Eloise impersona una puttana da Gloryhole

100Report
Eloise impersona una puttana da Gloryhole

Eloise sedeva lì, i fianchi piegati all'indietro, le ginocchia vicino alle guance, i piedi penzolanti davanti a lei, e ascoltava la conversazione che si svolgeva dall'altra parte del suo locale improvvisato per un po' di "sollievo dallo stress" che comportava l'immersione di un silicone da 8 pollici cazzo nella sua strappare gocciolante. Qualche istante fa, si stava pizzicando il capezzolo con una mano e strofinando furiosamente il suo clitoride sensibile con un paio di dita dell'altra. Gemiti le uscivano dalla bocca in una cascata sconfinata di oscenità oscene. Aveva gli occhi chiusi, e stava facendo del suo meglio per nascondere il fatto che era la sua mano sul seno, ed era la sua manipolazione di un cazzo finto su cui si stava impalando. Nella sua mente, si stava godendo il cazzo oscillante di qualcuno che l'aveva trovata nei suoi momenti più vulnerabili.

Ma sicuramente non voleva essere effettivamente catturata. Quindi, quando il suo telefono tintinnava impenitente dalla sua borsa, era la cosa peggiore che potesse accadere.

Era sempre stata una persona nervosa e ombrosa - motivo per cui, sospettava, aveva un tale debole per l'atto adrenalinico di diventare cattiva in pubblico come era un attimo prima - quindi, naturalmente, ha imburrato le dita - un pezzo di plastica appiccicosa che le è uscito di mano. Anche lei urlò di sorpresa e allungò la schiena in avanti in modo da poter ottenere un posto in prima fila del giocattolo che rotolava proprio sotto la porta del box e nella vista delle due ragazze che l'avevano raggiunta.

"Fanculo." Eloise pensò tra sé.

"Che cazzo...?" intervenne una delle ragazze dopo una pausa che Eloise immaginò fosse stata presa dalla coppia di pulcini allegri che fissavano increduli il sex toy che appariva inspiegabilmente.

«Taryn, non essere stupida, sono le quattro. È solo in anticipo. Mi sto scaldando, immagino” disse che anche l'altra ragazza su cui Eloise aveva scommesso non si chiamava Taryn.

"Oh giusto! Ho quasi dimenticato. Un buon tempismo, immagino. Normalmente, non sono mai qui in tempo per lei ", ridacchiò la voce più snella e profonda appartenente a Taryn.

«Allora ti alzi per primo. L'ho fatto succhiare da lei circa una dozzina di volte già questo mese ", ha parlato non-Taryn.

"Così gentile da parte tua, skank."

Eloise ascoltò la porta della stalla aperta accanto a lei, osservò un paio di scarpe da ginnastica scivolare nell'angusto recinto, e poi sentì la porta della stalla chiudersi dietro di lei. Il suo cuore batteva all'impazzata. Che cazzo stava succedendo? Chi pensavano che fosse?

“Quindi, l'ho appena passato qui? Cazzo, mi viene difficile solo a pensarci ", fece eco la ragazza nella bancarella di giustapposizione. Alla sua domanda ha risposto la cheerleader che è rimasta fuori accanto allo specchio.

"Sì. Resisti e lei farà le sue cose.

“Va bene, se lo dici tu. Non è pazza, o niente, giusto?

"Una dozzina dei miei carichi pompati nella sua pancia dice 'no'. Fallo e basta, cagna!"

Eloise ascoltò Taryn ridacchiare, poi guardò il distributore di carta igienica oscillare avanti e indietro prima di abbassarsi sull'unico bullone rimasto che lo fissava al muro. Al suo posto c'era un buco nel pannello di particelle. Mentre studiava questa apertura nella barriera della privacy, osservò qualcosa che era più spesso, con la pelle più scura e più venato del cazzo non autentico che aveva maldestramente lasciato cadere pochi istanti prima. Eloise ha messo insieme tutto in quel momento.

Le ragazze la stavano scambiando per qualche altra ragazza che bazzicava in quella stalla e, presumibilmente.. trattava con le ragazze dotate di un cazzo come quello che la stava fissando in faccia in questo momento. In quel momento, lei era, effettivamente, quella ragazza. Chiunque fosse. Mentre pensava alla sua situazione, sentì dei colpi dall'altra parte del muro della stalla. L'intera struttura tremava sugli ormeggi e urtava le vecchie viti che si allentavano di molti più millimetri.

“Non ho tutto il giorno, stronzo! Mi succhierai o cosa?

“Sbircia là dentro! Forse invece sta aspettando un cazzo bianco», sbuffò la voce dall'esterno di entrambi i box.

«Chiudi il becco, Bev. Ma sì, forse dovrei..” Il cuore di Eloise si fermò. Se Taryn avesse potuto, in qualche modo, vederla in faccia, avrebbero saputo che non solo non era la "sborrata" con cui avevano un appuntamento, ma anche che lei era qui dentro a scoparsi con il giocattolo che era rotolato sotto la porta. Doveva muoversi in fretta. Doveva fare qualcosa, e farlo in fretta, prima che Taryn ritirasse il cazzo dal muro. C'era solo una cosa da fare, pensò, e cadde a metà dal trono di porcellana in ginocchio davanti al palo di cioccolato che spuntava dal suo lato del gloryhole. Con il cazzo puntato esattamente contro la sua bocca, poteva vederlo iniziare a indietreggiare e ritirarsi dal varco nel muro. Lei balzò in avanti e si infilò in bocca la testa bulbosa del cazzo di Taryn.

“Oh, cazzo! Eccoci.. Questo è ciò di cui avevo bisogno ", poteva sentire la cheerleader soddisfatta tubare dal suo fianco. E, con ciò, Eloise è passata dal mettersi a succhiare una cheerleader armata di cazzi per cui aveva appena provato. Dal momento che ha spazzato via la sua audizione e ha fatto parte della squadra, ha pensato che sarebbe stata una storia divertente tra anni.

"Non è male, immagino... ne ho mangiate di migliori..." disse Taryn dall'altra parte della sua asta carnosa color cioccolato. Eloise non si è degnata di essere "brava" a dare la testa. Si è messa un po' sulla difensiva. Aveva una reputazione da difendere. Era la ragazza del gloryhole che era sempre lì alle quattro del pomeriggio, dopotutto. Ha iniziato a usare la lingua per lubrificare il suo viaggio lungo l'asta del cazzo che stava servendo. Si tirava indietro, appoggiava la mano sull'asta pulsante e faceva roteare la lingua intorno alla testa della carne della ragazza nera.

"Non le è piaciuto quel piccolo commento!" Taryn ridacchiò. "Forse se sapesse che sto per venire, lavorerebbe ancora di più...?" Taryn alzò la voce in un'inflessione – no, in una sfida. Eloise stava per far venire questa cagna pep-rally dickgirl, e lo avrebbe fatto bene. Avvolse ciascuna delle sue dita attorno alla circonferenza della futa dalla pelle d'ebano e iniziò ad accarezzarla. Ha relegato il palo fumante al primo centimetro o due sotto la campana di Taryn e ha iniziato a succhiare vivacemente, girando la testa da un lato all'altro mentre usava le labbra per lucidare il suo cazzo.

“Mm-fh! Devo tornare qui più spesso! Mi sta succhiando come se fosse laggiù a cercare il mio dado...» Taryn si interruppe per un secondo, poi aggiunse «...a proposito...».

Senza preavviso, la bocca di Eloise fu inondata dal contenuto lattiginoso delle palle di Taryn. Non si era presa la briga di avvertirla, non proprio. Perché dovrebbe, comunque? Eloise era una troia da gloryhole che si divertiva a dare lavori di schifo anonimi. Probabilmente viveva per i frutti delle sue fatiche - o, per così dire, le sborrate delle sue fatiche - che stava ricevendo proprio ora. Eloise deglutì una volta, schiarendosi la bocca, poi deglutì di nuovo. Ancora una volta. Stava bevendo l'impressionante carico di sperma dello shaker di pom-pom, colpo dopo colpo che riempiva la bocca.

"Ecco fatto, glorywhore ... ogni goccia."

Senza tante cerimonie come aveva fatto quando aveva iniziato a venire, una volta che si era fermata, ha rimosso il suo schlong esaurito e che si stava rapidamente ammorbidendo dalla bocca di Eloise e lo ha ritirato dal gloryhole.

"E' stato divertente.." sentì dire da Taryn mentre usciva dal box e lo lasciava chiudere alle sue spalle. "Sii un tesoro e chiudilo per me, va bene, troia?"

Eloise ascoltò le due ragazze ridere mentre si dirigevano verso la porta del bagno. Allungò la mano e si esercitò ad attaccare il porta carta igienica in alluminio che fungeva da dispositivo di occultamento per il gloryhole.

Tanto valeva che facesse pratica ora, quindi sapeva cosa fare quando sarebbe tornata.

Storie simili

Nicole, l'amica di mia sorella

Questa è una storia completamente vera e cercherò di raccontarla nel modo più accurato che posso ricordare. Spero vi piaccia e fatemi sapere se volete la seconda parte. Mi chiamo Kevin e questa è la storia della mia estate prima del college. Era l'estate dopo che mi sono diplomato al liceo ed ero felice di avere un'estate per rilassarmi prima di iniziare l'università. Avevo una sorella, Caitlin, un anno più grande di me che aveva finito il suo primo anno di college. Ho anche avuto un fratello minore alle medie. Ora un po' di background su me stesso. Non sono particolarmente...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

887 I più visti

Likes 0

La mia figliastra mi sta facendo impazzire (Parte 9)

È passata una settimana. Sono ancora incredulo su quello che è successo tra me e la mia figliastra Nadine giovedì sera. Le ho davvero sborrato nel culo? Quindi ha davvero spinto il mio sperma fuori dal suo culo e me lo ha spalmato su tutto il corpo? Dopo, mi ha davvero pisciato sul cazzo sotto la doccia mentre stavo venendo? Ho davvero infilato il mio cazzo nel suo culo e ho fatto pipì nel suo culo mentre lei stava venendo? Tutto questo suona così selvaggio. Così incredibile. Ma so che è successo. È solo difficile da elaborare. Ho fantasticato su Nadine...

666 I più visti

Likes 1

Appuntamento notturno da ricordare

Mentre ti tenevo stretto, l'acqua calda è caduta sui nostri corpi, tenendoci al caldo durante il nostro abbraccio appassionato. Era il nostro appuntamento notturno settimanale e abbiamo deciso di finirlo il più intimamente possibile. Abbiamo deciso di fare una doccia calda e buia insieme mentre le canzoni d'amore suonavano dal nostro altoparlante. Era assolutamente perfetto. Sentirti tra le mie braccia nell'oscurità più assoluta, aggiungeva questo senso di vicinanza che non sentivo da un po'. Non potevo fare a meno di baciarti. All'inizio con delicatezza, ma col passare del tempo ho trovato sempre più difficile contenere il mio amore per te. Ti...

248 I più visti

Likes 0

L'impiegato

È venerdì sera! Tecnicamente, è lunedì. Ma il mio programma di lavoro mi lascia libero il lunedì e il martedì, quindi quelle sono le serate in cui esco e mi diverto. Tuttavia, la mia idea di divertimento è diversa dalla maggior parte... Non passo le mie notti a casa; diavolo, non li spendo nemmeno nella mia città natale. Guiderò trenta, quaranta miglia fuori strada per divertirmi. Non vado nei club o nei bar. Non esco e non vado a organizzare feste, né mi ubriaco di merda e mi prostituisco con il primo ragazzo che mi viene a prendere da terra. Vado...

278 I più visti

Likes 0

Classe di schiavitù

“Benvenuta classe, alla prima lezione di...” il giovane insegnante maschio si avvicina alla lavagna, raccogliendo il gesso e scrivendolo a caratteri cubitali “BONDAGE 101” Tra gli studenti scoppia un ruggito di risate e risate, una presenza relativamente ridotta di sole 10 persone circa, 9 delle quali maschi e una femmina che non sembrava affatto appartenere a quel posto. Vestito con una gonna lunga con trecce e classi. Lentiggini chiare da abbinare alla sua pelle pallida. Con gli occhi bassi su un libro, senza prestare molta attenzione all'insegnante o agli altri studenti del resto. L'insegnante ha proseguito “Se sei venuto qui per...

216 I più visti

Likes 0

Il destino come un vampiro

Quindi sono sicuramente uno scrittore dilettante, ma questa fantasia è stata nella mia mente ultimamente. Ho sentito che il modo migliore per assecondarlo era farlo uscire su carta, per così dire. Tieni presente che lo stavo scrivendo più per me stesso che per qualsiasi altra cosa, ma mi sentivo come se dovessi condividerlo, nel caso in cui qualcun altro lo apprezzasse. Questa è solo la seconda storia erotica che scrivo, quindi per favore, andateci piano con me. Mi piacerebbe critiche o commenti costruttivi, e se ricevo feedback positivi, prenderò in considerazione un sequel, o una serie, o qualunque cosa faccia galleggiare...

94 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

989 I più visti

Likes 0

Io e Gavin

Questa è una storia sul mio amico e sua madre che vivono nella porta accanto. Avevo 24 anni, mi ero diplomato presto al liceo e poi mi ero laureato presto al college. Ho ottenuto un ottimo lavoro con una grande azienda con un considerevole bonus alla firma che ho applicato a un acconto su una casa. Vivevo lì da 6 mesi e conoscevo molto bene i miei vicini. Janice, un'infermiera che lavorava nell'ospedale locale. Era divorziata da diversi anni e ha lavorato duramente per provvedere al figlio di 12 anni Gavin. Gavin era un ragazzo snello di 12 anni in seconda...

1K I più visti

Likes 0

Dal negozio di alimentari a f

Ho guardato l'incredibile seduttrice da dietro pensando a tutte le cose sporche che le avrei fatto se ne avessi avuto la possibilità, che era esattamente come lo volevo. L'ho seguita da lontano e ho continuato a fare acquisti, o in questo momento per lo più facendo finta di farlo. Ero così perso nel corpo della ragazza adolescente di fronte a me che lo shopping per quello per cui ero venuto non sarebbe successo a causa della mia immaginazione iperattiva. Il fatto che il mio cazzo fosse duro come una roccia non aiutava, specialmente nei jeans attillati che indossavo. Speravo davvero che...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.