The Hardwoods: Kevin impara ad amare il cazzo

614Report
The Hardwoods: Kevin impara ad amare il cazzo

13-15 LUGLIO 1973: KEVIN IMPARA AD AMARE IL CAZZO

Questa storia è raccontata dal punto di vista del tredicenne Kevin Hardwood. Suo fratello diciassettenne lo incastra, il che fa sì che suo padre lo sculacci. Kevin cede alla richiesta di Luke di succhiargli il cazzo in modo che non continui a metterlo nei guai.

Era una calda giornata estiva di metà luglio. Mi stavo rinfrescando nel cortile sul retro della piscina di famiglia. Avevo l'intera piscina tutta per me con mio padre al lavoro e mia madre e mia sorella in visita dai vicini. Nuotavo pigramente a dorso intorno alla piscina godendomi il tempo che avevo per me.

La mia solitudine fu interrotta quando sentii aprirsi la porta del patio. Ho guardato oltre e ho visto che era anche mio fratello maggiore Luke in costume da bagno. Ultimamente va in giro per casa da quando la sua ragazza ha rotto con lui. Mi ha fatto piacere vederlo finalmente uscire di casa. Beh, per lo più contento, a volte può essere un po' una seccatura.

"Entra, Luke," dissi chiamandolo sperando di metterlo di buon umore. "L'acqua è semplicemente perfetta." Luca è saltato in piscina. "Sono felice di vederti finalmente fuori casa e goderti l'estate. Mi dispiace per la rottura."

"Beh, almeno avevo una ragazza," ribatté lui. "Non hai mai nemmeno baciato una ragazza."

"Anche io!" Gli ho mentito.

"Oh, sì, come chi?" chiese Luke con uno sguardo compiaciuto sul viso.

"Beh..." dissi cercando a tentoni un nome. Luke rise del mio disagio. "Beh, vaffanculo!" gli ho urlato contro. "Solo perché non ti fai più succhiare il cazzo, non significa che devi essere un tale fottuto coglione!"

"Posso farmi succhiare il cazzo ogni volta che voglio," disse Luke con calma.

"Nessuna ragazza vorrebbe succhiare il tuo cazzo sporco."

«Non stavo parlando di nessuna ragazza», disse Luke. "Stavo parlando del fatto che potevo convincerti a succhiarmelo ogni volta che volevo."

"Io non succhio il cazzo. E di certo non succhierò il tuo!"

"Scommetto che potrei fartelo succhiare," disse mentre nuotava più vicino a me.

"Stai lontano da me," urlai mentre gli spruzzavo dell'acqua. Ho iniziato a nuotare verso il ponte, ma era un nuotatore più forte di me. Mi ha afferrato mentre stavo urlando.

"Oh, andiamo, smettila adesso," mi disse Luke. "Se non me lo fai schifo, mi assicurerò che papà ti dia la sculacciata di una vita." Mi ha lasciato andare ed è uscito dalla piscina. Stava di fronte a me con i suoi costumi da bagno bagnati aggrappati al suo cazzo indurito. Era molto più grande del mio e non ho potuto fare a meno di guardarlo.

"Vado in camera mia", annunciò. "Se non vieni lassù a succhiarmelo, questo fine settimana avrai un culo rosso caldo." Lo guardai mentre se ne andava, ancora leggermente scioccato. Una parte di me voleva seguirlo e vedere com'era quel cazzo. Una parte di me non voleva cedere così facilmente alle sue richieste.

Non appena è entrato in casa, sono uscito dalla piscina e mi sono diretto lentamente verso la porta del patio. L'aprii ed entrai e salii le scale fino alle nostre camere da letto. Mi sono fermato in mezzo al corridoio, se fossi andato da una parte lungo il corridoio mi avrebbe portato nella sua stanza. L'altro modo mi porterebbe nella mia stanza. Ho subito deciso di andare nella mia stanza e ho sbattuto la porta.

È stato solo allora che ho notato che ero duro anch'io. Sono scivolato fuori dai miei bauli bagnati e ho accarezzato lentamente il mio cazzo da cinque pollici. Ero arrabbiato con me stesso per essere stato così eccitato da lui. Eppure, il pensiero del suo cazzo dentro il suo costume da bagno bagnato non se ne andava. Mi sono sdraiato sul letto, ancora facendomi scorta. Chiusi gli occhi immaginandomi di succhiargli davvero il cazzo. Ho aumentato il ritmo e ho iniziato a sollevarmi un po' più velocemente. Le mie guance si stavano arrossando per l'eccitazione. Il mio respiro ha iniziato a diventare più rapido e poi sono arrivato. Seme caldo e bianco sgorgò dal mio cazzo e atterrò sul mio stomaco. Rimasi sdraiato lì per un po', ansimando mentre il mio cazzo cominciava ad ammorbidirsi. Mi maledii di nuovo per essere così eccitato mentre afferravo un fazzoletto per ripulire il casino che avevo fatto.


-------------------------------------------------- ------------------------------

Il giorno dopo era sabato. Non mi piaceva molto il sabato. Ogni sabato, poco prima di andare a letto, io e Luke riceviamo le nostre sculacciate deterrenti. Sculacciate che riceviamo per impedirci di fare cose brutte prima che accadano. Se siamo cattivi riceviamo più sculacciate oltre alle sculacciate deterrenti, che sono due colpi con una pagaia per ogni anno che sei vecchio. Ho tredici anni, quindi ne ho ventisei, ma Luke ha diciassette anni, quindi ne ha trentaquattro. Le sculacciate deterrenti vengono sempre fatte nella stanza delle sculacciate al piano di sotto, ma le sculacciate disciplinari possono essere fatte ovunque e in qualsiasi momento.

Era il primo pomeriggio e mio padre, mia madre e mia sorella erano tutti fuori in giardino. Luke lavorava alla gelateria, il suo attuale lavoro estivo. Non ero sicuro di cosa avesse pianificato mio fratello per cercare di mettermi nei guai con nostro padre, soprattutto perché oggi sarebbe stato al lavoro per la maggior parte della giornata. Ho pensato che sarebbe stato meglio non essere a casa anch'io.

Sono uscito e ho visto mia madre in giardino che diserbava con mio padre. "Mamma," dissi attirando la sua attenzione. "Va bene se vado al parco?"

"Dovrebbe andare bene," rispose lei. "Basta che tu sia a casa per le sei."

"Grazie, mamma", ho gridato mentre mi precipitavo in garage per prendere la mia bici.

Sono andato in bicicletta al parco e ho scoperto che alcuni dei miei amici erano lì a giocare a basket. Anche se ero molto bravo nel gioco, mi hanno permesso di unirmi a loro. Dopo alcune partite ho deciso di tornare a casa. Erano le cinque e mezzo e non volevo tornare a casa tardi e mettermi nei guai.

Appena sono entrato dalla porta principale ho visto mia madre lì in piedi ad aspettarmi. "Dove sei stato tutto il pomeriggio?" chiese mia madre.

"Sono andato al parco," dissi con un po' di confusione. "Non ti ricordi che ti ho chiesto se potevo andare?"

"Me lo ricordo. E ci sei stato tutto il pomeriggio?" Ho annuito. "Sei sicuro?" chiese mia madre. Di solito è la battuta che usa per capire se dovrebbe sculacciarmi lei stessa e non solo mio padre. Mi sono fermato senza sapere cosa dire fino a quando alla fine ho solo mormorato "forse".

"Forse, eh?" lei disse. "Beh, forse potresti spiegarmi questo?" Ha tenuto la mano aperta mostrandomi cinque mozziconi di sigaretta schiacciati. "Sono salito nella tua stanza perché puzzava di fumo. Trovo questi nascosti nel tuo bidone della spazzatura. Avresti potuto appiccare un incendio, giovanotto! Per non parlare del fatto che non dovresti fumare!"

"Era Luke, non io!" sbottai.

"Non mentirmi, Kevin. Luke è stato al lavoro tutto il giorno oggi e non scende fino alle sei." Guardò l'orologio, "e sono le sei meno dieci in questo momento."

Adesso ero ancora più confuso. Non sono sicuro di come abbia fatto, ma l'ha fatto. Sarei dovuto rimanere qui invece di uscire. Non sapevo come spiegarle che non ero io e che era Luke. Non volevo dirle quello che è successo ieri perché ne ero troppo imbarazzato. Non riuscivo proprio a pensare a come avrebbe potuto farlo.

«Ma era Luke», dissi docilmente.

"Kevin Hardwood! Smettila di cercare di incolpare qualcun altro per quello che hai fatto!"

"Va bene", ho pianto. "Sono stato io. Mi dispiace, okay."

Mia madre sospirò, "non sembri molto dispiaciuto, ma lo sarai. Vai in sala da pranzo. Togliti i pantaloni e le mutande e sdraiati sul tavolo, conosci il trucco. Ti sculaccerò io stessa per te mentendo e cercando di incolpare Luke. Poi lo dirò a tuo padre."

So che lamentarsi non farebbe che peggiorare le cose, quindi sono andato in sala da pranzo. Mi sono tolto i pantaloni e le mutande, lasciandoli sul pavimento. Mi avvicinai al tavolo, affrontandolo e mi sporsi con lo stomaco e la faccia contro il tavolo. Stavo pensando a come vendicarmi di Luke mentre aspettavo che mia madre venisse da me. Non ero così bravo a mentire e mettere nei guai gli altri come lui. Se solo mamma e papà potessero vedere come si comporta nei miei confronti quando non ci sono.

"Allora," disse mia madre. "Quante pantofole pensi di meritare?"

Il suo mezzo di disciplina preferito è sempre stata la scarpetta. Speravo che usasse solo la sua mano. Inoltre mi dà sempre più di quello che dico, quindi le do sempre un numero inferiore a quello che penso di meritare. "dieci, signora," risposi.

"Penso che quindici sarebbe un numero migliore", ha affermato. "Sono molto deluso da te, Kevin." Ha messo la pantofola contro il mio culo scoperto. Potevo sentire la freschezza della pelle. Poi, senza alcun preavviso, si è tirata indietro e mi ha schiaffeggiato con la sua pantofola esattamente al centro del mio culo. "Uno, signora!" ho gridato.

Poi l'ha riportato indietro e mi ha schiaffeggiato la guancia del culo sinistro e poi mi ha schiaffeggiato rapidamente la guancia del culo destro. "Due, signora! Tre, signora!" Fece una breve pausa e poi ripeté gli stessi due colpi. "Quattro, signora! Cinque signora!" Di nuovo un'altra pausa e poi uno schiaffo sulla guancia sinistra e uno sulla guancia destra. "Sei signora! Sette signora!" Questa volta non si è fermata e ha continuato a scivolare via dal mio culo arrossato. "Otto, signora! Nove, signora!" Le lacrime si stavano formando nei miei occhi. Ho dovuto controllarmi per non muovermi troppo. "Dieci, signora! Undici, signora!" Stavo cominciando a saltellare su ogni piede. Mi sentivo il culo in fiamme. La mamma mi ha appoggiato la mano sulla parte bassa della schiena per tenermi fermo. "Dodici, signora! Tredici, signora!" Questa volta si fermò e appoggiò la pantofola contro la mia guancia sinistra. Poi l'ha schiaffeggiata con un forte colpo che mi ha fatto urlare. "Quattordici, signora!" Si fermò di nuovo e fece lo stesso con la mia guancia destra. Questo mi ha fatto piangere e le lacrime hanno iniziato a rigarmi il viso. "Quindici, signora!"

"Va bene, penso che tu ne abbia avuto abbastanza", disse mia madre. "Cosa hai da dire per te stesso?"

È sempre rito familiare ringraziare per la sculacciata e dichiarare perché l'hai ricevuta. "Grazie per avermi sculacciato, signora," dissi tra i singhiozzi. "Mi dispiace di averti mentito e di aver cercato di incolpare Luke. Mi dispiace anche di aver fumato."

"La pantofola che ti ho dato è stata per avermi mentito e aver cercato di incolpare Luke per il tuo comportamento scorretto", mi informò mia madre. "Tuo padre ti punirà per aver fumato." Ho solo annuito, sapendo che era inutile discutere. "Raccogli i vestiti e lavati. La cena sarà pronta tra poco."

Presi pantaloni e mutande e corsi di sopra. Sono andato in bagno e ho fatto la doccia. Appena sceso vidi Luke nell'ingresso.

«Non so come fai», dissi a Luke.

"Fatto cosa?" disse chiaramente la sua voce dicendo che sapeva di cosa stavo parlando.

"Le sigarette che hai messo nella mia stanza."

Lui rise, "beh, non ci sarebbe se me lo succhiassi. Se non vuoi che ti succeda qualcosa la prossima settimana ti suggerisco di avvolgere quelle labbra intorno al mio cazzo."

Marciai verso la mia stanza senza rispondergli, anche se il pensiero di farlo mi eccitava davvero.


-------------------------------------------------- ------------------------------

Era sabato sera, poco prima di andare a letto. Io e Luke eravamo al piano di sotto, nel seminterrato, nella stanza delle sculacciate. Era una stanzetta quadrata con un cassettone appoggiato alla parete di fronte alla porta e una sedia di legno al centro. Sopra il comò appeso al muro c'erano tre pagaie con incisi i nomi Kevin, Luke e Rosamund. (Rosamund era il nome di mia madre. Anche lei deve essere stata sculacciata da papà, ma non l'ho mai visto.) Luke e io eravamo di fronte al muro completamente nudi in attesa che papà scendesse a sculacciarci.

«Ricorda», mi sussurrò Luke. "Sai come impedire che la prossima settimana si ripetano le punizioni".

Ero quasi pronto a rispondergli, ma mi sono fermato quando ho sentito la porta aprirsi. Non gli piace se siamo qui a parlarci. Con la faccia ancora contro il muro, come ci è stato ordinato di fare, potevo sentire il rumore della sedia di legno contro il pavimento di cemento mentre si sedeva.

«Tua madre mi ha detto cos'è successo, Kevin» disse mio padre. "Stasera riceverai delle sculacciate di punizione oltre alle tue sculacciate deterrenti. Vai a prendere la tua pagaia e portamela."

Andai al comò, presi la pagaia e la diedi a mio padre. Senza bisogno che me lo dicessero, mi sono sdraiato sulle ginocchia di mio padre nella tradizionale posizione di sculacciata.

"Giusto," disse mio padre con approvazione. "Otterrai ventisei leccate come fai sempre. Dopo che avrò finito dovrai metterti contro il muro e aspettare finché non avrò finito con Luke. Dopodiché avrai quindici schiaffi per il tuo comportamento inaccettabile. È capito?"

«Sì, signore», risposi.

Senza aggiungere altro, mi colpì il sedere con la pagaia. Di solito i primi due che mi dà mio padre non sono per niente difficili. Questa volta non ha fatto eccezione. Tuttavia, so per esperienza che le sculacciate punitive per cui mi trovavo non sarebbero state così delicate.

"Uno, signore. Due, signore."

I pochi successivi che entrarono in contatto scesero con la stessa quantità di forza. Potevo sentirli ma non mi causavano alcun vero disagio. A parte la posizione imbarazzante in cui mi trovavo.

"Tre, signore. Quattro, signore. Cinque, signore. Sei, signore."

Ha iniziato ad aumentare un po' il ritmo adesso, ma non mi ha colpito più forte.

"Sette, signore. Otto, signore. Nove, signore. Dieci, signore. Undici, signore. Dodici, signore." La scivolata che ho avuto solo poche ore fa in aggiunta a questo mi stava già facendo sentire molto caldo il culo, anche se non mi stava colpendo molto forte. "Tredici, signore. Quattordici, signore. Quindici, signore. Sedici, signore."

Ora ha iniziato a usare più forza con i suoi swing. Ancora una volta, niente di insolito, mi colpisce sempre più forte durante le sculacciate deterrenti circa a metà. "Diciassette, signore! Diciotto, signore! Diciannove, signore! Venti, signore!"

Scalciavo ogni volta che la pagaia mi toccava il culo rosso. Stavo diventando molto nervoso per le sculacciate di punizione che stavo per ricevere, dal momento che di solito non mi sentivo mai così male quando ricevevo le mie sculacciate deterrenti.

Cominciò a rallentare mentre finiva gli ultimi sei leccate. Piangevo silenziosamente. "Ventuno, signore! Ventidue, signore! Ventitré, signore. Ventiquattro, signore. Venticinque, signore. Ventisei, signore."

Alla fine si è fermato. Rallentando mi alzai in piedi mentre mi porgeva la pagaia da rimettere al muro. "Grazie per avermi sculacciato, signore," dissi ripetendo il rituale dopo ogni sculacciata deterrente. "Prometto che starò meglio."

"Rimetti a posto la pagaia, Kevin," mi ordinò. "Luke, prendi il tuo e passami sopra. Kevin, torna laggiù e guarda il muro."

Smorzati i singhiozzi, mi avvicinai al muro, massaggiandomi la schiena dolorante. Chiusi gli occhi quando sentii Luke ricevere la sua sculacciata deterrente e contare ogni leccata mentre si sentiva giù. Sentire qualcuno che riceveva il suo quando sapevi che anche tu l'avresti fatto era peggio che ottenerlo davvero. Sembrava durare per sempre, ma in realtà erano solo pochi minuti.

«Hai finito, Luke» disse mio padre. "Vestiti e vai a letto." Ho sentito il comò aprirsi mentre Luke si toglieva i vestiti. Dopo pochi istanti Luke uscì dalla stanza delle sculacciate. Ero ancora di fronte al muro.

"Va bene, allora, Kevin" disse mio padre mentre sentivo le mie ginocchia tremare. "Dammi la tua pagaia e mettiti sopra il mio ginocchio." Ho fatto come ha detto, desiderando che fosse già finita.

"Sono estremamente deluso da te, Kevin," dichiarò mio padre con me sopra il suo ginocchio con il mio culo già rosso che sporgeva. "Fumare è una pessima abitudine. Per non parlare del fatto che gettarli via nella spazzatura potrebbe aver provocato un incendio. Non vuoi provare cosa ti succederà se questo tipo di comportamento continua dopo che avrò finito qui stasera ."

Il primo colpo è atterrato con uno schiaffo sulla mia guancia sinistra, facendomi calciare in aria. "Uno, signore!" Dio, faceva male e questo era il primo. Ci fu un altro schiaffo sulla mia guancia destra. "Due, signore!" Senza alcuna esitazione lo ripeté di nuovo, prima la guancia sinistra poi la destra. "Tre, signore! Quattro, signore!" Li ha delusi con più forza ora facendomi perdere l'equilibrio sul suo ginocchio. "Cinque, signore! Sei, signore!" Mise un braccio intorno alla parte bassa della mia schiena tenendomi fermo. "Sette, signore! Otto, signore!"

Stavo piangendo, le lacrime mi rigavano il viso. "Sarò buono! Sarò buono!" Ho protestato, non sapendo davvero perché lo stavo dicendo visto che non avevo davvero fatto niente di male. "Per favore!"

"Oh, farai il bravo," disse mio padre seccato. "Ma ne hai ancora altri sette in arrivo."

I due successivi caddero con un forte schiocco. "Nove, signore! Dieci, signore!"

Ho cominciato a cercare disperatamente di coprirmi il culo con le vesciche con la mano, ma mio padre mi stava bloccando il braccio lungo il fianco. "Undici, signore! Dodici, signore!"

"Mi dispiace, signore! Per favore, non più", singhiozzai nella speranza di fermarlo ora.

"Mi dispiace anche per me, figliolo," rispose mio padre. "Ne mancano solo altri tre per far passare il messaggio."

I due successivi sono scesi facendomi piangere. "Tredici, signore!" Ho singhiozzato forte prima di tirare fuori il numero successivo, "Quattordici, signore!"

"Va bene," mi informò mio padre. "Questo è l'ultimo che ti trasmette il mio messaggio. Non ci sarà più fumo in casa mia o fuori casa mia." Si è tirato indietro e mi ha colpito il sedere con la paletta di legno. Emisi un urlo mentre alzavo entrambi i piedi in aria. "Quindici, signore!"

"Alzati" mi ordinò mio padre. "Cosa hai da dire per te stesso?"

"Grazie..." feci una pausa singhiozzando cercando di pronunciare le parole, "per... avermi sculacciato... signore." Mi sono fermato e ho singhiozzato ancora. "Mi dispiace... per aver fumato. Io... non lo farò mai... mai più...."

"Lo spero," mi disse mio padre. "Ora vestiti e vai a letto."


-------------------------------------------------- ------------------------------

Il pomeriggio del giorno dopo entrai nella stanza di Luke. Era sdraiato sul letto ad ascoltare lo stereo. Mi guardò, sorridendo timidamente. "Beh," chiese. "Sei finalmente tornato in te e ti sei reso conto che potrei farti fare tutto quello che voglio?"

Annuii con la testa, non dandogli la soddisfazione di sentirmi effettivamente dire che poteva.

"E sei venuto qui a succhiarmi il cazzo?"

Ho annuito di nuovo. Potevo sentire il mio cazzo diventare duro al pensiero. Poteva vedere la mia faccia arrossire per l'imbarazzo mentre un sorriso gli balenava sulle labbra. Si sedette sul lato del letto mentre chiudevo la porta dietro di me. Poi si aprì la cerniera dei pantaloni e tirò fuori il suo cazzo già indurito. Mi sono inginocchiato davanti a lui e l'ho avvolto con la mano, alimentandolo lentamente su e giù.

"Non prendermi in giro," mi ordinò. "Voglio che tu mi succhi finché non ti vengo in gola."

In segreto ho sempre voluto succhiare un ragazzo, ma non ho mai pensato che la prima volta che l'avrei fatto sarebbe stato mio fratello. Chiusi gli occhi, tirai fuori la lingua e leccai l'intera lunghezza del suo cazzo iniziando dalla base e arrivando a circa metà altezza. Poi sono sceso alla base con la lingua e questa volta sono salito fino alla punta del suo cazzo. Potevo assaggiare il suo pre sperma.

"Oh, cazzo, sì," esclamò. "Ti piace, vero?" Sentii il sangue affluire alle mie guance, senza rispondergli. "Apri la bocca per me."

Ho fatto come mi ha detto e lui ha schiaffeggiato la testa del suo cazzo contro la mia lingua. Poi ha spinto il suo cazzo dentro la mia bocca. Solo un po' all'inizio, ma a ogni spinta scendeva sempre più giù nella mia gola.

"Vai avanti, succhialo", ha detto.

Cominciai a muovere la testa su e giù sul suo cazzo. Mi stavo divertendo a succhiare un cazzo, anche se era mio fratello. Dopo alcuni minuti, mi ha afferrato la nuca e mi ha fottuto la bocca. "Cazzo, sì," disse. "Preparati! Sto per venire!"

Con le sue mani che mi tenevano ancora la testa sul suo cazzo, me lo spinse profondamente in gola. Con un grugnito mi ha sparato il suo carico di sperma dritto in gola. Ho iniziato a vomitare, assaggiando il suo seme. Mi sentivo davvero sporco e usato, ma mi stava eccitando.

Dopo che ebbe finito, tirò fuori il cazzo. "Grazie, fratellino," disse accarezzandomi i capelli con la mano. "Adesso esci da lei e vai nella tua stanza e fatti una sega." Rise mentre uscivo dalla porta.

Storie simili

La vita di lex parte 1_ (3)

Mi ero quasi abituato alle entrate non annunciate di Lex nella mia stanza. Le avevo chiesto di smetterla di irrompere nuda, quindi ora di solito erano coinvolti mutandine e reggiseno o un asciugamano se si fosse appena fatta la doccia. Esci? sbottò lei invece di un saluto. Indossava pantaloncini del pigiama extra corti e una canotta. Dall'esperienza passata sapevo che probabilmente non aveva le mutandine sotto. I suoi seni, trattenuti a malapena dalla maglietta attillata, rendevano più che evidente che non indossava un reggiseno. Ciao Lex, come stai? Ho pensato che forse potevo evitare la domanda. Sto benissimo, tu sei fantastico...

1.9K I più visti

Likes 0

Il contadino malvagio_(1)

Il contadino malvagio È il prossimo futuro e dopo diverse guerre, criminalità e la violenza è ancora endemica in quanto la polizia è molto sottile sul terreno e in alcuni punti è caotico con la legge spesso ignorata. Le cose stanno lentamente tornando alla normalità ma la carne scarseggia e la gente lo farà prova qualsiasi tipo di carne che viene loro dato da mangiare. Il mercato nero delle merci fa il 60% dell'economia. Erano le vacanze estive e cinque giovani donne che tutte voleva andare all'università d'arte ha cercato di iscriversi ma il loro corso era pieno fino all'anno successivo...

2.7K I più visti

Likes 1

Le avventure di Jessica 4!

Le avventure di Jessica 4 Note dell'autore: Ehi gente, questa è la mia quarta storia della serie e non vedo l'ora di ricevere un feedback. Adoro scrivere queste storie, ma sono molto impegnato ora, quindi potrebbe passare un po' di tempo tra le storie. Amo tutti i miei fan e odio i miei non fan, lol, beh, non ti odio davvero, mi chiedo solo perché non ti piacciono le mie storie. Ci sarà incesto in questa storia, e se odi l'incesto, non leggerlo. Questa è la quarta avventura di Jessica nella serie e, in futuro, fai attenzione a un ospite speciale...

2K I più visti

Likes 3

Le tette si fanno bang bang

Ancora una volta vi porto la copia scritta di un'avventura interrazziale più recente. Proprio come prima, adoro ricevere posta da tutti voi e se non ricevete una risposta da me la prima volta, diavolo, scrivetemi di nuovo. Un piccolo retroscena per questa storia: è successo una notte l'estate scorsa. Stavo tornando a casa da un club (mio marito è stato via per la settimana - allenamento). A circa ¼ della strada di casa, la mia macchina ha iniziato a fare i capricci e alla fine ha ceduto. Usando il mio cellulare e una rubrica di una stazione di servizio vicina, ho...

2K I più visti

Likes 0

Incontri sessuali di un giovane - 26 – Prima notte di sesso con Rupali

Incontri sessuali di un giovane uomo- 26 – Trio con Rupali e Manavi. La storia è di uno dei miei amici Montu Kumar inizia intorno all'anno 2011-12, circa 7-8 anni indietro dal tempo presente. È diventato amico di me durante una sfilata di moda a Delhi.. Dove era l'Event Planner. Mi ha raccontato la sua storia durante i nostri numerosi incontri. Questa è una storia di sesso a tre con Rupali e Manavi La storia è di uno dei suoi amici Montu Kumar inizia intorno all'anno 2011-12, circa 7-8 anni indietro dal tempo presente. È diventato amico di me durante una...

2K I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

2.1K I più visti

Likes 0

Un weekend non così noioso

Solo per Holly! :-P Era proprio come tutti gli altri venerdì che erano passati quest'anno. La scuola durava 48 ore e iniziava la ripetizione che era diventata il suo fine settimana. La maggior parte delle persone vedeva il proprio fine settimana come un momento per uscire e divertirsi, Naomi invece li considerava troppo lunghi e noiosi. Non aveva molti amici in questa nuova città e non guidava, quindi non poteva scappare in spiaggia. I fine settimana non avevano nulla in serbo per lei. Naomi ha riflettuto su cosa avrebbe potuto fare per intrattenersi questo fine settimana mentre apriva la porta, buttava...

1.8K I più visti

Likes 0

Uno stile di vita oscillante, capitolo 3

Dato che ora operavo da single, ho deciso di rispondere ad alcuni annunci in una rivista di scambisti. Ho provato a cercare le coppie che volevano qualcosa di insolito, e ho detto in ogni risposta che ero disposto a provare qualcosa che non fosse pericoloso o doloroso. Nessuno degli annunci a cui ho risposto aveva menzionato il sesso bisessuale, ma ho pensato che qualsiasi ragazzo che cercava di condividere sua moglie con un altro ragazzo probabilmente stava segretamente pensando di provarlo. Si è scoperto che ero praticamente sui soldi. Ho ricevuto una risposta positiva da più della metà delle mie lettere...

2K I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

1.8K I più visti

Likes 0

Moglie violentata in Sudafrica

Mia moglie Elaine ed io abbiamo fatto una vacanza in Sudafrica l'anno scorso e abbiamo deciso di provare a vedere quanto più possibile del paese. Abbiamo volato a Johannesburg e abbiamo trascorso un paio di giorni a guardarci intorno. Abbiamo ricevuto molti avvertimenti sui pericoli della città, capitale mondiale degli omicidi, e abbiamo preso taxi ovunque. Le township sono state un vero shock culturale ma con una guida e stando nei trasporti, non abbiamo avuto problemi. Abbiamo viaggiato a Port Elizabeth e abbiamo affittato un bungalow, era bellissimo. Ci siamo rilassati e probabilmente eravamo meno consapevoli di ciò che ci circondava...

3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.