Tre possono mantenere un segreto se due sono... confusi

109Report
Tre possono mantenere un segreto se due sono... confusi

«Allora è deciso. Domani Ron va al lavoro e vede con cosa dobbiamo lavorare". disse Kim mentre si rannicchiava nel mio petto, e io l'ho abbracciata.

Era stata una domenica mattina emozionante; prima con la russa e poi sesso con le due sorelle. Eravamo tutti un po' stanchi, ma eravamo ancora più affamati.

"Qualcuno a pranzo?" ho chiesto

"Sto morendo di fame" rispose Kim entusiasta

Guardai Rachel, che sembrava essere in un altro mondo.

“Rach? Pranzo?" Ho riprovato.

Rachel ruppe il suo sguardo nell'infinito, guardò me e poi Kim.

"Che cosa?" lei ha detto “Pranzo? Sì, ho fame".

"Stai bene?" ho chiesto seriamente

A Rachel non era mai piaciuto il sesso. Cinque anni di matrimonio con lei avevano portato a casa quel punto. Eppure, come ricompensa per aver accettato di aiutarla, aveva appena fatto sesso con sua sorella e si era lasciata scopare nel suo culo verginale. Aveva molto da digerire e mi chiedevo come tutto questo le stesse influenzando.

“Sì, sto bene. Sto solo pensando a... a tutto. lei rispose.

"Allora come vanno le cose?" chiese Kim un po' sarcasticamente.

"Tutto" Rachel iniziò a enfatizzare quella prima parola. "è ok."

Non ero sicuro del motivo per cui Kim stesse pungolando sua sorella. Sembrava un po' crudele, ma Rachel non sembrava affatto arrabbiata quando rispose. Ma chi conosceva le comunicazioni segrete tra sorelle. Erano cresciuti insieme e io ero un intruso nel loro mondo. Un intruso affamato.

“Signore, ho fame. Che ne dici se ordino una pizza?"

C'era un accordo universale su come ottenere una pizza. Non tanto quanto a cosa dovrebbe succedere. Alla fine, abbiamo optato per metà peperoni e metà pancetta canadese e ananas. Trenta minuti dopo ci stavamo godendo il nostro pasto, innaffiandoci con Fat Tire dal mio frigorifero. La discussione ha preso l'inevitabile svolta verso il domani.

"Ron, che ne pensi delle possibilità di trovare il corpo giusto, domani?" chiese Kim

"Domani? Direi che sono piuttosto piccoli. Sarei sorpreso se ci fossero più di tre corpi non reclamati all'obitorio. Naturalmente se abbiamo aspettato abbastanza a lungo ne troveremo assolutamente uno. La frase operativa è "abbastanza lunga". Potrebbero volerci anni”.

"Anni!" disse Rachel, quasi soffocando con la pizza. "Non ho anni!"

"Beh, a meno di uccidere qualcuno tu stesso, l'unico modo è aspettare" dissi scherzando.

Le sorelle si guardarono per un veloce secondo, ma non si dissero nulla. Suppongo che abbiano superato una di quelle cose non dette della telepatia delle sorelle; probabilmente pensando "Spero che non ci vorrà molto".

"Una volta ottenuto il corpo, allora cosa?" ho chiesto

Kim ha risposto con Rachel subito dopo.

"Dobbiamo fare radiografie dentali da inserire nella cartella di Rachel, nell'ufficio del dottor Wilson"

"Dobbiamo tagliare le mani e sbarazzarcene, quindi non c'è modo di usare le impronte digitali"

"E dovremmo spaccare la faccia, senza pasticciare troppo con la bocca, quindi se la faccia non brucia, non possono fare un'identificazione in quel modo."

"E dovremmo pensare a tingere i capelli dello stesso colore dei miei."

Sono rimasto colpito. Devono aver prestato molta attenzione quando stavo cercando di dissuaderli.

“Mi sembra tutto corretto, ma voi due siete molto più avanti di voi stessi, anche se abbiamo un cadavere all'obitorio in questo momento. Per prima cosa dobbiamo capire come tirarlo fuori e sistemare le scartoffie in modo che sembri che sia stato sepolto correttamente, o preferibilmente cremato". Ho detto.

Nessuno, me compreso, aveva una risposta per quella. Sono sicuro che le signore ci hanno pensato dato che conoscevo tutti i dettagli dell'obitorio; che questo problema era mio da risolvere. dovevo essere d'accordo.

"Penso che ci penserò un po'" dissi, e poi sbadigliai.

"Quello era buono." Dissi indicando la pizza e la birra "Ma penso che mi sdraierò e penserò".

"Vuoi dire 'pisolino'" disse Rachel consapevolmente

“Mag-maggio. Tuh-mah-toe” sorrisi e mi diressi verso il divano.

Kim e Rachel si diressero verso la camera degli ospiti per sistemarsi e io devo essermi addormentato. La prossima cosa che ho sentito è stata la risata di Kim provenire dalla cucina. La nebbia del sonno iniziò a diradarsi e registrò che le sorelle erano sedute al mio tavolino di cucina, a parlare.

"Quindi pensi che lo farà davvero?" chiese Rachel

"Deve farlo, perché il piano funzioni." rispose Kim

"Altrimenti, dovremo ricorrere al Piano B". disse Rachel

Non sapevo cosa fosse il piano B. Forse le ragazze ne avevano inventato uno mentre dormivo. Così intervenni assonnato, mentre entravo nella stanza

"Cos'è il piano B" sbadigliò.

Le ragazze sono saltate.

"Gesù! Mi hai spaventato!" esclamò Rachel un po' arrabbiata

"Sar-ree" dissi impenitente

“Ho quasi visto mia sorella torturata a morte oggi. Ho il diritto di essere al limite". scattò Rachel.

“Sì, immagino che tu lo sia. Volevo spaventarti. Ho detto un po' imbarazzato

Poi la sua affermazione sull'essere nervoso e la risata che mi ha svegliato si sono scontrate nella mia mente.

"Cosa c'era di così divertente?" ho chiesto

"Eh?" disse Kim

«Qualcosa deve essere stato divertente. Hai riso e questo mi ha svegliato. ho risposto

Kim aveva un'espressione strana sul viso; perplessità? Non sembrava giusto. Confusione? Non proprio. Shock? Forse, non del tutto. Panico? Ma non c'era più prima che giungessi a una conclusione. Poi il suo viso assunse uno sguardo divertito e parlò.

“Rachel ed io stavamo confrontando le note e abbiamo iniziato a parlare di tette. La sua e la mia in particolare. Ho pensato che Little Miss Perfect qui, con l'aspetto da star del cinema ha le tette perfette e che penseresti che siano migliori delle mie.'

Rachel guardò Kim con uno shock in faccia. Immagino che non avrebbe mai pensato che Kim avrebbe ripetuto una cosa del genere. Ma poi si è ammorbidita e ha aggiunto la sua parte alla storia.

"E ho detto che sei innamorato di lei" dicendo "innamorato" con un sospiro esagerato "e che avresti pensato che quella di Kim fosse la migliore, qualunque cosa accada."

"Così ho suggerito di organizzare un concorso con te come giudice", ha detto Kim e ha iniziato a togliersi il top.

Ho deglutito quando la camicetta di Kim le è scivolata sopra la testa e il suo busto senza reggiseno è stato rivelato. Kim aveva dei bei seni. Probabilmente erano piccole coppe C o grandi B. Areole rosa marrone, sopra i seni leggermente imbronciati. Posso dirti dall'esperienza di ieri sera che erano fermi come sembravano.

Deglutii di nuovo e girai gli occhi su Rachel. Si sbottonò la maglia e si alzò. Lasciò che la camicetta le scivolasse via dalle spalle e la posasse sul pavimento. Rachel indossava un semplice reggiseno bianco, che abilmente sganciò e lasciò cadere anche lui a terra.

Oh cazzo! ho pensato

Si potrebbe dire che erano sorelle. Dal collo in giù era difficile fare una distinzione. Quelle di Rachel erano leggermente più grandi; tazze C definite, e forse, forse, aveva un po' di abbassamento. Era difficile da dire perché Rachel era un po' più alta. Oltre a quello; stessi seni imbronciati; stessi capezzoli rosa marroni; la stessa bella forma rotonda.

Si sono mossi in modo da essere fianco a fianco, a pochi metri da me.

"Bene?" chiese Kim "Chi ha le tette migliori?"

“Sì, andiamo Ron. Chi ha le tette migliori?' fece eco Rachel

Oh, cazzo ho pensato di nuovo. Non c'era modo in cui avrei scelto. Non sono lo stupido. Diavolo, non pensavo di poter scegliere. Ma il mio cazzo ha avuto un'idea e me l'ha sussurrata all'orecchio.

“Signore, non c'è modo che io scelga chi di voi ha le tette più belle. Ma, scommetto dieci dollari, posso dire di chi è di chi, solo sentendoli con le mie mani e la mia bocca.

Kim ridacchiò. Rachel mi guardò con sospetto e poi disse.

«Dieci dollari, eh. Rendiamolo utile. Hai ragione, ti ho lasciato di nuovo nel culo. Hai indovinato e io vado a prendere la cinghia di Kimmy e ti faccio il culo. Guarda come ti piace".

“Rachel!” esclamò Kim

Kim ha una cinghia? Questa è stata la prima cosa che mi è venuta in mente. Per cosa ne avrebbe bisogno? Immagino che forse non era la piccola signorina innocente che avevo sempre pensato. Il secondo pensiero fu di chiedermi se la protesta di Kim fosse in mia difesa o se Rachel avesse rivelato qualcosa di così privato. Stavo arrivando al mio terzo pensiero quando Rachel lo interruppe.

"Pollo?" chiese con il suo tono condiscendente. Quello che conosceva mi ha fatto incazzare.

Era ancora una puttana. Ma quanto ero sicuro? Ero abbastanza sicuro di non poter dire di chi fossero le tette di chi. Erano così simili; che qui non c'era modo che il mio senso del tatto meno acuto potesse cogliere una differenza. Quello su cui contavo era il profumo da donna. Rachel indossava Chanel 5, il profumo da bambina ricca, da quando l'avevo incontrata. Dio solo sa cosa indossa Kim, ma non era Chanel.

“Baaawk! Baawk! Baaawk! Rachel chioccò. Kim rise di nuovo.

"Sei su." Il mio orgoglio ha risposto per me.

Kim strillò di gioia e corse via. Mi chiedevo se fosse così sicura che avrei perso che è andata a prendere questo cinturino inaudito. Tornò piuttosto rapidamente con una benda sugli occhi. Ho guardato e lei e i suoi seni squisiti sono rimbalzati nella stanza. Rimasi ipnotizzato mentre ondeggiavano e rimbalzavano, finché non erano direttamente di fronte a me.

"Tieni fermo" Kim quasi cantava.

Allora ero cieco. La benda era un pezzo di stoffa nera lungo un metro, largo circa quattro pollici. Lo legò comodamente dietro la mia testa e io cercai discretamente di assimilare il suo odore. Sarebbe stato più difficile di quanto pensassi. Il profumo più forte era il mio sapone della doccia che avevamo fatto prima. C'era qualcosa di debole sotto quello, ma Kim non si è soffermato per darmi il tempo di classificarlo. L'ho sentita lasciare la mia schiena e tornare davanti a me, a pochi passi di distanza.

“OK” iniziò Rachel “Uno di noi verrà davanti a te. Alza le mani e noi le guideremo verso le nostre tette. Puoi solo toccare le nostre tette e l'area circostante. OK?

"Va bene" ho risposto.

Ho sentito dei movimenti e nella mia mente ho immaginato che entrambe le donne iniziassero a camminare intorno a me, evitando le mie mani tese. Li ho sentiti fare questo per diverse iterazioni, e poi come sedie musicali, all'improvviso si sono fermati. Ho sentito mani calde prendere le mie e guidarle verso la loro destinazione, una mano su ciascun seno. C'era silenzio.

Strinsi entrambi i seni con forza, con i pollici sotto. Riuscivo a immaginare la carne soda che cedeva alle mie macchinazioni. Potevo sentire la fermezza del suo seno. Ho riposizionato lentamente le mani finché i miei pollici non hanno trovato la protuberanza e l'areola. Ho fatto ruotare delicatamente e lentamente il pollice lungo il bordo, sentendo il contrasto tra il capezzolo più ruvido e la pelle liscia e pallida dei suoi seni.

Ero duro e il mio cazzo mi distraeva. La pressione della situazione ha iniziato a pesare su di me. Non volevo essere fottuto nel culo; figuriamoci dalla mia ex moglie. Ho dovuto farlo bene.

Mi sono chinato per guidarmi dove le mie mani mi avevano detto che dovevano essere i seni imbronciati di questa sorella, e ho preso il capezzolo in bocca e l'ho succhiato profondamente. Mi sono ritirato quel tanto che basta per concentrarmi sulla protuberanza e ho lasciato che la mia lingua lo prendesse, come se stessi allattando. L'altra mia mano accarezzò e strinse l'altro seno in modo aggressivo.

Ho combattuto con me stessa per smettere di godermi questo e per concentrarmi sul suo profumo e su eventuali reazioni familiari. Ho preso solo il mio sapone e nient'altro. Pensavo di essere nei guai, ma avevo ancora un tiro 50/50.

Ho cambiato seno e ho iniziato a stuzzicare l'altro capezzolo con la lingua. Ho trascinato lentamente la lingua intorno all'areola e ho colpito la sua piccola protuberanza con la lingua. L'ho baciato leggermente e ci ho soffiato sopra. Poi ho preso leggermente la protuberanza tra i denti e l'ho morsa molto delicatamente. Rachel lo odiava e di solito mi dava una sorta di avvertimento. Ho sentito questa sorella tesa, ma non c'era nessun suono o movimento forte. Ho preso il capezzolo in bocca, succhiandolo e cercando di farlo restringere. Ho sempre dovuto lavorare per far indurire i capezzoli di Rachel e si è sempre lamentata del fatto che quando lo facevano, faceva male. Cominciavo a pensare di avere la tetta di Rachel in bocca.

L'ho rilasciata e ho detto

"Prossimo"

Ho lasciato la mia mano sospesa a mezz'aria mentre la sorella n. 1 si ritirava e la sorella n. 2 mi metteva abilmente il seno nella mano. Potevo sentire che il suo capezzolo era già eretto. Freddo? Eccitato? Non potevo dirlo, ma ho subito cominciato a spremerlo. Ho pensato che fosse un po' più solido, ma era solo la mia immaginazione? Ho prestato attenzione anche all'altro seno, usando il pollice per strofinare il capezzolo già eretto; per tracciare il contorno della piccola gomma da masticare, e sentirne la durezza, rispecchiando il mio stesso cazzo.

Potevo chiaramente immaginare che aspetto avesse il seno, con l'areola ristretta che quasi nascondeva la protuberanza, seduto sopra la pelle color crema pallida del suo seno imbronciato e mi persi nei pensieri. Presi senza pensare il suo capezzolo in bocca e masticai delicatamente il nodo stretto. Questa sorella ha preso fiato, ma non c'era una sottile attrazione, come se stesse cercando di ritirarsi. Pensavo fosse Kim.

Il mio naso non è stato di aiuto. Tutto quello che sentivo era sapone e forse un po' di sudore. Ho succhiato profondamente il capezzolo stretto e ho spremuto l'altro seno in modo rapido e deciso. Mi sono lamentato e tutto in una volta mi sono convinto. Mi sono tirato indietro dal capezzolo che stavo succhiando e ho annunciato.

"Queste sono le tette di Kim"

Non ho lasciato andare la mia mano sinistra mentre la mia destra si è allungata per tirare la benda. Sono stato ricompensato dalla vista della mia mano sinistra che teneva il seno di Kim. Stava sorridendo. Si avvicinò e mi baciò velocemente, e poi mi sussurrò all'orecchio, con un senso di eccitazione.

"Lasciamelo fare. Per favore, lascia che lo faccia. Voglio prendere Rachel nel culo.

Ero scioccato. L'evidenza era chiara. Non conoscevo questa ragazza. Anche se non avevo mai pensato di guardare una ragazza mentre ne faceva un'altra con un cinturino, il mio cazzo sussultò al pensiero. l'ho baciata; si tirò indietro e mi sussurrò di nuovo all'orecchio.

“Piuttosto per favore. Farò tutto quello che vuoi, se me lo permetti. aveva enfatizzato la parola qualsiasi cosa.

Mi sono indurito il granito all'istante. Ho appena guardato Kim con evidente shock nei miei occhi.

"Come lo hai saputo?" disse Rachel con una combinazione di amarezza e meraviglia

Non avrei cercato di spiegarlo troppo in profondità, quindi ho appena detto

“Rach, ti ho succhiato le tette molte volte. Li conosco solo".

Kim si è spostata di fronte a me così ho potuto vedere Rachel. Non sembrava incazzata come pensavo. Ma non era felice.

"Rachel, togliti i pantaloni così posso vedere quel bel culo che sto per scopare"

Mi guardò torvo, si girò e si fece scivolare giù i jeans e le mutandine. Indossava ballerine senza lacci, e si è tolta di loro e dei suoi vestiti, ed è rimasta lì, nuda, così ho potuto guardare.

“Ora piegati sul tavolo” dissi.

Con mia sorpresa, non ha discusso, lamentato e nemmeno detto una parola. L'ha appena fatto. Oh Dio, e il modo in cui l'ha fatto. Mi aspettavo che fosse sdraiata sul tavolo, con le cosce contro il bordo. Si fermò ben al di sotto del tavolo, si piegò in vita, allargò le gambe oltre la larghezza delle spalle e posò la testa e le mani sul bordo del tavolo della mia cucina. I suoi seni penzolavano invitanti come la figa e la porta sul retro mostrate. La mia bocca non mi era mai venuta l'acquolina in bocca per niente posto su quel tavolo. come ha fatto adesso.

Rachel mi stava offrendo di nuovo se stessa. Era completamente vulnerabile; completamente alla mia mercé. Ero così duro da farmi male. Ho preso un respiro profondo. Kim stava quasi ballando con ansia.

"Per favore!" sussurrò forte “Per favore. Ti lascerò fare qualsiasi cosa!”

Era quasi in preda al panico. Il mio cazzo mi stava urlando di infilarlo in uno degli orifizi offerti da Rachel e di farlo ora.

“Kim, voglio davvero scopare Rachel, in questo momento. Dio, guardala! Il suo culo è perfetto ed è proprio lì per me.

“Puoi averlo un altro giorno! Prometto! Puoi avere anche il mio. Subito dopo che ho fatto Rachel! Puoi fare qualsiasi cosa; abbimi come vuoi! Per favore!"

La voce di Kim era sostenuta e Rachel la sentì.

"Di cosa state parlando?" lei chiese.

“Rachel, cara. Kim ti scoperà il culo, invece di me"

Si alzò e si girò di scatto.

"Che cosa?! Assolutamente no!" esclamò

“Rachel” Kim iniziò gentilmente, ma fermamente, “Questo è ciò che vuole Ron. Hai perso la scommessa, ora devi pagare".

"Bene!" sputò e guardò Kim, comunicando un tacito insulto

'Va bene?' ho pensato. Rachel si stava arrendendo così? Questo mi ha sorpreso, ma il mio cazzo mi ha schiaffeggiato di lato mentre Rachel si è piegata all'indietro sul tavolo.

“Kim. Faresti meglio a sbrigarti. Non sarò in grado di aiutarmi" dissi mentre guardavo con desiderio il corpo di Rachel piegato.

Mi baciò e se ne andò. Non potevo semplicemente sedermi qui, così mi sono alzato e mi sono avvicinato a Rachel.

“Dio, Rachel! Sei così sexy!” dissi mentre le strofinavo l'anca e il culo

“Perché permetti a Kim di farmi questo? Mi odi?"

chiese Rachel con un po' di emozione, alzandosi per guardarmi. Non potevo fare a meno di guardarla. Rachel ha delle belle gambe, ma potrebbe aver bisogno di un po' di sole. I miei occhi li seguirono fino ai fianchi svasati, al cespuglio biondo e alla vita piccola. Mentre i miei occhi si soffermavano sui fianchi, fui tentato di farla girare di nuovo e scoparla.

«Be', sembra davvero volerlo, Rachel. Ha detto che posso farle tutto quello che voglio. È un po' difficile lasciarsi sfuggire" risposi sinceramente, e sentendo il mio cazzo sforzarsi contro i miei pantaloni.

Rimase in silenzio per un secondo e disse.

"Vuoi fotterla nel culo, Ron?"

Ero oltre il punto in cui qualcosa poteva scioccarmi oggi, quindi ho semplicemente risposto.

"Sì."

“Le farai mangiare me quando lo farai? E non dirle che l'ho detto?" ha continuato.

Quindi, ho sbagliato di nuovo. Questo mi ha scioccato. Ma mi sono riunito.

“Rachel, sei gay? Perché spiegherebbe molto se lo fossi. Io sono solito

"Non lo so. Forse. Mi piaceva quando Kim si stava facendo la mia figa e non mi dava davvero fastidio fare la sua ", ha risposto chiaramente.

“Farai questo per me? ha chiesto di nuovo

Ho annuito.

Non sono sicuro di cosa stavo per dire dopo, mentre Kim ancora seminuda scendeva le scale portando quella che doveva essere una cinghia su un'imbracatura e quella che sembrava una siringa veterinaria. Il dildo non era grande come pensavo. Era lungo forse sette pollici e non sembrava molto più spesso del mio stesso cazzo.

"Ehi! Perché non è ancora china sul tavolo?" chiese Kim in tono accusatorio

"Calma, Kim." Dissi con una mezza risata “Sei un po' ansioso? E del resto, che diavolo ti è preso?" Ho detto più seriamente.

"Non ti piace?" Disse imbronciata guardando prima me e poi Rachel. “Hai due donne nude che eseguono i tuoi ordini. Vuoi che ci fermiamo?"

Il mio cazzo mi ha schiaffeggiato in bocca e sono rimasto immediatamente in silenzio. Kim si avvicinò a me e mi baciò con un bacio lungo e profondo, e si tirò indietro. Ho sentito le sue mani sulla mia schiena, e poi un altro paio di mani mi stava slacciando i pantaloni.

“Vuoi preparare Rachel per me, mentre indosso questa cosa? disse Kim alzando il suo rig.

"Pronto?" ho chiesto

Poi ho messo insieme due più due da solo. Mi ha passato la siringa speciale e una bottiglia di Astroglide. In quel momento i miei pantaloni caddero a terra. Li raccolsi, mi voltai e vidi Rachel sorridere, in modo seducente. Non ci ero abituato.

Mi sono subito spogliata, mentre Rachel si è piegata all'indietro sul tavolo, offrendo ancora una volta di lei più di quanto non avesse mai fatto in vita sua. Mi inginocchiai dietro di lei e cominciai a dire la sua piccola stella marina mentre le mie mani si allungavano per trovare i suoi seni penzolanti. Li strinsi entrambi, sentendo il loro peso nelle mie mani; i suoi capezzoli ora eretti e come hanno ceduto al mio tocco. Ho preso fiato e poi le ho usate come maniglie per tirarle il culo in faccia.

"Uhhhhhhhhhhh" suonò Rachel con un respiro affannoso.

Ho reso la mia lingua più rigida che potevo e ho sondato la porta sul retro di Rachel il più in profondità possibile, facendola scorrere su e giù, facendomi strada dentro. Le ho stretto le tette, cercando di elaborare un po' della mia eccitazione sessuale... Anche se il mio il cazzo era libero, doleva per il bisogno. Ho deciso che Kim avrebbe dovuto aspettare solo pochi istanti e mi sono alzato.

Sono andato direttamente dietro Rachel, ho posizionato il mio cazzo e ho perforato la sua figa stretta con una spinta costante. È stato incredibile quando la sua figa bagnata si è separata e ha accettato la mia invasione. Rachel era sempre stata tesa, e ho sentito apparire la pelle d'oca. Rachel sobbalzò, sorpresa.

“Ron! Cosa fai?" lei disse. Ma era ovvio quello che stavo facendo.

“Voglio che tu dondoli avanti e indietro. Rachel, voglio che tu mi scopi” dissi con gli occhi chiusi ea due passi dal paradiso.

Ha cominciato a spingere avanti e indietro, facendo il lavoro, mentre io mi stancavo di caricare la siringa. È stato un lavoro molto difficile perché non riuscivo a concentrarmi su quello che stavo facendo. La sua figa mi sta benissimo. Mi ha spremuto il cazzo, mungendolo ad ogni colpo. Il mio respiro è aumentato e il mio cazzo stava urlando di battere la figa di Rachel con tutta la forza che potevo raccogliere.

Lubrificai invece il pollice e lo premetti lentamente nel bocciolo di rosa di Rachel. Una volta dentro, l'ho lavorato fino in fondo e ho iniziato a spostarlo dentro e fuori, scopandola con il pollice.

“Oooooooo” Rachel gemette piano.

Non riuscivo a capire se era il mio pollice o il mio cazzo a eccitarla, ma lei mi stava rapidamente portando vicino all'orgasmo e ho tirato fuori il mio cazzo. Il mio pollice lo seguì. Avevo a malapena il controllo. Ho preso tutta la mia volontà per fermarmi. Solo il pensiero di portare Kim nella stessa posizione mi ha fermato.

Senza distrazioni ora, sono stato in grado di caricare la siringa e lubrificarla. Posizionai la testa arrotondata all'ingresso stretto di Rachel e spinsi delicatamente. Era più piccolo del mio pollice ed entrava facilmente. Le ho scopato lentamente il culo con la bacchetta e poi l'ho lasciato sborrarle nel culo. Ho visto il suo ano stringersi attorno alla siringa mentre il liquido freddo le riempiva l'intestino.

Mi voltai per vedere Kim, sorridente. Il mio sguardo si è abbassato e ho visto che ora era nuda, fatta eccezione per la cinghia sull'imbracatura. Devo dire che non ha fatto nulla per me; vedendo una donna su cui avevo fantasticato con un pene. Quindi mi sono spostato rapidamente per lasciare che Kim si divertisse.

Kim fissò la sorella china con uno sguardo affamato e lussurioso. Ha preso l'Astroglide e l'ha usato per preparare disordinatamente la sua appendice.

"Sii gentile, Kim" ho avvertito.

Ero preoccupato. Se mi imbattessi in un leone con quello sguardo, mi aspetterei di essere a pranzo. Kim annuì con la testa e il solo fissò il culo offerto da Rachel. Si fece avanti e senza esitazione appoggiò la punta del morbido dildo contro il piccolo buco di Rachel.

"Attesa!" disse Rachel tendendosi e saltando immediatamente.

"Andrà piano." dissi in tono rassicurante, e guardando Kim, che annuì.

Rachel si rilassò e Kim iniziò a spingere, lentamente. Sembrava enorme contro la piccola apertura di Rachel. Il culo di Rachel ha resistito per un colpo completo, e poi ha ceduto tutto in una volta. La testa dall'aspetto realistico del dildo spuntò e Kim si fermò.

“Owww! Fermare! Attendere prego! Per favore, Kim. Fa male."

"Aspetterò Rachel"

disse Kim piano, in modo uniforme, come se avesse avuto tutto il tempo del mondo. Ma i suoi occhi bruciavano di fame. Kim rimase perfettamente immobile e io mi avvicinai per baciarla, sperando di aiutarla a placare la sua sete. Ha accettato con entusiasmo la mia lingua e mi ha baciato ferocemente. Ho sbranato un seno mentre cercavo di evitare di spingerla.

Dopo solo pochi secondi ho sentito Kim iniziare a spingere verso Rachel e ho dovuto guardare. Baciare e accarezzare Kim avrebbe potuto dissipare un po' della sua tensione sessuale, ma non mi è servito. Tutta questa storia di Kim col cazzo di Rachel mi stava trasformando, e sinceramente non me lo aspettavo.

“Ahhhhhhhhh” Rachel gemette

Kim continuò finché non fu a metà strada e si fermò. Rachel respirava a fatica.

"Attesa!" Per favore! Per favore, Kim!'

Kim non disse nulla. Era ancora in fiamme e a malapena sotto controllo. I suoi occhi ardevano e le sue mani avevano i fianchi di Rachel in una stretta mortale. Ero sinceramente preoccupato che avrebbe fatto a pezzi il culo di sua sorella. Ma è rimasta ferma fino a quando Rachel ha detto '

"Ok. Vai piano, Kimmy. Per favore, vai piano"

Kim spinse di nuovo, non lentamente, ma nemmeno più velocemente. Kim non aveva distolto gli occhi dal buco violato di Rachel e ha visto il suo dildo scomparire completamente nel culo di sua sorella.

"Ohhhhhhh." Dirigo Kim gemendo

Rachel emise alcuni gemiti e poi Kim iniziò a indietreggiare lentamente. Rachel è stata in grado di tollerarlo facilmente. Ma ho visto il pericolo avvicinarsi.

“Rilassati, Rachel. Devi rilassarti”.

Detto questo, Kim riprese, più urgentemente.

"Ohhhhhhhh" gemette Rachel, ma il dolore non sembrava troppo intenso.

“Sfregami, Ron! Per favore, strofinami la figa” disse Rachel attraverso il dolore.

Un altro primo. Ma il mio cazzo duro come una roccia era ansioso che partecipassi in qualche modo. Mi sono inginocchiato e ho trovato la sua figa con il mio indice. Quando ho messo il dito dentro ho potuto far vibrare il dildo di Kim. Ho lavorato con due dita dentro e ho iniziato a scopare con le dita la sua figa gocciolante.

"Ohhhhhhh" Rachel gemette di nuovo, ma questa volta sembrava che si stesse divertendo.

Kim aveva trovato il suo ritmo e stava entrando e uscendo a un buon ritmo. Ho guardato come il culo di Rachel spremere il cazzo, afferrandolo come se non potesse lasciarlo andare. Il mio stesso cazzo mi stava implorando di lasciare che prendesse il posto di Kim.

“Ohhhhhhhhhh”

Kim ha emesso un gemito tutto suo e ho pensato che anche il suo rig dovesse essere impostato in modo da darle piacere. Il suo viso mostrava pura estasi mentre si tuffava dentro e fuori. Stavo lavorando la figa di Rachel più che potevo e lei ha espresso il suo piacere per noi.

"Bene! Bene! Bene!" Rachel espirò “Va bene! Bene"

"Oh! Oh! Oh! Tutti...tutti...quasi...” esclamò Kim e poi

"Là!" ha urlato e ha guidato il suo cazzo tanto in profondità quanto sarebbe entrato nel culo di Rachel.

Ho aspettato l'urlo di Rachel, che non è arrivato. Ha appena aggiunto un'enfasi in più sul suo prossimo rumore.

“Oh-ok! Più veloce, Ron! Bene! Oh! Oh! Oh!" stava espirando e poi ho sentito la sua figa stringersi e il suo corpo teso.

"Sissssssssssssssssssss" urlò Rachel mentre il suo stesso orgasmo portava via tutte le altre sensazioni.

Il suo orgasmo è durato più a lungo di qualsiasi altro le avessi mai dato e poi si è rilassata. Guardai Kim, che stava cercando di rimettere a fuoco i suoi occhi.

Ero incredibilmente frustrato. Il mio cazzo era più difficile che leggere il cinese, ed entrambe le donne si stavano godendo la loro beatitudine post-coitale. Ho dovuto rilasciare un po' della mia tensione. Ho tirato indietro Kim da Rachel mentre la baciavo forte e afferravo un seno, impastandolo rudemente.

"Togli quella cosa!" Ho ordinato "Devo averti!"

"Ok, baby. Mi ci vorrà un minuto"

disse Kim cercando di tranquillizzarmi. Con riluttanza ho permesso questo e mi sono voltato per trovare Rachel. Si era alzata e stava allungando la schiena dopo essere stata piegata e picchiata. Ho fatto due passi verso di lei e ho visto i suoi occhi spalancarsi.

L'ho inghiottita con le braccia e la bocca, baciandola profondamente e trovando il suo seno sodo. L'ho baciata forte come avevo baciato chiunque altro e le stavo massaggiando il seno con forza. Rachel ha resistito solo per un secondo e poi ha cominciato a modellarsi in me. La mia mano libera si abbassò per afferrare una manciata del culo che avevo appena visto mentre veniva violato. Ha fatto un rumore nella mia bocca. Dolore? Non ero sicuro. Non ero sicuro che mi importasse. Ma mi sono tirato indietro.

“Fammi, Rachel! Scendi su di me! Ho comandato.

Ha obbedito immediatamente, mettendosi in ginocchio e prendendo il mio cazzo nella sua bocca calda. Si è modellata sul mio cazzo e ha subito un lento ritmo avanti e indietro. Ho lottato per andare più veloce, il mio autocontrollo è quasi scomparso. Le ho afferrato la nuca e ho cercato di costringerla a un ritmo più veloce. Ma Rachel ha resistito; la sua lussuria, la lussuria per la lingua di sua sorella, la stava spingendo a controllarmi. È riuscita a farmi tornare indietro di un livello..

Kim si avvicinò e iniziammo a baciarci, profondamente, ma più lentamente. Stavo baciando una bellissima sorella, accarezzandole il seno, mentre l'altra prendeva il mio cazzo in profondità nella sua bocca. Con sforzo, ho respinto Kim e ho detto.

"Voglio che mangi tua sorella mentre ti fotto il culo, Kim" dissi con lussuria e con forza.

Rachel l'ha sentito e se aveva intenzione di comportarsi come se non volesse che ciò accadesse, quella parte del piano le è sfuggita di mente. Si è alzata e giuro che è quasi corsa sul divano e si è messa nella sua posizione di prendimi la figa. Ho baciato Kim forte e l'ho afferrato per le chiappe con entrambe le mani e le ho impastate, spremute e separate. Stavo tornando alla frenesia. L'ho spinta indietro e verso il divano.

"Piegati e fai venire tua sorella" dissi a Kim.

Kim ha fatto come le era stato detto e Dio solo sa quante volte oggi una bella donna mi ha offerto l'orifizio che avevo scelto. Ho caricato velocemente e in modo tremante la siringa e ho messo il bulbo sul buco proibito di Kim. Sembrava quasi non accorgersene quando glielo infilai nel culetto, lo seppellii fino all'elsa.

"Oh Dio! Kimmy! È così piacevole!" Rachel espirò

Stavo diventando matto con la mia stessa lussuria. Mi sono messo in fila e mi sono tuffato nella figa di Kim senza preamboli o esitazioni.

"Oh!" esclamò Kim non aspettandosi di essere fottuto nel buco.

Il suo culo era ancora pieno della siringa e l'ho usato per fotterle il culo, mentre il mio cazzo riempiva il suo tunnel caldo e setoso. La mia pelle d'oca è tornata mentre pompavo il tunnel dell'amore di Kim, sentendolo separarsi a malincuore mentre entravo e mi mungevo mentre mi allontanavo. Dio, ero così vicino a venire. Ho dovuto smettere. Il mio cazzo mi ha urlato di andare avanti. 'Prendi la sua figa! Battilo!' esortò il mio cazzo. Ho resistito. Alla successiva spinta, le inietto il lubrificante e poi esco da entrambe le aperture di Kim.

Rallentai il respiro e lasciai che il mio cazzo palpitante si ritirasse dall'altopiano. Dopo un paio di battiti del cuore, ero pronto. Ho toccato il piccolo buco di Kim con il mio cazzo e lei ha iniziato.

“Vai piano, Ron. Per favore. Non l'ho mai fatto prima"

Questo mi ha eccitato, perché per qualche motivo non mi aspettavo un secondo culo virginale. Ma ero troppo vicino al limite per parlare, quindi ho spinto. Ho spinto più lentamente che potevo. Il piccolo buco stretto di Kim ha resistito. Era come cercare di spingere il mio cazzo in un materasso. Ma poi ha ceduto tutto in una volta e ho calpestato l'anello esterno di Kim, saltando dentro. Sentii una spruzzata di piacere sussultarmi e rabbrividii in attesa.

"Oww!" strillò Kim. “Aspettami, Ron! Per favore!"

"Non fermarti, Kimmy!" disse Rachel apparentemente ignara dell'assalto all'altra estremità di Kim.

Mi sono fermato abbastanza a lungo per sentire il segnale lamentoso di Rachel che Kim le stava accarezzando la figa ancora una volta. Non potevo più aspettare. Ho spinto di nuovo, combattendo la tensione quasi opprimente del culo stretto di Kim; combattendo l'impulso di spingere con tutte le mie forze per trovare il fondo dell'incredibile culo di Kim. Il mio cazzo è andato più in profondità nelle sue viscere, mentre ho lottato per non strapparla in due.

“Owww! Fa male! ha detto Kim

"Mi dispiace, Kim" ho detto di meno per il dolore che stavo causando e di più perché non riuscivo a smettere.

Rabbrividii di nuovo e continuai a spingere. Il suo culo stava stringendo il mio cazzo così forte che non pensavo che il sangue potesse prenderlo. Mi sono trattenuto e ho spinto il più lentamente possibile. Stavo tremando per il bisogno di speronare il mio cazzo nelle viscere di Kim. Mi sono rilassato più a fondo e poi ho toccato il fondo. Rabbrividii di piacere e di anticipazione.

"Oh!" disse Kim di nuovo sorpresa.

“Kimmy, per favore…” disse Rachel con desiderio

Sono rimasto lì a sentire il mio cazzo schiacciato e poi mi sono tirato indietro. Avevo le mani sui fianchi di Kim e stavo impastando la sua carne soda cercando di dissipare parte della mia angoscia sessuale accumulata. Poi ho bloccato le mie mani sui suoi fianchi, tirato fuori la maggior parte della strada e spinto indietro in profondità nel suo intestino con una lunga, ininterrotta, spinta.

"Sì! Sì! Oh, Kimmy!» esclamò Rachele.

Penso che sia venuta, ma non mi importava. Mi importava solo di me. Quando ho toccato il fondo di nuovo, ho sentito Kim gemere sommessamente.

“Ohhhhhhhh”

Era difficile dire se ciò fosse dovuto al piacere o al dolore. Ma suonava come una pistola di avviamento al mio cazzo e ho iniziato a pompare il buco stretto di Kim. In ciascuna spinta mi sentivo come se la stessi spaccando a metà, scavando la mia strada. Ho guidato più forte.

“Oh! Oh! Kim ha detto che i fianchi le hanno sbattuto il culo.

Più forte. Più veloce. La mia lussuria stava guidando ora. Mi ero arreso e avevo lasciato tutto il controllo. Il mio istinto animale mi stava costringendo a pompare Kim con tutta la forza e la velocità che il suo corpo gli permetteva.

"Oh! Oh! Dio! Ron! Facile, Ron!» Kim pianse.

Ho sentito Kim muoversi in modo che potesse mettere la mano sulla figa e sapevo che stava cercando di trasformare un po' del dolore nel piacere. I miei occhi si alzarono e vidi Rachel, sdraiata lì; le sue gambe erano ancora divaricate, ma era esausta e immobile.

Il mio serbatoio di lussuria si stava riempiendo con ogni schiaffo delle mie palle sulla figa di Kim. La tensione cresceva e mi spingeva ad andare ancora più veloce. I watched as my cock disappeared into Kim’s small little hole and the reappeared, sending a jolt of pleasure each time.

"Oh! Oh! Oh! Kim kept time with my thrusts

I was getting close. As the beast inside screamed to be fed, I pulled Kim into me as I began to slam deep inside her with each thrust. I was desperate to release the pressure building. The sound of our bodies meeting was a loud staccato; Schiaffo! Schiaffo! Slap!. If I had a clear mind I would have been concerned about tearing Kim or breaking my own cock in half. But, I was not. My only thought was to fill Kim’s bowel and to do it now.

“Allll…..most……THERE!”

I screamed as I felt my balls tighten and I drove in hard. locking my hips into Kim’s, trying to go another inch deeper as I began to fill Kim’s bowel with my seed. The tsunami of pleasure hit me like a hammer and points of light burst in front of my eyes and I felt light-headed.

I heard nothing. I saw nothing for what seemed like a minute, but had to have been just seconds. Then my senses started to reengage and I became aware of how tight I was pulling Kim into me. I let my breath out and began to relax my grip on Kim’s hips.

“Oh, Wow!” I said with my first breath. “Kim, are you OK?”

I was unsure if I had hurt her or not. I had not been in control for several minutes now. As my hearing retuned, I noticed that Kim was breathing hard. I don’t think she was crying.

“Ahhhhhhhh.” She monaed out “I’m fine. I was cumming”

I was out of it. I had not even noticed. My cock softened quickly and oozed out of Kim’s ass, along with a lot of white goo.

“Kim, THAT was the best sex of my life.” I pronounced

Kim eased her self up from the couch, turned slowly, stretching out the kinks, and then draped her arms around me. I pulled her in for a post-coital kiss and a gentle hug. I was still trying to get my senses back to normal. In the back of mind, I knew that ‘normal’ was a word whose definition had just been thrown out the window.

I glanced in Rachel’s direction. She had gotten into a sitting position and looked deep in thought.

“You OK, Rach?” ho chiesto

Her face changed as she eased herself into the present and answered me.

“Yeah, I’m fine. I was just thinking.” She said a little absently.

“I noticed.” I replied with no hint of amusement.

I was reasonable sure I knew what she was thinking about. Kim had turned to look at her sister, but did not say anything.

“I need a shower” said Rachel

I was thinking that would be a good idea for all of us, again. But, Kim stopped me with a glance and a shake of the head. Rachel had not noticed, and she got up and headed upstairs, naked and seemingly oblivious.

“Ooooooh” Kim said like she had bit into a sour ball. “ I need a Kleenex or something”

I did not have to ask for what, so I walked over to the kitchen and got a warm, wet dish towel.

“Do you want me to do it?” ho chiesto

“Didn’t you get enough?” she countered

I just grinned as she took the cloth and took care of her personal hygiene.

“Is Rachel OK?” ho chiesto

“I’m not sure. I kinda think she discovered something about herself.” Kim answered

"Sì."

I said deep in my own thoughts, and then another question burst into my mind and drove Rachel’s sexual confusion out of my mind.

“Kim, I’m thinking right now that I don’t know you very well. What was that all about?” I asked motioning to her discarded strap on harness. “Why do have such a thing?”

“About that. This wasn’t exactly the way I envisioned telling you. I’m not like most girls. I like both guys and girls. I’m bi-sexual.”

Kim said it quickly, like she was pulling off a band-aid and searched my face for a hint of how I was going to take it. That revelation should not have shocked me, but it did. I mean I had had the evidence bent over my own couch just minutes ago, but the stark reality of having it spelled out made it all too real.

“Kim, I had no idea. Have you done this before?” I asked just beginning to get my arms around it

“Never with a guy.” Ha iniziato. “You know Karen and Sharon?”

“Yeah, the sisters at your party yesterday.” I said remembering them clearly.

“Well, they’re more like step-sisters and they are both gay. They kind of showed me the ropes, so to speak.” She ended, a little embarrassed.

I was not quite sure how I felt. I have nothing against gay people. Vivi e lascia vivere. As far as bi-sexuals; I always thought they were a myth. I never believed that they existed. I thought they were just stories on XNXX and such. I had never expected to ever be in a sexual situation like today.

“Are you disgusted with me?” Kim asked with just a touch of resentment in her voice

"Ovviamente no. But, it’s a lot to take in, especially given the graphic exhibition.’

And then another question jumped into me head

“And why were you so hot for Rachel? You practically raped her.” I had to ask

Kim shook her head.

“I told you. I’m bi. I think she’s as hot as you do. I’ve wanted to have sex with my sister ever since I was old enough to know what sex was. When she made that bet and mentioned my toy, I couldn’t control myself.”

I guess that made sense. I was still more than a little confused. I was also tired, sweaty, and getting a little hungry, again. I need to think about this some.

“Let’s call for Chinese” I said changing the subject.

“OK.” Kim said more excited than the statement warranted. “I’ll go see what Rachel wants”

And she was off. Those sisters had almost the same ass. They were near perfect hearts when they bent over, and they swayed so seductively when they walked away. I stared as the naked Kim followed her sister’s path upstairs to the bathroom.

The next 35 minutes had Kim shower and then me. She had suggested that we take one together. I was tempted and thought I should if for no other reason than to make her feel better about her revelation to me; but I wanted time to think. Both Rachel and Kim are very distracting.

I finished my shower, dried off, and threw on some sweats. As I was coming downstairs I caught the beginning of Kim and Rachel arguing.

“Dammit, Rachel! That was so dumb; telling Ron about my strap on. You might have fucked up everything!” Kim said angrily, but trying to keep her voice low.

“Well, I’m sorry!” Rachel started in a voice that did not sound like she was sorry at all.

Both ladies heard me coming and stopped talking.

“My ears were burning” I said with a grin “Were you talking about me?”

Rachel said nothing. Kim looked cautiously at me, wondering if I was being sarcastic, covering up anger, or if I was in a good mood.

She shouldn't have worried. The shower had done it’s job. I felt great and it had given me enough time to think things through. I was just fine with Kim’s sexual orientation, as long as we kept within a few boundaries that we would have to discuss. But, that would come later.

I walked over, pulled Kim in tight and kissed her while I grabbed her ass. I was being intentionally lecherous, trying to tell her, albeit crudely, that I still thought she was hot. I broke our embrace, looked into her slightly startled face and said.

“We’re good. You and I need to talk a few things through, but I think we will be fine.”

Kim beamed.

We ate, watched some TV, and went to bed. I have a king size bed that I was used to occupying alone. But, sharing it with two lovely ladies was not going to cause me any distress. They both agreed, at least for tonight, and we went off to bed. There was no more sex that evening. The reality of what tomorrow portended drove any amorous thoughts out of my head.

I did not sleep very well and I kept having weird dreams; alternating between odd and repulsive sexual situation with one sister, the other, both, Karen and Sharon, and even some unknown guy. The strap on seemed to play a role in most of these dreams. Tasha was in a few of them. But she only watched. Like I said it was weird.

The other dreams centered on trying to get a body out of the morgue. They were disjointed and had not basis in reality. Things like the janitor helping me, but only if I promised not to tell his mother. Or Dr Syygo catching me and saying he would let me go if he could spank me. And the weirdest; me trying to fax a dead body to my computer at home. The weirdest past was I was concerned about getting the body out of my computer.

I woke up early and tired. Since I wanted to check the morgue to see what we were storing I got up. I went through my morning routine, and left the sisters with just a peck on the cheek and a quick “I’m going to work”. Kim pulled me in for a more meaningful, but sleepy kiss, and then snuggled back under the covers.

I was so jealous of those blankets; laying across two beautiful women, touching their naked bodies; being pulled in tight to them; conforming to their soft curves, and I need to focus. Didn’t I get enough sex yesterday? My semi-hard cock did not seem to think so. I sighed and walked out of the room.

Forty minutes later I was at work, settled in, and had determined that my boss was not in. The actual files for our morgue denizens are in Dr Syygo’s office. But, I have access to the electronic information, because I do so much of the paperwork. You don’t pay a doctor six figures to be a clerk.

I soon discovered that we had 12 total bodies in the morgue. Nine of those were normal; all with names and would be heading to a funeral home or crematorium at some point in the immediate future. The other 3 were all Jane Does. One was elderly; Dr Syygo estimated age at 55-70. Era fuori. The second was a young, white adult. But, she was 200 pounds. The third was black and likely in her 40s. None of these were a good match for Rachel.

I decided to check the other nine, just because they were here. And, of course, the third one I looked at was 30 years old, 110 pounds, and Caucasian. She even had blonde hair. She was likely a perfect match. I would have to look at her, but that wouldn’t be a problem. The problem was she had a name and a family. If she disappeared it would not go unnoticed.

Then I noticed that the she was slated for cremation. Cremation was becoming more common, especially as $10,000 funerals have become almost normal, but for a young woman, it was still fairly rare.

An idea began to take shape as I recheck the information on the Jane Does. I needed to mull this over.

To be continued……

Storie simili

La storia di Jeannie

Molti anni fa, quando avevo 15 anni, ho scoperto la scorta di riviste porno di mio padre. A quel punto sarei stato felice di vedere semplicemente una foto di un seno nudo. Tuttavia, i gusti di mio padre erano un po' più contorti del tipico porno di Playboy. La sua scorta includeva riviste di bondage, graphic novel e diverse copie della rivista Variations. Suppongo che sia stata questa scoperta e le innumerevoli ore che ho passato con quelle riviste a condurmi alla storia che devo raccontarti oggi. Ho letto ogni rivista e copertina del libro per coprire ogni possibilità che ho...

179 I più visti

Likes 0

Moglie violentata in Sudafrica

Mia moglie Elaine ed io abbiamo fatto una vacanza in Sudafrica l'anno scorso e abbiamo deciso di provare a vedere quanto più possibile del paese. Abbiamo volato a Johannesburg e abbiamo trascorso un paio di giorni a guardarci intorno. Abbiamo ricevuto molti avvertimenti sui pericoli della città, capitale mondiale degli omicidi, e abbiamo preso taxi ovunque. Le township sono state un vero shock culturale ma con una guida e stando nei trasporti, non abbiamo avuto problemi. Abbiamo viaggiato a Port Elizabeth e abbiamo affittato un bungalow, era bellissimo. Ci siamo rilassati e probabilmente eravamo meno consapevoli di ciò che ci circondava...

412 I più visti

Likes 0

Una ragazza di nome Areola Parte 06

Una ragazza di nome Areola e sua sorella di nome Beaver di Vanessa Evans Come al solito, è meglio leggere le parti precedenti prima di questa. Parte 06 Pigiama party da Jade Non avevamo idea di cosa avremmo fatto mentre eravamo lì, o cosa avremmo dovuto indossare, quindi abbiamo buttato una varietà di vestiti e altre cose in una piccola valigia e l'abbiamo messa in macchina. Poi abbiamo passato un'oretta in bagno facendoci apparire al meglio e sfogando un po' di eccitazione in ognuno di noi. Abbiamo indossato una gonna e una canotta, le gonne erano minigonne, non micro-mini, e le...

323 I più visti

Likes 0

Moglie perfidamente selvaggia

Era solo un altro martedì, un martedì come un altro, Barbara si stava vestendo per andare al lavoro e suo marito John si stava già svegliando. Sono sposati da oltre cinque anni e la loro relazione li ha tenuti entrambi soddisfatti. Entrambi hanno convenuto che non avrebbero voluto condividere l'un l'altro con nessun altro, essendo solo una famiglia sposata tradizionale e normale. Barbara amava John immensamente. Ha continuato a mostrare la sua cura per lei proprio come era quando si sono sposati. L'avrebbe baciata, abbracciata, fatto regali, parlato con le sue parole dolci, praticamente tutto. Era sicura che suo marito fosse...

287 I più visti

Likes 0

Quale videoregistratore?_(1)

Ho tenuto d'occhio Eric da quando ha iniziato a occuparsi di bar nel ristorante in cui lavoravo. Avevamo avuto alcune conversazioni casuali, ma niente che sembrava portare da nessuna parte. È stato frustrante da morire. Lo volevo tanto, ed ero determinato ad averlo. Giovedì è stata una serata presto per entrambi. Facevo il turno di pranzo così uscivo di lì verso le 6 ed Eric scendeva alle 10. Gli ho chiesto se sapeva qualcosa sui videoregistratori dato che avevo problemi a far funzionare correttamente il mio. Gli ho detto che la foto era tutta incasinata e poteva darci un'occhiata. Certo, ha...

193 I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

148 I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

444 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

384 I più visti

Likes 0

Dal negozio di alimentari a f

Ho guardato l'incredibile seduttrice da dietro pensando a tutte le cose sporche che le avrei fatto se ne avessi avuto la possibilità, che era esattamente come lo volevo. L'ho seguita da lontano e ho continuato a fare acquisti, o in questo momento per lo più facendo finta di farlo. Ero così perso nel corpo della ragazza adolescente di fronte a me che lo shopping per quello per cui ero venuto non sarebbe successo a causa della mia immaginazione iperattiva. Il fatto che il mio cazzo fosse duro come una roccia non aiutava, specialmente nei jeans attillati che indossavo. Speravo davvero che...

385 I più visti

Likes 0

Lo schiavo del presidente Milford Parte 3

Scarlett era stata una ragazza timida e introversa prima che sua madre la portasse alla Casa Bianca tre mesi prima, ma il trauma che aveva subito la notte delle elezioni aveva costruito un guscio intorno a lei e non aveva detto una sola parola a nessuno da quando aveva perso la sua verginità. Se non fosse stato per le sue urla e il suo pianto, non avrebbe emesso un solo suono, tranne le suppliche di panico che sono cadute nel vuoto quando il chirurgo generale le ha rimosso il clitoride per ordine del presidente Samuel Millhouse Milford. La sua vita nei...

393 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.