La realizzazione di una troia - parte 4

140Report
La realizzazione di una troia - parte 4

«Di solito» disse il dottor Field. “Avrei un'infermiera presente e lei rimarrebbe durante l'esame, ma il tuo patrigno mi dice che non sarà necessario. In effetti, sarà invece presente quando lo chiamo. Dice anche che non c'è bisogno di darti un vestito o di lasciare la stanza mentre ti spogli". Mi sorrise, ma non in modo molto amichevole. "Allora, vai avanti, togliti il ​​vestito."

Papà mi aveva detto di indossare un vestito di cotone senza reggiseno o mutandine, così me lo sono tolto sopra la testa e sono rimasto lì con i sandali. Il dottore si leccò le labbra. “Capisco che non sei vergine, quindi non dovrò stare attento a come conduco il tuo esame, vero? Non come sono con le ragazze. Tuo padre mi dice che hai un'esperienza sessuale significativa. Lo ha descritto come attivo. Quindi non credo che avere gli strumenti inseriti sarà inquietante”. Indicò il tavolo.

"Togliti le scarpe e sdraiati lì." L'ho fatto, e lui ha preso i miei fianchi, ha fatto scivolare le mani sotto le mie natiche e mi ha tirato verso di sé finché il mio sedere non è stato proprio sull'orlo. Poi girò velocemente le staffe e ci mise dentro i miei piedi. Non sapevo cosa sarebbe dovuto succedere in circostanze "normali", ma il dottore voleva che sapessi che era diverso. Mi avvolse rapidamente i polsi con cinghie di nylon attaccate alla parte inferiore del tavolo, quindi altre cinghie attorno a ciascuna caviglia in modo che i miei piedi non potessero uscire dalle staffe. "Di solito non lo faccio nemmeno io", ha detto, "ma mi diverto quando possibile e mi semplifica il lavoro" Poi ha spinto indietro le staffe così tanto che non pensavo che le mie gambe potessero aprirsi di più .” Fissò il mio inguine esposto per un lungo momento, sorridendo di nuovo. "Piuttosto una bella foto."

Si alzò, prese il telefono e chiamò la receptionist. «Manderai il padre di Linda» disse. In meno di un minuto, mio ​​padre è entrato nella stanza. I suoi occhi si illuminarono quando mi vide spalancarsi. «Ha un aspetto migliore di quanto pensassi, Dan. Bella configurazione che hai qui. Ho spesso pensato di prendere qualcosa del genere. Rende una figa così accessibile, vero?"

«Sì» disse il dottor Field, muovendosi per stare in piedi tra le mie gambe. “Non ci sono ancora molti peli pubici. Stai pensando di tenerlo rasato?"

"Possibilmente. Una fica liscia e glabra è sempre un bel cambiamento rispetto al solito.

"Da quanto tempo lo usi?"

“Da qualche mese. Ma è ancora stretta. Guarda tu stesso.”

Mi sono reso conto che la mia faccia era in fiamme. Era così incredibilmente imbarazzante il modo in cui stavano lì e parlavano della mia figa. Il dottor Field si è infilato un paio di guanti di gomma e si è messo tra le mie gambe e ha aperto le mie labbra, non troppo delicatamente. “Hmm, sembrano gonfi. L'hai avuta stamattina, o una piccola punizione?"

"Entrambe," disse mio padre. Trovo che sia importante alternare dolore e piacere in modo che i due diventino completamente connessi. Hanno bisogno di un po' di dolore per arrivare al piacere. . . . personalità sottomessa di base”.

Il dottore annuì e all'improvviso inserì le dita. Rimasi senza fiato ed entrambi risero. "Hai perfettamente ragione", disse il dottore. "Ed è ancora bello e aderente." Si asciugò le dita guantate sulla mia coscia, fece il giro del tavolo, prese un seno in ciascuna mano e me lo schiacciò contro il petto, poi si strofinò i capezzoli tra le dita finché non emisi un leggero suono. “Sembra sano. Penso che queste tette diventeranno un po' più grandi. Quelle di sua madre sono impressionanti, a quanto ricordo.»

"Mammelle di vacca", disse mio padre. “E molto divertente. So che ti sono piaciute”.

“Certo che l'ho fatto. Tua moglie prende molto bene la disciplina delle tette. Il dottor Field ha continuato a massaggiarmi il seno in modo approssimativo. La sensazione dei guanti di gomma mi faceva indurire i capezzoli. “Potremmo anche provare alcune terapie ormonali su cui ho lavorato. Ha ottimi risultati sulla dimensione del seno e sulla libido. Rende le ragazze molto calde. Immagino che ti piacciano le tette abbastanza grandi.

Papà ridacchiò. “Non credo che questa piccola troia abbia bisogno di molto incoraggiamento nel reparto libido, ma non mi dispiacerebbe se le sue tette fossero più grandi. Non c'è abbastanza per afferrare e schiaffeggiare. E mi piace legarli alla base, facendoli sporgere. Naturalmente, c'è sempre un ingrossamento del seno. Vedremo quando saranno completamente cresciuti. Metti alla prova la lunghezza del capezzolo, vero?"

"Certo. Il dottore aprì un cassetto e tirò fuori due minuscoli elastici. Afferrò un capezzolo e lo tese, poi avvolse l'elastico attorno ad esso diverse volte finché non fu davvero stretto. Poi ha trattato l'altro allo stesso modo. Divennero immediatamente gonfi e formicolanti. Il dottore tirò fuori dalla tasca un minuscolo righello, misurò e poi annotò sulla cartella. “Non molto a lungo, ma puoi lavorare anche su quelli. Con quello e qualche aumento puoi avere un modello personalizzato. Tornò al suo posto tra le mie gambe. "Mi chiedo che sapore abbia una figa così giovane e fresca."

"Sii mio ospite", disse papà. "Tutto quello che vuoi, è tuo."

Il dottor Field si è seduto sul suo sgabello, si è chinato e ho sentito la sua lingua calda sbattere contro la mia fessura. Mio padre è andato a capotavola. "Questo non ha quell'attaccamento speciale", ha chiesto e il dottore annuì, quindi smise di fottermi la figa per un momento.

"Quella leva alla tua destra, tirala da un lato." Quando mio padre lo fece, la metà superiore del tavolo si abbassò all'improvviso finché la mia testa non cadde. Papà tirò fuori all'istante il suo cazzo e me lo fissò in bocca. "Sì", ha detto, dovrò procurarmene uno."

"E me ne vado a prendere uno di questi", ha detto il dottore, indicando la mia figa. "Forse se ti imbatti nel tipo giusto nella tua pratica."

"Ti terrò d'occhio." Papà si accarezzò dentro e fuori dalla mia bocca senza prestarmi attenzione. "Ma sicuramente porti qualche troia attraverso la porta dell'ufficio."
«Vero, ma è più un problema di quanto ne valga la pena. Osservandoli per vedere se si stanno godendo l'esame e facendogli una piccola iniezione in modo che non si ricordino. Grazie per quel farmaco che mi hai dato comunque. Fa miracoli. Ma sono così fuori di testa che non è poi così divertente violarli. D'altra parte, quando prendono l'antidoto e si trovano sdraiati sul tavolo con un'infermiera seduta accanto a loro, danno sempre per scontato che le loro fiche siano doloranti a causa dello speculum. Tornò a leccarmi la figa, guidando la sua lunga lingua dentro di me. Poi ho sentito il suo dito guantato nel mio buco del culo.

"La backdoor è ancora vergine", ha chiesto a papà, che si stava accarezzando casualmente in bocca. Non una volta nessuno dei due mi aveva parlato direttamente ed era una sensazione così strana. Avrei potuto far parte del tavolo stesso per tutto ciò che mi hanno prestato attenzione.

"L'ho tenuto a bada per un trattamento speciale", ha detto. “Ma un dito va bene. Quando scopo una figa, mi piace sentirla dall'altra parte con il dito.

"Bene, prima faremo l'esame, quindi esploreremo un po' più a fondo." Prese un oggetto di metallo dal tavolo. «Temo che faccia un po' freddo», disse, «un po' immagino che sia già abbastanza calda dentro. E non abbiamo bisogno di alcuna lubrificazione. C'è già abbastanza regalo" Allargò le mie labbra di fica e premette questa cosa fredda e dura dentro di me, e iniziò ad aprirla a manovella. Poi ha guardato dentro di me e ha infilato qualcosa lì dentro per una specie di prova. “Sembra in salute e sarà una buona allevatrice. Qualche piano in quella direzione?"

Il mio patrigno ha detto: “No, troppe complicazioni. Forse quando sarà più grande. Per ora la voglio sotto controllo delle nascite. Mi piace sborrarle in bocca, ma anche riempirle la fica va bene. Sono stato attento, ma non voglio preoccuparmi delle date in calendario”.

"Ti darò dei campioni quando te ne andrai in modo da poterla iniziare subito, ma ci vuole un po' di tempo per essere efficace." Tirò fuori lo strumento di metallo.

«Allungato un po' adesso. Non ti dispiace se io. . .” il dottore fece un cenno verso la mia fica allargata.

“No, volevo dire. Divertiti.

Il dottor Field si alzò e si aprì i pantaloni. Ho sentito l'inconfondibile sensazione di un cazzo contro la mia figa.

"Userò un diverso tipo di 'strumento' per questa parte dell'esame", ridacchiò. "Io lo chiamo il test di idoneità del cazzo."

“Credimi, quella è una figa adatta. E averlo saldamente fissato in posizione lo rende ancora migliore. Immagino che sia bagnata.

"Gocciolante", disse il dottore. E si è speronato senza ulteriori guadagni. Ero sbalordito e quasi soffocato dal grosso cazzo di papà in gola. Ma hanno rapidamente elaborato un ritmo tra di loro.
«Allora, dottore. Quanti dei tuoi pazienti chiedono il trattamento speciale?”

“Un piccolo gruppo selettivo, molto sottomesso, di solito è sessualmente frustrato. Mi assicuro di programmare almeno uno di questi tipi ogni giorno o giù di lì per mia comodità. E ho un'infermiera specifica che partecipa a quelle sessioni. In questo modo non possono rinunciare al loro consenso a ricevere il trattamento speciale”.

"Leghi le tette e cos'altro?"

"Oh, dipende", ha risposto il dottor Field, speronando il suo cazzo sempre più in profondità dentro di me. Dico loro che puttane cattive sono mentre mi succhiano e, se sembra appropriato, leccano anche la figa della mia infermiera. Quelli a cui piace farsi inculare sono particolarmente divertenti. Posso regolare il tavolo e legarli a faccia in giù in modo che sia molto accessibile. Il dottore accarezzava sempre più forte. Mio padre ha preso il suo ritmo e ha stretto la base del suo cazzo. Sapevo che mi avrebbe riempito la bocca da un momento all'altro. Entrambi hanno soffiato il loro sperma dentro di me più o meno nello stesso momento.

“Hmm,” disse il dottore. "Non è affatto male. E penso che le darò una buona siringa e un po' di spermicida solo per andare sul sicuro". Inserì un tubo sottile nella mia figa e aprì una valvola. L'acqua fredda mi versò dentro e mi inarcai giù dal tavolo. "Oh, un po' freddo, vero?" l'ho regolato e poi faceva troppo caldo, ma non ho osato lamentarmi. Prese una bottiglia da uno scaffale con il collo stretto, come una bottiglia da spremere di ketchup al ristorante, e vi infilò dentro qualcosa che faceva un po' bruciare. «Dovrebbe bastare» e si avvicinò a capotavola. "Pulisci il mio cazzo", ha detto. "Vedremo come sono le tue tonsille", e rise alla sua stessa battuta. Una volta che mi sono esibito con sua soddisfazione, ha detto qualcosa al mio patrigno che non potevo proprio qui. Papà annuì e il dottore premette un pulsante sul suo citofono. Qualche istante dopo la porta si aprì ed entrò l'infermiera. Ero mortificato quando mi guardava come un pezzo di carne.

"Divertendomi, dottore", gli chiese, sorridendogli.

"Infatti. Il nostro nuovo paziente è abbastanza soddisfacente”. L'infermiera camminò tra le mie gambe e, con mio grande shock, iniziò a toccarmi. Guardò il mio patrigno. "Quando pensi che sia il momento giusto, sarei felice di ampliare la sua educazione".

"Perché non ora", disse, ovviamente soddisfatto dell'idea.

"Come ti piacerebbe?" lei chiese.

"Penso che se ti metti a cavalcioni sulla sua faccia, mi scoperò la tua adorabile fica e lei potrà leccare il mio cazzo e la tua figa allo stesso tempo."

Così ho avuto il mio primo assaggio di figa. Ero veramente mortificato. È stata anche la prima volta che sono stato trattato in modo così completamente impersonale. E ancora devo ammettere che mi ha fatto molto caldo dentro. Ha abbassato la sua figa rasata sulla mia bocca e l'ho leccata, un po' incerta all'inizio, ma mi ha detto di prendere la mia fottuta lingua su per la sua presa e di bagnarla per mio padre. Poi si fermò su uno sgabello o qualcosa del genere e fece scivolare il suo cazzo dentro di lei. Potevo facilmente leccare entrambi, e l'ho fatto. Quando fu pronto per venire, si tirò fuori da lei e mi sparò il suo carico in gola. Poi si è messa a terra la figa e ha clitoride nella mia bocca fino a quando è arrivata anche lei.

L'ultima umiliazione è che mi hanno lasciato lì legato al tavolo per forse mezz'ora mentre tutti uscivano dalla stanza. Il dottore ha preso un dildo a batteria da un armadietto, me lo ha infilato dentro e l'ha acceso prima che se ne andassero.

Solo alcuni anni dopo ho scoperto che il dottore aveva le sue sale d'esame cablate con telecamere di sorveglianza e venduto i film risultanti su varie reti porno. Quindi tutto quello che avevo fatto era su pellicola, specialmente io che scrivevo sul tavolo cercando di sborrare dal vibratore dentro di me. Finalmente mio padre tornò e si avvicinò al tavolo. Ha raggiunto il mio clitoride. “Vuoi venire, cagna? Vuoi venire davvero male, vero?"

"Sì, papà, per favore."

Mi fissò per un momento. "Suppongo, dal momento che ti sei comportato bene." E mi ha pizzicato e strofinato brutalmente il clitoride. A quel punto ero così sexy che non mi importava quanto lo facesse. E sono venuto, ad alta voce. Ha continuato così, scopandomi con il dildo e strofinandomi il clitoride, facendomi venire ondata dopo ondata, finché ho pensato che sarei svenuta.

"Molto buona." Ha slacciato le cinghie. “Ora rimettiti il ​​vestito e lascia quelle fasce sui capezzoli. Mi piace come sporgono".

Ero piuttosto imbarazzato a uscire dall'ufficio e per strada con questi capezzoli appuntiti che sporgevano dal mio vestito di cotone sottile, ma ovviamente a papà è piaciuto. Spiegava anche perché avevamo preso il treno invece di guidare. Si è assicurato che ogni uomo sul treno guardasse bene i miei capezzoli sporgenti e mi ha persino sollevato la gonna in modo che questo tipo di ragazzo nero da gangbang sul sedile di fronte a noi potesse farsi una bella foto della mia figa. Abbassò gli occhiali da sole e mi fissò tra le gambe. Poi si leccò le labbra e si strofinò oscenamente il rigonfiamento dei jeans. "Lo stai vendendo?" chiese al mio patrigno.

"Sto solo mostrandolo per ora", ha risposto. “Ma se vuoi darmi il tuo numero di cellulare, sarò felice di farti sapere quando puoi averne un po'. . . gratis, ovviamente. È una tale troia, si scoperebbe qualsiasi cazzo le metti davanti.

Di nuovo la mia faccia era in fiamme. Ero lì in piedi accanto al mio patrigno mentre mi toccava con un dito davanti a un perfetto sconosciuto. Questo ovviamente era ciò che intendeva con continuare la mia formazione. Il negro si alzò, si guardò intorno per vedere che nessun altro nell'auto era abbastanza vicino da vedere e si unì a noi. Ha dato a mio padre un biglietto da visita. "Un pezzo come questo vale dei soldi seri", ha detto. “Vuoi fare affari, fammi sapere. Ma sarò felice di darle un assaggio di carne nera dura". Ha ritoccato i miei capezzoli dilatati. "bello", disse. «Forse dei piccoli anelli d'oro. Tutta la mia puttana ha dei piccoli anelli. Anche laggiù,” aggiunse, prendendomi a coppa la figa e stringendola forte nella sua mano enorme. “Fammi sapere, affari o piacere. . . . in qualsiasi momento. Farò la cagna.

Scese alla fermata successiva e io mi sedetti lì arrossendo furiosamente.

Il mio patrigno si stava ovviamente divertendo molto. «Linda, mia piccola troia», sussurrò. “So che sei imbarazzato, ma so anche che il tuo fottuto buco del cazzo sta gocciolando succo di figa. Vedi, è proprio quello che ti piace. Nato per essere un giocattolo del cazzo, ragazza.

"Vorresti davvero lasciarlo avere me", ho chiesto nervosamente.

"Beh, non in modo permanente", ha detto. «Ma sì, gli lascerei usare te, per il mio divertimento, ovviamente. Sembra molto ben dotato e dovrai imparare a prendere un cazzo di qualsiasi dimensione in quella dolce strappata. Questo è il tuo lavoro.

Quando siamo tornati a casa, mi ha sculacciato duramente per aver apprezzato così tanto l'esame del mio dottore, e poi ha raccontato tutto a mio fratello, davanti a me. Ha concluso la storia mostrando a Derek i miei capezzoli avvolti. Li ha tirati su mentre io gli succhiavo il cazzo. “Sai, papà,” disse. "Sono fottutamente felice che mamma ti abbia sposato."

Storie simili

Stregoneria

Avendo poteri soprannaturali, Ann ha completamente dominato suo marito Albert. Con la moglie come capo, Albert doveva fare tutti i lavori di casa. Anna, sul d'altra parte, non ha fatto nulla del genere. Quando si torna a casa dal lavoro tutti i giorni, diceva sempre ad Albert di preparare la cena. Inoltre, dopo aver cenato, e Albert aveva fatto i piatti, Ann gli ordinò di alzarsi in piedi dicendogli di farlo bacia e adora le dita dei piedi. Inoltre, ogni volta che le piaceva, si alzava su e abbassa la gonna e le mutandine, girati e infine dì: Bacia il mio...

614 I più visti

Likes 0

Confessioni di una troia sborra Pt. 1-2

Sono una troia da quando avevo diciotto anni. È difficile per me raggiungere l'orgasmo senza un cazzo in bocca. Sono dipendente dallo sperma. Lo mangio, a volte più di due volte al giorno. Lo sogno. Ho fatto docce di sperma. Esiste un programma in dodici fasi per le troie sborrate? Scommetto che c'è. Il problema è che in realtà mi piace essere una troia sborra. Quando c'è della sborra sulla mia faccia, di solito c'è anche un sorriso lì. E viceversa. Non sono sempre stata una troia sborra. Ho iniziato come una vergine innocente, come tutti gli altri. Ma questo è...

776 I più visti

Likes 0

The Futa Fairy - Futa Doctor's Hot Wish Capitolo 1: Futa Desire della dottoressa Rita

La Fata Futa - Il caldo desiderio del dottore Futa Capitolo uno: Il desiderio futa della dottoressa Rita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 Era passato un mese da quella fatidica mattina in cui imparai qualcosa di impossibile. Qualcosa di straordinario. Qualcosa che mi faceva bagnare la figa quasi ogni mattina quando sprofondavo nel sonno durante il giorno. Sì, il giorno. Ho fatto il turno di notte al St. Claire's Hospital. Un mese fa, ero stato fermato dal poliziotto futa, l'agente Cindy. Il solo pensiero di quella futa prepotente ha reso la mia figa così bagnata. Rabbrividii nel mio camice...

644 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

839 I più visti

Likes 0

Imparare lo stile di vita Pt 4 - Eccitarsi con i tatuaggi

Hanno cambiato la biancheria da letto e Michael si è fatto la doccia e poi si è vestito. Poi Michael ha messo le lenzuola sporche in ammollo nella macchina e poi erano in viaggio. A questo punto, Silk stava morendo di fame. Michael ha preso le chiavi e quindi Silk lo ha lasciato guidare naturalmente. L'ha portata nel suo appartamento per prendere un'altra camicia da indossare poiché all'altra mancavano alcuni bottoni. Ha cambiato il suo vestito e lo ha incontrato di nuovo in macchina. Ha portato loro una tavola calda per camionisti e l'ha guardata in faccia. Fu lieto di notare...

793 I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania

Mi ha assunto tre settimane fa. Un lavoro per il quale sono grato ma completamente non qualificato. Ma poi io sono giovane e asiatica, e lui è più vecchio e bianco, e nel corso dei miei doveri (e sì, anche nel corso del mio ficcanaso) ho scoperto la metrica del porno sul suo hard- drive con giovani donne asiatiche. Sono ben lungi dall'essere scoraggiato da questo. Voglio dire, non fraintendetemi, non ho alcun desiderio di scopare fino in cima, e sono anche dolorosamente consapevole dell'intero cliché della dinamica di potere tra uomo bianco e ragazza asiatica. Ma togliendo tutto questo dall'equazione...

830 I più visti

Likes 2

Bravado, parte 2

Kevin si svegliò la mattina dopo intontito, sbronzo e duro come una roccia. Debby giaceva accanto a lui nuda, sorridendo e accarezzando il suo piccoletto. Charles non era a letto. Kevin sussurrò, smettila! e ha provato a staccare le mani, ma ha semplicemente stretto e ha continuato a giocare con lui. Kevin sapeva che Charles non era felice che fossero finiti tutti in una cosa a tre la scorsa notte, ma a Debby non sembrava importare. Kevin sentì Charles che girava per la cucina. Kevin guardò Debby negli occhi e gridò: “Charles! Debby non smetterà di giocare con il mio cazzo!...

1.1K I più visti

Likes 0

Quale videoregistratore?_(1)

Ho tenuto d'occhio Eric da quando ha iniziato a occuparsi di bar nel ristorante in cui lavoravo. Avevamo avuto alcune conversazioni casuali, ma niente che sembrava portare da nessuna parte. È stato frustrante da morire. Lo volevo tanto, ed ero determinato ad averlo. Giovedì è stata una serata presto per entrambi. Facevo il turno di pranzo così uscivo di lì verso le 6 ed Eric scendeva alle 10. Gli ho chiesto se sapeva qualcosa sui videoregistratori dato che avevo problemi a far funzionare correttamente il mio. Gli ho detto che la foto era tutta incasinata e poteva darci un'occhiata. Certo, ha...

778 I più visti

Likes 0

Le conseguenze 5

Jim stava camminando avanti e indietro per un'ora, dopo aver distrutto la loro flotta d'invasione, erano partiti dopo il unica nave rimasta della flotta Krang. Mary e Amber lo avevano osservato per quasi tutto il tempo Jim se non lo fai Siediti, ti farò fuori di testa, non posso sopportare molto di più del tuo ritmo,” Mary quasi ringhiò. Jim si sedette rapidamente sulla sedia di comando cercando di non guardare Mary, scusa Mary, odio questa attesa, è vero niente a portata di mano su cui non fare nulla su cui lavorare, sai che odio essere inattivo. Mi rendo conto che...

602 I più visti

Likes 0

I ragazzi ricchi amano 24

Quando sono entrato a casa di Havreys ci siamo seduti e abbiamo camminato per le cose che Harvey stava facendo sembrare che non saremmo durati molto più a lungo, poi mi ha chiesto quanto pensi che dureremo ero così scioccato e sconvolto dalla domanda che mi ha appena chiesto che sono uscito da casa sua e sono tornato a casa. Sulla strada di casa, Harvey deve aver chiamato il mio cellulare almeno 5 volte, ma ho tenuto gli occhi sulla strada e ho lasciato che il mio telefono andasse alla segreteria. quando sono tornato a casa sono andato sul mio twitter...

598 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.