Mi chiamo Colton

518Report
Mi chiamo Colton

Mi chiamo Colton. Questa è una storia che non sono sicuro di dover raccontare a nessuno. È in parte perché so che quello che è successo è sbagliato e in parte perché non ho fatto nulla al riguardo.

È iniziato in una normale giornata scolastica. Il mio amico Steve stava parlando di un videogioco che ha comprato per il suo computer. Ero un po' il ragazzo povero a scuola, quindi non avevo un computer o giochi. Si è offerto di farmi vedere, così sono tornato a casa con lui.

Quando siamo arrivati ​​a casa sua, mi ha fatto sapere che i suoi genitori non sarebbero stati a casa per qualche ora, quindi saremmo rimasti solo noi e sua sorella minore, Sarah. Sapevo di sua sorella da scuola. Era piuttosto popolare per essere carina e un po' magra. Aveva i capelli chiari quasi biondi che le aderivano sempre al viso in alcuni punti. I suoi occhi erano di un azzurro brillante e facevano capolino attraverso la sua frangia come un animale selvatico. Odiavo ammetterlo, ma tutti gli amici di Steve avevano una leggera cotta per lei, anche me.

Era in cucina quando siamo entrati in casa, in piedi sopra i fornelli a cucinare qualcosa. "Sarà fatto presto", ha gridato dopo aver sentito suo fratello entrare in casa. Entrò in soggiorno un attimo dopo con in mano un mestolo e con indosso un grembiule. Ha sussultato quando mi ha visto. "Ciao", ha risposto rapidamente.

"Questo è Colton, vuole dare un'occhiata a quel gioco che mi ha comprato papà", la informò Steve.

"Ciao Sara." La salutai timidamente.

"Vorrei averlo saputo prima. Avrei preparato più cibo." Tornò di corsa in cucina. Ho notato allora che non indossava più i jeans della scuola. Deve averli tolti una volta tornata a casa. Era comprensibile. Questa era casa sua e i jeans sono sempre scomodi se indossati troppo a lungo, ma stavo ancora fissando il suo culo in mutandine per troppo tempo.

"Ti piace quello che vedi?" chiese Steve compiaciuto.

"Uhm, scusa," ho cercato di scusarmi.

"Anche io so che è un pezzo di culo stretto", non si è offeso. "Mi chiedo se indosserà qualcosa ora che sa che sei qui."

Invece di aspettare di scoprirlo, ci siamo diretti al piano di sopra nella sua stanza. Si sedette su una sedia da ufficio girevole nell'angolo davanti a una scrivania con un computer installato. Era un bel computer, decisamente migliore di quello che la maggior parte dei nostri amici poteva permettersi, specialmente me. Mi sono seduto sul letto e ho aspettato mentre avviava il nuovo gioco.

Proprio mentre stava arrivando alla schermata di caricamento, la porta della sua stanza si aprì. Sarah aveva in mano un vassoio di cibo. C'era decisamente abbastanza per due. "Oh, stai dando la tua parte a Colton?" chiese Steve. Lei semplicemente annuì.

"No, non dovevi farlo", ribattei.

"Va bene. Sappiamo che non hai niente da mangiare a casa", Steve mi ha fatto sentire estremamente in colpa.

"A cosa stai giocando?" Sarah fissava lo schermo del computer con interesse.

"Vieni a vedere." Steve gli accarezzò il grembo. Fui sorpreso quando si avvicinò al trotto e si sedette. Non indossava più il grembiule e ora indossava solo una maglietta e mutandine. Mi sono messo le mani in grembo per nascondere un'erezione crescente.

Sarah squittì quando si sedette. Ho subito capito che era perché anche Steve aveva un'erezione che ora stava spuntando nell'inguine delle mutandine di sua sorella. Arrossì febbrilmente mentre cercava di guardare lo schermo. Continuava a chiudere gli occhi e cercare di non gemere mentre Steve la cullava intenzionalmente in grembo. Mi ci è voluto un momento, ma ho subito capito che era tutto intenzionale. Questi due fratelli erano incestuosi e si prendevano cura di me a guardarli.

"Toglili", sussurrò Steve all'orecchio di Sarah. Lei scosse la testa in segno di protesta, ma lui le fece scivolare la mano sotto la maglietta e iniziò ad accarezzarle uno dei seni. Con riluttanza infilò i pollici nell'orlo delle sue mutandine bianche e le fece scivolare sul pavimento. Li ha cacciati nella mia direzione. Sono atterrati in un mucchio ai miei piedi. Non ero sicuro di cosa avrei dovuto fare con loro.

Sarah rimase senza fiato quando sentì il rigonfiamento di suo fratello sfregarsi contro la sua fica ora nuda e scoperta. Anche i capelli tra le gambe erano di colore biondo ed erano piuttosto corti. Deve aver raggiunto la pubertà solo di recente. Mi sono ritrovato a desiderare di poterla toccare ma solo in grado di guardare mentre Steve faceva proprio questo.

Usò le ginocchia per divaricarle le gambe, esponendomi la sua fica luccicante. Poi fece scorrere una mano lungo il suo stomaco e sui capelli del suo inguine prima di toccarle le labbra della fica e curvare le dita verso di lei. Mi guardò con l'espressione più innocentemente imbarazzata che abbia mai visto. Le sue guance erano rosse e i suoi occhi brillavano come se stesse per piangere. Una leggera bava gocciolava dalle sue scintillanti labbra rosa mentre le apriva per gemere.

Mentre le dita di Steve scomparivano dentro di lei ripetutamente, lei si dondolava avanti e indietro sulle sue ginocchia per il piacere. "Sto per venire," sussurrò quasi impercettibilmente. Steve premette le sue labbra sulle sue e smorzò il suono delle sue urla mentre un liquido limpido usciva dalla sua fica attorno alle sue dita.

Dopo molteplici convulsioni, si staccò dal bacio e si voltò in modo che i nostri occhi si incontrassero. "Non guardarmi," implorò mentre crollava contro suo fratello. Era una richiesta inutile però. L'ultima cosa che avrei dovuto fare era smettere.

Quando Steve tirò fuori le dita dalla sua fica gocciolante, questa rimase leggermente aperta. Ansimò di sollievo mentre lui lavorava per slacciare la propria cerniera. Sussultò per la sorpresa quando il cazzo di Steve saltò fuori dai suoi pantaloni e schiaffeggiò la sua fica fradicia. Lo guidò con la mano e sollevò i fianchi verso l'alto, riempiendo di sé la sua fica bagnata.

Le lacrime uscirono dai suoi occhi mentre scuoteva la testa verso di me, implorandomi di non guardare la sua vergogna. Ogni spinta la faceva gemere di più. Steve le tolse la maglietta sopra la testa, lasciandola completamente nuda in grembo. Mi sono reso conto in quel momento che non si era tolta i jeans per nessun altro motivo se non per prepararsi a questo. Nonostante quanto fosse timida e riluttante, aveva aspettato di farsi scopare da suo fratello e probabilmente è rimasta delusa quando mi ha visto entrare in casa con lui. Tuttavia, non ha fermato i fratelli turbolenti.

Alla fine Sarah iniziò a spingersi via dai braccioli della sedia, guadagnando più altezza e poi cadendo sul cazzo di suo fratello con più forza. Si stava divertendo a impalare se stessa. Sembrava meno a suo agio però. Ogni volta che cadeva, urlava, infastidindolo leggermente. "Ehi, Colton, vieni a tacere questa troia." Le spinse gli indici nella bocca e la aprì di lato.

Sono rimasto scioccato dal modo in cui si riferiva a sua sorella e ancor di più dall'invito. Stava cercando di scuotere la testa ma lui la tenne ferma, costringendola a guardarmi dritto negli occhi. "Dai, smettila di nasconderlo e tiralo fuori!" Steve me l'ha ordinato.

Sarah ha tremato quando ha visto il mio cazzo spuntare dai miei pantaloni. Giuro che era più grande del normale solo per averlo guardato per così tanto tempo. Mi guardò con sfida mentre mi avvicinavo a lei, ma Steve teneva la bocca aperta. La punta del mio cazzo toccava a malapena le sue labbra o le pareti della sua bocca, ma sentii il suo respiro caldo mentre lo spingevo fino in fondo. Alla fine Steve lasciò andare. Lei si tirò indietro immediatamente, ma lui le mise una mano dietro la testa e la spinse di nuovo in avanti.

Questa volta la sensazione viscida della sua bocca mi avvolse mentre la chiudeva sorpresa. I suoi strilli erano attutiti. Ogni volta che Steve allentava la presa sulla sua testa, lei cercava di allontanarsi. Alla fine mi sono leggermente arrabbiato e ho semplicemente afferrato i lati della sua testa e dei suoi capelli e l'ho spinta fino in fondo lungo il mio albero. La sua gola si è aperta per me con un suono lancinante e lancinante e ha prontamente vomitato su tutto il mio cazzo.

Quando ho tirato fuori lei singhiozzava. "Perché cazzo l'hai fatto? Non ho mai dato la testa. Steve usa solo la mia figa!" si lamentò.

"Stai bene," Steve respinse le sue preoccupazioni mentre si insinuava in lei. I suoi occhi si incrociarono mentre si alzava dalle sue ginocchia. Sembrava che potesse vomitare di nuovo a causa del suo stomaco contorto dall'interno. Più che turbata ora sembrava confusa. La sua lingua pendeva e la bava le scivolava via in modo invitante.

Le ho afferrato di nuovo la testa e le ho fatto scivolare di nuovo il cazzo in bocca, fino alla gola. Ha imbavagliato ma questa volta non ha vomitato. "Ooh, mi ha appena stretto addosso," gemette Steve di gioia mentre stringeva le gambe insieme.

Ho fatto un passo indietro e l'ho appoggiata verso il basso in modo che ogni sua spinta la spingesse più a fondo su di me e viceversa. Per un po' l'abbiamo fatta scivolare avanti e indietro tra noi come un animale allo spiedo. Ha gorgogliato e strillato tutto il tempo. Non abbiamo ceduto fino a quando Steve non ha sentito del liquido caldo che le usciva dall'inguine e lungo le gambe. "Amico, non riesce a respirare. Si sta pisciando."

Alla fine ho tirato fuori, lasciandola senza fiato. Quando riprese fiato riprese il suo sguardo provocatorio. "Stupido stronzo!" mi ha urlato contro. Sorrisi alla sua faccia disordinata. Il muco le gocciolava dal naso e il poco trucco che indossava era rigato di lacrime. "Avresti potuto... ug... uccidermi," la sua lamentela fu interrotta da Steve che la spinse di nuovo contro di lei.

Ho raggiunto la sua bocca con le dita, le ho pizzicato la lingua e l'ho tirata fuori il più possibile, costringendola a tenere la bocca aperta. Ho messo la punta del mio cazzo sulla sua lingua e l'ho fatto scorrere avanti e indietro, minacciando di spingerlo di nuovo nella sua bocca. "Davvero non mi fermeresti, vero?" Ho chiesto.

Non rispose, grugnì solo di nuovo mentre Steve la spingeva ancora una volta dentro di lei. Solo guardare la faccia incasinata di questa ragazza mentre cercava di essere provocatoria mentre veniva ancora scopata da suo fratello era abbastanza per innescare il mio orgasmo. Il primo colpo è andato nella sua bocca aperta, ma ha chiuso e deglutito subito dopo. Il resto le schizzò sul viso, facendola sembrare ancora più usata.

La guardavo sussultare e singhiozzare ad ogni spinta mentre suo fratello si portava lentamente all'orgasmo dentro di lei. Aveva le sue grandi mani intorno alla sua vita minuscola, tenendola ferma in modo che non ne sfuggisse una goccia. Ha riempito la sua fica con il suo sperma incestuoso completamente. Quando ebbe finito, si chinò abbastanza in avanti da cadere da lui a terra. Rimase lì ad ansimare per diversi minuti, contorcendosi ogni tanto.

Alla fine si sollevò con la testa vicino alle ginocchia di suo fratello. "Ho fatto bene?" chiese quasi disperatamente.

"Vai a ripulirti", si rifiutò di lodarla. Obbediente, si alzò in piedi e lasciò la stanza, camminando cautamente se non con le gambe storte. Non riuscivo a credere che la bella ragazza su cui tutti i nostri amici fantasticavano fosse davvero una troia del cazzo di fratello, ma la prova era proprio davanti a me. Ad essere sincero, sono rimasto un po' deluso da lei.

Mi ci è voluto un po' per raccogliere lo sforzo di non essere imbarazzato quando mi rivolgo a Steve. Dopotutto, ci eravamo appena visti entrambi i cazzi. "Di che diavolo si trattava?" ho chiesto alla fine.

"Lei è davvero brava, vero?" sogghignò.

«È tua sorella», ribattei.

"Ecco perché," ammise. "Lo facciamo da anni, molto prima che sapessi cosa fosse esattamente o che fosse sbagliato farlo con tua sorella", ha spiegato.

"Come è iniziato," ero certamente curioso.

"Ho trovato per caso uno dei porno di papà. Era uno dei video violenti e violenti in cui la ragazza veniva schiaffeggiata e sculacciata e tutto il resto. L'ho guardato ogni giorno quando ero più giovane. Alla fine ho dovuto provare a fare sesso reale e ovviamente Sarah era la ragazza più vicina. Le ho mostrato il video e l'ho convinta che le ragazze non possono dire di no quando un ragazzo vuole scoparle. Ancora oggi lo fa solo perché pensa che sia la legge.

"Mi stai prendendo in giro? Cosa accadrebbe se un ragazzo della scuola le chiedesse di scopare con loro?"

"Suppongo che probabilmente li avrebbe lasciati." Steve scrollò le spalle. "Diavolo, ti lascerebbe scopare se tu fossi abbastanza energico."

"Hai lasciato che qualcun altro glielo facesse?" ho chiesto tristemente.

"Non ancora." Lui scosse la testa. "Come ha detto, non fa nemmeno pompini. Tutto quello che ho sempre fatto è stato sborrarle dentro. Ha iniziato a goderselo solo di recente. Prima era cipiglio e diceva che mi odiava".

"Sei un fratello orribile", gli ho sputato addosso.

"Chi è quello che ha appena scopato mia sorella?" ha ribattuto.

"Perché però?" Ho chiesto. "Ti stai stancando di lei?"

"No, è davvero carina, quindi dubito che mi stancherò di lei, ma più lo faccio più è probabile che mi beccano. Sto pensando di trovare una vera ragazza, ma prima devo farlo passala a qualcun altro in modo che non diventi possessiva o peggio lo dica ai nostri genitori".

"E quella persona sono io?" chiesi incredulo.

"Sei un bravo ragazzo e so che ti piace. È sotto la doccia in questo momento. Se le mostri che sei il capo, lei farà quello che dici. Vai a farla tua."

In quel momento avevo diverse opzioni. Avrei potuto andare a casa e dimenticare l'intera faccenda, lasciando potenzialmente Steve a trovare un ragazzo diverso che si scopasse sua sorella per lui. Avrei anche potuto dirlo ai suoi genitori o ai miei genitori o persino agli insegnanti a scuola. Allora ho rischiato di ammettere di essere parte del crimine. Ancora oggi non so se ho preso la decisione giusta.

Sono uscito dalla stanza di Steve e sono andato dritto al bagno al piano di sopra. La doccia era già in funzione. Sarah ha urlato quando ho tirato indietro la tenda, ma l'ho zitta baciandola. Alla fine però si è respinta. "Smettila, cosa stai facendo?" lei implorò.

"Sai che non hai voce in capitolo", ho deciso di vedere quanto credesse davvero alla bugia di Steve. Con riluttanza annuì, lasciando cadere le braccia lungo i fianchi. Era completamente esposta, nuda e matura per essere presa. Tutte le tracce della nostra precedente scappatella erano state spazzate via. Mi sarei davvero divertito a farle tutto ciò che volevo con il pieno permesso di suo fratello.

La maggior parte dei ragazzi deve lavorare sodo per guadagnarsi una bella ragazza. Il mio mi era stato consegnato. Era un po' abituata, ma un'occhiata a lei e sapevo che non aveva importanza. Stava per fare qualsiasi cosa le avessi chiesto; la perfetta troia obbediente.

Storie simili

Il destino come un vampiro

Quindi sono sicuramente uno scrittore dilettante, ma questa fantasia è stata nella mia mente ultimamente. Ho sentito che il modo migliore per assecondarlo era farlo uscire su carta, per così dire. Tieni presente che lo stavo scrivendo più per me stesso che per qualsiasi altra cosa, ma mi sentivo come se dovessi condividerlo, nel caso in cui qualcun altro lo apprezzasse. Questa è solo la seconda storia erotica che scrivo, quindi per favore, andateci piano con me. Mi piacerebbe critiche o commenti costruttivi, e se ricevo feedback positivi, prenderò in considerazione un sequel, o una serie, o qualunque cosa faccia galleggiare...

93 I più visti

Likes 0

Nicole, l'amica di mia sorella

Questa è una storia completamente vera e cercherò di raccontarla nel modo più accurato che posso ricordare. Spero vi piaccia e fatemi sapere se volete la seconda parte. Mi chiamo Kevin e questa è la storia della mia estate prima del college. Era l'estate dopo che mi sono diplomato al liceo ed ero felice di avere un'estate per rilassarmi prima di iniziare l'università. Avevo una sorella, Caitlin, un anno più grande di me che aveva finito il suo primo anno di college. Ho anche avuto un fratello minore alle medie. Ora un po' di background su me stesso. Non sono particolarmente...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

887 I più visti

Likes 0

La mia figliastra mi sta facendo impazzire (Parte 9)

È passata una settimana. Sono ancora incredulo su quello che è successo tra me e la mia figliastra Nadine giovedì sera. Le ho davvero sborrato nel culo? Quindi ha davvero spinto il mio sperma fuori dal suo culo e me lo ha spalmato su tutto il corpo? Dopo, mi ha davvero pisciato sul cazzo sotto la doccia mentre stavo venendo? Ho davvero infilato il mio cazzo nel suo culo e ho fatto pipì nel suo culo mentre lei stava venendo? Tutto questo suona così selvaggio. Così incredibile. Ma so che è successo. È solo difficile da elaborare. Ho fantasticato su Nadine...

666 I più visti

Likes 1

Appuntamento notturno da ricordare

Mentre ti tenevo stretto, l'acqua calda è caduta sui nostri corpi, tenendoci al caldo durante il nostro abbraccio appassionato. Era il nostro appuntamento notturno settimanale e abbiamo deciso di finirlo il più intimamente possibile. Abbiamo deciso di fare una doccia calda e buia insieme mentre le canzoni d'amore suonavano dal nostro altoparlante. Era assolutamente perfetto. Sentirti tra le mie braccia nell'oscurità più assoluta, aggiungeva questo senso di vicinanza che non sentivo da un po'. Non potevo fare a meno di baciarti. All'inizio con delicatezza, ma col passare del tempo ho trovato sempre più difficile contenere il mio amore per te. Ti...

248 I più visti

Likes 0

L'impiegato

È venerdì sera! Tecnicamente, è lunedì. Ma il mio programma di lavoro mi lascia libero il lunedì e il martedì, quindi quelle sono le serate in cui esco e mi diverto. Tuttavia, la mia idea di divertimento è diversa dalla maggior parte... Non passo le mie notti a casa; diavolo, non li spendo nemmeno nella mia città natale. Guiderò trenta, quaranta miglia fuori strada per divertirmi. Non vado nei club o nei bar. Non esco e non vado a organizzare feste, né mi ubriaco di merda e mi prostituisco con il primo ragazzo che mi viene a prendere da terra. Vado...

278 I più visti

Likes 0

Classe di schiavitù

“Benvenuta classe, alla prima lezione di...” il giovane insegnante maschio si avvicina alla lavagna, raccogliendo il gesso e scrivendolo a caratteri cubitali “BONDAGE 101” Tra gli studenti scoppia un ruggito di risate e risate, una presenza relativamente ridotta di sole 10 persone circa, 9 delle quali maschi e una femmina che non sembrava affatto appartenere a quel posto. Vestito con una gonna lunga con trecce e classi. Lentiggini chiare da abbinare alla sua pelle pallida. Con gli occhi bassi su un libro, senza prestare molta attenzione all'insegnante o agli altri studenti del resto. L'insegnante ha proseguito “Se sei venuto qui per...

216 I più visti

Likes 0

Cameriera di latte cremoso

Cameriera di latte cremoso Kelsey Diaz aveva sempre avuto ragazzi dopo di lei, anche alle elementari. C'era solo qualcosa in lei che sembrava attirarli. Non lo capiva davvero quando era una ragazzina, ma era diventato almeno un po' più ovvio quando aveva frequentato il liceo. Kelsey era un bel mix di latino e nativo americano, circa un quarto nativo americano per quanto ne sapeva. Ma ciò che significava fisicamente per lei era che era quella che i ragazzi chiamavano una bomba totale. Sospettava segretamente che a volte volessero solo stare con lei per avvicinarsi alla sua famigerata mamma pornostar. A volte...

194 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

989 I più visti

Likes 0

Io e Gavin

Questa è una storia sul mio amico e sua madre che vivono nella porta accanto. Avevo 24 anni, mi ero diplomato presto al liceo e poi mi ero laureato presto al college. Ho ottenuto un ottimo lavoro con una grande azienda con un considerevole bonus alla firma che ho applicato a un acconto su una casa. Vivevo lì da 6 mesi e conoscevo molto bene i miei vicini. Janice, un'infermiera che lavorava nell'ospedale locale. Era divorziata da diversi anni e ha lavorato duramente per provvedere al figlio di 12 anni Gavin. Gavin era un ragazzo snello di 12 anni in seconda...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.