Visita del medico

167Report
Visita del medico

Era il suo primo appuntamento con il dottor Rana. I suoi livelli di frustrazione erano aumentati man mano che le richieste di lavoro, moglie e figli sul suo tempo erano diventate sovrapposte e opprimenti. Alla fine, dopo uno scoppio durante un fine settimana, la moglie ne ebbe abbastanza. Doveva cercare consulenza per aiutare ad alleviare la tensione che si stava accumulando. Era seduto nella sala d'attesa a leggere una rivista di umore amaro per il fatto di dover essere in consulenza. La dottoressa Rana è entrata nella sala d'attesa e si è presentata invitandolo a tornare nel suo ufficio. Le cose stanno migliorando! pensò quando la guardò. Il suo umore migliorò quasi immediatamente mentre la seguiva lungo un corridoio, eccitandosi per il modo in cui i suoi fianchi e il suo sedere ondeggiavano mentre camminava. Era una donna minuscola, alta solo 5 piedi. Aveva i capelli neri tagliati corti che cadevano a metà del collo e le incorniciavano il viso ovale. I suoi occhi erano fumosi e scuri. Aveva una figura a clessidra, seni più piccoli e un culo ampio. La sua pelle color caramello sembrava liscia e morbida. Era deliziosa. Indossava una camicetta senza maniche rosa brillante con una scollatura modesta, ma una gonna grigio scuro a metà coscia che sembrava potesse sollevarsi quando si sedeva.

La dottoressa Rana aveva un attraente cliente maschio che la osservava mentre camminava lungo il corridoio verso il suo ufficio. Poteva sentire i suoi occhi che perforavano i suoi beni e esagerava di proposito la sua andatura in modo che i suoi fianchi oscillassero in modo più prominente. Perché mi sento così innamorato? Si chiese mentre sorrideva internamente che un bell'uomo le stava guardando il culo. Sentendosi più un'adolescente arrapata che una psicoterapeuta, fece rapidamente un inventario personale: erano passate due settimane dal suo ultimo ciclo, si sentiva arrossata, aveva un formicolio al clitoride mentre camminava, sentiva un'umidità nell'inguine mutandine, e i suoi capezzoli erano sensibili e duri. Merda, pensò, o sto ovulando o entro un paio di giorni. Mentre apriva la porta del suo ufficio e lasciava passare il suo nuovo cliente, si sentiva un po' debole alle ginocchia. Era muscoloso, viso con la barba lunga da un giorno o giù di lì e aspetto burbero. Aveva occhi blu/grigi che erano d'acciaio e fermi, inoltre aveva l'odore di un dio boscaiolo, terroso e dolcemente muschiato.

Il suo ufficio era accogliente, arredato con una poltrona in pelle, una piccola scrivania sotto la finestra, un divano imbottito e un tavolino. L'arte pendeva da due pareti e le finestre che davano sull'angolo della strada sottostante e sul condominio dall'altra parte della strada erano i paramenti per le altre due pareti. Gli ha chiesto di sedersi e lui ha preso posto sul divano. Aveva sviluppato un'erezione così si appoggiò un po' all'indietro per darsi spazio, sperando che sarebbe stato in grado di sedersi comodamente in pochi minuti. La dottoressa Rana si sedette sulla poltrona di pelle e accavallò le gambe. Mentre lo faceva, lui intravide la sua gonna e vide le sue mutandine fucsia. Non era molto sottile e fu colto in flagrante, quando alzò lo sguardo dalle sue gambe lei lo stava guardando direttamente negli occhi. Ora la sua mente stava facendo gli straordinari su cosa c'era sotto la sua gonna e la sua erezione cominciò a crescere di più provocando una tenda nei suoi pantaloncini. Si sedette per nasconderlo, ma finì per agitarsi per mettersi a proprio agio con la massa che cercava di scappare. La dottoressa Rana si aggiustò la gonna abbassandola un po' di più e si riposizionò. Improvvisamente si sentì più caldo nella stanza e cominciò a sudare un po'.

Mentre prendeva posto sul divano, lei intravide un'evidente protuberanza nella parte anteriore dei suoi pantaloncini. Si sentiva fuoriuscire un po' del suo succo d'amore dal canale. Cosa c'è di sbagliato in me? La sua figa ha risposto, voglio, no HO BISOGNO del cazzo di quell'uomo sepolto fino in fondo dentro di me. Rana acconsentì. Il suo cliente si era sdraiato un po' sul divano per mostrare la sua erezione o per farle spazio nei pantaloncini. Mentre Rana si sedeva sulla sua sedia, la guardò brevemente, poi poiché il suo clitoride e le labbra della sua figa sembravano pruriginose per l'attenzione, ha disinnescato e riaccavallato le gambe, assicurandosi di dare uno spettacolo decente, ma anche assicurandosi che ci fosse un po' di attrito per se stessa in modo che forse la sua eccitazione si placasse. Mentre guardava la sua cliente esaminare le sue mutandine quando erano brevemente in vista, sapeva che non c'era comunque che stesse superando questa giornata senza almeno 3 orgasmi. Probabilmente dalle sue dita, o dal suo nuovo giocattolo nell'ultimo cassetto della sua scrivania. Il suo cliente si è seduto e ha cercato di nascondere la sua erezione dopo che i loro occhi si sono incontrati quando lei lo ha mostrato; era chiaro che era in subbuglio, ma arrapato quanto lei.

“Cominciamo”, iniziò. "Hai una preferenza per come vieni chiamato?" Tirò fuori un taccuino e una penna per prendere appunti e si schiarì la voce.

“Matt sta bene,” disse, dandole ancora un'altra volta con gli occhi. Prese nota delle sue gambe nude e di quanto fosse impeccabile la sua pelle. Notò che i suoi capezzoli sembravano cercare di scappare dalla camicetta, il che significava che non indossava il reggiseno. Il suo cazzo pulsava al pensiero. Rana ha iniziato a fargli la serie standard di domande sul motivo per cui era qui, sulla storia familiare e su cosa sperava di ottenere lavorando con lei. Riuscì a malapena a concentrarsi su ciò che lei gli stava chiedendo, perso com'era nelle sue labbra mentre si muovevano, guardandole i seni e le gambe mentre lei incrociava e apriva di nuovo le gambe, questa volta senza mostrare le mutandine. Stava cominciando a imperlare il sudore sulla fronte e cercò con tutte le sue forze di non concentrarsi su quanto fosse bella la dottoressa Rana e concentrarsi sul compito da svolgere. La sua mente, tuttavia, era indaffarata a leccarle la figa, succhiarle i seni ed essere palle nel profondo della sua morsa di velluto.

Rana era altrettanto sfocata, faceva domande, ma sul suo taccuino scarabocchiava un cazzo venoso e duro che eiaculava copiosamente invece di prendere appunti. Ogni volta che alzava lo sguardo dal suo scarabocchio, lo guardava negli occhi e lo immaginava mentre la rapiva sulla sua scrivania, o sul divano, o in piedi davanti alla porta del suo ufficio. La stanza iniziò ad assumere un'atmosfera completamente diversa, mentre i feromoni di entrambi riempivano lo spazio. Poteva sentire la sua figa perdere i suoi succhi d'amore e in poco tempo ha sentito un soffio del suo muschio personale nell'aria. Dio, spero che non senta quell'odore! Lei gemeva nella sua stessa testa. Era eccitata quando è arrivato il momento di porre le domande sull'infedeltà che sono standard per i pazienti in arrivo. Si alzò prima di chiedere e posò con cura il blocco degli scarabocchi a faccia in giù sulla scrivania mentre camminava lentamente per la stanza.

"Matt, devo chiedertelo, pensi che il tuo coniuge sia fedele al matrimonio?"

"Senza dubbio", fu la sua rapida risposta. Ognuno di loro assapora l'introduzione di un partner attuale per alleggerire la tensione nella stanza.

"E tu? Sei stato fedele al matrimonio?

“Sì, dottore.” Si era asciugato il sudore imperlato sulla fronte con il fazzoletto.

“Fa caldo qui per te? Sembra che tu stia sudando.

"Fa un caldo pazzesco qui, Doc", ha offerto.

“Per favore, chiamami Rana. Fammi accendere l'aria condizionata e fare una telefonata veloce. OK?" Si avvicinò alla sua scrivania, prese il telefono e fece una rapida telefonata. Matt ne ha sentito solo un frammento, ma era più interessato a come si stava muovendo Rana. Si passò un dito tra i capelli mentre faceva la telefonata e si chinò leggermente sulla scrivania. Quando ebbe finito, andò al termostato e accese l'aria condizionata.

“Ti dispiace se mi siedo sul divano con te? La sedia è molto scomoda quando fa così caldo qui dentro.

“Non mi dispiace affatto. Per favore, siediti”, Matt cercò di sembrare normale, e non troppo entusiasta di avere l'adorabile dottoressa seduta a due piedi da lui.

“So che questa linea di domande è . . . difficile, ma devo continuare in modo da poter avere un quadro completo di dove siete voi e il vostro coniuge nel matrimonio.

“Va bene dottore. . .errrr. Rana. Perfavore continua. Rana si sedette sul divano proprio accanto a lui. Non riusciva a credere al modo in cui si stava comportando con quest'uomo. Questo è altamente poco professionale! Prendi il controllo di te stessa, ragazza! Non toccarlo! Siediti più lontano da lui! Sfortunatamente, Rana non aveva più il controllo di se stessa. Si sistemò sul divano in modo da infilare una gamba sotto di sé e per lo più di fronte a lui. La sua mano si posò sulla sua metà coscia. L'altro suo piede era ben piantato sul pavimento in modo che avesse una posizione seduta a gambe aperte che le faceva salire la gonna oltre la metà della coscia. Matt poteva vedere chiaramente le sue mutandine e il punto umido che ora si attaccava alle sue labbra e provocava la più deliziosa punta di cammello. Fu allora che sentì l'odore della sua eccitazione muschiata e raggiunse il suo punto critico. Si schiarì la gola e disse: «Ricominciamo. C'è qualcuno con cui prenderesti in considerazione l'idea di uscire dal matrimonio per il piacere sessuale?" Guardandolo con desiderio negli occhi, si leccò le labbra e ricominciò a fantasticare sul suo cazzo rigido che la spalancava e su quanto sarebbe stato meraviglioso provare quel cazzo che si contraeva e sussultava mentre vomitava il suo carico dentro di lei. Oh no. Non ho solo fantasticato su un altro uomo che eiaculava dentro di me, vero?

“Rana, devo dirtelo, e mi dispiace se sono così sfacciato, ma in questo momento, voglio fotterti così tanto che mi fa male il cazzo. So che non possiamo farlo, ma sono così eccitato in questo momento, che passerei il resto del pomeriggio a toccare il fondo in quella tua figa bagnata, cercando di farti venire e cercando di venire con te. Le sue parole erano orribilmente poco romantiche, ma tagliarono tutta la tensione e andarono dritte a ciò che entrambi i loro corpi stavano bramando. Il suo corpo ha risposto anche se la sua mente era a disagio con la prospettiva di tutto ciò.

"Oh, cielo," disse con voce rauca mentre sentiva la sua figa perdere più succo nelle sue mutandine già sature. "Non possiamo farlo, Matt." disse mentre la sua mano che era appoggiata sulla sua coscia cominciò a muoversi su e giù per la sua gamba. Riaggiustò la sua posizione in modo da trovarsi di fronte anche a lei più direttamente.

"Lo so. Ma forse potremmo pomiciare per un po'. Solo fino a quando il caldo non si placherà qui dentro. Allungò una mano e le toccò la gamba scoperta, cosa che le fece prendere un respiro corto e acuto. L'elettricità del momento stava diventando più pesante.

“I rapporti medico-paziente non sono etici, Matt. Non riusciamo a distinguere. La sua mano si stava muovendo nel suo inguine quando lo disse e non si stava ritirando lungo la sua gamba.

"Lo so, ma forse potremmo accarezzarci l'un l'altro, mentre ci baciamo." Ora si alzò dal divano e le prese le mani e la fece alzare con lui. La guardò negli occhi, la avvolse tra le braccia, tenendola stretta, la sua bocca a pochi millimetri dalla sua bocca e sussurrò: “Allora non ci baciamo né ci accarezziamo. Questo sarà strettamente professionale. Poi si sono attaccati a vicenda la bocca. I baci e le palpebre erano intensi. Le sue mani andarono al suo sedere, poi una di esse le si avvicinò ai seni e le pizzicò i capezzoli attraverso la camicetta appena prima che la camicetta fosse tolta e i suoi seni senza reggiseno esposti per il suo consumo. Combattevano con le loro lingue e gemevano l'uno nella bocca dell'altro mentre paravano e spingevano. Le mani di Rana trovarono la sua erezione e ne tracciarono il contorno fuori dai pantaloncini.

"Ancora una volta, sarebbe altamente inappropriato per me essere coinvolta con te in questo modo", ansimò mentre si prendeva una pausa per riprendere fiato. “Non dovremmo farlo,” sussurrò rauca mentre accarezzava Matt attraverso i suoi pantaloncini. Gli piantò altri baci sulla bocca prima che lui rispondesse.

“Assolutamente no. Non dovresti nemmeno aprirmi i pantaloncini e tirarmi fuori il cazzo,” rispose lui, al che lei lo guardò negli occhi e gli sbottonò i pantaloncini e ci frugò dentro per tirare fuori il suo cazzo palpitante. Lo accarezzò un paio di volte, poi si inginocchiò e leccò il pre-cum dal glande del suo cazzo.

"Oh, merda, è fantastico", disse mentre lei premeva le labbra sulla punta del suo cazzo e spingeva la bocca sopra la testa e lungo il suo membro mentre usava delicatamente la lingua sul lato inferiore di esso.

“Cazzo, Rana. Dobbiamo fermarci qui. Non dovremmo andare oltre. lui gemette mentre lei gli strofinava lentamente le palle con una mano, allontanando la bocca dal suo cazzo fino alla punta e poi tornando alla base, per tutto il tempo leccando e gemendo attorno ad esso.

Si staccò completamente da Matt e lo guardò negli occhi con un sorriso diabolico e mentre lo accarezzava disse: “Hai assolutamente ragione. Non puoi assolutamente tirarmi su la gonna e togliermi le mutandine. È qui che finisce", poi si sdraiò sul divano e allargò le cosce quel tanto che bastava per invitarlo a fare proprio quello. Si tolse i pantaloni e le mutande mentre si toglieva rapidamente le scarpe. Si inginocchiò di fronte a lei, infilò una mano sotto la sua gonna, agganciò le dita attorno alle sue mutandine e tirò. Ha sollevato il culo e le sue mutandine si sono attaccate alle sue labbra umide prima di scivolare giù e sopra le sue cosce lasciando una striscia di umidità tra lei e le sue mutandine. Cominciò a tremare leggermente per l'anticipazione di ciò che avrebbe potuto fare dopo. Osservò il suo cespuglio ben curato, le sue labbra carnose e l'abbondante quantità di fluido che le colava da dentro. Le labbra della sua figa erano di colore marrone scuro e si allargavano nel suo stato eccitato, rivelando le pieghe interne rosa caldo della sua figa. La guardò mentre si apriva, perdendo un'altra cucchiaiata di fluido. Finì di toglierle la biancheria intima e le afferrò le cosce, poi le allargò e senza alcuna esitazione, si tuffò prima con la lingua su di lei. Ha leccato dalla sua apertura al suo clitoride e indietro facendola sussultare e urlare.

"Dio mio!" La sua lingua la sondava, immergendosi nel suo sesso, diventando rigida e penetrandola come un piccolo pene, e poi si appiattiva e copriva le sue intere labbra mentre leccava lentamente su e sopra il cappuccio e il clitoride e poi di nuovo giù. Ha usato anche la parte inferiore della lingua per roteare attorno alla sua clitoride. Ha scoperto che stava raggiungendo l'orgasmo più velocemente di quanto potesse mai ricordare. Le sue gambe iniziarono ad avere le convulsioni, la sua vista si offuscò e la meravigliosa tensione di un violento orgasmo la sopraffece. Emise un gemito gutturale quando i muscoli del pavimento pelvico iniziarono a contrarsi e il suo orgasmo raggiunse il picco. Matt era innamorato della velocità con cui esplodeva per le sue cure. Gli afferrò la testa e lo tirò nella sua figa e chiuse le gambe intorno a lui quando raggiunse il picco. Continuò dolcemente a leccare le sue labbra finché lei non lo lasciò.

Ansimando, disse: «C'è un preservativo nel primo cassetto della mia scrivania. Prendilo."

"Hai dei preservativi qui?" Sorrise e si alzò. La sua erezione si ergeva orgogliosa di fronte a lui, perdendo la sua copiosa quantità di pre-cum.

"Mio marito a volte si presenta a mezzogiorno", disse senza pensare.

Fece rapidamente due più due e ridacchiò tra sé. Inginocchiandosi di fronte a lei, mise la sua asta sulla sua figa, e iniziò a strofinare il suo glande su e giù, aprendole le labbra e stimolandole la clitoride. “Lascerò quel preservativo nel cassetto. Se ce la facciamo con me, finiremo sicuramente per scopare. Finché rimane nel cassetto, non faremo sesso. Si guardarono negli occhi mentre lui continuava ad accarezzarle la figa su e giù con il cazzo.

"Sì. Non capirlo. Non possiamo andare oltre. Qualunque cosa tu faccia, non far scivolare il tuo cazzo dentro di me. . . così,” si allungò tra di loro e premette sulla testa del suo cazzo quando era in discesa e passava sopra la sua apertura. La sua testa schioccò dentro di lei facendoli imprecare e sussultare entrambi. La sua reazione naturale è stata quella di spingere e quando lo ha fatto, è andato fino in fondo alla sua figa. Quando la punta del suo cazzo ha urtato contro la sua cervice, le sue palle si sono serrate, il suo cazzo ha iniziato a formicolare dappertutto, ed era estremamente vicino a soffiarle un enorme carico. Cominciò a crescere dentro di lei, ingrassando e allungandosi. Poteva sentirlo.

"Non muoverti". Respirò disperatamente. “Sento che stai diventando più grande. Sei vicino?"

"Oh merda. Sono così vicino che se mi muovo verrò”, aveva già perso la guerra, e anche la battaglia era quasi finita. Ansimava forte cercando di mantenere il controllo. Voleva muoversi così tanto, da perdere semplicemente ogni senso di controllo e fottere il carico che aveva accumulato dentro di lei. Anche lei era pronta per essere fecondata dal suo enorme carico. La sua figa in realtà ci stava già lavorando senza che lei ci provasse. La sua apertura si sarebbe contratta su di lui, poi le pareti della sua figa avrebbero afferrato la sua asta, quindi la sua cervice e il fondo della sua figa avrebbero cambiato posizione quel tanto che bastava per strofinare il suo glande. Dopo quella che sembrava un'eternità di trattenimento (ma in realtà erano solo pochi secondi) si ritirò di circa un centimetro del suo cazzo. Entrambi rimasero senza fiato di nuovo e questo lo fece partire per una selvaggia cavalcata orgasmica. Il suo cazzo si allargò ancora di più quando si riempì di calmante pastella d'argento per bambini e lanciò la sua prima spessa corda lungo le pareti della sua figa mentre si spingeva di nuovo in contatto con la sua cervice. Gridò e gemette mentre le dava brevi colpi del suo cazzo mentre si riempiva e pulsava di più sperma, ogni volta che colpiva la sua cervice con la sua fessura per la pipì gridava in estasi.

“Mi stai venendo dentro, vero? Posso sentirti!" gridò e gli afferrò il culo e lo tirò dentro completamente e lo tenne lì. Sapeva che avrebbe dovuto indossare un preservativo, non avrebbe dovuto venire così profondamente dentro di lei. Ma onestamente non lo fece Non importa al momento, mi sentivo troppo bene.

"Sì!" Gemette mentre era completamente perso nelle sensazioni della sua figa che lo mungeva, e il suo cazzo continuava a espellere altro sperma dentro di lei. Dopo i primi tre enormi spasmi le sue palle trovarono più sperma da inviare al suo grembo, guidò "Sei ancora più profondo mentre il suo cazzo sputava più sperma in profondità dentro di lei. "Cazzo, sto ancora venendo!" Sospirò mentre le sue palle si stringevano e sparavano più sperma attraverso il suo albero. Di nuovo dopo quella che sembrava un'eternità ma era solo circa 10- 15 secondi era finita.

Si rannicchiarono insieme sul divano, il loro sperma combinato fuoriuscì da lei. Sudati e stanchi hanno fatto un pisolino di 20 minuti. Quando si è svegliato, lei era già sveglia. “Dobbiamo pulire? Voglio dire, è metà giornata, sicuramente hai altri clienti in arrivo, giusto?" chiese.

"No. Ho cancellato il resto della mia giornata. Lei si chinò per un bacio e in poco tempo fu sopra di lui mentre lui succhiava i suoi piccoli seni vivaci e perfetti, leccava i suoi perfetti capezzoli piccoli come una gomma, e le strofinava di nuovo la figa lungo il cazzo che si stava irrigidendo.

Quaranta minuti dopo Tammi, la figlia di Rana, una studentessa universitaria di vent'anni che quel pomeriggio aveva preso il tè con sua madre, stava parcheggiando l'auto nel piazzale che serviva l'ufficio di sua madre. Era in ritardo, e normalmente sua madre sarebbe stata sul suo caso per il suo ritardo, ma stranamente oggi, non c'era un suo sbirciare. Corse all'interno dell'edificio, salì le scale fino al secondo piano e aprì la porta della sala d'attesa. L'ha sentito. Sua madre sembrava essere stata attaccata. C'era la voce di un uomo che non era di suo padre, né quella del suo patrigno proveniente dall'ufficio di sua madre. Stava ringhiando in modo strano. Poi ha sentito sua madre dire “Prendilo! Prendi tutto”. È stata derubata? C'è stato un momento in cui sembrava che qualcuno stesse per essere soffocato e Tammi non poteva più semplicemente ascoltare. Sua madre era nei guai. Che lei potesse aiutare o meno era poco preoccupante. Qualcuno doveva rompere tutto questo. Ha spalancato la porta.

La porta si spalancò proprio mentre lui stava di nuovo toccando il fondo dentro di lei e facendo esplodere il secondo carico della giornata nelle sue succulente profondità. Una giovane donna gridò: "'Madre, stai bene?" Rana era nel bel mezzo di un altro orgasmo mentre lo teneva, una mano dietro la sua testa, una mano sulla parte bassa della sua schiena dicendo più e più volte "Lo sento, lo sento, è così profondo". Era perso nella sensazione di avere il suo cazzo tagliato premuto contro la sua cervice mentre il suo cazzo si riempiva e poi espelleva corda dopo corda lo sperma nel suo grembo. Ogni volta che si riempiva, saltava mentre sparava sperma caldo e appiccicoso lungo le sue pareti, su tutta la sua cervice e nel suo grembo. Ogni scoppio suscitava un grugnito e un'imprecazione o un gemito del suo nome mentre lo sparava. Il suo primo getto esplose dalla fessura della pipì e lui gemette: "Rana!" Prima che potesse riprendersi, il prossimo stava già lasciando la sua mancia: "Oh, cazzo!" Ringhiò. E poi il prossimo fu nel suo cazzo e pronto ad andare, il suo orgasmo raggiunse l'apice quando la piacevole sensazione di formicolio dalla punta del suo cazzo fino alla base e nei suoi testicoli gli fece emettere un basso gemito gutturale di piacere. Dal suo punto di osservazione la figlia di Rana ha visto i muscoli del pavimento pelvico spasmodici di sua madre stringersi intorno alla base dell'asta dell'uomo che è sopra di lei, mungendolo mentre le dava carezze superficiali. Ha anche guardato mentre il suo cazzo si fletteva e sussultava sputando pastella per bambini nel profondo del grembo di sua madre. Era in soggezione mentre il suo sperma scorreva sulla figa di sua madre e gocciolava intorno al suo cazzo, scivolava giù per macchiare e stronzo e poi gocciolava sul pavimento. Se c'era qualche dubbio che si stessero godendo quel momento, sia sua madre che l'uomo imprecavano e gemevano mentre provavano puro piacere.

Storie simili

Il destino come un vampiro

Quindi sono sicuramente uno scrittore dilettante, ma questa fantasia è stata nella mia mente ultimamente. Ho sentito che il modo migliore per assecondarlo era farlo uscire su carta, per così dire. Tieni presente che lo stavo scrivendo più per me stesso che per qualsiasi altra cosa, ma mi sentivo come se dovessi condividerlo, nel caso in cui qualcun altro lo apprezzasse. Questa è solo la seconda storia erotica che scrivo, quindi per favore, andateci piano con me. Mi piacerebbe critiche o commenti costruttivi, e se ricevo feedback positivi, prenderò in considerazione un sequel, o una serie, o qualunque cosa faccia galleggiare...

92 I più visti

Likes 0

Nicole, l'amica di mia sorella

Questa è una storia completamente vera e cercherò di raccontarla nel modo più accurato che posso ricordare. Spero vi piaccia e fatemi sapere se volete la seconda parte. Mi chiamo Kevin e questa è la storia della mia estate prima del college. Era l'estate dopo che mi sono diplomato al liceo ed ero felice di avere un'estate per rilassarmi prima di iniziare l'università. Avevo una sorella, Caitlin, un anno più grande di me che aveva finito il suo primo anno di college. Ho anche avuto un fratello minore alle medie. Ora un po' di background su me stesso. Non sono particolarmente...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

887 I più visti

Likes 0

La mia figliastra mi sta facendo impazzire (Parte 9)

È passata una settimana. Sono ancora incredulo su quello che è successo tra me e la mia figliastra Nadine giovedì sera. Le ho davvero sborrato nel culo? Quindi ha davvero spinto il mio sperma fuori dal suo culo e me lo ha spalmato su tutto il corpo? Dopo, mi ha davvero pisciato sul cazzo sotto la doccia mentre stavo venendo? Ho davvero infilato il mio cazzo nel suo culo e ho fatto pipì nel suo culo mentre lei stava venendo? Tutto questo suona così selvaggio. Così incredibile. Ma so che è successo. È solo difficile da elaborare. Ho fantasticato su Nadine...

666 I più visti

Likes 1

Appuntamento notturno da ricordare

Mentre ti tenevo stretto, l'acqua calda è caduta sui nostri corpi, tenendoci al caldo durante il nostro abbraccio appassionato. Era il nostro appuntamento notturno settimanale e abbiamo deciso di finirlo il più intimamente possibile. Abbiamo deciso di fare una doccia calda e buia insieme mentre le canzoni d'amore suonavano dal nostro altoparlante. Era assolutamente perfetto. Sentirti tra le mie braccia nell'oscurità più assoluta, aggiungeva questo senso di vicinanza che non sentivo da un po'. Non potevo fare a meno di baciarti. All'inizio con delicatezza, ma col passare del tempo ho trovato sempre più difficile contenere il mio amore per te. Ti...

248 I più visti

Likes 0

L'impiegato

È venerdì sera! Tecnicamente, è lunedì. Ma il mio programma di lavoro mi lascia libero il lunedì e il martedì, quindi quelle sono le serate in cui esco e mi diverto. Tuttavia, la mia idea di divertimento è diversa dalla maggior parte... Non passo le mie notti a casa; diavolo, non li spendo nemmeno nella mia città natale. Guiderò trenta, quaranta miglia fuori strada per divertirmi. Non vado nei club o nei bar. Non esco e non vado a organizzare feste, né mi ubriaco di merda e mi prostituisco con il primo ragazzo che mi viene a prendere da terra. Vado...

278 I più visti

Likes 0

Classe di schiavitù

“Benvenuta classe, alla prima lezione di...” il giovane insegnante maschio si avvicina alla lavagna, raccogliendo il gesso e scrivendolo a caratteri cubitali “BONDAGE 101” Tra gli studenti scoppia un ruggito di risate e risate, una presenza relativamente ridotta di sole 10 persone circa, 9 delle quali maschi e una femmina che non sembrava affatto appartenere a quel posto. Vestito con una gonna lunga con trecce e classi. Lentiggini chiare da abbinare alla sua pelle pallida. Con gli occhi bassi su un libro, senza prestare molta attenzione all'insegnante o agli altri studenti del resto. L'insegnante ha proseguito “Se sei venuto qui per...

216 I più visti

Likes 0

Cameriera di latte cremoso

Cameriera di latte cremoso Kelsey Diaz aveva sempre avuto ragazzi dopo di lei, anche alle elementari. C'era solo qualcosa in lei che sembrava attirarli. Non lo capiva davvero quando era una ragazzina, ma era diventato almeno un po' più ovvio quando aveva frequentato il liceo. Kelsey era un bel mix di latino e nativo americano, circa un quarto nativo americano per quanto ne sapeva. Ma ciò che significava fisicamente per lei era che era quella che i ragazzi chiamavano una bomba totale. Sospettava segretamente che a volte volessero solo stare con lei per avvicinarsi alla sua famigerata mamma pornostar. A volte...

194 I più visti

Likes 0

Le tette si fanno bang bang

Ancora una volta vi porto la copia scritta di un'avventura interrazziale più recente. Proprio come prima, adoro ricevere posta da tutti voi e se non ricevete una risposta da me la prima volta, diavolo, scrivetemi di nuovo. Un piccolo retroscena per questa storia: è successo una notte l'estate scorsa. Stavo tornando a casa da un club (mio marito è stato via per la settimana - allenamento). A circa ¼ della strada di casa, la mia macchina ha iniziato a fare i capricci e alla fine ha ceduto. Usando il mio cellulare e una rubrica di una stazione di servizio vicina, ho...

1.1K I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

989 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.