Harry_(1)

592Report
Harry_(1)

Cafli 6
A Harry dispiaceva salutare la Tana. Alcuni dei giorni più felici della sua vita erano appena trascorsi lì. Era stato tutto così meraviglioso, dubitava persino che il ritorno a Hogwarts, che era sempre stato qualcosa che aveva atteso con impazienza, potesse essere all'altezza quest'anno. La sua unica consolazione era che Ginny e tutti i suoi amici stavano facendo il viaggio con lui.

Harry era seduto nello scompartimento dell'Espresso per Hogwarts accanto a Ginny. Stavano ascoltando insieme a Ron e Neville mentre Hermione raccontava tutto dei suoi viaggi estivi attraverso l'Europa con i suoi genitori. Harry dovette ammettere che scivolare di nuovo nella sua vita da studente stava diventando molto più agevole quanto più tempo rimaneva lì seduto tra i suoi amici. Aveva pochi dubbi sul fatto che il fatto di tenere la mano di Ginny, e di sentirsi meraviglioso per questo, lo aiutasse immensamente in quella zona.

"Allora, da quanto tempo va avanti tutto questo tra di voi?" chiese Neville. "Vai via per un'estate e quando torni hai iniziato a frequentarti."

“In realtà,” disse Hermione, “solo pochi giorni da quando è diventato ufficiale. Anche se non l'avevamo pianificato, Harry e Ginny hanno iniziato a frequentarsi la stessa notte in cui io e Ron."

"A volte le stelle si allineano in quel modo, immagino", ha detto Neville.

«Allora», disse Ron, «c'è qualcuno su cui tieni d'occhio la prossima volta che le stelle si allineeranno a Neville?»

L'unica risposta di Neville fu un timido sorriso mentre guardava il pavimento per evitare gli occhi di tutti.

“Lo prendo come un sì,” disse Ron. "Andiamo Neville, chi è?"

“Ron,” disse Ginny. "Lascialo solo. Nessuno ti ha obbligato a gridare i tuoi sentimenti per Hermione, vero?

“Certo, Ron se l'era scritto su tutta la faccia,” disse Harry con un sorriso. "Tutti gli altri lo sapevano anche se non era pronto ad ammetterlo."

Neville ha scioccato tutti quando ha detto: "Se promettete tutti di non dirlo, immagino di potermi fidare che non riderete".

"Certo che non rideremo," disse Ginny guardandosi intorno e confermando a tutti che parlava per tutti loro.

“Va bene,” disse Neville esitante. "È Luna."

«Luna Lovegood?» chiese Harry.

“Sapevo che non avrei mai dovuto dire niente,” disse Neville mentre le sue guance diventavano ancora più rosse di quanto non fossero già.

«No», disse Harry, «non fraintendermi, Neville. “Penso che Luna sia una ragazza fantastica. Ci sono molte persone che non si preoccupano di guardare oltre le sue stranezze per vedere che ragazza intelligente e premurosa sia. Sono contento che tu sia uno di loro.

"Immagino che tutti abbiamo le nostre stranezze", ha detto Neville. “So di averne alcuni anch'io. Forse è per questo che, quando la guardo, tutto quello che riesco a vedere è quanto è bella.

«Ascolta il mio consiglio, Neville» disse Ron. “Non aspettare troppo a lungo come abbiamo fatto io e Harry per dirle qualcosa. Se aspetti un mese per dirglielo, e lei dice di sì, guarderai sempre indietro a quel mese e rimpiangerai ogni secondo che hai sprecato.

"Beh, Ron non si è trasformato in quello romantico?" disse Ginny scherzando.

Ron non ebbe mai il tempo di rispondere mentre si bloccarono tutti per un momento quando Luna Lovegood si avvicinò e aprì la porta dello scompartimento.

"Scusate se vi disturbo", disse Luna dolcemente, "ma ero seduta nello scompartimento accanto e ho avuto l'improvvisa sensazione che qualcuno qui dentro avesse bisogno di me."

Attesero tutti mentre si chiedevano se avesse davvero avuto una sensazione, o se le pareti tra gli scomparti fossero più sottili di quanto avessero pensato. C'era un silenzio imbarazzante che nessuno di loro sapeva come rompere.

"Io... io..." balbettò Neville sorprendendo tutti, "ho qualcosa... devo chiedertelo."

“Certo, Neville,” disse Luna mentre lo guardava.

Lo guardarono tutti mentre si scioglieva sotto il suo sguardo, e pensarono che si sarebbe tirato indietro.

"Perché non facciamo una passeggiata?" disse infine Neville mentre si alzava sulle gambe tremanti e attraversava il corridoio con lei.

Quando si erano allontanati troppo perché qualcuno nello scompartimento potesse vederli, Ginny disse: “Non posso crederci. È stato messo all'angolo e invece di ritirarsi è andato all'attacco. Non pensavo ce l'avesse in lui.

«Scommetto che dopo oggi ne vedrai uno diverso, Neville» disse Harry. “Penso che l'abbiamo appena visto saltare uno dei più grandi ostacoli che abbia mai affrontato. Se lei dice di sì, aumenterà davvero la sua fiducia.

“Questo è tutto ciò di cui Neville ha mai avuto bisogno,” disse Hermione. "Sarebbe un grande mago se solo avesse un po' di fiducia nelle sue capacità."

“Uh oh,” disse Ron guardando il corridoio. "Guarda chi viene adesso."

Avevano tutti un sospetto su chi potesse essere prima ancora di guardare. I loro sospetti furono confermati mentre guardavano Draco Malfoy ei suoi due scagnozzi fermarsi davanti alla loro porta aperta e sogghignare.

«Bene», disse Malfoy, «guarda cosa abbiamo qui. Potter e il suo piccolo fan club stanno tornando a Hogwarts. Avevo scommesso che non ti saresti nemmeno preso la briga di tornare quest'anno Potter, visto che una battaglia che non puoi vincere si avvicina rapidamente.

“Farò in modo di farti risparmiare un posto in prima fila, Malfoy,” disse Harry con la massima calma possibile. "Forse dopo che avrò combattuto contro Voldemort vorresti provare con me."

“Come se fosse rimasto qualcosa di te, Potter,” disse Malfoy mentre abbassava lo sguardo e improvvisamente vide che Harry teneva la mano di Ginny. “Avrei dovuto immaginare che saresti finito con lei, Potter. Dopo che te ne sarai andato, io..."

Malfoy improvvisamente smise di parlare quando Harry fece scattare un interruttore invisibile nella sua mente.

«Non farai niente» disse Harry.

«Non farò niente» ripeté Malfoy.

“Ginny è una bellissima donna che qualsiasi uomo sarebbe fortunato ad avere,” disse Harry.

“Ginny è una bellissima donna che qualsiasi uomo sarebbe fortunato ad avere,” ripeté Malfoy.

«Tranne te perché sei uno stupido idiota» disse Harry.

«Tranne me perché sono uno stupido idiota» ripeté Malfoy.

«Ora vai a dire a tutti quelli sul treno che idiota sei» disse Harry.

Malfoy si rivolse a Tiger e Goyle e disse: "Sono un grande idiota".

Tutti guardarono mentre Malfoy si girava e si spostava nello scompartimento successivo e si ripeteva.

«Harry» disse Hermione. "Cosa diavolo gli hai fatto?"

«Una mente debole è una facile preda» disse Harry. “Penso che sarà la prima lezione per il procuratore distrettuale. quest'anno."

“Wow,” disse Ron. “Sei un uomo pericoloso, Harry Potter. Voldemort farebbe meglio a stare attento.

Harry stava per rispondere a Ron quando qualcos'altro attirò la loro attenzione. Neville stava risalendo il corridoio con un grande sorriso, e una Luna Lovegood raggiante era al suo braccio.
Cafli 7
Harry si sedette accanto a Ginny al tavolo dei Grifondoro nella Sala Grande mentre lo smistamento dei primi anni si svolgeva come sempre. C'erano già state diverse nuove aggiunte a tutte le case e tutti si chiedevano dove sarebbe stato collocato l'ultimo primo anno.

La professoressa McGonagall rimase in piedi con in mano il cappello parlante mentre guardava la sua lista e diceva: "Vivian Wexler".

L'ultima ragazza rimasta si avvicinò e si sedette sullo sgabello. Il cappello parlante è stato messo sulla sua testa ed è stato solo pochi secondi dopo che tutti hanno sentito il cappello parlante proclamare che Vivian doveva essere un Tassorosso. Vivian balzò in piedi e si avvicinò sorridendo al tavolo di Tassorosso tra un coro di applausi da casa sua.

Quello che tutti si aspettavano di vedere dopo era che la McGonagall rimuovesse il cappello parlante e lo sgabello in modo che Silente potesse iniziare la festa di apertura nel suo solito modo. Quello che non si aspettavano era che la McGonagall rimettesse il cappello sullo sgabello, risalisse l'isola centrale e uscisse dalla Sala Grande.

Mormorii interrogativi erano esplosi in tutta la Sala Grande prima ancora che lei avesse fatto metà del viaggio verso le porte. I mormorii continuarono fino a quando il professor Silente si alzò e si schiarì la gola, riportando l'attenzione sulla parte anteriore della sala.

“Senza dubbio,” iniziò il professor Silente, “avete notato tutti che le cose non stanno procedendo come al solito. Abbiamo alcune circostanze speciali quest'anno che ci richiedono di consentire alcuni cambiamenti. Per prima cosa, lascia che ti presenti il ​​professor Bryce Bane, che sarà il tuo insegnante di Difesa contro le Arti Oscure per tutto l'anno.

A quel punto un uomo dall'aspetto anziano seduto al tavolo dell'insegnante si alzò e fece un piccolo cenno agli studenti prima di riprendere posto.

«Il professor Bane» continuò Silente «è qui durante un anno sabbatico della Scuola di Magia e Stregoneria di Salem in America.»

"America?" Ron sussurrò ai suoi amici intorno a lui. "Non ho mai nemmeno pensato che ci fosse una scuola in America."

“In realtà ce ne sono due,” sussurrò Hermione in risposta. “Ce n'è uno su ogni costa degli Stati Uniti. Quello di Salem è il più vecchio.»

«Ora che ci siamo occupati della presentazione del professor Bane» disse Silente, «di solito questo sarebbe il momento in cui inizieremmo la festa. Prima di farlo, però, c'è un altro ordinamento da fare.

“È con grande piacere che vi informo che, per la prima volta nella sua storia, Hogwarts ha accettato uno studente trasferito da un'altra scuola. Un trasferimento dalla stessa scuola da cui il professor Bane arriva a noi in effetti. Lo studente è all'ultimo anno di studio, quindi potrebbe essere necessario un periodo di adattamento.

“In questo momento penso sia necessario che ti racconti le circostanze che hanno portato questo studente da noi, poiché sono sicuro che presto diventerebbe comunque una questione di voci. Fino a quest'ultimo anno, c'era un mago oscuro in America di nome Jarvis Hornquist che terrorizzava le comunità magiche sulla costa orientale del paese. Dico l'anno scorso, perché alla fine dell'ultimo anno scolastico si è imbattuto in un giovane studente che si è dimostrato troppo potente per lui quando hanno duellato. Come puoi immaginare, la fama che ne risultò per lo studente rese impossibile il ritorno per un altro anno a scuola. Spero che gli studenti di Hogwarts facciano ogni sforzo per accogliere il nuovo studente con un trattamento non diverso da quello che darebbero a qualsiasi altro studente. Ora inizierà la speciale cerimonia di smistamento”.

“Dueling maghi oscuri,” disse Ron. “Dev'essere davvero un tipo tosto. Sembra un Grifondoro se ne ho mai sentito parlare.

Fu in quel momento che la professoressa McGonagall aprì la porta della Sala Grande e iniziò a risalire l'isola centrale. Il nuovo studente la seguì da vicino e tutti i presenti nella Sala Grande rimasero a bocca aperta a quella vista.

Avevano tutti evocato un'immagine del mago che aveva combattuto e sconfitto un nemico così potente, ma ciò che videro risalire l'isola era il più lontano possibile da ciò che si aspettavano. Il mago si rivelò essere una strega alta e ben abbronzata con fluenti capelli biondi che sembravano essere stati tirati fuori dalla spiaggia e gettati in un'uniforme di Hogwarts.

La giovane strega teneva d'occhio tutti nella Sala Grande mentre camminava, ma non ne riconobbe nessuno mentre fissava la schiena della McGonagall mentre scivolava lungo l'isola. La sua concentrazione non vacillò mai finché non girò leggermente la testa e guardò dritto negli occhi di Harry mentre passava dove era seduto.

Harry era rimasto sorpreso dal fatto che lei lo avesse guardato, ma la cosa che lo aveva davvero turbato era stato il brivido che gli aveva percorso la schiena quando aveva visto lo sguardo nei suoi occhi. Non sapeva se la sensazione fosse una sorta di avvertimento o meno, ma sapeva che non era una bella sensazione.

La professoressa McGranitt raggiunse i gradini e sollevò ancora una volta il cappello parlante mentre diceva: "Cassidy Silverwood".

La giovane strega si fece avanti e si sedette sullo sgabello. La professoressa McGonagall le ha messo in testa il cappello parlante e tutti hanno aspettato di sentire la decisione del cappello parlante.

«Ti dico che è una cosa sicura» sussurrò Ron. «Diventerà una Grifondoro.»

Ricordando ancora la sensazione che aveva provato quando lei lo aveva guardato, Harry disse: «Non esserne troppo sicuro. Ho una strana sensazione…”

"Serpeverde", annunciò il cappello parlante, facendo esplodere il tavolo dei Serpeverde in applausi.

Cassidy Silverwood si alzò e andò al posto vuoto al tavolo dei Serpeverde, che guarda caso era accanto a Malfoy. Mentre la guardavano avvicinarsi al tavolo, Harry vide qualcosa con la coda dell'occhio. Quando alzò lo sguardo verso il tavolo dell'insegnante, notò che Piton lo stava guardando proprio, e aveva un raro sorriso sul volto.

Il professor Silente si alzò ancora una volta e disse: "Ora che abbiamo accolto la signorina Silverwood nella nostra scuola, che la festa abbia inizio".

Silente agitò la mano e, come previsto, una montagna di cibo apparve lungo ogni tavolo. I primi anni rimasero sbalorditi dalla sorpresa, ma tutti gli altri si misero subito a discutere di ciò che pensavano del loro nuovo studente.

"Penso che il cappello parlante possa aver commesso un errore", ha detto Neville.

«Non esserne troppo sicuro, Neville» disse Harry. "Ricorda che il cappello parlante mi ha quasi messo a Serpeverde."

"Come può combattere i maghi oscuri ed essere ancora in Serpeverde?" chiese Ron.

«Potrebbe non essere apertamente malvagia come Malfoy e alcuni degli altri» avvertì Harry, «ma il cappello parlante ha sempre delle ragioni per fare le scelte che fa. Non abbassare la guardia finché non sai quali sono questi motivi.

Ginny diede una gomitata a Harry nelle costole e gli fece cenno di guardare qualcosa. Quello che vide fu che Cassidy si era alzata dal tavolo dei Serpeverde e ogni testa era di nuovo fissa su di lei mentre camminava in direzione del tavolo dei Grifondoro. Harry cercò di ignorarlo e fece smettere di guardare anche gli altri.

Harry non ebbe altra scelta che prendere nota quando Cassidy si fermò proprio dietro di lui e si schiarì la gola dolcemente mentre diceva: "Non volevo interromperti, ma tu sei Harry Potter?"

“Sì, lo sono,” disse Harry mentre si girava sulla sedia e la guardava con aria interrogativa.

“Sono Cassidy Silverwood,” disse tendendo la mano, che Harry accettò con una gentile stretta di mano. “Non riesco davvero a credere che ti conoscerò di persona. Tutti i miei amici in America hanno la tua foto affissa su tutti i muri.

"Che cosa?" chiese Harry, non sicuro di aver sentito bene. "Che immagini?"

"Beh, quelli del giornale", ha risposto Cassidy. “Anche in America, una persona non può passare un mese senza leggere una storia su qualcosa che ha a che fare con te. La gente spera che tu sconfigga Voldemort e gli impedisca di diffondere il suo male all'estero".

“Ti avverto che alcune persone in questo paese non sono molto a proprio agio nel sentire il nome di Voldemort pronunciato ad alta voce,” disse Harry.

«Lo so», disse Cassidy. “Ci sono molte persone nel mio paese che credono alla stessa spazzatura e lo chiamano Colui-che-non-deve-essere-nominato. Come se il nome stesso potesse ferire qualcuno.

«Congratulazioni per aver sconfitto Hornquist», disse Harry.

«Oh, grazie», disse Cassidy. «Però non era potente quanto Voldemort. Ci vorrà un mago speciale per sconfiggerlo.

“O solo un gruppo dedicato di amici,” disse Harry mentre faceva un cenno a quelli intorno a lui. “Non sarei qui oggi se non fosse stato per loro. Lascia che ti presenti."

Harry iniziò a presentare tutti i suoi amici, così come alcuni altri che si avvicinarono per entrare nella discussione. L'ultima persona che Harry venne a presentare fu Ginny.

“E per ultima, ma non meno importante, la mia ragazza Ginny,” disse Harry.

Cassidy allungò la mano per stringere quella di Ginny mentre diceva: “Non hai idea di quanti cuori hai appena spezzato in America. I miei amici piangeranno per giorni quando scopriranno che Harry Potter ha una ragazza. Come se stesse per volare via dal cielo sulla sua scopa e portarseli via comunque. Beh, sarà meglio che torni al mio tavolo di casa prima che mandino una squadra di ricerca per me. È stato un piacere conoscervi tutti.”

Dopo che si fu allontanata a una distanza di sicurezza, Neville disse: “Continuo a dire che hanno commesso un errore a metterla in Serpeverde. Quand'è stata l'ultima volta che un Serpeverde è stato così gentile con qualcuno?»

“Non lasciarti ingannare da quel dolce sorriso che fa,” disse Harry. «C'è ancora qualcosa che mi preoccupa in lei. È qualcosa di profondo dentro, e probabilmente la cosa che ha fatto sì che il cappello parlante l'abbia messa a Serpeverde in primo luogo.

Cafli 8
I Grifondoro e Corvonero del settimo anno sedevano nella loro classe di Difesa contro le Arti Oscure in attesa dell'inizio della loro prima lezione del nuovo anno scolastico. Erano tutti ansiosi di vedere che tipo di insegnante sarebbe stato il professor Bane. In passato erano passati attraverso altri insegnanti della classe e, mentre alcuni erano abbastanza bravi, altri hanno fornito un'esperienza che avrebbero preferito dimenticare. Si chiedevano tutti come avrebbe resistito un americano rispetto agli altri che lo avevano preceduto.

Il professor Bane attraversò le porte dell'aula, muovendosi lentamente e sembrando affaticato nel suo sforzo mentre si faceva strada verso le prime file della classe.

Quando arrivò davanti, si voltò e disse: “Dovrete perdonarmi tutti se sembro senza fiato. Temo di aver passato un po' troppo tempo a chiacchierare con gli altri insegnanti, e di aver lasciato troppo poco tempo a un uomo della mia età per salire le diverse rampe di scale per raggiungere l'aula.

"Professore", iniziò Seamus, "non sarebbe stato più facile levitare su per le scale?"

"Lo sarebbe, signor Finnigan", disse Bane cercando ancora di riprendere fiato. “Tuttavia, quando raggiungo il giorno in cui prendo la via più facile da qualcosa, quello sarà il giorno in cui dovrò sdraiarmi a letto e non uscirne. Ci sono molte cose nella vita che sono difficili da fare, ma ciò non significa che non dovremmo farle. Se non sbaglio, questo è il punto centrale di questa lezione.

«Spiacente, professore», disse Seamus.

"Non scusarti", disse Bane infilandosi una mano tremante nella veste come se si stesse massaggiando il petto. "Scrivilo come la tua prima lezione in questa classe."

La classe non ebbe la possibilità di reagire mentre il vecchio debole improvvisamente e rapidamente estrasse la sua bacchetta dalle sue vesti e lanciò un incantesimo sbalorditivo che colpì l'intera classe prima che si rendessero conto di cosa stava succedendo. Si sentivano tutti diventare insensibili e scivolare dalle loro sedie sul pavimento senza avere alcun controllo sul proprio corpo. Il torpore passò pochi secondi dopo e tutti iniziarono ad alzarsi e tornare ai loro posti. Quello che videro quando si alzarono fu che l'incantesimo non aveva colpito proprio tutti.

"Sig. Potter,” iniziò Bane, respirando improvvisamente normalmente e alzandosi più dritto, “sei l'unico dei tuoi compagni di classe che non è stato influenzato dall'incantesimo che ho lanciato. Come lo spieghi?

“Avevo lanciato un incantesimo scudo intorno a me non appena lei è entrato nella stanza, Professore,” rispose Harry.

"Notevole", disse Bane impressionato. “Ho fatto lo stesso trucco all'inizio di ognuna delle classi del settimo anno che ho insegnato da quando ho iniziato a insegnare. Non una volta nessuno gli è sfuggito. Come sapevi che l'avrei fatto?"

«Non l'ho fatto» disse Harry. "Era solo una precauzione nel caso fosse successo qualcosa."

"Meraviglioso", disse Bane con un sorriso sul volto. “Lascia che sia una lezione per tutti voi. È probabile che una persona che pratica le arti oscure sia un individuo molto astuto e usi l'inganno per indebolire la tua capacità di risposta. Tutti voi mi avete visto entrare in classe comportandomi come se fossi un vecchio debole. Ho rallentato il passo e accelerato il respiro per ottenere la tua comprensione. Sedevate tutti lì e guardavate mentre infilavo le mani nelle mie vesti e prendevo in mano la mia bacchetta, eppure tutto ciò che vedevate era un vecchio che poteva morire da un momento all'altro. Sa perché sono stati ingannati così facilmente, signor Potter?»

“Perché si fidavano di te, come insegnante di Hogwarts, per non far loro del male,” disse Harry.

«Eppure non l'hai fatto», disse Bane.

«Ho imparato a non fidarmi di nessuno finché non lo conosci», disse Harry.

"Un buon consiglio", disse Bane ancora sorridendo. "Spero che un giorno sarò in grado di guadagnarmi la tua fiducia allora."

“Al di fuori di questa classe che hai già, Professore,” disse Harry. "All'interno di questa classe, nessuna possibilità."

"Ah", disse Bane ridacchiando, "saggezza oltre i tuoi anni".

"Ha intenzione di stordirci ogni giorno in quel modo, professore?" chiese Dean.

«Dio no, signor Thomas», rispose Bane. “Sbalordisco tutti solo all'inizio della lezione il primo giorno. Non lo farò più.

Allo stesso modo, la maggior parte della classe si è comunque presa la briga di lanciare un incantesimo scudo attorno a sé. Non avevano idea di cosa potesse avere in serbo il prossimo professore americano.

Il professor Bane ha continuato spiegando loro il tipo di cose che aveva intenzione di insegnare loro durante l'anno. Dopo aver rivisto i piani delle lezioni dei suoi predecessori, li ha trovati un po' caotici. Ha detto loro che con poche lezioni ben pianificate sentiva che sarebbe stato in grado di colmare le lacune in cui erano rimasti indietro e di insegnare loro tutte le cose che ci si aspettava da uno studente del settimo anno.

«Se c'è tempo», disse il professor Bane, «vorrei insegnarvi una forma quasi dimenticata di magia che cerco sempre di insegnare ai miei studenti in America. In effetti, sono una delle sole tre persone conosciute in America che sanno come usare correttamente l'imbarcazione. Quanti di voi hanno mai sentito parlare della magia del cerchio?"

Con sorpresa di nessuno, la mano di Hermione si alzò all'istante, ma quello che furono sorpresi di scoprire fu che la mano di Harry si alzò quasi altrettanto velocemente.

«Bene», disse Bane, «le sorprese non finiscono mai qui. Non pensavo che nessuno di voi ne avesse sentito parlare. Credo che la sua mano sia stata alzata per prima, signorina Granger.

“Ho letto una volta,” iniziò Hermione come faceva di solito, “che un cerchio magico può essere usato come protezione per chiunque si trovi al suo interno. Tuttavia caddero in disgrazia, perché erano complicati e richiedevano molto tempo per essere elaborati, rendendoli quindi poco pratici da usare contro un incantesimo di bacchetta molto più veloce.

«Assolutamente vero», disse Bane. "C'è qualcosa che puoi aggiungere a quel signor Potter?"

"Il cerchio può anche essere usato per amplificare il potere di un incantesimo di bacchetta, o evocare altre forze al di fuori del cerchio per aiutare a combattere un nemico", ha detto Harry.

"Molto bene", disse Bane, sembrando davvero impressionato dal fatto che sapessero così tanto. “Sfortunatamente, quello che ha detto la signorina Granger è vero. Disegnare il cerchio è molto complicato e richiede tempo, e non è di grande utilità pratica in una battaglia in tempo reale.

«Un mago americano del diciannovesimo secolo non stava lavorando a un modo per evocare un cerchio usando un incantesimo di bacchetta magica?» chiese Harry.

Bane rimase seduto lì per un momento chiedendosi quanto Harry sapesse sui cerchi prima di dire: "È vero che alcuni ci hanno provato, ma nessuno ha mai avuto successo".

«Ma l'ho fatto» disse Harry.

Tutti gli occhi della classe si voltarono verso Harry quasi aspettandosi di sentire che si trattava di uno scherzo, ma Harry si limitò a sedersi ea guardare con calma negli occhi il professor Bane.

“Questo è un bel vanto, signor Potter,” disse Bane, non sapendo se essere orgoglioso di lui per il suo coraggio o rimproverarlo per la sua impudenza. "Vorresti dimostrarlo alla classe?"

Harry si alzò senza dire una parola e andò davanti alla classe, estrasse la sua bacchetta e la tenne dritta al centro del petto mentre diceva dolcemente: "Valaya atra saikata".

Tutti guardarono mentre Harry puntava la sua bacchetta sul pavimento e una sostanza sabbiosa fuoriusciva, disponendosi intorno a lui in due cerchi ordinati. Uno dei cerchi formava pochi centimetri all'interno dell'altro, e tra di loro c'era una specie di scritta che nessuno di loro riconobbe. Tutti, compreso il professor Bane, rimasero senza parole mentre studiavano la strana scrittura e pensavano alle parole che li avevano portati alla luce.

Dopo aver impiegato alcuni secondi per riprendersi, Bane disse: “Straordinario, signor Potter. Devo ammettere che non ho familiarità con la lingua scritta nel cerchio.

«Sanscrito» disse Harry.

"Ovviamente dovranno essere condotti ulteriori test per determinare se questo cerchio possa effettivamente proteggere una persona che si trova al suo interno", disse Bane ancora incapace di distogliere lo sguardo dal cerchio.

"Vai avanti e provalo ora se vuoi", disse Harry.

“Sono riluttante a provarlo, signor Potter,” disse Bane guardandolo per la prima volta da quando il cerchio era stato evocato. "Se non è formato correttamente, potresti essere gravemente ferito."

Harry si limitò a sorridere mentre diceva: “Non preoccuparti, professore. Un semplice incantesimo di stordimento non infliggerà alcun danno permanente anche se dovesse passare.

“Se è sicuro che non le dispiaccia, signor Potter,” disse Bane mentre estraeva la sua bacchetta.

Harry fece cenno al professor Bane che era pronto, e Bane gli lanciò un incantesimo stordente. Un istante dopo ci fu un piccolo lampo quando l'incantesimo colpì qualcosa prima di raggiungere Harry, e l'energia dell'incantesimo si dissipò attorno a Harry. I cerchi brillarono di un rosso fuoco solo per pochi secondi prima di tornare al loro originale colore sabbioso.

“Nivarta,” disse Harry puntando ancora una volta la bacchetta a terra mentre la sabbia tornava da dove era venuta.

"Da quanto tempo sai come farlo", chiese Bane.

“Solo un paio di mesi,” rispose Harry.

«Ma Harry» disse Hermione, «significherebbe che l'hai fatto in estate, quando non avresti dovuto fare magie. Come diavolo ci sei riuscito?

«Te lo dirò dopo» disse Harry.

"Sembra che lo stiamo ottenendo parecchio ultimamente", ha detto Ron.

«Penso che quello che abbiamo visto qui oggi, classe», iniziò Bane, «sia qualcosa di monumentale nel mondo della magia. Non sono abbastanza abituato a questo sistema di punti della casa che usi qui poiché non lo usiamo in America, ma penso che alcuni siano decisamente in ordine. Pensi che cinquanta sarebbero troppi?

Non sorprendentemente, i Grifondoro della classe sembravano a posto con quel numero. La loro prima lezione non poteva iniziare meglio per quanto li riguardava.

«Molto bene, allora», disse Bane, «allora sono cinquanta. Penso di dover mandare qualche gufo ad alcuni colleghi in America, quindi spero che mi perdonerete tutti se oggi faccio uscire la lezione un po' prima. Per favore, leggi i primi due capitoli del tuo libro per la prossima lezione.

Tutti si alzarono e si voltarono per dirigersi verso la porta. Pochi secondi dopo, tutti tranne tre si ritrovarono sdraiati a terra intorpiditi. Harry, Ron e Hermione guardarono indietro per vedere cosa fosse successo.

"Pensavo avessi detto che non ci avresti più storditi, professore", disse Seamus.

"Al contrario, signor Finnigan", rispose Bane. “Ho detto che non l'avrei fatto all'inizio della lezione. Non ho mai detto nulla sulla fine.

Cafli 9
Dato che il corso di Difesa contro le Arti Oscure è stato interrotto così presto, Harry aveva tutto il tempo a disposizione per fare quello che voleva. Hermione e Ron erano entrambi intenzionati a sollecitarlo per una risposta su quello che aveva fatto durante l'estate, ma li scrollò di dosso dicendo loro che avrebbe raccontato loro tutto più tardi. Non lo avrebbero lasciato andare così facilmente, ma lui promise loro che avrebbe raccontato loro tutto più tardi quella sera dopo cena.

Hermione era andata in biblioteca per studiare un po' prima delle lezioni, e Ron era andato con lei solo perché non riusciva a trovare una buona scusa per non farlo. Harry però aveva una buona scusa come qualsiasi fidanzato colpito dall'amore. Si sarebbe seduto fuori dall'aula di pozioni dove Ginny era attualmente imprigionata, nel caso Piton avesse deciso di farli uscire prima. Sapevano tutti che era una causa senza speranza, ma a Harry andava bene solo essere molto più vicino a Ginny.

Piton rimase comunque fedele alla forma, lasciando uscire la classe con almeno cinque minuti di ritardo. Ginny emerse dalla classe con quello che Harry poteva dire essere un temperamento a malapena controllato. Si voltò e lo vide appoggiato al muro, e la sua rabbia sembrò svanire quasi all'istante.

“Non dirmi che ci ha trattenuti così tardi,” disse Ginny. "Come hai fatto ad arrivare qui dalla tua classe così in fretta?"

“Siamo usciti presto,” disse Harry ancora chiedendosi cosa avesse fatto arrabbiare così tanto Ginny. “Come sono andate le pozioni? Alcun problema?"

"Non nei primi tre secondi," disse Ginny, tornando un po' di collera. "Dopo quello è stato appena tollerabile però."

"Quello che è successo?" chiese Harry.

Ginny iniziò a raccontargli tutto, ma si fermò in tempo per chiedere: "Non hai pozioni dopo?"

“Sì,” rispose Harry.

"Probabilmente dovrei aspettare fino a tardi per dirtelo allora," disse Ginny. "Gryffindor non può permettersi di perdere così tanti punti il ​​primo giorno."

"Oh, non lo farebbe," disse Harry cogliendo un'idea di cosa potesse essere. “Sono stato io, vero? Ti ha preso di mira durante l'intera lezione solo perché stai uscendo con me.

Ginny aveva paura di dire qualcosa in un modo o nell'altro. Se avesse negato, Harry avrebbe saputo che stava mentendo. Se l'avesse confermato, aveva paura, vedendo lo sguardo negli occhi di Harry, di quello che sarebbe potuto accadere.

“Lo pensavo,” disse Harry già furioso. "Me ne occuperò io."

"Harry no," disse Ginny. “Questo è quello che vuole. Non lo sai? Posso gestire Piton da solo. Ti preoccupi solo di preparare bene le tue pozioni e di non lasciare che il tuo temperamento ti controlli.

Harry capì che aveva ragione. La rabbia e l'ostilità che Voldemort aveva messo in lui minacciavano di prendere il controllo delle sue azioni. Harry si costrinse a calmarsi come aveva fatto in innumerevoli sessioni di meditazione durante l'estate. Doveva solo concentrarsi sugli occhi di Ginny per perdersi in un oceano di tranquillità.

Una volta che il suo respiro fu tornato normale, Harry disse: «Hai ragione. Cosa farei senza di te?"

"Spero che non dovrai scoprirlo presto," disse Ginny con un sorriso mentre si chinava verso di lui e lo baciava dolcemente.

Harry e Ginny si stavano appena salutando quando Cassidy si avvicinò e disse: “Ciao Ginny. Ciao Harry.”

"Ciao Cassidy", hanno risposto insieme.

"Sono nel posto giusto per le pozioni, vero?" chiese Cassidy guardando la porta dell'aula.

“Questo è tutto a posto,” disse Harry.

"Allora, com'è il professor Piton come insegnante?" chiese Cassidy.

«Probabilmente non sono io a chiederlo» disse Harry. "Di solito non andiamo molto d'accordo."

"Non vai d'accordo con te?" chiese Cassidy. "Dev'essere terribile, allora."

"Sarà meglio che vada alla mia prossima lezione o farò tardi", disse Ginny non volendo approfondire l'osservazione di Cassidy. «Ci ​​vediamo a pranzo, Harry.»

“Ci sarò,” disse Harry non volendo lasciarla andare.

"È stato bello rivederti, Ginny", disse Cassidy un po' troppo dolcemente per il conforto di Ginny.

“Anche tu,” disse Ginny mentre si girava per andarsene.

"Sembra una ragazza fantastica", ha detto Cassidy.

“Il migliore,” disse Harry ancora perso nel guardare Ginny camminare lungo il corridoio.

"Allora entriamo?" chiese Cassidy.

“Certo,” disse Harry distogliendo la sua attenzione da Ginny.

C'erano solo un paio di altri studenti in classe quando sono entrati. Harry sapeva che presto Ron e Hermione si sarebbero uniti a lui. Sapeva anche che non gli sarebbe servito a niente sedersi dietro. Snape lo avrebbe cercato, non importa se si fosse seduto nel corridoio.

"Ci sono posti assegnati in questa classe?" chiese Cassidy.

«No» disse Harry. "No, a meno che il professor Piton non abbia deciso di cambiare le cose quest'anno."

"Ti dispiacerebbe se mi sedessi con te allora?" chiese Cassidy. "Non conosco ancora molto bene nessun altro."

«Non mi dispiace» disse Harry. “Sarà comunque il primo in questa classe. Grifondoro e Serpeverde di solito non si mescolano molto.

“I think it’s awful,” Cassidy began, “the way they split you into these houses and create a natural competition between you.”

“I guess I never really thought about it any other way,” Harry said. “You don’t have houses at your school in America?”

“No,” Cassidy answered. “They go out of their way to promote cooperation between all of the students. Don’t any of the houses here ever mix together?”

“Sure,” Harry said. “Three of them anyway.”

“Just not Slytherin I take it,” Cassidy said.

“I think this is the longest conversation I’ve had with a Slytherin since I’ve been here at Hogwarts,” Harry said.

“Oh,” Cassidy said, “that is so wrong. I can’t let that last for long. People who never step outside their own house miss the rest of the world.”

“You’ll find quite a bit of resistance to that,” Harry said, “especially in your own house.”

“Hey Harry,” Ron said from behind them.

Harry turned to see Ron and Hermione standing there seeming a bit confused to see a Slytherin sitting with him.

“I know,” Cassidy said to them. “Harry told me that Gryffindor and Slytherin don't ever mix, but you all are the only ones I’ve really been able to feel comfortable with so far. If you're too uncomfortable with my sitting here though, I’ll move somewhere else.”

“Of course not,” Hermione said. “It was just a bit of a shock to see it at first.”

“I can’t wait to see how Snape reacts,” Ron said with a grin.

“He’ll probably find some way to blame Harry for it and take points away from Gryffindor again,” Hermione said.

“Does he really do it that often?” Cassidy asked.

“I don’t think there has been a class yet where Snape didn’t take at least ten points away from Harry,” Ron said. “Gryffindor loses more points in potions class since Harry got here than it does in any other class or at any other time during the school year.”

“Except of course when Snape is patrolling the hallways,” Hermione added.

“Incredible,” Cassidy said. “Why does he do that to Harry?”

“He hates my dad,” Harry said.

“But I thought your dad was killed,” Cassidy said.

“He was,” Harry said. “Snape never got to take his anger out on him, so he has to settle for taking it out on me.”

“How thick do you have to be, Potter,” Malfoy said as he walked into the classroom and spotted Harry. “Why do you even bother taking a potions class?”

Cassidy turned around and Malfoy realized for the first time where she was sitting. She leveled a glare at him that was enough to silence him immediately, and made him take a seat on the other side of the room.

“I still say the sorting hat made a mistake,” Ron said.

“Maybe it just isn’t used to examining an American brain,” Cassidy said with a smile. “It doesn’t matter to me what house I’m in though. I make friends with whom ever I please.”

Snape suddenly entered the room out of his adjoining office and waved his wand to close and lock the doors at the back of the room.

“As you can see,” Snape said in his usual stern manner, “doors to the class will be locked at the exact time class is to begin every day. Anyone not inside by then will miss the class and points will be deducted from your final grade. Snape looked over at Harry when he mentioned it and the scowl on his face seemed to drop, if possible, even further when he saw who was sitting with him.

After a moment taken to recover from the initial shock, Snape looked right at Harry and said, “Well, Potter, you seem to be doing a better job of picking your friends. Miss Silverwood may prove to be a good influence on you. You should warn her though that you tend to drag your friends down with you in this class.”

“I think she should be fine since I’m not dating her, Professor Snape,” Harry said pointedly wondering if Snape would take the bait.

“Careful, Potter,” Snape seethed. “Disrespectful insinuations could be grounds for taking points. I would hate for that to happen. Just to show you how much I want you to earn points in this class, a little quiz perhaps. Answer the questions correctly and Gryffindor will earn points. Give the wrong answer and you will lose points. Would you like to try, Potter?”

“Professor Snape, I don’t think that is…” Cassidy began to say.

“I will warn you only once Miss Silverwood,” Snape said cutting her off, “ you speak only when asked to in this class. I will overlook it this time since you are new to the school and don’t know the rules as well as everyone else.”

“I’ll do it,” Harry said calmly.

“Harry, don’t,” Hermione said.

“That is five points from Gryffindor, Miss Granger,” Snape said with a smile of satisfaction. “You have been here long enough to know the rules.”

“We’ll get them back soon enough,” Harry said. “Five points per question? Or would you like to raise the stakes a bit?”

“What did you have in mind?” Snape said intrigued.

“Five questions,” Harry said. “Each one worth, say, twenty points?”

“You must have lost your mind over the summer, Potter,” Snape said smiling as Hermione and Ron had to bite their tongues to keep from saying the same thing to Harry . “You would throw away one hundred points that easily?”

“Or gain them that easily,” Harry said. “That isn’t all I want in return though. If I get the questions right, then you can’t turn around and take them back away at any point during the day. If you do take points away, they have to come from your own house.”

“And when you lose?” chiese Piton.

“Then you can take as many other points from Gryffindor as you feel are necessary,” Harry answered

All of the Gryffindors in the class didn’t know if they wanted to cheer Harry for standing up to Snape, or beat him to within an inch of his life for even opening his mouth.

“And the questions?” Snape asked seeming like a man who was anxious to make the kill.

“Can be about the magical uses or properties of any potion ingredient,” Harry said.

“Fool,” Snape spat, “you should have at least limited it to ingredients we have covered in class.”

“I only have one more condition,” Harry said. “From now on, if you have a problem with me you take it up with me, not my girlfriend.”

Snape was so beside himself with joy at the opportunity Harry had laid before him, he would have agreed to almost anything if it meant bringing the famous Harry Potter down a few notches.

“Agreed,” Snape said with a sadistic grin as he wrapped his robes about him. “Dicentra spectabilis.”

“One of the main ingredients in several love potions,” Harry said immediately astonishing everyone, “though it is rarely used since it’s effects are more temporary than some other more trusted ingredients.”

Snape was surprised, but not wanting to show any signs of being flustered said, “Farsera speciosa.”

“Minor ingredient in a potion used during meditations to help focus thought,” Harry said.

“Bloodwort,” Snap said.

“A resin that can be combined with other more minor ingredients and burned to drive away evil and negativity,” Harry said.

“Inula dysenterica,” Snape said through gritted teeth.

“Used in a potion to drive out possessive spirits in exorcisms,” Harry said.

“Quickbane,” Snape forced out.

Harry paused for a moment to give Snape some hope that he may not know the answer before he said, “Reduces the influence of outside stimuli on mental processes, therefore it is used as one of the main ingredients in a potion helping werewolves resist transformation during the full moon.”

Snape was so livid he could barely see straight much less teach a class, so he turned and began walking toward his office. He waved his wand at the doors he had locked and they flew open as he said, “Class dismissed.”

“I think you forgot something, Professor,” Harry said. “I believe you have some points to award.”

Everyone in the room was sure that Snape was going to turn around and hex Harry. They all waited as Snape stood motionless with is back to them just outside his office door.

“One hundred points to Gryffindor,” Snape finally said grudgingly just before he slammed his office door behind him.

The entire class was so stunned by what had just happened that not one of them other than Harry began to stand up. They all looked at him and saw that he had a small grin on his face. He was acting like nothing out of the ordinary had just happened.

Harry gathered all of his things and turned to Ron and Hermione and said, “I’ll see you all at lunch. I’m going to go and wait for Ginny to get out of her class.”

They all just stared as Harry walked out of the classroom. They could swear they heard him humming to himself as he walked down the hallway outside.

Kafli 10
As Harry left the Potions classroom, he felt a great sense of satisfaction with himself. He had endured six years of harassment from Snape, and for the first time he felt that he had finally dealt a blow for his side. More importantly, he had done it without having his heart rate increase even one beat, and had not pulled his wand out to give Snape the hexing he had dreamed of giving him for years.

Harry was so pleased with himself, and realizing that he had even more time to waste than he had after his first class, that he got an idea while on his way to the transfiguration classroom. Instead of going straight there, he took a detour to a place where most Hogwarts students never even thought of going.

Harry stepped through the entrance and saw a flurry of activity that he was hesitant to interrupt. He was on the verge of changing his mind and turning back when a shrill cry of joy stopped him.

“Harry Potter, sir!” Dobby said as he spotted Harry and immediately stopped what he was doing to walk over and greet Harry.

“Hello, Dobby,” Harry said. “I hope you’re well.”

“Dobby is so lucky to have someone like the noble Harry Potter to care how he is doing,” Dobby said. “Dobby is doing quite well here at Hogwarts thanks to his friend Harry Potter.”

“I’m glad to hear it,” Harry said.

“Is there something that Harry Potter needs that Dobby can do for him?” Dobby asked hopefully.

“Actually,” Harry said with a smile, “there is something I would like if it’s possible.”

Ginny walked out of the Transfiguration classroom and was stopped in her tracks as she noticed Harry leaning against the wall just like he had been when she got out of Potions.

“Oh no, Harry,” Ginny said concerned. “You didn’t get yourself kicked out of Potions did you?”

“No,” Harry said walking over to her. “Actually, Snape let class out early.”

“Early?” Ginny asked not believing that she had heard him right.

“Yep,” Harry said as he leaned over and gave her a kiss.

“But Snape never…” Ginny protested after Harry had broken the kiss.

“Let’s not talk about Snape anymore,” Harry said. “It’s such a beautiful day, I thought you might like to take a walk down by the lake.”

Ginny stood back and looked at Harry trying to determine if he was being serious or not before she said, “You would rather take a walk by the lake instead of eating lunch.”

“There’s plenty of time,” Harry said.

Ginny hesitated, but realized she couldn’t say no to him if she tried, and said, “Alright, but it’ll be your head if I don’t get to eat lunch.”

Harry smiled as he stuck out his arm for Ginny. She put her arm in his and they walked leisurely down the hallway toward the nearest exit to the grounds. They walked down to the lake and watched the ripples on the water roll in to the shore.

Harry turned toward Ginny and gave her a long tender kiss, and as he broke away he said softly, “I can’t tell you how much I wish this moment wouldn’t end. I have everything I need right here.”

“I agree with you in part, Harry,” Ginny said, making Harry look questioningly at her. “I have everything I need, except lunch. I’m starving.”

“Patience, love,” Harry said. “I have everything under control.”

Just then Ginny looked beside them as a blanket appeared with a full spread of picnic food arrayed on top of it.

“Lunch is served, My Lady,” Harry said with a slight bow.

“How did you do this?” Ginny asked amazed.

“Well,” Harry said, “I happen to have some very influential friends in the kitchens around here.”

“A good thing for you,” Ginny said. “Any longer and you would have been standing here on your own while I went to get some lunch.”

“Then by all means,” Harry said, “let’s eat.”

Harry and Ginny sat down and ate happily together. When they had both eaten their fill, Harry laid his head in Ginny’s lap and let her attempt to smooth down his unruly hair.

“It’s really going to be strange around here next year,” Ginny said half to herself.

"Cosa intendi?" chiese Harry.

“Well,” Ginny began, “you will have graduated, but I’ll be stuck here for another year without you.”

“I guess I never thought about that,” Harry said as he sat up wondering why that never occurred to him.

“You’ll go off to continue your training as an auror,” Ginny said, “and I’ll be sitting here by the lake longing to relive this moment.”

“Well maybe I could get a job in Hogsmead,” Harry said thinking out loud. “That way we would at least see each other on Hogsmead weekends.”

“But you’ve wanted to be an auror for years now,” Ginny said. “I don’t want you to give that up just because we’ll have to spend time apart. It would hurt me more to know that I was the thing that caused that dream to die.”

“Sometimes dreams change,” Harry said. “Nobody ever said I had to start my auror training right after I graduate. It wouldn’t hurt anything to wait a year or two.”

“No, Harry,” Ginny said. “I can’t let you do that. You need to get as much training as you can for when..."

“When I fight Voldemort,” Harry said finishing her thought.

Ginny felt a deep guilt for bringing up the subject on what Harry had meant to be such a nice picnic. Of all of the things she could have said, she had brought up the one subject she knew to avoid most of all.

“I am so sorry, Harry,” Ginny said. “I didn’t mean to ruin this day for you.”

“You haven’t,” Harry said taking hold of her hand. “Listen, I want to make it clear here and now that I know my fight with Voldemort is coming near. No one knows that more that I do. I expect it to happen before I graduate this year. I know that shocks you, but it’s something I’ve been working very hard to prepare for. When it comes, I’ll do the very best I can to end it once and for all. Until then, I am not about to let Voldemort influence my life like you might think. I’m perfectly all right with discussing Voldemort, and our impending battle, with people. Most of all you. I feel closer to you right now then I have ever been to anyone. The only reason I never bring it up myself is because I know it makes other people uncomfortable to talk about it.”

“I don’t want to lose you, Harry,” Ginny said as she pressed her tear stained face to Harry's chest.

“I don’t want to lose you either,” Harry said. “I just want to make the most of whatever time we have left together, whether it’s five minutes or a hundred years. I’m going to love you with every part of my soul for as long as I can.”

Harry tilted Ginny’s head back and kissed her until both of them felt the joy coursing through them as it always did.

"Mmm." Dobby said, causing Harry and Ginny to look and see who had sneaked up on them so quietly.

“Dobby is sorry to interrupt Harry Potter, sir,” Dobby said, “but he wanted to make sure you knew that you will be late for your classes if you do not leave now.”

Harry looked down at his watch and realized that he was right. They wouldn’t have to run, but they weren’t far from having to.

“Thanks for everything, Dobby,” Harry said as he and Ginny got up to leave. “You’re a real friend.”

Dobby couldn’t have been more proud as he snapped his fingers and vanished the picnic blanket away. Harry Potter was the greatest wizard that ever lived, he was sure. And to the end of his days he would make sure that all of the other house elves knew it.
Kafli 11
The remainder of the day went smoothly for Harry. None of his other classes got out early enough to meet Ginny, but his lunch picnic with her turned out to be enough to sustain him through the rest of his classes. He was looking forward to seeing her in the common room when all of their classes were done. He thought that they would have time for another walk around the grounds before they had to go to dinner.

He was looking forward to getting away from Ron and Hermione for a while anyway. They had been pestering him all day to tell them what he had done during the summer to suddenly become a whiz in every one of his classes. Harry had tried to tell them that it didn’t really matter as long as he kept earning points for Gryffindor. While they agreed that it was great that Harry had personally managed to earn more points on the first day than some of the houses usually got in the first six months; they still wanted to know what mutation he had undergone that made him able to answer any question, and perform magic that no other wizard had ever been able to.

Harry’s hopes of taking a late walk with Ginny and watching the sunset were not to be though, as Professor McGonagall walked into the common room and told Harry that Professor Dumbledore wanted to meet with him right away. Knowing that there was no way to get out of it, Harry left word with Neville of where he had gone, and told him to tell Ginny about it. It wasn’t until after he left that he wondered if Neville’s memory had gotten any better over the summer.

Professor McGonagall walked Harry all the way to Dumbledore’s office, and when she took him inside, Professor Dumbledore said, “You should stay for this as well since you are Harry’s head of house Professor McGonagall. You seem to have had quite an eventful day, Harry.”

“Yes, sir,” Harry said, suspecting what the meeting might be about.

“From what I hear, you managed to earn one hundred and seventy five points for your house today,” Dumbledore said looking down over his glasses at Harry. “I asked you to come here about one hundred of those points. Professor Snape has filed a protest with me over your actions in Potions class today. He seems to think that you managed to cheat in some way on an oral quiz.”

“There was never any cheating, Professor,” Harry said. “There was no way for me to cheat. I had no prior knowledge that he would choose to give me a quiz or what would be on it, so there was no way to have arranged for anyone to help me.”

“How do you explain it then that you were able to answer every question correctly,” Dumbledore said calmly, “even though Professor Snape assures me the test was designed so that you shouldn’t have been able to answer correctly.”

“With all due respect to Professor Snape,” Harry said, “he has no way of knowing, in advance, what I might know. I spent a good part of the summer studying potion ingredients. That, in addition to what I uncovered in my own mind this past summer, was all I needed to know.”

“What do you mean, Mr. Potter?” McGonagall asked. “What did you uncover in your mind?”

“That is something that I will discuss with you, with Harry’s permission,” Dumbledore said, “after Harry is on his way back to the common room.”

“I don’t mind,” Harry said. “I think Professor McGonagall should know just in case something happens.”

“Thank you, Harry,” Dumbledore said. “I just need to tell you that I have reviewed Professor Snape’s complaint, and informed him that there is nothing that can be done unless he can show any evidence of cheating.”

“Thank you, Professor,” Harry said.

“You are welcome,” Dumbledore said. “By the way Harry, I hear that we also have you to thank for Professor Bane’s considerable good mood. I haven’t seen a Hogwarts teacher that excited since Professor McGonagall told me she had found a new seeker for her house team some years ago.”

Harry walked back to the Gryffindor common room expecting to find no sight of anyone since they would all be down at dinner. To his surprise, there was someone still there waiting for him.

“How was your meeting with Dumbledore?” Ginny chiese.

“Fine,” Harry said walking over and taking her in his arms. “He just had to tell me about a complaint Snape had made to him.”

“You never did tell me why he let class out early,” Ginny said pulling back to look at him.

“I’m hungry,” Harry said trying to change the subject. “Why don’t we go down to dinner now.”

“Alright,” Ginny said taking his hand. “You can tell me all about Potions class on the way.”

Harry just smiled at her as he led her out of the common room. Knowing that she would drag it out of him or hear it from someone else anyway, he spent most of the trip to the Great Hall relating to her everything he could remember about his potions class. Unknown to Harry, it was his friendly conversation with Cassidy Silverwood that bothered her more than what had happened with Snape.

A cheer went up from the Gryffindor table as Harry and Ginny walked in. As usually happened at dinner, everyone checked on where the house points stood and found Gryffindor had jumped out to a substantial lead that the other houses would be hard pressed to catch. It hadn’t taken long for the tales of what Harry had done during the day to get around. From the way they congratulated him, a person would have thought he had just won the house cup for them single handedly.

As hungry as he might have been, it didn’t take long for Harry to grab some food and suggest that they get it to go. He told Ron and Hermione to grab Neville and meet him in the room of requirement.

Twenty minutes later, Ron, Hermione, Neville and Luna walked through the door into the room of requirement to find themselves standing in the Hogwarts Library. They spotted Harry and Ginny sitting at one of the tables, and went over and sat down with them.

“I just wanted all of you to be here so I could explain to you what I did over the summer,” Harry said. “Actually I spent most of it right here in this room.”

“In the room of requirement?” chiese Hermione. “But Harry, that’s impossible. Hogwarts is closed over the summer. How would you have gotten in?”

“With this,” Harry said as he unwrapped a coin he had pulled out of his pocket and placed it on the table.

“Is that what I think it is?” chiese Ron. “Is that a portkey?”

“Yes,” Harry said. “I made it last year before I left, so that I would be able to come back here when I wanted and then return to my room at the Dursley’s.”

“Brilliant,” Neville said. “You can’t do magic outside of Hogwarts, so you make a portkey to bring you back here so that you can.”

"Ma perché?" chiese Hermione.

“This is what you meant wasn’t it Harry?” Ginny chiese. “At lunch today you told me that you had been working hard to prepare for your battle with Voldemort.”

“Right,” Harry said.

“I find it hard to believe that Harry Potter spent an entire summer reading and doing research,” Hermione said.

“I didn’t,” Harry said. “Remember that this room can be whatever I need it to be. Sometimes it was the library, but other times it was an assortment of other rooms. Sometimes it was the streets of Hogsmead, or the Forbidden Forest. I also did quite a bit of meditating.”

“So why the sudden change, Harry?” chiese Hermione. “Studying and meditating aren’t things that we’ve ever associated with you before.”

“I should think it was Voldemort,” Luna said airily. “Perhaps Harry finally realized how close his battle really was.”

“That’s partially true,” Harry said. “At the end of last year I was having flashes of memory, but they weren’t memories that I should have remembered. They were Voldemort’s memories. At first I thought he was placing the thoughts into my head on purpose, but my occulemency practice had taught me how to block something like that from happening without my knowing it. I kept looking for external ways he might have been doing it, but eventually I thought to take a look internally.

“My meditations quickly showed me what I feared to be true. Professor Dumbledore always thought that Voldemort transferred some of his power to me the night he gave me my scar. That’s how he explained my being able to speak parcletongue. What I found was that he did much more than transfer some power to me. What he actually did was to copy everything he knew at the time into my brain without either of us knowing it.”

“Oh, Harry,” Ginny said horrified for him. “Please tell me you don’t have a memory of…”

“Killing my parents?” chiese Harry. “Unfortunately, I have a clear memory of that and every other time he killed someone. Once I started digging to find these hidden memories, I couldn’t stop them from flooding back to me of their own will. I’ve been meditating all summer to calm my mind so I can keep a handle on which memories are mine and which are his, but they’ve become such a part of me that the line isn’t so clear cut all the time.”

“I’m so sorry, Harry,” Hermione said as tears dripped from her chin. “I never should have pressured you to tell us what you had been doing during the summer.”

“I’m sorry too, mate,” Ron said. “I can’t imagine what you must be going through.”

“I spent quite a bit of time feeling sorry for myself,” Harry said. “I won’t lie to you. I would love to have some of the memories taken out of my head somehow, but there are other things that I need to keep.”

“What could Voldemort give you that you would want to keep?” Neville asked.

“His knowledge of magic,” Harry answered. “His intellectual research abilities. The knowledge of what his favorite spells are and how they can be blocked. All of these things that I know about him, that he isn’t aware that I know, could be just the edge I need to defeat him once and for all.”

“So when you answered all of Snape’s questions in Potions today…” Ron said.

“I drew on those memories to help me get the right answer,” Harry said. “I know more about making potions right now than Snape could ever dream of. I’ve even been working on a special one of my own over the summer.”

“And the magic circle in Defense Against the Dark Arts?” chiese Hermione.

“Only partially in that case,” Harry said. “Voldemort knew about circle magic and tried to produce one with a wand spell, but eventually gave up thinking it was impossible.”

“But you did it,” Neville said.

“Yes,” Harry said. “I used the room of requirement to make a room that had all of the information that had ever been written down about the study of circles. What I found out was that they had been around much longer than most people today give them credit for. They were all trying spells in Latin or Greek. I started trying some of the older languages and finally found out that Sanskrit got a reaction. After that it was just a matter of finding the right words.”

“Wait a minute.” Ginny said waving her hand. “What is all this about magic circles?”

“That’s right,” Hermione said. “I f

Storie simili

Le avventure di Jessica 4!

Le avventure di Jessica 4 Note dell'autore: Ehi gente, questa è la mia quarta storia della serie e non vedo l'ora di ricevere un feedback. Adoro scrivere queste storie, ma sono molto impegnato ora, quindi potrebbe passare un po' di tempo tra le storie. Amo tutti i miei fan e odio i miei non fan, lol, beh, non ti odio davvero, mi chiedo solo perché non ti piacciono le mie storie. Ci sarà incesto in questa storia, e se odi l'incesto, non leggerlo. Questa è la quarta avventura di Jessica nella serie e, in futuro, fai attenzione a un ospite speciale...

2.2K I più visti

Likes 3

Le tette si fanno bang bang

Ancora una volta vi porto la copia scritta di un'avventura interrazziale più recente. Proprio come prima, adoro ricevere posta da tutti voi e se non ricevete una risposta da me la prima volta, diavolo, scrivetemi di nuovo. Un piccolo retroscena per questa storia: è successo una notte l'estate scorsa. Stavo tornando a casa da un club (mio marito è stato via per la settimana - allenamento). A circa ¼ della strada di casa, la mia macchina ha iniziato a fare i capricci e alla fine ha ceduto. Usando il mio cellulare e una rubrica di una stazione di servizio vicina, ho...

2.2K I più visti

Likes 0

Vicini cattivi_(1)

Mi sono svegliato la mattina dopo con il luminoso sole mattutino di luglio che entrava dalla finestra. con un sorriso stampato in faccia ma ho ancora un leggero senso di colpa nello stomaco dalla sera prima. Mi sono girato per controllare l'ora e ho notato che Tony stava ancora dormendo. Erano le 8.50 di mattina. Mi alzai dal letto e mi tuffai subito nella doccia. Una volta fuori, con un asciugamano addosso, scesi le scale per farmi una tazza di caffè. In piedi in cucina, caffè in mano quando Andy stava tornando da una delle sue corse mattutine. Si era tolto...

2K I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

2K I più visti

Likes 0

Moglie violentata in Sudafrica

Mia moglie Elaine ed io abbiamo fatto una vacanza in Sudafrica l'anno scorso e abbiamo deciso di provare a vedere quanto più possibile del paese. Abbiamo volato a Johannesburg e abbiamo trascorso un paio di giorni a guardarci intorno. Abbiamo ricevuto molti avvertimenti sui pericoli della città, capitale mondiale degli omicidi, e abbiamo preso taxi ovunque. Le township sono state un vero shock culturale ma con una guida e stando nei trasporti, non abbiamo avuto problemi. Abbiamo viaggiato a Port Elizabeth e abbiamo affittato un bungalow, era bellissimo. Ci siamo rilassati e probabilmente eravamo meno consapevoli di ciò che ci circondava...

3.5K I più visti

Likes 0

Io e Gavin

Questa è una storia sul mio amico e sua madre che vivono nella porta accanto. Avevo 24 anni, mi ero diplomato presto al liceo e poi mi ero laureato presto al college. Ho ottenuto un ottimo lavoro con una grande azienda con un considerevole bonus alla firma che ho applicato a un acconto su una casa. Vivevo lì da 6 mesi e conoscevo molto bene i miei vicini. Janice, un'infermiera che lavorava nell'ospedale locale. Era divorziata da diversi anni e ha lavorato duramente per provvedere al figlio di 12 anni Gavin. Gavin era un ragazzo snello di 12 anni in seconda...

2K I più visti

Likes 0

Io e le mie sorelle amico parte 2 (le mie sorelle sono una troia)

Continua direttamente dalla prima parte Ho immerso il mio cazzo direttamente nella figa di Melissa ed è stato più forte dei gemiti di piacere che ha iniziato a implorare di più e si è infilata il dito nel culo urlando FUCK YES JESUS ​​CHRIST I FUCKING LOVE COCK!! Stavo andando da lei molto velocemente, il mio cazzo diventava sempre più forte di secondo in secondo e le urla di Melissa diventavano più forti! FOTTAMI IN QUELLA FIGA OH CAZZO SI! L'ho sentita sborrare e ho sentito i suoi succhi che potevo gestirlo e le ho detto che stavo per sborrare. Ho...

2.4K I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania

Mi ha assunto tre settimane fa. Un lavoro per il quale sono grato ma completamente non qualificato. Ma poi io sono giovane e asiatica, e lui è più vecchio e bianco, e nel corso dei miei doveri (e sì, anche nel corso del mio ficcanaso) ho scoperto la metrica del porno sul suo hard- drive con giovani donne asiatiche. Sono ben lungi dall'essere scoraggiato da questo. Voglio dire, non fraintendetemi, non ho alcun desiderio di scopare fino in cima, e sono anche dolorosamente consapevole dell'intero cliché della dinamica di potere tra uomo bianco e ragazza asiatica. Ma togliendo tutto questo dall'equazione...

2K I più visti

Likes 2

Lo schiavo del presidente Milford Parte 3

Scarlett era stata una ragazza timida e introversa prima che sua madre la portasse alla Casa Bianca tre mesi prima, ma il trauma che aveva subito la notte delle elezioni aveva costruito un guscio intorno a lei e non aveva detto una sola parola a nessuno da quando aveva perso la sua verginità. Se non fosse stato per le sue urla e il suo pianto, non avrebbe emesso un solo suono, tranne le suppliche di panico che sono cadute nel vuoto quando il chirurgo generale le ha rimosso il clitoride per ordine del presidente Samuel Millhouse Milford. La sua vita nei...

2.5K I più visti

Likes 0

La moglie di Frank parte 5

La moglie di Frank parte 5 Il viaggio di Jim Ritorno al Sexy Shop storia di: SindyxSin Jim riporta Kathy al sexy shop. NOTA DELL'AUTORE: Questa è una storia sessuale continua. Potrebbe avere del sesso rude e non dovrebbe essere letto da persone che non amano quel tipo di sesso. Non è per tutti, dolore, umiliazione e altri atti sessuali usati per degradare una persona non per tutti. Se questo ti eccita, sono felice, ma per favore non provare nulla di tutto questo su partner riluttanti. Le storie che precedono questa sono; Moglie Franchi, 1,2,3,4. Con l'aiuto di Frank e di...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.