del bikini quel tanto che bastava per fare spazio, e poi ho infilato il mio cazzo dentro. Lei gemette e afferrò Ana, allargando le gambe e tuffandosi dentro. Dannii si assicurò che fottessi Vicky abbastanza forte, spingendo i miei fianchi in avanti ad ogni spinta. Vicky non era così stretta come Ana, o anche come Dannii per quanto potessi ricordare, ma la vista sul suo sedere, il corpo che si contorceva di Ana e le tette di Dannii mi hanno fatto temere per la mia resistenza in più di un'occasione. Ho resistito bene, però, per fortuna.

Vicky è arrivata senza preavviso. Si gettò sul letto, urlando verso l'ombelico di Ana. Sfortunatamente, Dannii non mi ha dato alcuna possibilità di godermi il momento, perché ha spinto via Vicky e si è sdraiata di fronte a me, ha alzato le gambe e ha afferrato il mio cazzo, solo per metterlo proprio sull'orlo della sua figa ancora bagnata . Era così scivolosa che ho dovuto tenere almeno metà del mio cazzo dentro di lei per evitare che scivolasse fuori. Ana si sedette sul viso di Dannii e mi baciò tra i suoi piedi, nel suo modo lento ma intenso. Anche Vicky si è messa in gioco, accarezzando la fica di Dannii il più velocemente possibile. Non passò molto tempo dopo che Dannii esplose; Ho dovuto lavorare molto duramente per non fare la stessa cosa quando mi ha soffocato il cazzo con i suoi muscoli. L'urlo più forte è venuto da Ana, tuttavia, la cui figa, come si è scoperto, era stata morsa da Dannii nella foga del momento.

Adesso eravamo solo io e Ana. Mi fissò di nuovo, proprio come aveva fatto in spiaggia, toccandosi lentamente mentre mi liberavo dei pantaloncini (finalmente!) e risalivo sul letto. Si è voltata e mi ha offerto il suo corpo, ma quando ho strofinato il mio cazzo tra le labbra della sua figa e mi sono preparata per entrare, l'ha bloccato con la mano.

Vicky sembrava sapere cosa stava succedendo. Mi ha idratato il cazzo con la bocca e ha sputato tra le chiappe di Ana, prima di guidarmi verso il buco non ostruito dalle unghie nere. Mi ci è voluto un bel po' e una discreta quantità di forza per far entrare la punta, ma quando la barriera iniziale è stata infranta, il mio intero cazzo è scivolato nel suo culo. Ha urlato, ha afferrato Vicky e ha attutito i suoi rumori nelle sue tette. Dannii vide un'opportunità e strinse il suo corpo nello spazio tra Ana e il letto. Ha leccato Ana e io l'ho scopata, senza preoccuparmi del dolore che avrei potuto infliggere, rendendomi conto che questo mi avrebbe portato dove volevo essere.

Quando fui assolutamente certo che il culo di Ana fosse abbastanza allungato, lasciai che il mio cazzo scivolasse fuori da lei per un breve momento. Il suo buco spalancato mi stava implorando di riempirlo di nuovo, e Ana ha chiarito che non aveva ancora finito allargando le natiche con le mani. La sensazione del suo culo stretto che afferrava il mio cazzo mentre lo spingevo dentro, i gemiti davanti a me, il sorriso sul volto di Vicky, era tutto perfetto. Troppo perfetto, mentre sentivo il mio corpo prepararsi per una grande esplosione.

Stavo già pensando a dove e come avrei finito, quando Ana ha spinto il suo corpo verso l'alto. La strinsi contro il mio petto, mordendole il collo, giusto in tempo per il suo orgasmo. Ha urlato così forte che anche le persone a bordo piscina devono averlo sentito. Dopo che è rotolata via, ho visto il viso di Dannii, scintillante dei succhi di Ana. Vicky la baciò e afferrò il mio cazzo, succhiandolo il più forte possibile. Questo mi ha spinto oltre il limite.

Durante i pochi secondi dopo il punto di non ritorno, ho messo in fila le tre ragazze davanti a me. Le prime due ondate colpirono Dannii proprio in faccia, sulle guance, nell'occhio sinistro. Quelle successive erano dirette ad Ana, che aprì la bocca e riuscì a prenderne la maggior parte. Le ultime raffiche sono finite sulle tette di Vicky, alcune gocce sono sfuggite verso la sua gamba. Dannii ora stava cercando di togliersi il mio sperma dall'occhio, mentre Ana ci giocava in bocca. Vicky se ne accorse, si chinò e baciò Ana sulle labbra, trasferendole un po' della roba prima che entrambi inghiottissero le prove.

Sono caduto sul letto, esausto, ma esausto. Sbattersi un Dannii ubriaco in un vicolo buio era fantastico, ma quel primo pomeriggio era stato ben oltre. Mentre cercavo di riprendere fiato, Dannii - che finalmente ci vedeva di nuovo - leccò via l'ultima goccia di sperma dal mio cazzo ancora mezzo duro e si sdraiò accanto a me, seguito dalle altre ragazze. Rimanemmo così ancora per un po' (beh, noi tre lo facemmo, dato che Ana aveva già ricominciato a toccarsi), finché il rumore di bussare alla porta rovinò il momento. Nel corridoio c'era la ragazza della scrivania, leggermente nervosa.

"Signore," balbettò. "Ti dispiacerebbe chiudere le porte del balcone e cercare di contenere il rumore? Inoltre, vorrei informarti che è vietato portare ospiti nelle camere.

"Stavamo per andarcene," sentii dire da Vicky dietro di me. Pochi istanti dopo, tre ragazze russe nude sono passate davanti a un impiegato dell'hotel sbalordito, verso l'ascensore. Hanno salutato mentre le porte si chiudevano, mentre io stavo lì con la ragazza della scrivania.

"Problema risolto?"

Se ne andò senza dire un'altra parola.

Storie simili

I diari della motocicletta: l'Harley di papà

I diari della motocicletta: la Harley di papà Copyright © 2020 di Mojavejoe420 Ho sentito il mio telefono ronzare solo una volta nella tasca posteriore dei pantaloni. Probabilmente era il mio stupido ex ragazzo, quindi ho aspettato di finire di ordinare i drink. Era un martedì pomeriggio piuttosto lento, ma Applebee aveva una regola severa contro gli SMS in servizio. Sono tornato di nascosto nella cabina frigorifera dove le telecamere non potevano vedere. Ho sorriso mentre leggevo il messaggio di mio padre, alias Daddy-oh! sul mio telefono. Ehi Syd Sei occupato sabato? Lenore mi ha mollato per la corsa di beneficenza...

558 I più visti

Likes 0

Il destino come un vampiro

Quindi sono sicuramente uno scrittore dilettante, ma questa fantasia è stata nella mia mente ultimamente. Ho sentito che il modo migliore per assecondarlo era farlo uscire su carta, per così dire. Tieni presente che lo stavo scrivendo più per me stesso che per qualsiasi altra cosa, ma mi sentivo come se dovessi condividerlo, nel caso in cui qualcun altro lo apprezzasse. Questa è solo la seconda storia erotica che scrivo, quindi per favore, andateci piano con me. Mi piacerebbe critiche o commenti costruttivi, e se ricevo feedback positivi, prenderò in considerazione un sequel, o una serie, o qualunque cosa faccia galleggiare...

924 I più visti

Likes 0

I Grigi (Capitolo uno)_(1)

Mi chiamo Jude Grey. Ho 17 anni 5'11 forse 6'0 adesso. Ho gli occhi color cipria, i capelli nero-brunastri scuri. Ho caratteristiche molto dettagliate / cesellate come mi dicono le persone. Quest'anno è il mio ultimo anno di liceo, ed è appena agli inizi, sono molto coinvolto nello sport e rimango attivo. quindi sono in forma, non troppo grande sono muscoloso, ma magro allo stesso tempo sono anche un po' abbronzato. Sono 1 di 6 bambini. il mio fratellastro Christian ha i capelli castano scuro, è scuro quasi quanto il mio, il suo viso è cesellato, ma non così dettagliato come...

1K I più visti

Likes 0

Scopata da The Genius & Athlete

La scuola è finita. Il campanello suonò e tutti stavano facendo le valigie e lasciando la stanza. Ho sentito un brivido sul collo e sapevo già chi mi stava fissando. Kevin mi stava fissando, di nuovo; e stava parlando con Jerome, il suo migliore amico. I due ragazzi non erano solo migliori amici, ma erano anche vicini di casa. Vivono esattamente l'uno di fronte all'altro; a parte questo, i due sono anche completamente opposti. Jerome era atletico, attivo e rumoroso; mentre Kevin era più follemente intelligente (è il valedictorian della classe!) ed è più silenzioso e sottile, e anche per me...

773 I più visti

Likes 0

La vita di lex parte 1_ (3)

Mi ero quasi abituato alle entrate non annunciate di Lex nella mia stanza. Le avevo chiesto di smetterla di irrompere nuda, quindi ora di solito erano coinvolti mutandine e reggiseno o un asciugamano se si fosse appena fatta la doccia. Esci? sbottò lei invece di un saluto. Indossava pantaloncini del pigiama extra corti e una canotta. Dall'esperienza passata sapevo che probabilmente non aveva le mutandine sotto. I suoi seni, trattenuti a malapena dalla maglietta attillata, rendevano più che evidente che non indossava un reggiseno. Ciao Lex, come stai? Ho pensato che forse potevo evitare la domanda. Sto benissimo, tu sei fantastico...

2K I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

2.2K I più visti

Likes 0

Passeggiata nel pomeriggio

Si alzarono in una gloriosa mattina di luglio. Il mare era come uno specchio, già c'era un luccichio di calore che saliva dai ciottoli della spiaggia. Ha indossato un paio di pantaloncini da spiaggia mentre lei indossava un paio di slip del bikini. Uscirono dalla porta sul retro sulla spiaggia e scesero al mare per un tuffo rinfrescante. È rimasto leggermente indietro ed è stato in grado di vedere il suo sedere perfetto che si muoveva negli slip del bikini. Non ha mai smesso di meravigliarsi della sua bella figura. Si è precipitato in acqua per nascondere l'inizio di un'erezione. Aveva...

2K I più visti

Likes 3

Jilly

Ho sedotto, costretto o imposto me stesso a una ragazza giovane, minorenne. Chiamalo come vuoi, ma è successo, mi vergogno di averlo fatto, dopo la prima volta, ma ho continuato a godermi ciò che ho cospirato perché accadesse, ancora e ancora. Una storia vera che fortunatamente è andata bene, sarebbe potuta andare dall'altra parte! Perchè è successo? Sono un ragazzo, sposato da 15 anni e ad essere sincero annoiato di scopare mia moglie, che era passata dal godersi il sesso a sopportarlo. Avevo bisogno di un po' di spezie, qualcosa per farmi sapere che potevo ancora tirare, qualcosa per aumentare il...

2.4K I più visti

Likes 1

La moglie di Rick parte 5 di 6

La storia del mio amico La moglie di Rick 5 (5 di 6) La scena: Bendata, ero in ginocchio sul soggiorno pavimento, le ginocchia divaricate, l'inguine stretto contro il sedere di Linda, la mia moglie, anche lei inginocchiata e seduta sui talloni. Linda, dentro volta, era inginocchiato tra le gambe tese di William, che seduto sul nostro divanetto. Ora, immagina questo: io, il signor eterosessuale, mi stavo sporgendo in avanti con le braccia intorno a mia moglie. La mia mano sinistra era posta su quella di Linda mano sinistra che strizzava e massaggiava le palle di William. Il mio diritto la...

1.7K I più visti

Likes 0

RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

RASANDO LE GAMBE E LA FIGA DEI MIEI COMPAGNI È puramente immaginario ma basato su un incidente realmente accaduto, ma il personaggio è reale ed è un'ex fidanzata in Thailandia. Spero che la storia ti piaccia. .................................................. .................................................. .......... Tornando a casa un giorno ho trovato la mia coinquilina Tan che stava frugando nell'armadietto del mio bagno. Questa è la storia che seguì. Tan ha 34 anni e io ne avevo quattro in più ed è per questo che andavamo così d'accordo che ci prendevamo cura l'uno dell'altra che spesso sfilava in mutande, tranne quando veniva il suo ragazzo. “Merda Barry...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.