Esca e cambia cap. 13

1.1KReport
Esca e cambia cap. 13

Grazie a garbonzo607 per le loro perspicaci modifiche.
===================================


Ci sono volute sia Gina che Summer che rimbalzavano sul mio letto per svegliarmi. Ero morto per il mondo, eppure avevo incubi sui demoni che facevano a pezzi tutti coloro a cui tenevo, strappando loro le membra e mangiando la loro carne.

Quando finalmente le due donne riuscirono a svegliarmi, ero fradicia di sudore e respiravo piuttosto affannosamente.

"Era ora," mi disse Summer con un sorriso, ma c'era uno sguardo preoccupato sepolto nel profondo dei suoi occhi.

"Cosa stavi sognando, che ti faceva gemere, agitarsi e rigirarsi, eh?" Gina mi ha seguito, dandomi una gomitata con il braccio, mentre mi strizzava l'occhio.

Gemetti di nuovo e mi coprii la testa, aspettando che i miei occhi perdessero la loro sfocatura del sonno. Non appena ho potuto vedere abbastanza chiaramente, sono sceso dal letto e solo allora ho notato che ero ancora nei vestiti di ieri. Senza nemmeno pensarci, ho iniziato a spogliarmi con le due donne ancora nella stanza.

"Ehi, aspetta che esco di qui, prima di farlo," si lamentò Summer, anche se quando la guardai, stava fissando il mio petto ben muscoloso. Avevo dimenticato che non mi aveva ancora visto completamente nudo.

"Tuo fratello è fatto abbastanza bene, eh?" chiese Gina a Summer, che poi si voltò rossa in faccia e fuggì dalla stanza.

Ricordai cosa era successo nella camera azzurra di Lela, e guardai il mio braccio sinistro, ma non c'era segno che fosse successo niente: niente vene blu, niente dolore, infatti, a parte un po' di stanchezza, mi sentivo abbastanza bene. Nemmeno i postumi di una sbornia, anche se mi chiedevo come le altre due donne potessero essere così allegre dopo tutto quello che avevano bevuto ieri sera.

Gina è rimasta a guardarmi mentre mi vestivo e poi mi ha seguito fino all'albero di Natale, dove tutti gli altri stavano aspettando. Nancy aveva una videocamera digitale e filmava tutti mentre aprivano i loro regali.

Avevo regalato a Nancy e Gina collane turchesi blu e verdi abbinate con orecchini abbinati, sapendo che avrebbe fatto risaltare i loro occhi. Per l'estate avevo acquistato dei vestiti che pensavo le sarebbero piaciuti. Da quelle tre donne ho ricevuto un abbraccio e un bacio sulla guancia per ringraziarmi, anche se ho sentito la lingua di Gina sulla mia guancia, prima che si allontanasse con un sorriso malizioso.

Il mio regalo alla mamma era sempre una tradizione, un biglietto con dentro un biglietto. "A mamma, che c'è sempre stata per me, ogni volta che ho avuto bisogno di lei. 1 Appuntamento in qualsiasi ristorante di tua scelta, domani sera, 26 dicembre." Quest'anno ho aggiunto un'altra riga: "Possa la notte riempirti di nuovi ricordi, nuove speranze e iniziare un futuro più luminoso".

La mamma era in lacrime mentre mi abbracciava, dicendomi che non poteva aspettare.

Da Gina e Nancy, ho ricevuto una carta regalo Steam, valida per $ 100. Mia sorella mi ha regalato un nuovo libro di una serie che aveva promesso mi sarebbe piaciuto molto, e l'ultima versione del manuale di Dungeons & Dragons. Il libro era di Brandon Sanderson, uno dei miei autori preferiti, quindi ero sicuro che mi sarebbe piaciuto. La mamma mi ha detto che non sapeva mai cosa regalarmi, quindi anche lei mi ha regalato un buono regalo, questo per Amazon (punto) com.

Feci la doccia mentre la colazione veniva preparata e uscii dalla doccia completamente sveglio e riposato. Una parte della mia mente stava ancora ripensando al messaggio di Lela e mi chiedevo perché avesse dovuto usare la voce del computer, invece della sua. E cosa intendeva esattamente i miei nuovi figli, al plurale?

Il profumo di una deliziosa colazione mi colpì il naso mentre entravo in cucina, e solo allora mi resi conto di quanto fossi affamato. Ho buttato giù tutto e poi ho mangiato un'altra porzione, sorprendendo tutti con quanto potevo mangiare. Anche io ero sorpreso, ma ero affamato.

Abbiamo giocato insieme, godendo della compagnia di tutti fino al pomeriggio. Gina e Nancy indossavano i loro gioielli, e stavano proprio bene su di loro come pensavo, e Summer si è infilata i suoi vestiti nuovi. Ho dovuto ammettere che mia sorella sembrava davvero sexy con i suoi nuovi jeans attillati e la maglietta.

Gina e Summer sono andate a fare la spesa per cena, lasciandomi con le due donne più anziane. Ho cercato di dare una mano in cucina, ma presto ho avuto la meglio.

Non avendo niente di meglio da fare, sono andato nella mia stanza e ho caricato il mio laptop, scaricando Internet attraverso il mio telefono. Ho ricevuto una nuova email da Shanna, con oggetto "Grazie!" C'era un collegamento a un video e normalmente non clicco su alcun collegamento nelle e-mail, ma ho sentito che Shanna era abbastanza intelligente da non inviarmi un virus. Ha aperto una pagina, che ho riconosciuto come un sito sicuro, a un video che avevano caricato e ho dovuto inserire una password che era nell'e-mail.

Il video si apriva con Shanna o Shannon davanti alla telecamera che parlavano. Non saprei dire quale fosse nel video. "Nick, abbiamo aperto il tuo regalo stamattina, e non posso ringraziarti abbastanza." Avevo ordinato loro una periferica per uno dei loro sistemi di gioco che avevo notato che non avevano. "Dal momento che non possiamo dirlo abbastanza, e non sei qui per ringraziarti, abbiamo pensato di mostrartelo."

La telecamera era appoggiata su una superficie piana che non riuscivo a vedere, e l'altra sorella si avvicinò, entrando nel campo visivo della telecamera. Ho immediatamente allontanato il mio laptop dalla mia porta, quando ho visto cosa indossava; un piccolo orsacchiotto che non faceva nulla per nascondere i suoi lineamenti.

Le due sorelle si sono affrontate, poi hanno guardato la telecamera con un sorriso, prima di baciarsi. Potevo facilmente vedere le loro lingue lavorare dentro e fuori dalla bocca dell'altro, mentre quella che indossava l'orsacchiotto iniziava a spogliare sua sorella. La maglietta si è tolta per prima e poi i suoi capezzoli sono stati attaccati. Dai gemiti che faceva la sorella in topless, sospettai che fosse Shanna, il che significava che quella con l'orsacchiotto era Shannon.

Shanna guardò dritto nella telecamera, leccandosi le labbra e gemendo mentre sua sorella succhiava e giocava con le sue tette. Fece scorrere le dita tra i capelli di Shannon, attirando sua sorella nel proprio seno.

Shannon ha tirato giù i pantaloni di Shanna, e poi ha baciato il suo corpo, finché non ha potuto piantare le labbra sul cavallo di Shanna. La donna in piedi sussultò quando Shannon iniziò a scatenarsi, gemendo e sbattendo la bocca contro le labbra di Shanna.

Mi stavo piuttosto eccitando mentre li guardavo e dovevo aggiustare il mio inguine, mentre continuavano. Immagino che avessero risolto le loro preoccupazioni sull'incesto. Dopo che Shanna ha avuto il suo primo orgasmo, gemendo forte attraverso i miei altoparlanti, ha spogliato sua sorella e ha restituito il favore. Ci vollero solo un paio di secondi con le sue labbra tra le gambe di Shannon, prima che anche lei gridasse di gioia. Quasi non riuscivo a credere ai miei occhi quando hanno iniziato a sforbiciare sul loro divano. Lo stesso divano su cui avevo giocato con loro ai videogiochi non molto tempo fa.

"Sai, non hai bisogno di guardare il porno, per scendere", ha detto una voce dalla mia porta, e mi sono maledetto per essere stato così assorbito da quello che stavo guardando, che non sono stato più attento. Probabilmente avrei dovuto abbassare anche il volume.

Nancy rimase sulla soglia a guardarmi, un piccolo sorriso sulle labbra. "Scusa", le dissi. "Non stavo pensando."

Nancy entrò nella stanza, "Non esserlo. Capisco i desideri della giovinezza. Almeno hai avuto mia figlia ad aiutarti. Sono un po' gelosa, in realtà. Mi stai ignorando." Si è seduta accanto a me e ho avuto appena il tempo di chiudere il browser prima che potesse vedere i gemelli. Sorrise mentre mi posava la mano sulla coscia. "Tua madre ha deciso di fare il bagno, quindi in questo momento siamo solo noi." Si chinò in avanti e mi baciò.

Non posso dire che sia stato del tutto inaspettato, dallo sguardo nei suoi occhi, e l'ho ricambiata con piacere. Ero estremamente eccitato dall'aver visto Shanna e Shannon, e questo avrebbe fornito proprio la liberazione di cui avevo bisogno.

"Non credo di averti ringraziato adeguatamente per i gioielli," disse mentre le sue mani cominciavano a lavorare sui miei pantaloni. Alzai i fianchi per permetterle di toglierseli, e poi gemetti mentre lei lasciava cadere la testa sul mio grembo, ingoiando qualche centimetro del mio cazzo. Nancy aveva molto talento nel pompare, mentre la sua lingua turbinava intorno al mio cazzo, e la sua mano lavorava su e giù per la mia lunghezza, usando la sua saliva come lubrificante.

"Oh, cazzo, Nancy," le dissi, gemendo, "non durerò a lungo se continui così." Distolse rapidamente la bocca e mi sorrise.

"Non ancora, giovanotto. È passato troppo tempo dall'ultima volta che ho avuto questa bestia dentro di me, e ho bisogno di essere fottuto. Ho bisogno di più di quello che Gina può fare solo per me." Sono rimasto scioccato nel sentire che Gina e sua madre facevano ancora delle cose insieme, dato che non me ne aveva mai parlato, ma poi non riuscivo a capire perché non lo facessero neanche loro.

Nancy si è alzata e si è spogliata, io mi sono tolto la camicia e poi ho pensato che fosse meglio alzarmi e chiudere la porta. La donna più anziana si sdraiò sulla schiena, i suoi piccoli seni ritti sul petto ei suoi capezzoli sporgevano con forza, e pensai di scaldarla un po' prima di infilarglielo dentro. Ma quando ho iniziato a muovere la bocca sulla sua vagina, lei mi ha fermato. "Non abbiamo tempo per quello, adesso. Ficcamelo dentro, veloce."

Per non discutere con una tale richiesta, ho avvicinato la mia bocca alla sua e ho iniziato a baciarla, mentre strofinavo la punta del mio pene contro le sue labbra già scivolose.

Le gambe di Nancy si avvolsero intorno al mio sedere e, con un potente strattone, mi costrinse a entrare in lei, abbastanza in profondità. "Oh, Accidenti, questo mi è mancato. Mia figlia è una donna fortunata ad averti dentro così spesso." Ha stabilito un ritmo piuttosto veloce con le gambe, alternando tra baciarmi e gemere mentre iniziava a sborrare attorno al mio strumento penetrante.

Sono stato in grado di affondare tutta la mia lunghezza dentro di lei e ho potuto sentire le mie palle schiaffeggiarle il culo mentre sbattevo contro di lei ancora e ancora. Alzai la schiena e portai le mie labbra sul suo capezzolo duro e rotondo, succhiandolo tra i denti, mentre lo mordicchiavo, facendola gridare, mentre le sue unghie mi affondavano nella schiena. Mi ha scavato abbastanza in profondità, sapevo che avrei avuto dei graffi, ma proprio in quel momento ha ricominciato a venire e non mi importava. La sua figa ha stretto il mio cazzo così forte che ho pensato che lo avrebbe schiacciato, ma per fortuna era abbastanza bagnata, ero ancora in grado di muovermi dentro di lei.

Tra il suo magnifico pompino e il ritmo veloce che Nancy aveva stabilito, sono durato solo un paio di colpi oltre il suo orgasmo, prima di perdere il mio carico in profondità nella sua fica.

"Ecco fatto, Nick. Dammi il tuo sperma. Riempi il mio grembo con il tuo giovane seme caldo. Oh, Accidenti, lo sento fuoriuscire da me. È troppo, non riesco a trattenerlo tutto dentro." Ha iniziato a venire di nuovo, facendomi gemere ancora di più nella sua tetta.

Rotolai al suo fianco e lei mi diede un rapido bacio sulle guance, prima di vestirsi e andare nel bagno degli ospiti a lavarsi.

Mentre era lì, ho inviato un'e-mail di risposta ai gemelli, ringraziandoli per il mio regalo e dicendo loro che non vedevo l'ora di rivederli.

Sono andato allo specchio nella mia stanza per vedere quanto Nancy mi avesse grattato la schiena, ma non riuscivo a vedere nulla. Probabilmente sembrava di più in questo momento, ho concluso. Mi chiedevo se i naniti avessero qualcosa a che fare con questo.

La mamma stava appena uscendo dalla sua stanza, mentre le ragazze tornavano a casa dalla spesa, e andarono tutte in cucina per finire di preparare la cena.

Gina mi ha preso da parte, a un certo punto per parlare con me.

"Quindi hai detto a tua sorella delle tue capacità?" Dallo sguardo nei suoi occhi, non ero sicuro se fosse arrabbiata o meno. "Credo di non essere più l'unico speciale."

"Ho dovuto," ho spiegato. "In qualche modo amplifica le mie capacità, e allo stesso tempo può vedere tutto quello che faccio. E tu SEI speciale per me."

"Credo di aver capito," mi disse con un tono che mi diceva che non era ancora felice. "Lei è tua sorella, dopotutto. Mi ha anche raccontato quello che hai fatto a tuo padre." Si fermò mentre mi guardava, e mi chiesi quanto Summer le avesse detto. "Mi chiedo se saremo mai così vicini. So che non posso rivendicarti per me; che sei destinato a qualcosa di grande. Sono solo felice che tu sia disposto a condividere te stesso con me." Poi sorrise un po', prima di alzarsi in punta di piedi e dare un rapido bacio alle mie labbra.

Non mi è stato permesso di entrare in cucina, ma ho guardato le quattro donne mentre cucinavano e ho notato che Gina flirtava pesantemente con mia sorella. Summer era una lesbica dichiarata, o forse ora è bisessuale, e sembrava prendere piuttosto bene il flirt della bionda. Ad un certo punto, Gina mi ha guardato, mi ha fatto l'occhiolino e poi ha pizzicato il sedere di Summer. Potevo solo ridere del loro comportamento.

Dopo cena, ho acceso il fuoco nel camino e ci siamo seduti tutti a parlare dei Natali passati, bevendo zabaione e godendoci la reciproca compagnia, fino a tarda notte.

Mi sono infilata nel letto, aspettandomi che Gina mantenesse la sua promessa di un altro regalo di Natale, ma mi sono addormentata prima del suo arrivo, solo per ritrovarmi nella stanza di Lela.

La mia vista si offuscò per un momento, prima di tornare a fuoco. Davvero non mi aspettavo di tornare in questa stanza, dato che la scorsa notte era stata presumibilmente il mio ultimo trattamento con la luce bianca.

Abbastanza sicuro, nessuna luce mi ha avvolto, ma è successo qualcosa di più inaspettato.

Le parole sono apparse davanti ai miei occhi.

'Inizializzazione... Fatto'
'Sincronizzazione...Fatto'
'Accensione... Fatto'

Mi chiedevo che le parole fossero in inglese, ma potevo solo supporre che Lela l'avesse fatto per me.

Non avevo idea di cosa stesse succedendo, mentre le parole scorrevano attraverso la mia visione, proprio come un display a comparsa di un videogioco. Infatti, mentre giravo la testa, le parole si muovevano con me.

'Controllo dei sistemi... Superato'
"Tutti i sistemi funzionanti"

Non apparvero altre parole e le altre parole scomparvero.

"Cosa sta succedendo?" ho chiamato. "Lela?"

'Attraversa la porta'

Apparvero le parole e questa volta c'era una freccia che puntava alla mia destra. Mentre mi giravo, vidi un'apertura che sembrava uguale a quella dell'ultima volta che avevo visto Lela; rettangolare, pieno di un'oscurità nera come la pece attraverso la quale non riuscivo a vedere. La freccia puntava proprio su di esso.

"Ma non riesco a vedere lì dentro," protestai. "Ho bisogno che tu mi guidi."

'Attraversa la porta'

Le parole lampeggiarono un paio di volte. Sospirando, ho pensato che tanto valeva vedere cosa stava succedendo. Ho attraversato il portale di mezzanotte e sono diventato immediatamente cieco. Mi sono fermato, sperando che venisse con me e mi guidasse, ma poi è successo qualcos'altro.

I miei occhi si sono adattati e sono stato in grado di vedere. Era ancora fioco e tutto aveva un bagliore rosso intenso, che faceva risaltare tutto in modo strano. Guardandomi intorno, sono stato in grado di vedere che mi trovavo su una specie di passerella e una freccia è apparsa davanti a me, indicando la strada. Non riuscivo a vedere nessun muro, solo il sentiero davanti a me. Scrollando le spalle, e non sapendo cos'altro fare, seguii le frecce, voltandomi quando mi dissero di voltarmi, e presto fui irrimediabilmente perso.

Le frecce mi hanno portato a un'altra porta, ma ho potuto vedere attraverso questa, e sono stato in grado di vedere Lela seduta sopra qualcosa di cilindrico.

"Puoi entrare, ma non parlare"

La porta si aprì e io entrai, quasi pronto a esclamare la mia felicità nel vederla, ma le parole balenarono di nuovo e chiusi la bocca.

'Pensa a me le tue parole, e io le vedrò'

Lela non si è mossa, non ha nemmeno aperto gli occhi per guardarmi, mentre le stavo accanto. Mi chiedevo cosa non andava in lei e se c'era qualcosa che potevo fare per aiutarla.

'Io sto bene, grazie'

I miei pensieri devono averla raggiunta. Mi chiedevo se questo fosse un qualche effetto di qualunque cosa mi fossi iniettato la scorsa notte, solo per avere le parole per confermarlo un attimo dopo.

'SÌ. Quelli erano robot estremamente piccoli, li chiamereste naniti. Hanno unito le nostre menti e saranno in grado di aiutarti nella tua prossima battaglia con i demoni.

Ho annuito, pensando "Grazie", a lei.

'Per favore, siediti'

Una freccia indicava un punto del pavimento davanti a dove sedeva Lela, e io feci come richiesto. I suoi occhi erano ancora chiusi e mi chiedevo cosa sarebbe successo adesso.

'Chiudi gli occhi'

Le mie palpebre si abbassarono e all'improvviso mi ritrovai su una spiaggia con sabbia rossa, onde azzurre che lambiscono la riva sotto un cielo con due lune.

"Questo è il mio pianeta natale," disse la voce di Lela proprio dietro di me. Mi voltai per guardarla e notai un bagliore sulla sua pelle che non avevo mai visto prima. "Mi dispiace di averti fatto preoccupare, ma sono stato così debole per aver deposto i nostri cuccioli, che non sono riuscito a vederti." Si avvicinò a me e tenne gli occhi fissi all'orizzonte. Mi girai a guardare con lei, chiedendomi la bellezza di ciò.

"Bambini? E siamo davvero qui?" Le ho chiesto.

"No. Siamo solo nelle nostre menti. Posso parlarti in un modo che non posso là fuori in questo momento." Per una frazione di secondo vidi la debolezza attraversare i suoi lineamenti, e poi svanì. "So che la tua gente ha l'abitudine di fare regali in questo giorno. I miei doni per te sono i robot nel tuo sangue."

"Nave? Allora... siamo nello spazio?" chiesi stupito. In qualche modo sapevo che dovevamo esserlo, ma la conferma mi ha comunque fatto battere forte il cuore. Quale geek non sogna di andare nello spazio?

"Siamo in orbita bassa ora."

Le sue parole di prima mi tornarono in mente, e dovevo saperlo. "Hai detto bambini... pensavo che non fossimo compatibili, geneticamente."

Lei annuì e, mentre parlava, mi resi conto che non si stava prendendo il tempo di tradurre prima di parlare. Stavamo parlando in perfetta sincronia. "In qualche modo mi hai cambiato. L'ho sentito in quel momento, ma non ho capito, finché non ho sentito che le mie uova venivano fecondate. Mi era stato detto cosa aspettarmi... ma era diverso." Poi mi guardò con i suoi grandi occhi d'argento, e vi vidi la paura. "Non abbiamo i nostri piccoli come fanno le tue femmine umane. Dopo che sono stati fecondati, ci vogliono un paio di giorni, poi le femmine depongono le uova e le incubano. Questo è quello che mi hai visto fare in quella stanza. Ma con te ci è voluto più tempo. Ha logorato il mio corpo e mi ha reso debole". Si voltò verso l'acqua e fissò le due lune. "Ho dovuto riferire cosa è successo ai miei superiori. A loro non è piaciuto e hanno chiesto che i nostri figli venissero distrutti. Non ho mai pensato che la mia razza fosse violenta, ma mi hanno mostrato un lato di loro stessi nella loro paura che non ho mai conosciuto esisteva.

"Ci hanno messo sotto processo; questo è quello che hai provato con quelle domande. Hanno stabilito che non valeva la pena salvare la razza umana, che eri troppo selvaggio. Mi è stato ordinato di sottomettermi e permettere che i nostri figli venissero distrutti." Potevo sentire la tristezza nella sua voce e ho persino visto una lacrima apparire nei suoi occhi. Non osavo parlare però, troppo pieno di vergogna per il mio ruolo nella loro decisione di abbandonare la Terra.

"Mi sono rifiutato di andare, o di sottomettermi. Come punizione, hanno cancellato tutti i dati di volo sulla mia nave, così quando i demoni sono arrivati, non potevano usarli per trovare il nostro nuovo pianeta. Significa anche che non potrò mai tornare a casa." Si fermò e io le camminai dietro, abbracciandola da dietro. Anche nella nostra mente, potevo sentire la sua pelle morbida e liscia, mentre tremava tra le mie braccia. "Questo conforto che fate voi umani, è carino. C'è molto che potremmo imparare da voi, ma temo che siamo condannati. Il vostro pianeta sarà usato come esca, mentre la mia razza fugge su un altro pianeta."

Ho sentito la sua dichiarazione e ho rabbrividito. Che possibilità avevamo contro una razza aliena avanzata, con armi superiori? Non avevo ancora idea di come li avrei fermati con i miei interruttori. Era quasi ridicolo, il pensiero di me che affrontavo una flotta di demoni, con la mia mente come unica arma, come un eroe dei fumetti.

Anche con il potere extra che ho ricevuto da mia sorella, sapevo di non poter competere con i demoni.

Estate...

"Mia sorella era uno dei tuoi esperimenti?" le chiesi, temendo di sentire la risposta.

"Sì, è stata un fallimento. Entrambi avevate il gene dormiente, ma quando è stato attivato in lei, non è successo niente." Mi sono sentito arrabbiato per quanto insensibilmente ha parlato di Summer.

"Hai detto che alcuni di loro muoiono. Sarebbe potuta morire!" Allora mi resi conto di quanto suonassi ridicolo, ma non mi importava. Non importava che fosse viva, e che fosse sopravvissuta, non mi piaceva che fosse stata in pericolo.

"Cos'è una vita, anche quella di tua sorella, rispetto al resto della razza umana?" Mi sentivo sporco per l'avidità, ma la logica ha prevalso.

"Non è stata un fallimento. Ingrandisce le mie capacità", le dissi.

"Speriamo che sia abbastanza", rispose con calma.

La mia mente voleva evitare il pensiero dei demoni e di mia sorella, e si riattaccò ai miei figli.

"Quindi quelli erano i nostri figli su cui eri seduto... nelle uova?" Non sapevo cosa pensare. Mi chiedevo come sarebbero stati quando sarebbero usciti. Speravo solo che sopravvivessero.

"Sì. Sono suscettibili alla luce e al rumore in questo momento. Ecco perché abbiamo dovuto incontrarci in questo modo. Non posso lasciarli e non possiamo parlare con loro. Non so quanto tempo ci vorrà prima si schiudono. Voi umani avete un periodo di gestazione più lungo di noi. Saranno una nuova razza." Si voltò tra le mie braccia e mi guardò, i suoi occhi argentei scintillanti nella luce immaginaria. "Mi chiedevo come voi umani vi accoppiate per piacere. Perché l'avete fatto. Come vi ho detto, da noi è una compulsione obbligatoria. I maschi ne traggono un certo piacere, ma è brutale per le femmine.

"Eppure, con te, è stato bellissimo. Non ho mai provato sentimenti simili prima, e nemmeno nessuno della mia razza. Ci è sempre stato insegnato che l'accoppiamento è violento e doloroso, e nessuno lo ha mai messo in dubbio. Quando mi sono presentato questo al consiglio, mi hanno chiamato blasfemo. Mi hanno chiesto di negare ciò che avevo detto loro. Non potevano capire o non volevano. Sollevò il suo corpo più in alto e sentii la sua piccola bocca raggiungere la mia. Con tutto ciò che avevo imparato e tutto ciò che avevo sperimentato, ero sopraffatto. Le sue labbra sulle mie, però, sembravano agire come una valvola limitatrice di pressione, e mi ritrovai a baciare ardentemente questo simpatico alieno.

Le sue braccia si avvolsero intorno alla mia vita mentre la tiravo più stretta a me, permettendo a tutto il mio mondo di essere proprio lì, centrato sul qui e ora. Non volevo pensare ai demoni, agli altri della sua razza oa qualsiasi altra cosa che non fosse il piacere e il conforto che potevamo offrirci l'un l'altro.

"Questo bacio, è meglio di come me lo ricordavo. Se solo potessero capire." La sua voce era triste e volevo solo renderla felice ancora una volta.

La sollevo facilmente e la adagio sulla sabbia soffice. L'ultima volta mi aveva mostrato cosa poteva fare con le sue due lingue, questa volta speravo di mostrarle cosa potevo fare con la mia unica lingua. Le baciai il corpo, trascorrendo qualche secondo su ciascuno dei suoi capezzoli rosa, prima di dirigermi verso la congiunzione tra le sue gambe.

"Questo è qualcosa di nuovo. Grazie, Nick," mi disse, la sua voce si fece dolce e quasi sognante. Le baciai leggermente il sesso, meravigliandomi di quanto fosse simile a quello di un essere umano, e pensai che le sue uova fossero uscite da qui non molto tempo fa.

Beh, non qui, in realtà, dato che questo era tutto nelle nostre menti, ma sembrava tutto abbastanza reale. Mi chiedevo quanto sarebbe stato reale. Ci sarebbe qualche diminuzione della sensazione perché è stata immaginata, o sarebbe aumentata perché era direttamente collegata alle nostre menti?

I suoi sospiri gentili mentre le leccavo intorno alle labbra, mi dicevano che, indipendentemente dalla risposta, si stava godendo le mie attenzioni. Infilai la mia lingua dentro di lei con abbandono, facendola gridare di piacere. Ho mordicchiato il clitoride in cima alle sue labbra, e le sue gambe si sono bloccate intorno alla mia testa, sorprendentemente forti, mentre veniva nella mia bocca.

"È stato bello," la sentii dire, felice di poterla capire questa volta. L'ultima volta aveva gridato nella sua lingua, ma con questa connessione mente a mente, la comprensione era immediata. "Le sensazioni che attraversavano tutto il mio corpo erano nuove, eppure molto piacevoli."

Piacevole? Solo piacevole? Mi chiedevo. Oh diavolo no! Infilai la lingua il più possibile e sentii la sua barriera esterna scivolare strettamente attorno al mio penetrante strumento orale. Con la lingua dentro di lei, ho premuto il naso contro la sua clitoride e, anche se non riuscivo a respirare così, sapevo che le sarebbe piaciuto. Mi strofinai la faccia avanti e indietro, il più velocemente possibile, permettendo alla mia bocca di lavorare le sue labbra, mentre il mio naso lavorava la sua clitoride. Ci sono voluti solo un paio di secondi prima che avesse il suo secondo orgasmo.

Il suo respiro era pesante, mentre sollevava la testa dalla sabbia e mi guardava meravigliata. "È così che ti senti quando mi metto in bocca il tuo sesso? È bello quasi quanto un rapporto completo."

Per quanto analitici fossero i suoi commenti, potevo accettare quel complimento.

"Penso che sia diverso per me, dato che abbiamo parti diverse", le dissi onestamente. "Posso solo immaginare come potrebbe essere per te se avessi due lingue." Ho iniziato a baciare il mio corpo, finché non ho baciato di nuovo la sua bocca, le sue lingue scivolavano intorno alla mia e mi eccitavano ancora di più.

"Hai un'abilità con la tua unica lingua, che non credo possa essere eguagliata con due", mi disse, ma io avevo i miei dubbi.

Spazzandomi via la sabbia, strofinai il mio fallo contro i suoi mostri, chiedendomi se lo volesse senza essere in calore. Mi aveva detto che l'ultima volta le era piaciuto, ma si stava bagnando e si stava godendo tutto senza la compulsione obbligatoria che deriva dal suo essere in calore.

"Voglio sentirmi di nuovo connesso a te. Voglio averti dentro di me." Ho premuto la testa del mio cazzo contro la sua apertura e ho aumentato la pressione fino a sfondare la sua membrana esterna, scivolando fino in fondo, in fretta, prima che potessi fermare la mia avanzata. Grugnì mentre gemevo per il completamento dei nostri due corpi, e le sue mani a quattro dita mi afferrarono la schiena.

Riabbassai la testa sulla sua e lei accolse il mio bacio con una fame reciproca. Le nostre lingue danzavano a tempo con i nostri corpi, mentre la guidavo ancora e ancora. Lo stretto anello esterno della sua vagina era fantastico, e come nessun'altra donna (anche se ricordava in qualche modo quando Gina mi ha permesso di entrare nel suo culo), mentre scivolava su e giù per la mia asta dura e penetrante.

"Bene... così bene..." ansimò a tempo con la mia spinta, mentre le riprendevo la tetta in bocca.

Ci girai e la feci sedere, permettendomi di andare un po' più a fondo in lei. Il suo bacino poggiava contro il mio e io le afferrai i fianchi, tirando e spingendo, finché non prese il ritmo. Entrambi abbiamo iniziato a gemere forte, mentre colpivo le parti più profonde di lei. Con il suo costante dondolio, ho spostato le mie mani sui suoi piccoli seni, stringendo la carne soda.

Ci stavo andando vicino, ma dato che questa volta non era in calore, e dato che questo era comunque tutto nelle nostre menti, non mi preoccupai, mentre mi scaricavo su di lei, il mio corpo si bloccava mentre un'onda dopo l'altra di piacere si abbatteva su di lei. Me.

Quando ho aperto gli occhi, ero sdraiato nudo nella mia stanza.

Storie simili

La vita di lex parte 1_ (3)

Mi ero quasi abituato alle entrate non annunciate di Lex nella mia stanza. Le avevo chiesto di smetterla di irrompere nuda, quindi ora di solito erano coinvolti mutandine e reggiseno o un asciugamano se si fosse appena fatta la doccia. Esci? sbottò lei invece di un saluto. Indossava pantaloncini del pigiama extra corti e una canotta. Dall'esperienza passata sapevo che probabilmente non aveva le mutandine sotto. I suoi seni, trattenuti a malapena dalla maglietta attillata, rendevano più che evidente che non indossava un reggiseno. Ciao Lex, come stai? Ho pensato che forse potevo evitare la domanda. Sto benissimo, tu sei fantastico...

2.1K I più visti

Likes 0

Le avventure di Jessica 4!

Le avventure di Jessica 4 Note dell'autore: Ehi gente, questa è la mia quarta storia della serie e non vedo l'ora di ricevere un feedback. Adoro scrivere queste storie, ma sono molto impegnato ora, quindi potrebbe passare un po' di tempo tra le storie. Amo tutti i miei fan e odio i miei non fan, lol, beh, non ti odio davvero, mi chiedo solo perché non ti piacciono le mie storie. Ci sarà incesto in questa storia, e se odi l'incesto, non leggerlo. Questa è la quarta avventura di Jessica nella serie e, in futuro, fai attenzione a un ospite speciale...

2.2K I più visti

Likes 3

Le tette si fanno bang bang

Ancora una volta vi porto la copia scritta di un'avventura interrazziale più recente. Proprio come prima, adoro ricevere posta da tutti voi e se non ricevete una risposta da me la prima volta, diavolo, scrivetemi di nuovo. Un piccolo retroscena per questa storia: è successo una notte l'estate scorsa. Stavo tornando a casa da un club (mio marito è stato via per la settimana - allenamento). A circa ¼ della strada di casa, la mia macchina ha iniziato a fare i capricci e alla fine ha ceduto. Usando il mio cellulare e una rubrica di una stazione di servizio vicina, ho...

2.2K I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

2.3K I più visti

Likes 0

Un weekend non così noioso

Solo per Holly! :-P Era proprio come tutti gli altri venerdì che erano passati quest'anno. La scuola durava 48 ore e iniziava la ripetizione che era diventata il suo fine settimana. La maggior parte delle persone vedeva il proprio fine settimana come un momento per uscire e divertirsi, Naomi invece li considerava troppo lunghi e noiosi. Non aveva molti amici in questa nuova città e non guidava, quindi non poteva scappare in spiaggia. I fine settimana non avevano nulla in serbo per lei. Naomi ha riflettuto su cosa avrebbe potuto fare per intrattenersi questo fine settimana mentre apriva la porta, buttava...

2K I più visti

Likes 0

Vicini cattivi_(1)

Mi sono svegliato la mattina dopo con il luminoso sole mattutino di luglio che entrava dalla finestra. con un sorriso stampato in faccia ma ho ancora un leggero senso di colpa nello stomaco dalla sera prima. Mi sono girato per controllare l'ora e ho notato che Tony stava ancora dormendo. Erano le 8.50 di mattina. Mi alzai dal letto e mi tuffai subito nella doccia. Una volta fuori, con un asciugamano addosso, scesi le scale per farmi una tazza di caffè. In piedi in cucina, caffè in mano quando Andy stava tornando da una delle sue corse mattutine. Si era tolto...

2K I più visti

Likes 0

Uno stile di vita oscillante, capitolo 3

Dato che ora operavo da single, ho deciso di rispondere ad alcuni annunci in una rivista di scambisti. Ho provato a cercare le coppie che volevano qualcosa di insolito, e ho detto in ogni risposta che ero disposto a provare qualcosa che non fosse pericoloso o doloroso. Nessuno degli annunci a cui ho risposto aveva menzionato il sesso bisessuale, ma ho pensato che qualsiasi ragazzo che cercava di condividere sua moglie con un altro ragazzo probabilmente stava segretamente pensando di provarlo. Si è scoperto che ero praticamente sui soldi. Ho ricevuto una risposta positiva da più della metà delle mie lettere...

2.3K I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

2K I più visti

Likes 0

Moglie violentata in Sudafrica

Mia moglie Elaine ed io abbiamo fatto una vacanza in Sudafrica l'anno scorso e abbiamo deciso di provare a vedere quanto più possibile del paese. Abbiamo volato a Johannesburg e abbiamo trascorso un paio di giorni a guardarci intorno. Abbiamo ricevuto molti avvertimenti sui pericoli della città, capitale mondiale degli omicidi, e abbiamo preso taxi ovunque. Le township sono state un vero shock culturale ma con una guida e stando nei trasporti, non abbiamo avuto problemi. Abbiamo viaggiato a Port Elizabeth e abbiamo affittato un bungalow, era bellissimo. Ci siamo rilassati e probabilmente eravamo meno consapevoli di ciò che ci circondava...

3.5K I più visti

Likes 0

La scommessa_(6)

Molti anni fa, ero completamente innamorata del mio migliore amico Jim. In realtà, sono stato il primo amico di sua moglie, ma sapevo che non erano felici. Mi diceva sempre che era una macchina del sesso, che lo voleva sempre e con posizioni folli. Ogni volta che mi trovavo tra fidanzati, mi chiedevo come sarebbe stato il cazzo di Jim nella mia figa. Non ho mai agito per lealtà verso sua moglie. Sapevo che tradiva molto e a volte pensavo che fosse con le sue benedizioni. Un giorno mi chiamò per dirmi che finalmente lo aveva lasciato. È andata a Parigi...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.