Il trattamento Bimbo Capitolo 4: Cuckolding the Asshole

393Report
Il trattamento Bimbo Capitolo 4: Cuckolding the Asshole

La formula Bimbo
Capitolo 4: Cuckolding lo stronzo
di mypenname3000
Diritto d'autore 2015

Franco

Svegliarsi con la bocca di una donna sul mio cazzo è stato fantastico. La suzione calda e umida mi ha fatto uscire dal sonno. È stata una gioia provare grazie al mio siero di trasformazione della bellezza. Qualsiasi donna a cui viene iniettato ottiene il corpo prosperoso, sexy e sinuoso di una top model, non importa quanto grassa, tarchiata o poco attraente possa essere.

Li ha anche trasformati in bimbo completi.

Le donne a cui veniva iniettato il farmaco erano così svampite che sono riuscito a convincere la mia moglie, ora bimbo, che andava bene se andavo a letto con altre donne bimbo. Una semplice bugia secondo cui il mio sperma era necessario per mantenere la loro bellezza, e Alice era assolutamente d'accordo. In effetti, lo ha incoraggiato.

Alice era stata una donna grande prima della sua trasformazione. L'amavo ancora, ma la scienziata intelligente e sciatta che avevo sposato era stata sostituita dalla dea tettona, sexy e svampita che mi succhiava il cazzo, desiderosa del suo trattamento quotidiano del mio sperma.

"Mmm, che carino, Alice," gemetti, facendo tremare i fianchi.

"Hmm?" mormorò la voce di una donna assonnata. Grandi seni premuti contro il mio fianco. Una donna si è accoccolata a me. "Cosa c'è di carino, Frank?"

I miei occhi si aprirono. Alice era rannicchiata al mio fianco, i suoi capelli rossi e ricci che mi cadevano sul petto. Le coperte si muovevano mentre la testa del mio cazzo dondolava su e giù, trasmettendo piacere alle mie palle mentre una lingua calda turbinava attorno alla punta del mio cazzo.

"Allora chi..." Mi ci è voluto un momento per ricordare Becca.

Ho strappato le coperte per rivelare i capelli biondi di Becca che mi cadono sulla pancia. La diciottenne ex vergine paffuta trasformata in una dea del sesso, mi ha succhiato il cazzo. I suoi occhi azzurri mi fissavano mentre le sue tette pesanti si strofinavano sulle mie cosce.

"Non è giusto, voglio lo sperma anch'io," Alice mise il broncio mentre Becca succhiava più forte.

"Fa parte del suo contratto di lavoro, tesoro", ricordai ad Alice.

"Giusto," ridacchiò Alice. "Devi lasciarle succhiare il tuo cazzo una volta al giorno per prendere la medicina."

"Sì," annuii, gemendo mentre Alice si rannicchiava contro di me, le sue labbra mi mordicchiavano l'orecchio.

“Mmm, sei un datore di lavoro così generoso. Sono felice che tu abbia assunto Becca. È così divertente.

"Sì," gemetti, sollevando i fianchi, spingendo il mio cazzo più in profondità nella bocca di Becca.

Era la nostra segretaria. In quel momento, ciò significava cucinare, pulire e lasciare che io e mia moglie la scopassimo ogni volta che volevamo. Becca era entusiasta, voleva il suo pagamento giornaliero di sperma, una semplice bugia da parte mia secondo cui la sua "medicina" era il suo pagamento.

Molto entusiasta. La sua bocca dondolava sul mio cazzo, la sua lingua volteggiava attorno alla punta mentre succhiava.

«Ecco fatto, tesoro», gemetti. "Succhia più forte e avrai tutte le medicine."

"Sì," gemette Alice, la sua figa che si muoveva contro il mio fianco. «Ne hai bisogno, Becca. Medicina calda e salata. Ehi, medicina." Lei ridacchiò di nuovo. “Ehm. È una parola così divertente. Sembra che sia venuto. Vieni qui. Così sporco."

Gemetti d'accordo mentre mia moglie si appoggiava al mio fianco. La sua figa era calda e nuda, il processo da bimbo che rimuove i peli del corpo di una donna. Mi mordicchiò più forte l'orecchio mentre gemeva di gioia, il letto scricchiolava mentre si sbatteva contro di me.

"Mmm, ti sborrerò addosso," ridacchiò Alice. “Cum, cum, cum. La mia nuova parola preferita. E' così semplice. Solo due lettere.»

"Tre," gemetti, con le palle in ebollizione, il mio sperma desideroso di riversarsi nella bocca di Becca.

"Giusto, tre", rise Alice. "Che stupido."

"Becca", gemetti, chiudendo gli occhi.

"Le sborrerai in bocca?" Alice gemette, sbattendo più forte. I suoi capezzoli si strofinarono sul mio petto.

"SÌ."

Le mie palle ribollirono e il mio sperma inondò la bocca affamata di Becca. La ragazza bionda ha bevuto tutto il mio sperma. Le sue guance si incavarono e un brivido le percorse il corpo. Ha ingoiato avidamente fino all'ultima goccia prima di rilasciare il mio cazzo.

"Mmm, è il mio turno per la sborra", gemette Alice.

"Dovresti prenderlo per via vaginale", gemetti. Il mio cazzo era ancora duro. Alice, nonostante fosse una ragazzina, era riuscita a preparare una miscela che mi ha dato molta resistenza.

È stata una buona cosa. Le bimbo erano così arrapate.

“Vag…vag…vajunalie?” ridacchiò Alice. “Vuoi dire nella mia fica? Questa è una parola migliore. Figa o fica. Non ci sono così tante lettere da parlare."

"Sì, nella tua fica."

"Ooh, vorrei aver preso il mio nella fica", gemette Becca mentre si leccava le labbra. "Sei così fortunata, signorina Alice."

"Che fortuna", gemette Alice mentre si arrampicava sul mio corpo. Mi si è messa a cavalcioni in stile cowgirl al contrario. Il suo culo, ancora rosso per la sculacciata della notte scorsa, si dimenò verso di me.

Era un culo stupendo.

L'ho sculacciata.

"Oh, no, sono stato di nuovo cattivo?" Alice sussultò, lanciando uno sguardo alle sue spalle. “Non ricordo di essere stato cattivo. Ho lasciato che un uomo mi scopasse e me ne dimenticassi?"

Le ho sorriso. "Solo per ricordarti a chi appartiene quel culo."

"Tu," gemette Alice mentre affondava la sua figa calda e stretta sul mio cazzo.

Gemetti mentre centimetro dopo centimetro la sua figa affondava sul mio cazzo. Un brivido caldo percorse il mio corpo mentre mi abbracciava. La sua figa era così stretta. Lei si sollevò lentamente lungo la mia asta, il suo culo pieno di bolle sussultava prima di ricadere di nuovo giù.

"Anche lei mi possiede, signor Frank?" chiese Becca, mordendosi il labbro inferiore.

"No, stupida," ridacchiò Alice, attirando Becca a sé. “Ti prende semplicemente in affitto. Sei una sua dipendente, non sua moglie. Può averne solo uno."

"Oh", fece il broncio Becca. "Mi piacerebbe essere sua moglie."

Il mio cazzo pulsava nella figa di Alice.

"Scusa. È così che funzionano le questioni legali,” gemette Alice, stringendo la sua figa sul mio cazzo. "Ma puoi essere suo dipendente per sempre."

"Sì", strillò Becca, abbracciando mia moglie.

"Adoro i tuoi capezzoli sui miei", ridacchiò mia moglie, cavalcandomi più velocemente. "Sono così difficili."

"Sì", gemette Becca.

Le loro labbra si incontrarono in un bacio caldo. Becca e mia moglie ondeggiavano insieme mentre Alice cavalcava il mio cazzo. Afferrai i fianchi di mia moglie, assaporando i loro gemiti. I capelli biondi di Becca si riversavano sui riccioli infuocati di mia moglie mentre il loro bacio diventava più forte e umido.

"Questo è tutto", ansimai. “Baciala. È importante per il rapporto datore di lavoro-dipendente. Prendi il culo di Alice, Becca. E Alice, toccale la figa.

Entrambe le ragazze gemettero l'una nella bocca dell'altra mentre si baciavano. Le loro lingue danzavano insieme. La mano di Becca scivolò intorno alla vita di Alice e le strinse il culo rosso. Alice strillò durante il loro bacio, la sua figa si strinse meravigliosamente forte sul mio cazzo.

"Questo è tutto", ansimai. «Muovi i fianchi, Alice. Ti darò così tante medicine.

"Sì," gemette Alice, sollevando i fianchi più velocemente.

“Oh, signorina Alice, oh, sì, continua a massaggiarmi il clitoride. Mmm, è così bello. Continuate così. Oh si. Oh, wow."

Il volto tremante di Becca si appoggiò sulla spalla di Alice mentre mia moglie le toccava. Ho assaporato la passione della giovane donna che si diffondeva sul suo viso. Il cazzo mi faceva male nella presa stretta e setosa di mia moglie. La sua figa mi ha stretto il cazzo mentre mi cavalcava.

Ogni volta che Alice sbatteva il mio cazzo, le sue chiappe si increspavano davanti a me. Mi sono leccata le labbra, amando la vista calda. I miei fianchi si sollevarono, incontrandola mentre le mie passioni gemevano. Il letto scricchiolò, unendosi ai nostri gemiti e sussulti.

"Oh, sì, Frank", ansimò Alice. "Oh si. Ti senti così bene nella mia figa calda. Mmm, vieni dentro di me. Cum, cum, cum. Lo adoro! Ne ho bisogno!"

"Sì, vieni dentro!" gemette Becca, con il viso distorto.

Becca sussultò quando arrivò sulle dita di mia moglie. Alice fece le fusa deliziata mentre teneva in braccio la ragazza spasimante. Mia moglie mi ha sbattuto il cazzo. La sua figa si strinse e poi spaslò attorno al mio cazzo. Alice urlò la parola: "Cum!" mentre la sua figa mi mungeva.

"Ecco fatto", gemetti. “Sei una tale sgualdrina, Alice. La mia calda, troia mogliettina bimbo.

Il mio cazzo esplose mentre mia moglie mi guardava. Mentre il piacere svaniva, vidi il viso della mia vecchia moglie sovrapposto a quello nuovo, le sue guance e le guance più paffute, i suoi capelli più corti e gli occhiali sul viso. Era stata intelligente.

Cosi 'intelligente.

"Dannazione", gemetti mentre mi lasciavo cadere sul letto.

Gli ultimi due giorni erano stati un'esperienza meravigliosa e straordinaria. Ma mia moglie meritava davvero di essere una donna dalla testa vuota? Parlavamo tutta la notte di teorie. Ora abbiamo semplicemente scopato. Ed è stato fantastico, ma... forse dovrebbe esserci di più tra noi.

“Oh, Frank, che sperma fantastico. E mi hai messo così tanta medicina vajunalie.

"Vginalmente", dissi distrattamente.

"Giusto," ridacchiò Alice.

"Alice, ti... ti manca essere intelligente?"

"Adoro essere sexy," ridacchiò Alice mentre cadeva su di me, dimenando il culo mentre il mio cazzo usciva dalla sua figa. La bocca di Becca si è agganciata all'istante, succhiando il mio cazzo dalla figa di mia moglie.

"Ma... se potessi essere intelligente, vorresti esserlo?"

"No", ha detto. “Sono un idiota. Lo adoro. È meraviglioso."

Ma era davvero mia moglie a parlare? Mi è venuta un'idea in testa. E se usassi il perclorato-4-idrazina-benzoato...

Potrebbe contrastare la parte bimbo della soluzione.

"Ho bisogno di fare un po' di lavoro in laboratorio", dissi. «Gerard mi manderà i video oggi. Becca, voglio che tu vada a curiosare nei siti porno e provi a vendere i video tuoi e di Janet quando arrivano. Dovrebbero essere su un DVD. Ma non il video da modella di Alice. È tutto mio."

"Sì, signor Frank." Becca fece una pausa. “Uhm, come faccio? Sembra difficile.

"Penso che tu debba dirlo," disse Alice. “Se lo digitiamo nel campo di ricerca, Yahoo ci dirà tutto. È molto più intelligente di noi."

"Sei così saggia, signorina Alice", ridacchiò Becca. "Come si fa?"

Alice alzò le spalle.

"Allora, come lo diciamo?" Becca si accigliò.

"È come Google", gemetti.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Alice

"Questo sito dice che pagheranno 300 dollari", ha detto Becca. “Wow, sono così tanti soldi. Voglio dire... è più di...” La bionda si accigliò, le sue dita ticchettarono verso il basso mentre contava lentamente. "$ 100."

Ho annuito con la testa. Ci siamo seduti sul divano davanti alla TV, entrambi con indosso una vestaglia corta di seta, la mia di un rosa tenue e quella di Becca di un blu pastello. "Questo è molto. Come si chiama il sito?"

"Vendetta dell'ex fidanzata". Becca si accigliò, sporgendosi in avanti. I suoi capelli biondi le scivolarono dalle spalle. "Questo sito non sembra eccezionale."

"Non è così." Ho guardato accigliato il sito web. “Guarda tutte le foto delle ragazze. Alcuni di loro hanno... sperma addosso."

"Disgustoso", rabbrividì Becca. “Perché dovrebbero lasciare che un uomo venga su di loro? È un tale spreco di medicine.

“Perché sono cattivi. Hanno tutti bisogno di essere sculacciati”.

"Non penso che questo sia il sito giusto."

Ho letto le piccole parole sotto la domanda per inviare un video. Ci sono state così tante parole grosse e discorsi da avvocati. I miei occhi si inumidirono. "NO. Abbiamo bisogno di un sito dove le mogli cattive possano pubblicare video. Non ex fidanzata. Janet non è un'ex ragazza. È una moglie. Come me."

Janet era la mia migliore amica al mondo. Ieri le ho dato il siero bimbo e ora era bellissima, carina, tettona e meravigliosa. Ci siamo anche leccati la fica a vicenda. Era così che eravamo diventati meravigliosi entrambi.

Adoravo il siero bimbo inventato da Frank.

"Che dire di me?" fece il broncio Becca. "Non sono un'ex fidanzata o una moglie cattiva."

"Sei un dipendente", dissi. “È come una moglie. Una moglie temporanea, perché Frank può avere solo una moglie. Giusto?"

"Credo di si. Sarebbe...pol...pol...polgummy. E il polgummy è cattivo.

"Polgummy", ridacchiai. “Sì, il polgummy è cattivo. Le vere caramelle gommose sono deliziose.

"Dovremmo prendere degli orsetti gommosi!" strillò Becca.

Ero quasi d'accordo. "NO. Dobbiamo trovare un sito di mogli sexy per acquistare il video tuo e di Janet. La nostra azienda ha bisogno di soldi”.

Becca acconsentì. “Come moglie-dipendente, devo fare del mio meglio.”

L'ho abbracciata e l'ho baciata sulla guancia. Era una grande moglie-impiegata. Era un peccato che il polgummy fosse illegale.

Becca digitò attentamente ogni tasto alla volta. "Sito web di video di una moglie sexy."

Sono comparsi dei collegamenti. Abbiamo cliccato sul primo. Mogli sexy amatoriali impazzite. C'erano un sacco di foto di donne tettone, ognuna sembrava così selvaggia mentre si contorceva con un uomo più giovane. Borchie. Volevo saltellare con loro. Ho stretto insieme le cosce mentre la mia figa prudeva calda.

Adesso ho sempre avuto un prurito caldo. Essere belli aveva un prezzo così alto da pagare. Ora volevo essere sempre una moglie cattiva.

"Aspetto!" strillò Becca. "Invia un video."

Ha cliccato sul collegamento. Leggiamo la pagina. “Cerchiamo le mogli e le MILF più calde, cattive e selvagge da mostrare sul nostro sito web. Mogli traditrici, cuckolding, interrazziali o anche con tuo marito. Se hai un bel culo e delle tette fantastiche, inviaci il tuo video. Paghiamo 500 dollari”.

“Wow, 500 dollari. Non sapevo ci fossero così tanti soldi”, ansimò Becca.

La parte intelligente e scientifica di Alice sepolta nel profondo sapeva il contrario. “Questo è il sito. Dobbiamo avvisare Frank.»

"Sì", ridacchiò Becca. Poi il suo volto si abbassò. «Ma è giù al reparto scientifico. Non mi è permesso andare laggiù. Le regole di Frank."

"Beh, sono una persona super intelligente e scientifica", ho dichiarato, alzandomi, con il seno che tremava nella vestaglia. "Gli dirò la notizia super-duper!"

Becca applaudì deliziata. “Così tante persone mi vedranno fare la modella. Afferrò il telecomando e premette play. I video, masterizzati su DVD dal meraviglioso Gerard, erano arrivati ​​per posta oggi e li abbiamo inseriti. Grazie a Gerard, un fotografo di livello mondiale, Becca, Janet e io siamo stati trasformati in modelli.

È arrivato il video di Janet. Becca rabbrividì e infilò le mani sotto la vestaglia per massaggiarsi la figa mentre guardava la modella della mia migliore amica. Janet era così bella. Le sue tette rimbalzavano mentre Gerard la eccitava con il suo cazzo, assicurandosi che fosse arrossata ed eccitata per le riprese.

La mia figa si strinse, ricordando quanto mi divertivo e quanto ero cattiva, per fare la modella. Frank ha dovuto sculacciarmi per questo.

"Si si! Oh, lo adoro! Continua ad emozionarmi!” gemette Janet dagli altoparlanti.

"Scommetto che tuo marito non ti scopa così forte," ansimò Gerard.

“Non lo fa! Oh, continua a fottermi! Voglio venire! Voglio essere il modello migliore!”

Ho sorriso al mio amico. Volevo unirmi a Becca e giocare con la mia figa, ma Frank doveva sapere la mia buona notizia. Feci una risatina felice e me ne andai. I miei fianchi ruotavano mentre camminavo, un'oscillazione naturale che avevo acquisito con il mio nuovo corpo sinuoso.

Non ho mai voluto tornare alla mia figura tozza. Essere belli era davvero fantastico.

Il laboratorio di scienze era nel seminterrato. Spalancai la porta e saltai giù per le scale, con i miei grossi seni che rimbalzavano sotto la vestaglia. Ho raggiunto il fondo e ho incontrato Frank che lavorava nel laboratorio. Aveva davanti a sé una soluzione rosa e ne aggiunse con cautela una goccia blu. La sostanza chimica lampeggiò in rosso.

"Ho una notizia fantastica, fantastica, tesoro!"

"Che cosa?" chiese Frank, fissando la soluzione.

“Abbiamo trovato un sito web che pagherà tanti soldi per i video. $ 500. Potete crederci?"

"Dannazione", gemette Frank. “Non vedo l'ora che un milione di uomini arrapati si facciano una sega davanti a Janet. Suo marito è uno stronzo.»

Annuii con la testa in segno di consenso. Ryan non mi piaceva, ma Janet lo adorava. Mi sono accigliato davanti alla soluzione. "È per... per... perchoren hydrangea benzene?" ho chiesto, inciampando nelle parole difficili fornite dal mio cervello scientifico super intelligente.

"Perclorato-4-idrazina-benzoato?" chiese Frank.

Ho annuito.

"SÌ." Ha riempito una siringa con la soluzione. Lui la fissò, poi me, con la fronte aggrottata. Era un nerd bello e sexy. Ha sempre avuto una corporatura da corridore e si è mantenuto magro e in buona forma. Prima dell'iniezione ho provato ad essere sexy per lui, ma non sono mai riuscita a perdere peso.

Ero felice di esserlo adesso.

Il perclorato-4-idrazina-benzoato potrebbe essere usato per contrastare il legame del fosfato-3-fluoruro-2-benzoide con il tessuto cerebrale, ha sussurrato la mia parte scientifica. Il mio cuore batteva più forte. "A-stai cercando di non farmi diventare una stupida?"

"Temporaneamente", rispose Frank.

"Perché... l'ortensia si decompone rapidamente?" Mi sono accigliato. "Ma... non ti piace la nuova me."

"Non ti renderà meno bello", aggiunse rapidamente Frank. "È solo che... sei così diverso."

"Non ti piace il nuovo, super sexy me?" Mi sono avvicinato a lui, aprendo la vestaglia ed esponendo le mie tette perfette e ansanti.

"Oh, adoro il nuovo te", gemette Frank. "Ho solo pensato che forse ti sarebbe piaciuto non essere... uno svampito."

"Cosa c'è che non va?" Ho chiesto. “Non devo pensare. È così meraviglioso. Posso semplicemente essere bella.

"Io semplicemente..."

Il campanello suonò. Frank gemette.

"Chi è?" Ho sussultato. "Un pacco?" Mi sono leccata le labbra, ricordando il pacco speciale che l'uomo nero dell'UPS ha portato l'ultima volta. Così salato e cremoso.

Frank posò la siringa. «Parleremo più tardi di come renderti intelligente. Rispondiamo alla porta prima che Becca faccia qualcosa di stupido."

Ho ridacchiato. “Può fare solo cose stupide. E' una stupida. Questo è ciò che è così divertente!”

Frank alzò gli occhi al cielo e sorrise. Ero felice che non fosse serio e non parlasse di intelligenza. Chi ne aveva bisogno. Ero molto intelligente dal punto di vista scientifico senza intelligenza. E se non potessi dire quelle parole difficili? Avevano così tante lettere. Perché le parole ne avevano bisogno?

Ho seguito Frank su per le scale, sobbalzando per l'eccitazione. "Hai ordinato qualcosa?"

"Vuoi essere cattivo?" chiese Frank.

“Mi piace essere cattivo. Poi potrai sculacciarmi."

Frank ridacchiò. "Volevi che ti sculacciassi prima che diventassi un idiota?"

"Non lo so. Davvero... non credo di aver pensato molto al sesso. Forse. È tutto... marshmallow."

Questa volta Frank sbuffò. "Non c'è nebbia?"

"No. Una crema cremosa, deliziosa, come un marshmallow, gocciolava nei miei pensieri, soffocando tutto ciò che non è importante.

"Sig. Frank, Janet e suo marito sono qui", riferì Becca mentre entravamo in soggiorno. Il DVD è stato messo in pausa e lo schermo della TV è diventato nero. Mi chiedo perché?

Frank ridacchiò. "Scommetto che vuole ringraziarmi." Fece una pausa. “Ricorda solo che Ryan è uno stronzo. E gli stronzi sono cattivi.

Annuii in completo accordo.

"Lo sperma di uno stronzo invertirà la tua bimboificazione."

"E che mi dici di Janet?" Ho sussultato. "Oh, no, aveva intenzione di stuzzicare suo marito e di passare momenti sexy con lui."

«È sua moglie. Lei è immune." Frank fece una pausa, un sorriso gli attraversava le labbra. “Ma dovrò farle un esame. Giusto per essere sicuri. Tu e Becca dovrete sedervi con lui e parlargli."

"Oh, possiamo farlo", ridacchiò Becca.

“E ricorda, le procedure mediche sono strettamente confidenziali. Janet sarebbe molto imbarazzata se suo marito venisse a sapere dei trattamenti."

"Hai ragione. Sono così felice che tu ricordi tutte queste regole, Frank." Ho dato a mio marito un rapido abbraccio e un bacio sulla guancia.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Franco

Ryan Sanders aveva un sorriso da mangiatore di merda stampato in faccia quando ho raggiunto la porta d'ingresso, Janet premuta contro il suo fianco. Mi faceva male il cazzo, ricordando la bocca di Janet che succhiava il mio cazzo. Che fretta soddisfacente. Ryan era un atleta. Mi ha sempre disprezzato perché ero uno scienziato.

Un nerd.

E avevo scopato sua moglie.

Era alto, atletico, un quarterback campione nella squadra di football del liceo, qualcosa di cui si vantava sempre. Il suo mento era cesellato, i suoi occhi di un azzurro penetrante. Era l'epitome della virilità e pensava di essere migliore di me.

Ma avevo scopato sua moglie. Era difficile non sorridere.

"Frank, fottuto nerd, devo comprarti un sigaro." Ryan guardò sua moglie. “Hai trovato l'oro, amico. Oro." I suoi occhi si spostarono su Becca e mia moglie, la fame in agguato nel loro profondo.

Sono stato felice di aver avvertito Alice e Becca. Non volevo che scopassero quest'uomo.

"L'ho fatto", dissi, facendomi valere. “Cambierò il mondo.”

Ryan annuì. "Sì. Voglio entrare. Hai bisogno di soldi per questo. Non può essere economico. Diventiamo soci, cazzo. Sono in debito con te. Le cose che Janet ha fatto ieri sera e oggi. Non sapevo che dentro di lei fosse sepolta una troia."

"Ryan", ridacchiò Janet. "Non dovresti dire quelle parole."

"Ricorda, tesoro, quando ti chiamo 'troia' sto dicendo: 'ti amo.'"

"Aww," sospirarono insieme Janet e Becca.

Che stronzo.

Ryan si staccò da sua moglie e mi diede una pacca sulla spalla. “Cambia il mondo, amico. Dannazione, e lo stai già capendo." Ryan guardò mia moglie in vestaglia, divorandole le tette. “Dobbiamo diffondere questa merda, amico. Se potesse trasformare Janet da una grossa scoria in una bomba, posso solo immaginare cosa farebbe alla mia segretaria. Stephanie è già un knockout. Succhia un cazzo cattivo, ma è dannatamente piagnucolosa. Il tuo colpo la raddrizzerà e la renderà... compiacente."

Odiavo dannatamente questo ragazzo.

I miei occhi corsero a Janet. "E tua moglie cosa ne pensa?"

“Ryan me lo ha spiegato, dottor Frank. Mi ha detto che stava per divorziare da me per Stephanie perché ero così brutta. Janet mi sorrise raggiante. “Ma mi hai sistemato. Ora posso essere la sua moglie trofeo con Stephanie.

"Ma il polgummy è illegale", ansimò Alice.

Ryan sbuffò. “Vedi, sono perfetti. Crederanno a qualsiasi cosa. Janet è già la mia troia. È insaziabile. Potrei aver bisogno del Viagra per stare al passo con lei."

"Ecco la medicina per il cazzo inventata da Miss Alice," ridacchiò Becca. "Permette al signor Frank di trascorrere tutti i momenti sexy che desidera."

"Sei un genio", rise Ryan. “Super Viagra e siero bimbo. Diventeremo ricchi. Tu li fai e io li venderò."

Stringo i denti. Non potevo assolutamente fare affari con quello stronzo. Glielo leggevo in faccia. Pensava che fossi un nerd incapace, qualcuno su cui avrebbe fatto il prepotente e che avrebbe investito. Ma avevo scopato sua moglie. Stavo per vendere su internet il filmato di sua moglie che faceva la puttana totale.

"Certo, penso che possiamo trovare una soluzione", sorrisi, spostando lo sguardo su Janet. Il mio cazzo era duro. “Ma il farmaco è ancora sperimentale. Devo parlare con tua moglie. Fai le sue domande, controlla i suoi parametri vitali e assicurati che non ci siano effetti collaterali negativi.

"Giusto, giusto, non ho bisogno di alcuna causa", ridacchiò Ryan. Non aveva paura che restassi solo con sua moglie. Non pensava che un nerd, anche uno in buona forma, avrebbe avuto la possibilità di rapirgli la moglie. "Troia, vai dal dottore." Gli occhi dello stronzo si spostarono su mia moglie. "Resterò qui, parlerò con Alice, imparerò di più sul siero."

"Sono una persona scientifica super intelligente", annuì Alice, con le mani sui fianchi. Vorrei che portasse ancora gli occhiali.

"Andiamo, Janet", dissi alla moglie bimbo procace, dai capelli corvini. "È ora dell'esame."

Lei sorrise e si avvicinò a me. Conoscevo quel sorriso. Era arrapata e desiderosa di essere scopata. Janet era ubriaca con quello stronzo. Mi chiedevo se c'era qualcosa che potevo fare. Qualche sostanza chimica o formula per distribuire un po' di giustizia tanto necessaria allo stronzo.

Magari con 6-iodio-perfluorato mescolato al farmaco per il potenziamento maschile di Alice. Sarebbe qualcosa di carino. Trasforma lo stronzo in un buono a nulla. Sarebbe divertente.

Non così divertente come scopargli la moglie sotto il naso, però.

"Ho una sala esami al piano di sopra", dissi.

Ryan fece un cenno sprezzante, sorridendo a mia moglie. Alice si dimenò e mi guardò preoccupata. "Ricorda solo quello che ti ho detto, tesoro."

Alice annuì. "Sì giusto. Non lo dimenticherò."

Se tutto va bene, non lo farebbe.

"C'è qualcosa che non va in me, dottor Frank?" chiese Janet, il suo bel viso accartocciato per la preoccupazione?

"Forse", le ho detto. "Quindi devi fare tutto quello che ti dico."

"Ovviamente. Mi piace quando mi esamini e mi dai la medicina.

"Certo che lo sai, sei una troia."

Janet sussultò. “Non dovresti dirlo. Non sono tua moglie."

Esatto, Ryan le ha detto che essere chiamata sgualdrina significava che l'amava.

"Quando ti chiamo troia, dato che non sono tuo marito, significa che sei una donna cattiva, sexy e sexy che ama scopare."

Janet sorrise raggiante. “Adoro scopare. Ho scopato Ryan così tante volte. E la modellazione di ieri. Wow, è stato meraviglioso.

"Sì, lo era", concordai, aprendo la porta della mia camera da letto. Il letto è stato rifatto con cura da Becca. "Allora spogliati."

"Sì, dottor Frank", ridacchiò.

Janet si allungò dietro di lei per aprire la cerniera del vestito. Era un unico pezzo di materiale elastico e grigio che abbracciava le sue deliziose curve. Era ovvio che sotto non aveva la biancheria intima. In un attimo, le sue grandi tette rimbalzarono fuori.

Sorrisi, allungando la mano per dargli una stretta. Suo marito è stato così idiota da lasciarmi qui da solo con lei. Le mie dita affondarono nella sua carne mentre si toglieva la gonna, rivelando i suoi fianchi sinuosi e la figa nuda.

La sua fragranza aspra profumava l'aria.

"Beh, hai un odore eccitato, è sempre un vantaggio," sorrisi mentre le mie dita giocavano con i suoi capezzoli.

"Mi fai bagnare così tanto, dottor Frank", fece le fusa. "Giochi sempre con il mio corpo."

"Ryan no?"

"Le mogli succhiano solo il cazzo dei loro mariti e restano immobili mentre lui li scopa", ripeteva. "È carino e io vengo, ma lui non... mi esamina."

Ho sorriso. "La sua perdita." Le pizzicai i capezzoli e un brivido caldo la percorse. Sorrisi, facendo rotolare le grosse protuberanze tra le dita. "Bene, la tua sensibilità è perfetta."

"Bene", sorrise raggiante, muovendo i fianchi. "Non so cosa significhi, ma è davvero fantastico."

"Significa che quando gioco con i tuoi capezzoli, strilli." Mi sono chinato e le ho succhiato il capezzolo.

Lei strillò.

L'ho spinta sul letto. Lei gemette, accarezzandole i fianchi con la mano. Le ho mordicchiato e succhiato il capezzolo, attirandolo profondamente nella mia bocca mentre lei gemeva. Il letto scricchiolò mentre lei si spostava, le sue mani mi massaggiavano il petto attraverso la maglietta.

"Va tutto bene, dottor Frank?"

"Semplicemente meraviglioso", dissi mentre baciavo l'altro capezzolo. Mi sono arrampicato sul suo seno e gliel'ho morso. La moglie gemette. Al piano di sotto, potevo sentire la voce forte e odiosa di suo marito mentre cercava invano di sedurre mia moglie e Becca.

Fallirebbe.

Ho morso il capezzolo di Janet, provocando un altro meraviglioso strillo mentre le mie mani scivolavano su e giù lungo il suo fianco, assaporando la sua pelle cremosa. Suo marito era uno sciocco a non amare questo corpo. Era calda e meravigliosa, perfetta come Alice.

Ho baciato il suo seno pesante, circondandolo, assaporando ogni centimetro della sua morbidezza. Lei tubò, allungandosi sul letto mentre premeva le sue tette contro le mie guance e le assaporava. Aveva un profumo meraviglioso, appena fatto la doccia e leggermente dolce grazie al sapone.

“Dott. Frank", ansimò Janet mentre baciavo più in basso. "Sei così delicato."

"Che bello", sorrisi, accarezzandole leggermente i fianchi e facendo uscire uno strillo di risata dalle sue labbra. “Ora allarga le gambe. Devo esaminare la tua fica, troia."

"Troia", sussurrò. “Mi piace quando dici questo. Mi fa sentire così sporca e desiderata. Non mi ero mai sentito così prima”.

«Nemmeno tu hai mai tradito tuo marito prima.»

"Che cosa?" ansimò, spalancando gli occhi mentre baciavo le sue pudende nude. "Non tradirei mai Ryan."

"Rilassati", le sorrisi. «Certo che non lo faresti. Tu sei una brava moglie, e lui è un cattivo marito che non ti lecca la figa.

Lei gemette mentre leccavo le sue pieghe piccanti. Il cazzo mi faceva male nei pantaloni mentre la mia lingua turbinava nelle sue profondità. Le ho fatto scorrere le mani sullo stomaco per spremere le sue grandi tette mentre le leccavo tutte le pieghe e le sfioravo il clitoride.

“Oh, dottor Frank, oh, sì, è un esame davvero approfondito. Oh, wow. Ooh, sì. Così buono. Mi fai sentire tutto cattivo.

"Questo è lo scopo del test", sorrisi. "Devo assicurarmi che tu possa ancora venire come una sporca troia dopo che Ryan ti ha toccato."

"Oh, bene, mi piace venire", gemette Janet. “Non sono mai venuto prima di ieri. Ora vengo continuamente. Batté le mani. "Cumming è la cosa migliore."

"Sì, lo è", gemetti in accordo. "Quindi vieni per me, troia."

"Troia", ansimò. "Sono la tua troia, dottor Frank."

Mi faceva male il cazzo così forte. L'ho leccato più forte, assaporando il sapore della figa della moglie di Ryan. Ho lavorato la lingua in profondità, desideroso di farla venire mentre bevevo tutti i suoi succhi. Le sue cosce si strinsero sul mio viso, i suoi fianchi si sollevarono mentre si appoggiava contro di me.

“Penso...oh, sì...funziona, dottor Frank. Oh, mi stai facendo diventare cattivo.

Il letto scricchiolò mentre lei si appoggiava a me. Le sue cosce si strinsero sul mio viso mentre i suoi deliziosi succhi si riversavano nella mia bocca. Li ho bevuti tutti. Li ho assaporati sulle mie labbra. Ho bevuto i succhi della donna sposata.

"Oh, sì, oh, wow, dottor Frank", ansimò. “Mi fai venire così forte. Meglio di mio marito."

"Sono un medico professionista", le dissi con un sorriso. "Certo che so come farti venire."

Mi sono tolto la maglietta mentre lei tremava sul letto, poi mi sono tolto i pantaloni. Il mio cazzo sporgeva forte davanti a me. Mi accarezzai l'asta mentre fissavo la sua bellezza. I suoi occhi si aprirono, fissandosi sul mio cazzo. Lei sussultò.

“Dott. Franco. Non ho bisogno di medicine. Cosa fai?"

"È il mio strumento per l'esame", le ho detto mentre mi inginocchiavo tra le sue cosce aperte. "Devo sondare la tua figa e farti venire di nuovo."

"Sonda", ridacchiò. "Che parola divertente."

Mi sono sdraiato su di lei. "Prendi la mia sonda e guidala nella tua figa sposata."

"Sì, dottor Frank."

Le sue parole mi fecero contrarre il cazzo. Mi ha afferrato con le sue morbide dita e mi ha tirato verso la sua figa. Mi ha strofinato su e giù per le labbra della sua figa. Gemetti mentre sprofondavo nella sua carne calda e succulenta. La mia schiena si inarcò mentre il cazzo usciva dal mio corpo.

Adoravo scopare la moglie di Ryan.

"Mmm, sì, dottor Frank", gemette, i suoi fianchi che ondeggiavano contro di me. “La tua sonda mi riempie. Così buono. Sei più grosso di mio marito.

"Ha un cazzo piccolo", gemetti, tirando indietro il cazzo.

"Oh, sì", ansimò. “Oh, così piccolo. Non come la tua sonda. Esamina la mia figa, dottor Frank. Assicurati che la mia figa stia bene.

"Sì", gemetti, mentre i suoi fianchi si sollevavano nelle mie spinte.

La sua fica calda, stretta e sposata mi ha stretto mentre la scopavo. Era così bagnata. Mi chinai, baciandola sulle labbra mentre ci contorcevamo insieme, le sue morbide tette premevano contro il mio petto. Ho fatto scivolare una mano sulla prima coppa, stringendola mentre la scopavo più forte.

"Tua moglie è la mia troia, Ryan", ringhiai sottovoce. "Lei è la mia fottuta troia!"

"Lo sono", ansimò Janet. “La tua paziente troia. Oh, sì, sondami, dottor Frank. Così buono. Sto per venire."

"Fallo, troia."

Il letto scricchiolò quando andai a sbattere contro di lei. Volevo mandarla a casa con Ryan con il mio sperma che gocciolava dalla sua passera. Le mie palle si schiaffeggiarono contro di lei mentre la picchiavano. Ansimò e gemette sotto di me, le sue tette morbide si strofinavano sulle mie.

"Prendilo, troia!" ringhiai. "Oh si."

“Dott. Franco!" ansimò mentre veniva sotto di me.

La sua figa si contorceva. La sua fica calda e sposata si spasimava per il mio cazzo. Volevo inondarla. Per mettere incinta quella mogliettina. Mi si irrigidirono le palle. Il mio corpo tremò. Mi sono seppellito in lei e ho ringhiato mentre un'esplosione dopo l'altra il mio sperma si riversava dentro di lei.

Dannazione, era davvero bello tradire Ryan.

"Abbiamo finito con l'esame, dottor Frank?" ansimò Janet. "Spero di no. Mi sto divertendo tanto."

Le ho sorriso. "No. Rotolare. Devo sondare il tuo buco del culo adesso."

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Alice

"L'esame sta richiedendo molto tempo", ha detto Ryan. "Pensavo che sarebbe stato breve."

"Mio marito è un medico molto scrupoloso", ridacchiai.

La mano di Ryan si allungò e mi toccò la coscia. Mi bruciavano le guance. Non dovrebbe farlo. Ridacchiando, gli allontanai la mano. «Non sono tua moglie. Quella è Janet, ricordalo."

"Sei stupido quanto lei", ha detto Ryan.

"No, sono una persona super intelligente e scientifica", ho dichiarato. "Ho inventato il siero che fa sì che Frank mi scopi quanto voglio."

"Quindi sei una troia arrapata."

"Moglie", corressi. "Moglie arrapata."

"Sono una troia arrapata", ridacchiò Becca, sedendosi dall'altra parte.

"Sì, scommetto che lo sei." Ryan si guardò intorno. "Posso svelarvi un segreto?"

"Certo", annuii, sporgendomi.

"Sono un agente dell'FBI." Il suo sorriso era così grande. Era un uomo molto bello. Il mio corpo formicolava per l'eccitazione. Volevo essere cattiva, ma se mi avesse attaccato, sarei tornata grassa e brutta.

Quindi mi sono semplicemente dimenato.

"E sai cosa significa FBI?"

"Uhm, Fed... federale?" chiese Becca.

"Sì, Ufficio investigativo federale B", dissi con orgoglio.

"No."

"Non è?" Sospirai. "Ero così sicuro di averlo."

Ryan alzò gli occhi al cielo e mormorò: "Stupido come un mattone".

Mi chiedevo di cosa stesse parlando.

“Significa ispettore del corpo femminile. In qualsiasi momento, come agente dell’FBI, ho il diritto di spogliare una donna nuda e assicurarmi che il suo corpo stia bene”.

"Wow", ansimò Becca. "Non ne avevo idea."

“Allora, signore, spogliatevi. Devo ispezionare quei corpi.

"Va bene", ridacchiai. Gli agenti dell'FBI erano una specie di poliziotti e dovevi sempre obbedire ai poliziotti.

Becca e io ci alzammo entrambi, sciogliendo i nodi di seta delle nostre vesti. Ho adorato le vesti. Erano così corti e fatti di seta, aderenti al mio corpo. Le mie cosce rigogliose erano esposte e le mie grandi tette erano sempre sul punto di fuoriuscire.

Il tessuto si mosse mentre scivolava via dal mio corpo, rivelando tutta la mia bellezza sinuosa e sexy. Mi sono messa in posa da modella, con la gamba piegata, praticamente spingendo la mia figa nuda in faccia a Ryan mentre lanciavo le tette in avanti. La bionda Becca fece lo stesso, con le sue grandi tette che si sollevavano.

"Wow, semplicemente perfetto", ha detto Ryan, allungando la mano per palparmi la tetta.

Un brivido caldo e umido mi corse giù fino alla figa. Non potevo fare a meno di gemere mentre Ryan ispezionava le mie tette. Il suo sorriso crebbe. "Semplicemente perfetto."

Rivolse la sua attenzione a Becca, afferrandole entrambe le tette. Lei tremò quando i suoi pollici le sfiorarono i capezzoli. Lei strillò quando lui le pizzicò quella destra, poi le allungò la tetta. Lasciò andare il capezzolo e il suo seno balzò indietro.

"Perfetto", sorrise.

Poi la sua mano scivolò lungo il mio corpo e si infilò proprio tra le mie cosce. Rimasi senza fiato mentre si strofinava la mia figa calda e bagnata. Gemetti, tremando mentre mi accarezzava. Le sue dita mi accarezzarono la figa. Il piacere mi formicolava.

"Sei succosamente bagnato", disse Ryan mentre tirava fuori il suo cazzo. “Non avrei mai voluto esaminarti con il mio uccello prima, Alice, ma oggi devo farlo. Sei così dannatamente sexy adesso. Quel nerd non merita una bomba come te."

Fissai il suo cazzo mentre mi toccava la figa. Le sue dita erano così spesse, lavoravano dentro e fuori di me. Li ho stretti mentre immaginavo il suo cazzo riempirmi, scoparmi fino a venire, e poi avrebbe sparato al suo...

"NO!" Ho urlato in preda al panico, spingendolo via. Inciampò di nuovo sul divano mentre io facevo un passo indietro. "Il tuo sperma è veleno."

Il mio piede ha calpestato il telecomando di Becca lasciato sul pavimento. Sono quasi scivolato. La TV dietro di me si svegliò mentre veniva trasmesso il film di Janet sulla modella. Gemiti caldi e sfrenati echeggiarono attraverso l'altoparlante mentre lei si contorceva sotto Gerard.

"Aspetta ..." Il colore ha scaricato dalla faccia di Ryan. “Questo è Janet. Quando ha fatto ...? "

"Hai già finito?" Frank chiese sul nastro. "Sono ansioso di un colpo."

"Lo ucciderò," ringhiò Ryan.

La paura mi ha sequestrato.

Ryan si alzò in piedi, il suo viso diventa rosso. “Ha scopato mia moglie. Lo hanno fatto entrambi. E ora è di sopra. Figlio di puttana. La sta scopando adesso? Lo ucciderò."

"NO!" Becca gridò e si gettò a Ryan. “Non puoi uccidere il signor Frank. È il mio datore di lavoro. "

Avevo bisogno di fare qualcosa. Ma era così difficile pensare. Tutti i miei pensieri erano coperti da marshmallow appiccicosi e cremosi. Non sapevo cosa fare. Ryan ha lottato con Becca, sequestrando la bionda e cercando di spingerla di di fuori da lui.

"Ti batterò la testa, Frank."

Avevo bisogno di essere più intelligente. Avevo bisogno-

Ho imbullonato per il seminterrato. Becca strillò dietro di me mentre Ryan infuriava. Ho battuto le scale e nel luogo di scienza. Mi sono precipitato sul tavolo e mi sono iniettato il composto rosa nella mia coscia. Ho ansimato, il mio corpo tremò e ...

... fissò il mio corpo. Lo sciroppo Goo è svanito dalla mia mente. I miei occhi si strinsero. Il mio sguardo sfrecciava per il laboratorio, guardando le sostanze chimiche, la mia mente correva attraverso le possibilità. Ho dato un'occhiata alla formula che ho montato per Frank.

Mi è venuta un'idea in testa.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Franco

"Fanculo il mio culo!" Ansimò Janet, le sue viscere si stringevano sul mio cazzo mentre le battevo.

Becca ha urlato sotto. urlò Ryan. Cosa stava succedendo? Era difficile da pensare con Janet che mi ha fatto le spinte e le sue viscere strette sul mio cazzo. Le mie sfere bollivano. L'ho scopata più forte, assaporando il brivido della fottuta moglie di Ryan nel culo.

Passi cutanei.

"Lo sa" gemetti. Mi si strinsero le palle. Dovrei uscire. Dovrei provare a coprirlo, ma una sfida spericolata mi ha riempito. Volevo che vedesse sua moglie essere la mia puttana.

"Dimmi quanto ami il mio cazzo che ti scopa il culo, troia", ringhiò.

"Mi piace quando mi scopi il culo!" Janet gemette mentre la porta della camera da letto si schiantava. "Il tuo cazzo è fantastico nel mio culo."

Fissai Ryan, il grande atleta che pensava che fosse una merda calda, mentre entravo nel buco del culo di sua moglie. Gemetti, sbattendo il mio cazzo in profondità.

"Tu figlio di puttana!" Rage Ryan. "Ucciderò ..."

Ryan improvvisamente inciampò e ondeggiò. Raggiunse in avanti, afferrando la maniglia della porta. Scosse la testa, chiaramente crescendo le vertigini, poi si schiantò in avanti e russe forte. Alice rimase dietro di lui, una siringa vuota in mano, i suoi occhi erano duri, seri.

"Frank, dobbiamo parlare", ha detto, il tono frizzante e bimbo è andato.

Continua...

Storie simili

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2.4K I più visti

Likes 1

RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

RASANDO LE GAMBE E LA FIGA DEI MIEI COMPAGNI È puramente immaginario ma basato su un incidente realmente accaduto, ma il personaggio è reale ed è un'ex fidanzata in Thailandia. Spero che la storia ti piaccia. .................................................. .................................................. .......... Tornando a casa un giorno ho trovato la mia coinquilina Tan che stava frugando nell'armadietto del mio bagno. Questa è la storia che seguì. Tan ha 34 anni e io ne avevo quattro in più ed è per questo che andavamo così d'accordo che ci prendevamo cura l'uno dell'altra che spesso sfilava in mutande, tranne quando veniva il suo ragazzo. “Merda Barry...

1.9K I più visti

Likes 0

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

1.1K I più visti

Likes 0

The Hardwoods: Kevin impara ad amare il cazzo

13-15 LUGLIO 1973: KEVIN IMPARA AD AMARE IL CAZZO Questa storia è raccontata dal punto di vista del tredicenne Kevin Hardwood. Suo fratello diciassettenne lo incastra, il che fa sì che suo padre lo sculacci. Kevin cede alla richiesta di Luke di succhiargli il cazzo in modo che non continui a metterlo nei guai. Era una calda giornata estiva di metà luglio. Mi stavo rinfrescando nel cortile sul retro della piscina di famiglia. Avevo l'intera piscina tutta per me con mio padre al lavoro e mia madre e mia sorella in visita dai vicini. Nuotavo pigramente a dorso intorno alla piscina...

756 I più visti

Likes 0

RWBY - I preferiti dell'insegnante capitolo 1

Aspettatevi errori di grammatica, questa non è la mia lingua madre X-X-X-X-X Le cose sono tranquille alla Beacon Academy, soprattutto nelle camere da letto, anche se in una di esse succede qualcosa che nessuno potrebbe mai immaginare: I corridoi sono vuoti, tutti sono nel cortile oa passeggio per la città. Se qualcuno attraversasse uno di essi, sarebbe sorpreso di sentire suoni strani e piuttosto sospetti. Ora, se qualcuno entra nella stanza da cui proviene il rumore, la sua mascella cade a terra quando vede una scena così incredibile. In uno dei letti, tre corpi si agitano in un intenso atto sessuale...

718 I più visti

Likes 0

Island Royale: Il Rapporto (Capitolo Sette)

Capitolo sette ____________________________ Cynthia mi aveva incoraggiato a tornare all'asilo e ad assistere nel tutoraggio di un particolare gruppo di ragazze che solo di recente avevano sottoposto per la prima volta alla manutenzione dei genitali maschili. Su suo suggerimento ho saltato la colazione la mattina successiva, ansioso di non essere troppo tardi per iscrivermi a un'opportunità mattutina di visitare questa lezione, e sono passato direttamente dalla mia suite alla reception al piano principale. La possibilità di partecipare all'addestramento di alcune delle più giovani schiave sessuali studentesche di Island Royale sembrava essere stata ancora più apprezzata tra gli ospiti rispetto alla mia...

628 I più visti

Likes 0

Il mio compleanno speciale

La settimana scorsa è stato il mio diciottesimo compleanno, e che compleanno è stato. Non fraintendetemi però, è iniziato in modo schifoso come i miei ultimi tre compleanni, ma è finito in un modo che non avrei mai potuto prevedere. Mi chiamo Stephanie e, come ho detto prima, ho diciotto anni. Ho lunghi capelli neri e lisci, non chiamarmi bruna perché mi dà fastidio, sono neri, non castani, con scintillanti occhi azzurri. Di solito la gente si prende gioco della mia altezza, quando sei alto solo un metro e settanta, è destinato a succedere, immagino, e io peso quarantacinque chili e...

427 I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania

Mi ha assunto tre settimane fa. Un lavoro per il quale sono grato ma completamente non qualificato. Ma poi io sono giovane e asiatica, e lui è più vecchio e bianco, e nel corso dei miei doveri (e sì, anche nel corso del mio ficcanaso) ho scoperto la metrica del porno sul suo hard- drive con giovani donne asiatiche. Sono ben lungi dall'essere scoraggiato da questo. Voglio dire, non fraintendetemi, non ho alcun desiderio di scopare fino in cima, e sono anche dolorosamente consapevole dell'intero cliché della dinamica di potere tra uomo bianco e ragazza asiatica. Ma togliendo tutto questo dall'equazione...

2K I più visti

Likes 2

Bravado, parte 2

Kevin si svegliò la mattina dopo intontito, sbronzo e duro come una roccia. Debby giaceva accanto a lui nuda, sorridendo e accarezzando il suo piccoletto. Charles non era a letto. Kevin sussurrò, smettila! e ha provato a staccare le mani, ma ha semplicemente stretto e ha continuato a giocare con lui. Kevin sapeva che Charles non era felice che fossero finiti tutti in una cosa a tre la scorsa notte, ma a Debby non sembrava importare. Kevin sentì Charles che girava per la cucina. Kevin guardò Debby negli occhi e gridò: “Charles! Debby non smetterà di giocare con il mio cazzo!...

2.4K I più visti

Likes 0

Sculacciata Amanda

Ho scritto questa storia per la ragazza dei miei desideri. L'ha letto e gli ha dato la sua approvazione. Ho cambiato il nome per proteggere i colpevoli :) È piuttosto breve: non riesco a immaginare di durare a lungo se questo si avverasse. Fatemi sapere cosa ne pensate. ====================================================================================================================================== ======================== Avevo incontrato Amanda 2 anni prima come parte di una chat room online. L'avevo considerata sexy dal momento in cui avevo controllato il suo profilo e non potevo credere alla mia fortuna quando ci ha provato. Eravamo in chat da un po' di tempo, ma alla fine ci siamo incontrati nel...

2.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.