Io e mamma ubriaca - 2 aggiornato

924Report
Io e mamma ubriaca - 2 aggiornato

Io e mamma ubriaca - 2

È stata una lunga giornata per me. Difficilmente prestando attenzione ai compiti scolastici. Pensando a quello che avevo fatto la sera prima. Il lungo viaggio verso casa sul sedile posteriore dell'auto con la mia mamma ubriaca in grembo. Diventando così pieno di lussuria che ho davvero scopato mia madre senza che nemmeno lei lo sapesse. Sono andato più volte in bagno e me ne sono andato a metà, ma mi sono fermato in attesa di quella sera.

Ho aiutato la mamma a preparare la cena e mi sono seduto con lei per un po' sul divano a guardare la TV. Avevo menzionato un film in onda che aveva buone recensioni, sperando di convincerla a guardarlo. È andata a fare il bagno e ho pensato che i miei piani sarebbero falliti fino a quando non è tornata in vestaglia per guardare il film. Le ho preso una coperta in cui coccolarsi. È andato in onda alle nove e lei ha iniziato a guardarlo durante il suo terzo drink. Aveva persino posizionato la bottiglia di gin tonic sul tavolino. Sono rimasto basito. Andò di sopra a fare i compiti e le diede la buonanotte.

Ma non ha fatto altro che strisciare di nuovo in cima alle scale per sbirciare la mamma. Aveva abbassato il volume e si era bevuta un altro gin alto. Sorseggiandolo mentre assorto nel film. La guardai e mi chiesi perché non l'avevo mai considerata una donna meravigliosa prima. Aveva un corpo meraviglioso, delle belle gambe lunghe e dei seni favolosi. Ho immaginato che pesasse circa 115 libbre e le sue tette dovevano essere almeno 38 anni. Era distesa sul divano con la coperta intorno alle gambe, sistemata per il film e io speravo di addormentarmi anch'io.

Fu un'attesa straziante, ma sapevo che se si fosse addormentata troppo presto non sarebbe stata abbastanza ubriaca per i miei piani. Fu felice quando bevve altri due gin e vide i suoi occhi chiudersi con il ronzio della TV. Non riuscivo a tenere le mani lontane dal mio cazzo e l'ho accarezzato lentamente. Aveva avuto il suo primo assaggio di figa e ora sentiva che ne sarebbero arrivate altre! La mia mente era piena di pensieri su cosa avrei potuto farle una volta che dormiva ubriaca.

Quando finalmente ha respirato quel ritmo costante del sonno, sono strisciato giù per le scale. Mi sono fatto strada verso di lei. Il mio cuore batteva all'impazzata e avevo tanta paura di essere beccato mentre provavo qualcosa. Ho pensato che la cosa migliore da fare fosse fare qualche movimento per essere vista come innocente se si fosse svegliata. Rimasi a guardarla dall'alto in basso prima di sedermi sul bordo del divano alle sue gambe. Fare volutamente movimento. Ho detto: "Stai dormendo, mamma?"

Mentre la coprivo con la coperta. Nessun movimento o suono dalla mamma. Ha appena respirato in modo uniforme e profondo. La sua vestaglia era un po' scostata in alto e potevo vedere quasi tutto il suo seno destro, sembrava magnifico a me, la dodicenne. Ma come ho detto, ero grande per la mia età e mi sentivo un adulto. Ed ero felice che il mio cazzo si stesse sviluppando come speravo, non sarei stato piccolo laggiù. Guardare questa bellissima donna adulta mi ha fatto chiedere perché ho inseguito quelle stupide ragazzine a scuola?

Ho abbassato ancora un po' la TV, lasciando che il ronzio delle voci continuasse, e mi sono avvicinato alla mamma, ancora preoccupato che potesse svegliarsi, ho fatto finta di guardare il film per un po' e le ho appoggiato la mano sulla gamba. Alla fine accarezzo il mio dito sulla sua pelle. Tuttavia non si è mossa per essere consapevole della mia presenza lì. Spostai lentamente la mano verso l'alto, spingendo via la coperta e aprendo la sua veste mentre lo facevo. Fece solo un lungo sospiro. Adesso le ho strappato la vestaglia in alto e le ho lasciato le tette completamente scoperte. Wow, che spettacolo di due grossi seni maturi! I capezzoli erano perfettamente rotondi, delle dimensioni di un dollaro e viola rosato. Avevo ancora paura di avvicinarmi abbastanza da baciarli. Spinsi via la coperta dalle sue gambe e aprii anche lì la vestaglia, rivelando il suo bellissimo cespuglio nero. Accidenti, è stato eccitante. Il mio cazzo pulsava dentro i miei pantaloni e dovevo tirarlo fuori adesso.

Era pieno come poteva essere e volevo fotterla così tanto ma dovevo stare attento. Non avevo in mente di farmi beccare mentre mi chiedevo come iniziare a scopare la mamma. Ho provato a salire sul divano. È stato imbarazzante. Poi ho abbassato lentamente una delle gambe della mamma e l'ho appoggiata sul pouf accanto al divano, ho allargato l'altra gamba e ho avuto la ricompensa di una vista meravigliosa della fessura della figa di mia madre, che sembrava umida, calda e invitante. Mi allungai in avanti e le toccai delicatamente la fessura. Era umido. Chiusi gli occhi e cercai di calmare il mio cuore in corsa mentre lo accarezzavo così dolcemente e infilavo un dito nella fessura scivolosa. Accidenti. Stavo quasi venendo per l'eccitazione. Era meglio di quanto avessi sognato tutto il giorno!

La mamma respirava solo un po' più velocemente e sembrava sognare bei pensieri. Ho provato a calcolare quanti drink aveva finito. 5 o 6? Ma ormai era troppo tardi per preoccuparsene. La sua figa sembrava così invitante che alla fine mi sporsi in avanti per dare un'occhiata più da vicino. L'ho premuto e l'ho baciato dolcemente, permettendo alla mia lingua di viaggiare su e giù per la calda fessura... Mi sono seduto un momento e mi sono leccato le labbra. Niente di male nel sapore dell'umidità.

Ero ipnotizzato ora e sono scivolato giù dal divano e mi sono spostato tra le sue gambe. Baciandole dolcemente la figa. Poi ho lasciato che la mia lingua accarezzasse di nuovo su e giù lungo la sua fessura fino a quando non ho premuto in avanti e ci ho messo tutta la bocca sopra. Accidenti, ero in paradiso, non avevo mai pensato di leccare la figa di una donna prima e ora lo stavo facendo. Potevo sentire il suo clitoride lì, gonfio e ora davvero pulsante sulla mia lingua! Sembrò rispondere e si contrasse un po' nella mia bocca. Sapevo in quei primi istanti che ora ero dipendente dal leccare la figa per il resto della mia vita. La mamma sembrava solo respirare più forte e si muoveva solo leggermente con le mie azioni. Ma lei lo sentiva, potevo dirlo. Almeno le stavo regalando un bel sogno.

Non potevo più aspettare e avanzai tra le sue gambe. Ho premuto la testa del mio cazzo contro la sua figa e sono quasi arrivato lì. Ho pensato a una macchia sul divano e ho promesso di portare un asciugamano con me se mai l'avessi fatto di nuovo. Poi mi spinsi dentro di lei e sentii quell'estasi crescente che mi travolgeva di nuovo. Stavo ancora una volta scopando mia madre! Ma questa volta non ero al buio del sedile posteriore, se lei apriva le palpebre ero proprio lì davanti a lei. Non mi ero preparato a cosa avrei detto se si fosse mai svegliata e mi avesse beccato. Ma ora non avevo alcun controllo su me stesso. Mi sono tuffato dentro di lei lentamente, premendo il mio cazzo in profondità, poi trattenendolo. Giuro che potevo sentire la sua figa dentro che mi mungeva con delicate contrazioni dei muscoli della sua vagina. E sono sicuro che stava iniziando a muovere i fianchi in sintonia con i miei. Solo piccoli scatti in avanti. Ho accarezzato solo qualche altro colpo lungo prima di venire un carico enorme dall'essere fatto sesso tutto il giorno. Sopprimendo l'urlo che volevo davvero emettere. Tirò fuori e affondò di nuovo nei cuscini. Sto cercando di riprendere fiato. Cavolo. L'avevo fatto di nuovo. Ho scopato mia madre la terza volta! Sono scivolato giù dal divano, ho tirato la coperta sulla mamma e sono salito in camera mia. Sembrava così serena con gli occhi così chiusi, il suo viso mi sembrava angelico. Ma la mia mente correva. Che tipo di pervertito stavo diventando? Mi scopo mia madre. E peggio, non sapeva nemmeno che lo stavo facendo! Accidenti è stato incredibile. La mia mente riusciva solo a trattenere l'immagine del suo corpo quasi nudo disteso sul divano. C'era qualcosa che dovevo fare per fermare tutto questo? Volevo?

Non c'è modo. Per quanto fosse brutto da parte mia farlo, ero impotente a resistere. Era semplicemente troppo elettrizzante. Anche in giovane età scolare ora sapevo cosa fosse la lussuria e l'amavo. Il mio cazzo è salito di nuovo nella sua modalità di rilevamento. Tutto quello a cui riuscivo a pensare era il corpo meraviglioso della mamma. Per quanto tempo potrebbe andare avanti? Un'altra volta? Un altro giorno? Il pensiero dei piaceri futuri mi incalzava e presi un asciugamano dall'armadio e tornai lentamente in soggiorno. Si fermò di nuovo sopra la mamma a guardarla. Era così bella. Jimmy, la mia migliore amica aveva ragione, aveva delle belle tette, stavo per dirgli che le avevo viste. Forse nella vasca da bagno o qualcosa del genere. Avrebbe voluto pernottare per dare un'occhiata da solo.

La TV continuava a ronzare con qualche altro vecchio film. Il mio cazzo chiedeva più azione. Mi avvicinai alla mamma e mi sedetti di nuovo. Le infilai l'asciugamano sotto il didietro e guardai da vicino per vedere se il mio sperma fosse fuoriuscito, ma sembrava che non ne fosse uscito nessuno. Baciai di nuovo la sua figa, questa volta premendo la mia bocca tra le labbra della sua figa. Succhiandole la clitoride ora, proprio come ho letto nelle storie delle riviste. Accidenti, è stato così bello farlo. Era così scivoloso e se assaggiavo il mio sperma non era affatto male. Ora la mamma stava reagendo, respirando con la bocca aperta. Continuavo a leccare e succhiare, assaporando il suo succo che ora filtrava. Ero determinato a provare a far venire anche lei, ho sentito il suo clitoride contrarsi e pulsare e lei sussultava in piccole vibrazioni tremanti e sospirava profondamente. Le avevo dato un orgasmo? Era giusto, pensai, me ne aveva dati tre. Finora. Non ho mai voluto che tutto questo finisse. Mi sono spostato di nuovo tra le sue gambe e sono scivolato lentamente dentro di lei. La sua figa era così succosa e calda. Ho accarezzato colpi lunghi e lenti e questa volta sono riuscito a durare qualche minuto in più. Sono tornato di nuovo e sono rimasto lì solo a respirare prima di tirarmi fuori, asciugandole la figa e coprendo di nuovo la mamma.

Sono risalito le scale fino alla mia stanza con così tanti pensieri su cosa avrei potuto farle quando era così ubriaca. Volevo che tutto andasse avanti per sempre. Avevo bisogno di sapere anche come tenerla ubriaca. Oserei dirlo a qualcuno? Jimmy? Ho pensato almeno di ottenere una foto digitale delle sue tette per mostrargliele. E altri ragazzi a scuola. Non sarebbe nemmeno necessario dire chi fosse la donna.

Ho avuto un sapore meraviglioso sulle mie labbra della sua figa. Quella sera mi sono addormentato con pensieri selvaggi ed eccitanti sulla mia nuova vita sessuale, con una donna meravigliosa, mia madre, e l'idea che mio padre se ne sarebbe andato per altri due giorni.



Parte 2 di 4. aggiornata

Grazie per la tua valutazione se ti è piaciuto.

Storie simili

I diari della motocicletta: l'Harley di papà

I diari della motocicletta: la Harley di papà Copyright © 2020 di Mojavejoe420 Ho sentito il mio telefono ronzare solo una volta nella tasca posteriore dei pantaloni. Probabilmente era il mio stupido ex ragazzo, quindi ho aspettato di finire di ordinare i drink. Era un martedì pomeriggio piuttosto lento, ma Applebee aveva una regola severa contro gli SMS in servizio. Sono tornato di nascosto nella cabina frigorifera dove le telecamere non potevano vedere. Ho sorriso mentre leggevo il messaggio di mio padre, alias Daddy-oh! sul mio telefono. Ehi Syd Sei occupato sabato? Lenore mi ha mollato per la corsa di beneficenza...

558 I più visti

Likes 0

Il destino come un vampiro

Quindi sono sicuramente uno scrittore dilettante, ma questa fantasia è stata nella mia mente ultimamente. Ho sentito che il modo migliore per assecondarlo era farlo uscire su carta, per così dire. Tieni presente che lo stavo scrivendo più per me stesso che per qualsiasi altra cosa, ma mi sentivo come se dovessi condividerlo, nel caso in cui qualcun altro lo apprezzasse. Questa è solo la seconda storia erotica che scrivo, quindi per favore, andateci piano con me. Mi piacerebbe critiche o commenti costruttivi, e se ricevo feedback positivi, prenderò in considerazione un sequel, o una serie, o qualunque cosa faccia galleggiare...

924 I più visti

Likes 0

I Grigi (Capitolo uno)_(1)

Mi chiamo Jude Grey. Ho 17 anni 5'11 forse 6'0 adesso. Ho gli occhi color cipria, i capelli nero-brunastri scuri. Ho caratteristiche molto dettagliate / cesellate come mi dicono le persone. Quest'anno è il mio ultimo anno di liceo, ed è appena agli inizi, sono molto coinvolto nello sport e rimango attivo. quindi sono in forma, non troppo grande sono muscoloso, ma magro allo stesso tempo sono anche un po' abbronzato. Sono 1 di 6 bambini. il mio fratellastro Christian ha i capelli castano scuro, è scuro quasi quanto il mio, il suo viso è cesellato, ma non così dettagliato come...

1K I più visti

Likes 0

Scopata da The Genius & Athlete

La scuola è finita. Il campanello suonò e tutti stavano facendo le valigie e lasciando la stanza. Ho sentito un brivido sul collo e sapevo già chi mi stava fissando. Kevin mi stava fissando, di nuovo; e stava parlando con Jerome, il suo migliore amico. I due ragazzi non erano solo migliori amici, ma erano anche vicini di casa. Vivono esattamente l'uno di fronte all'altro; a parte questo, i due sono anche completamente opposti. Jerome era atletico, attivo e rumoroso; mentre Kevin era più follemente intelligente (è il valedictorian della classe!) ed è più silenzioso e sottile, e anche per me...

773 I più visti

Likes 0

La vita di lex parte 1_ (3)

Mi ero quasi abituato alle entrate non annunciate di Lex nella mia stanza. Le avevo chiesto di smetterla di irrompere nuda, quindi ora di solito erano coinvolti mutandine e reggiseno o un asciugamano se si fosse appena fatta la doccia. Esci? sbottò lei invece di un saluto. Indossava pantaloncini del pigiama extra corti e una canotta. Dall'esperienza passata sapevo che probabilmente non aveva le mutandine sotto. I suoi seni, trattenuti a malapena dalla maglietta attillata, rendevano più che evidente che non indossava un reggiseno. Ciao Lex, come stai? Ho pensato che forse potevo evitare la domanda. Sto benissimo, tu sei fantastico...

2K I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

2.2K I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

1.9K I più visti

Likes 0

Passeggiata nel pomeriggio

Si alzarono in una gloriosa mattina di luglio. Il mare era come uno specchio, già c'era un luccichio di calore che saliva dai ciottoli della spiaggia. Ha indossato un paio di pantaloncini da spiaggia mentre lei indossava un paio di slip del bikini. Uscirono dalla porta sul retro sulla spiaggia e scesero al mare per un tuffo rinfrescante. È rimasto leggermente indietro ed è stato in grado di vedere il suo sedere perfetto che si muoveva negli slip del bikini. Non ha mai smesso di meravigliarsi della sua bella figura. Si è precipitato in acqua per nascondere l'inizio di un'erezione. Aveva...

2K I più visti

Likes 3

Jilly

Ho sedotto, costretto o imposto me stesso a una ragazza giovane, minorenne. Chiamalo come vuoi, ma è successo, mi vergogno di averlo fatto, dopo la prima volta, ma ho continuato a godermi ciò che ho cospirato perché accadesse, ancora e ancora. Una storia vera che fortunatamente è andata bene, sarebbe potuta andare dall'altra parte! Perchè è successo? Sono un ragazzo, sposato da 15 anni e ad essere sincero annoiato di scopare mia moglie, che era passata dal godersi il sesso a sopportarlo. Avevo bisogno di un po' di spezie, qualcosa per farmi sapere che potevo ancora tirare, qualcosa per aumentare il...

2.4K I più visti

Likes 1

La moglie di Rick parte 5 di 6

La storia del mio amico La moglie di Rick 5 (5 di 6) La scena: Bendata, ero in ginocchio sul soggiorno pavimento, le ginocchia divaricate, l'inguine stretto contro il sedere di Linda, la mia moglie, anche lei inginocchiata e seduta sui talloni. Linda, dentro volta, era inginocchiato tra le gambe tese di William, che seduto sul nostro divanetto. Ora, immagina questo: io, il signor eterosessuale, mi stavo sporgendo in avanti con le braccia intorno a mia moglie. La mia mano sinistra era posta su quella di Linda mano sinistra che strizzava e massaggiava le palle di William. Il mio diritto la...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.