Il fine settimana (parte 2)

476Report
Il fine settimana (parte 2)

Seconda parte della mia prima storia. Questo è il mio primo tentativo, quindi perdonate eventuali errori o contrattempi. In questo capitolo le cose si fanno interessanti! Se l'incesto non fa per te, non continuare a leggere.

Capitolo 2: Comportamento scorretto.


Mi sono fatto strada di sopra, i miei genitori se n'erano appena andati. "Beh, se sono bloccato qui, dovrò solo sballarmi." pensai tra me e me, sorridendo mentre facevo due passi alla volta. Mentre arrivavo in cima alle scale, Danielle stava appena uscendo dalla sua stanza. Era vestita per uscire. Non riuscivo a trattenermi dal pensare "Accidenti". Indossava una maglietta attillata e minuscola che le abbracciava i seni, lasciando il suo ombelico scoperto. I suoi pantaloncini erano, beh. Breve, per non dire altro. Si adattano perfettamente al suo culo, era quasi come se fossero stati dipinti su di lei. Potevo vedere i lacci del suo costume da bagno che spuntavano dai lati dei suoi pantaloncini, e non ci volle un secondo per indovinare dove pensava di andare. La spiaggia.

"Andando da qualche parte?" chiesi fermandomi davanti a lei. "Sì." disse, facendo un passo a destra tentando di passare davanti a me. Le ho bloccato la strada. "Vado in spiaggia con i miei amici, va bene?" Disse, facendo un passo di nuovo di lato, solo per me per bloccarla di nuovo.
"Scusa, non posso lasciarti andare Dani." dissi accigliato. "Nessuno viene, nessuno va. Siamo praticamente in blocco". Ha deriso, facendo un passo di lato gemendo mentre la bloccavo di nuovo. "Dai, non sapranno se me ne vado." Disse, sporgendosi da un lato, posandole una mano sul fianco.
"È vero, ma se per caso chiamano e tu non sei qui per parlare con loro, allora cosa?" ho chiesto, e lei ha calpestato. "Ugh! Qualunque cosa, come se stessero per chiamare!" Ho alzato gli occhi al cielo. "Pensi che anch'io voglia rimanere bloccato qui con te? Devo cancellare un appuntamento perché dovevi andare e farti mettere a terra sgattaiolando fuori per andare a succhiare il cazzo di Andy."

Mi ha dato un pugno sul braccio. "Vaffanculo Jr!" Urlò, cercando di nuovo di superarmi e grugnendo per la frustrazione quando non l'avrei lasciata passare. Mi dava sui nervi, essere una monellona per questo. E sapeva che odiavo quando mi ha chiamato Jr.
"Senti, se te ne vai, dovrò chiamare gli affitti. Per quanto odio dover fare il boccino, non sto mettendo il culo in gioco così puoi divertirti quando ho dovuto dare i miei piani. Sì, fa schifo. Sai cosa ci sto facendo?" dissi, passando accanto a lei nella mia stanza. "Sto fumando dell'erba del cazzo. Fai quello che devi fare, ma sappi che se te ne vai, è quello che è."

Chiusi la porta, sentendola gemere e gemere per un minuto, seguito dallo sbattere della sua porta. Bene, non sarebbe stato più un problema. Avevo una buona quantità di erba, accesso a Internet e una casa senza persone con cui avevo bisogno di comportarmi in modo sobrio. Il fine settimana almeno aveva qualche promessa.

Mi sono preso un po' di tempo per tirarmi un blunt, la versione da sigaro di uno spinello, afferrando le mie cuffie e l'ipod, dirigendomi al piano di sotto e fuori nella nostra sala cinematografica. Non c'è bisogno di puzzare di nuovo la casa. Mi sono seduto su una delle sedie che avevamo attorno al tavolo della sala dello schermo, guardando il nostro cortile. L'ho acceso, prendendo qualche tiro di dosso, prima di mettermi le cuffie e ascoltare un po' di marley come dovrebbe fare un vero stereotipo. Mi sono seduto, fumando, chiudendo gli occhi e vibrando al ritmo della musica. Stavo appena iniziando a sentire il ritmo quando ho sentito una mano toccarmi la spalla. Sono andato fuori di testa, lasciando cadere il blunt e girandomi per trovare Danielle lì in piedi. Si era cambiata i pantaloni, dalla gamba che si godeva i pantaloncini corti ai pantaloni della tuta, segnalando la sua mossa per rimanere almeno. "Gesù." Ho detto. "Mi hai spaventato a morte." dissi, togliendomi le cuffie, chinandomi a raccogliere il contundente che bruciava ancora sul pavimento.
"Ho detto il tuo nome tipo, quattro volte ma non potevi sentirmi. Inoltre i tuoi occhi erano chiusi."

"Giusto, qualunque cosa." dissi, tirando una boccata, soffiando via il fumo da lei. "Quindi cosa?" ho chiesto senza mezzi termini. (Haha, giochi di parole.) Si morse il labbro, guardandomi con gli stessi occhi azzurri penetranti che avevo. "Beh, in realtà.. volevo sapere se potevo.. Sai." Disse, indicando il contundente fumante. Mi ha colto alla sprovvista e ho riso. "Cosa, vuoi fumare?"
Sorrise, continuando a mordersi il labbro, annuendo un po'. Ho riso un po', ripensandoci. "Cosa c'entra per me? Non ci hai messo tu, dopotutto." dissi, inarcando un sopracciglio. "Non lo so, cucinerò per te, o qualcosa del genere. Non ti viene fame fumando quella roba?"

Aveva ragione. Non sapeva che avessi i soldi per la pizza, e sono 40 dollari che potrei forse tenere per me. Una piccola punizione per un weekend rovinato. Ho sorriso. "Affare." Tesi il contundente, che lei mi prese con cautela. La guardai, divertita, mentre se la portava alle labbra. Quelli morbidi, morbidi, da baciare... Aspetta, cosa stavo pensando? Scossi la testa, liberando la mia mente da questi pensieri perversi mentre si soffocava con il fumo, tossendo dopo aver preso un colpo enorme.
Ho riso della sua inesperienza. "Rallenta laggiù, Snoop cane." Ho preso in giro, prendendo il contundente che aveva teso mentre tossiva su una tempesta. "Non hai mai fumato, eh?" chiesi, tirando una boccata, aspettando la sua risposta. Si calmò, scuotendo la testa. "No. Questa è la mia prima volta." Disse, sedendosi sulla sedia più vicina alla mia. "Wow. Preparati a lasciare l'orbita, ragazzo." dissi, sorridendo, prendendo un altro tiro e restituendoglielo.

L'abbiamo fumato e ho potuto vedere che lo sentiva davvero. "Come è?" chiesi, sorridendole mentre guardava lentamente intorno a ciò che la circondava. "Questo è meraviglioso." Disse, sorridendomi. Era il sorriso più grande, più stupido e più genuino che le avessi visto da un po' di tempo. Non potevo fare a meno di pensare tra me e me che, quando non mi infastidiva, in realtà non era così male avere intorno. Ho scosso la testa e ho riso, il che ha acceso il suo stesso accesso di risatine.
Dopo che i nostri culi alti si sono seduti e hanno riso del nulla per i successivi cinque minuti, abbiamo deciso di entrare. "Non c'è da stupirsi che fumi sempre, è fantastico." Disse, lasciandosi cadere sul divano mentre ci dirigevamo verso il soggiorno. Mi sono seduto accanto a lei, mentre giaceva con gli occhi chiusi. Dio, perché dovevo trovare mia sorella così dannatamente sexy? Il solo guardarla qui cominciava ad avere effetto su di me. "Questo è semplicemente wow." Continuò, sedendosi. "Sì, è una merda piuttosto buona. Non è sempre così bello, sai."

Sospirai, le mie sorelle mostrarono la pelle facendomi pensare a quanto fosse frustrante dover cancellare il mio appuntamento con Melissa. "Che cosa succede?" chiese Danielle, piegando la testa. "Beh.." ho iniziato. "Ho dovuto annullare alcuni piani con questa ragazza, ed ero abbastanza sicuro che sarei stato fortunato stasera. E fa schifo, perché beh. Sai." dissi, guardandola. Alzò gli occhi al cielo. "E' tutto quello a cui pensate voi ragazzi? Non, oh, è bello uscire con una ragazza che mi piace? Solo, oh, ehi, potrei scopare?" "Sì, più o meno." Abbiamo riso entrambi. "Che pervertito." Disse, scuotendo la testa. "Oh, sì, come se fossi un santo. La signora-ho-un-enorme-dildo-nero-nel-cassetto."

I suoi occhi si spalancarono per la sorpresa. "Come fai a saperlo?" chiese scioccata. Sbattei le palpebre, poi scoppiai a ridere. "Non sapevo un cazzo! Hai davvero un grosso dildo nero?" chiesi stupito. Avevo controllato mia sorella prima, ma non avevo mai pensato a lei in un modo troppo sessuale. Ma il pensiero di mia sorella, a gambe aperte, che infila un grosso dildo nero nel suo sesso bagnato mi è passato per la mente in quel preciso momento, avendo una reazione rapida ed evidente. Arrossì furiosamente, balbettando nella sua risposta.
"N-No, stavo solo scherzando!" Ci provò, abbassando la testa sapendo quanto suonasse zoppo. "Okay, quindi, sì, ho un dildo. E allora!" Sono stato sorpreso. "Dove diavolo hai preso un dildo?" chiesi, curioso. "L'ho preso da un'amica, il suo ragazzo ha 19 anni e gliene ha comprati alcuni e me ne ha fatto uno". Sono rimasto scioccato da quanto fosse aperta su questo. Dev'essere stato il "fanculo" nel suo sistema, per gentile concessione di quel contundente.

"Oh." Ho detto, semplicemente. Un silenzio imbarazzato. Non riuscivo a togliermi dalla testa l'idea di mia sorella che si masturbava con un dildo. La guardai, stava arrossendo, evidentemente imbarazzata per dove era andata a finire la conversazione. I miei occhi guardavano oltre la sua forma, il suo corpo piccolo, i seni grandi. Proprio così, sapevo che dovevo averla. Stavo per scopare mia sorella questo fine settimana.

"Comunque." Disse, alzandosi. "Ho sonno. Vado a farmi un pisolino." Disse, dirigendosi verso le scale, salendole velocemente. L'ho osservata per tutto il tempo, finché non è scomparsa di vista. "Oh." dissi ad alta voce, i miei pensieri sessuali improvvisi mi travolgevano. Volevo davvero questo, o ero solo represso? Sì, forse dovrei farmi una sega, poi mi calmerò. Mi sono fatto strada verso le scale, salendole velocemente, il mio cazzo già solido. Mia sorella era l'unica cosa che avevo in mente e sapevo che mi ci sarebbero voluti solo pochi minuti pensando a lei per finire. Stavo andando in camera mia e ho sentito la TV di Dani. Era strano, non dormiva mai con la TV accesa, perché la teneva sveglia. Mi sono avvicinato, ascoltando quella che all'inizio pensavo fosse la TV.

"..mm. Che bello!-" I miei occhi si spalancarono. Sembrava Danielle! Premetti rapidamente l'orecchio contro la porta. Abbastanza sicuro, ho sentito più chiaramente. Ho sentito mia sorella ansimare, ansimando. "Uhhh-." "FF-Fuck! Jay! Mmm! F-Fuck me..!" Mi è caduta la mascella. Non solo si stava masturbando, ma stava pensando a me mentre lo faceva! Ho continuato ad ascoltare. "..Mm!" L'ho sentita aspirare un respiro tremante, e quello che sembrava un forte gemito. Potevo solo immaginare che stesse arrivando. Sono quasi esploso nei pantaloni, non ero mai stato così duro in vita mia. Prima che potessi fermarmi, mi alzai, allungando la mano verso la maniglia della porta. Era sbloccato. L'ho appena fatto, ho aperto la porta e l'ho lasciato che colpisse delicatamente il muro dietro di essa. Aveva gli occhi chiusi in quel momento, ma il suono della porta che sbatteva contro il muro attirò la sua attenzione, scioccandola, mentre apriva gli occhi per vedere suo fratello maggiore in piedi lì. È stata catturata, il suo dildo infilato nel profondo della sua figa con spasmi.

"J-Jay!" Gridò, avendo dimenticato di chiudere a chiave la porta nella fretta di infilarsi qualcosa dentro di sé. Era in fiamme da quando avevano finito il blunt, per qualche motivo voleva solo che la sua figa si riempisse. Ecco perché aveva programmato di uscire a fare sesso sulla spiaggia con alcuni ragazzi delle superiori più grandi che conosceva, ma quando suo fratello ha interrotto i suoi piani è rimasta bloccata. La loro precedente conversazione l'ha resa simpatica e bagnata, e lei doveva solo fare qualcosa al riguardo. Mai prima d'ora loro stessi avevano parlato di sesso, e lei aveva per la prima volta pensieri sessuali su suo fratello. ..E le è piaciuto molto. Le ha fatto diventare incredibilmente caldo, e la sua figa bagnata in abbondanza ne è stata una prova sufficiente.

I due si guardarono mentre si muoveva per prendere il dildo dalla figa. Ma solo l'azione di rimuovere il dildo davanti a Jay è stata sufficiente per farla finire oltre il limite. "Oh-oh merda!" Lei ha gridato. I suoi fianchi si contrassero e lei venne, forte. Così forte, infatti, che squirta, avendo l'orgasmo più intenso della sua giovane vita. "Jay- Oh mio Dio-!" Gridò, tremando per la forza del suo orgasmo. Voleva coprirsi, nascondere la figa. Non si era nemmeno tolta le mutandine, erano state semplicemente spostate di lato nella fretta. Mi avvicinai a lei, stando in piedi sopra di lei. Mi guardò, sapendo di essere stata catturata.

Nessuna parola è stata scambiata mentre mi chinavo, sganciando il bottone dei miei jeans e tirando giù la cerniera. Si morse il labbro, sedendosi, le sue mutandine tornarono a posto come faceva. Si sedette in reggiseno, mutandine e lunghi calzini neri davanti a me. "J-Jay?" chiese, guardandomi mentre mi toglievo i jeans. Mi sono fermato per un momento, a guardarla. Se lei non volesse questo, dovrei smetterla. Ma quando si leccò le labbra, guardando la grande tenda che il mio cazzo stava facendo attraverso il materiale dei miei boxer, sapevo che lo voleva tanto quanto me.

I miei pensieri furono confermati mentre si allungava, afferrando la vita delle mie mutande, tirandole lentamente verso il basso, fino a raggiungere la base del mio cazzo. Lei ha guardato me, e io ho guardato lei, e abbiamo incrociato gli occhi. Ha tirato giù i miei boxer fino in fondo, senza mai interrompere il contatto visivo finché i miei boxer non hanno colpito il pavimento. Abbassò lo sguardo, ansimando quando vide il mio cazzo. Era lungo 7 pollici e carnoso. Si morse il labbro, facendo scorrere nervosamente le mani su e giù per le mie cosce. Il mio cazzo era a malapena quattro pollici dalla sua faccia, pulsava e saltava per la mia eccitazione. Stava già perdendo pre, dolorante per il suo tocco.
Ha allungato una mano dietro la schiena, slacciando il reggiseno, esponendomi il seno. Erano coppe a D grandi e perfette, ma ferme, senza che si vedesse alcun abbassamento, al diavolo la gravità. Erano ricoperti da bellissimi, piccoli capezzoli castano chiaro. Il mio cazzo pulsava, mentre si prendeva a coppa i seni, pizzicandosi i capezzoli, stuzzicandomi. "Dani". L'ho esortata.

Lei annuì, lo sguardo fisso sul mio cazzo. Si avvicinò colmando il divario tra la punta e il viso. Era a circa un centimetro di distanza prima di fermarsi, guardandomi con quei penetranti occhi azzurri. "Mm.. Bello e difficile per la tua sorellina?" chiese, parlando con una voce che non le avevo mai sentito usare prima. Era seducente e morbido. Il mio cazzo pulsava di nuovo. "Dani". dissi con voce roca. Ha avvolto lentamente entrambe le mani attorno al mio cazzo. Fanculo.
Un colpo.
"Gah.." sussultai, la sensazione era travolgente. Chiusi gli occhi, cercando di tenermi sotto controllo. Due colpi.
L'ho sentito, era troppo. Era troppo.
"Dani, cazzo, sto per-" dissi, guardandola. Aveva gli occhi chiusi, lingua e lingua distese. cazzo A.
L'ho perso, il mio cazzo è esploso, la prima linea spessa schizzava sulla sua guancia e sulla lingua.

"Fanculo!" Grugnii, cumming più forte di quanto non abbia mai fatto in vita mia, gemendo e gemendo ancora e ancora mentre lei mungeva il mio cazzo. Una riga dopo l'altra di sperma schizzava sul viso della mia sorellina, ho guardato mentre la sua espressione cambiava, ansimava, il mio sperma continuava a schizzare contro il suo viso e il suo seno, mentre veniva lei stessa. Essere inzuppata nel carico caldo dei suoi fratelli è stato sufficiente per mandarla oltre il limite, la sua figa con spasmi nell'orgasmo.

Ci siamo seduti entrambi per un momento, respirando pesantemente, prima che lei lasciasse andare il mio cazzo. Le ondeggiava in faccia, ancora dura come il ferro. Poi mi ha davvero sorpreso, sporgendosi in avanti, prendendo di nuovo il mio cazzo, accarezzandolo due volte prima di piantare un bacio sulla punta. "Uhh, cazzo!" ho sussultato.
Mi sorrise, baciandolo di nuovo dolcemente. Cominciò a piantare baci morbidi su tutto il mio cazzo, la sua lingua si mosse per stuzzicarmi ogni altro bacio. "Ahh, Dani.." gemetti, mentre lei teneva il mio cazzo dritto, come un cono gelato, prima di dargli una bella, lunga e lenta leccata dalla base alla punta. Lo fece altre due volte, prima di scendere a baciare dolcemente la mia sacca, succhiando una pallina in bocca, arrotolandoci delicatamente la lingua attorno, prima di fare lo stesso con l'altra.
Ero in paradiso. La mia sorellina non era solo disposta a farlo, lo stava facendo, con il mio sperma caldo già schizzato su tutto il viso. Mi chiedo quante volte sarei venuto prima che tutto questo finisse.

Ha piantato un altro bacio sulla punta del mio cazzo, ma questa volta il bacio è diventato un leggero sorso quando finalmente mi ha risucchiato nella sua bocca calda. "Danielle..." grugnii, la sua testa che affondava sul mio cazzo. Ha lavorato l'intero albero in gola in un colpo, lento, bagnato. La sua lingua scivolò lungo il fondo del mio cazzo per tutto il tragitto. "Fanculo." Mi ha preso in giro. Mi sentivo come se stessi già per venire di nuovo, ed ero letteralmente appena arrivato nemmeno cinque minuti fa.
Ha iniziato a succhiarmi davvero adesso, iniziando a muovere la testa in modo sciatto, la sua lingua scivolava lungo la base del mio cazzo, roteando attorno alla testa sensibile in cima a ogni corsa verso l'alto. Ha succhiato il mio cazzo dalla bocca con un leggero 'pop'. Si leccò le labbra, scie di saliva, sperma e pre-sborra collegando la sua bocca e il mio cazzo. Alzò lo sguardo verso di me, baciandomi la parte inferiore del cazzo, prima di risucchiarmi di nuovo nella sua bocca, ficcanaso e sciatta succhiando e sbaciucchiando di nuovo. Non potrei sopportarlo ancora a lungo.

"Dani- verrò presto. Mi farai venire." dissi, avvertendola. Lei annuì, succhiando di nuovo il mio cazzo dalla sua bocca. "Bene. Voglio di più. Voglio il tuo sperma." Ha baciato di nuovo la punta, dio mi è piaciuto quando l'ha fatto, e ha alzato lo sguardo verso di me. "Jay?"
"Mm-hm?" chiesi, inarcando un sopracciglio.
chiese con voce implorante. "Per favore, adesso? Sborra per la tua sorellina birichina."
L'ha fatto. Esplosi di nuovo, la prima esplosione la sorprese, alcune colpendole la guancia, altre sparandole sopra la spalla. "Oh!" Sussultò, leccando la base del mio cazzo facendomi gemere, continuando a versare sperma. Più sperma schizzò contro il suo viso, prima che lei succhiasse il mio cazzo ancora sborrando nella sua bocca, succhiandomi mentre venivo per lei. "Cazzo, Danielle!"

Sembra che sia venuta di nuovo lei stessa, le sue mutandine erano inzuppate. Si sdraiò sul letto, tirando di nuovo le mutandine di lato. Se il mio cazzo iniziava a diventare morbido, diventava di nuovo duro, di fretta. Fece scivolare le dita su e giù per le labbra umide, girando intorno al suo clitoride. I suoi fianchi sussultarono un po', era ovviamente sensibile. "Per favore, niente più giochi. Ho bisogno del tuo cazzo, Jay."
Non aveva bisogno di dirmelo due volte. Mi posizionai sopra di lei, afferrandola per le gambe, tirandola più vicino al bordo del letto. Si morse il labbro mentre posavo il mio cazzo sopra la sua figa. "Non prendermi in giro." Pregò, i suoi fianchi rotolavano, cercando di posizionarsi correttamente per trafiggersi con il mio cazzo. La terrei fuori portata, facendola diventare bella e calda.
"Mmmm!" Si lamentò, mordendosi il labbro. "P-per favore?" Mi guardò con gli occhi da cucciolo di cane, e dovetti accontentarmi. Voglio dire, ha chiesto così bene.

Ho strofinato il mio cazzo sulle sue labbra per un altro momento, prima di indietreggiare per allinearlo con il suo buco. Lentamente ho iniziato a spingere, ho sentito la sua figa iniziare a cedere. Si mosse in avanti, cercando di nuovo di farcela da sola, ma io indietreggiai. Ha quasi gridato per la frustrazione, la sua figa grondante di umidità. "Jay!" Lei pianse. Ho deciso di spingere di nuovo. Ho sentito la sua figa iniziare a cedere, la testa del mio cazzo che iniziava ad affondare dentro di lei. "Oh-" ansimò.
Era stretta. Davvero stretto, era come se la sua figa mi stesse combattendo. Ho dovuto impormi di lei, anche se non era vergine. Ho continuato a spingere, era inconcepibilmente stretta. Circa un quarto del mio cazzo era dentro di lei adesso. Ansimava, costantemente. grugnivo. Ho continuato ad sprofondare in lei, il mio grosso cazzo la riempiva completamente. Circa a metà, a questo punto. Ora sta piegando delicatamente i fianchi cercando di infilare più di me dentro di lei. Stavamo entrambi respirando pesantemente. Tre quarti dentro, e sto già sudando. Questa è la scopata più eccitante che abbia mai avuto e i miei cazzi non sono nemmeno completamente dentro di lei.

Ha gridato mentre io forzavo il resto di me stesso nel suo corpicino. Mi avvolse le gambe intorno alla vita, cercando di costringermi più a fondo se fosse possibile. Stava ansimando, graffiandomi la schiena. "C-coming. Ohmygod- coming. Io sono-io sono-" ansimò, mentre sentivo la sua figa stringersi ancora di più intorno al mio cazzo. Non credo che sarei stato in grado di muovermi in quel momento, se avessi scelto di farlo. La sua figa era semplicemente troppo stretta intorno a me mentre veniva, come una morsa vellutata, bagnata, calda e vellutata.
"Va meglio, sorellina." le sussurrai, tirandomi indietro.
"N-No!" Sussultò, tirandomi indietro con le gambe. "Non tirarlo- D-non tirarlo fuori!" Ha supplicato. Ho sorriso. "Non sono Dani. Lascia che mi prenda cura di te." Mi sono tirato indietro di nuovo, e lei ha piagnucolato mentre mi allontanavo a circa metà strada.. Prima di sprofondare di nuovo dentro. "F-fuck!" Ha gridato, mentre ho iniziato a pompare lentamente la mia sorellina piena di cazzo.

"Ohhh-" gridò mentre la scopavo lentamente. Ho mantenuto un ritmo deliberato, tirando lentamente il mio cazzo fuori dal suo tunnel e spingendolo lentamente indietro nelle sue calde profondità. Stava perdendo la testa.
"Ancora!" Pianse, venendo sul mio cazzo per la seconda volta. "Jay, di nuovo! Sto arrivando! Sto arrivando!" Ho sentito la sua piccola figa stringermi di nuovo forte, ma non ho mai smesso di pompare.
"Jay, è troppo! Dio, il tuo cazzo!" Lei pianse. Non sapeva niente.
Ho iniziato ad aumentare il ritmo, cominciando davvero a scoparla adesso. Il suono della sua figa bagnata che mi succhia il cazzo, la nostra pelle che si schiaffeggia l'una contro l'altra a ogni spinta. "Danielle, sei così stretta!" gemevo. "Mm, sei così grande!" Gridò, sentendo il mio cazzo iniziare ad espandersi nella sua piccola figa. L'ho sollevata facendola scorrere su e giù per il mio cazzo mentre tenevo il suo piccolo corpo tra le braccia, sbattendo ancora e ancora nel suo piccolo buco. "C-Arrivo." Disse di nuovo, appena udibile. "Dani, anche io."

"Riempi- Riempimi. Spara dentro." Questo è tutto ciò che avevo bisogno di sentire mentre arrivavamo entrambi, la sua figa che esplodeva di nuovo, inzuppando di nuovo il mio cazzo già fradicio, mentre scaricavo in profondità nella sua fica bruciante. Ho grugnito, pompando forte, e lei ha gridato quando ha sentito il mio sperma caldo sparare dentro di lei, riempiendola completamente. Abbiamo continuato ad ansimare, gobba e aggrapparci fino a quando non ci siamo esauriti entrambi, respirando pesantemente, sudando.
Questo fine settimana ha una promessa.

Va bene, questo è il mio primo tentativo con una storia. È andato avanti molto più a lungo di quanto pensassi, ma. Sì. Qualsiasi feedback è un buon feedback, a meno che tu non sia del tipo "Oh mio dio, è stato terribile, sei uno scrittore terribile, ucciditi e basta", perché francamente apprezzerei che tu tenessi cose del genere per te, tu rischia di ferire i miei sentimenti. E questo non è carino.
Grazie per la lettura a tutti! - Frizzante

Storie simili

La moglie di Rick parte 5 di 6

La storia del mio amico La moglie di Rick 5 (5 di 6) La scena: Bendata, ero in ginocchio sul soggiorno pavimento, le ginocchia divaricate, l'inguine stretto contro il sedere di Linda, la mia moglie, anche lei inginocchiata e seduta sui talloni. Linda, dentro volta, era inginocchiato tra le gambe tese di William, che seduto sul nostro divanetto. Ora, immagina questo: io, il signor eterosessuale, mi stavo sporgendo in avanti con le braccia intorno a mia moglie. La mia mano sinistra era posta su quella di Linda mano sinistra che strizzava e massaggiava le palle di William. Il mio diritto la...

555 I più visti

Likes 0

Delizia del taglio

Frank si asciugò il sudore dalla fronte con il dorso del guanto e continuò a potare le rose di Seymour. Erano le 12:45 e, come un orologio, sentì Dee e la sua amica Tanya vagare nel giardino sul retro. Sbirciò da dietro i fiori e li vide camminare a piedi nudi verso il gazebo con un pranzo al sacco. Dee indossava il suo consueto abito leggero con stampa floreale. Il suo sorriso luminoso e i capelli dorati di seta di mais le davano una bellezza simile a una dea. Il suo vestito le abbracciava i fianchi e metteva in risalto le...

612 I più visti

Likes 0

Le conseguenze 5

Jim stava camminando avanti e indietro per un'ora, dopo aver distrutto la loro flotta d'invasione, erano partiti dopo il unica nave rimasta della flotta Krang. Mary e Amber lo avevano osservato per quasi tutto il tempo Jim se non lo fai Siediti, ti farò fuori di testa, non posso sopportare molto di più del tuo ritmo,” Mary quasi ringhiò. Jim si sedette rapidamente sulla sedia di comando cercando di non guardare Mary, scusa Mary, odio questa attesa, è vero niente a portata di mano su cui non fare nulla su cui lavorare, sai che odio essere inattivo. Mi rendo conto che...

503 I più visti

Likes 0

Imparare lo stile di vita Pt 4 - Eccitarsi con i tatuaggi

Hanno cambiato la biancheria da letto e Michael si è fatto la doccia e poi si è vestito. Poi Michael ha messo le lenzuola sporche in ammollo nella macchina e poi erano in viaggio. A questo punto, Silk stava morendo di fame. Michael ha preso le chiavi e quindi Silk lo ha lasciato guidare naturalmente. L'ha portata nel suo appartamento per prendere un'altra camicia da indossare poiché all'altra mancavano alcuni bottoni. Ha cambiato il suo vestito e lo ha incontrato di nuovo in macchina. Ha portato loro una tavola calda per camionisti e l'ha guardata in faccia. Fu lieto di notare...

689 I più visti

Likes 0

Stregoneria

Avendo poteri soprannaturali, Ann ha completamente dominato suo marito Albert. Con la moglie come capo, Albert doveva fare tutti i lavori di casa. Anna, sul d'altra parte, non ha fatto nulla del genere. Quando si torna a casa dal lavoro tutti i giorni, diceva sempre ad Albert di preparare la cena. Inoltre, dopo aver cenato, e Albert aveva fatto i piatti, Ann gli ordinò di alzarsi in piedi dicendogli di farlo bacia e adora le dita dei piedi. Inoltre, ogni volta che le piaceva, si alzava su e abbassa la gonna e le mutandine, girati e infine dì: Bacia il mio...

522 I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

624 I più visti

Likes 0

Giù alla fattoria_(3)

C'è poco sesso in questa storia. La storia parla di sesso ma non entra nei dettagli che molti di voi desiderano. Oltre 17.000 parole; 34 pagine di lunghezza. Non sono un agricoltore né ho mai passato un solo giorno a lavorare in una fattoria. Per favore, non infastidire i dettagli di questa storia e dimmi: Non è così che si fa in una fattoria. Giù in fattoria Edward Johnson era in piedi sul portico anteriore della casa colonica a due piani della sua famiglia e osservava la campagna circostante. I primi raggi di sole avevano appena illuminato i campi di grano...

424 I più visti

Likes 0

Difenditi

Erano le tre del mattino quando il telefono iniziò a squillare. Ciao? disse John mezzo addormentato. John? Sono io Mary!» Mary era la ragazza di John all'epoca. Che cosa succede? Sai che ore sono? La voce di Mary iniziò a tremare un po'. “È Alessio. Qualcosa è successo. Ovviamente quando si tratta di Alex, la regina del dramma, c'è sempre qualcosa che succede. Alex, tra l'altro, è l'amico intimo di Mary, un'amica transessuale. Mary frequentava sempre delle persone strane, ma se vivi in ​​California, tutti tendono ad essere strani. “Cos'è questa volta? Ha avuto una brutta giornata chi? O qualcuno si...

133 I più visti

Likes 0

Io e Gavin

Questa è una storia sul mio amico e sua madre che vivono nella porta accanto. Avevo 24 anni, mi ero diplomato presto al liceo e poi mi ero laureato presto al college. Ho ottenuto un ottimo lavoro con una grande azienda con un considerevole bonus alla firma che ho applicato a un acconto su una casa. Vivevo lì da 6 mesi e conoscevo molto bene i miei vicini. Janice, un'infermiera che lavorava nell'ospedale locale. Era divorziata da diversi anni e ha lavorato duramente per provvedere al figlio di 12 anni Gavin. Gavin era un ragazzo snello di 12 anni in seconda...

740 I più visti

Likes 0

Professor Gumbert

L'aula era piena di studenti oziosi che scarabocchiano sui loro taccuini mentre il professor Gumbert parlava dei tecnicismi delle basi psicologiche e di come i padri della psicologia aprissero la strada alla migliore comunità di questa generazione. Gumbert indossava occhiali dalla montatura spessa che sembravano attaccarsi al suo naso a punta bombata, le sue grandi mani intrecciate sotto il suo didietro mentre camminava per la stanza. I suoi occhi grigi si posarono sugli studenti con un debole interesse mentre ipotizzava quali avrebbero abbandonato entro la fine del semestre successivo. Molte delle ragazze avevano una notevole quantità di pelle che mostrava contro...

941 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.