"Il nero non macchia"

585Report

Copyright 2019 di tcs1963

Tutti i diritti riservati

"IL NERO NON MACCHIA"

di tcs1963

La sua pelle era di un bianco pallido, quasi al punto di risplendere. Faceva l'autostop, con il pollice sporgente come un cartello ben illuminato. Il suo braccio sinistro culla un piccolo fagotto in modo molto gentile ma protettivo.

L'ho notata perché la sua pelle contrastava con il cielo notturno scuro. Quasi come se mi attirasse ad accostare, come i bambini preadolescenti che si fidano del molestatore in un furgone da lavoro bianco sporco, con in mano una manciata di caramelle.

Non mi ero mai fermato a prendere gli autostoppisti prima e infatti ero sempre stato messo in guardia dal farlo. Ma non potevo letteralmente ignorare questa giovane donna. Aiutarla sembrava assolutamente fondamentale.

La sua bellezza mi chiamava come una specie di canto di sirena. Facendo sì che i miei sentimenti ansiosi di paura si spingessero nella parte posteriore del mio cervello, insieme alla mia logica.

Insieme alla sua pelle di alabastro, questa giovane donna si vestiva in modo davvero unico. Come se fosse scesa dalla copertina del tuo album gotico o punk rock preferito.

La brezza leggera le scompigliava i capelli sul viso. I fluenti riccioli neri corvini si arricciano volenti o nolenti attorno al suo viso. Facendola sembrare innocente ma pericolosa allo stesso tempo.

Il suo piccolo corpo era completamente avvolto in uno spolverino di pelle nera, che le scendeva quasi oltre le ginocchia. Accentuando il tubino nero sotto. Ha completato il suo aspetto da duro, come se potesse essere in una specie di club motociclistico.

L'unica parte di lei che non era né nera né bianca erano le sue labbra, che erano di un profondo rosso sangue. Spaventoso, scuro e bagnato, come un animale selvatico che avesse appena mangiato un pezzo di carne rara.

Quella strana combinazione di vestiti, che sarebbe apparsa innaturale a chiunque altro, ebbe su di lei l'effetto opposto. Quindi non fu sorpresa che la prima macchina che si fermò trasportasse un uomo. Un uomo più anziano in stile contadino, per l'esattezza.

"Dove stai andando?" - urlò raucamente il vecchio da una finestra aperta.

"Ovunque," mormorò dolcemente. Stringendo al petto il fagotto che aveva tra le braccia. "Ovunque tranne che qui."

Si avvicinò alla portiera verde arrugginita del camion e si fermò, come se stesse cercando di decidere se entrare o meno.

"Cosa stai aspettando?" disse spalancandole la porta, "Entra."

Lei sorrise con gratitudine, i suoi denti appuntiti spuntarono accidentalmente tra le sue labbra. Poi scivolò sul sedile di pelle consumata.

"Allora da dove vieni?" chiese, abbassando lo sguardo sulle sue cosce nude con gli occhi che scintillavano avidamente.

La donna si limitò a fare un gesto con la testa verso la foresta e continuò come se stesse allattando il bambino che aveva in braccio. Rumori di suzione arrivano attraverso il sedile, stimolando l'immaginazione del vecchio contadino di un giovane seno succulento.

"Non sei molto loquace, vero?" mormorò il vecchio contadino trasandato con un tono che era quasi impercettibile a lui stesso. Ma ha colto ogni sillaba.

Si limitò a lanciare un'occhiataccia al contadino, la fame e la rabbia avevano la meglio su di lei. I suoi occhi erano abissi di oscurità scintillanti di rabbia, mentre il suo istinto prendeva il sopravvento.

"Allora come mai sei vestita tutta di nero?" chiese. "È morto qualcuno o qualcosa del genere?"

Lei gli rivolse uno sguardo strano, in parte perplesso e in parte sorpreso. Pensando tra sé che fosse piuttosto ficcanaso per la sua età, e poi chiedendosi se avrebbe urlato di paura.

Ma prima che potesse rispondere alla sua domanda, un lamento lacerante riempì l'aria. Veniva dal fagotto di stoffa, stretto al suo petto.

L'urlo disumano continuò mentre la donna cominciava a sbrogliare il tessuto. Tolto uno strato, poi un altro e un altro ancora, finché alla fine il bambino rimase nudo.

Lì, sotto tutti quegli strati e coperte, giaceva un bambino magro, non un bambino particolarmente bello, ma pur sempre un bambino.

"Non hai intenzione di chiuderlo?" urlò, abbastanza forte da poter essere sentito sopra il lamento del bambino.

"Ha fame," dichiarò all'improvviso.

L'uomo la guardò in attesa, come se aspettasse che lei facesse qualcosa per calmare le urla del bambino.

Rimase semplicemente seduta lì, con il suo seno bianco spettrale appoggiato sulle sue labbra. Lei lo stava guardando con quel suo sguardo penetrante.

Con un sospiro, il contadino si chinò e agitò le sue dita grassocce davanti al viso del bambino, cercando di divertirlo e tranquillizzarlo.

Per alcuni secondi sembrò funzionare; i singhiozzi del ragazzino si calmarono lentamente e cominciò a guardare avidamente le dita sporche del vecchio contadino.

Il bambino li osservava andare avanti e indietro. Poi lentamente il bambino spalancò la mascella e la chiuse sbattendo la più grande delle dita dell'uomo. Recidergli il pollice.

L'uomo urlò, frenando di colpo. Stringendosi la mano e fissando scioccato ciò che restava del suo pollice.

Nel giro di pochi secondi il bambino ricominciò a piangere, sputando i resti del dito che aveva rosicchiato.

"Ora guarda cosa hai fatto!" La signora gridò con rabbia.

Lei rimise il dito nella bocca del bambino e cominciò a muovergli la mascella su e giù, costringendolo a masticarlo, per tutto il tempo ignaro delle urla infinite dell'uomo.

"Non pensare che ti abbia dimenticato," disse, rivolgendosi all'uomo.

Le sue parole furono ricambiate dal silenzio di lui e da uno sguardo di paura e confusione. Le sue urla si zittirono e lui armeggiava con la serratura della porta.

Arrampicandosi, aveva quasi aperto la porta quando la donna lo afferrò per il braccio. Il suo sangue scorreva sul parabrezza.

La forza della donna lo sorprese, la sua presa d'acciaio era quasi impossibile da spezzare. Quindi la sua costante lotta per prendere una certa distanza, lo ha solo reso più debole.

Con nonchalance gli scostò i peli del collo e affondò i canini nella carne liscia e delicata della sua gola.

In pochi secondi smise di dibattersi, semi-cosciente. Spalancò gli occhi quando si rese conto che il suo destino era segnato.

La donna bevve avidamente, quasi avidamente, finché non si saziò finalmente. La sua fame insaziabile fu soddisfatta per il momento

Poi premette le labbra del bambino contro una delle due punture da cui uscivano ancora goccioline di sangue. Il bambino bevve due deglutizioni con riluttanza e smise di succhiare.

Premette il bambino contro la sua gola insanguinata, ma con sua irritazione, non volle più allattare.

Con riluttanza, avvolgendo il bambino, si voltò verso la porta preparandosi a tornare nel bosco.

Ripensandoci, si voltò indietro per guardare l'uomo, che si stava appena risvegliando dall'incoscienza.

"Volevi sapere perché mi vesto di nero?" L'uomo gemette. Un gemito che la donna interpretò come un assenso.

Andando verso il bosco scherzò: "Perché il nero non macchia".

Fine...

Storie simili

Dal negozio di alimentari a f

Ho guardato l'incredibile seduttrice da dietro pensando a tutte le cose sporche che le avrei fatto se ne avessi avuto la possibilità, che era esattamente come lo volevo. L'ho seguita da lontano e ho continuato a fare acquisti, o in questo momento per lo più facendo finta di farlo. Ero così perso nel corpo della ragazza adolescente di fronte a me che lo shopping per quello per cui ero venuto non sarebbe successo a causa della mia immaginazione iperattiva. Il fatto che il mio cazzo fosse duro come una roccia non aiutava, specialmente nei jeans attillati che indossavo. Speravo davvero che...

2.1K I più visti

Likes 0

La moglie di Frank parte 5

La moglie di Frank parte 5 Il viaggio di Jim Ritorno al Sexy Shop storia di: SindyxSin Jim riporta Kathy al sexy shop. NOTA DELL'AUTORE: Questa è una storia sessuale continua. Potrebbe avere del sesso rude e non dovrebbe essere letto da persone che non amano quel tipo di sesso. Non è per tutti, dolore, umiliazione e altri atti sessuali usati per degradare una persona non per tutti. Se questo ti eccita, sono felice, ma per favore non provare nulla di tutto questo su partner riluttanti. Le storie che precedono questa sono; Moglie Franchi, 1,2,3,4. Con l'aiuto di Frank e di...

1.9K I più visti

Likes 0

Jilly

Ho sedotto, costretto o imposto me stesso a una ragazza giovane, minorenne. Chiamalo come vuoi, ma è successo, mi vergogno di averlo fatto, dopo la prima volta, ma ho continuato a godermi ciò che ho cospirato perché accadesse, ancora e ancora. Una storia vera che fortunatamente è andata bene, sarebbe potuta andare dall'altra parte! Perchè è successo? Sono un ragazzo, sposato da 15 anni e ad essere sincero annoiato di scopare mia moglie, che era passata dal godersi il sesso a sopportarlo. Avevo bisogno di un po' di spezie, qualcosa per farmi sapere che potevo ancora tirare, qualcosa per aumentare il...

2.6K I più visti

Likes 1

Le conseguenze 5

Jim stava camminando avanti e indietro per un'ora, dopo aver distrutto la loro flotta d'invasione, erano partiti dopo il unica nave rimasta della flotta Krang. Mary e Amber lo avevano osservato per quasi tutto il tempo Jim se non lo fai Siediti, ti farò fuori di testa, non posso sopportare molto di più del tuo ritmo,” Mary quasi ringhiò. Jim si sedette rapidamente sulla sedia di comando cercando di non guardare Mary, scusa Mary, odio questa attesa, è vero niente a portata di mano su cui non fare nulla su cui lavorare, sai che odio essere inattivo. Mi rendo conto che...

1.9K I più visti

Likes 0

Il compito erotico di Abby

Frequentavo la scuola media da diversi anni e mi ero fatto la reputazione di sfidare intellettualmente i miei studenti, specialmente nell'area della letteratura drammatica. Molti studenti sono andati in una scuola superiore in tutta la città che era eccezionale. . . anche degno di nota a livello nazionale. Uno di quegli studenti. . . Abby era di gran lunga la mia preferita. Aveva effettivamente trascorso i suoi anni elementari in Canada e l'istruzione che ha ricevuto è stata eccezionale. Nonostante la situazione che sto per descrivere. . . avvenuta quando aveva 14 anni, ho avuto il piacere di averla per tre...

1.8K I più visti

Likes 0

La ragazza dietro il muro

Ero al secondo anno di college quando l'ho incontrata. Kacey viveva nel dormitorio accanto a me, ma non l'avevo mai vista. La conoscevo solo dal nome sulla porta e da quello che ho sentito quella prima notte. Mi sono seduto nel mio letto preparandomi per andare a dormire. Accanto al letto fu spinto contro il muro, e fu allora che l'ho sentito; un gemito morbido e sexy dall'altro lato del muro. Ho spazzato via il primo suono ma quando ho sentito il secondo, un po' più forte e più a lungo, ho iniziato a immaginare il creatore di questi piccoli rumori...

1.9K I più visti

Likes 0

Sorella divertente (Pt1)_(0)

Andare in discoteca in città non è poi così male dici ai tuoi amici quando continuano a chiederti perché lo fai, Perché lo faccio? ti chiedi per la decima volta mentre tu e tua sorella state sulla piattaforma affollata aspettando il tubo a casa. Entrambe vestite con gonne quasi troppo corte per decenza e top attillati, tua sorella si è sempre lamentata del fatto che non indossi mai un reggiseno, i tuoi seni sodi e larghi e quasi cadono dalla linea del collo del taglio inferiore. 23:00 e non puoi credere a quante persone stanno ancora viaggiando, la vedi saltare e...

1.5K I più visti

Likes 0

Bug Chasing - Crociera per l'AIDS

All'inizio è stato difficile per me capire perché mi sentissi così. Ho adorato il modo in cui desideravo ardentemente il cazzo senza sella nel mio buco del culo finocchio, ho adorato quanto volevo che ogni cazzo che scopava la mia figa gay svuotasse un carico dopo l'altro di sperma caldo, appiccicoso e fuso nel profondo della mia figa palpitante e dolorante. Ma aspetta, non era quello che avevo difficoltà a capire. Quello che è successo è che, quando ho iniziato la mia carriera di pilota di cazzi alla tenera età di 14 anni, erano i primi anni '70, ancora un po'...

1.3K I più visti

Likes 0

LA MADRE INSEGNA LA FIGLIA_(0)

Dov'è tuo padre, ha chiesto Alicia Mead a sua figlia Nancy, mi sto stancando terribilmente di cercare di tenere traccia di quell'uomo!?! L'ultima volta che l'ho visto era in bagno, replicò Nancy versandosi un bicchiere di succo d'arancia, stava strofinando il pavimento intorno al gabinetto!!! Avrebbe dovuto farla finita molto tempo fa, disse Alicia irritata, se scopro che ha fatto una cazzata, gli farò desiderare che dannatamente non l'abbia fatto!!! Aw, rilassati con lui, mamma, disse Nancy tra un sorso e l'altro, sta facendo del suo meglio, dopotutto, sei piuttosto duro con lui!!! Alicia Mead si girò per affrontare sua figlia...

1.7K I più visti

Likes 0

Kiara si unisce all'esercito - Capitolo 2

Kiara si trascinava nervosamente lungo il corridoio con le sue infradito. Avresti dovuto sfilare nell'ufficio del personale di addestramento con un'uniforme da lavoro immacolata, ma lei aveva deciso di andare com'era e dichiarare ignoranza se necessario. Dentro, sperava che il sergente istruttore ricordasse il loro momento fuori se fosse stata vestita con gli stessi abiti attillati in cui l'aveva vista prima. Mentre si preparava per andare in ufficio, aveva notato quanto i suoi pantaloncini fossero bagnati intorno all'inguine. C'era una macchia evidente che sarebbe stata visibile a chiunque avesse passato anche uno sguardo superficiale se non avesse stretto le gambe insieme...

1.3K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.