Classe di schiavitù

1.2KReport
Classe di schiavitù

“Benvenuta classe, alla prima lezione di...” il giovane insegnante maschio si avvicina alla lavagna, raccogliendo il gesso e scrivendolo a caratteri cubitali “BONDAGE 101”

Tra gli studenti scoppia un ruggito di risate e risate, una presenza relativamente ridotta di sole 10 persone circa, 9 delle quali maschi e una femmina che non sembrava affatto appartenere a quel posto. Vestito con una gonna lunga con trecce e classi. Lentiggini chiare da abbinare alla sua pelle pallida. Con gli occhi bassi su un libro, senza prestare molta attenzione all'insegnante o agli altri studenti del resto. L'insegnante ha proseguito “Se sei venuto qui per motivi immaturi, ti consiglio di andartene subito”. Ma non una sola persona si mosse, il suono svanì mentre tutti gli occhi seguivano ancora una volta l'insegnante severo e serio.

“bene, ora si continua. Il bondage riguarda il controllo, il potere. Per il dominante, è la completa proprietà sul sottomesso e, allo stesso modo, per il sottomesso è la sensazione di essere impotente e trattenuto. La sensazione della corda o dell'acciaio contro la loro pelle mentre combattono per la libertà. Ora posso avere un volontario quassù?" tutti in classe hanno subito iniziato a fissare la ragazza in aula, che continuava a leggere il suo libro con calma, dopo qualche istante senza alzare lo sguardo, alza la mano e chiude il libro, appoggiandolo sulla scrivania. Alzarsi e avvicinarsi alla scrivania e aspettare pazientemente i suoi ordini

"Va bene signorina, raddrizza le braccia dietro la schiena" Fece come le era stato detto e l'insegnante tirò un piccolo pezzo di corda da un cassetto della sua scrivania. Legandolo intorno ai polsi e annodandolo strettamente. La afferra per il dietro della maglietta e la gira per affrontare il resto degli studenti, i suoi seni sono più chiari attraverso la maglietta a causa delle sue braccia che tirano il tessuto stretto al suo corpo. L'insegnante sorride un po' e parla ad alta voce per far sentire a tutti "le corde ti fanno sentire più confinato e sottomesso di prima?" e con un debole sorriso compiaciuto e un tono chiaramente sarcastico nella voce dice, proprio mentre lui, abbastanza forte da permettere alla classe di sentire "Niente affatto, sono più a mio agio che mai"

Alcuni studenti nella parte posteriore ridono, ma si spegne rapidamente. L'insegnante le afferra ancora una volta la maglietta e la gira su se stessa, costringendola contro la scrivania e lei si piega naturalmente alla vita, piegandosi sulla scrivania proprio come lui aveva inteso per lei. La sua lunga gonna copre ancora metà delle sue cosce. Rifa la domanda e ancora una volta ottiene una risposta sarcastica. Appoggiò la testa contro la scrivania con un sorriso stampato in faccia "non poteva fare nient'altro"' pensò, ma ovviamente era disposto a spingersi fino in fondo per dimostrare il suo punto. Si avvicinò all'orlo della sua gonna e la sollevò, sopra la sua schiena, rivelando le sue mutandine all'intera classe. Cominciò a litigare e dimenarsi, ma lui la tenne per la maglietta appoggiata contro la dura scrivania di legno. Non doveva chiederlo di nuovo, sapeva dalla sua reazione che si era resa conto di quanto fosse davvero impotente. E proprio nel momento più teso, quando la classe sedeva sotto shock, la ragazza arrossendo e imbarazzata, non sapendo come accettare un'umiliazione per la quale si era offerta volontaria, suonò il campanello. Gli studenti non hanno mosso un muscolo, ognuno di loro è rimasto immobile con lo sguardo sull'intensa scena davanti all'aula. L'insegnante attese un momento e mentre si fermavano cominciò a farli uscire con la mano: “Siete tutti sordi? Vai via” lasciò andare la ragazza e si avvicinò alla porta, aprendola e tenendola aperta, un'espressione di impazienza chiara sul suo volto. I ragazzi si alzarono lentamente e uscirono, dando ciascuno un'ultima occhiata alla ragazza ancora paralizzata sul bordo della scrivania. Alcuni dei ragazzi hanno anche preso in considerazione l'idea di correre verso di lei e afferrarla, ma dopo aver visto uno sguardo così severo sul viso degli insegnanti, hanno deciso di non farlo.

Dopo che tutti i ragazzi se ne furono andati, la ragazza riuscì a trovare il coraggio di dire "va bene, la lezione è finita, lasciami andare" con un leggero tremito nella voce. L'insegnante chiuse la porta e la ignorò. Tornando verso di lei mentre lei iniziava ad alzarsi, lui l'afferrò per i capelli facendole inarcare la schiena e gemere per il dolore. Avvicinando la bocca al suo orecchio le parlò con tono sommesso e con la massima calma possibile le fece ancora una volta la domanda di prima "le corde ti fanno sentire confinato e sottomesso?" Si ferma un momento e lui si allunga e le afferra il seno in modo aggressivo attraverso la maglietta, lei urla "sì!" stringe forte e dice “sì cosa? Sii rispettoso, sai essere rispettoso, vero?"

"si signore!" dice in un gemito e lui la libera. Lei crolla di nuovo sulla scrivania e ancora una volta lui le solleva la gonna, lei balbetta "w-w-cosa stai facendo?" e con la voce più severa e fredda fino a quel momento ha risposto. “Dandoti una sculacciata per il tuo comportamento. Non solo mi hai mancato di rispetto, mi hai anche messo in imbarazzo davanti alla classe.”.

"C-b-ma non c-puoi farlo!" balbetta di nuovo. ma lui la ignora, tirandole giù le mutandine e lasciandole cadere alle sue caviglie, facendo scivolare la mano sul suo culo, familiarizzando con la sua forma. Facendo scivolare le sue dita tra le sue gambe, sondando la sua figa. Un brivido le scende lungo la schiena mentre si sente così violata e debole, ancora di più perché in modo malato, si sente eccitata da questo. Sente una pressione sulla parte interna della coscia, è la sua mano che la porta ad allargare le gambe, lei segue la sua direzione inconsciamente, lasciando le gambe abbastanza larghe da mantenerla in equilibrio. Poi un momento di pace mentre la sua mano si alza di nuovo in aria e tutto finisce quando il suo palmo si posa sulla sua pelle in attesa. All'inizio punge, ma inizia a diventare più di un bruciore. Il suo corpo si irrigidisce e sussulta quando colpisce. Seguita dai suoi muscoli che si rilassano oltre il suo controllo, tutto il suo corpo è dolorante per aver combattuto le corde, si arrende e lo accetta, ancora una volta una mano si alza e scende dall'altra parte del suo sedere. Più pesante di prima. Si irrigidisce di nuovo, ma ogni volta si riprende più velocemente di prima. Continua a punirla per quelle che sembrano ore. E alla fine, non vuole ammetterlo a se stessa, ma è così eccitata dall'intera faccenda che lascia una piccola pozza dei suoi succhi sul bordo della scrivania.

L'insegnante le slega i polsi e poi si avvicina alla sua sedia dietro la scrivania, "alzati" dice e lei obbedisce immediatamente. Le sue guance si lucidarono di lacrime, continuando a singhiozzare un po' e cercando di non far sapere all'insegnante che le piaceva più di quanto le facesse male. La guarda negli occhi "Pensi di essere stato punito ingiustamente?" si prende un momento e scuote la testa, ammettendo di averlo meritato mentre segretamente pensa a quanto sia felice di averlo fatto. "Ora, tornerai per questa lezione puntuale ogni giorno, mi aiuterai a dimostrare o prenderai una F in questo corso, ti possiedo ora, capito?" lei annuisce e allunga la mano per strofinarsi le guance in fiamme. L'insegnante si alza e torna verso di lei, lei non si muove "... e un'ultima cosa." si china infilando un dito nella cintura delle sue mutandine, ancora alle caviglie "Le terrò queste, non indosserai biancheria intima per il resto della giornata, né dormirai con nessun vestito stanotte, è chiaro?" dice a bassa voce "sì signore" mentre si toglie le mutandine e lui le solleva da terra, le getta sulla scrivania e torna alla sua sedia. "Ora vai, hai altre classi a cui partecipare"

Lei fa come le è stato detto, si allontana lentamente e apre la porta, dando un'ultima occhiata alle sue mutandine sulla scrivania e poi a lui, l'ultimo pensiero sul fatto che lui sia il suo nuovo padrone le entra in testa proprio mentre chiude la porta, prendendosi un momento per sistemare la gonna e tirarla giù fino in fondo. L'intera cosa suona ancora e ancora nella sua mente, i lividi sui suoi polsi e i lividi sul suo sedere un doloroso promemoria dell'intera faccenda, suona un'altra campana che la riporta alla realtà e si precipita alla sua prossima lezione.

La fine.

Storie simili

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

1.8K I più visti

Likes 0

Danny diventa una femminuccia parte 1

Cosa stai pensando? chiese il dottor Brooks. Daniel si rese conto che si stava allontanando di nuovo. Beh, non proprio distanziandomi, fissando il bel viso del dottor Brooks. Daniel non aveva mai visto un dottore bello come il dottor Brooks. Era giovane, forse trentenne, ma sembrava più giovane. Era pallida e alta, alta come Dan e anche più alta con i tacchi. Aveva guance alte e rotonde, occhi color smeraldo e i capelli più lisci e neri che si possano immaginare, una frangia piatta tagliata sulla fronte e il resto tirato indietro in un'alta coda di cavallo. Indossava una gonna blu...

1.4K I più visti

Likes 0

Onde Parte seconda

Venendo ancora una volta, questa volta sono proprio l'ospedale in cui mi trovavo ieri mattina quando è iniziata questa indagine. La differenza ora che un'infermiera in uniforme che le stava decisamente troppo stretta stava tenendomi il polso sinistro, controllandomi il polso. Notando che sono sveglio Bene, detective Gorwin, ci stavamo chiedendo quando torni! lasciando cadere il mio polso e registrando il mio battito sul grafico che raccolse. La dottoressa Cole verrà presto a controllarti di persona! Fantastico, ho pensato che un dottore pulcino fosse tutto ciò di cui ho bisogno in questo momento, considerando che ho appena perso due pulcini come...

1.1K I più visti

Likes 0

Cappuccetto Rosso: Fuori dal bosco?

Cosa.. CHE CAZZO?! Ehm... ciao. Cosa... CHE CAZZO?! CHE CAZZO STAI FACENDO? Perché la fica di Molly è sulla tua... sulla tua... Peter è arrabbiato, oltre che incazzato, ma è un maschio umano. Ha un cazzo, e quel cazzo è più preoccupato del fatto che la mia lingua è a pochi millimetri dalla fica gocciolante della ragazza sexy. Il Lupo si allunga su di me e afferra il culo di Molly. La sua voce esce bassa, come un ringhio, Dovresti venire a prendere la figa che hai sempre sognato. La bocca di Peter sembra essersi seccata, o forse non può più...

1.1K I più visti

Likes 0

Racconto dell'altro mondo Atto V

Lontano in una lontana terra oscura. In un castello arroccato su una collina. C'era quell'uomo. E c'era la sorella. E sotto i piedi c'era un esercito di soldati della legione e di mutazioni create attraverso la scienza. Piegheremo questa terra in ginocchio e uccideremo coloro che ci oppongono. Gettiamo questo mondo nell'oscurità. Porteremo l'altro mondo da noi e lo faremo nostro! Signore, e se va... Non è un problema. Non può diventare più forte di me. Ma signore. Basta bambino mio. Non è un problema. Cadrà come tutti loro. Ero nei campi a spingere massi e ad esercitarmi quando un messaggero...

1.2K I più visti

Likes 0

Il prete ed io

[b]All'epoca avevo 17 anni (questo è successo solo circa un anno fa) e avevo appena iniziato una nuova scuola. Sono 5'5 con 32b seni che hanno una buona forma, lunghi capelli biondi e una figura media perché sono una ballerina. Ad ogni modo, mi ero trasferito da una scuola pubblica a una scuola cattolica perché era quello che volevano i miei genitori, e durante i primi mesi ho avuto parecchio a che fare con il prete della nostra scuola... lo chiamerò Mike (che non è il suo nome ma voglio mantenere la sua identità al sicuro) Quindi, comunque, tutto è iniziato...

875 I più visti

Likes 1

Le avventure di Sarah - Capitolo 2

Tyshawn riuscì a uscire dalla porta e si incamminò lungo la strada. Sentì la puttana che gli urlava contro dalla porta. Lui la ignorò e cercò di reprimere la sua rabbia. Vide Jesse e Frank che lo aspettavano all'angolo. Si diressero verso la loro vecchia scuola dove avrebbero preso la navetta fino al punto di partenza per prendere l'autobus per Claremont. “Che succede Ty? Sembri incazzato. Jess ha detto. La cagna era in forma rara questa mattina. disse Tyshawn. Sì, è proprio una pesca. Jess ha detto. Ehi amico, guarda cosa ho. disse Jesse e tese qualcosa che sembrava una macchina...

681 I più visti

Likes 0

Io e mamma ubriaca - 2 aggiornato

Io e mamma ubriaca - 2 È stata una lunga giornata per me. Difficilmente prestando attenzione ai compiti scolastici. Pensando a quello che avevo fatto la sera prima. Il lungo viaggio verso casa sul sedile posteriore dell'auto con la mia mamma ubriaca in grembo. Diventando così pieno di lussuria che ho davvero scopato mia madre senza che nemmeno lei lo sapesse. Sono andato più volte in bagno e me ne sono andato a metà, ma mi sono fermato in attesa di quella sera. Ho aiutato la mamma a preparare la cena e mi sono seduto con lei per un po' sul...

999 I più visti

Likes 0

Regalo di compleanno_(4)

Era il mio 18esimo compleanno. Era giovedì e la mia grande festa non era fino a sabato. I miei genitori stavano visitando mia zia nello Utah, quindi quella notte eravamo solo io e alcune cose masturbatorie che mi ero comprato. A parte le basi di Love Lube e alcune riviste porno, la mia sorpresa speciale era un vibratore sottile da 8 pollici per il gioco anale. In passato, ho usato cose come carote e simili. Mi stavo preparando per una notte di amore per me stesso: Playgirl aperta a storie erotiche, lubrificante sul comodino, straccio pronto e il mio nuovo vibratore...

785 I più visti

Likes 0

La amo

La amo Una giovane coppia, a tarda notte, su un divano, impara a conoscere l'amore e il sesso Le tue dita sono così delicate sulla mia nuca mentre mi mandano un brivido lungo la schiena. Strettamente abbracciato in un bacio che dura diversi minuti bizzarri, trovo più difficile respirare. Il pezzo di carne esteso nei miei pantaloni è contorto, intrappolato nell'elastico stretto della mia biancheria intima causandogli un leggero disagio, ma vale la pena soffrire sapendo benissimo che ne sei la causa. Una nuova variazione del tuo bacio avviene mentre la tua lingua cerca di separare le mie labbra forzandole tra...

518 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.