Non era giusto, il che lo rendeva così CALDO

1.2KReport
Non era giusto, il che lo rendeva così CALDO

Questa è una storia vera.

Molti di coloro che hanno letto alcune delle mie altre storie (alcune finzioni, altre vere) possono ricollegare questo "incidente" al punto in cui è iniziato, quando mi sono separato e poi divorziato da mia moglie.
Sono divorziato dalla mia ex da un paio d'anni e vado a casa sua per visitare nostro figlio. Una figlia adolescente della sua amica (questa è l'amica con cui voleva che facessi un rapporto a tre in passato) non poteva andare d'accordo con sua madre, quindi sta con la mia ex e guarda nostro figlio mentre l'ex lavora, gioca, qualunque cosa.
Ora ho conosciuto per la prima volta la ragazza quando aveva circa, ora ha 16 anni, si chiama Trixie. Ha sempre avuto una cotta per me che non è mai andata via. Sapeva che sua madre e io ci eravamo messi insieme in alcune occasioni dopo che avevo lasciato il mio ex (che era di nuovo un paio di anni fa), voleva che fossi il suo nuovo papà. Non era nei miei piani essere di nuovo padre o sposarmi o addirittura sistemarmi con una donna, quindi si è incazzata quando non ho più visto sua madre, ma l'ha superata e siamo tutti amici.

Sono venuto per la mia visita regolare che ha comportato che la mia ex facesse le valigie e partisse per il fine settimana, sarei rimasto lì e sarei rimasto con nostro figlio e me ne sarei andato dopo il fine settimana.
Trixie era sempre in giro per casa dato che non aveva ancora la patente e anche se l'avesse non ha la macchina ma comunque è un corpo di casa.
Venerdì sono uscito presto dal lavoro e sono arrivato a casa dell'ex nel tardo pomeriggio. Trixie era fuori a trovare amici vicino al quartiere quando sono arrivato a casa, ma si è presentata presto la sera. La serata consisteva nel solito gioco tra noi tre, abbiamo cenato e poi mio figlio è caduto sul divano.
Trixie stava facendo il solito girovagare da una stanza all'altra, mandando messaggi sul suo telefono o sedendosi con me a guardare la TV. La prendevo sempre in giro e a volte si arrabbiava, mi lanciava qualcosa e se ne andava o giocava e mi colpiva, il che mi obbligava a inseguirla e poi a tenerla ferma, ecc.
Facevamo sempre lievi commenti sessuali avanti e indietro (nella mia mente la volevo ma con le nostre differenze di età era fantasia) e ci prendevamo in giro a vicenda, ma ho sempre spinto la busta. Questo genere di cose andava avanti da alcuni mesi e ho persino preso in giro sua madre sul fatto che a sua figlia piacevo davvero e che stavo esercitando il mio fascino su di lei. Il suo commento è stato "allora quando farai la tua mossa", entrambi ne abbiamo riso scherzosamente mentre lei e io ci riunivamo ancora in rare occasioni e trascorrevamo del "tempo di qualità".

Si stava facendo tardi e dato che era inverno Trixie si accoccolava sul divano, poi si raffreddava, prendeva una coperta e poi si sedeva accanto a me. Stavamo guardando un film, scambiandoci qualche allusione, ecc., poi lei si calmava e guardava il film. Mi sono strofinato le braccia perché avevo freddo, poi mi ha offerto un po' della sua coperta. Non mi è mai dispiaciuto condividere una coperta con lei, intendo a 16 anni con capelli castano scuro di media lunghezza, un viso dolce e rotondo, occhi azzurri, forse 130 libbre (solo un pezzettino) alla sua altezza che era di circa 5 '1 "era una bel pacchetto petite giovane.
Quindi eccoci sotto la coperta, poi dopo un po' lei si è girata un po' e si è accoccolata più vicina appoggiando la testa appena sotto il mio braccio con il suo corpo disteso accanto a me. Le ho fatto scorrere la mano su e giù per il braccio strofinandola, dopo pochi minuti ha sorriso e ha detto "sporco vecchio".
Ho risposto "non ti lamenti".
Ha detto "beh, ho solo freddo".
Ho risposto "sei piuttosto sexy per quanto mi riguarda".
Ciò le fece uscire un enorme sorriso e una risatina. Mentre le accarezzavo il braccio su e giù, lasciavo che la mia mano si spostasse delicatamente sulla sua schiena e la strofinassi in cerchio. Si dimenò e si dimenò un po', poi emise un basso "mmmmmmmmmmm".
Quando ha spostato il braccio dal fianco e l'ha allungato davanti a sé, ho spostato la mano sul suo fianco e l'ho strofinata su e giù. Avanzavo lentamente ogni due colpi e quando la mia mano passava sulla curva del suo giovane fianco grassoccio emettevo un lungo "mmmmmmmm" solo nella mia mente. La sensazione del suo giovane corpo fece venire un brivido al mio.
Il mio cazzo ha iniziato a indurirsi mentre lavoravo le sue giovani curve, la mia mano andava sul suo fianco e giù per la sua gamba, poi lasciava che le mie dita si avvolgessero sulla parte posteriore della sua gamba dando loro il minimo strattone. Volevo così tanto la mia mano sul suo sedere. Aveva un bel culo che dondolava un po' quando camminava. Volevo spremere quei panini morbidi così dannatamente male. Sapevo che se non avessi ancora ricevuto alcuna resistenza dopo un po' più di sfregamento, avrei potuto provarci, anche se in modo sottile.
Era certamente ricettiva ma non volevo andare troppo veloce e fare casini, queste "prese in giro" vanno avanti da mesi quindi non volevo mettere a repentaglio "niente".
Quando finalmente Trixie ha emesso un udibile "MMMMMM che si sente bene", sapevo che le cose sarebbero andate bene.
Ho risposto "ohhhhh lo fa sicuramente".
Ciò le fece scoppiare una risatina e disse: "Sei cattivo, vero?".
Ho detto: "NO, questo ti rende cattivo e ME un vecchio sporco".

Ha spostato la testa dal mio fianco e l'ha appoggiata sulla mia gamba. Il mio cazzo era già teso ma con la sua testa così vicina mi metteva solo più a disagio e dovevo fare un aggiustamento. Ho sollevato leggermente il sedere e ho tirato l'altra gamba dei pantaloni cercando di fare spazio al mio membro pulsante mentre risolvevo questa situazione in qualche modo.
Quando mi sono alzato, ha alzato la testa, "vuoi che mi muova".
Ho risposto rapidamente con un "NO, mi stavo solo mettendo a mio agio".
Ha abbassato la testa mentre le passavo di nuovo la mano sul fianco e questa volta, quando le mie dita scivolavano sulla parte posteriore della sua gamba, le lasciavo scorrere sulla sua guancia durante la corsa verso l'alto.
Indossava i soliti pantaloni del pigiama di cotone sottile che indossava la sera. Dopo diversi colpi su e giù con la mia mano che scorreva sul suo sedere, mi sono spostato di nuovo sulla sua schiena e ad ogni colpo verso il basso ho lavorato le mie dita sotto la sua fascia in vita, mi sono fatto strada a ogni colpo fino a quando la mia mano era completamente immersa nei suoi pantaloni . Ho sentito la gloria della sua giovane guancia paffuta mentre la strofinavo e la stringevo.
Nella mia mente pensavo che fosse troppo bello per essere vero. Mentre lavoravo, stavo esaminando mentalmente tutti gli svantaggi, i potenziali, i whats if e le insidie, ma il mio desiderio stava sopraffacendo qualsiasi "buon senso" che avevo o avrei dovuto avere.
Era sdraiata e respirava regolarmente mentre lavoravo. Dopo aver spremuto diverse manciate del suo soffice panino, ho ritirato la mano per lavorare di nuovo il suo fianco. Sollevò la testa, si voltò verso di me, poi si sdraiò di nuovo.
Mi sentivo un po 'più a mio agio ora, anche se le cose andavano bene prima che questo fosse un segno che lei era molto a suo agio. Ho iniziato la stessa routine immaginando che l'altro lato del suo corpo avesse bisogno dello stesso trattamento, ma quando sono tornato a lavorare su di lei le ho detto che poi si è contorta solo un po'. Ho avuto l'idea che fossi io a continuare lungo il suo fianco e non la sua schiena, ma quando sono andato a lavorare facendolo dopo meno di un minuto si è girata un po 'di più e si è rotolata di più sulla schiena, esponendo un po' di più la sua area frontale.
Non è che non volessi il "premio finale", ma volevo andare a un ritmo per non fare mosse improvvise e potenzialmente spaventare una ragazza.
La sua maglietta sottile le era salita sullo stomaco, quindi avevo molta pelle da sentire mentre le accarezzavo la pancia. Fece oscillare leggermente i fianchi in avanti, dandomi il chiaro segno che voleva che facessi progressi.
Ho spostato la mia mano lungo il suo stomaco e ho lasciato che le mie dita scendessero sotto la sua cintura fino a raggiungere la parte superiore della sua pelliccia. Non ero così eccitato da quando avevo 16 anni o giù di lì.
Ho strofinato dei piccoli cerchi appena sopra la sua regione pubica e quando ha oscillato di nuovo i fianchi e ha divaricato leggermente le gambe ho lasciato scivolare il mio dito medio fino alla parte superiore della sua fessura. Le strofinai la clitoride con il dito e lei spinse i fianchi in avanti e fece uscire un lungo respiro dal naso.
A questo punto è rotolata sulla schiena, il che mi ha dato un accesso molto migliore alla sua giovane figa.

Abbassai lo sguardo e i suoi occhi erano ben chiusi e respirava pesantemente mentre lavoravo la sua giovane fessura umida. Ha divaricato le gambe ancora di più ora mentre ho spinto le mie dita più in basso e più a fondo nella sua fica.
Era passato così tanto tempo da quando avevo messo le mani su una figa così giovane. Sapevo che era stata in giro per un po', due ragazzi che conoscevo di cui lei e sua madre mi avevano parlato, ma la sua figa era così soda al tatto. Ho pensato tra me e me che se questo fosse il massimo, allora avrei fatto di più a questo punto ed età con una ragazza così giovane che pensavo che non avrei MAI rivissuto che sarei andato bene se ne avessi battuto uno più tardi solo pensando a lei.
In effetti avevo pensato a lei molte volte mentre me la prendevo, ma la mia curiosità era soddisfatta poiché tutto sembrava esattamente come ricordavo che si sente una ragazza.
Volevo fotterla così tanto e non volevo sfidare la mia fortuna, ma dovevo solo sapere se era possibile e se lei sarebbe disposta ad andare così lontano con me.
Se lei lo era, allora lo ero io? Questa era la domanda che mi ponevo sempre quando ci pensavo.
Era certamente all'età del consenso, quindi nessun problema legale al riguardo che ha lasciato solo la questione morale che ho praticamente buttato fuori dalla finestra dopo aver lasciato mia moglie (cosa che ho raccontato in una mia storia precedente) ma la situazione potrebbe ovviamente diventa appiccicoso. È la figlia di una donna con cui ho fatto sesso in più è un'amica della mia ex moglie e la ragazza vive con la mia ex.
Le ragazze parlano, le donne infernali in generale parlano, ma ancora una volta la sensibilità si stava esaurendo a questo punto perché il momento e la situazione lo rendevano ancora più caldo.
Quante volte riesci a scopare la madre e sua figlia?. È come fare sesso e/o fare sesso a tre con due gemelli, e quanto sarebbe eccitante.
Stavo calcolando mentalmente i rischi, ma sapevo che era inutile. Diversi mesi prima mi ero trovata in una situazione in cui era arrivato il momento di fare sesso con un mio buon amico. Lei e io ci conoscevamo da molti molti molti anni, ma questa è ancora un'altra storia.

Stavo strofinando l'intera lunghezza della sua fessura e le mie dita si stavano inzuppando, quindi sapevo che era il momento giusto.
Le ho chiesto dolcemente, "vuoi andare sul retro"?, intendendo la camera da letto.
Non ha risposto, ma il suo respiro si è alzato un po' di più e ho potuto sentire il suo cuore che le batteva fuori dal petto.
"Dai, andiamo", dissi un po' più forte. Non stavo chiedendo a quel punto.
Ho iniziato a toglierle la mano dai pantaloni e lei ha annuito di sì proprio in quel momento il suo corpo ha tremato.
A quel punto l'avevo avuta, ancora più sfregamento e lei potrebbe aver ottenuto abbastanza sollievo e un giudizio migliore, quindi le cose potrebbero essersi raffreddate.
Eravamo entrambi praticamente al punto di non ritorno e non avevo intenzione di chiederle se le andava bene oltre questo punto.
Se fossimo saliti sul letto e avessimo iniziato a progredire, allora lei voleva smettere, allora sarebbe stato così, ma se non avesse detto niente, non l'avrei fatto nemmeno io.
Mi sono alzato e sono andato in camera da letto e lei era proprio dietro di me, si è fermata e si è girata per guardare dov'era mio figlio sul divano proprio mentre mi giravo anch'io per guardare indietro.
Quando si è voltata verso di me i nostri occhi si sono incontrati e ho detto: "andrà tutto bene". Intendevo il bambino che dormiva sul divano e quello che stava per succedere (o non succedere) mentre mi giravo e praticamente pregavo che continuasse a seguirmi.

Mentre camminavo dall'altra parte del letto, lei si infilò sotto le coperte mentre io mi alzavo e mi tolsi la maglietta, poi mi sedetti e mi tolsi i pantaloni, poi si infilò sotto le coperte e scivolò verso di lei. Ho fatto scivolare la mano sotto la sua camicia e sono andato per le sue tette.
Aveva delle belle tette per una sedicenne, ereditate da sua madre questo è certo. Aveva una bella manciata morbida, io le strinsi e massaggiai le tette mentre chinavo la testa vicino al suo collo così da poterle piantare un bacio, cosa che la fece rabbrividire un po'.
Avevo intenzione di darle il trattamento completo, qualcosa che probabilmente non ha mai avuto. Una volta ero un ragazzino e ricordo di non voler fare altro che metterlo dentro, sparare, riposare e poi farlo ancora e ancora e ancora.
Dopo averle baciato il collo, mi sono abbassato e ho succhiato quelle dolci tette morbide lasciando che una mano scendesse per toglierle i pantaloni.
Dopo che ho iniziato a spingerli verso il basso, ha finalmente iniziato a toglierseli di dosso ed è stato allora che ci ho provato. Volevo assaggiare quella figa da così tanto tempo. Ogni volta che venivo a trovarmi e guardavo questa ragazzina gironzolare per casa la spogliavo con gli occhi, chiedendomi come si sentiva, che sapore aveva e soprattutto come sarebbe stato essere di nuovo dentro una ragazza così giovane.
Ho lasciato quelle tette e mi sono spostato finché non mi sono inginocchiato davanti alla sua fica. Era davvero buio e tutto ciò che riuscivo a distinguere era il contorno delle sue gambe aperte.
Mi sarei goduto tutto questo, e mi sarei assicurato che lo facesse anche lei.
Mi sono sdraiato davanti alle sue gambe aperte e ho avvolto le mie mani attorno a loro per aprirla ancora un po' e ho sfiorato il piatto della mia lingua dal basso verso l'alto della sua fica, lei ha tirato un respiro enorme e l'ha lasciato uscire in un moda lenta e balbettante.
Aveva un buon sapore e il ricordo di come si sentiva la sua fica mi ha riportato alla mia giovinezza. Ha fatto sesso ma non abbastanza da indossare nella sua figa così bene. Le labbra della sua fica erano così sode e il suo giovane buco era stretto. Dopo aver accarezzato la sua fica su e giù, ho cominciato a stuzzicarle le labbra con la punta della lingua, le ho accarezzate molto delicatamente. Ha alzato il sedere dal letto un paio di volte e quando si è sistemata ha sollevato le gambe, poi ha appoggiato i piedi sulle mie spalle e mi ha afferrato due manciate di capelli mentre le leccavo la giovane figa.

Cominciò a sgroppare e ruotare i fianchi desiderando che le leccassi tutta la fica dall'alto verso il basso e me la strofinassi in faccia, le piaceva la sensazione del mio folto pizzetto che le faceva il solletico mentre ci muovevamo su e giù.
L'avevo a un punto febbrile e tutti i pensieri che poteva aver avuto di smettere prima che arrivassimo al rapporto erano spariti.
Ha rallentato un po' i suoi movimenti e ha iniziato a tirarmi su di lei, era pronta a farmela mettere dentro. Mi ha colpito, stavo davvero per scopare questa giovane ragazza. Ci avevo pensato e fantasticato per così tanto tempo, ma ho pensato che sarebbe stato proprio questo e SE mai fosse arrivato a questo, avrei disarmato la situazione prima che sfuggisse di mano.
Mi è sfuggito di mano sul divano e ora dovevo essere dentro di lei. Avevo davvero bisogno che fosse estremamente agitata perché ho avuto problemi a far entrare il mio cazzo in una donna molto più anziana, sua madre ha avuto difficoltà le prime volte che abbiamo fatto sesso.
Era buio e lei non mi aveva visto né l'ha toccato, ma sua madre e il mio ex parlavano liberamente, quindi sapevo che probabilmente aveva sentito delle cose. Temevo che se avesse visto o sentito le dimensioni avrebbe potuto spaventarla e avrebbe voluto smettere.
Mi sono avvicinato a lei e ho sospeso, "sei pronto", ho chiesto.
Lei ha risposto con un respiro pesante, "uh huh".
Ho detto, "potrebbe far male un po'".
Ha detto: "Non importa quello che dico, non fermarti".

Mi sono posizionato, mi sono messo un po' di sputo in mano e l'ho strofinato sulla mia testa gonfia. Era molto bagnata e scivolosa, ma avremmo avuto bisogno di tutto ciò che potevamo ottenere. Ho guidato il mio cazzo duro e palpitante verso la sua giovane figa appena mangiata e l'ho messo in entrata e l'ho spinto.
Trasse un rapido respiro doloroso mentre scivolavo dentro, il tocco della mia testa era appena entrato. Emisi un lento "uhhhhhhhh". La fermezza del suo buco era così bella che stringeva il mio cazzo.
Ho chiesto: "stai bene?".
Ha rapidamente risposto, "uh huh, uh, eh, vai avanti". Potrei dire che l'ha detto a denti stretti.
Ho spinto ancora un po' e lei ha tirato un altro respiro e l'ha trattenuto mentre il mio cazzo le apriva il buco. In realtà sono arrivato a metà lunghezza prima che lasciasse espirare.
Ho iniziato a muovermi dentro e fuori da lei nel fottuto movimento. Aveva bisogno della stimolazione e di altri succhi che scorrevano per ottenere tutta la mia lunghezza e circonferenza dentro di lei.
Per quanto volessi seppellire il cazzo nel suo piccolo e caldo tunnel dell'amore, a questo punto ho avuto un'incredibile riserva e con un po' più di movimento del cazzo ha segnalato che era pronta per di più.
I suoi succhi scorrevano e lei sollevò un po' di più le gambe su e indietro e io affondai maggiormente la mia asta indurita dentro di lei.
Respirò pesantemente, "uh huh, fallo, fallo".
Così l'ho fatto e ci sono andato con spericolato abbandono, lei era pronta e completamente pronta per essere scopata ora. Dopo circa due enormi spinte ero completamente dentro di lei, le sue pieghe interne erano morbide ma aderenti ed era così bagnata.
Ha alzato le braccia accanto alla testa in una posizione di sottomissione e quando ho iniziato a scoparla più velocemente e più forte ho alzato le mani e le ho afferrato i polsi immobilizzandola mentre iniziavo a picchiarla.
In genere avevo un sacco di autocontrollo e dato che non ero più un giovane potevo resistere per molto tempo, ma questa situazione era così calda che sentivo già la pressione e strizzavo i muscoli del mio cazzo mentre lo sperma stava già salendo sul mio lancia.
Non andava bene però, la pressione era troppo alta, la situazione troppo calda e la sua fica così bagnata, calda e stretta.
Ho dovuto lanciare un avvertimento, "Trixie, non posso trattenerlo".
Non disse altro che emettere gli stessi grugniti, gemiti e ansimare.
Sapevo che aveva il controllo delle nascite ma è qualcosa di me che non posso spiegare, devo sapere che va bene per me venire dentro, a prescindere.
Stavo pompando forte e stringendo forte, "TRIXIE !", ho detto a voce più alta.
Ha detto con voce grugnita, "Va tutto bene ......... non fermarti!".

Una volta che ho sentito "OK", l'ho spinta più in profondità che potevo, il che l'ha fatta dire "UHHHHHHHHH e ho lasciato andare un lungo gemito" OHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH "mentre quello che sembrava un flusso costante di sperma caldo le inondava la figa.
Con la testa all'indietro in dolce sollievo e gli occhi chiusi, ho sentito l'energia defluire da me mentre mi trattenevo profondamente in lei mentre agitavo i muscoli del mio cazzo per espellere ogni minuetto goccia di sperma dal suo corpo.
Mi sentivo debole e tremavo con una sensazione di formicolio dappertutto. Mi sentivo letteralmente completamente svuotato mentre mi tenevo lontano da lei mentre rimanevo dentro di lei. Ho fatto appello a tutte le riserve che avevo per trattenermi da lei mentre rimanevo sepolto nel profondo.
Con riluttanza mi sono tirato fuori da lei, poi mi sono sdraiato delicatamente accanto a lei e ho preso alcuni respiri veloci che si sono uniformati quando l'ho raggiunta. Distendeva le gambe dritte ed espirava con le labbra socchiuse. Proprio come sua madre, è rotolata su un fianco dandomi le spalle e io istintivamente mi sono rotolato su un fianco e ho iniziato a strofinarle il fianco e la schiena mentre le piantavo alcuni baci di "grazie" sulla parte posteriore della sua spalla.
Mormorò un basso "mmmmmmm" mentre le facevo scivolare il braccio sopra e la tiravo a sé, restammo sdraiati così per un po'.

Non sono sicuro di quanto tempo siamo rimasti lì prima che lei dicesse: "Sei pronto per ripartire?".
Questa è la resilienza della giovinezza, il recupero rapido, ma è passato molto tempo dall'ultima volta che sono stato in grado di recuperare così velocemente.
Ho ridacchiato e ho detto: "Tesoro, mi ci vuole un po' più di questi giorni e in genere duri più a lungo di me".
Mise la sua mano sulla mia, la strinse e disse: "è stato fantastico".

Avevo ancora un'altra notte in cui sarei stato in giro prima che il fine settimana finisse e dovessi partire. Sì, abbiamo fatto di nuovo sesso la notte successiva, ma non c'è niente come la prima volta con qualcuno.

Storie simili

Decadente

Diritto d'autore 2003 Pubblicazioni FK Mmmmm..., sì, Lisa... sì... continua così... sì..., lecca..., leccami! Sbuffo! Sbuffo! Sbuffo! Con i capelli corti e scuri, Lisa leccò via la fica della sua amica bionda, entrambe ragazze di ventun anni tutte nude e sole nella stanza del motel, che si divertono, eccitandosi a vicenda. Oh Lisa..., oh, oh, sisss!, gridò Sue dai capelli lunghi e dagli occhi azzurri mentre la lingua di Lisa scendeva in profondità nella figa della bionda, andando avanti all'infinito per i successivi tre minuti! Alla fine, Sue esplose, Sissss..., si...Sto per venire...Sto per venire! Cinque secondi dopo, le labbra...

759 I più visti

Likes 0

Salendo in Cumpany

Una specie di cosa per la prima volta, ho deciso di provare a scrivere. Probabilmente è orribilmente e sicuramente un'ustione lenta, quindi scusa in anticipo se scegli di continuare a leggere. ----------------------------------------------------------------------------------------------------- SALIRE IN AZIENDA Tra un lavoro e l'altro, John ha accettato qualsiasi lavoro fosse disponibile. Essendo un tranquillo diciottenne, sapeva che non si sarebbe mai adattato a un call center, ma accettò comunque il lavoro sapendo che doveva fare dei soldi per continuare a pagare le bollette. Fatture come i viaggi che ha dovuto fare per far funzionare davvero la sua relazione a distanza. Era dura, ma nei fine...

824 I più visti

Likes 0

Sorella divertente (Pt1)_(0)

Andare in discoteca in città non è poi così male dici ai tuoi amici quando continuano a chiederti perché lo fai, Perché lo faccio? ti chiedi per la decima volta mentre tu e tua sorella state sulla piattaforma affollata aspettando il tubo a casa. Entrambe vestite con gonne quasi troppo corte per decenza e top attillati, tua sorella si è sempre lamentata del fatto che non indossi mai un reggiseno, i tuoi seni sodi e larghi e quasi cadono dalla linea del collo del taglio inferiore. 23:00 e non puoi credere a quante persone stanno ancora viaggiando, la vedi saltare e...

1.6K I più visti

Likes 0

Assumerlo

Ken non avrebbe mai pensato che sarebbe successo a lui. Era un ometto topo e ancora molto vergine. Sapeva di essere gay fin dall'inizio, ma non sapeva come esprimersi. E poi il nuovo club ha aperto proprio in fondo alla strada da casa sua. La prima volta è stata molto dura. Ha lasciato la sua casa 4 volte solo per tornare poco dopo essere uscito, indeciso. Era tutto il e se che lo ha appena fatto entrare. E se non piacesse a nessuno? E se nessuno gli avesse parlato? E se ridessero? Era stato deriso prima, soprattutto quando era un ragazzino...

723 I più visti

Likes 0

Una storia d'amore al liceo pt 3

Era lunedì, ma fortunatamente le vacanze di primavera erano in pieno svolgimento. Mi sono svegliato dopo un altro sogno, questa volta su Hailey e Abbey allo stesso tempo. Abbey stava cavalcando il mio cazzo, mentre limonava con Hailey. Questa volta non mi sono schizzato nei pantaloni, ma mi sono comunque svegliato piantando una tenda importante. La prima cosa che ho fatto è stata controllare il telefono quando mi sono ripreso. Anna-beth mi ha mandato un messaggio chiedendomi se volevo venire a casa sua. Ho accettato ma non sono potuto venire fino alle 12:00. Ho lasciato la mia stanza e sono andato...

1.2K I più visti

Likes 0

La nipote, la moglie e i loro bisogni Pt3

PARTE 3 È giovedì e Ed e Sheila non hanno ancora chiamato, quindi vado sul sito degli scambisti e mando loro un messaggio quando vedo che sono online. Chiedo se hanno deciso di non incontrarci perché non hanno chiamato. Non risponde per cinque minuti circa e il mio cuore sprofonda. Proprio in quel momento squilla il mio telefono fisso di casa e mentre rispondo vedo Sheila Thompson visualizzata sull'ID chiamante. Avrei giurato di aver dato loro il mio numero di cellulare, penso mentre dico, ciao. Ciao Rick, sono Sheila di Swappernet. Volevo solo chiamarti e scusarmi personalmente per non averti chiamato...

1.4K I più visti

Likes 0

Affronta un diavolo arrapato - Una storia di Halloween

AVVERTIMENTO! Questo avviso potrebbe non essere necessario per questa particolare storia, ma lo includo perché è necessario per la maggior parte delle mie storie. Se decidi di leggere altre mie storie, assicurati di leggere le informazioni e gli avvertimenti all'inizio di ogni storia. Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella...

1.2K I più visti

Likes 0

Vecchio magazzino abbandonato

Ho chiamato Marci dandole l'indirizzo di un vecchio magazzino abbandonato che possedevo nel Queens New York, le ho chiesto di incontrarmi lì. Il colpo dei tacchi dei suoi stivali che echeggiano sui muri di cemento è l'unico suono mentre entra nel magazzino e percorre il lungo edificio cercandomi. Si fermò. Le luci fluorescenti verde giallastre le infastidiscono gli occhi. Il pavimento è umido, bagnato in alcuni punti con pozzanghere di acqua nera, e le pareti di cemento scrostate si stanno sgretolando in alcuni punti. Questo magazzino è una discarica, decrepita, deprimente e anche disorientante. Puzza di benzina e fumi di diesel...

1.3K I più visti

Likes 0

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

1.3K I più visti

Likes 0

Frappè

Frappè Jenna era una ragazza minuta probabilmente di 18 anni in un campo estivo (felice xnxx??). Le piacevano attività come il nuoto, il tiro con l'arco, le minimoto e l'equitazione. Stava andando tutto alla grande, tranne che a tarda notte aveva sempre fame. La cena era alle 6, ma aveva problemi a dormire e, a mezzanotte, aveva un disperato bisogno di uno spuntino. Avendo circa 18 anni, i suoi ormoni stavano entrando in azione ed era interessata a tutto ciò che riguardava il sesso. Jenna: Se solo ci fosse un grosso carico di sperma, potrei ingoiare, andrebbe a segno... (pensò Jenna)...

875 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.