Le avventure di Sarah - Capitolo 2

496Report
Le avventure di Sarah - Capitolo 2

Tyshawn riuscì a uscire dalla porta e si incamminò lungo la strada. Sentì la puttana che gli urlava contro dalla porta. Lui la ignorò e cercò di reprimere la sua rabbia. Vide Jesse e Frank che lo aspettavano all'angolo. Si diressero verso la loro vecchia scuola dove avrebbero preso la navetta fino al punto di partenza per prendere l'autobus per Claremont.

“Che succede Ty? Sembri incazzato. Jess ha detto.

"La cagna era in forma rara questa mattina." disse Tyshawn.

"Sì, è proprio una pesca." Jess ha detto.

"Ehi amico, guarda cosa ho." disse Jesse e tese qualcosa che sembrava una macchina fotografica.

"Che cos'è?" chiese Tyshawn.

"È una nuova videocamera, l'ho presa da Tyrone per 20 dollari." Jess ha detto.

"20 dollari, sai che quella cosa è rovente, vero?" disse Tyshawn.

“Sì, immagino di sì, ma per 20 dollari penso che valga la pena provare. Dovresti vedere come funziona questa cosa. Fa il culo e posso fare dei bei soldi con esso. Jess ha detto.

"Come hai intenzione di fare soldi?" ha chiesto Tyshawn?

"Hai presente quel tizio che gestisce l'edicola?" Jess ha detto.

"Sì." disse Tyshawn.

“Beh, paga bene per i film. Ha clienti che gli danno un sacco di soldi per certi tipi di film, se capisci cosa intendo. Jess ha detto.

"Che tipo di film?" chiese Tyshawn.

“Dai, sei stupido? Hai visto la figa bianca che gira per la nostra scuola? Questi ragazzi pagano per tutti i tipi di merda, bei colpi di gambe, bei colpi di scollatura e un sacco di soldi per un colpo di mutandine. Jess ha detto.

«Sei un pervertito, Jesse.» disse Tyshawn.

“No, sono un uomo d'affari e farò abbastanza soldi per uscire da questo buco di merda. Se voi due amici giocate bene le vostre carte, potrei portarvi con me. disse Jesse sorridendogli.

I tre amici camminarono lungo la strada verso la loro vecchia scuola, passando davanti a una prostituta, un tizio seduto contro il muro che dormiva profondamente e un ragazzo che ovviamente aspettava un cliente per comprare la droga. Vedevano queste cose ogni giorno ma raramente prestavano loro attenzione. Hanno visto il loro autobus entrare nel circuito e si sono messi a correre.

Sarah entrò nella sua classe e andò alla cattedra. Vide il libro del programma della lezione aperto fino a oggi. Wow, questo ragazzo era organizzato. Deve aver sentito che non ce l'avrebbe fatta a fare tutto questo. Ha guardato il giorno e ha visto "Review worksheet and pop test" scritto in tutto il blocco. Vide due pile di fogli, uno era i fogli di lavoro graduati e l'altro sembrava essere il test pop. Bene, questo venerdì andrà benissimo, pensò.

Tyshawn si sedette nell'ultima fila dell'autobus con Jesse e Frank. Guardò fuori dalla finestra, osservando il suo quartiere muoversi. Jesse l'ha definito un buco di merda ed è esattamente quello che era. Suo padre è cresciuto qui ed era ancora qui, facendo tre lavori solo per pagare l'affitto e comprare da mangiare. Non avevano un'assicurazione e venivano costantemente derubati e vandalizzati. Per fortuna non avevano molto da rubare. Si chiese se sarebbe mai uscito. Quel pensiero era l'unica cosa che lo tratteneva a scuola. Fondamentalmente aveva bisogno di altre due classi per diplomarsi, governo che era una torta e quella fottuta lezione di matematica. Sembrava che non riuscisse a capirlo; stava passando ma appena.

Sarah era seduta dietro la scrivania e controllava gli elenchi delle sue classi quando notò che qualcuno era entrato nella stanza. Alzò lo sguardo per vedere un uomo di colore entrare e andare verso il bidone della spazzatura.

“Scusi, posso aiutarla?” Sarah borbottò e si alzò.

L'uomo si voltò lentamente e la guardò, i suoi occhi cominciarono ovviamente dal suo viso e si spostarono lentamente lungo il suo corpo. Le sembrò che la stesse spogliando lentamente e istintivamente incrociò le braccia sul petto.

“Non preoccuparti, guance dolci, non ti farò del male. Sono qui solo per la spazzatura. Disse l'uomo con tono tagliente.

"Oh, ok, mi dispiace." Sarah balbettò, non rendendosi conto di aver insultato l'uomo con il suo linguaggio del corpo.

Hank Jackson guardò la ragazza bianca come un giglio in piedi di fronte a lui. Non poteva avere più di 20 anni o giù di lì. La cagna sembrava un cervo alla luce dei fari. Avresti potuto giurare che portava una pistola dal modo in cui si stava rannicchiando. Era così stanco di vederlo da tutte queste ragazzine bianche presuntuose. Lo riceveva ogni giorno da tutti gli studenti mocciosi ora lo riceveva da un insegnante verde.

Hank le grugnì e si voltò per scaricare la sua lattina. Lo lasciò cadere sul pavimento e se ne andò, ma non prima di aver dato un'occhiata alle sue spalle e aver notato che aveva un bel culetto per essere una ragazza bianca. Poteva vedersi martellare dentro di lei da dietro e guardare quel culo bianco muoversi davanti a lui. Le sorrise e si leccò lentamente le labbra. Questo le avrebbe dato qualcosa a cui pensare.

Sarah guardò l'uomo di colore andarsene. Perché si sentiva così sporca? Si è leccato le labbra alla fine? Quello sguardo che le aveva fatto venire i brividi. Si sedette di nuovo e iniziò a esaminare le liste mentre sentiva suonare il campanello. Gli studenti iniziarono ad affluire nella stanza, guardandola mentre passavano. Guardò fuori e sembravano così vecchi. Molti ragazzi avevano i baffi e alcuni avevano anche la barba. Le ragazze sembravano donne e la maggior parte di loro aveva corpi per cui la maggior parte delle donne avrebbe ucciso. Fece un respiro profondo, sarebbe stato interessante.

Tyshawn entrò nella sua prima lezione e vide che c'era un sostituto. Era giovane fu la prima cosa che lo colpì. Era carina e tutto tranne le sue tette sembravano piccole. Riusciva a malapena a vedere le protuberanze sotto il maglione e la camicia. La guardò avvicinarsi alla porta per controllare il corridoio e notò il suo culo. Il suo culo era bello e sodo e le sue gambe sembravano piuttosto calde con le calze nere. Notò il modo in cui i suoi polpacci si flettevano mentre camminava sui talloni. Sentì il suo cazzo indurirsi di nuovo e iniziare a farsi strada fuori dai suoi boxer e allungarsi lungo la sua coscia.

“Buongiorno classe, sono la signorina Johnson. Sarò il tuo sostituto oggi. disse Sarah e si voltò per scrivere il suo nome sulla lavagna. Doveva alzarsi un po' per raggiungere un punto vuoto.

Tyshawn e tutti i ragazzi notarono immediatamente come la sua gonna si fosse alzata un po' mentre si avvicinava alla tavola. Guardò il suo culo dimenarsi leggermente mentre scriveva. Si strofinò il cazzo attraverso i pantaloni. Doveva farsi un po' di figa oggi. Si guardò intorno nella stanza. Christy era seduta di fronte a lui, era carina e la sua figa era abituata al suo cazzo. L'aveva scopata almeno una dozzina di volte, ma anche la maggior parte dei ragazzi della scuola. Si voltò verso di lui mentre la guardava e sorrise. I suoi occhi si abbassarono per vederlo strofinare il suo cazzo attraverso i pantaloni. Aprì leggermente la bocca e mosse lentamente la lingua intorno alle labbra.

Che sgualdrina, pensò Tyshawn. L'avrebbe scopata se avesse dovuto, ma oggi voleva qualcosa di diverso. Questa erezione era speciale e non voleva davvero sprecarla con la figa sciatta di Christy. Guardò dall'altra parte e vide Karen. Era una cheerleader e aveva lunghi capelli biondi. Non l'aveva mai scopata ma oggi si sarebbe meritata il suo cazzo. Il suo corpo fumava ma non gli aveva mai dato l'ora del giorno. Si chiese se avesse dato a qualcuno l'ora del giorno. Vide che stava parlando con la sua amica, una mora che non conosceva. La mora si stava sporgendo per parlare e lui vide che le sue tette erano spinte contro la sua parte superiore, provocando un'abbondanza di scollatura. Sentì il suo cazzo formicolare mentre fissava il suo petto.

"Ok, classe, inizieremo con una revisione di un foglio di lavoro che hai completato in precedenza." disse Sarah e chiamò il nome. Un ragazzo alzò la mano nella parte posteriore e lei si avviò lungo la fila, il giornale teso.

Tyshawn si voltò quando sentì la voce dell'insegnante e la vide camminare lungo la navata. Le guardò le gambe e poi lei fu proprio accanto a lui. Poteva sentirne l'odore, fresco e dolce. Fece un respiro profondo. Lei chiamò un altro nome e si voltò verso di lui. La ragazza dall'altra parte di lui alzò la mano e l'insegnante si allungò sopra il banco per porgerle il foglio. Il suo petto era a pochi centimetri da lui e lui guardò mentre la sua camicia si staccava leggermente dalla gonna mentre si allungava. Il suo cazzo stava pulsando ora e stava combattendo l'impulso di alzarsi e scopare questo insegnante in questo momento.

Sarah ha continuato a distribuire i fogli, ignara degli sguardi e delle risatine che stava ricevendo da tutti i ragazzi mentre la guardavano. Le ragazze stavano tutte alzando gli occhi al cielo mentre i ragazzi cornuti si avventavano sul nuovo sottomarino. Sarah finì e tornò nella parte anteriore della stanza. Ha proceduto a rivedere il foglio di lavoro con loro, i ragazzi non prestavano quasi alcuna attenzione.

Il signor Thompson percorse il corridoio e sbirciò attraverso la piccola finestra nella stanza. Ha visto Sarah parlare con la classe. Sembrava che stesse bene. Rimase a guardare ancora un po', osservandola mentre camminava avanti e indietro attraverso la parte anteriore della stanza. Era una piccola figura sexy, sì davvero, pensò. Amava il modo in cui il suo culo spingeva fuori dalla gonna. Proprio mentre il signor Thompson stava guardando il culo di Sarah, Hank Jackson era nel suo ufficio nel seminterrato, con la porta chiusa, il suo enorme cazzo nero in mano. Stava pensando a quella stronza bianca presuntuosa che gli aveva mancato di rispetto quella mattina. Il suo cazzo si indurì mentre pensava a lei, raggiungendo la sua lunghezza totale di 9 pollici. Si strofinò su e giù, immaginando la sua figa bianca che scivolava su e giù su di essa. Quella puttana aveva bisogno di una bella scopata e lui era molto interessato a essere lui a dargliela.

Sarah ha continuato a rivedere il suo foglio di lavoro inconsapevole dei molti pensieri che volavano per la scuola su di lei, ognuno dei quali sempre più grafico. Era eccitata, la giornata stava andando bene e la classe era calma e l'ascoltava. Stava facendo un buon lavoro. Potrebbe farlo, dopotutto. La sua sicurezza cresceva di minuto in minuto.

Il primo periodo finì e la classe se ne andò. Tyshawn si guardò indietro ancora una volta mentre si dirigeva verso il corridoio. Stava guardando indietro mentre usciva dall'aula e non si era accorto che qualcuno era proprio di fronte a lui. Si è schiantato contro una ragazzina, facendola cadere in ginocchio perché era minuscola rispetto ai suoi 220 chili. Il suo slancio continuò a portarlo avanti, costringendo il suo inguine a colpirla esattamente nella parte posteriore della testa. Cadde in avanti sulle mani e sulle ginocchia e Tyshawn le inciampò sulla schiena, cercando di non caderle addosso. Le calpestò la mano destra tesa e lei urlò, costringendolo a sollevare immediatamente il piede ea perdere completamente l'equilibrio. Le cadde dritto sulla schiena, costringendola a terra, i suoi seni subirono tutto il peso dell'impatto mentre veniva spinta a terra, l'aria che le usciva dai polmoni.

La folla si aprì quando videro la ragazza cadere e Tyshawn lottare per non schiacciarla. Jesse era Johnny-on-the-spot mentre faceva girare la sua nuova macchina fotografica e vide la bella ragazza bionda a quattro zampe e poi la sua parte superiore del corpo spinta a terra e Tyshawn praticamente seduto sulla sua schiena. Era ancora in ginocchio e il suo culo era ora puntato in aria e la sua gonna corta di jeans era sollevata, rivelando un assaggio di mutandine rosa. Jesse poteva sentire il suo cazzo indurirsi alla vista di questo e al pensiero dei soldi che questo colpo gli avrebbe portato. Continuò a sparare mentre Tyshawn continuava a cadere e poi finalmente a rotolare giù dalla bambina. Teneva la mano davanti a sé, il viso e il petto sul pavimento. La sua gonna si era alzata un po' di più e più delle sue graziose mutandine rosa erano in mostra per tutta la folla. Fortunatamente per Jesse e i suoi clienti c'erano tutti i ragazzi in piedi direttamente dietro di lei e nessuno aveva fretta di trasferirsi e salvare la modestia della ragazza.

Tyshawn si inginocchiò per aiutare la ragazza ad alzarsi, scusandosi abbondantemente. La sollevò per le braccia, facendola sedere, abbassandole la gonna con grande disappunto di Jesse. Jesse si spostò davanti. È stato ricompensato con una foto del suo petto e del suo viso sporchi per lo sporco del pavimento e la sua canotta abbassata leggermente, mostrando molto più scollatura di quanto intendesse. Jesse poteva anche vedere che la ragazza piangeva e le teneva la mano.

"Mi dispiace tanto, non ti ho visto." disse Tyshawn.

"Toglimi le mani di dosso, stronzo!" gridò la ragazza.

Tyshawn si tirò indietro alla ferocia delle parole e allo sguardo di odio nei suoi occhi.

'Stai lontano da me, cazzo! urlò la ragazza attraverso le lacrime e lo sporco che era imbrattato sul suo bel viso.

Tyshawn si alzò e indietreggiò, fissandola negli occhi arrabbiati. Si voltò e si avviò verso la sua seconda lezione d'epoca. Jesse, tuttavia, ha continuato a filmare, non gli importava di essere in ritardo; questa era un'opportunità troppo grande. La ragazza iniziò a raccogliere i suoi libri, la mano che le pulsava ferocemente. Si guardò la camicia e iniziò a spazzolare via lo sporco. Ciò ha fatto rimbalzare leggermente i suoi seni, catturati per i posteri dalla fotocamera di Jesse. Si tirò su la camicia, notando che una delle cinghie era rotta. Prese i suoi libri e si alzò in piedi. Le sue ginocchia erano ammaccate e sporche e le facevano male.

Sarah entrò nel corridoio giusto in tempo per vedere la folla che si disperdeva e una ragazzina che lottava per rimettersi in piedi. Si avvicinò a lei, notando che era un disastro. Le lacrime erano mescolate allo sporco sul suo viso e la sua camicia era strappata e sporca.

"Tesoro, stai bene?" chiese Sara.

"Sto bene." Disse bruscamente la ragazza, ancora arrabbiata e ferita. La sua mano ora pulsava mentre cercava di fletterla.

"Mi chiamo signorina Johnson." disse Sarah e tese la mano.

«Kaylie.» Disse la ragazza e annuì, la mano destra stretta nella sinistra.

Sarah tirò fuori un fazzoletto dalla tasca della camicia e si asciugò le lacrime e lo sporco dalle belle guance. Kaylie fissò Sarah, sbalordita dalla gentilezza che le veniva mostrata da questa signora che nemmeno la conosceva. Sarah finì di pulirsi il viso e si asciugò leggermente le spalle. Prese la cinghia della cavezza strappata e notò che era strappata proprio sul davanti.

"Tesoro, entra e possiamo riattaccare questo." Disse Sarah e si voltò verso la sua stanza, il suo braccio destro avvolto attorno a Kaylie, guidandola dolcemente.

Sarah recuperò una spilla da balia dal primo cassetto e appuntò la cinghia di Kaylie sul davanti della sua maglia. Cercò di appuntarlo all'interno in modo che non fosse visibile. La sua mano raggiunse l'interno della maglietta per tenerla e sfiorò la parte superiore del seno pieno di questa giovane ragazza. Kaylie ha notato quanto fosse morbido e grande e ha pensato che fosse un po' ingiusto che questa ragazzina fosse più grande di quanto Sarah sarebbe mai stata. Kaylie sentì la sua nuova insegnante infilare la mano nella maglietta e anche attraverso il dolore e l'imbarazzo poteva sentire il suo corpo rispondere al tocco gentile. Kaylie sentì il suo capezzolo indurirsi e spingersi contro la sua canottiera. Sarah, concentrandosi sul non attaccare questa ragazza con lo spillo, era ignara della sua influenza sul capezzolo del seno proprio sotto il suo naso.

Sarah finì e fece un passo indietro.

"Ecco fatto, come nuovo." Disse con voce allegra cercando di far stare meglio la ragazza.

"Grazie signorina Johnson." Kaylie disse con un sorriso dolce e uscì dalla stanza.

Kaylie si avvicinò lentamente alla lezione successiva, storia da matricola, con le ginocchia che le pulsavano. Era arrivata a metà del corridoio quando suonò tardivamente il campanello. È entrata in classe circa 30 secondi dopo la campanella ed è stata accolta dal signor Krane che le porgeva un foglietto giallo. Lo prese con esitazione e si rese conto che si trattava di un tagliando di detenzione per ritardo.

"Sig. Krane, per favore, non capisci. Kaylie piagnucolò.

“Signorina Smith, hai già un giorno di punizione. Ti piacerebbe stare lì e guadagnare di più? disse il signor Krane con voce calma e fredda.

Kaylie si voltò bruscamente e si precipitò lungo il corridoio fino al suo posto e si lasciò cadere con forza. Era così arrabbiata che le ci volle un minuto per rendersi conto di aver sbattuto i libri sulla mano destra dolorante, il dolore che le risaliva il braccio. I suoi occhi iniziarono a lacrimare mentre il signor Krane iniziava la sua tipica monotona conferenza monotona.

Mentre un'agitata Kaylie veniva condotta nell'aula di Sarah, Tyshawn stava camminando a passo svelto lungo il corridoio. Era incredibilmente arrabbiato e voleva solo picchiare qualcosa. Raggiunse il suo armadietto e tirò fuori le provviste per la sua prossima lezione e sbatté forte la porta. Tutti intorno si voltarono per affrontare il trambusto e videro Tyshawn aprire di nuovo la porta e chiuderla sbattendola una seconda volta. Si avviò verso la lezione successiva, arrivando in cima alle scale prima di rendersi conto di avere i libri sbagliati per la lezione successiva. Si voltò e tornò di corsa al suo armadietto, si scambiò i libri e se ne andò in camera sua. Era veloce ma ancora a pochi metri dalla porta quando suonò il campanello. Sperava di essere abbastanza vicino fino a quando non ha colpito la porta e ha visto il foglietto giallo tenuto fuori dal dinosauro, la signora Gerber.

Jesse è arrivato alla sua prossima lezione in tempo, anche se incredibilmente impreparato. Era così entusiasta del filmato che aveva appena catturato che si è allontanato per andare al suo armadietto. Era seduto sul sedile dell'ultima fila e guardava la sua registrazione di Kaylie Smith che cadeva di nuovo sul pavimento con Tyshawn sulla schiena. Si chiese quanto avrebbe guadagnato per questo piccolo gioiello.

Sarah ha guardato il file della sua seconda classe mestruale e ha ripetuto la sua revisione e ha dato il test del pop. Il suo livello di fiducia era così alto ora che ce l'ha fatta senza nemmeno pensarci. Questa si stava rivelando una buona giornata ed era così eccitata che ora poteva mettere giù la dodicesima elementare grazie alla sua esperienza. Non vedeva l'ora di parlare con il signor Thompson più tardi e ringraziarlo per l'opportunità.

Hank Jackson prese il suo lungo cazzo palpitante e lo rimise nella sua uniforme da lavoro. Come avrebbe manipolato la situazione in modo da poter seppellire la sua carne nella nuova cagna? Andò in mensa per iniziare a preparare il pranzo, pensando alle molte posizioni in cui gli sarebbe piaciuto mettere la signorina Sarah Johnson.

Arrivò il pranzo e gli studenti iniziarono a riempire la mensa. Jesse non era molto interessato al cibo. Si avvicinò all'ufficio di Hank e vide che era dentro, a leggere una rivista.

«Hank, come va?» chiese Jesse, scambiando un'alta stretta di mano con il custode.

"Stessa vecchia merda, come stai oggi, fratellino?" Hank ha risposto.

"Devo mostrarti una cosa." disse Jesse e appoggiò la sua macchina fotografica sulla scrivania di Hank e premette il pulsante di riproduzione.

Hank guardò il piccolo schermo e vide una ragazzina bianca e bionda che veniva investita e un enorme ragazzo nero seduto sulla sua schiena. Vide le sue mutandine rosa spuntare da sotto la gonna mentre era a faccia in giù sul pavimento, il culo sporgente per aria. Poi la vide strofinarsi la mano sulla maglietta e le sue tette rimbalzare sotto la maglietta. Alzò lo sguardo su Jesse.

"Come l'hai preso?" chiese Hank.

"Tyshawn l'ha investita nel corridoio dopo il primo periodo e io ero proprio nel posto giusto al momento giusto." disse Jesse con orgoglio.

"Ho intenzione di venderlo a Crank in edicola." Jess ha detto.

«Cosa ti sta dando in cambio?» Hank ha detto.

"Perché?" disse Jesse, la sua curiosità raggiunse l'apice.

"Perché conosco un tizio che te ne darà un centinaio per questo." Hank disse con calma.

"Dollari?" disse Jesse, non credendo a quello che aveva appena sentito.

"No, pietre, testa di cazzo, naturalmente dollari." Hank disse con una risatina. Gli piaceva questo ragazzo, ma a volte era un po' lento.

"Solo per questo?" chiese Jesse, ancora sotto shock.

"Sì, e molto di più se riesci a ottenere qualcosa di meglio." Hank ha detto.

"Che tipo di merda?" chiese Jesse.

“Beh, per cominciare puoi avere quelle tette senza la maglietta. Quindi, se riesci a prenderla con un cazzo dentro, puoi incassare. Prendi la piccola puttana bionda sull'estremità di un cazzo nero e puoi davvero incassare. disse Hank, con calma come se stesse spiegando un compito semplice.

"Ora, come lo farò?" disse Jesse con un sorrisetto.

“Dipende tutto da quanto sei serio. Se vuoi davvero farlo bene, possiamo riunirci e vedere cosa possiamo fare. Hank disse con un sorriso, contando i soldi che pensava di poter fare con questa macchina fotografica eccezionale e un ragazzo disposto a usarla.

"Cos'hai in mente?" chiese Jesse, pensando anche lui di aver colpito la terra madre.

Hank ridacchiò, si alzò e chiuse la porta. Tornò da Jesse, gli mise un braccio intorno alle spalle e iniziò a spiegare come si sarebbero arricchiti a vicenda.

Storie simili

Io e Gavin

Questa è una storia sul mio amico e sua madre che vivono nella porta accanto. Avevo 24 anni, mi ero diplomato presto al liceo e poi mi ero laureato presto al college. Ho ottenuto un ottimo lavoro con una grande azienda con un considerevole bonus alla firma che ho applicato a un acconto su una casa. Vivevo lì da 6 mesi e conoscevo molto bene i miei vicini. Janice, un'infermiera che lavorava nell'ospedale locale. Era divorziata da diversi anni e ha lavorato duramente per provvedere al figlio di 12 anni Gavin. Gavin era un ragazzo snello di 12 anni in seconda...

1.8K I più visti

Likes 0

Lo schiavo del presidente Milford Parte 3

Scarlett era stata una ragazza timida e introversa prima che sua madre la portasse alla Casa Bianca tre mesi prima, ma il trauma che aveva subito la notte delle elezioni aveva costruito un guscio intorno a lei e non aveva detto una sola parola a nessuno da quando aveva perso la sua verginità. Se non fosse stato per le sue urla e il suo pianto, non avrebbe emesso un solo suono, tranne le suppliche di panico che sono cadute nel vuoto quando il chirurgo generale le ha rimosso il clitoride per ordine del presidente Samuel Millhouse Milford. La sua vita nei...

2.3K I più visti

Likes 0

Le figlie controllate dalla mente di papà Capitolo 6: La migliore consulenza madre-figlia di papà

Le figlie controllate dalla mente di papà Capitolo sei: La migliore consulenza madre-figlia di papà Una storia di controllo mentale con fibbia per cintura Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2021 Note: Grazie a WRC264 per aver letto questo beta! Il dottore è un po' indietro, ha detto l'infermiera mentre ci sedevamo nella sala d'attesa dell'ufficio del dottor Sharma. Era il ginecologo/ginecologo di mia figlia. Dato che erano tutte incinte, dovettero andare tutte a trovarla. Ma mai nello stesso giorno, ovviamente. La dottoressa Sharma era troppo impegnata per farli entrare tutti nello stesso giorno. Ero stato qui due giorni fa con...

1.7K I più visti

Likes 0

Sculacciata Amanda

Ho scritto questa storia per la ragazza dei miei desideri. L'ha letto e gli ha dato la sua approvazione. Ho cambiato il nome per proteggere i colpevoli :) È piuttosto breve: non riesco a immaginare di durare a lungo se questo si avverasse. Fatemi sapere cosa ne pensate. ====================================================================================================================================== ======================== Avevo incontrato Amanda 2 anni prima come parte di una chat room online. L'avevo considerata sexy dal momento in cui avevo controllato il suo profilo e non potevo credere alla mia fortuna quando ci ha provato. Eravamo in chat da un po' di tempo, ma alla fine ci siamo incontrati nel...

2.3K I più visti

Likes 0

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2.3K I più visti

Likes 1

White Lucy, Dark Meat ch.1

Introduzione “Shhhh…. Shhhh. sibilò Chris, interrompendomi. Tieni la testa bassa... non guardare in alto... ti vedranno. La mia reazione istantanea, ovviamente, è stata quella di guardare dritto in alto. Fu allora che li vidi. Due neri, alti e robusti, che stavano tagliando la radura erbosa, dritti nella nostra direzione. Non so chi sia stato davvero più sorpreso, Chris o me stesso. Negli 8 mesi in cui siamo venuti qui abbiamo visto forse 3 persone tutte. Our Spot, come eravamo venuti a chiamarlo, era una vecchia riserva abbandonata e ricoperta di vegetazione, in riva al lago. Il nostro posto segreto Era accessibile...

1.9K I più visti

Likes 1

Tre possono mantenere un segreto se due sono... confusi

«Allora è deciso. Domani Ron va al lavoro e vede con cosa dobbiamo lavorare. disse Kim mentre si rannicchiava nel mio petto, e io l'ho abbracciata. Era stata una domenica mattina emozionante; prima con la russa e poi sesso con le due sorelle. Eravamo tutti un po' stanchi, ma eravamo ancora più affamati. Qualcuno a pranzo? ho chiesto Sto morendo di fame rispose Kim entusiasta Guardai Rachel, che sembrava essere in un altro mondo. “Rach? Pranzo? Ho riprovato. Rachel ruppe il suo sguardo nell'infinito, guardò me e poi Kim. Che cosa? lei ha detto “Pranzo? Sì, ho fame. Stai bene? ho...

1.6K I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

1.6K I più visti

Likes 0

Inginocchiarsi o non inginocchiarsi Pt. 01

(Una ragazza va a un gioco per vincere un milione di dollari, ma finisce in schiavitù e diventa una schiava posseduta che viene addestrata, condizionata e trasformata) È lunedì sera e questo può significare solo una cosa... è l'ora di Kneel or No Kneel! la voce dell'annunciatore rimbombò attraverso il palcoscenico mentre scoppiava un fragoroso applauso da parte del pubblico. I riflettori presero vita all'istante, illuminando con luce calda il palco dove mi trovavo in silenzio. Ora ecco il tuo ospite preferito, l'unico... l'unico... Horny Bondel! Grazie, grazie, è fantastico essere qui per un altro episodio di Kneel or No Kneel...

1.1K I più visti

Likes 0

Cameriera di latte cremoso

Cameriera di latte cremoso Kelsey Diaz aveva sempre avuto ragazzi dopo di lei, anche alle elementari. C'era solo qualcosa in lei che sembrava attirarli. Non lo capiva davvero quando era una ragazzina, ma era diventato almeno un po' più ovvio quando aveva frequentato il liceo. Kelsey era un bel mix di latino e nativo americano, circa un quarto nativo americano per quanto ne sapeva. Ma ciò che significava fisicamente per lei era che era quella che i ragazzi chiamavano una bomba totale. Sospettava segretamente che a volte volessero solo stare con lei per avvicinarsi alla sua famigerata mamma pornostar. A volte...

966 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.