La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

2.1KReport
La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio...


Capitolo 1


Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del
il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume.
Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che
orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro
gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di
migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione.

L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo...
con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto
1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò
in un giovane alto e biondo, che le sorrise impudentemente. "Cosa c'è?
la fretta?" disse in un pigro accento strascicato, i suoi occhi la scrutarono velocemente
figura con approvazione.

"Scusa," mormorò, facendo un passo indietro, poi riprendendo. le sue orecchie
bruciava quando udì un leggero fischio di apprezzamento prima che lui diventasse...
perso nella folla. Sorrise a se stessa; era stato piuttosto carino-
analizzare, cercare, guardare. Ma non bello come Sam. Nessuno era bello come Sam. Oh,
perché non sarebbe potuta andare con lui in Europa? Quasi subliminalmente lei
udì la voce di sua madre: "Andare in Europa con quel giovane? Suzanne,
devi essere fuori di testa. Cosa direbbero i vicini? Certo,
se ti sei sposato prima..."

Sposato. chi vorrebbe sposarsi a diciannove anni? Forse alcuni bambini
lo facevano, ma di solito perché dovevano farlo. E Suzanne aveva deciso quando...
aveva quindici anni che avrebbe aspettato, almeno fino a quando non sarebbe uscita
di collegio. Ovviamente, dopo aver incontrato Sam, era stata molto tentata.
Sam era un corteggiatore molto insistente; ci era voluta tutta la sua forza di volontà no
cedere a lui, non solo alla sua proposta, ma alle sue proposte come
bene.

Sentì un formicolio nei suoi lombi al ricordo del suo viso forte sopra
le sue, le sue mani che accarezzano dolcemente il suo corpo e il suggestivo rigonfiamento in
i suoi pantaloni. Quel rigonfiamento. Oh, quante volte non aveva voluto raggiungere
fuori e sentirlo, il modo in cui le sue dita avrebbero sentito i suoi seni. Ma ogni
tempo, la voce di sua madre risuonò nelle sue orecchie, e i suoi desideri crescenti
si sarebbe improvvisamente trasformato in senso di colpa e auto-recriminazione, e Sam avrebbe...
di nuovo a casa, frustrato e deluso. Non c'è da stupirsi che sia andato a
Europa; probabilmente andava a letto con ogni ragazza disponibile che incontrava. In
almeno era quello che le aveva detto Yvonne. Yvonne... dov'era?

Suzanne guardò di nuovo l'orologio. Undici e quaranta. odiava le persone
che non erano puntuali, e Yvonne dovrebbe saperlo meglio.

"Eccoti, tesoro!"

Il gutturale saluto penetrò al di sopra del chiassoso clamore, e Suzanne
si voltò con un sorriso di sollievo.

"Yvonne, dove sei stata?"

Il viso spigoloso le sorrise. «Proprio qui. Dalle undici e un quarto
Immagino di essere stato troppo impegnato a controllare il nuovo talento. Cristo, penso
questi ragazzi diventano più sexy ogni semestre".

Gli occhi troppo grandi e troppo truccati di Yvonne seguivano due giovani come...
passarono davanti. Fece un fischio sommesso.

"Hai visto il cestino su quello?"

Suzanne l'afferrò per un braccio e iniziò a guidarla tra la folla
verso Woodward Avenue.

"Yvonne, sei troppo. Non ti viene in mente altro?"

Yvonne rise, un muggito fragoroso che un tempo era stato paragonato al...
esplosione dei rimorchiatori sul fiume.

"Nient'altro, tesoro? Oh, smettila, mia piccola vestale. Una volta...
allarghi le gambe per un uomo, scoprirai che non c'è molto altro che valga
pensando a."

Suzanne si morse il labbro e rimase in silenzio. Anche se era piuttosto orgogliosa
della sua verginità, ha dovuto ammettere i tanti momenti in cui aveva quasi...
dato via a Sam. Oh, Sam, dove diavolo sei adesso?

"Credimi, Suzanne, spero che tu riesca a scopare abbastanza presto. Fa bene a...
la digestione, tra le altre cose. Dove vuoi mangiare? di Verne?"

Svoltarono sul marciapiede e passarono davanti al Maccabees Building.
Suzanne rimase in silenzio, con le parole dell'amica che le riecheggiavano nel cervello.
Forse avrebbe scopato, dopotutto. No, no, no. La vocina si alzò
di nuovo, come sempre; salvalo per Sam. È l'unico. Lui ama
tu. E tu lo ami. Lascia che il suo albero sia il primo a sfondare
nella tua caverna pulsante. Oh, Sam... Sam...

Sbatté le palpebre mentre lasciavano il marciapiede illuminato dal sole ed entravano in
interno oscurato del bar. Yvonne fece strada verso un tavolo d'angolo
e crollò su una sedia. Suzanne si sedette di fronte e sorrise.

"Piacere di vederti," disse sinceramente, guardandola dall'altra parte del tavolo
amico, pensando di nuovo che era davvero fortunata ad avere un figlio più grande
donna per guidarla durante le prime frenetiche settimane di lezioni alla Wayne.
Non che fosse impotente; ma dopo il diploma di liceo
classe di soli sessantadue anni, si sentiva più che sopraffatta dalle dimensioni di
il corpo studentesco. Si ricordava di aver sentito che l'iscrizione totale al
Wayne State superava i venticinquemila. Niente più tocchi personali
dall'insegnante; lei sarebbe solo un piccolo ingranaggio insignificante nel
macchina educativa,

"Cosa stai mangiando?"

La ragazza snella e pallida si era avvicinata al tavolo, matita e taccuino
in bilico. Yvonne alzò lo sguardo e soffiò il fumo in faccia, senza volerlo.

"Sto mangiando un hamburger, caro," disse. "Va bene per te, Suzanne?"

Suzanne annuì. "Sì, per favore. E una grossa Coca."

"Prenderò una vodka e sette", disse Yvonne, "ho bisogno di qualcosina
questa mattina. La scorsa notte mi ha quasi sfinito".

Afferrò saldamente la sigaretta e Suzanne notò le linee sottili
intorno alle sue labbra, abbinando quelle agli angoli dei suoi occhi. Suzanne aveva
non aveva mai chiesto a Yvonne la sua età, ma sospettava che fossero circa trenta.
Yvonne andava da Wayne da più di sei anni. lei scherzosamente
si definiva una studentessa professionista.

"Allora, sei eccitato?"

Suzanne annuì.

"Certo che lo sono. Lo aspettavo da anni. Of
certo, mia madre non è molto contenta che io abbia preso l'appartamento."

La risata gutturale di Yvonne echeggiò nel bar. "Certo che non lo farebbe
essere. Ha paura che inizierai a trascinarti dietro ogni maschio
città universitaria. Ma poi..." Gli occhi di Yvonne scintillarono. "Immagino che non ci sia molto...
possibilità di questo fintanto che porti quella torcia per Sam, eh?"

Suzanne annuì. "Non una possibilità."

"Beh, puoi sempre venire a passare quelle serate solitarie con me
e Carole."

"Grazie, ma ho intenzione di studiare molto. Inizierò anche un
mio piccolo progetto, indagando sulle famiglie povere nel
quartiere. È uno dei motivi per cui mi trasferisco nel tuo palazzo.
È abbastanza vicino a quella sezione sulla West Forest. voglio davvero
scoprire come vivono quelle persone e quali sono i loro problemi".

Yvonne tirò su col naso. "Bada a te stesso. Potresti essere in grado di scendere
per le strade di Grosse Pointe di notte senza essere violentata, ma non in
questo quartiere. Quindi state attenti".

"Lo farò."

"E..." ridacchiò Yvonne. "Se ti trovi in ​​una situazione che sembra
guai, ricordati di andare per l'inguine. Un rapido calcio nelle palle lo farà
smettila quasi chiunque."

"Ricorderò," disse Suzanne, arrossendo leggermente. Si è appoggiata indietro come
la cameriera ha portato i loro drink. Yvonne sollevò il bicchiere.

"Beh, ecco fatto", ha detto, "E possa essere caldo, arrapato e bello,
chiunque egli sia."

"Yvonne, sei troppo," disse Suzanne.

"Mai", fu la secca risposta, "E prendilo da me, ragazza mia, una volta...
hai avuto un bel cazzo duro nella tua piccola figa innocente, lo saprai
che cos'è la vita."

"Yvonne, non parlare così," disse Suzanne, il viso che diventava scarlatto.
"Non è carino."

"Parli come tua madre," disse Yvonne cinicamente. "Non c'è da stupirsi che tu sia
un solo bambino. Probabilmente ha fatto entrare il tuo vecchio una volta, ed è stato...
Quello. Non commettere lo stesso errore. Non c'è niente come una bella scopata
per mantenere una ragazza in forma."

La cameriera tornò con il cibo e Suzanne emise un sospiro di...
sollievo. Le piaceva molto Yvonne, ma la sua incessante preoccupazione
con il sesso faceva sentire Suzanne a disagio. Sapeva che quello che aveva detto Yvonne era...
probabilmente vero, ma quella era un'area di verità che non aveva ancora imparato a conoscere
faccia senza imbarazzo. La sua mente è tornata all'ultima notte in cui lei
aveva trascorso con Sam prima di volare in Europa. Avevano partecipato a un ballo
al Detroit Yacht Club, e poi Sam ha guidato in un luogo appartato
su Belle Isle, e si sono seduti a guardare le luci delle navi sul
fiume e il lontano orizzonte di Windsor, e Suzanne aveva voluto piangere...
gli occhi aperti al pensiero di stare senza Sam per tre mesi. Lui
l'aveva abbracciata, ei loro baci erano profondi e prolungati.
Sentì i suoi lombi agitarsi di desiderio e le dita di Sam che si accarezzavano
i suoi seni non facevano nulla per alleviare le sue crescenti passioni.

Alla fine, Sam le aveva preso la mano e l'aveva gentilmente posata sul suo inguine.
Prima di strapparlo via, era cosciente del duro, palpitante...
rigonfiamento lì. "Per favore, per favore," l'aveva supplicata, ma lei si era voltata...
via, il viso caldo di rabbia, non contro di lui, ma con se stessa e con lei
incapacità di fare ciò che voleva veramente; ma nel profondo della sua mente, lei
la voce della madre risuonava ancora in modo autoritario. "Me ne andrò un po'
tempo", ha detto Sam, "Dammi qualcosa da ricordare." Lei scosse la testa
e distolse lo sguardo. Era consapevole del movimento di Sam e ha sentito il...
fruscio del tessuto. Quando si voltò, vide nella penombra,
il profilo bianco del suo cazzo che sporge dalla sua patta. La sua mano era
intorno ad essa, e la massaggiava dolcemente, su e giù.

"Sam!" La sua voce era venata di terrore.

"Rilassati", aveva detto, "non ti morderà". E lui le aveva preso la mano
di nuovo, e questa volta le sue dita sentirono la carne nuda del suo pene,
solido e denso e lungo.

Quasi con un movimento, si staccò, aprì la portiera della macchina e
inciampò nell'erba, il vestito strappato sul ramo di un albero.
Si fermò sul bordo della spiaggia e rimase lì, fissando
al di là del fiume, la sua mente che vorticava, i suoi seni ansanti, e...
nei suoi lombi l'incredibile sensazione di stimolazione sessuale come
non aveva mai saputo prima. Voleva tornare indietro, sentire la sua asta,
chiudergli le labbra intorno, sentirlo scivolare dentro di lei. lei lo voleva,
oh, come lo voleva; ma lei stava lì, da sola, con le lacrime che scorrevano giù
le sue guance.

Dopo un po', sentì un passo sommesso e si voltò per vedere Sam
in piedi dietro di lei. "Mi dispiace", disse, toccandole il braccio, "ma avevo...
fare qualcosa al riguardo. Non ce la facevo più a sopportarlo." Qualcosa
le disse, senza che lei glielo chiedesse, cosa aveva fatto. E dentro di lei
cuore, non lo biasimava. A volte si masturbava a casa.
"Vieni, ti porto a casa", aveva detto, e senza una parola, lei lasciò...
stessa essere ricondotta alla macchina. Si sono dati il ​​bacio della buonanotte e alla prossima
giorno in cui Sam partì per l'Europa.

Oh, come avrebbe voluto aver ceduto ai suoi desideri quella notte. Se solo
non si sentiva come si sentiva riguardo al sesso. Se solo potesse essere come
le altre sue amiche che hanno ammesso liberamente di essere andate a letto con ragazzi.
Lei voleva; Dio sa che voleva farlo. Ma doveva ancora inseguire il
spettro travolgente di colpa e punizione dalla sua mente, il
sentendo che se lo avesse fatto sarebbe stata colpevole del più grande
trasgressione. "È peccaminoso il modo in cui alcuni giovani vanno avanti", lei
mamma aveva detto tante volte. "Sono contento che Suzanne sia una brava ragazza." Se
era una così brava ragazza, perché la faceva stare così male?

* * *

Suzanne seguì Yvonne su per i gradini verso la casa annerita, consumata dal tempo...
condominio in Hancock Street. A pochi isolati dal campus,
l'edificio sarebbe più comodo, non solo per la scuola, ma per lei
ricerca prevista nella zona dei bassifondi a ovest, popolata da bianchi e
famiglie nere che formavano una parte importante dell'economia di Detroit
popolazione diseredata.

Yvonne spalancò la porta e l'odore di odori stantii di cucina
salutò le loro narici. Una donna dall'aspetto sciatto stava lavando le piastrelle
atrio. Lei alzò lo sguardo e sorrise.

"Ciao, Yvonne," disse, e poi i suoi occhi lucenti si fissarono su Suzanne.
"Questo deve essere il tuo amico, Suzanne?"

Yvonne la presentò come la signora Sansome, e Suzanne le strinse la mano,
consapevole dell'umidità delle dita che racchiudevano le sue. Lei
voleva prendere un Kleenex nella sua borsetta per pulire l'appiccicosità,
ma ha deciso di aspettare.

"Affitterai 8B", continuò la signora Sansome. "E' il terzo
piano, appena sopra Yvonne e Carole. È un bel posto e ha un
bella vista dal balcone." Fece una forte risatina e Yvonne tirò su col naso
deprecabilmente.

"Visualizzazione?" ha scattato. "Chiami Hancock una vista?"

"È meglio che guardare nel vicolo," ribatté la signora Sansome con un po'...
spirito. "Vieni, Suzanne. Te lo faccio vedere."

Salirono le scale, i loro passi echeggiarono cupi attraverso il
costruzione. La signora Sansome respirava pesantemente quando arrivarono
il terzo piano. Le sue spalle curve strillavano di anni di fatica
e la sua struttura emaciata sembrava potesse volare via. Suzanne ha fatto un
nota mentale per parlare con la sua padrona di casa del suo passato; ovviamente lei
era una delle tante persone più povere che integravano il loro reddito prendendo
cura degli appartamenti. Sì, questo sarebbe un altro aspetto dei suoi studi:
lo sfruttamento dei poveri da parte di ricchi magnati immobiliari. Detroit era
famigerato per i proprietari di baraccopoli, e anche se questo edificio non era esattamente un
baraccopoli, ovviamente non era stato ben curato nel corso degli anni.

"Bene, eccolo qui", disse la signora Sansome. "Non è elegante ma è
pulire."

Entrarono nel soggiorno, scarsamente arredato con un logoro...
divano e sedie, una piccola scrivania e due lampade. Attraverso un corridoio Suzanne
intravide la cucina e il bagno, e da un'estremità del soggiorno
era una piccola alcova con un letto matrimoniale.

"Come il nostro," disse Yvonne. "Solo più pulito, forse."

"Certo", sbottò la signora Sansome. "Il tuo era pulito quando ti sei trasferito".

Yvonne sbuffò. "Questo è stato cinque anni fa", ha detto. "Non ha nemmeno
è stato dipinto da allora."

"No, e mi chiedo se sia mai stato pulito", ribatté la signora Sansome.

Yvonne inarcò le sopracciglia e la fissò. "Un altro crack del genere e
Ti riferirò al Board of Health," disse gelida. Si voltò verso...
Susanna. "Non badare a noi, cara. La signora Sansome ed io siamo stati amichevoli
nemici da anni. È solo gelosa perché ho più fidanzati
pernottare di lei."

Suzanne entrò in cucina e si guardò intorno. La stanza era piccola,
e la stufa molto vecchia, ma c'era un'aria di calore che...
ha fatto appello a lei. Ha pensato per un secondo alla bellezza di suo padre
casa a Grosse Pointe, con la sontuosa esposizione di elettrodomestici da incasso,
ripiani in formica, armadi lucidati a mano e una lavastoviglie nuova di zecca
e smaltimento rifiuti. Ma quella era casa sua. Questo appartamento stava per
essere suo; almeno per un po. Si rivolse alla signora Sansome con un sorriso.

"Sembra a posto", ha detto. "Comincerò a trasferirmi subito. Ho
alcune cose nella mia macchina fuori."

Yvonne si avvicinò alla porta. "Ci vediamo dopo, tesoro. Devo prepararmi.
Ho un appuntamento. 'Ciao, per ora."

La signora Sansome sorrise e si voltò di nuovo verso Suzanne. "Lei è una carta", lei
disse con voce roca, "ma mi piace. Oh, l'affitto è da pagare in...
progredire. Ottantacinque al mese".

Suzanne frugò nella sua borsa e tirò fuori il suo libretto degli assegni, scrisse un assegno
rapidamente e glielo consegnò.

"Là."

La signora Sansome consegnò due chiavi e scese al piano di sotto con Suzanne.
Nell'atrio si fermò e sorrise. "Conosci Yvonne da molto tempo?" lei
chiese incuriosito.

Suzanne annuì. "Circa un anno", ha risposto. "Ci siamo conosciuti socialmente. Perché?"

La vecchia scrollò le spalle. "Niente. Sembri solo un tipo di ragazza più carino
di lei, tutto qui. Niente contro di lei, ovviamente, tu
comprendere. Ma posso dire che vieni da una bella famiglia".

Susanna sorrise. "Grazie. Ma penso che anche Yvonne sia carina, anche
se a volte è un po' rude."

La signora Sansome annuì. "La maggior parte delle dighe lo sono", ha detto. "Ma poi ci vuole tutto
tipi. Ci vediamo, Susanna".

Si allontanò barcollando lungo il corridoio, il suo corpo che ondeggiava sotto il peso di...
il secchio e la scopa che portava. Suzanne la fissò, accigliata.
Dighe. Cosa intendeva con questo? Non aveva mai sentito quella parola prima.
Forse si riferiva alla parte della città in cui era nata Yvonne.
Come Hamtramack, dove vivevano i polacchi.

Spazzando via il pensiero dalla sua mente, Suzanne uscì dall'edificio
e giù per le scale fino alla sua MG parcheggiata sul marciapiede. Ha sbloccato il
bagagliaio e cominciò a scaricare le scatole delle cose che aveva portato. Lei
era occupata ad accatastarli sul marciapiede quando udì una voce.

"Ciao. Ti trasferisci nel quartiere?"

Si voltò e vide un giovane in piedi dietro di lei. Sembrava molto
giovane, forse non più di sedici anni, immaginò, con uno shock di
capelli biondi ricci e un sorriso accattivante sul viso. Era vestito di
blue jeans e una maglietta strappata, e non aveva scarpe.

"Sì, lo sono", ha risposto.

"Ecco, lascia che ti aiuti."

Si fece avanti e iniziò a sollevare una delle scatole. Suzanne
esitò, poi sorrise.

"Grazie, è molto gentile. Ma è un lungo raggio. Sono al terzo
pavimento."

"Va bene", disse il giovane. "Sono abituato alle scale. Viviamo sul
quinto piano."

"In questo edificio?"

Ha riso. "Oh, no, niente di bello come questo. Siamo su nella foresta,
l'altro lato della Terza. Hey qual è il tuo nome? Il mio è Donald."

"Io sono Suzanne", ha risposto.

In silenzio salirono all'appartamento e depositarono i loro carichi
sul pavimento del soggiorno. Donald si guardò intorno, poi si tirò indietro,
guardando Suzanne con occhi di apprezzamento.

"Questo è sicuramente carino," disse con invidia. "Vorrei che avessimo un bel posto
come questo."

"Vivi con i tuoi?" chiese Susanna.

"Uh-huh. Mia madre e mio fratello maggiore Ted. Dì, pulisco gli appartamenti
davvero economico. Vuoi che ti aiuti quassù?"

Susanna rise. "Beh, fammi pensare, ok? Forse quando avrò
sistemato avrò alcune faccende in cui puoi aiutarmi. Cosa addebita?"

Ha riso. "Oh, non molto. Forse un dollaro o giù di lì. Faccio anche commissioni,
piace al negozio. Faccio pagare solo cinquanta centesimi per andare al negozio."

"Oh." Suzanne si rese conto che avrebbe avuto bisogno di latte, caffè e...
zucchero. "Donald, che ne dici di prendere alcune cose per me ora mentre io
finire di disimballare?"

"Okay. Questa volta non ti addebiterò alcun costo. Una specie di bonus per un nuovo
cliente."

Risero entrambi e Suzanne lo fissò. Era davvero un tale
ragazzo attraente, con una qualità fresca e innocente sul viso. E lui
sembrava cortese e rispettoso, senza alcun accenno della rudezza che lei
immaginato caratterizzerebbe un ragazzo cresciuto in questo quartiere.

Ha fatto una lista, gli ha dato una banconota da cinque dollari e lui è corso giù per il...
scale, fischi. Suzanne andò al balcone del suo appartamento e
fissò la sua figura, correndo velocemente su per Hancock Street e...
scomparendo alla vista. Si voltò di nuovo dentro, canticchiando tra sé e sé.
Solo mezz'ora nella sua nuova casa, e già aveva incontrato qualcuno di
il quartiere, qualcuno che lei sapeva avrebbe fornito preziose ricerche
per i suoi studi sociali. Sì, dovrebbe sicuramente diventare migliore
conoscere Donald e la sua famiglia. Potrebbero essere il suo primo caso
storia.

Con un sospiro, si lasciò cadere su una sedia e osservò il suo nuovo appartamento.
Sentiva che sarebbe stata molto felice qui. Per la prima volta in lei
vita, avrebbe avuto un posto tutto suo. Per una scissione
secondo, avrebbe voluto che Sam fosse lì con lei, e il cartello sulla porta
leggi "Il signore e la signora". invece che semplicemente "Suzanne Delacorte". Ha fatto un
nota mentale per scrivere a Sam quella sera e dirgli della sua mossa.


Continua...

Storie simili

Decadente

Diritto d'autore 2003 Pubblicazioni FK Mmmmm..., sì, Lisa... sì... continua così... sì..., lecca..., leccami! Sbuffo! Sbuffo! Sbuffo! Con i capelli corti e scuri, Lisa leccò via la fica della sua amica bionda, entrambe ragazze di ventun anni tutte nude e sole nella stanza del motel, che si divertono, eccitandosi a vicenda. Oh Lisa..., oh, oh, sisss!, gridò Sue dai capelli lunghi e dagli occhi azzurri mentre la lingua di Lisa scendeva in profondità nella figa della bionda, andando avanti all'infinito per i successivi tre minuti! Alla fine, Sue esplose, Sissss..., si...Sto per venire...Sto per venire! Cinque secondi dopo, le labbra...

759 I più visti

Likes 0

Salendo in Cumpany

Una specie di cosa per la prima volta, ho deciso di provare a scrivere. Probabilmente è orribilmente e sicuramente un'ustione lenta, quindi scusa in anticipo se scegli di continuare a leggere. ----------------------------------------------------------------------------------------------------- SALIRE IN AZIENDA Tra un lavoro e l'altro, John ha accettato qualsiasi lavoro fosse disponibile. Essendo un tranquillo diciottenne, sapeva che non si sarebbe mai adattato a un call center, ma accettò comunque il lavoro sapendo che doveva fare dei soldi per continuare a pagare le bollette. Fatture come i viaggi che ha dovuto fare per far funzionare davvero la sua relazione a distanza. Era dura, ma nei fine...

824 I più visti

Likes 0

Sorella divertente (Pt1)_(0)

Andare in discoteca in città non è poi così male dici ai tuoi amici quando continuano a chiederti perché lo fai, Perché lo faccio? ti chiedi per la decima volta mentre tu e tua sorella state sulla piattaforma affollata aspettando il tubo a casa. Entrambe vestite con gonne quasi troppo corte per decenza e top attillati, tua sorella si è sempre lamentata del fatto che non indossi mai un reggiseno, i tuoi seni sodi e larghi e quasi cadono dalla linea del collo del taglio inferiore. 23:00 e non puoi credere a quante persone stanno ancora viaggiando, la vedi saltare e...

1.6K I più visti

Likes 0

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

1.3K I più visti

Likes 0

Assumerlo

Ken non avrebbe mai pensato che sarebbe successo a lui. Era un ometto topo e ancora molto vergine. Sapeva di essere gay fin dall'inizio, ma non sapeva come esprimersi. E poi il nuovo club ha aperto proprio in fondo alla strada da casa sua. La prima volta è stata molto dura. Ha lasciato la sua casa 4 volte solo per tornare poco dopo essere uscito, indeciso. Era tutto il e se che lo ha appena fatto entrare. E se non piacesse a nessuno? E se nessuno gli avesse parlato? E se ridessero? Era stato deriso prima, soprattutto quando era un ragazzino...

723 I più visti

Likes 0

Difenditi

Erano le tre del mattino quando il telefono iniziò a squillare. Ciao? disse John mezzo addormentato. John? Sono io Mary!» Mary era la ragazza di John all'epoca. Che cosa succede? Sai che ore sono? La voce di Mary iniziò a tremare un po'. “È Alessio. Qualcosa è successo. Ovviamente quando si tratta di Alex, la regina del dramma, c'è sempre qualcosa che succede. Alex, tra l'altro, è l'amico intimo di Mary, un'amica transessuale. Mary frequentava sempre delle persone strane, ma se vivi in ​​California, tutti tendono ad essere strani. “Cos'è questa volta? Ha avuto una brutta giornata chi? O qualcuno si...

1.4K I più visti

Likes 0

Una storia d'amore al liceo pt 3

Era lunedì, ma fortunatamente le vacanze di primavera erano in pieno svolgimento. Mi sono svegliato dopo un altro sogno, questa volta su Hailey e Abbey allo stesso tempo. Abbey stava cavalcando il mio cazzo, mentre limonava con Hailey. Questa volta non mi sono schizzato nei pantaloni, ma mi sono comunque svegliato piantando una tenda importante. La prima cosa che ho fatto è stata controllare il telefono quando mi sono ripreso. Anna-beth mi ha mandato un messaggio chiedendomi se volevo venire a casa sua. Ho accettato ma non sono potuto venire fino alle 12:00. Ho lasciato la mia stanza e sono andato...

1.2K I più visti

Likes 0

La nipote, la moglie e i loro bisogni Pt3

PARTE 3 È giovedì e Ed e Sheila non hanno ancora chiamato, quindi vado sul sito degli scambisti e mando loro un messaggio quando vedo che sono online. Chiedo se hanno deciso di non incontrarci perché non hanno chiamato. Non risponde per cinque minuti circa e il mio cuore sprofonda. Proprio in quel momento squilla il mio telefono fisso di casa e mentre rispondo vedo Sheila Thompson visualizzata sull'ID chiamante. Avrei giurato di aver dato loro il mio numero di cellulare, penso mentre dico, ciao. Ciao Rick, sono Sheila di Swappernet. Volevo solo chiamarti e scusarmi personalmente per non averti chiamato...

1.4K I più visti

Likes 0

Affronta un diavolo arrapato - Una storia di Halloween

AVVERTIMENTO! Questo avviso potrebbe non essere necessario per questa particolare storia, ma lo includo perché è necessario per la maggior parte delle mie storie. Se decidi di leggere altre mie storie, assicurati di leggere le informazioni e gli avvertimenti all'inizio di ogni storia. Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella...

1.2K I più visti

Likes 0

Vecchio magazzino abbandonato

Ho chiamato Marci dandole l'indirizzo di un vecchio magazzino abbandonato che possedevo nel Queens New York, le ho chiesto di incontrarmi lì. Il colpo dei tacchi dei suoi stivali che echeggiano sui muri di cemento è l'unico suono mentre entra nel magazzino e percorre il lungo edificio cercandomi. Si fermò. Le luci fluorescenti verde giallastre le infastidiscono gli occhi. Il pavimento è umido, bagnato in alcuni punti con pozzanghere di acqua nera, e le pareti di cemento scrostate si stanno sgretolando in alcuni punti. Questo magazzino è una discarica, decrepita, deprimente e anche disorientante. Puzza di benzina e fumi di diesel...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.