Stacy-#1-piacere alla pompa

458Report
Stacy-#1-piacere alla pompa

Il mio nome è Stacy. Ho 35 anni, faccio un tipico lavoro dal lunedì al venerdì. Sono single, non ho figli e vivo comodamente in una piccola casa in un quartiere decente. Niente di speciale, questo è certo. Non mi dispiace vivere da solo. Mi piace il tempo da solo. A volte mi sento solo, ma è a questo che servono gli amici, giusto? Per quanto riguarda la mancanza di sesso, beh, fanno un sacco di cose tra cui scegliere per frenare l'appetito sessuale.

Personalmente, ho molti giocattoli. Non che li tiri fuori tutti e li stenda in fila sul letto e li uso fino all'ultimo finché non sono esausto. No, alcuni mi piacciono più di altri e a volte ne uso uno diverso se fantastico di scopare qualcuno di nuovo. Oh sì, anch'io faccio giochi di ruolo con me stesso. Adoro giocare con la mia figa e darmi piacere. Faccio finta di essere scopata da due uomini contemporaneamente e mi infilo un vibratore nella figa e nel culo allo stesso tempo. Parlando ad alta voce con una voce quasi animalesca, "Fottimi la figa e il culo! Oh sì! Mi fai venire su quei grossi cazzi!" Adoro parlare ad alta voce mentre mi masturbo. Puoi dire tutto quello che vuoi e non devi mai preoccuparti che sembri strano, perché sei l'unico che lo sentirà.

Finalmente era venerdì, e per di più il giorno della paga. La settimana sembrava proprio trascinarsi avanti. Non avevo impegni, ma volevo solo staccare dal lavoro e rilassarmi. Sono andato al negozio e ho preso la mia solita bottiglia di brandy e alcuni film. Ero sicuramente un corpo di casa, ma i venerdì sono sempre stati speciali per me, soprattutto il primo giorno di paga del mese. Mi sono sempre regalato qualcosa di nuovo. Ebbene, questa volta in particolare, ho scelto di procurarmi un nuovo giocattolo. Non volevo niente di ordinario. Volevo qualcosa che sarebbe stata un'esperienza totalmente nuova. Guardo sempre il porno online e i giocattoli. Sono sempre rimasto stupito dalle ragazze che usano le pompe per la fica. Non posso credere che una fica possa gonfiarsi così e sembra che sia così bello! Quindi, ho deciso di provarci. L'ho comprato online mercoledì e ho ricevuto la consegna espressa in 2 giorni. Non vedevo l'ora di sperimentare quella notte. Sono tornato a casa e, come previsto, il pacco era lì. Sorrisi tra me e me mentre chiudevo la porta di casa dietro di me.

Non potevo immaginare quanto sarebbe stata grande e gonfia la mia figa una volta finito di usare la pompa. Ho già una figa considerevole per gli standard di chiunque. Ero entusiasta di vedere come sarebbe stato quando sarebbe stato ancora più gonfio e si sarebbe strofinato contro le mie cosce con i suoi succhi che mi gocciolavano lungo le gambe.

Ho riempito la vasca da bagno con un bel bagnoschiuma caldo e mi sono preparato da bere. Mi sono rilassato, lavato e rasato tutto il corpo. Adoro la mia figa appena rasata. Mi fa bagnare anche solo far scorrere le dita lungo le labbra lisce della mia figa. Alla fine sono uscito dalla vasca quando l'acqua era appena tiepida. Mi sono asciugata con il mio grande asciugamano soffice e sono andata nel mio armadio per scegliere cosa avrei indossato quella sera in cui mi sarei violentata. Alla fine ho deciso per il mio reggiseno nero con i capezzoli tagliati, calze a rete alte fino alla coscia e tacchi alti con cinturino. Niente mutandine... adoro passeggiare per casa così quando so che mi farò esplodere la figa. Divento davvero matto quando bevo, quindi fa sempre parte dell'equazione.

Andai in soggiorno, sorseggiando ormai il mio secondo drink. Ho aperto il mio nuovo giocattolo e ho letto le istruzioni. Dice solo 15 minuti di aspirazione alla volta. Ho inserito un DVD di donne. Non solo quelle perbene, ma il tipo lesbico, sai, fondamentalmente un uomo con le tette e la figa. La lesbica teneva ferma la giovane ragazza mentre le mangiava la figa. "Ti piace la lingua di Mary, vero, piccola puttanella arrapata! Vuoi farmi schizzare i tuoi succhi sulla faccia, eh?" Era mascolina, ma aveva tette enormi. Ha infilato i suoi enormi capezzoli nel buco del culo delle ragazze. "Fotterò il tuo culetto con le mie tette, puttana! Userò il tuo corpicino per il mio giocattolo del cazzo!" Urlò guardando la ragazza con gli occhi vitrei di lussuria.

Ho buttato giù il resto del mio drink e ne ho preparato un altro. Potevo già sentire il calore provenire dalla mia figa. Cosa non darei per succhiare una figa giovane e fresca, e farle succhiare la mia mentre gliela infilavo in faccia e la afferravo per i capelli, ho pensato tra me. Non credo che avrei mai avuto il coraggio di fare o dire davvero nessuna delle cose su cui avevo fantasticato. Questo è uno dei motivi per cui amo masturbarmi. Posso assumere qualsiasi ruolo voglia.

Mi sono seduto sul bordo della sedia e ho messo la pompa per la figa su tutto il monticello della mia figa. Ho iniziato a spremere il bulbo e ho potuto sentire l'aspirazione che attirava ogni centimetro della mia grossa fica. Potevo vedere la mia figa iniziare a riempire la tazza, il proiettile sulla parte superiore della tazza vibrava, inviando ondate di piacere in tutto il mio corpo. Ho continuato a pompare e ad ogni pressione del bulbo la mia figa è diventata più grande e più stretta. È stato un misto di piacere e dolore, ma soprattutto piacere. Dopo alcuni minuti, ho rilasciato la pressione e ho tolto la tazza dal supporto. Non potevo credere quanto fosse grande. L'ho semplicemente guardato con stupore. Ci ho fatto scorrere le dita su e giù, come se stessi massaggiando un cazzo enorme. La mia figa era già scivolosa di succo. Mi sono alzato e ho camminato in giro, guardando la mia enorme figa negli specchi mentre passavo davanti a loro, massaggiandomi il clitoride per stuzzicarmi. Sentire la ruvidità delle mie calze mentre strofinavo intenzionalmente le mie cosce ha reso la mia figa ancora più bagnata.

La lesbica era ancora in TV, questa volta aveva un enorme vibratore nero addosso, scopava la giovane ragazza e teneva un vibratore sul clitoride. La ragazza sembrava sul punto di venire da un momento all'altro. "Sì, fanculo quella giovane stronza!" dissi ad alta voce mentre mi strofinavo oscenamente la figa sul bracciolo del divano, schiacciando il clitoride nella fibra ruvida, stringendomi le tette e torcendomi i capezzoli fino a farmi male. "Fanculo quella cagna finché non ti viene addosso il cazzo nero!" Tra l'alcol e la lussuria che stava crescendo dentro di me, potevo sentire che stavo perdendo ogni autocontrollo.

Ho sentito delle urla provenire da fuori. Mi sono avvicinato alla finestra e ho potuto vedere i vicini, Justin e Amber, che litigavano nel loro cortile. Era evidentemente un alcolizzato. Era costantemente ubriaco nel quartiere, quindi potevo solo immaginare come si comportasse a porte chiuse. Amber era una ragazza carina, un po' grassoccia, ma nessuno poteva negare il fatto che fosse carina. Erano entrambi giovani, probabilmente poco più che ventenni. Amber e io parliamo abbastanza spesso, ma lei non lascia mai capire quanto sia brutta la sua relazione. Semplicemente non ne parla. I primi amori possono essere una puttana, ho pensato mentre li guardavo. Ho finito il mio drink e Justin è salito in macchina ed è partito a tutta velocità.

Mi sono allontanato dalla finestra e ho iniziato di nuovo a guardare il mio porno. C'erano due donne che si succhiavano la fica a vicenda. Ho iniziato a sollevare e abbassare le grandi labbra della mia figa mentre stavo in mezzo al soggiorno. "Oh sì, brutta stronza. Ti succhierò la figa così bene che mi schizzi su tutta la faccia!" mi sono sentito dire ad alta voce. "Cazzo sì, leccami la figa, cagna!" Adesso avevo due dita che entravano e uscivano dal buco del cazzo. Ho bisogno di un grosso cazzo nella figa, ho pensato tra me. Sono andata a prendere uno dei miei vibratori preferiti, uno grosso e carnoso, e ovviamente il mio vibratore.

Ho usato la ventosa per posizionare il cazzo sul tavolino in modo da poterlo cavalcare facilmente e allo stesso tempo guardare le bellissime fighe sullo schermo della TV. Rimetto la pompa sulla mia figa e lascio che le labbra della mia figa riempiano di nuovo la tazza. "Oh, mi farai esplodere la figa, stronza!" dissi con voce roca e lussuriosa. Ho rilasciato di nuovo la valvola di pressione e ho tolto la tazza dalla mia figa gonfia. Oh, lo spettacolo era semplicemente stupendo. La mia figa non era mai stata così carnosa e succosa prima. L'ho alimentato e ammirato. Avevo le gambe divaricate sul divano e sul tavolino. La mia figa si muoveva ad ogni movimento delle mie dita. Non ne potevo più. Ho dovuto violentare la mia figa gonfia.

Mi sono messo a cavalcioni del vibratore e l'ho lasciato scivolare lentamente nelle pieghe gonfie della fica. È stato così bello! La mia figa era affamata di cazzo e lo succhiava sempre più profondamente. Ho tirato le tette attraverso il reggiseno e ho iniziato a succhiare, tirare e torcere i capezzoli. Ho iniziato a cavalcare il cazzo più velocemente, più in profondità e con più forza. I miei gemiti diventano sempre più forti. "Fottimi con quello strap on, puttana! Fai implorare la mia figa per una bella scopata!" Ho afferrato il mio vibratore, la mia bacchetta del piacere, e l'ho infilato sul clitoride. "OH SÌ! MI FARAI VENIRE PUTTANA! MI FARAI VENIRE! VUOI CHE VENGA SUL TUO GRANDE CINTURINO NERO DEL CAZZO, NON VUOI!?! OOOOOHHHHHHHHHH!! YYYEEEEESSSSSSS!! UUUUUGGGGGGHHHHHHHH !!" Ho urlato come un animale selvatico mentre la mia figa si spaslava di volta in volta. Ho sollevato la figa dal dildo e ho strofinato il clitoride più velocemente che potevo con la bacchetta. Ho iniziato a schizzare su tutte le cosce. Mi sono messa a cavalcioni sul tavolino e ho lasciato che il succo del mio gatto schizzasse sul tavolo. Sembrava che stessi letteralmente pisciando, ma Dio mi ha fatto sentire bene!!

Lascio che gli spasmi della mia figa si plachino, sempre a cavalcioni del tavolo, cercando di riprendere fiato. Ho alzato una gamba e sono praticamente caduto sul divano. Accesi una sigaretta e mi alzai per andare in cucina. Avevo bisogno di un altro drink dopo. Potevo sentire la lesbica dire alla ragazza di "succhiare bene la figa di mamma". Oh, se solo avessi una figa da succhiare adesso. Ho preparato il mio drink, sono tornato in soggiorno e ho preso posto sul divano. Invidiavo la giovane ragazza perché aveva una grande figa in bocca. Ho guardato la TV e distrattamente ho iniziato a leccarmi la lingua come se stessi leccando la figa della lesbica. La mia mano destra è andata alla mia figa e ha iniziato ad accarezzare la fessura lisciata. "MMmmmmm... sì padrona... adoro il sapore della tua figa," ho detto mentre tiravo fuori il dito dalla fica e succhiavo via tutti i succhi. "Oh sì, adoro succhiarti la figa e farti venire sulla mia faccia." All'inizio ho iniziato a scoparmi lentamente la figa, aumentando le spinte con piacere sfrenato. Mi sono infilato un dito nel culo. Gemevo in modo incontrollabile. Respiravo come se avessi appena corso per un miglio. I miei impulsi e desideri stavano ancora una volta prendendo il sopravvento.

Sono andato in camera mia e ho preso un altro vibratore, questo più piccolo. Ho tirato fuori l'aspirapolvere dall'armadio, l'ho portato in soggiorno e l'ho collegato. Sì, anche quello è uno dei miei giocattoli. Il vuoto è una cosa straordinaria se usato bene. Ho messo un asciugamano sul bracciolo del divano e ho tenuto il cazzo di gomma in mano per poterci appoggiare sopra il buco del culo. "Oh, vuoi scoparmi il culo, eh? Oh sì, scopami il culo! Prepara il succo del mio buco del culo per quella puttana!" Stavo parlando ad alta voce. Ho inserito lentamente la testa del dildo nel mio buco del culo increspato e ho iniziato a scoparlo. "AAAahhhh siiii!! Ohhhh mi scopi il culo, bella stronza!" Adesso stavo cavalcando il gallo, con colpi pesanti, costanti e regolari. Ho preso il lungo tubo di collegamento dal supporto dell'aspirapolvere e ho premuto il pulsante per accenderlo. Ho messo l'estremità del tubo sulla carne gonfia della mia figa. Immediatamente risucchiò le pieghe della carne nella sua botte. "AAAhhhhhh sì!" Ho sollevato il tubo dalla mia figa quel tanto che bastava per poterla risucchiare dentro e fuori. Alla fine ho trovato la posizione in cui muoveva la pelle del clitoride su e giù. Quello era il posto giusto. Stavo cavalcando il cazzo così velocemente e con forza che riuscivo a malapena a respirare! Ho chiuso gli occhi e le mie gambe hanno iniziato a tremare in modo incontrollabile. Il succo della mia figa ha appena iniziato a uscire...."AAagggghhhhhhhh!! Oh cazzo sì! Cazzo sì! Succhiami la figa, puttana lesbica! Fammi squirtare sulla tua faccia!" Ho urlato alla TV. La mia figa e il mio culo hanno avuto spasmi per quello che è sembrato un'eternità, vomitando sperma sulle mie cosce e sull'asciugamano. Alla fine ho spento l'aspirapolvere, ho sollevato il buco del culo dal vibratore e sono caduto sul divano. Una sostanza appiccicosa calda trasudava ancora dalla mia figa grassa, gonfia e gonfia e dal mio buco del culo increspato.

Il mio respiro era quasi tornato alla normalità quando sentii dei passi sulla veranda e poi bussare alla porta. Oh merda! Chi diavolo sta bussando alla mia porta? Ho pensato. Di solito se qualcuno viene a casa mia, generalmente chiama prima.

"Solo un minuto!" ho urlato mentre raccoglievo le prove della mia scappatella sessuale. Ho gettato tutti i miei giocattoli sul letto, mi sono tolta le scarpe e le calze, ho afferrato la vestaglia e ho chiuso la porta. Ho spento il lettore DVD e ho acceso la TV.

Ho aperto la porta ed ecco Amber, con le lacrime agli occhi. Potevo dire che stava piangendo. "Vieni dentro, Amber! Cosa c'è che non va?!?" le ho chiesto, sapendo che lei e Justin avevano litigato.

"Non ce la faccio più, Stacy!" gridò mentre entrava in soggiorno e si sedeva sullo stesso divano su cui avevo appena finito di vomitare succo di figa. "Justin ha bevuto molto oggi, e si sta comportando proprio come uno stronzo! Odio gli uomini a volte!" lei disse. Iniziò semplicemente a singhiozzare, con le spalle ansanti per l'emozione.

Sono andato a sedermi accanto a lei: "Conosco Amber. Credimi! Lo so! Ecco perché sono single. Gli uomini sono ottimi compagni se ti trattano bene, ma se non lo fanno, a volte rende la vita un inferno !" Le misi un braccio intorno alle spalle e la avvicinai a me. L'ho tenuta mentre piangeva. "Ecco, ecco. Andrà tutto bene." L'ho rassicurata. "Puoi restare qui stasera finché le cose non si calmano, se vuoi." dissi con voce rassicurante. Mi è davvero dispiaciuto per lei. Nessuno, uomo o donna, dovrebbe sentirsi non amato nella propria casa.

Amber mi guardò: "Posso restare qui stanotte Stacy? Non sarà di troppo disturbo?" mi chiese con le lacrime che le rigavano il viso.

"Certo che puoi! Domani quando tornerà sobrio potrai parlargli. Se è ubriaco non ci sarà nessun ragionamento. Andrà tutto bene. Vedrai!" dissi rassicurandola. "Ora sembra che tu abbia bisogno di un drink per calmare i nervi!" dissi alzandomi. Ho preparato da bere ad Amber e mi sono seduto accanto a lei.

"Stacy, hai rovesciato qualcosa sul tavolino? Ti pulirò io se vuoi."

Mi ero dimenticato di spruzzare sul mio tavolino di vetro a specchio. Pensavo di aver coperto le mie tracce, ma niente di grave. Non avrebbe saputo cosa fosse veramente. "Oh, lo so. Volevo solo assicurarmi che stessi bene prima di pulire. Ho rovesciato una tazza proprio prima che tu bussassi alla porta."

Amber conosceva casa mia, quindi andò a prendere un asciugamano in cucina. Iniziò a pulire il succo di fica sul tavolo. "Oh, questo è un po' appiccicoso!" lei disse. "Penso che avrò bisogno di un asciugamano bagnato per questo." Solo guardare Amber mentre puliva il mio succo di figa mi faceva pulsare la figa gonfia e sbavare i succhi sull'interno delle cosce. Mentre stavo lì a guardarla mentre si puliva il mio succo, osservavo le sue enormi tette dondolare avanti e indietro, il culo in aria mentre si piegava. Potevo sentire il mio succo gocciolare lungo l'interno della mia coscia... prima uno, poi l'altro.

"Grazie Amber. Lo apprezzo." Ero ancora piuttosto ubriaco e Amber aveva già quasi finito il suo primo drink. Sono andato in cucina e ci siamo fatti l'un l'altro. Mentre camminavo, potevo sentire le mie labbra gonfie che si sfregavano contro le mie cosce, i succhi che diventavano più densi e umidi mentre colavano attraverso la mia fessura.

Mi stavo arrapando di nuovo e avere Amber lì sul divano non aiutava a niente. Volevo succhiarle i capezzoli così tanto. Volevo vederla succhiarsi le tette mentre guardava me succhiarle la figa. Mentre mi sedevo sul divano, lasciai cadere la vestaglia ai lati della parte esterna delle cosce, lasciando vedere il mio cavallo proprio sotto il punto in cui era annodata la cintura. Ho finto di essere troppo ubriaco per rendermi conto di quanto fosse successo. So che la stanza puzzava già di succhi di fica. Ho notato che Amber guardava il mio inguine gonfio e gonfio, e poi distoglieva lo sguardo in modo che non me ne accorgessi.

Abbiamo fatto una piccola chiacchierata per circa altri 20 o 25 minuti e ovviamente ho reso facile per Amber vedere che la mia fica rasata grondava di panna calda. Mi sono scusato educatamente. "Bene, Amber, vado a letto. Se hai bisogno di qualcosa... qualsiasi cosa... sono proprio attraverso la cucina... la prima porta dopo il bagno, alla fine del corridoio ." dissi guardandola con occhi ubriachi e lussuriosi.

Le diedi un cuscino e una coperta presi dall'armadio della biancheria e andai nella mia stanza, lasciando intenzionalmente la porta aperta. Mi sono messo davanti al mio specchio a figura intera, ho slacciato la cintura della vestaglia e l'ho lasciata cadere dalle spalle sul pavimento. Salii sul letto, sdraiandomi sopra la trapunta, con un cuscino sotto lo stomaco, le gambe divaricate. "Forse Amber entrerà e inizierà a succhiarmi la figa." Immaginavo che le mie dita accarezzassero lentamente le labbra gonfie della mia fica, sollevando il cuscino come se ci fosse lei sotto di me. Ho allungato la mano dietro di me e ho iniziato a far scorrere il dito su e giù per la fessura del mio culo... immergendo il dito sempre di più ad ogni passaggio. Il mio respiro doveva essersi fatto rumoroso ormai... era quasi roco.

Mi sono girato e mi sono seduto sul bordo del letto, tirando le labbra della mia fica come se fosse un cazzo, sollevando la carne morbida e bagnata. "ooooohhhhhhhh" gemetti piano. Avevo specchi ovunque e avevo le gambe aperte in modo da potermi vedere mentre violentavo la mia figa con le dita. I suoni liquidi e liquidi diventavano sempre più forti man mano che aumentavo il ritmo con cui devastavo la mia fica. Spingo le dita dentro e fuori, massaggiandomi il clitoride gonfio con l'altra mano. Stavo per schizzare dappertutto! Oh, è stato così bello!! La mia figa era in fiamme! Potevo sentire il battito del mio cuore che mi batteva forte nella testa!! Ho sentito la sensazione di intorpidimento prendere il sopravvento sul mio corpo e non potevo più farne a meno. Ho dovuto far esplodere la mia grassa fica. Avevo tutta la mano nella figa e mi stavo massaggiando il clitoride così velocemente che il succo ha iniziato a fuoriuscire attorno al mio polso. "OOOOooooohhhhhhhh YYyyyyyyeeeeeeeeeeeessssssssssssssss!!! Oh sì! Fanculo la mia figa!! Fammi squirtare!! AAArrrrrggggghhhhhhhhhhhhh!!" Sembravo un alieno. I suoni che uscivano da me non erano di tipo umano.

Caddi sulla schiena sul letto, ansimando, sdraiato in una pozza di sudore e succo di figa. Sentivo dei movimenti nel bagno, ma la porta era chiusa. Mi alzai, strisciai vicino alla porta e avvicinai l'orecchio il più possibile alla porta. Ho sentito Amber scoparsi febbrilmente la figa. Era un suono sciatto e umido. Il suo respiro era più simile ad un ansimare, come quello di una cagna in calore. Potevo dire che era vicina al limite dell'estasi. Non potevo interromperlo... così sono tornato a letto, strisciando sotto le coperte. Ho sentito la porta del bagno aprirsi e Amber stava tornando in punta di piedi in soggiorno.

È stato un altro venerdì sera interessante a casa. Chissà cosa porterà il domani. Ho semplicemente sorriso tra me e me e mi sono addormentato.

Storie simili

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2.4K I più visti

Likes 1

RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

RASANDO LE GAMBE E LA FIGA DEI MIEI COMPAGNI È puramente immaginario ma basato su un incidente realmente accaduto, ma il personaggio è reale ed è un'ex fidanzata in Thailandia. Spero che la storia ti piaccia. .................................................. .................................................. .......... Tornando a casa un giorno ho trovato la mia coinquilina Tan che stava frugando nell'armadietto del mio bagno. Questa è la storia che seguì. Tan ha 34 anni e io ne avevo quattro in più ed è per questo che andavamo così d'accordo che ci prendevamo cura l'uno dell'altra che spesso sfilava in mutande, tranne quando veniva il suo ragazzo. “Merda Barry...

1.9K I più visti

Likes 0

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

1.1K I più visti

Likes 0

The Hardwoods: Kevin impara ad amare il cazzo

13-15 LUGLIO 1973: KEVIN IMPARA AD AMARE IL CAZZO Questa storia è raccontata dal punto di vista del tredicenne Kevin Hardwood. Suo fratello diciassettenne lo incastra, il che fa sì che suo padre lo sculacci. Kevin cede alla richiesta di Luke di succhiargli il cazzo in modo che non continui a metterlo nei guai. Era una calda giornata estiva di metà luglio. Mi stavo rinfrescando nel cortile sul retro della piscina di famiglia. Avevo l'intera piscina tutta per me con mio padre al lavoro e mia madre e mia sorella in visita dai vicini. Nuotavo pigramente a dorso intorno alla piscina...

756 I più visti

Likes 0

RWBY - I preferiti dell'insegnante capitolo 1

Aspettatevi errori di grammatica, questa non è la mia lingua madre X-X-X-X-X Le cose sono tranquille alla Beacon Academy, soprattutto nelle camere da letto, anche se in una di esse succede qualcosa che nessuno potrebbe mai immaginare: I corridoi sono vuoti, tutti sono nel cortile oa passeggio per la città. Se qualcuno attraversasse uno di essi, sarebbe sorpreso di sentire suoni strani e piuttosto sospetti. Ora, se qualcuno entra nella stanza da cui proviene il rumore, la sua mascella cade a terra quando vede una scena così incredibile. In uno dei letti, tre corpi si agitano in un intenso atto sessuale...

718 I più visti

Likes 0

Island Royale: Il Rapporto (Capitolo Sette)

Capitolo sette ____________________________ Cynthia mi aveva incoraggiato a tornare all'asilo e ad assistere nel tutoraggio di un particolare gruppo di ragazze che solo di recente avevano sottoposto per la prima volta alla manutenzione dei genitali maschili. Su suo suggerimento ho saltato la colazione la mattina successiva, ansioso di non essere troppo tardi per iscrivermi a un'opportunità mattutina di visitare questa lezione, e sono passato direttamente dalla mia suite alla reception al piano principale. La possibilità di partecipare all'addestramento di alcune delle più giovani schiave sessuali studentesche di Island Royale sembrava essere stata ancora più apprezzata tra gli ospiti rispetto alla mia...

628 I più visti

Likes 0

Il mio compleanno speciale

La settimana scorsa è stato il mio diciottesimo compleanno, e che compleanno è stato. Non fraintendetemi però, è iniziato in modo schifoso come i miei ultimi tre compleanni, ma è finito in un modo che non avrei mai potuto prevedere. Mi chiamo Stephanie e, come ho detto prima, ho diciotto anni. Ho lunghi capelli neri e lisci, non chiamarmi bruna perché mi dà fastidio, sono neri, non castani, con scintillanti occhi azzurri. Di solito la gente si prende gioco della mia altezza, quando sei alto solo un metro e settanta, è destinato a succedere, immagino, e io peso quarantacinque chili e...

427 I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania

Mi ha assunto tre settimane fa. Un lavoro per il quale sono grato ma completamente non qualificato. Ma poi io sono giovane e asiatica, e lui è più vecchio e bianco, e nel corso dei miei doveri (e sì, anche nel corso del mio ficcanaso) ho scoperto la metrica del porno sul suo hard- drive con giovani donne asiatiche. Sono ben lungi dall'essere scoraggiato da questo. Voglio dire, non fraintendetemi, non ho alcun desiderio di scopare fino in cima, e sono anche dolorosamente consapevole dell'intero cliché della dinamica di potere tra uomo bianco e ragazza asiatica. Ma togliendo tutto questo dall'equazione...

2K I più visti

Likes 2

Bravado, parte 2

Kevin si svegliò la mattina dopo intontito, sbronzo e duro come una roccia. Debby giaceva accanto a lui nuda, sorridendo e accarezzando il suo piccoletto. Charles non era a letto. Kevin sussurrò, smettila! e ha provato a staccare le mani, ma ha semplicemente stretto e ha continuato a giocare con lui. Kevin sapeva che Charles non era felice che fossero finiti tutti in una cosa a tre la scorsa notte, ma a Debby non sembrava importare. Kevin sentì Charles che girava per la cucina. Kevin guardò Debby negli occhi e gridò: “Charles! Debby non smetterà di giocare con il mio cazzo!...

2.4K I più visti

Likes 0

Sculacciata Amanda

Ho scritto questa storia per la ragazza dei miei desideri. L'ha letto e gli ha dato la sua approvazione. Ho cambiato il nome per proteggere i colpevoli :) È piuttosto breve: non riesco a immaginare di durare a lungo se questo si avverasse. Fatemi sapere cosa ne pensate. ====================================================================================================================================== ======================== Avevo incontrato Amanda 2 anni prima come parte di una chat room online. L'avevo considerata sexy dal momento in cui avevo controllato il suo profilo e non potevo credere alla mia fortuna quando ci ha provato. Eravamo in chat da un po' di tempo, ma alla fine ci siamo incontrati nel...

2.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.