L'impiegato

1.2KReport
L'impiegato

È venerdì sera!

Tecnicamente, è lunedì. Ma il mio programma di lavoro mi lascia libero il lunedì e il martedì, quindi quelle sono le serate in cui esco e mi diverto. Tuttavia, la mia idea di divertimento è diversa dalla maggior parte...

Non passo le mie notti a casa; diavolo, non li spendo nemmeno nella mia città natale. Guiderò trenta, quaranta miglia fuori strada per divertirmi. Non vado nei club o nei bar. Non esco e non vado a organizzare feste, né mi ubriaco di merda e mi prostituisco con il primo ragazzo che mi viene a prendere da terra.

Vado nei minimarket. Piccolo, tranquillo, fuori dalle strade principali, poco traffico. Niente telecamere, niente manager. Solo un giovane annoiato e solitario in piedi dietro il bancone, che perde tempo al telefono, aspettando che succeda qualcosa ma senza mai sapere esattamente cosa sia quel "qualcosa".

Io sono quel "qualcosa".

Come ho detto, andrò in giro alla ricerca di questi negozi specifici. A volte passeranno ore prima che ne trovi uno che penso sia adatto al conto. Nessuna grande catena nazionale come "Flying J" o "7-Eleven". Sono sempre troppo occupati. No, cerco "Conoco" o una vecchia "Route 66". Tendo a sorvegliare un po' questi negozi prima di entrare. Devo sapere che tipo di traffico ottengono. Se non c'è la pompa di benzina, è sempre un buon segno; significa che non molte persone si fermano, quindi ci sono meno possibilità che io venga interrotto.

Minor traffico significa anche meno soldi, che per estensione significa meno (o meglio ancora, no) telecamere. Ciò significa meno possibilità che mi beccano più tardi. Ciò significa anche nessun replay in seguito per nessun altro; Voglio che quello che succede rimanga tra me e il giovane dietro il bancone.

La mia serata inizia con me che scelgo un guardaroba da indossare. Stasera, sarà una camicetta bianca e una gonna a tubino grigia, tacchi e calze nude. Niente reggiseno, niente biancheria intima. Gli occhiali sono una buona idea; Normalmente non indosso gli occhiali, ma ho un paio di occhiali da lettura economici che danno all'insieme un aspetto da "bibliotecaria sexy".

"Perfetto", sussurro a me stesso. Prendo la borsa e vado.

***

C'è questo negozio che sto cercando da una settimana ormai. Ci sono tre commessi che lavorano allo sportello di questo negozio, e quello che voglio è sempre lì il lunedì e il giovedì. È all'inizio dell'età del college, sui diciannove anni o giù di lì. Non sono mai entrato, ma l'ho sempre visto attraverso le finestre; quando non chiama qualcuno, è sempre al telefono. Quando scruto un posto come questo e vedo qualcuno sul suo telefono, mi chiedo sempre cosa stia guardando. Le risposte ovvie sono Facebook o Solitaire, ma immagino che questo giovane passi il suo tempo su materiali più per adulti. Storie erotiche, belle donne seminude, flirtare con ragazze di qualche anno più giovani di lui, sperando che gli mandino foto cattive di se stesse in modo che possa salvarle nella sua banca sculacciata.

Gli darò qualcosa per la sua sculacciata, questo è certo.

Con l'avvicinarsi delle undici, il punto della notte in cui il negozio è meno affollato, comincio a prepararmi. Metto i miei capelli ramati in una coda di cavallo e tiro fuori gli occhiali. Aggiusto anche la parte superiore della camicetta sbottonando i primi bottoni prima di lasciare l'auto. Incurvo le spalle all'indietro, i seni spingono saldamente contro il tessuto sottile della mia camicetta. mi guardo allo specchio; sì, i capezzoli si vedono bene. Applico una rapida passata di rossetto bordeaux e sono pronto.

Mi avvicino alla porta ed entro. Il campanello di "benvenuto" suona, ma l'impiegato alza appena lo sguardo. "Sera", dice senza alzare la testa dal telefono.

"Ehi, tesoro," rispondo con voce ansante, che attira la sua attenzione. Alza la testa e vedo i suoi occhi spalancarsi; non lo sa ancora, ma è agganciato. Posso vedere i suoi occhi pieni di lussuria, desiderio. Mi vuole già e sta per avere molto di me.

Mi aggiusto gli occhiali e rivolgo un sorriso caldo e seducente. Lo fisso mentre cammino lungo il corridoio verso i frigoriferi sul retro del negozio; Fisso un po' più a lungo del dovuto, solo così so di avere la sua attenzione. Una volta che sono sicuro che i suoi occhi rimarranno su di me per tutto il tempo, distolgo lo sguardo da lui, ancora raggiante. Quando raggiungo la fine del corridoio, rompo la sua visuale abbastanza a lungo da slacciare un altro paio di bottoni sulla mia camicetta, esponendo più seni.

Alzai la gonna e mi diressi alla fine del corridoio proprio di fronte a lui. Esamino la fila inferiore di bevande, che consiste in acqua in bottiglia e aromatizzata. Mi chino dritto, esponendo all'impiegato il culo e la figa rasata. Rimango piegato più a lungo del necessario per prendere una bottiglia di SmartWater perché voglio che mi guardi bene. Voglio che immagini come sarebbe seppellire la sua faccia nella mia presa. Immagino la sua lingua, calda e bagnata, che si dimena nel mio piccolo buco stretto, le sue mani che mi afferrano le chiappe e le allargano mentre le sue labbra si chiudono strettamente intorno a me...

Mmmm, i pensieri cattivi mi fanno bagnare... Mi sono lamentato tra me e me. Mi sono alzato con la bottiglia d'acqua e ho camminato lungo il corridoio verso l'impiegato. Mi sta ancora fissando, quindi decido di giocare un po' con lui.

"Mi stai guardando?" gli chiesi con un tono che era a metà tra il seducente e l'autorevole. Scattò rapidamente dal suo stordimento e balbettò la sua risposta.

"Uh... no, signora. Stavo solo... Sì. Uhm, voglio dire, io... No. No, non stavo guardando." Ha sputato. Il suo telefono era scomparso dal bancone e aveva la mano in tasca; non ci è voluto uno scienziato missilistico per capire questa immagine.

Allungai il palmo della mano e dissi: "Telefono, ora!"

"Che cosa?" chiese, completamente perplesso.

"È illegale fotografare qualcuno a sua insaputa", lo informai. "Dobbiamo coinvolgere la polizia?" Prima che la parola "polizia" uscisse dalle mie labbra, il telefono era fuori dalla sua tasca e di nuovo sul bancone. Certo, non avevo intenzione di telefonare alla polizia, non importa quante foto mi avesse fatto il culo; se l'avessi fatto, allora il divertimento sarebbe finito prima ancora che iniziasse.

"Inserisci il codice", ho ordinato. Digitò il codice a quattro cifre (il codice era "0420", quindi non sarei dovuto essere sorpreso quando una pianta da vaso gigante apparve come immagine di sfondo). Quindi ho strappato il telefono dal bancone e sono andato in foto.

Santo inferno, c'erano centinaia di foto qui! La maggior parte erano foto porno che aveva scaricato da Internet, ma molte erano selfie di ragazze con cui aveva parlato; Potrei dirlo, perché ne aveva una serie che provenivano tutti dalla stessa ragazza. E in fondo al suo rullino c'erano quattro istantanee del mio culo, piegato davanti al frigorifero.

"Ti piace guardare le foto sporche, vero?" Gli ho chiesto. Lui annuì docilmente, e un sorriso attraversò il mio viso. "Cosa faresti per altre mie foto?" Sembrava confuso dalla direzione che stava prendendo la conversazione, quindi ho fatto un passo indietro dal bancone e ho girato la telecamera verso me stesso. Ho scattato un paio di selfie incentrati sul mio petto e ho detto ad alta voce: "Oh, non funzionerà!"

Ho fatto scattare qualche altro bottone sulla camicetta, liberando un po' di più le ragazze; si vedevano i capezzoli e li ho osservati da vicino.

Ho preso un dito e l'ho tracciato attorno a un capezzolo, rendendolo rigido prima di prenderne un altro primo piano. "Questo è divertente, non è vero?" Il poveretto era senza parole.

"Questo ha il flash, giusto?" Poi ho infilato il telefono sotto la gonna e ho strappato una serie di sottogonne. Quando ho tirato fuori il telefono e li ho guardati attraverso, ho sussultato e ho guardato l'impiegato. "Wow! Lo vedi?" Gli ho mostrato quella delle foto. "Vedi come sono bagnato adesso?"

Abbastanza vero, la foto in questione mi ha mostrato assolutamente gocciolante; potresti vederlo riflettere il flash della fotocamera. La sua mascella cadde, ed è diventato evidente che era mastice nelle mie mani ora.

Nelle vicinanze c'era un'area salotto con una piccola fila di vecchie sedie. Tenni il telefono in mano e mi avvicinai per prendere una delle sedie. L'ho trascinato di nuovo davanti al bancone; era ora che lo spettacolo iniziasse.

Mi sono seduto sulla sedia e ho incrociato le gambe, facendo penzolare un tallone dalla punta del piede a pochi metri dal bancone. Mentre ciondolavo il tallone, ho usato la mia mano libera per tirare fuori la mia coda di cavallo e lasciare che i miei capelli cadessero liberi prima di aprire gli ultimi bottoni della camicetta, lasciando che si aprisse in modo che potesse vedere bene le mie tette. Con l'altra mano, ho scattato foto dopo foto dei miei talloni, gambe e seno gonfio. Ho persino iniziato a massaggiarmi le cosce, muovendomi lentamente su per le gambe mentre mi preparavo a toccarmi. Continuo a scattare, fingendo di essermi dimenticato per un momento dell'impiegato. Presto mi guardo indietro e fingo un'amnesia.

"Oh," esclamai. "Mi ero dimenticato che eri qui per un momento!" Rimase in silenzio, ma il pomo d'Adamo si contraeva nervosamente; si stava eccitando. "Ti piace guardarmi, vero?" ho messo il broncio. Lui annuì con entusiasmo e sorrise per la prima volta da quando avevo varcato la porta.

"Va bene," risposi. "Perché mi piace guardare gli uomini come tu guardi me." Improvvisamente, si diresse verso il varco nel bancone; voleva venire da me.

"No, no, no..." dissi, chiudendo improvvisamente la mia camicetta; si fermò di colpo. "Stai da quella parte del bancone", ho ordinato. "Se attraversi quel bancone, lo spettacolo è finito e la polizia vede le foto che mi hai fatto. È chiaro? Di' 'sì, signora', se capisci."

"S... sì... sì, signora," farfugliò ad alta voce.

"Bravo ragazzo," sorrisi. Ho lasciato che la camicetta si aprisse di nuovo, esponendo ancora una volta le mie tette rotonde e i miei capezzoli vivaci. "Ora, vuoi vedermi giocare con me stesso?" Lui annuì con entusiasmo.

"Giocherò con me stesso a una condizione", ho spiegato. "Voglio che tiri fuori il tuo cazzo e inizi ad accarezzarti."

Se non hai mai visto il volto di un uomo inondato di paura, è uno spettacolo da vedere. Il colore svanì dalla sua faccia così velocemente che era come se qualcuno avesse preso un telecomando e avesse abbassato completamente le impostazioni; l'effetto era quasi comico.

Nonostante fosse chiaramente spaventato a morte, si aprì goffamente i pantaloni e tirò fuori il cazzo; non era molto, davvero. Speravo in una mano, almeno; ma era anche più breve di così! Era chiaramente completamente eretto e poteva solo pizzicarlo con le dita! Ho resistito all'impulso di ridere del suo minuscolo cazzo e ho proseguito con lo spettacolo.

Ho alzato la gonna sui fianchi e ho allargato le gambe, facendo scorrere le mani sulle calze e sulle cosce. Presi un dito e lo trascinai attraverso la mia fessura fradicia.

"Fermati," ho chiesto. Immediatamente, ha iniziato a masturbarsi. Ho alzato la telecamera e ho scattato alcune foto di lui mentre la masturbava. Per quanto piccolo fosse, ammiravo il suo entusiasmo; se l'avesse tirato molto più forte, avrebbe potuto strapparlo completamente. E ammetto che, mentre non era ben dotato di lunghezza, aveva la circonferenza, ea volte basta. Guardarlo mi eccitava, in ogni caso.

Ho spostato la telecamera su "video" e l'ho puntata sulla mia figa gonfia, che ho continuato a toccare mentre offrivo incoraggiamento vocale.

"Sì, continua a masturbarti. Ooh, adoro guardare i ragazzi giocare con se stessi mentre mi guardano." Era vero; guardare un ragazzo mentre mi guardava giocare con me stesso mi ha eccitato ancora di più. Più mi eccitavo dio, più giocavo con me stesso, il che li faceva divertire di più, il che ancora una volta mi faceva eccitare ancora di più; era un ciclo infinito che si alimentava.

Un paio di fari accesero all'esterno quando un'auto iniziò ad entrare nel parcheggio. Ora avevamo un timer.

"Dai, prendilo per me!" Ho ordinato. "Più veloce!" Lui annuì con entusiasmo.

"Sì, signora," disse mentre continuava a martellare il suo budino abbastanza vigorosamente. Era quasi ammirevole, davvero.

"Bravo ragazzo," dissi. "Mungi quel cazzo per me!" Gli sorrido di rimando e inizio a toccarmi più velocemente. L'orologio ticchettava; abbiamo avuto solo pochi secondi prima che la persona in macchina varcasse la porta. Il mio cuore, che già batteva prima, è andato in overdrive quando un colpo mi ha fatto vibrare il fagiolo e ha iniziato a boccheggiare in cerca d'aria mentre ero sopraffatto dall'orgasmo.

"Sì! Sborra per me, piccola! Fallo! Vengo anch'io! Sto venendo!" ho urlato ad alta voce. Improvvisamente, con un forte gemito, sparò un carico piuttosto grande su tutto il bancone. Gli ho scattato alcune foto mentre eiaculava dappertutto al bancone, e poi ho inviato tutte le foto che avevo scattato al mio telefono, che era in macchina.
Una volta che sono stati tutti inviati, ho eliminato rapidamente sia i messaggi inviati che le foto originali che avevo scattato dal suo telefono e per buona misura ho svuotato la cartella dei rifiuti. Nessun replay.

Ho rimesso a posto la camicetta, ho tirato giù la gonna e ho spinto via la sedia con un calcio proprio mentre qualcuno oltrepassava la finestra. Gettai il telefono all'impiegato mentre mi dirigevo verso la porta con la mia acqua.

"Meglio pulirlo in fretta, tesoro", gli dissi strizzando l'occhio mentre mi precipitavo fuori dalla porta, facendo scoppiare il culo da una parte all'altra per dargli un'ultima immagine visiva prima di andarmene.

Ho notato una bella ragazza dai capelli rossi che saliva il marciapiede verso la porta, ma ho deciso di non guardarmi negli occhi per non attirare l'attenzione sul mio stato arruffato. Sono arrivato alla mia macchina, mi sono girato velocemente e ho guardato. Il povero impiegato rimase per un momento allo sportello, senza fare niente finché non sentì la porta aprirsi e il campanello suonò. Poi è entrato in azione, infilandosi il cazzo e asciugando lo sperma dal bancone con la mano.

Ridacchiai tra me e me e salii in macchina. Ho bevuto un lungo sorso dalla bottiglia e ho tirato fuori il telefono. Ho salvato tutte le foto che avevo inviato a me stesso, quindi ho cancellato i messaggi. L'impiegato aveva qualcosa per la sua banca sculacciata, e ora io avevo qualcosa per il mio...

Storie simili

Uno stile di vita oscillante, capitolo 3

Dato che ora operavo da single, ho deciso di rispondere ad alcuni annunci in una rivista di scambisti. Ho provato a cercare le coppie che volevano qualcosa di insolito, e ho detto in ogni risposta che ero disposto a provare qualcosa che non fosse pericoloso o doloroso. Nessuno degli annunci a cui ho risposto aveva menzionato il sesso bisessuale, ma ho pensato che qualsiasi ragazzo che cercava di condividere sua moglie con un altro ragazzo probabilmente stava segretamente pensando di provarlo. Si è scoperto che ero praticamente sui soldi. Ho ricevuto una risposta positiva da più della metà delle mie lettere...

2K I più visti

Likes 0

Io e Gavin

Questa è una storia sul mio amico e sua madre che vivono nella porta accanto. Avevo 24 anni, mi ero diplomato presto al liceo e poi mi ero laureato presto al college. Ho ottenuto un ottimo lavoro con una grande azienda con un considerevole bonus alla firma che ho applicato a un acconto su una casa. Vivevo lì da 6 mesi e conoscevo molto bene i miei vicini. Janice, un'infermiera che lavorava nell'ospedale locale. Era divorziata da diversi anni e ha lavorato duramente per provvedere al figlio di 12 anni Gavin. Gavin era un ragazzo snello di 12 anni in seconda...

1.8K I più visti

Likes 0

Lo schiavo del presidente Milford Parte 3

Scarlett era stata una ragazza timida e introversa prima che sua madre la portasse alla Casa Bianca tre mesi prima, ma il trauma che aveva subito la notte delle elezioni aveva costruito un guscio intorno a lei e non aveva detto una sola parola a nessuno da quando aveva perso la sua verginità. Se non fosse stato per le sue urla e il suo pianto, non avrebbe emesso un solo suono, tranne le suppliche di panico che sono cadute nel vuoto quando il chirurgo generale le ha rimosso il clitoride per ordine del presidente Samuel Millhouse Milford. La sua vita nei...

2.3K I più visti

Likes 0

Le figlie controllate dalla mente di papà Capitolo 6: La migliore consulenza madre-figlia di papà

Le figlie controllate dalla mente di papà Capitolo sei: La migliore consulenza madre-figlia di papà Una storia di controllo mentale con fibbia per cintura Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2021 Note: Grazie a WRC264 per aver letto questo beta! Il dottore è un po' indietro, ha detto l'infermiera mentre ci sedevamo nella sala d'attesa dell'ufficio del dottor Sharma. Era il ginecologo/ginecologo di mia figlia. Dato che erano tutte incinte, dovettero andare tutte a trovarla. Ma mai nello stesso giorno, ovviamente. La dottoressa Sharma era troppo impegnata per farli entrare tutti nello stesso giorno. Ero stato qui due giorni fa con...

1.7K I più visti

Likes 0

Sculacciata Amanda

Ho scritto questa storia per la ragazza dei miei desideri. L'ha letto e gli ha dato la sua approvazione. Ho cambiato il nome per proteggere i colpevoli :) È piuttosto breve: non riesco a immaginare di durare a lungo se questo si avverasse. Fatemi sapere cosa ne pensate. ====================================================================================================================================== ======================== Avevo incontrato Amanda 2 anni prima come parte di una chat room online. L'avevo considerata sexy dal momento in cui avevo controllato il suo profilo e non potevo credere alla mia fortuna quando ci ha provato. Eravamo in chat da un po' di tempo, ma alla fine ci siamo incontrati nel...

2.3K I più visti

Likes 0

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2.3K I più visti

Likes 1

Sorelle adorabili

Da adolescente ero molto eccitata, ma me ne stavo per conto mio. Quando avevo 16 anni, mia sorella ne aveva 13, e quando insieme andavamo molto d'accordo. Mia sorella Christina e io ci assomigliavamo molto. Infatti, quando mia sorella superò la pubertà, potevamo passare per gemelle, anche se eravamo a tre anni di distanza. Vivevamo entrambi con i nostri genitori, anche loro vicini. Vivevamo tranquillamente, e con questo intendo dire che eravamo vicini a noi stessi con le nostre vite sessuali. Una volta che tutti gli altri in casa mia si erano addormentati, spegnevo le luci, mi infilavo sotto il letto...

2.4K I più visti

Likes 0

White Lucy, Dark Meat ch.1

Introduzione “Shhhh…. Shhhh. sibilò Chris, interrompendomi. Tieni la testa bassa... non guardare in alto... ti vedranno. La mia reazione istantanea, ovviamente, è stata quella di guardare dritto in alto. Fu allora che li vidi. Due neri, alti e robusti, che stavano tagliando la radura erbosa, dritti nella nostra direzione. Non so chi sia stato davvero più sorpreso, Chris o me stesso. Negli 8 mesi in cui siamo venuti qui abbiamo visto forse 3 persone tutte. Our Spot, come eravamo venuti a chiamarlo, era una vecchia riserva abbandonata e ricoperta di vegetazione, in riva al lago. Il nostro posto segreto Era accessibile...

1.9K I più visti

Likes 1

La ragazza di mamma 2

Robyn strinse i denti e lasciò che il messicano non lavato dietro di lei spingesse il suo cazzo grasso dentro di lei. Le sue mani le afferrarono il grasso dell'anca in modo che non potesse andare da nessuna parte mentre si forzava più a fondo. La sua testa oscillava avanti e indietro mentre lasciava che lui la riempisse ancora e ancora. Era piuttosto grosso e lei sapeva che era solo questione di tempo prima di scendere di nuovo. Chiudendo gli occhi per la vergogna, ascoltò gli uomini intorno a lei. Stavano dicendo alcune cose piuttosto vili su di lei e su...

1.7K I più visti

Likes 0

Tre possono mantenere un segreto se due sono... confusi

«Allora è deciso. Domani Ron va al lavoro e vede con cosa dobbiamo lavorare. disse Kim mentre si rannicchiava nel mio petto, e io l'ho abbracciata. Era stata una domenica mattina emozionante; prima con la russa e poi sesso con le due sorelle. Eravamo tutti un po' stanchi, ma eravamo ancora più affamati. Qualcuno a pranzo? ho chiesto Sto morendo di fame rispose Kim entusiasta Guardai Rachel, che sembrava essere in un altro mondo. “Rach? Pranzo? Ho riprovato. Rachel ruppe il suo sguardo nell'infinito, guardò me e poi Kim. Che cosa? lei ha detto “Pranzo? Sì, ho fame. Stai bene? ho...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.