Passeggiata nel pomeriggio

335Report
Passeggiata nel pomeriggio

Si alzarono in una gloriosa mattina di luglio. Il mare era come uno specchio, già c'era un luccichio di calore che saliva dai ciottoli della spiaggia. Ha indossato un paio di pantaloncini da spiaggia mentre lei indossava un paio di slip del bikini. Uscirono dalla porta sul retro sulla spiaggia e scesero al mare per un tuffo rinfrescante. È rimasto leggermente indietro ed è stato in grado di vedere il suo sedere perfetto che si muoveva negli slip del bikini. Non ha mai smesso di meravigliarsi della sua bella figura. Si è precipitato in acqua per nascondere l'inizio di un'erezione. Aveva sempre lo stesso effetto su di lui. Lei lo sapeva e non si stancava mai, spesso stuzzicandolo al massimo al momento opportuno per aumentare la sua crescita e poi si diverte a guardarlo mentre cercava di nasconderlo. Il mare era ancora freddo anche a luglio, il che ha causato una rapida riduzione delle dimensioni del suo pene in crescita. Naturalmente aveva l'effetto completamente opposto sui suoi seni piccoli e sodi, i cui capezzoli sporgevano molto rapidamente tanto quanto erano stati la sera prima al culmine del loro amore. Dopo una nuotata tornarono a casa per una doccia e per vestirsi. Decisero di fare una passeggiata attraverso le colline locali fino a un villaggio e pranzare alla locanda e poi tornare indietro nel pomeriggio. Sarebbe stata una giornata calda, quindi dopo la doccia ha scelto di indossare un top in cotone con scollo all'americana che si allaccia dietro al collo e nella parte bassa della schiena, per accompagnarlo ha scelto un corto di cotone 'A' gonna di linea. Ha tirato su una delle sue corde G e è andata a lasciare la camera da letto, ma poi ha pensato che era una giornata calda e avrebbe camminato, non aveva un reggiseno, quindi perché preoccuparsi di una stringa G. Lo tolse sentendosi un po' birichina per essere vestita così leggermente e sentì anche crescere l'anticipazione di come sarebbe stato durante la passeggiata con un materiale così fragile che lo separava dal corpo che amava così tanto sentire. Ha concluso con un paio di sandali piatti con cinturino. Per lui vestirsi era semplice, più pantaloncini da spiaggia e una maglietta leggera con sandali. Scese le scale e la vide applicarsi pigramente olio solare su braccia e gambe. Aveva un aspetto fantastico, la sua pelle naturalmente scura che brillava leggermente al sole. Era ovvio che non indossasse un reggiseno, ma non aveva mai nemmeno considerato che potesse andare a fare la passeggiata senza la schiena. La prese tra le braccia e le disse quanto fosse bella e la baciò profondamente lei rispose spingendo dolcemente la sua lingua nella sua bocca e poi intrecciandola intorno alla sua allettandolo a seguire la sua lingua con la sua che fece entrare nella sua bocca. Poteva sentire la sua crescente erezione che cominciava a spingerla contro di lei. Lo tenne più stretto e iniziò a solleticargli le guance con la punta delle dita. Ha risposto sentendo il suo sedere impertinente con una mano e porta l'altra mano tra di loro per massaggiare delicatamente uno dei suoi capezzoli. Poteva sentire che ora era piuttosto rigido e così dolcemente si staccò e disse "Dai allora andiamo, voglio parlare con alcune persone del villaggio lungo la strada". Lui gemette e si affrettò a raggiungerla, lei fece strada dritta nella piccola sfilata di negozi nel loro villaggio. La sua erezione era ancora evidente attraverso il materiale sottile dei suoi pantaloncini da spiaggia. Fortunatamente per lui la sua camicia era abbastanza lunga da nasconderla abbastanza da non essere troppo evidente mentre camminava. Proprio in quel momento ha visto la presidente del consiglio parrocchiale una signora con la cotta turchina che criticava sempre il modo in cui le altre persone vivevano la propria vita. Interruppe la conversazione con lei e senza preavviso lui la sentì dire: "Sì, i suoi pantaloncini hanno una chiusura insolita" e con orrore la sentì alzare la camicia per mostrarla alla vecchia signora. Ha guardato e ha detto "Oh, non ha quel paio, ma sono sicuro che capirai cosa intendo". Lasciò che la maglietta cadesse sul suo rigonfiamento che ora si stava rapidamente restringendo. La presidente non lo ha nemmeno riconosciuto, ha solo detto che doveva andare e se ne è andata. Il suo partner stava ridacchiando in modo incontrollabile. Proseguirono e presto furono sulle colline. Rallentarono il passo e lui mise un braccio intorno in modo che la sua mano potesse stuzzicare e solleticarle dolcemente il sedere mentre camminavano. Continuò a ridacchiare della presidentessa. Si chinò e chiese cosa fosse successo alla sua erezione. La combinazione della sua mano sul suo culo e della sua mano sul suo cazzo flaccido era sufficiente per assicurarsi che non fosse flaccido per molto più tempo. Vide un piccolo boschetto appena fuori dal sentiero principale e gentilmente la guidò dietro di esso per scoprire che era davvero una mezzaluna di alberi che forniva privacy a coloro che camminavano lungo il sentiero. La prese tra le braccia e la baciò profondamente sondandole la bocca con la lingua. Tracciò gentilmente piccoli cerchi sulle orbite del suo sedere facendole contrarre le guance e tenerlo più stretto. Poteva sentire la sua erezione crescere a tutta lunghezza con l'odore, il gusto e la sensazione della persona amata tra le sue braccia. Non conosceva nessun sapore più dolce di quello dei suoi baci e non importava che profumo avesse o non indossasse, sembrava sempre avere un odore così dolce. Lei rispose alle sue attenzioni che il suo sedere era così sensibile alle sue dita, poteva sentire l'umidità che iniziava tra le sue gambe mentre il suo corpo rispondeva a lui. Lo tenne stretto maledicendo le sensazioni che stava causando che le faceva continuamente contrarre e stringere il sedere, un atto che di per sé le faceva uscire più succhi dalle sue labbra da fanny. Era grata ora di non aver indossato le mutande poiché stava rapidamente raggiungendo un punto in cui avrebbe voluto solo sentire la forza della sua erezione dentro di sé. Fece ballare la sua lingua intorno alla sua e riuscì a far passare una mano tra di loro, gli massaggiò il cazzo rigido, che si contraeva e pulsava per l'attenzione che gli stava dando. Poteva sentire dalla chiazza sempre più bagnata sui suoi pantaloncini che era eccitato come lei. Gradualmente allentò il tessuto fragile della gonna sopra la sua groppa e spostò una mano tra le guance del suo sedere. Fu solo quando passò il dito sul suo culo stretto e crespo che si rese conto che non indossava affatto le mutande. Il suo uccello diede uno scatto involontario, che le fece capire che aveva fatto la scoperta. Gemette e fece scorrere il dito più in basso sul suo vasetto di miele, che immediatamente sentì essere fradicio. Spinse con cautela un dito dentro di lei facendola gemere sommessamente e stringendosi a lui. Ha ritirato il dito e ha massaggiato dolcemente il succo nell'ingresso del suo piccolo sedere stretto facendola divincolarsi e spingere il sedere sul suo dito che ha spostato e lavorato di nuovo nella sua figa bagnata, usando un altro dito per correre lungo il solco verso di lei clitoride Era così eccitata che lui sapeva che doveva essere vicina all'orgasmo. Affondò i suoi fianchi nei suoi in modo che potesse sentire quanto fosse rigido e pompato il suo cazzo. Sapeva che non ci sarebbe voluto molto prima di sparare il suo seme, non importava dove fosse il suo cazzo. Era così eccitata che non sapeva davvero perché ma sapeva che doveva avere il suo bel cazzo grosso e rigido dentro di lei velocemente o sarebbe impazzita. Lei si allontanò da lui andò all'albero più vicino si fece forza contro di esso e disse "Per l'amor del cazzo, ficcami il tuo cazzo dentro e scopami a pezzi". Si avvicinò a lei, le sollevò la gonna e vide le goccioline del suo succo che luccicavano al sole intorno al bellissimo ingresso della sua figa che lei stava spingendo fuori con l'angolazione giusta perché lui potesse tuffarsi a casa fino in fondo. Era disperato di entrare in lei, ma usando fino all'ultimo grammo di forza di volontà pensava di riprendersi prima la donna della sedia. Le diede una pacca scherzosa sul sedere e si girò sui tacchi dicendo: "Dai avranno finito di servire il pranzo se non andiamo adesso". All'inizio rimase a tenere l'albero incapace di credere che intendesse quello che aveva detto, ma quando non lo sentì muoversi dietro di lei e invaderla si rese conto che aveva continuato a camminare. Aveva così tanto bisogno di lui che non riusciva a smettere ora che era così vicina. Gli gridò dietro "Vieni e scopami ho bisogno di sentirti dentro di me" lui non tornò così lei gridò di nuovo "Per l'amor di Dio ho bisogno di te per favore vieni e pianta quella dannata erezione dentro di me bastardo" Poi sentì lui che dice "giorno" a qualcuno. Arrossendo si tirò giù la gonna e sbirciò oltre il bordo del boschetto per vederlo parlare con un anziano dog sitter. Indossando il suo sorriso più dolce si avvicinò e si fermò accanto a lui. Poi si rese conto di cosa si era chiaramente dimenticato. La parte anteriore dei suoi pantaloncini era fradicia dei suoi stessi succhi. Chiaramente era stato eccitato quanto lei e sebbene fosse riuscito a muovere il suo uccello rigido in modo che fosse puntato verso l'alto all'interno della sua maglietta, la macchia scura era troppo evidente perché nessuno potesse non vederlo. L'anziano dog sitter si è allontanato e sono stati lasciati in pace per continuare la loro passeggiata al pub. Mentre camminavano lei gli solleticava il sedere mantenendolo abbastanza eccitato da continuare a far fuoriuscire succo dalla punta del suo pene in modo da mantenere i suoi pantaloncini scuri sul davanti. Gli disse mentre camminavano che era un bastardo e come si sarebbe pentito di averla lasciata così frustrata quando sapeva che non le piaceva niente di più che essere presa da dietro mentre si preparava a tutto ciò che era disponibile. (Normalmente il piano di lavoro della cucina!). Il sole era ormai alto nel cielo e il caldo abbastanza intenso. Si tolse la maglietta dimenticandosi o non curandosi della macchia umida sui pantaloncini. Quando raggiunsero il pub si era calmato e i suoi pantaloncini si erano asciugati. Anche lei si era ricomposta e così ordinarono un drink a testa e un pranzo leggero. Si sedettero su uno dei tavoli da picnic seduti in panchina nel giardino del pub. Non c'erano molte persone infrasettimanali. C'era comunque un gruppo di cinque o sei ragazzi adolescenti che erano più interessati alla birra che al cibo. Dopo aver mangiato si sedettero a chiacchierare ea bere. Dopo aver bevuto, si mise a cavalcioni sulla panca per poterlo affrontare mentre chiacchieravano. Distrattamente, mise le mani sulle sue ginocchia nude e le accarezzò dolcemente e le massaggiò. Gradualmente fece salire le sue mani sulle sue gambe, concentrandosi sull'interno delle sue cosce in modo da non farle alzare la gonna rendendolo ovvio. Non ci volle molto prima che lui le solleticasse il cespuglio all'ingresso della sua figa, che aveva iniziato a colare con i suoi massaggi e carezze. Fece scorrere dolcemente un dito per tutta la lunghezza del suo solco, lei si inclinò leggermente all'indietro per consentirgli un accesso più facile. Si sentiva così liscia come la seta e bagnata. Gradualmente inserì un dito dentro di lei e scoprì che era già così girata che si era già aperta permettendogli di far scivolare facilmente un secondo dito. Le massaggiò delicatamente le pareti interne. Poteva sentire il tocco gentile delle sue dita dentro di lei. Poteva sentire che la sua frustrazione di prima ovviamente non l'aveva lasciata perché era bagnata così velocemente e sapeva che questa volta sarebbe dovuta venire o urlare. La conversazione si era interrotta e ora un gemito soffocato occasionale era tutto ciò che le sfuggiva dalle labbra. I suoi occhi chiusero leggermente la testa all'indietro sarebbe stato ovvio per chiunque avesse prestato la minima attenzione che lei si stava godendo beatamente le sue attenzioni. Poteva sentire i suoi succhi d'amore in realtà gocciolare lungo le sue dita. Non riusciva a ricordare che fosse mai stata così eccitata prima. Si guardò intorno per assicurarsi che nessuno stesse prestando loro troppa attenzione e poi divenne un po' meno cauto con i suoi movimenti. Muovendo leggermente il braccio riuscì a raggiungere con le dita il suo punto più sensibile all'interno della sua figa. Non appena ci sfregò le dita sopra la prima volta, lei non poté fare a meno di emettere un gemito più acuto. Si stava godendo le sue dita dentro di lei. All'improvviso raggiunse il punto che lei non pensava sarebbe stato in grado di raggiungere con questa angolazione, immediatamente sentì una scossa elettrica attraversarle il corpo facendola irrigidire momentaneamente e gemendo più forte di quanto non fosse stata. Sorrise e si fermò nel caso qualcuno si fosse guardato intorno. Ha poi continuato a darle piacere. Questo era ciò che gli piaceva fare di più vedendo il piacere sul suo viso che poteva portarle. Mentre massaggiava il più profondamente possibile, lei tremava ogni volta che si strofinava sul suo punto. Usò l'altra mano per ballare con le dita intorno alla periferia del suo clitoride gonfio che stava spuntando dal sudario con la sua stessa erezione. Dopo un po' le strofinò il punto dentro di lei e allo stesso tempo le strofinò il clitoride. Era troppo per lei da sopportare e lui la vide stringere i denti sul labbro mentre tutto il suo corpo convulse strani suoni che emanavano dalla sua gola dove stava cercando così duramente di non fare rumore e cercando di controllare il suo corpo allo stesso tempo . Tolse le mani e le diede un abbraccio per sostenere il suo corpo inerte. Dopo poco tempo si ricompose. Si baciarono leggermente, lei gli sorrideva ampiamente. Non aveva bisogno di dire grazie, era ovvio che le era piaciuto quello che era successo. Gli disse che doveva andare al bagno delle donne e si alzò passando davanti al gruppo di ragazzi adolescenti. Mentre lo faceva, uno di loro disse "Mi scusi signora ma penso che lei si sia seduta su qualcosa sul retro delle tue gonne tutto bagnato", si passò la mano sul sedere e sentì dove i suoi succhi erano fuoriusciti sul materiale leggero di la sua gonna. Si sentì subito arrossire e disse "grazie" al giovane prima di correre via. Nella stanza delle donne era costernata nel vedere che usavano asciugamani e non asciugatrici ad aria calda. Non c'era niente che potesse fare, avrebbe dovuto aspettare che la sua gonna si asciugasse al sole mentre camminavano. Tornò al tavolo. Mentre passava davanti ai giovani, uno di loro che era rivolto verso il loro tavolo, ha aspettato che fosse passato davanti a lui in modo che potesse vedere il suo sedere e ha detto ai suoi compagni "Non credo che si sia seduta su qualcosa. Pensavo che la sua amica fosse facendo qualcosa nel modo in cui si muoveva il suo braccio. Penso di sapere cosa adesso". Ha fatto finta di ignorarlo e si è precipitata al tavolo dove il suo compagno l'aspettava ridendo tra sé e sé. Mentre si sedeva, lui disse: "Beh, almeno ne ha ricavato anche un brivido da quattro soldi". Erano anni che non arrossiva così tanto. Si alzarono per andarsene e lei vide subito che anche a lui era piaciuto quello che avevano fatto mentre il davanti dei suoi pantaloncini era di nuovo saturato. Determinata a vendicarsi, ha detto che invece di andarsene voleva andare a salutare il padrone di casa. Ha aperto la strada ai ragazzi. Quello di fronte al loro tavolo ovviamente ha visto lo stato dei suoi pantaloncini mentre sogghignava "Hai avuto un bel pranzo al sacco, intendo amico pranzo". Non sapeva come rispondere, quindi l'ha appena introdotta nel pub. Nel pub era più buio e la sua situazione non fu notata molto con sua delusione. Si salutarono e poi si avviarono verso casa. Erano entrambi ancora abbastanza eccitati e mentre camminavano si toccavano e si facevano il solletico intimamente. Un paio di volte si fermarono abbracciandosi e baciandosi profondamente, ognuno ballando la propria lingua nella bocca dell'altro. Entrambi avevano un disperato bisogno l'uno dell'altro. Quando arrivarono al boschetto, la ricondusse dove erano stati prima. Era ancora eccitata da prima e dalle loro carezze durante la passeggiata, ma mentre la condusse fuori dal sentiero i suoi cancelli si aprirono proprio con l'anticipazione di quello che sarebbe successo. Abbassò la mano e fu contenta di sentire che era completamente eretto ed era bagnato quanto lei. Andò a stenderla ma lei si allontanò dolcemente e disse "No". Sembrava perplesso e un po' perso per un momento. Si avvicinò all'albero. Tirò il sedere contro di lui, afferrò l'albero con entrambe le mani e guardando in basso disse "Non giocare, non toccarti, voglio solo sentirti sbattere quel cazzo di cazzo dritto dentro e voglio sentire questo albero tremare con la forza di te che lo fai". Non aveva bisogno di dirlo due volte. Per poco non inciampò nei pantaloncini nella fretta di toglierseli e avvicinarsi a lei allo stesso tempo. Il suo cazzo era così duro che gli faceva male come l'inferno. Era più che capace di reggersi in piedi da solo. Non aveva nemmeno bisogno di guidarlo, dato che era in grado di metterlo semplicemente contro l'ingresso della sua fica e poi di fare un passo avanti spingendosi contro di lei fino in fondo le sue natiche schiacciavano contro il suo inguine. Per lei era così che sentiva la forza mentre la testa spessa del suo glande si faceva strada tra le labbra della sua figa e poi correva forte verso la parte superiore del suo tubo allungando la sua figa ben lubrificata mentre andava. È stata spinta in avanti con la forza che lui spingeva da dietro. Se fosse il potere o semplicemente essere così eccitata non lo sapeva, ma iniziò un orgasmo non appena lui iniziò a spingersi dentro di lei. Si aggrappò all'albero mentre lui si muoveva dentro e fuori da lei da dietro. Avevano spesso fatto sesso in questa posizione prima, ma mai prima d'ora era stato così energico. Poteva sentire la pressione che il suo glande rigido provocava dentro di lei ad ogni movimento in avanti. Colpiva spesso così in profondità così forte che l'aria sarebbe stata allontanata da lei. A partire dal vederla in costume da bagno quella mattina fino ad ora il suo corpo lo aveva tormentato tutto il giorno. Era diventato troppo e aveva perso il controllo che normalmente teneva per assicurarsi di darle piacere. Ha sbattuto contro il più forte e veloce che poteva. Era così bagnata che non c'era resistenza a lui se non la pressione del suo stretto tubo dell'amore che stringeva il suo albero solido. L'afferrò per i fianchi e continuò ad affondare in lei. Tirò praticamente fuori tutto così ogni volta che la testa larga del suo cazzo doveva spingere le sue labbra a parte. Sapeva che era venuta quando era entrato in lei. Aveva seguito con una serie di orgasmi meno intensi. Sapeva che non sarebbe potuto durare a lungo così, ma sapeva anche che era quello che lei voleva. Sentì la sua asta iniziare a gonfiarsi ancora di più e questo fece pressione su tutto il suo organo sessuale, ma soprattutto sul suo bottone più sensibile che ora veniva sfregato senza pietà dal pezzo di carne rigida che entrava e usciva violentemente da lei. Le scosse elettriche divennero insopportabili e con gli orgasmi che le tormentavano il corpo era tutto ciò che poteva fare per tenere l'albero. Sentì la sua verga iniziare a gonfiarsi rapidamente e lo sentì spingere dentro di lei ancora più forte di prima e tenerlo lì, più profondamente dentro di lei di quanto avrebbe mai pensato possibile. Iniziò un orgasmo così intenso che non riusciva a respirare, le stelle le nuotavano davanti mentre sentiva il primo seme di lui uscire dalla sua verga spinto così forte contro la carne alla fine del suo tunnel. Non riusciva a credere alla sensazione di sbattere contro di lei così forte. Sentì le sue palle stringersi e poi il suo cazzo iniziò ad espandersi e sentì l'ebollizione dello sperma salire lungo il suo cazzo. Si appoggiò all'indietro e spinse i fianchi in avanti un'ultima volta andando più in profondità e più forte di prima, afferrando i fianchi di lei si tirò più dentro e si tenne lì. Eruttò dentro di lei la pressione del primo colpo così intensa. Non sentiva il resto del suo arrivo perché era ignara di qualsiasi cosa diversa dal proprio piacere. Si sentiva cadere ma non riusciva a capire nulla mentre lottava per prendere aria mentre gli shock e il piacere che tormentavano ogni muscolo e terminazione nervosa nel suo corpo continuavano. Era consapevole che le stava succedendo qualcosa, ma mentre sentiva sparare dopo l'altro di sperma sparargli nel profondo dentro di lei, non era consapevole del suo stesso orgasmo. Alla fine, dopo essersi trattenuto dentro di lei per un po' di tempo dopo che i suoi ultimi colpi di venuta si erano calmati, lasciò la presa sui suoi fianchi e lei cadde a terra. Si accorse della sua voce che chiamava da un luogo lontano che si avvicinava rapidamente e si faceva sempre più forte. Aprì gli occhi e gli sorrise, il suo viso rosso e sudato con uno sguardo preoccupato che svanì con il suo sorriso. Poteva sentire i propri capelli bagnati di sudore appiccicati sul viso. La sua figa si sentiva ancora bagnata, ma ora sapeva che era una combinazione del suo succo e del suo seme. Alzò le braccia e lo prese per il collo tirandogli la bocca sulla sua e lo baciò appassionatamente. Si accarezzavano dolcemente, quasi distrattamente, mentre giacevano all'ombra dell'albero riprendendosi dai loro estenuanti orgasmi. Dopo un po' si alzò e trovò i suoi pantaloncini, scartati dove li aveva tirati via così disperatamente prima. La aiutò ad alzarsi in piedi, la tenne stretta a sé e la baciò profondamente. Sapeva che stava ringraziando, anche se non riusciva a capire il motivo, poiché sentiva che non avrebbe potuto essere buono per lui come lo era stato per lei. Si sentì di nuovo agitarsi, ma sapeva che avrebbero spinto la loro fortuna a rimanere e andare avanti, poiché ora c'era più gente fuori per le passeggiate pomeridiane. Cominciarono a camminare verso casa, ora toccandosi affettuosamente invece di prendere in giro come avevano fatto prima. Entrambi erano ancora molto accesi. Hanno notato che gli altri vaganti hanno dato loro un parto ampio e degli sguardi molto strani. Ci hanno pensato poco. Non ci volle molto per tornare a casa. Quando sono arrivati ​​hanno capito perché stavano ottenendo l'aspetto che erano stati. Entrambi avevano i capelli selvaggi che si erano seccati. Aveva erba e ramoscelli impigliati nei suoi vestiti. I suoi pantaloncini portavano ancora le prove delle sue precedenti prese in giro. Guardando i due insieme sembrava che stessero tornando a casa da un'orgia. A causa degli effetti dell'alcol, il sole e gli sforzi erano entrambi piuttosto stanchi. Riempirono la vasca idromassaggio e si sistemarono nel rilassante tepore dell'acqua. Si sdraiò e scivolò in un sogno pensando all'incredibile scopata che aveva avuto. Fu solo una questione di minuti prima che si rendesse conto della sua puntura palpitante dolorante per il desiderio mentre sognava ad occhi chiusi. Anche lei si sdraiò godendosi le sensazioni di uno dei getti che spingeva l'acqua sulle sue tenere labbra e le solleticava il clitoride. Non passò molto tempo prima che anche lei fosse infiammata dal desiderio solo dalle sensazioni dell'acqua e dai suoi pensieri sull'incredibile forza con cui era stata presa. Si toccò pigramente aggiungendo alla sensazione del getto. Aprì un occhio e vide il suo uccello rigido fuori dall'acqua. Così gonfio che si muoveva appena con i getti d'acqua che lo colpivano. Vide che aveva gli occhi chiusi ed era chiaramente totalmente immerso nei suoi pensieri di prima. Si mosse con cautela e si posizionò delicatamente sul suo membro rampante, poi si abbassò lentamente su di esso. Le sue labbra carnose si aprirono per consentire all'ampia testa del suo elmo viola di penetrare nelle sue profondità più intime. Mentre giaceva ignaro di qualsiasi cosa diversa dai suoi pensieri di prima, sognò di sentire il suo cazzo dolorante essere racchiuso in un caldo, liscio, umido tubo di seta. Aprì un occhio e vide uno dei suoi seni perfetti quasi toccargli il viso. Si sentiva incredibile con il suo cazzo pulsante trattenuto dentro di lei. Spinse fuori la lingua e toccò la punta del suo capezzolo impertinente. Lei sobbalzò al tocco e guardò in basso per vederlo alzare lo sguardo con un ampio sorriso sul viso. Rimase in ginocchio con il suo cazzo dentro di lei. Non si è mossa. Le piaceva solo la sensazione di pienezza che lui creava dentro di lei. L'unica altra stimolazione proveniva da un getto d'acqua che per caso stava giocando direttamente sull'anello stretto del suo sfintere provocandone una contrazione involontaria in un bel modo. Le prese il capezzolo in bocca, lo leccò con cura e lo mordicchiò stuzzicandolo, facendolo diventare ancora più orgoglioso. Spinse il seno verso di lui godendo delle sensazioni che la sua bocca stava creando. Sensazioni che sentiva nello stomaco come farfalle nervose. Spostò le sue attenzioni sull'altro seno di lei e continuò a succhiare e mordere dolcemente le sue tette sensibili. Il suo cazzo era sepolto in profondità dentro di lei. Anche se nessuno dei due si stava muovendo, si sentiva più grande di quanto non fosse mai stato prima. Il battito del suo glande era in sintonia con il suo battito cardiaco accelerato. Era così bello essere così profondamente dentro la donna con cui desiderava così tanto stare. Mentre la sua bocca giocava con i suoi seni, le sue mani si muovevano per solleticare le perfette sfere del suo sedere. Il suo sedere era sempre un grande eccitamento per lui e poteva passare ore solo a solleticarle e massaggiarle le guance inferiori. Di tanto in tanto le sue dita sfioravano il suo anello rugoso facendole sfuggire un gemito involontario. Sentì le sue mani muoversi sul suo fondoschiena a cui lui sapeva che non avrebbe potuto resistere. Era sorpresa di quanto si sentisse sensibile al suo tocco. Ogni contatto tra lui e lei sembrava formicolare. Il pulsare del suo cazzo così solido dentro di lei, si sentiva completamente rilassata e tutt'uno con lui. Poteva sentire l'eccitazione sessuale crescere dentro di sé, ma era in quello che sembrava essere uno stato catatonico, non si muoveva solo per essere coccolata dall'uomo che amava sentire dentro di lei. Rimase scioccata quando senza preavviso fu colpita da un orgasmo così intenso per la sua potenza che sembrava provenire dal nulla. Il suo respiro era piuttosto irregolare e rauco. Fu colto di sorpresa quando, mentre mordicchiava un po' più forte la punta del suo capezzolo e allo stesso tempo il suo dito sondava delicatamente il suo sedere stretto, sentì prima la sua figa stringersi saldamente intorno al suo albero. Poi la sentì irrigidirsi, inarcando la schiena e gemendo mentre il suo corpo veniva tormentato da un intenso orgasmo. Mentre la sua passera si contorceva, era tutto ciò che era necessario per inviare il suo seme che schizzava dalla radice del suo glande turgido in profondità nel suo bel corpo. Il suo corpo si tese mentre ogni muscolo sembrava aiutare a forzare il suo sperma fuori dalle sue palle su per la sua lunga asta e in profondità nel suo grembo. Quando riacquistò la sensazione dell'orgasmo, sentì il suo cazzo pulsare più di prima, fu come se la punta del suo cazzo fosse esplosa. La forza con cui la sua crema è penetrata è stata così grande che poteva davvero sentirla colpire la parte superiore del suo tubo vaginale anche quando era allungata. Quando l'ultima parte del suo sperma lo lasciò, si rilassò, la tenne stretta a sé. Si sentiva così insieme a lei e sapeva che quella era la donna con cui voleva stare per il resto della sua vita. Rimasero nella vasca idromassaggio con lei sopra di lui. Ha continuato a lenire e solleticare il suo bel culo. Quasi distrattamente ha gradualmente lavorato il suo fondoschiena arricciato fino a quando non ha potuto masturbarle il culo con le dita. Si era accorta delle sue attenzioni e anche che il suo uccello flaccido era ora di nuovo gonfio dentro di lei. Adorava quando giocava con il suo culo. Quando iniziò a massaggiare le sue dita attraverso il suo sfintere, lei sentì i succhi trasudare nella sua figa intorno al suo cazzo in crescita. Mentre massaggiava il suo terzo dito nella sua stretta apertura, lei sobbalzò mentre il getto d'acqua che aveva solleticato il suo anello chiuso prima ora entrava in lei. La sensazione era piuttosto strana, diversa da qualsiasi cosa avesse provato prima. Iniziò a godersi la sensazione e iniziò a muoversi sulle sue dita, quasi impercettibilmente all'inizio. Non ci volle molto perché l'impulso prendesse il controllo e presto lei si mise a roteare sulle sue dita lubrificate dall'acqua e dagli oli essenziali nella vasca idromassaggio. Si sollevò dal suo membro pulsante ora rigido, era bagnato con il suo succo di figa. Si voltò e andò a sedersi di nuovo facendosi forza con le braccia tese dietro di sé sul lato della vasca idromassaggio. Si abbassò lentamente finché non sentì la punta del suo glande contro il suo anello stretto. Continuò ad abbassare il suo peso su di lui. All'inizio il suo sfintere si è rifiutato di consentirgli l'ingresso e ha iniziato a preoccuparsi nel caso in cui avesse messo troppo peso su di lui e gli avesse fatto male. Proprio mentre stava per sollevarsi di nuovo, sentì il suo anello aprirsi e sentì la punta del suo casco iniziare a scivolare oltre l'anello. Come al solito sentiva il lieve disagio che amava tanto sentire mentre il suo corpo si allungava per permettere alla sua grande testa di entrare. Scattando indietro intorno alla sua asta dietro la testa. Poteva sentire il suo cazzo pulsare nella sua fica, si sentiva bagnata con una combinazione dei suoi succhi naturali e del seme che le aveva sparato dentro pochi minuti prima, tutti combinati per creare l'olio più setoso che si potesse ottenere. Mentre le massaggiava il culo ed era in grado di spingere un terzo dito dentro di lei, la sentì annoiare sulla sua mano. Ha continuato a giocare trattando il suo sedere come una fanciulla. Era deluso quando improvvisamente si alzò da lui lasciando il suo cazzo pulsante a mezz'aria. Poi si è girata e lui ha visto il suo culo incredibile abbassarsi di nuovo sul suo cazzo. È quasi venuto lì e poi. Sentì il suo anello sulla punta del suo glande e sentì il suo peso mentre si abbassava su di lui. Sulla punta della sua manopola veniva applicata una pressione sempre maggiore. Poi l'incredibile sensazione quando il suo sfintere ha ceduto e la testa del suo cazzo è stata risucchiata all'interno, l'anello di muscoli che si stringeva saldamente attorno al suo albero proprio dietro l'ampio elmo. Si fermò per permettere al suo corpo di adattarsi alle dimensioni dell'oggetto alieno che invadeva la sua apertura più stretta. Poi si abbassò lentamente sentendo l'intera lunghezza del suo albero solido muoversi in profondità dentro di lei. Sentì le guance del suo culo sistemarsi nel suo inguine e seppe che era dentro di lei quanto più profondamente sarebbe mai arrivato. Invece di pompare il suo cazzo dentro e fuori da lei, si mosse avanti e indietro facendo muovere la parte superiore del suo cazzo in profondità dentro di lei. Ciò ha causato il movimento di una parte sconosciuta della sua anatomia. Non le importava cosa fosse, tutto ciò che le importava erano le incredibili sensazioni che produceva. Come un punto G nel profondo di lei. Ma queste sensazioni erano, oh così diverse, da qualsiasi cosa potesse mai provare dalla sua figa. Era così contenta che lui fosse riuscito a convincerla a provare questo non molto tempo dopo che si erano incontrati. Si sentiva così dispiaciuta per tutte quelle donne che storcevano il naso all'idea. Non avevano idea del piacere che avrebbero potuto ricevere. Sentì il suo membro pulsante afferrato per tutta la sua lunghezza da questo suo tubo più stretto. Mentre si dondolava, sentì la punta del suo elmo sfiorare un solido pezzo di carne dentro di lei. Non sapeva né gli importava cosa fosse, sapeva che le dava un grande piacere. Sapeva anche che con il suo cazzo così stretto per tutta la sua lunghezza non sarebbe durato a lungo. Sentì la sua passione crescere nel profondo del suo stomaco, mentre cresceva e sembrava riempire tutto il suo corpo, era consapevole del suo solido polo di carne che cresceva e la allungava ancora di più. Era così stretto che poteva sentire ogni minimo impulso e sussulto che produceva il suo membro turgido. Sapeva che non sarebbe stato in grado di resistere ancora per molto, ma non le importava mentre un'ondata dopo l'altra di piacere attraversava il suo corpo. Spinse forte sul suo cazzo desiderandolo il più profondamente possibile dentro di lei. Mentre lo faceva, lo sentì gonfiarsi dalla radice del suo cazzo, il gonfiore salì su per la sua asta e poi mentre si muoveva in profondità dentro di lei sentì il calore del suo sperma sparare senza impedimenti dall'estremità del suo cazzo. Sapeva che era vicina dai suoni gutturali che si sforzavano dal profondo della sua gola. Il suo corpo si tese e lui la sentì sedersi ancora più forte sulle sue ginocchia, costringendo il suo bastone ad andare ancora più in profondità dentro di lei. Non riusciva più a resistere, le sensazioni sul suo cazzo erano troppo grandi. Sentì le sue palle esplodere, poi la tensione mentre lo sperma era intrappolato alla base del suo cazzo dalla presa del suo sfintere. Come in una palla si è fatto strada a forza e si è alzato verso l'alto facendo male all'asta dove sembrava essere in un nodulo sparando attraverso il suo tubo, raggiungendo finalmente la libertà mentre scappava dall'estremità della sua manopola come un colpo lasciando un cannone in profondità in lei corpo. Non ci poteva essere un atto intimo o gioioso tra una coppia più di quello che avevano appena realizzato. Rimasero semi-seduti nella vasca idromassaggio finché il suo membro completamente esausto scivolò da dentro di lei. Si voltò e passarono molto tempo l'uno nelle braccia dell'altro a coccolarsi. Entrambi così felici di stare insieme.

Storie simili

Una ragazza di nome Areola Parte 06

Una ragazza di nome Areola e sua sorella di nome Beaver di Vanessa Evans Come al solito, è meglio leggere le parti precedenti prima di questa. Parte 06 Pigiama party da Jade Non avevamo idea di cosa avremmo fatto mentre eravamo lì, o cosa avremmo dovuto indossare, quindi abbiamo buttato una varietà di vestiti e altre cose in una piccola valigia e l'abbiamo messa in macchina. Poi abbiamo passato un'oretta in bagno facendoci apparire al meglio e sfogando un po' di eccitazione in ognuno di noi. Abbiamo indossato una gonna e una canotta, le gonne erano minigonne, non micro-mini, e le...

324 I più visti

Likes 0

The Futa Fairy - Futa Doctor's Hot Wish Capitolo 1: Futa Desire della dottoressa Rita

La Fata Futa - Il caldo desiderio del dottore Futa Capitolo uno: Il desiderio futa della dottoressa Rita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 Era passato un mese da quella fatidica mattina in cui imparai qualcosa di impossibile. Qualcosa di straordinario. Qualcosa che mi faceva bagnare la figa quasi ogni mattina quando sprofondavo nel sonno durante il giorno. Sì, il giorno. Ho fatto il turno di notte al St. Claire's Hospital. Un mese fa, ero stato fermato dal poliziotto futa, l'agente Cindy. Il solo pensiero di quella futa prepotente ha reso la mia figa così bagnata. Rabbrividii nel mio camice...

160 I più visti

Likes 0

La moglie di Rick parte 5 di 6

La storia del mio amico La moglie di Rick 5 (5 di 6) La scena: Bendata, ero in ginocchio sul soggiorno pavimento, le ginocchia divaricate, l'inguine stretto contro il sedere di Linda, la mia moglie, anche lei inginocchiata e seduta sui talloni. Linda, dentro volta, era inginocchiato tra le gambe tese di William, che seduto sul nostro divanetto. Ora, immagina questo: io, il signor eterosessuale, mi stavo sporgendo in avanti con le braccia intorno a mia moglie. La mia mano sinistra era posta su quella di Linda mano sinistra che strizzava e massaggiava le palle di William. Il mio diritto la...

225 I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

446 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

386 I più visti

Likes 0

Moglie violentata in Sudafrica

Mia moglie Elaine ed io abbiamo fatto una vacanza in Sudafrica l'anno scorso e abbiamo deciso di provare a vedere quanto più possibile del paese. Abbiamo volato a Johannesburg e abbiamo trascorso un paio di giorni a guardarci intorno. Abbiamo ricevuto molti avvertimenti sui pericoli della città, capitale mondiale degli omicidi, e abbiamo preso taxi ovunque. Le township sono state un vero shock culturale ma con una guida e stando nei trasporti, non abbiamo avuto problemi. Abbiamo viaggiato a Port Elizabeth e abbiamo affittato un bungalow, era bellissimo. Ci siamo rilassati e probabilmente eravamo meno consapevoli di ciò che ci circondava...

415 I più visti

Likes 0

Dal negozio di alimentari a f

Ho guardato l'incredibile seduttrice da dietro pensando a tutte le cose sporche che le avrei fatto se ne avessi avuto la possibilità, che era esattamente come lo volevo. L'ho seguita da lontano e ho continuato a fare acquisti, o in questo momento per lo più facendo finta di farlo. Ero così perso nel corpo della ragazza adolescente di fronte a me che lo shopping per quello per cui ero venuto non sarebbe successo a causa della mia immaginazione iperattiva. Il fatto che il mio cazzo fosse duro come una roccia non aiutava, specialmente nei jeans attillati che indossavo. Speravo davvero che...

387 I più visti

Likes 0

Delizia del taglio

Frank si asciugò il sudore dalla fronte con il dorso del guanto e continuò a potare le rose di Seymour. Erano le 12:45 e, come un orologio, sentì Dee e la sua amica Tanya vagare nel giardino sul retro. Sbirciò da dietro i fiori e li vide camminare a piedi nudi verso il gazebo con un pranzo al sacco. Dee indossava il suo consueto abito leggero con stampa floreale. Il suo sorriso luminoso e i capelli dorati di seta di mais le davano una bellezza simile a una dea. Il suo vestito le abbracciava i fianchi e metteva in risalto le...

286 I più visti

Likes 0

Quale videoregistratore?_(1)

Ho tenuto d'occhio Eric da quando ha iniziato a occuparsi di bar nel ristorante in cui lavoravo. Avevamo avuto alcune conversazioni casuali, ma niente che sembrava portare da nessuna parte. È stato frustrante da morire. Lo volevo tanto, ed ero determinato ad averlo. Giovedì è stata una serata presto per entrambi. Facevo il turno di pranzo così uscivo di lì verso le 6 ed Eric scendeva alle 10. Gli ho chiesto se sapeva qualcosa sui videoregistratori dato che avevo problemi a far funzionare correttamente il mio. Gli ho detto che la foto era tutta incasinata e poteva darci un'occhiata. Certo, ha...

196 I più visti

Likes 0

Le conseguenze 5

Jim stava camminando avanti e indietro per un'ora, dopo aver distrutto la loro flotta d'invasione, erano partiti dopo il unica nave rimasta della flotta Krang. Mary e Amber lo avevano osservato per quasi tutto il tempo Jim se non lo fai Siediti, ti farò fuori di testa, non posso sopportare molto di più del tuo ritmo,” Mary quasi ringhiò. Jim si sedette rapidamente sulla sedia di comando cercando di non guardare Mary, scusa Mary, odio questa attesa, è vero niente a portata di mano su cui non fare nulla su cui lavorare, sai che odio essere inattivo. Mi rendo conto che...

153 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.