Decadente

606Report
Decadente

Diritto d'autore 2003
Pubblicazioni FK


" Mmmmm..., sì, Lisa... sì... continua così... sì..., lecca..., leccami!"

Sbuffo! Sbuffo! Sbuffo! Con i capelli corti e scuri, Lisa leccò via la fica della sua amica bionda, entrambe ragazze di ventun anni tutte nude e sole nella stanza del motel, che si divertono, eccitandosi a vicenda.

"Oh Lisa..., oh, oh, sisss!", gridò Sue dai capelli lunghi e dagli occhi azzurri mentre la lingua di Lisa scendeva in profondità nella figa della bionda, andando avanti all'infinito per i successivi tre minuti! Alla fine, Sue esplose, "Sissss..., si...Sto per venire...Sto per venire!" Cinque secondi dopo, le labbra di Lisa erano tutte bagnate e appiccicose, la mora lo dava davvero alla sua ragazza!

Mentre Sue riprendeva fiato, Lisa si sedette sul materasso e disse: "Allora com'è stato... spero di averlo fatto per te così bene come lo fai sempre per me?"

"Sì...non male.", rispose la bionda alzandosi anche lei, guardando le tette dell'amica, dicendo ancora: "Hai dei bei seni, Lisa..., adori."

"Anche a me piace il tuo...davvero carino!"

Per i successivi dieci minuti circa, entrambe le sexy studentesse universitarie si massaggiarono i capezzoli, trascorrendo un po' più di tempo nel loro hobby preferito, l'una con l'altra. Tuttavia, entrambi alla fine sollevarono i loro fantastici culi nudi dal letto e si diressero verso il bagno. Insieme, le due dighe dall'aspetto caldo si sono bagnate e poi si sono asciugate. Quando furono di nuovo vicino al materasso, le ragazze si vestirono, ciascuna indossò un paio di jeans ben aderenti e stivali western marroni. Lisa ha indossato un top nero mentre Sue ha indossato una maglietta azzurra. Tutti vestiti, hanno afferrato le loro borse e se ne sono andati. Nell'ufficio del motel fecero il check-out e alla fine andarono alla loro macchina, una grossa e vecchia Mercury arrugginita color marrone chiaro con un sedile a panchina davanti.

Dopo che i loro culi furono parcheggiati, il bel posteriore di Lisa al volante, Sue chiese: "Allora quanta benzina è rimasta?"

Guardando il misuratore, la bruna dai capelli corti ha risposto: "È circa a metà".

"Avremo bisogno di soldi."

"Allora ne prenderemo un po'... come facciamo sempre."

Con un sorriso sulle labbra, Sue rispose: "Ok..., troveremo dei ragazzi, gli succhieremo i cazzi... lasciamoli scopare i nostri culi..., e questo dovrebbe farci cosa..., circa quattro cento o giù di lì tra noi due?

"Sì... questo ci farà andare avanti ancora per qualche settimana."

Annuendo con la sua graziosa testolina, Sue osservò: “Non è male... sono contenta che l'abbiamo fatto..., voglio dire..., abbiamo lasciato il college e ci siamo messi in viaggio... decollando così. ..dormire in un motel dopo l'altro...è fantastico...siamo liberi...al diavolo quello che dicono gli altri...ce la caviamo bene vendendo le chiappe...basta che non lo faccio Non devo lavorare... questo è tutto ciò che mi interessa!

"Sapevo che l'avremmo fatto insieme nel momento in cui ti ho visto..., quando ci hanno messo insieme in quella stanza del dormitorio... Sapevo solo che saremmo finiti insieme."

"Hai capito..., i miei genitori mi hanno mandato via dal college..., fanculo quella merda... voglio uscire e fare le mie cose..., dico sul serio!"

" Anche io...! E a proposito... ne vuoi un po'?", disse Lisa mentre si chinava sul grembo di Sue verso il vano portaoggetti, lo apriva ed estraeva un dorso di plastica pieno di polvere bianca. Lisa raddrizzò il corpo e pizzicò un po' della roba tra le punte delle dita, portandola al naso.

Mentre Lisa annusava e inalava la polvere, Sue disse: "Sì... perché no... dammi quel sacchetto".

Lisa ha dato la roba al biondo e ha osservato: "Non so cosa sia meglio ... questa merda o il sesso!"

Dopo aver fatto lo stesso, sniffando della cocaina e ubriacandosi, Sue ha riposto la borsa nel vano portaoggetti, sentendo la sua amica: "Va bene... andiamo!"

Lisa ha avviato il motore ed è partita.

“Allora dove cazzo siamo diretti?”, chiese Sue.

"Non lo so... la prossima città o qualcosa del genere... servono soldi, ricorda, ci devono essere dei ragazzi lì..., li lasceremo usare i nostri culi per un po' e poi avremo qualche dollaro.»

"L'ultima volta che ho guardato la mappa, la città più vicina era a più di cento fottute miglia da qui."

"Allora ci fermeremo a una stazione di servizio se finiamo."

"Non abbiamo soldi."

"Allora faremo un pompino al tizio alla centrale per una tanica di benzina... chi se ne frega... andrà tutto bene."

"E se non ci fosse una fottuta stazione di servizio tra qui e la prossima città..., voglio dire..., questo è il Wyoming."

" Ce la faremo .... penso che possiamo spremere un centinaio di miglia su mezzo carro armato."

«Con questa vecchia robaccia?»

" Non preoccuparti."

Mentre avanzavano lungo la rotta statale deserta, niente su entrambi i lati tranne un ampio spazio aperto che sembrava non finire mai, la temperatura estiva divenne sempre più alta, facendo notare a Sue: "Amico... la prossima volta che compreremo un'auto , assicuriamoci che ci sia l'aria condizionata... abbassare i finestrini non serve a molto con questo fottuto caldo... sono solo le undici... che ne sarà nel pomeriggio..., più di cento?"

“Mi piace... mi piace il clima caldo.”

"Vuoi dire che ti piace questo fottuto caldo?"

"Certo... più è caldo..., più la tua fica ha un sapore!"

Con un sospiro, Sue rispose: "Sì... giusto".

Passarono altri venti minuti e stavano ancora guidando, muovendosi lungo la strada solitaria, senza vedere un'altra macchina per tutto il tempo! Tuttavia, il silenzio è stato rotto dalla voce di Lisa che ha detto: "Ehi... guarda... credo che la nostra barca sia appena arrivata!"

" Che cosa?"

“Lì..., molto più avanti sulla strada... lo vedi?”

"Oh sì..., sì... figo, ci devono essere dei soldi lì che ci aspettano."

"Esatto...!", ridacchiò Lisa, "Poi quando arriveremo in quella città... ce ne saranno altri... ah, ah!"

Cinque minuti dopo, le ragazze si sono avvicinate al camioncino, la cosa parcheggiata sul lato destro della strada, il boom sollevato fino a uno dei tanti pali del telefono piantati lungo la strada a due corsie.

“Ok... ci siamo.”, esclamò Lisa mentre rallentava, superava il camion e poi si fermava lungo la banchina a pochi metri dall'enorme veicolo di manutenzione.

Con la sicurezza scritta sui loro volti, le ragazze hanno alzato il culo dal sedile dell'auto. Dopo aver chiuso la porta, Lisa fece l'occhiolino a Sue e si leccò il labbro superiore.

Lentamente le due troie sexy si diressero verso il grosso camion giallo. Quando finalmente si fermarono davanti alla portiera del passeggero, Lisa spostò il peso, si mise una mano sul fianco, guardò la cosa e chiese con frustrazione: "Dove cazzo sono... il camion è qui ma io no vedi qualcuno... il motore è acceso... dove sono andati tutti i ragazzi?"

"Sì... è strano... quella cosa della gru è puntata vicino alla cima di quel palo... eppure non c'è nessuno nel cesto di metallo o come lo chiami."

Lisa circumnavigò il camion e poi si avvicinò alla portiera del guidatore, allungando la mano verso la maniglia.

“Cosa stai facendo Lisa?”

"Lo aprirò ed entrerò...vedo se c'è qualcuno."

"Non lo so... mi vengono i brividi... andiamocene!"

“Ok..., ma fammi vedere una cosa.”

"Andiamo... abbiamo della droga con noi... vogliamo essere beccati se passa un poliziotto o qualcosa del genere... penseranno che non stiamo tramando niente di buono."

"Lo so... dammi solo un secondo."

Preso il sopravvento sulla curiosità, Lisa salì sulla corsa del camion e aprì la portiera. Non vide nessuno quando salì sul taxi e abbassò il suo bellissimo culo coperto di jeans sul sedile del conducente. Pochi secondi dopo, il motore si fermò mentre Sue urlava: "Cosa stai facendo... andiamocene... vattene da qui!"

"Spegnere solo il motore, tutto qui."

“Perché..., chissenefrega..., andiamo... non ho bisogno di guai!”

Gli occhi di Lisa guardarono l'interno, la ragazza alla ricerca di qualcosa di piccolo ma di valore, qualcosa che avrebbe potuto scambiare con la droga in un secondo momento.

Niente, la radio era ben avvitata e il resto della roba non aveva alcun valore per lei. Proprio quando Lisa stava per alzare il culo e andarsene, si è improvvisamente bloccata, tenendosi ferma, il culo ancora parcheggiato sul sedile.

“Cosa c'è, Lisa, andiamo..., dai o me ne vado senza di te!”, urlò il biondo nervoso.

"Aspetta... mi sembrava di aver sentito qualcosa... stai zitto!"

Lisa si sedette lì e tese le orecchie. Poi è venuto di nuovo, un piccolo suono stridulo. Guardando in basso sul lato del suo sedere, alla sua destra, Lisa improvvisamente esclamò: "Ma che..., che cazzo!"

"Cosa c'è che non va, Lisa?"

"Non lo so... o è vero o quella roba che sto sbuffando mi sta davvero fottendo il cervello!"

" Che cosa?"

“Vieni qui e cerca te stesso!”

Con riluttanza, Sue si avvicinò comunque alla portiera aperta del camion e poi salì all'interno, chinando la testa davanti alle tette di Lisa, guardando in basso il lato del culo della sua amica mentre la mora indicava lo stesso punto, dicendo: "Vedi... lì.. .dimmi cosa vedi.”


"Cazzo... è..., è un ometto minuscolo sul bordo del sedile, che sta lì a guardarci... non può essere alto più di due pollici!"

"Aiuto...signora...per favore, aiutami!", gridò la minuscola creatura, in piedi accanto al bordo del favoloso fondoschiena di Lisa!

“Cosa ti è successo... come diavolo?”, chiese Lisa.

"Non lo so ora, il tizio sul raccoglitore di ciliegie stava lavorando sulla linea quando all'improvviso è arrivato un lampo luminoso... poi la cosa successiva che ho saputo..., mi sono rimpicciolito... penso lo stesso cosa è successa agli altri due ragazzi...!” Poi ha detto: "Mi hai quasi ucciso... mi sei quasi seduto addosso... sono corso a lato del sedile appena in tempo!"

Lisa e Sue si guardarono per un momento e poi riportarono la loro attenzione sull'ometto. La mora alla fine chiese: "Vuoi dire che ci sono altri due ragazzi?"

" Sì."

Lentamente, Lisa ha abbassato la mano verso il ragazzo e ha detto: "Ecco... calpesta questo".

Fece come lei gli aveva chiesto ed entrambe le ragazze scesero dal camion e andarono sul retro della cosa. Lì, hanno guardato il boom esteso mentre Sue ha osservato: "Immagino che uno dei ragazzi debba essere lassù... abbassiamolo".

"Come lo gestisci?"

"Non lo so... solo cazzeggiare con le leve."

Lisa ha dato l'ometto a Sue e ha iniziato a muovere le leve di comando avanti e indietro. Alla fine, dopo alcuni tentativi ed errori, abbassò il boma ed entrambe le ragazze si avvicinarono, guardando giù nel piccolo recinto. Abbastanza sicuro, in piedi sulla base della cosa, c'era un minuscolo uomo alto due pollici, che li guardava con la paura negli occhi. Dopo aver aperto la porticina di metallo, Lisa entrò, si accovacciò e prese in braccio il piccoletto indifeso.

Quando è tornata sulla strada, Lisa ha dato il secondo uomo a Sue e ha chiesto: "Mi chiedo dove potrebbe essere il terzo ragazzo?"

“Penso che sia per terra da qualche parte!”, ha urlato il maschio ridotto trovato sul sedile del camion.

Sue e Lisa hanno cercato nelle immediate vicinanze finché non hanno sentito una finta, "Aiuto, aiuto!"

"Sembra che provenga da sotto il camion.", Menzionò Lisa mentre la ragazza sexy si metteva sulle mani e sulle ginocchia, inarcando il sedere e sbirciando sotto il veicolo.

“Aiuto... aiuto... toglilo di mezzo!”

"Lo vedo.", disse la mora mentre muoveva la mano in avanti e spaventava una lucertola, la cosa che inseguiva lentamente il piccolo umano. Senza alcuno sforzo, Lisa afferrò l'ometto e lo sollevò, alzandosi finalmente in piedi subito dopo.

Ancora un po' sorpresa dall'intera situazione, Lisa chiese all'unico ragazzo nella mano di Sue che era precedentemente nel "cestino" che lavorava sulla linea, "Cosa diavolo è successo qui... il primo ragazzo ha detto di aver visto una luce brillante... poi si è rimpicciolito?

“ Non sono sicuro... Ho tagliato il filo, poi all'improvviso ha iniziato a brillare, è caduto, ha colpito quel trasformatore lì e poi tutto è diventato luminoso per un secondo... dopo di che... mi sono rimpicciolito! "

"Hmmmm...suona strano...", rispose Lisa, "...forse è una di quelle cose bizzarre su un trilione....sai...qualcosa di cui potresti sentire parlare in quei programmi TV che parlano su cose strane... c'è molto sull'elettricità e sui fulmini di cui non sappiamo nemmeno... non sono uno scienziato fottuto, ma hanno pubblicato riviste su tutte quelle stronzate strane... sai...”

"Probabilmente... ma devi farci aiutare... per favore!"

Non rispondendo, le due ragazze tornarono alla loro macchina e parcheggiarono i loro mozziconi, Lisa di nuovo al volante. Lentamente, posizionarono i tre ometti al centro della panca, proprio tra le loro estremità posteriori! Seduti lì, gli uomini non potevano fare altro che fissare Lisa e Sue, sentendosi piccoli, impotenti e insignificanti! Un secondo dopo Lisa accese il motore e partì.

"Allora cosa faremo con loro?", ha chiesto Sue.

"Vogliono che li aiutiamo."

" Ma questo ci metterà sotto i riflettori... non ne abbiamo bisogno... e se i poliziotti scoprissero tutte le cose che abbiamo comprato... sai... la droga e la merda... questa è una merda seria... Voglio dire... questi tizi che si rimpiccioliscono in quel modo... il governo o chiunque voglia davvero ficcare il naso nei nostri affari.

"Lo so... dovremo davvero pensare a qualcosa quando arriveremo al prossimo motel... probabilmente nella prossima città... devo davvero pensare... schiarirmi le idee."

Alla fine, quando l'indicatore del livello del carburante era quasi "vuoto", le ragazze arrivarono in un piccolo motel alla periferia della città di cui stavano parlando, il posto non più di un incrocio con alcuni edifici.

"Fantastico... c'è una stazione di servizio dall'altra parte della strada.", ha detto Sue.

"Sì... faremo benzina più tardi, facciamo il check-in."

«Non abbiamo soldi.»

“ Pagheremo più tardi... vedi quel piccolo negozio laggiù... sembra un posto di riparazione..., beh..., sono sicuro che i ragazzi ci daranno qualche soldo... se sai cosa intendo..., ah, ah!"

“Sì...ok.”, rispose il biondo.

Dopo che hanno sollevato i mozziconi dall'auto, Lisa ha afferrato tutti e tre gli uomini e se li è infilati nella scollatura del seno in modo che nessuno li veda. Fecero il check-in e finalmente entrarono in una delle stanze. Quando la porta fu chiusa, la mora si chinò tra le sue due favolose tette e prese i piccoli ragazzi, mettendoli sul materasso del letto. Successivamente, le due ragazze dall'aspetto sexy hanno abbassato i loro mozziconi sul letto, Lisa a destra degli uomini, Sue a sinistra, avendo di nuovo i piccoli ragazzi tra i bordi delle loro sinuose estremità posteriori!

"Ok..., Lisa, cosa ne faremo?"

Prima che la mora potesse rispondere, uno degli uomini disse: "Chiedi aiuto... devi aiutarci!"

Guardandolo dall'alto in basso, Lisa rispose: "Ma sono tutta confusa...questa è davvero roba pesante..., ci faremo davvero notare se lo segnaliamo...e proprio come ha detto Sue prima...noi non ho bisogno di problemi.

“Ma noi?”

Con il cervello ancora intossicato dalla cocaina, Sue suggerì: "Ehi... perché non ce ne liberiamo di loro... voglio dire... chi può saperlo... nessuno ci ha visto vicino a quel camion ...uccidiamoli e basta...nessuno troverà i loro corpi, sono troppo piccoli!"

Pensando per un momento, Lisa, che era anche lei ancora sotto l'influenza, rispose: "Sì... penso che tu abbia ragione... gettiamoli nel gabinetto... perché no... nessuno lo farà collegaci ad esso”.

"Per favore..., signora, per favore!", gridarono gli uomini, espressioni impotenti sui loro volti.

Lisa li guardò e disse piuttosto freddamente: "Non chiamarmi 'signora'...., mi fa sentire vecchia."

“Ok..., ma per favore, devi aiutarci!”

" Perché?"

“Perché... è la cosa giusta da fare!”

“Non so dove sei stato... ma questo è il ventunesimo secolo... le persone obbediscono solo alla legge perché se non lo fanno potrebbero essere scoperte... questa è l'unica ragione... .fanculo tutta la tua merda morale!

" Dai Per favore!"

"Assolutamente no... non posso denunciarlo e passare attraverso tutta quella merda... è molto più facile per me sbarazzarmi di te e basta."

" Per favore!"

Lisa afferrò l'unico ragazzo e si alzò. Vedendo ciò, gli altri due furono presi dal panico e corsero dall'altra parte del letto, usando la coperta per abbassarsi rapidamente sul pavimento.

“Ehi, stanno scappando!”, urlò Sue alzandosi anche lei.

Con l'unico ragazzo in mano, Lisa fece il giro del letto e disse: "Merda..., ci sono corsi sotto!"

Rapidamente, le due ragazze si abbassarono sulle mani e sulle ginocchia, inarcando i glutei mentre spostavano il viso verso lo spazio che separava il fondo del materasso inferiore dal pavimento.

"Dove cazzo sono?", chiese Sue.

"Non lo so... difficile da vedere."

Mentre le ragazze sexy cercavano sotto il letto, l'omino nella mano di Lisa lottava per liberarsi dalla sua presa, il suo dito era avvolto intorno a lui. Disperato, si spinse verso l'alto. Tuttavia, i suoi pantaloni e la biancheria intima si sono allentati durante il processo, scendendo fino alle caviglie mentre si sollevava su se stesso. Sentendo il suo movimento, Lisa si fissò la mano e disse: "Ehi..., guarda che... il coglione sta cercando di scappare..., e nel farlo ha perso i pantaloni!"

"Piccolo cazzetto carino!", ha detto Sue, ancora drogata!

"Ehi, questo mi dà un'idea.", disse Lisa mentre gli strappava il resto dei vestiti, spogliandolo nudo!

Mentre Sue continuava a cercare sotto il letto, Lisa malata si avventurò in bagno e finalmente si fermò davanti al water. Lentamente, fece sedere il piccoletto sul sedile e poi si aprì i pantaloni, tirandoli giù fino alle ginocchia e facendo lo stesso con le mutandine. Successivamente, ha ripreso il ragazzo e lo ha spostato davanti alla sua fica!

“Cosa stai facendo?”, gridò il piccoletto.

“Facciamo... dai... facciamolo!”, esclamò Lisa, spingendolo tra i suoi peli pubblici!

"No, signora... per favore!"

"Stronzo di merda... ti avevo detto di non chiamarmi così!"

"Per favore, non farmi del male... per favore!"

Senza alcuna pietà, Lisa lo costrinse ad entrare nella sua apertura, nella sua cavità vaginale, alzandosi ai suoi movimenti mentre si dimenava e lottava per respirare!

Alla fine arrivò, urlando: "Oh cavolo... ti fa sentire bene..., oh sì!"

Dopo che tutto fu finito, si rese conto che l'uomo era morto. Non avendo rimpianti, Lisa lo tirò fuori dalla sua fessura e lo lasciò cadere nella ciotola, tirandosi finalmente su pantaloni e mutande. Tornò dal biondo, sentendo: “Presi..., presi! Li ho trovati vicino alla gamba del letto! Sue poi si alzò in piedi, tenendo un ometto in ciascuna delle sue mani.

"Va bene..., sbarazzati di loro, poi andremo dall'altra parte della strada e raccoglieremo qualche soldo.", disse Lisa.

“No, ti prego...no!”, gridarono i ragazzini mentre Sue entrava in bagno seguita dalla sua amica dai capelli scuri.

Il biondo lasciò cadere entrambi gli uomini nella toilette e li guardò mentre tornavano in superficie, sorpreso di vedere il loro collega morto fluttuare accanto a loro, i suoi piccoli occhi spalancati con lo sguardo eterno della morte!

Senza vergogna, la bionda si voltò e si abbassò i pantaloni e le mutandine, parcheggiando il suo bel culo rotondo! al sedile!

“No..., per favore...facci uscire!”, gridarono i piccoli.

Non le importava. Un secondo dopo, Sue si è incazzata contro di loro, facendo pipì, svuotando la vescica, facendo ingiallire l'acqua!

Finito, la bionda si alzò e si tirò su i vestiti. In piedi lì, Lisa disse: "Beh..., tanto vale che vada anche io... devo fare pipì proprio come te."

Un sorriso malizioso sul viso, la ragazza tossicodipendente si tolse di nuovo il vestito e parcheggiò il culo! Per la sfortuna di quelli di sotto, anche lei pisciava, pisciava e pisciava, la sua pipì usciva dalla sua fica con un flusso denso e uniforme, andando dritto verso i due uomini!

“ Aiuto... uscire. Per favore!"

"Piscio su di te....guarda se mi interessa!" fu tutto ciò che disse mentre continuava a fare pipì!

“Amico Lisa..., quanto piscio hai dentro?”, chiese Sue ridendo.

"Non lo so... ci metto sempre molto a fare pipì."

Alla fine, la ragazza dai capelli scuri aveva finito. Si alzò, si sollevò i vestiti e si voltò.

"Non tirare lo sciacquone..., per favore... non farlo!"

Dopo aver emesso uno sbuffo con il naso e la gola, Lisa ha sputato contro di loro, colpendo uno degli uomini sulla sua minuscola testa! Un secondo dopo, ha raggiunto la leva e li ha scaricati fino alla morte!

"Va bene...è fatto.", disse la mora mentre entrambe le ragazze lasciavano la stanza del motel e si avventuravano dall'altra parte della strada verso l'officina, usando il loro bell'aspetto per racimolare un po' di soldi, pagare la stanza, rimanere in città per un giorno o due, e poi partire, andare da qualche altra parte, deciso a divertirmi il più possibile.

Fine

Storie simili

I diari della motocicletta: l'Harley di papà

I diari della motocicletta: la Harley di papà Copyright © 2020 di Mojavejoe420 Ho sentito il mio telefono ronzare solo una volta nella tasca posteriore dei pantaloni. Probabilmente era il mio stupido ex ragazzo, quindi ho aspettato di finire di ordinare i drink. Era un martedì pomeriggio piuttosto lento, ma Applebee aveva una regola severa contro gli SMS in servizio. Sono tornato di nascosto nella cabina frigorifera dove le telecamere non potevano vedere. Ho sorriso mentre leggevo il messaggio di mio padre, alias Daddy-oh! sul mio telefono. Ehi Syd Sei occupato sabato? Lenore mi ha mollato per la corsa di beneficenza...

558 I più visti

Likes 0

Il destino come un vampiro

Quindi sono sicuramente uno scrittore dilettante, ma questa fantasia è stata nella mia mente ultimamente. Ho sentito che il modo migliore per assecondarlo era farlo uscire su carta, per così dire. Tieni presente che lo stavo scrivendo più per me stesso che per qualsiasi altra cosa, ma mi sentivo come se dovessi condividerlo, nel caso in cui qualcun altro lo apprezzasse. Questa è solo la seconda storia erotica che scrivo, quindi per favore, andateci piano con me. Mi piacerebbe critiche o commenti costruttivi, e se ricevo feedback positivi, prenderò in considerazione un sequel, o una serie, o qualunque cosa faccia galleggiare...

924 I più visti

Likes 0

Cappuccetto Rosso: Fuori dal bosco?

Cosa.. CHE CAZZO?! Ehm... ciao. Cosa... CHE CAZZO?! CHE CAZZO STAI FACENDO? Perché la fica di Molly è sulla tua... sulla tua... Peter è arrabbiato, oltre che incazzato, ma è un maschio umano. Ha un cazzo, e quel cazzo è più preoccupato del fatto che la mia lingua è a pochi millimetri dalla fica gocciolante della ragazza sexy. Il Lupo si allunga su di me e afferra il culo di Molly. La sua voce esce bassa, come un ringhio, Dovresti venire a prendere la figa che hai sempre sognato. La bocca di Peter sembra essersi seccata, o forse non può più...

1.1K I più visti

Likes 0

I Grigi (Capitolo uno)_(1)

Mi chiamo Jude Grey. Ho 17 anni 5'11 forse 6'0 adesso. Ho gli occhi color cipria, i capelli nero-brunastri scuri. Ho caratteristiche molto dettagliate / cesellate come mi dicono le persone. Quest'anno è il mio ultimo anno di liceo, ed è appena agli inizi, sono molto coinvolto nello sport e rimango attivo. quindi sono in forma, non troppo grande sono muscoloso, ma magro allo stesso tempo sono anche un po' abbronzato. Sono 1 di 6 bambini. il mio fratellastro Christian ha i capelli castano scuro, è scuro quasi quanto il mio, il suo viso è cesellato, ma non così dettagliato come...

1K I più visti

Likes 0

Scopata da The Genius & Athlete

La scuola è finita. Il campanello suonò e tutti stavano facendo le valigie e lasciando la stanza. Ho sentito un brivido sul collo e sapevo già chi mi stava fissando. Kevin mi stava fissando, di nuovo; e stava parlando con Jerome, il suo migliore amico. I due ragazzi non erano solo migliori amici, ma erano anche vicini di casa. Vivono esattamente l'uno di fronte all'altro; a parte questo, i due sono anche completamente opposti. Jerome era atletico, attivo e rumoroso; mentre Kevin era più follemente intelligente (è il valedictorian della classe!) ed è più silenzioso e sottile, e anche per me...

773 I più visti

Likes 0

La vita di lex parte 1_ (3)

Mi ero quasi abituato alle entrate non annunciate di Lex nella mia stanza. Le avevo chiesto di smetterla di irrompere nuda, quindi ora di solito erano coinvolti mutandine e reggiseno o un asciugamano se si fosse appena fatta la doccia. Esci? sbottò lei invece di un saluto. Indossava pantaloncini del pigiama extra corti e una canotta. Dall'esperienza passata sapevo che probabilmente non aveva le mutandine sotto. I suoi seni, trattenuti a malapena dalla maglietta attillata, rendevano più che evidente che non indossava un reggiseno. Ciao Lex, come stai? Ho pensato che forse potevo evitare la domanda. Sto benissimo, tu sei fantastico...

2K I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

2.2K I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

1.9K I più visti

Likes 0

Passeggiata nel pomeriggio

Si alzarono in una gloriosa mattina di luglio. Il mare era come uno specchio, già c'era un luccichio di calore che saliva dai ciottoli della spiaggia. Ha indossato un paio di pantaloncini da spiaggia mentre lei indossava un paio di slip del bikini. Uscirono dalla porta sul retro sulla spiaggia e scesero al mare per un tuffo rinfrescante. È rimasto leggermente indietro ed è stato in grado di vedere il suo sedere perfetto che si muoveva negli slip del bikini. Non ha mai smesso di meravigliarsi della sua bella figura. Si è precipitato in acqua per nascondere l'inizio di un'erezione. Aveva...

2K I più visti

Likes 3

Jilly

Ho sedotto, costretto o imposto me stesso a una ragazza giovane, minorenne. Chiamalo come vuoi, ma è successo, mi vergogno di averlo fatto, dopo la prima volta, ma ho continuato a godermi ciò che ho cospirato perché accadesse, ancora e ancora. Una storia vera che fortunatamente è andata bene, sarebbe potuta andare dall'altra parte! Perchè è successo? Sono un ragazzo, sposato da 15 anni e ad essere sincero annoiato di scopare mia moglie, che era passata dal godersi il sesso a sopportarlo. Avevo bisogno di un po' di spezie, qualcosa per farmi sapere che potevo ancora tirare, qualcosa per aumentare il...

2.4K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.