Rilegato capitolo 6 (scusate l'attesa... teehee)

335Report
Rilegato capitolo 6 (scusate l'attesa... teehee)

Sorprendentemente, non era più nella sua gabbia o sulla rastrelliera. Si trovava in una grande stanza senza finestre e con un'unica porta. Ha provato ad aprirla, ma era chiusa a chiave e non c'era niente intorno che potesse usare per forzare la serratura.

Si voltò e notò il grande letto al centro della stanza. Era di legno scuro, quasi nero, e i quattro montanti su ogni angolo erano elegantemente incisi. Le tende che avvolgono il letto erano fatte di un ricco tessuto nero e anche le lenzuola e le federe erano satinate e nere.

Era un luogo completamente privato. Sembrava che non ci fosse nessuno in giro e lei non riusciva a sentire alcun suono. Lo trovò strano, però, dal momento che si era abituata alle urla e alle suppliche di altre anime. C'era sempre qualcuno che implorava e urlava in agonia, ma non questa volta, non qui. Non riusciva a sentire nulla ed è stato un sollievo. Almeno per una volta poteva rilassarsi.

Pensò di sedersi sul letto e persino di sdraiarsi, ma si ricordò subito cosa era successo quando si era sdraiata sulla chaise longue, quindi pensò che fosse più saggio stare lontano dal letto e sedersi invece sul pavimento.

Si guardò attorno ed esaminò la stanza. C'era un grande specchio su una parete, un tavolo con due sedie e una cassettiera. Anche loro erano scuri e avevano anche intagli di buon gusto. Si avvicinò al comò e vide sopra alcune bottigliette, pettini e spazzole. Ne prese uno e si pettinò i capelli godendosi la sensazione. Sorrise ricordando tutte le volte che lo aveva fatto nella sua vita. Si guardò allo specchio pensando a quanto tutto sembrasse normale... beh, a parte il fatto che lei era all'inferno.

Passò l'intera giornata in quella stanza e si chiese cosa fosse successo al suo torturatore, non che le mancasse in alcun modo, ma si chiedeva perché le stesse dando tregua. Dopo un momento, scacciò quei pensieri e decise di sfruttare al meglio il suo tempo da sola. Si rilassò e dopo un po' cercò di trovare una via d'uscita dalla stanza, ma fallì in tutti i suoi tentativi.

Era impegnata a cercare porte o passaggi nascosti che potessero condurre fuori dalla stanza e non lo vide entrare. Lui chiuse la porta dietro di sé e la salutò “Ciao, bambola! Ti manco?" Sentì un brivido lungo la schiena, si fermò e rimase in silenzio. Lo percepì e con nonchalance si avvicinò al letto e si sedette.

Ha poi continuato spiegando che quella era la sua stanza privata. Non c'era sonno all'inferno, ma aveva il suo posto dove rilassarsi, pensare o semplicemente stare da solo. Era un privilegio che si era guadagnato. Alistair gli aveva lasciato avere questo posto, proprio come gli aveva permesso di avere lei – ovviamente, non aveva detto l'ultima parte ad alta voce.

Diede una pacca al letto dicendo: "Vieni qui, piccola". Sembrava preoccupata e spaventata, ma obbedì. Lei si avvicinò a lui e si fermò accanto al letto. “No, non ti voglio lì. Ti voglio qui con me,” spiegò avvicinandosi al centro del letto e dandogli ancora una pacca invitandola a unirsi a lui. Si sedette lentamente, dandogli la schiena. Poi le posò le mani sulle spalle e la fece sdraiare accanto a lui. Lei si bloccò, con le braccia premute lungo i fianchi e le gambe strette insieme.

Era soddisfatto della sua obbedienza, e poi percepì il panico nei suoi occhi e il respiro affannoso. Spostò il corpo e si sdraiò su un fianco. Si avvicinò a lei e le accarezzò dolcemente i capelli. Poi si leccò le labbra e la baciò dolcemente. Lei non lo ha respinto né reagito in alcun modo, ma non ha nemmeno collaborato: non era esattamente entusiasta di essere lì con lui. Se ne accorse e non ne fu affatto contento, così disse con voce autoritaria “Ehi, non voglio un pesce freddo. So quanto puoi essere appassionata, principessa. Dai, ricambiami il bacio. Ricorda, sei mio adesso. Hai accettato."

Lo guardò negli occhi e capì che non poteva fare altro che obbedire. Quindi, lei annuì e aprì le labbra in modo invitante. Si baciarono profondamente e quando interruppero il bacio, vide le sue lacrime non versate. “No, tesoro, va bene. Andrà bene. Prometto. D'ora in poi ti divertirai." Appoggiò la fronte su quella di lei e le sfiorò il naso. Non sapeva perché, ma lei lo stava davvero irritando. Voleva che lei si divertisse, che fosse felice... almeno, felice quanto potresti esserlo tu al piano di sotto!

Da quando l'aveva incontrata, aveva cercato di scoprire il suo peccato, di sapere perché era stata mandata nella fossa, ma finora aveva fallito. Ciò lo scioccò e lo incuriosì allo stesso tempo poiché era diventato estremamente bravo a scoprire le debolezze e le miserie delle anime. Ma non aveva nulla riguardo a lei. Non riusciva a sentire l'odore...e lei sembrava così innocente e dolce. Continuava a chiedersi perché lei fosse di sotto e prese anche in considerazione l'idea di chiedere ad Alistair, ma sapeva che questo avrebbe attirato la sua attenzione su di lui e sul fatto che non le faceva l'offerta da un po', quindi pensò che fosse meglio tenere la bocca chiusa. e provare a scoprirlo in qualche altro modo. Avrebbe dovuto solo escogitare nuovi modi per farlo, tutto qui.

La tenne tra le braccia e appoggiò la testa sul cuscino accanto alla sua. La accarezzò dolcemente e la guardò, godendosi l'intimità del momento. Sembrava confusa e spaventata e pensava che se non si fosse mossa o non lo avesse turbato in alcun modo, forse sarebbe stata fortunata e lui l'avrebbe lasciata in pace. Sapeva cosa stava pensando e l'accarezzò teneramente mentre le sussurrava all'orecchio "va bene, tesoro, andrà tutto bene. Lo giuro." Lui era amorevole e premuroso e lei era totalmente confusa.

"Dì che sei la mia ragazza."

"Che cosa?" gli chiese accigliandosi.

"Dì che sei la mia ragazza."

"Sono la tua ragazza."

"Bene. Adesso riposiamoci, ho avuto una giornata lunga, ho torturato parecchie anime”.

Il semplice pensiero e i ricordi della sua stessa tortura le inondarono la mente e non poté fare a meno di sussultare. Se ne accorse e subito le pronunciò parole rassicuranti nelle orecchie. Aveva promesso che si sarebbe preso cura di lei e che non avrebbe permesso a nessuno di toccarla mai più. Lei sembrò calmarsi un po' e poi lui la strinse forte tra le braccia, chiuse gli occhi e aggiunse "rilassiamoci un po', ok tesoro?"

Era stupita. Si comportava come se fossero una coppia ed era piuttosto scioccante, quasi... inquietante. Non aveva mai sentito niente del genere prima. Era il suo torturatore, le aveva fatto cose terribili e ora era tutto amorevole e protettivo e si aspettava che lei fosse esattamente? Il suo amico... il suo amante? Quei pensieri continuavano ad attraversarle la mente e alla fine concluse che, almeno, non la stava torturando – o violentando – adesso, e che valeva la pena fare una pausa, quindi rimase in silenzio, completamente immobile, e aspettò. Rimase aggrovigliato in lei, accarezzandola teneramente finché non giunse il momento per lui di “riprendere i suoi doveri”, come diceva lui, e la lasciò di nuovo sola nella stanza. Non appena se ne fu andato, si sentì sollevata e sospirò chiedendosi come avrebbe affrontato la sua nuova situazione.
Ha trascorso tutto il giorno da sola e non è stato poi così male. In realtà, non è stato affatto male dato che ha avuto la possibilità di rilassarsi veramente ed evitare il dolore. Non aveva idea del perché fosse così fortunata e si sentì terrorizzata quando pensò che potesse essere solo il suo modo di incasinarle la testa: e se le stesse dando tregua adesso, facendola sentire al sicuro così che sarebbe stato molto peggio quando lui? ripreso la tortura? Dopo averci pensato per ore, decise che non aveva senso ossessionarsi e cercò di non pensarci più.

Non appena Dean ebbe finito con la sua vittima, andò direttamente nella sua stanza. Non vedeva l'ora di stare con lei ed è arrivato lì in pochissimo tempo. Entrò e la salutò con un sorriso brillante prima di avvicinarsi a lei e abbracciarla forte. Non era contenta di nulla di tutto ciò, lo odiava – lo odiava, in realtà – ma aveva imparato che era meglio assecondarlo, quindi lo abbracciò a sua volta e lui sorrise, pieno di soddisfazione. La guardò negli occhi e le prese la mano, portandola alle labbra e baciandole le nocche. Continuava a baciarle la mano, senza mai staccare gli occhi da lei, mentre la conduceva al letto.

Poi notò la lussuria nei suoi occhi e avrebbe voluto allontanarsi da lui, per mettere quanta più distanza possibile tra lui e lei, ma sapeva anche che lo avrebbe fatto arrabbiare, quindi si arrese e obbedì senza protestare. Sembrava estremamente soddisfatto del suo comportamento e ha detto “Bene. Ci divertiremo moltissimo insieme, principessa. Lo prometto” e poi le sussurrò all’orecchio “sarà ancora meglio dell’ultima volta”.

"Che cosa? Quando mi hai lasciato sospeso a mezz'aria e mi hai ferito così gravemente?" ribatté lei con le lacrime agli occhi e si pentì immediatamente delle sue parole. L'idea era di non farlo incazzare ed eccola lì che diceva queste cose! Quanto poteva essere stupida? Lo guardò terrorizzata aspettandosi che accadesse il peggio e rimase scioccata dalla sua risposta.

“No, intendevo quando eravamo insieme sulla chaise longue... ricordi? Eri completamente avvolto attorno a me... contorcendoti dal piacere... era così bello... giuro che questa volta lo farò ancora meglio."

Aveva la testa abbassata e sembrava ferito e pieno di rimorso e lei si accigliò incredula. Non si aspettava niente di tutto questo; in realtà, si aspettava che lui la picchiasse, la tagliasse a pezzi o la ferisse in qualche modo... a meno che, ovviamente, non avesse intenzione di farlo in seguito. Così, ingoiò il nodo che aveva in gola e lo seguì fino al letto.

Erano entrambi in piedi accanto ad esso, uno di fronte all'altro, e lui le sfiorò le labbra con morbidi baci mentre le sue mani scivolavano lungo la schiena verso la vita. Quando arrivò all'orlo della sua maglietta, le mise le mani lungo i fianchi e la tirò su dicendo "alza le braccia, tesoro". Lei obbedì e lui le tolse la maglietta con attenzione.

La guardò con occhi indiscreti e le slacciai il reggiseno con dita esperte. Continuava a fissarla e si leccava e si mordeva il labbro inferiore. Notò il suo disagio mentre si copriva il seno con le braccia e sorrise. "Ehi, vi ho già visti tutti, tesoro... e mi piace così tanto guardarvi," disse con una voce bassa e roca mentre allontanava dolcemente le sue braccia e metteva le mani sul suo petto. "Aiutami con la maglietta adesso." Lei sbottonò i bottoni con dita tremanti e lo aiutò a scrollarsi di dosso la camicia.

Erano entrambi nudi dalla vita in su e lui premeva insieme i loro petti. Sentì il calore irradiarsi dal suo corpo mentre lui le faceva scivolare le dita lungo il collo e lasciava una scia di baci fino alla clavicola. Sentì la pelle tremare e non poté fare a meno di ricordare gli specchi, la chaise longue e quanto fosse stato meraviglioso averlo dentro di sé. Ricordava il ricco velluto sulle sue gambe e il suo corpo sodo premuto contro la sua schiena e tutto quel... piacere. Lei immediatamente respinse quelle idee, ricordando a se stessa chi fosse, ma non prima che lui sapesse cosa stava pensando. Sorrise tra sé e sé e pensò: "Oh, sì, sarà fantastico!"

La baciò di nuovo e si slacciò abilmente la cintura e la cerniera dei pantaloni mentre si toglieva le scarpe e i calzini con i piedi. Poi lasciò cadere i pantaloni e i boxer sul pavimento e li buttò via con un calcio, e, nel giro di pochi secondi, fu spogliato nudo.

La sollevò tra le braccia e la adagiò delicatamente sul letto. Lei giaceva lì, completamente immobile. La guardò e, dopo qualche minuto, si sdraiò sopra di lei e la baciò dolcemente. Lui succhiò le sue labbra e continuò a baciarle fino al collo e al seno. Rimase lì per un po' a leccarle e succhiarle i capezzoli mentre prendeva a coppa e massaggiava quella carne cremosa e vivace.

Sentì il suo respiro pesante e la crescente eccitazione e capì che lei gli apparteneva. Lei giaceva immobile, lottando contro il proprio bisogno di arrendersi a lui e ricambiare il bacio mentre la sua voce interiore continuava a dirle che era sbagliato, sbagliato, sbagliato! Sorrise tra sé pensando di nuovo: "Oh, tesoro, stai combattendo una battaglia persa... sei già tutto mio... anche se non lo sai ancora."

Continuò a baciarle e leccarle la pelle e si spostò a sud verso le costole inferiori e lo stomaco. Le circondò l'ombelico con la lingua e la sentì sospirare di piacere. Poi le aprì la cerniera dei pantaloni, le sollevò i fianchi e li abbassò. Le sue mutandine scesero con loro e lei rimase nuda e alla sua mercé. La guardò avidamente e le mise le mani sulle ginocchia, poi procedette ad allargarle le gambe e notò che era tesa e tremante, e subito la rassicurò “Shh, rilassati, tesoro, ti divertirai... Io promettere."

Sapeva che non aveva senso litigare, quindi fece respiri profondi cercando di calmarsi mentre lui si sdraiava e le baciava l'interno delle cosce. I suoi baci diventarono più intensi e presto raggiunse il punto sensibile tra le sue gambe. Lui le baciò le pieghe e le succhiò mentre faceva scivolare la lingua su e giù lungo la fessura. Sentì una scossa elettrica lungo la schiena e gridò di piacere. Continuò a baciarla mentre si avvicinava ai suoi seni con le mani e li massaggiava. Poi sentì la sua lingua dardi dentro di lei e la sua schiena si inarcò dal letto in risposta. Gettò indietro la testa, gemendo e respirando affannosamente, il cuore che batteva sempre più velocemente.

Poi, le strofinò il naso contro il clitoride e lo succhiò mentre abbassava di nuovo la mano destra. Fece scivolare le dita lungo le sue labbra finché non furono bagnate dei suoi succhi e poi inserì un dito. Lei si rivoltò contro di lui mentre lui inseriva con cautela il secondo dito. "Accidenti, è ancora così stretta", pensò. Lui le forbiciò e lei gridò mentre lui continuava a farsi strada dentro di lei finché non trovò il punto. Lo stimolò continuando a leccarle e succhiarle il clitoride e poi lei non riuscì più a trattenerlo. Lei gridò mentre ondate di piacere la travolgevano e sentì l'orgasmo esplodere dentro di lei. Le sue gambe erano ampiamente divaricate e si contorceva e si contorceva mentre gocce di sudore le scorrevano lungo il corpo.

Continuò a stimolarla ancora, e ancora, e ancora, finché non fu completamente esaurita, e poi si sdraiò sul letto accanto a lei. Le accarezzò i capelli e notò che aveva uno sguardo sognante ed era quasi inerte. Le sorrise e si morse il labbro inferiore mentre le sussurrava all'orecchio “Vedi, bambola? Te l'avevo detto che sarebbe stato bello. È stato bello, vero?" Era ancora troppo lontana, e si limitò a guardarlo negli occhi, ancora senza fiato, e annuì.

Si stava appena riprendendo quando si rese conto che era ancora nuda distesa accanto a lui, anche lui nudo, e che non aveva avuto alcun... rilascio. Sentì i suoi occhi lascivi su di lei e non poté evitare che il panico prendesse il sopravvento. Lei si alzò e fece qualche passo lontano dal letto e da lui. Lui si accigliò leggermente in risposta e diede una pacca sul letto dicendo "Vieni, piccola".

Le sue ultime cure l'avevano fatto sentire bene, in realtà molto più che bene, ma il ricordo della loro ultima volta insieme era ancora fresco nella sua mente ed era piena di paura. La osservò e questa volta le ordinò: "Sdraiati!" ma rimase nello stesso punto in cui si trovava, congelata, incapace di muoversi.

Lui non avrebbe permesso nulla di tutto ciò, ovviamente, lei gli apparteneva, e all'improvviso sentì una forza invisibile sollevarla in aria e adagiarla delicatamente sul letto. Si ritrovò sdraiata sulla schiena, con le braccia in alto sopra la testa. Ha provato a muoversi ma era impossibile. Quel potere invisibile, però, non le faceva affatto male; la stava semplicemente tenendo a posto. Poi sentì le gambe divaricate e le ginocchia sollevate finché il sedere non era in aria. Si guardò intorno cercando di capire cosa stesse facendo mentre il cuore le batteva incontrollabilmente nella cassa toracica.

Si inginocchiò tra le sue gambe e sorrise. Adesso aveva pieno accesso a lei e non aspettò un secondo per seppellire il viso dentro di lei. Diede lunghi colpi pigri con la lingua, risalendo dal dolce buco nascosto tra le sue guance, che stava aprendo con le mani, fino alle pieghe carnose che le coprivano il clitoride. Leccò, baciò e allattò tutto ciò che aveva davanti.

Era eccessivamente sensibile dopo il bacio precedente e si rese conto di essere sull'orlo di un altro orgasmo. Tuttavia, riuscì a riprendere il controllo di se stessa e lo pregò di fermarsi. Lui quasi rise di lei e rispose con una voce bassa e seducente "Oh, andiamo, piccola, non dire che non lo vuoi... sei tutta bagnata e pronta per me."

Immediatamente affondò di nuovo il viso in lei e le sue cure divennero più intense. Stava già tremando e irrigidendosi quando sentì la sua lingua farsi strada dentro di lei. Lo sentiva girare dentro di sé e premere contro le sue pareti. Era fantastico e non riusciva a trattenere il gemito che le sfuggiva dalla bocca "Pleeeaaaasssse!" Aveva intenzione di implorare, non di gemere, ma provava sempre più piacere e lo stava rapidamente perdendo. A quel punto non sapeva nemmeno se voleva davvero che la smettesse. Era troppo bello. Dean continuò a baciare, leccare e succhiare finché tutto non divenne troppo intenso e lei venne.

Quando l'orgasmo si calmò e iniziò a riprendere un po' il controllo di se stessa, si rese conto che la forza invisibile la teneva ancora nella stessa posizione. Si stava riprendendo lentamente, ancora un po' stordita, ma notò che Dean aveva un oggetto in mano. Non poteva vederlo chiaramente da dove giaceva, ma sembrava un anello a cui erano attaccate due lunghe estremità: una era più lunga e più spessa dell'altra e aveva una specie di palla o tappo sulla punta.

La vide accigliarsi mentre cercava di capire quale fosse l'oggetto e le fece un sorrisetto arrogante mentre diceva "giochiamo ancora un po'" con uno sguardo lussurioso. Il suo respiro ricominciò ad affrettarsi e lui aggiunse "non preoccuparti, condividerò i miei giocattoli con te... promettilo".

Poi prese l'anello e vi fece scivolare il membro. Lo aggiustò in modo che si trovasse subito dopo la testa, quindi lo fece girare con attenzione finché la sua estremità più corta non fu rivolta verso l'alto e quella più lunga verso il basso.

Ha visto cosa stava facendo ed è andata nel panico. Provò a muoversi ma la forza la teneva ferma. Non importa quanto ci provasse, non riusciva a muoversi, nemmeno di un centimetro.

Guardò le sue pieghe arrossate e notò quanto fossero tenere dai suoi baci precedenti. Fece scivolare lentamente un dito attraverso di essi e confermò il suo pensiero: lei era completamente bagnata e rilassata per lui. Il suo dito era scivoloso dei suoi succhi e lo fece scorrere con attenzione tra le sue guance e sul dolce buco lì nascosto.

La vide dimenarsi ed eccitarsi suo malgrado e sapeva che non sarebbe stato in grado di trattenersi ancora a lungo. Quindi, si mise sopra di lei e spinse la punta del suo membro contro la sua entrata. Poteva giurare di sentirlo vibrare ma non ne era sicura, inoltre era troppo impegnata a cercare di mantenersi sotto controllo.

Successivamente, regolò l'anello in modo che l'estremità più lunga trovasse la sua strada tra le sue guance fino a far scomparire la sua increspatura, e poi lo spinse finché il tappo non fu dentro di lei. Si dimenò e fece lavorare i muscoli cercando di liberarsi, di spingerlo fuori dal corpo, ma ora che il tappo era a posto non c'era modo che potesse uscire a meno che lui non lo rimuovesse... e non aveva alcuna intenzione di farlo. !

Mentre lui faceva scivolare la sua virilità dentro di lei e cominciava a spingere, il plug venne spinto più in profondità e l'estremità più corta attaccata all'anello premette contro il suo clitoride, stimolandolo. All'inizio diede dei colpi lunghi e lenti, godendosi tutto il piacere che aveva desiderato.

Si rese subito conto che aveva ragione: stava vibrando. Apparentemente era dovuto al giocattolo che stava usando: poteva sentire la vibrazione sia nelle sue entrate che nel suo clitoride, poteva sentirla ovunque. Ad ogni spinta, le sensazioni si intensificavano e presto sentì ondate di piacere che la attraversavano senza sosta. Presto iniziò ad ansimare e ad ansimare, cercando di implorarlo di fermarsi, ma ogni volta che apriva la bocca, gli unici suoni che ne uscivano erano molto più simili a “Aw! Ah!"

Non poteva credere quanto fosse bello, lei si contorceva dal piacere sotto di lui, emettendo quei suoni incredibili e poteva sentire i suoi muscoli contrarsi attorno a lui. La sua schiena era arcuata e il suo corpo era diventato completamente rigido e lui sapeva per certo che sarebbe venuta... di nuovo. Gli ci vollero solo poche altre spinte e presto iniziò anche a vedere le partenze.

Lui crollò sopra di lei e rimase così per diversi minuti. Poi, si girò di lato e lasciò la presa su di lei. Era ancora inerte e senza ossa e non si muoveva né emetteva alcun suono. Era molto soddisfatto di sé e orgoglioso e le sussurrò all'orecchio: “Vedi? Te l'avevo detto che avrei potuto renderlo davvero bello. Era troppo esausta per sentirlo, ancora completamente ignara di ciò che la circondava, e rimase semplicemente sdraiata lì.

La guardò ancora una volta, si rannicchiò attorno a lei in modo protettivo e la baciò sulla fronte. Rimasero lì nudi, riposati in un caldo abbraccio per ore e, per la prima volta da quando era stato mandato all'inferno, e forse per la prima volta nella sua vita, si sentì intero... e felice.

Storie simili

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2.4K I più visti

Likes 1

RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

RASANDO LE GAMBE E LA FIGA DEI MIEI COMPAGNI È puramente immaginario ma basato su un incidente realmente accaduto, ma il personaggio è reale ed è un'ex fidanzata in Thailandia. Spero che la storia ti piaccia. .................................................. .................................................. .......... Tornando a casa un giorno ho trovato la mia coinquilina Tan che stava frugando nell'armadietto del mio bagno. Questa è la storia che seguì. Tan ha 34 anni e io ne avevo quattro in più ed è per questo che andavamo così d'accordo che ci prendevamo cura l'uno dell'altra che spesso sfilava in mutande, tranne quando veniva il suo ragazzo. “Merda Barry...

1.9K I più visti

Likes 0

Tiffany fa una crociera ai Caraibi 5

Tiffany e la crociera ai caraibi 5 Ero riposato e riposato quando Tiffany è tornata. Era esausta. La sua figa era cruda e le sue labbra erano gonfie da così tanto succhiare il cazzo. Non lo sapevo, ovviamente. Ho bisogno di un po' di riposo. disse mentre chiudeva la porta del bagno per un'autoispezione. Mi sento abbastanza bene, vado al surf bar. Ho chiamato attraverso la porta. Ok divertiti. Sarò nel mondo dei sogni. Tiffany ha risposto. Era sollevata di essere sola per un po' e di potersi riposare e ripulire dalla scopata. Mi sono seduto alla fine del surf bar...

1.2K I più visti

Likes 0

Servizio fotografico lesbico

Sono arrivato in hotel con i miei amici. Siamo stati tutti in gita scolastica a Washington D.C. per tre giorni. La nostra scuola lo fa ogni due anni con la seconda e l'ottava classe. Ogni anno l'intera scuola media va al campo insieme, quindi so già com'è passare qualche giorno insieme a queste ragazze. Probabilmente dovrei darti alcuni sfondi. Eravamo in quattro in questa stanza. Eravamo io, Sayre, Mylene, Alana. Andiamo tutti Alana alla stessa scuola privata. Sayre è il più lontano attraverso la pubertà di tutti noi. Ha il seno a coppa C e un culo grosso. È alta 5...

1.1K I più visti

Likes 0

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

1.1K I più visti

Likes 0

Ufficio sogno parte 5

Era una giornata di mezza estate in ufficio e tutti si lamentavano della temperatura nonostante fosse ancora mattina presto. Il caldo mi inzuppava il corpo di sudore. Lasciandomi cadere sulla sedia in ufficio, accesi il ventilatore e aspettai un po' di sollievo. Stavo cercando di concentrarmi sul mio progetto ma dopo poco tempo il caldo ha fatto vagare i miei pensieri. Ho deciso di prendermi un po' di tempo libero per fare surf. Ho cliccato sui miei siti preferiti. Presto ho riprodotto un video di due ragazze e un ragazzo. Il ragazzo sembrava davvero felice, stava scopando una delle ragazze e...

970 I più visti

Likes 0

La mia vita pt 7

Parte 7 di ? Mi sono svegliato. Poi è andato sotto la doccia. Sono rimasto lì, lasciando che l'acqua mi scorresse addosso. Mi sono pulito. mentre stavo finendo. Kelly è entrata. È entrata nella doccia. Ma mentre cercava di toccarmi, sono sceso e mi sono asciugato. cosa c'è che non va disse non voglio dissi L'ho fatto ma non l'avrei lasciata decidere quando l'ho fatto come ieri sera. Sono andato in soggiorno. Sara era seduta sul divano. cosa stai guardando dissi solo un po' di tv niente di speciale ha detto com'era la Disney ha aggiunto siamo stati benissimo dissi la...

1.2K I più visti

Likes 0

COME AI VECCHI TEMPI

Teri doveva solo scappare da tutto, aveva appena seppellito suo marito poco più di tre mesi fa, e tutto intorno a lei glielo ricordava. Dopo trentasette anni di matrimonio con un uomo così meraviglioso, era difficile alzarsi la mattina e affrontare la giornata! Le due figlie adulte di Teri si stavano preoccupando per lo stato d'animo della madre, e alla fine hanno insistito perché se ne andasse per qualche giorno, solo per rilassarsi e ricaricare le batterie. Non voleva andare da qualche parte che lei e Tom avevano visitato, quindi è stato deciso che avrebbe trascorso una settimana a New York...

1.1K I più visti

Likes 2

The Hardwoods: Kevin impara ad amare il cazzo

13-15 LUGLIO 1973: KEVIN IMPARA AD AMARE IL CAZZO Questa storia è raccontata dal punto di vista del tredicenne Kevin Hardwood. Suo fratello diciassettenne lo incastra, il che fa sì che suo padre lo sculacci. Kevin cede alla richiesta di Luke di succhiargli il cazzo in modo che non continui a metterlo nei guai. Era una calda giornata estiva di metà luglio. Mi stavo rinfrescando nel cortile sul retro della piscina di famiglia. Avevo l'intera piscina tutta per me con mio padre al lavoro e mia madre e mia sorella in visita dai vicini. Nuotavo pigramente a dorso intorno alla piscina...

756 I più visti

Likes 0

RWBY - I preferiti dell'insegnante capitolo 1

Aspettatevi errori di grammatica, questa non è la mia lingua madre X-X-X-X-X Le cose sono tranquille alla Beacon Academy, soprattutto nelle camere da letto, anche se in una di esse succede qualcosa che nessuno potrebbe mai immaginare: I corridoi sono vuoti, tutti sono nel cortile oa passeggio per la città. Se qualcuno attraversasse uno di essi, sarebbe sorpreso di sentire suoni strani e piuttosto sospetti. Ora, se qualcuno entra nella stanza da cui proviene il rumore, la sua mascella cade a terra quando vede una scena così incredibile. In uno dei letti, tre corpi si agitano in un intenso atto sessuale...

718 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.