Ufficio sogno parte 5

919Report
Ufficio sogno parte 5

Era una giornata di mezza estate in ufficio e tutti si lamentavano della temperatura nonostante fosse ancora mattina presto. Il caldo mi inzuppava il corpo di sudore. Lasciandomi cadere sulla sedia in ufficio, accesi il ventilatore e aspettai un po' di sollievo. Stavo cercando di concentrarmi sul mio progetto ma dopo poco tempo il caldo ha fatto vagare i miei pensieri. Ho deciso di prendermi un po' di tempo libero per fare surf. Ho cliccato sui miei siti preferiti. Presto ho riprodotto un video di due ragazze e un ragazzo. Il ragazzo sembrava davvero felice, stava scopando una delle ragazze e l'altra leccava la figa dell'altro e il suo stesso cazzo mentre la sbatteva dentro. Quando si è fermato sono passato a un altro. Questa volta sono stati due ragazzi a scopare una ragazza. La ragazza aveva le labbra avvolte attorno a un grosso cazzo che le stava sbattendo dentro. Quali labbra? Entrambi. La sua bocca veniva fottuta duramente, il ragazzo le teneva una mano tra i capelli costringendola a scendere su di lui mentre l'altro ragazzo le teneva i fianchi e si spingeva dentro di lei. Il mio cazzo si contrasse nei miei pantaloni.
Ho guardato il mio collega e il mio cervello ha smesso di funzionare quando tutto il sangue è sfuggito alle regioni inferiori. Aveva la gonna alzata sui fianchi e le gambe leggermente divaricate. Sollevò una gamba per allargare ulteriormente le gambe e rivelò un perizoma di cotone nero. Potevo vedere le sue labbra premute contro di essa. C'era un inscurimento del colore nel mezzo del tessuto. Era bagnata. Il mio cazzo si mosse di nuovo. Sospirò e cominciò a farsi vento con la camicetta sbottonandola più in basso. Sorrise leggermente. Afferrando un fazzoletto dalla sua borsa se lo strofinò tra i seni ripulendo il sudore che vi si era imperlato. Si appoggiò allo schienale della sedia e iniziò a pizzicare i capezzoli, rendendoli ancora più duri. Quei capezzoli, sembravano sempre pronti a partire. Sempre frugando in qualunque top indossasse. Dannazione, è stata una svolta. Hanno solo richiesto attenzione. Sentivo il mio cazzo risalire la mia gamba ora, solo pensando a lei ea quei capezzoli duri.
Le mie dita tracciarono la rigidità dei miei pantaloni mentre lei faceva scorrere molto lentamente il dito sulla sua coscia, la sua mano indugiava vicino al suo perizoma umido. Sono rimasto ipnotizzato da ciò che ho visto. La mia mano, impercettibile sotto la mia scrivania, stava strofinando il mio rigonfiamento ora in rapida crescita. Lentamente le sue dita cominciarono a tracciare le labbra della figa sulla macchia bagnata nel suo perizoma. Il mio respiro divenne tremante mentre afferravo la mia asta attraverso i pantaloni. Si stava praticamente toccando se stessa. Stavo per entrare nei pantaloni quando lei tirò il perizoma di lato e iniziò a far scorrere un dito su e giù per la sua fessura immergendo un dito nelle sue pieghe bagnate.
Avevo così tanto bisogno di scendere. Era una tortura, stare seduta lì in ufficio a guardarla masturbarsi praticamente sotto gli occhi di tutti, pensando alle cose che avevamo fatto proprio qui. Le volte che avevo assaggiato i suoi seni, succhiato e morso quei deliziosi capezzoli, l'avevo toccata, l'avevo fatta venire. Il mio cazzo stava cercando di uscire dai miei pantaloni. Mi morsi il labbro, sentendomi come se stessi per esplodere.
Ho bloccato il mio computer e ho gemito "Devo andare nella stanza degli uomini"
Avevo appena raggiunto la struttura e chiuso la porta dietro di me quando mi sono strappato i pantaloni, tirandoli giù fino alle ginocchia. Il mio cazzo schiaffeggiato contro la mia pancia. Abbassai lo sguardo e vidi la testa grondante di precum, gonfia e palpitante. Le mie dita lo avvolsero e scivolarono attraverso il lubrificante che avevo fornito. Senza perdere un secondo ho iniziato ad accarezzarlo molto velocemente e con forza vicino alla punta, sapendo che questo mi avrebbe fatto scendere velocemente. Proprio in quel momento la porta esterna si è aperta di nuovo e ho sentito il mio collega dire "Sono in ritardo?"
Ho aperto leggermente la porta con il mio cazzo in mano e le ho mostrato il mio cazzo che si agitava tra le mie dita. Disse sorridendo: "Sembri teso, penso che tu abbia bisogno di qualcosa per rilassarti". Ogni senso mi ha lasciato mentre la sua mano si avvolgeva intorno al mio cazzo palpitante. L'emozione di essere toccato da lei nel nostro bagno unisex, dove da un momento all'altro qualcuno poteva entrare e vederci, mi faceva venire i brividi lungo la schiena, eccitandomi ancora di più. Cominciò ad accarezzarmi lentamente, la sua mano si muoveva lungo il mio cazzo, stringendolo dolcemente. "Oh sì," sussurrai. L'ho esortata ad afferrarlo più forte e ad accarezzarlo con più forza. La pressione attorno al mio cazzo si fece più stretta, strappandomi un gemito dallo stomaco. Lo accarezzò più forte e più velocemente, chiusi gli occhi per un secondo dal piacere insopportabile. "Ooohh sì." Sospirai e lei aumentò ulteriormente la velocità con cui le sue dita si muovevano attorno al mio cazzo. "Questo è tutto. Un po' più difficile.» Ho dato istruzioni e lei ha obbedito. Aumentò la pressione della mano, stringendomi forte intorno. Volevo accelerare ulteriormente le cose e ho ricominciato a strofinare vicino alla parte superiore mentre lei continuava ad accarezzare la parte inferiore della mia asta. Le mie palle stavano aspettando, implorando il rilascio. Ho abbinato il suo colpo per colpo. Mi ha accarezzato così forte che era sul punto di farmi male e questo, combinato con la mia stessa mano sulla punta, mi ha portato a un orgasmo rapido e intenso. Sono appena riuscito a entrare nella mia mano, sfuggendo alla necessità di pulire la bacchetta e il pavimento. Mi ha passato dei fazzoletti di carta e io mi sono pulito.
L'ho guardata uscire e ho aspettato almeno un minuto prima di tornare nel nostro ufficio. I nostri colleghi avevano continuato a lavorare, ovviamente non accorgendosi della nostra assenza combinata.
Mentre si girava verso di me, salutandomi con un ampio sorriso, qualcosa in me scattò. All'improvviso ero stanco di giocare al gatto e al topo. Mi aveva deliberatamente preso in giro con i pompini e lasciandomi guardare mentre si masturbava, eccitandomi fin dal primo giorno, e io avevo continuato a fantasticare, permettendogli di consumare i miei pensieri nelle ultime settimane. Abbiamo chattato online e discusso delle nostre preferenze e desideri sessuali e spesso queste chat si sono rivelate un altro metodo di stimolazione, chattare per eccitarsi a vicenda. Ha scambiato foto e video porno hot con me, rendendomi duro e bisognoso di rilascio più spesso che mai. Ha persino giocato davanti a me con il suo dildo, scopandosi con il giocattolo mentre io potevo solo sentire le sue labbra e la sua lingua su di me, desiderando ardentemente la sensazione della sua figa attorno al mio cazzo. Eppure non ha mai permesso che andasse oltre. Le nostre sessioni di trucco non mi avevano mai portato così lontano come volevo andare con lei. Oggi volevo tutta lei, ed è quello che intendevo ottenere. Ero pronto a dare a questa donna il cazzo della sua vita. Era giunto il momento per lei di consegnare. Mentre ero seduto lì, guardandola negli occhi, sapevo esattamente cosa dovevo fare. Ma dovevo ancora procurarmi dell'attrezzatura aggiuntiva per portare a casa il mio punto di vista. Dopo che la mia pressione si è allentata e la mia determinazione è stata raggiunta, ora potevo concentrarmi sul mio progetto e il tempo fino a mezzogiorno è passato velocemente.
Durante la pausa pranzo sono andato in un negozio per adulti nelle vicinanze. Non ero mai stato a uno prima. C'era un impiegato al bancone mezzo addormentato e nessun altro nel negozio. Ho camminato lungo l'isola dei video porno e ho trovato l'isola dei giocattoli. C'erano strapon e dildo appesi agli scaffali. C'erano vibratori in molteplici forme e dimensioni. C'era anche una cosa che sembrava un tubo ma aveva le labbra all'estremità, per masturbarsi ho pensato. Sono rimasto lì a guardare l'assortimento e alla fine ho acquistato ciò di cui pensavo avrei avuto bisogno nel negozio.
Sono andato da lei in ufficio quando sono tornato e le ho detto che avevo bisogno di vederla nel nostro ufficio dopo il lavoro. Dopo aver preparato tutto, sono tornato al mio lavoro e ho trascorso un pomeriggio molto produttivo.
Ho notato che tutti gli altri colleghi l'avevano già chiamato un giorno. Mi alzai, chiusi a chiave la porta e girai intorno alle scrivanie finché non mi trovai dietro di lei. Sono rimasto lì, immaginando nella mia mente cosa avrei fatto con lei, aspettando che si accorgesse di me. Dopo due lunghi minuti di attesa finì il suo compito al computer e si voltò.
Fissò il rigonfiamento che si stava formando nei miei pantaloni. La mia eccitazione era abbastanza evidente. Allungò la mano finché non sentì il mio cazzo e iniziò a massaggiarmelo attraverso i pantaloni. "Ti piace un pompino?" ha respirato. Ho scosso la testa "Ti voglio. Ho bisogno di sentire la tua figa massaggiare il mio cazzo." Mi ha guardato e ha detto: "Non potevo andare fino in fondo". Le ho detto di guardare lo schermo del mio computer, di dare un'occhiata a qualcosa che le avrebbe fatto cambiare idea.
L'ultima volta che stavamo pomiciando avevo installato una webcam che mostrava l'area intorno alla mia scrivania. L'idea allora era di avere un video davvero personale da guardare per farmi divertire. Ma stamattina, quando ho raggiunto la mia decisione di ottenere da lei più di quanto lei volesse dare, il piccolo video è diventato uno strumento molto più potente. Il video, attualmente in esecuzione sullo schermo del mio computer, la mostrava mentre veniva sditalinata da me e cavalcava il suo orgasmo sulle mie dita mentre le succhiavo i seni. La scena successiva la mostrava mentre mi faceva un pompino e ovviamente si divertiva molto.
Sono andato dietro di lei e le ho detto che se avesse continuato a negarmi, avrei inviato il video a suo marito ea tutti i nostri colleghi. I suoi occhi si spalancarono per la paura e io usai il suo silenzio per dire "Ho preso un potenziatore dell'erezione poco prima che iniziassimo il nostro piccolo incontro qui, quindi ne avrò in abbondanza per te, piccolo cocktease, d'ora in poi sei il mio giocattolo da ufficio da usare come mi pare, o perderai il tuo lavoro e tuo marito." La girai e la spinsi indietro alla mia scrivania. Le afferrai le caviglie e le tolsi le scarpe e i calzini, poi raggiunsi la sua vita e le sbottonai la cintura e le aprii la zip gonna. Mentre le abbassavo la cerniera, premetti contro il suo tumulo pubico, massaggiando il suo sesso attraverso il panno. Lei si contorse al tocco. Le tolsi la gonna e fui felice di vedere di nuovo il suo perizoma nero. Il mio cazzo si gonfiò al vista.
Gemette quando le afferrai i seni, stringendole la carne attraverso i vestiti.
Le mie mani si incontrano al centro del suo petto e le sbottono il primo bottone della camicetta. Ora mi sono spostato verso il basso sul suo petto, sbottonandomi mentre vado. Quando l'ultimo bottone fu libero, le strappai i lati della camicetta, facendola scivolare sul pavimento. Più velocemente di quanto potessi pensare, le avevo slacciato il reggiseno e l'avevo abbassato per unirmi alla sua camicetta. I suoi seni nudi erano ora appoggiati direttamente davanti ai miei occhi e sono andato giù su di loro alternando entrambi succhiando forte e mordendo i capezzoli. Lei gemette "No, non così forte, fa male, mi stai mordendo i capezzoli troppo forte". L'ho ignorata e ho continuato le mie cure per un minuto o due e sono stata ricompensata dalla vista di due capezzoli gonfi, duri e bagnati che puntavano nella mia direzione. Rimase senza fiato quando sentì di nuovo le mie mani sui suoi fianchi, e questa volta si stavano muovendo verso il basso, portando il suo perizoma verso il basso mentre andavano. La cintura del suo perizoma si estendeva oltre le guance del suo culo, e pochi secondi dopo era completamente nuda mentre io ero ancora completamente vestito.
L'ho spinta sulla mia scrivania con le gambe divaricate. Le ho detto che il suo lavoro era solo quello di sdraiarsi lì e fare quello che le chiedevo. Aveva un po' di cipiglio sul viso, ma non disse una parola. Sembrava davvero spaventata, ma fece come le avevo detto. Poi l'ho guardata e l'uomo sembrava sexy. Le allargai un po' di più le gambe, cominciai a strofinare con la mano il suo piccolo clitoride liscio. Ha cercato di divincolarsi, ma io ero troppo forte, l'ho tenuta ferma facilmente. Ho continuato a lavorare sulla sua figa e sul clitoride finché, anche contro il suo volere, la sua figa l'ha tradita e ha cominciato a bagnarsi davvero. Ho lasciato che le mie dita passassero vicino al suo clitoride, l'apertura umida per la sua eccitazione. Ho affondato le mie due dita centrali il più profondamente possibile e ho portato il pollice a riposare sulla punta del suo clitoride. Infilai le dita in modo veloce, profondo e brusco e poi ripetei rapidamente la procedura. Dopo poco tempo ho aggiunto il mio dito indice. Ho continuato e lei produceva sempre più fluidi ad ogni momento che passava. Si contorse di nuovo mentre il mio pollice lucido le sfiorava la clitoride. I suoi occhi si serrarono strettamente mentre continuava a contorcersi e gemere profondamente nella sua gola. Fu allora che mi colpì. Il mio potere su di lei era cambiato. Questo era un potere diverso, un potere sessuale.
Mentre aggiungevo il quarto dito a quelli già nel suo corpo e mi agitavo su e giù. Il suo clitoride si era gonfiato al punto che il contatto non avrebbe potuto essere evitato da qualsiasi cosa si facesse strada tra le sue gambe. Le ho sussurrato "Vedi quel mio piccolo giocattolo da ufficio?" La tua fica sa cosa sei, sa cosa ti piace anche se non lo ammetterai." Poi le ho portato la mano sinistra sulla fica e le ho detto di iniziare a strofinarsi. Mi sono seduta di nuovo sulla sedia per godermi il panorama e l'ho guardata mentre iniziava a strofinarsi e a infilarsi il dito medio in profondità nella figa.Le ho detto di estrarre lentamente il dito dalla sua figa e portarlo alle labbra.Poi succhiarlo proprio come se fosse un cazzo.L'ho guardata e lei fece come le avevo chiesto. Il mio cazzo si contrasse guardandolo. Le dissi di ricominciare a masturbarsi e di non smettere. Rimasi seduto lì a guardarla strofinarsi per diversi minuti. Mi sono tolto le scarpe e mi sono slacciato i pantaloni e i pantaloncini, spingendo li a terra e ho iniziato ad accarezzarmi lentamente. Ho assaporato entrambi, la sensazione di avere il controllo totale e l'attrito della mia mano che massaggiava lentamente il mio cazzo. Lei gemette "Ti piace? Ti eccita guardarmi giocare con me stesso?“ “Cazzo sì.” sussurrai: "Ma non tanto quanto mi piace partecipare".
Poi le ho detto di girarsi. L'ho guardata mentre si girava, i suoi seni e la pancia ora appoggiati sulla mia scrivania. Le ho posizionato le gambe piuttosto spalancate. All'inizio non si è rilassata, ma le ho detto di nuovo, dico sul serio, non spingermi a inviare quell'e-mail. A quel punto si arrese e lasciò libero il suo corpo. L'ho fatta ricominciare a toccarsi le dita. Le sue dita iniziarono a strofinare e ad accarezzare il suo clitoride eccitato. Era impegnata con la sua figa ed era semplicemente perfetto per me stare tra le sue gambe.
L'ho afferrata per i fianchi e mi sono spostata tra le sue gambe e ho allineato il mio cazzo duro come una roccia con la sua fessura bagnata e ho spinto la testa del mio cazzo gonfio contro il suo buco. Potevo sentire la mia testa spingere contro la sua figa, strofinando i suoi succhi intorno. Le parole dolci uscirono di nuovo da lei "Oh, per favore, no, non farlo". Ho sentito la sua mano lasciare la figa e salire sul mio cazzo per bloccarlo. Le ho spinto la mano sul clitoride e ho detto, è meglio che tu venga prima di me o la posta andrà. La cosa successiva che sentì fu il mio cazzo che spingeva per trovare l'ingresso della sua figa. „Non dovremmo farlo. Non lo voglio. Per favore non farlo. No, per favore non farlo, farò qualsiasi altra cosa tu voglia, solo per favore aaaaaahhhhhhh!!!!! è andata in parte anche bagnata com'era. Potevo sentire un altro "Oh, per favore, no" provenire molto silenziosamente dalle sue labbra. Ho fatto finta di non averlo sentito dal momento che non l'ha detto molto forte. La sua figa era così bella Mi sono tirato fuori e l'ho speronata di nuovo più forte che potevo e lei mi ha preso un po' più a fondo. Ora ho iniziato a scivolare dentro e fuori molto lentamente. Stava singhiozzando, implorandomi di smetterla, ma l'ho semplicemente tenuta lì, fottendo lentamente la sua figa volenterosa, ma la sua mente riluttante. "Ti piace, vero, piccolo giocattolo , eh? Andiamo ora, non sentirti dispiaciuto per te stesso. Lavoralo, lavora quella figa ", le dissi all'orecchio. Cominciai ad aumentare il mio ritmo in lei, prendendo colpi più lunghi, più veloci e più forti. Mi chinai in avanti e le dissi che volevo sentire quanto fosse bello, quanto fosse bello , quanto voleva che continuassi a fotterla. Ho detto "Non voglio che tu smetta di dirmelo finché non vieni. Inizia adesso". Sapeva che intendevo affari. Poi ha iniziato: "Oh per favore, non t smettila, fottimi forte. Oh, lo adoro, lo voglio, ne ho bisogno. Glielo stavo dando. I suoi grandi seni sussultavano a ogni spinta, e in combinazione con lo schiaffo ritmico del mio stomaco contro il suo sedere, sapevo che non sarei durato ancora a lungo. La sentivo strofinare più forte e più velocemente sulla sua figa. La sensazione della sua figa che si contraeva attorno al mio cazzo era incredibile.I suoi singhiozzi e le sue suppliche erano cessati e ora stava davvero fottendo contro di me.Era fantastico.Presto mi resi conto che non dovevo più muovermi.Il suo corpo scopava avanti e indietro contro il mio corpo. Ha continuato così per un paio di minuti, il suo corpo ha continuato a sbattere contro di me. Il suo discorso è andato a gemiti dal suono divertente, poi ha urlato a voce piuttosto alta, "Sto venendo, sto venendo, oh, sto venendo "E lei è venuta. Sembrava che tutta la sua figa vibrasse sul mio cazzo. "Questa è la mia figa, hai tha T? Il mio" le dissi, "Lo prenderò ogni volta che voglio il tuo piccolo giocattolo, quindi è meglio che ti piaccia". Detto questo, ho sparato il mio carico e sono venuto duro e profondo nella sua figa. Ho lasciato che la sensazione svanisse poi lentamente tirato fuori da lei.
Non si era mossa da quando l'avevo tirata fuori e l'avevo fatta girare sulla schiena e sdraiata di nuovo. "Per favore, cosa hai intenzione di fare con me adesso?" Ha supplicato. "Te l'ho detto, sei il mio giocattolo, e ti porterò quando e come voglio, e devi impararlo".
Spinsi la punta del mio cazzo contro il suo buco del culo e lei inspirò di nuovo. Ha iniziato a scuotere la testa e ha detto "No, no, no". Sembrava sul punto di urlare. Le ho detto di nuovo che se avesse continuato così, l'avrei sciolto e il video sarebbe passato per posta. Questo l'ha calmata molto anche se potevo ancora vederla piangere. Ho premuto la testa del mio cazzo verso l'interno e il suo ano vergine l'ha tradita e si è allargato attorno ad esso. Gemette alla violazione del suo stretto passaggio posteriore. Ho spinto forte il mio cazzo. "Ahi, ahi, fermati!" gridò, ma non avevo intenzione di farlo. Non mi importava che le facesse male. Mi ha implorato di fermarmi, ma ho continuato a spingere. Un attimo dopo ho sentito il suo O-ring cedere e il mio cazzo ha sfondato le difese. Questo era, senza dubbio, il culo più stretto che avessi mai scopato. È stato quasi doloroso per me continuare, ma ci sono riuscito, spingendo molto lentamente il mio cazzo in profondità dentro di lei, finché le mie palle non sono state contro di lei. Ha urlato e pianto, allungando la parte superiore del corpo, cercando di allontanarsi dal dolore. Quando ho potuto fare un tentativo, sono scivolato avanti e indietro, allentandole il culo. L'ho afferrata per la vita e ho iniziato a far scorrere le dita su e giù per la sua clitoride. Ha cercato invano di scappare. La mia presa sui suoi fianchi si fece più stretta man mano che il suo sedere si allentava, e presto stavo pompando a un buon ritmo. Le mie palle schiaffeggiavano contro di lei a ogni colpo successivo. La sensazione è migliorata ancora quando l'ho picchiata due volte più forte di prima. Ha iniziato a boccheggiare in aria, il suo buco del culo non era più stretto, ma un buco aperto, e potevo scoparla facilmente come volevo. Ho smesso di pompare e mi sono irrigidito. Mentre si contorceva sotto le mie dita, che le stavano ancora massaggiando la clitoride, ho eiaculato e colpi e fiotti di sperma le sono saliti su per il culo lacerato. Gemetti ancora una volta mentre svuotavo l'ultima goccia di sperma nel suo culo. Alla fine del mio orgasmo, ho fatto scivolare il mio cazzo fuori dal suo culo rosso vivo per rivelare quanto fosse grande l'abisso che avevo creato. Il mio cazzo stava diventando più piccolo e flaccido ora.
Ha cercato di alzarsi e voltarsi, ma io l'ho tenuta ferma, distendendola di nuovo sulla schiena.
Ho intensificato fino a quando il mio cazzo era sulle sue labbra e poi nella sua bocca. “Non ho chiuso con te. Succhialo giocattolo! Ho detto: “Succhialo bene. So che ti piace. Leccalo. Si infilò il cazzo in bocca e, usando la lingua, cominciò a massaggiarlo. "Ohhhh, cazzo" sospirai mentre mi prendeva in profondità nel calore della sua bocca. “Ecco fatto, succhiami il cazzo”. La sua bocca era inondata di saliva mentre cominciava a muovere lentamente la testa, emettendo suoni dolci e dolci mentre mi succhiava. Ben presto mi sentii diventare duro nella sua bocca. Questo potenziatore dell'erezione valeva davvero i soldi che ci ho speso. La mia mano era sulla sua testa tra i suoi capelli castani costringendola a scendere così ero completamente nella sua bocca. Facendo scivolare le mie mani su di lei afferrandole i seni e stringendoli, nutrendomi della loro sensazione sensuale, aumentai il ritmo e l'intensità dei miei colpi nella sua bocca. Cominciò a succhiare più forte il mio cazzo mentre dondolavo, aumentando il ritmo. Ha una bella scopata in bocca. Lei se lo meritava, no, io meritavo di riceverlo. Fottendole la bocca ho sentito il mio cazzo indurirsi ancor più di prima e l'ho tirato fuori dalla sua bocca. "Lascia che ti scopi il seno, giocattolo!" Gemetti e mi spostai su di loro, non dandole il tempo di rispondere. Con la mano destra ho allungato la mano e le ho massaggiato la figa. Aveva fatto uscire altri succhi. Ho preso la mia mano e l'ho strofinata sui suoi enormi seni, specialmente nello spazio tra di loro. Ho messo la mia mano nella sua figa ancora una volta e ho iniziato a strofinarmi con essa. Mi sentivo così bene. Afferrando i suoi enormi seni li pizzicai e li girai velocemente e con forza, e poi feci scivolare il mio cazzo tra di loro. Le mie mani le afferrarono i seni e li schiacciarono sul mio cazzo. Mi muovevo avanti e indietro mentre lei lottava contro il proprio piacere crescente. Ho iniziato a spingere avanti e indietro, perso nel cazzo. Si contorceva e gemeva mentre le ondate di dolore e piacere le tormentavano la parte superiore del corpo. Ho stretto più forte mentre il mio ritmo aumentava. A ogni spinta in avanti affondavo le dita più a fondo.
Quando ho sentito che sarei venuto presto, sono tornato alla sua bocca e le ho spinto il cazzo in profondità nella gola. Tenendo la sua testa tra le mani, ho fatto rotolare la sua bocca intorno al mio cazzo dolorante, gemendo mentre le mie palle si contraevano. Ho iniziato ad avere poca considerazione per la tenerezza della sua bocca, e ho iniziato a spingere il mio culo in tondo e spingermi nella sua bocca! Mi sono tuffato con forza proprio al centro della sua bocca. Tutto quello che poteva fare era prenderlo. Ogni spinta era scandalosamente deliziosa! Sono venuto nella sua bocca calda. Alzò un po' la testa; le sue labbra increspate scivolano lungo l'asta mentre il mio cazzo manda un denso impulso di sperma nella sua bocca. Quando ha sentito che ero svuotato di sperma e il mio cazzo era di nuovo flaccido, ha ingoiato quello che aveva in bocca e ha lentamente allontanato la testa, facendo scivolare fuori il mio cazzo.
Le ho detto di stare ferma e mi sono avvicinato alla mia scrivania, aprendo la borsa con i giocattoli che avevo comprato durante la pausa pranzo a mezzogiorno. Per prima cosa ho tirato fuori il vibratore multi-velocità nero impermeabile da 9,5 pollici, 1,5 pollici di diametro e solido per la massima penetrazione. Il secondo è arrivato un dildo di gelatina trasparente da 10 pollici con palline, 2 pollici di diametro. Era estremamente flessibile e aveva vene sporgenti su e giù per l'asta e la punta era un enorme affare a forma di elmo che si gonfiava un po' più spesso dell'asta lucente. Per finire il set ho tirato fuori gli anelli di gelatina e ne ho legato uno sul mio cazzo e uno intorno alle mie palle. Gli anelli del pene hanno funzionato molto velocemente e ho potuto sentire la loro pressione praticamente pompare il mio cazzo. Mi sono avvicinato a lei mostrandole i giocattoli e assaporando la sua nuova, apparente ondata di paura. Ho detto "Te l'ho già detto, ora sei il mio giocattolo e devi impararlo. Te lo insegnerò così non lo dimenticherai mai".
Ho premuto il vibratore contro la sua figa succosa e l'ho acceso. Volevo spingere l'intera atmosfera da 9,5 pollici dentro di lei in quel momento, ma ho resistito. Ho toccato la punta al suo nocciolo. Lei tremò e poi cominciò a gemere. Ho continuato ad accarezzarle dolcemente la clitoride e le labbra della figa con la punta. Poi ho cominciato a stuzzicare il vibratore verso il suo buco palpitante. Le ho allargato le labbra e ho fatto dei cerchi lenti attorno alla sua figa. Avvicinerei la punta verso il suo buco e poi mi allontanerei. Sapeva cosa sarebbe successo, alla fine, ma volevo che fosse eccitata prima di andare avanti.
Ho continuato a strofinare l'atmosfera sul suo clitoride. Si irrigidì per la sorpresa ei suoi fianchi si piegarono per lo shock e l'innegabile piacere indesiderato. Il suo bacino si inarcò verso l'alto e poi tremò mentre veniva scagliata in un orgasmo che la lasciò tremante sulla scrivania. Il mio cazzo si stava di nuovo agitando per l'azione.
Allungai una mano dietro di me e afferrai il dildo trasparente. Ho strofinato un'ampia quantità dei suoi succhi sul dildo. Ho guidato l'ampia testa del dildo di gelatina sul bordo della sua figa gonfia e ho esitato solo un momento prima di spingerlo in profondità. "Molto sexy guardarlo scomparire dentro di te. Guardare la tua figa stringersi attorno ad esso e attirarlo dentro. Ti piace quel mio giochino da ufficio?" Ho chiesto. Ho iniziato a pomparla più forte e veloce che potevo. Dopo un minuto ho premuto il vibratore ancora molto bagnato contro il buco ancora una volta minuscolo del suo culo e ho spinto, spingendolo dentro lentamente. Immediatamente ha cercato senza successo di ritirarsi dal dildo e dal vibratore doloroso. Con il vibratore ora completamente all'interno del suo ano, l'ho acceso e l'ho pompata velocemente e forte con entrambi.
"Ora dimmi che questo è quello che volevi. Due cazzi ti fottono contemporaneamente." Lei gemette e ansimò "Oh sì! Scopami doppiamente! Stuprami la figa e il culo!" Detto questo, ho iniziato a infilarle nella figa e nel culo sempre più velocemente. Stavo strofinando il mio cazzo contro la sua coscia, cercando di non venire prima di avere la possibilità di scoparla come stava facendo quel giocattolo.
"Accendi quel vibratore! Suonalo su quel clitoride!" ordinai, estraendo il vibratore dal suo ano e premendolo contro la sua clitoride. Gemette e rapidamente alzò il vibratore in alto. La mia mente era in una nuvola di pura estasi ora, vedendola contorcersi sulla mia scrivania. Le ho tolto il grosso dildo dalla figa e ho iniziato a fotterle l'ano. Cum stava sorseggiando dalla sua figa. Ho lasciato il dildo sepolto in profondità nel suo ano e mi sono mosso per premere la testa del mio cazzo all'ingresso della sua figa. Allargai le sue gambe mentre accarezzavo la distesa sempre più ampia della sua figa con il mio cazzo eretto, sapendo che il suo corpo si stava di nuovo arrendendo a me anche quello che non voleva. Ho infilato il mio cazzo nel punto in cui era appena stato il giocattolo. Lei gemette mentre andavo dentro di lei centimetro dopo centimetro fino a quando non ero in profondità nelle palle. La sua figa era molto più stretta di prima. „Ricordi quel dildo nel tuo culo? Questo è ciò che rende la tua figa così stretta“, dissi, sentendo il dildo scivolare dentro e fuori di lei un po' ad ogni mia spinta. Potevo sentire il dildo sfregare contro il mio cazzo attraverso il sottile strato di tessuto tra di loro, era incredibilmente caldo. Ho iniziato a scoparla lentamente, poi ho preso il ritmo e l'ho scopata più forte e più velocemente. Le afferrai i fianchi con entrambe le mani e pompai vigorosamente per diversi secondi. Non preoccupandomi più di come si sentiva, ho sbattuto dentro e fuori la sua figa meravigliosamente stretta strofinando contro il dildo in movimento. Si è aggrappata ai lati della scrivania piangendo, ma a me non potrebbe importare di meno. Mi aggrappai ancora di più ai suoi fianchi e cominciai a spingerla violentemente dentro. Il sudore iniziò a formarsi sulla mia fronte mentre il mio cazzo la perforava sulla scrivania del mio ufficio, i suoi seni si muovevano su e giù alla velocità delle mie spinte. L'ho picchiata così forte che tutto il suo corpo tremava, compresa la scrivania su cui era sdraiata. Tutto quello che riuscivo a sentire era la pelle che schiaffeggiava, i miei gemiti, i suoi piagnucolii e il lieve ronzio del vibratore. Mi sono schiantato contro di lei più e più volte sentendo la mia pelle diventare calda e sudata. Ha continuato a strofinare il vibratore attorno al suo clitoride, premendo forte su di esso. Alla fine, ha involontariamente raggiunto l'orgasmo, ho sentito le sue gambe afflosciarsi mentre rabbrividiva per l'orgasmo forzato. Era così erotico, vederla e sentirla contorcersi per l'enorme orgasmo, si schiantò attraverso il suo corpo, stringendolo forte e tenendola lì al suo palpitante picco di estasi. Il suo corpo rabbrividì violentemente mentre le onde del suo orgasmo la travolgevano ancora e ancora, non volendo ancora liberarla dalla sua presa. Il suo orgasmo ovviamente dolorosamente intenso la scosse come una foglia e le sue contrazioni mi arrivarono, massaggiando il mio cazzo fino a quando non riuscii più a sopportarlo, anche con gli anelli del pene potevo durare solo così a lungo. Afferrandole i fianchi l'ho tirata a me facendole cadere il vibratore. Ho buttato indietro la testa e sono rimasto senza fiato quando sono entrato di nuovo nella sua figa calda.
Ho tolto gli anelli del cazzo ancora strettamente avvolti attorno alle mie palle e al mio cazzo e poi ho tirato fuori lentamente il dildo dal suo culo. Mi voltai verso di lei "Okay, ora mi succhierai il cazzo per pulirlo." Quando non ha risposto mi sono chinato in avanti finché i nostri volti si sono quasi toccati. "Oppure rimetto il dildo nella tua figa e ti fotto il culo allo stesso tempo." "Va bene, va bene lo farò." Chiuse gli occhi e scosse la testa. "Farò tutto quello che vuoi." "Brava ragazza". Mi ha leccato pulito, lasciando un cazzo lucido e flaccido. Ora ero completamente esausto e avevo soddisfatto tutti i miei bisogni scritti!
Mi inchinai davanti a lei e le chiesi "Il mio piccolo giocattolo è pronto a servirmi obbediente adesso? Lei annuì con la testa. "Ti è piaciuto, vero?" il modo in cui mi hai appena preso, violentato, usato, reso così eccitante che non ho potuto farne a meno, anche se ti odio per quello stronzo". il mio piccolo giocattolo da ufficio. Puoi ripulire te stesso e gli altri giocattoli ora, ho chiuso con te", ho detto, "Alla prossima volta".

Storie simili

I diari della motocicletta: l'Harley di papà

I diari della motocicletta: la Harley di papà Copyright © 2020 di Mojavejoe420 Ho sentito il mio telefono ronzare solo una volta nella tasca posteriore dei pantaloni. Probabilmente era il mio stupido ex ragazzo, quindi ho aspettato di finire di ordinare i drink. Era un martedì pomeriggio piuttosto lento, ma Applebee aveva una regola severa contro gli SMS in servizio. Sono tornato di nascosto nella cabina frigorifera dove le telecamere non potevano vedere. Ho sorriso mentre leggevo il messaggio di mio padre, alias Daddy-oh! sul mio telefono. Ehi Syd Sei occupato sabato? Lenore mi ha mollato per la corsa di beneficenza...

558 I più visti

Likes 0

Il destino come un vampiro

Quindi sono sicuramente uno scrittore dilettante, ma questa fantasia è stata nella mia mente ultimamente. Ho sentito che il modo migliore per assecondarlo era farlo uscire su carta, per così dire. Tieni presente che lo stavo scrivendo più per me stesso che per qualsiasi altra cosa, ma mi sentivo come se dovessi condividerlo, nel caso in cui qualcun altro lo apprezzasse. Questa è solo la seconda storia erotica che scrivo, quindi per favore, andateci piano con me. Mi piacerebbe critiche o commenti costruttivi, e se ricevo feedback positivi, prenderò in considerazione un sequel, o una serie, o qualunque cosa faccia galleggiare...

924 I più visti

Likes 0

I Grigi (Capitolo uno)_(1)

Mi chiamo Jude Grey. Ho 17 anni 5'11 forse 6'0 adesso. Ho gli occhi color cipria, i capelli nero-brunastri scuri. Ho caratteristiche molto dettagliate / cesellate come mi dicono le persone. Quest'anno è il mio ultimo anno di liceo, ed è appena agli inizi, sono molto coinvolto nello sport e rimango attivo. quindi sono in forma, non troppo grande sono muscoloso, ma magro allo stesso tempo sono anche un po' abbronzato. Sono 1 di 6 bambini. il mio fratellastro Christian ha i capelli castano scuro, è scuro quasi quanto il mio, il suo viso è cesellato, ma non così dettagliato come...

1K I più visti

Likes 0

Scopata da The Genius & Athlete

La scuola è finita. Il campanello suonò e tutti stavano facendo le valigie e lasciando la stanza. Ho sentito un brivido sul collo e sapevo già chi mi stava fissando. Kevin mi stava fissando, di nuovo; e stava parlando con Jerome, il suo migliore amico. I due ragazzi non erano solo migliori amici, ma erano anche vicini di casa. Vivono esattamente l'uno di fronte all'altro; a parte questo, i due sono anche completamente opposti. Jerome era atletico, attivo e rumoroso; mentre Kevin era più follemente intelligente (è il valedictorian della classe!) ed è più silenzioso e sottile, e anche per me...

773 I più visti

Likes 0

La vita di lex parte 1_ (3)

Mi ero quasi abituato alle entrate non annunciate di Lex nella mia stanza. Le avevo chiesto di smetterla di irrompere nuda, quindi ora di solito erano coinvolti mutandine e reggiseno o un asciugamano se si fosse appena fatta la doccia. Esci? sbottò lei invece di un saluto. Indossava pantaloncini del pigiama extra corti e una canotta. Dall'esperienza passata sapevo che probabilmente non aveva le mutandine sotto. I suoi seni, trattenuti a malapena dalla maglietta attillata, rendevano più che evidente che non indossava un reggiseno. Ciao Lex, come stai? Ho pensato che forse potevo evitare la domanda. Sto benissimo, tu sei fantastico...

2K I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

2.2K I più visti

Likes 0

Passeggiata nel pomeriggio

Si alzarono in una gloriosa mattina di luglio. Il mare era come uno specchio, già c'era un luccichio di calore che saliva dai ciottoli della spiaggia. Ha indossato un paio di pantaloncini da spiaggia mentre lei indossava un paio di slip del bikini. Uscirono dalla porta sul retro sulla spiaggia e scesero al mare per un tuffo rinfrescante. È rimasto leggermente indietro ed è stato in grado di vedere il suo sedere perfetto che si muoveva negli slip del bikini. Non ha mai smesso di meravigliarsi della sua bella figura. Si è precipitato in acqua per nascondere l'inizio di un'erezione. Aveva...

2K I più visti

Likes 3

Jilly

Ho sedotto, costretto o imposto me stesso a una ragazza giovane, minorenne. Chiamalo come vuoi, ma è successo, mi vergogno di averlo fatto, dopo la prima volta, ma ho continuato a godermi ciò che ho cospirato perché accadesse, ancora e ancora. Una storia vera che fortunatamente è andata bene, sarebbe potuta andare dall'altra parte! Perchè è successo? Sono un ragazzo, sposato da 15 anni e ad essere sincero annoiato di scopare mia moglie, che era passata dal godersi il sesso a sopportarlo. Avevo bisogno di un po' di spezie, qualcosa per farmi sapere che potevo ancora tirare, qualcosa per aumentare il...

2.4K I più visti

Likes 1

La moglie di Rick parte 5 di 6

La storia del mio amico La moglie di Rick 5 (5 di 6) La scena: Bendata, ero in ginocchio sul soggiorno pavimento, le ginocchia divaricate, l'inguine stretto contro il sedere di Linda, la mia moglie, anche lei inginocchiata e seduta sui talloni. Linda, dentro volta, era inginocchiato tra le gambe tese di William, che seduto sul nostro divanetto. Ora, immagina questo: io, il signor eterosessuale, mi stavo sporgendo in avanti con le braccia intorno a mia moglie. La mia mano sinistra era posta su quella di Linda mano sinistra che strizzava e massaggiava le palle di William. Il mio diritto la...

1.7K I più visti

Likes 0

RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

RASANDO LE GAMBE E LA FIGA DEI MIEI COMPAGNI È puramente immaginario ma basato su un incidente realmente accaduto, ma il personaggio è reale ed è un'ex fidanzata in Thailandia. Spero che la storia ti piaccia. .................................................. .................................................. .......... Tornando a casa un giorno ho trovato la mia coinquilina Tan che stava frugando nell'armadietto del mio bagno. Questa è la storia che seguì. Tan ha 34 anni e io ne avevo quattro in più ed è per questo che andavamo così d'accordo che ci prendevamo cura l'uno dell'altra che spesso sfilava in mutande, tranne quando veniva il suo ragazzo. “Merda Barry...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.