Freddy in bagno: la confessione di mia moglie

297Report
Freddy in bagno: la confessione di mia moglie

Freddy in bagno: la confessione di mia moglie

di rat_race

* * * * *

"Come ti sentiresti se scoprissi che non ero davvero vergine quando ti ho incontrato?"

Mia moglie, che all'epoca era la mia ragazza convivente, era nuda a letto con me un pomeriggio, quando mi fece quella domanda. A quel punto non me ne rendevo conto, ma era una domanda che avrebbe finito per cambiare definitivamente il nostro rapporto.

A proposito di Bea

Ho incontrato mia moglie, Bea, durante il mio primo anno di college nell'autunno del 1972, e me ne sono subito innamorato. Bea si è rivelata molto intelligente e genuinamente gentile, ma anche ingenua e innocente allo stesso tempo. E quelle qualità servivano solo a renderla ancora più desiderabile, soprattutto considerando il fatto che era già al secondo anno del college e aveva due anni più di me. La cosa ironica di questo è che, anche se entrambi siamo sempre sembrati molto più giovani della nostra età cronologica, Bea è sempre sembrata più giovane di me.

Mia moglie è la persona più straordinariamente unica che conosca. Per quanto riguarda l'età, ora ha circa 60 anni, ma sembra ancora che abbia circa 50 anni. Non solo, ma non ha mai dovuto truccarsi il viso per apparire attraente. Né ha mai dovuto ricorrere a interventi di chirurgia plastica di alcun tipo.

Bea è nata all'inizio degli anni '50 in una famiglia ispanica della classe medio-bassa di origine messicana, ma non sembra né suona affatto ispanica. In realtà non parla nemmeno spagnolo, anche se quasi sempre capisce cosa le dicono gli altri in spagnolo. Ma Bea parla naturalmente con un accento del Midwest, simile al tipo di accento a cui aspira la maggior parte delle giornaliste televisive.

E l'aspetto di Bea completa perfettamente la sua voce. Grazie ai suoi capelli castani donati da Dio, i suoi grandi "occhi da camera da letto" color nocciola, il suo "naso da salto con gli sci" in stile europeo e la sua pelle chiara color oliva, Bea sembra anglo al 100%.

Bea mi ha raccontato che, una volta raggiunta la pubertà, le sembrava che il suo inguine diventasse peloso da un giorno all'altro.

Tuttavia, Bea ha anche continuato a dirmi che, sopra la vita, era decisamente una fioritura tardiva, e che durante i suoi primi anni di scuola superiore, i suoi seni non erano altro che un paio di super ingranditi , gonfi, capezzoli. Ma più tardi, durante il suo ultimo anno di liceo, le piccole tette di Bea avevano cominciato a crescere rapidamente. E quando finalmente ho incontrato Bea, all'inizio del suo secondo anno di college, i suoi seni taglia C sarebbero stati considerati piccoli solo se confrontati con i seni davvero enormi che hanno tutte le sue due sorelle e sua madre.

Mettiamola così. Se Bea indossasse una blusa in stile scollato, sono assolutamente sicuro che la vista della sua scollatura ampia e nuda sarebbe una vera eccitazione per la maggior parte degli uomini in America.

Tuttavia, non sono "la maggior parte degli uomini". Mi capita solo di venire dalla scuola "più di un boccone è sprecato" dell'apprezzamento del seno femminile. In altre parole, ogni volta che navigo nel porno online, sono sempre le donne dal seno piccolo che finiscono per eccitarmi. Non posso farci niente. È solo il modo in cui sono "cablato sessualmente". E così, per quanto mi riguarda, i seni di Bea sono troppo grandi per i miei gusti, e semplicemente non fanno nulla per me dal punto di vista sessuale. Non l'hanno mai fatto e non lo faranno mai.

Tuttavia, nonostante ciò che ho sempre provato per il seno di Bea, dal momento in cui io e Bea abbiamo iniziato a pomiciare durante i nostri appuntamenti insieme, fino a pochi mesi dopo che avevamo iniziato ad avere rapporti sessuali insieme, Ero solita andare avanti e tastare le grandi tette di Bea e succhiare comunque i suoi grandi capezzoli color marrone chiaro, come parte dei nostri preliminari - mentre pensavo fin dall'inizio che fosse quello che Bea voleva che facessi.

Alla fine ho scoperto (attraverso il "coaching sessuale" di Bea) che nulla avrebbe potuto essere più lontano dalla verità.

Per ironia della sorte, si è scoperto che Bea non ha mai visto la stimolazione del suo seno come necessaria durante il sesso. In effetti, questo può sembrare strano per te, ma a differenza della maggior parte delle donne là fuori, Bea si tocca raramente le tette quando fa sesso con me (o anche quando si masturba da sola, se è per questo). Invece, preferisce bypassare tutta quella roba di autostimolazione del seno e andare dritta alla figa.

E quindi l'unico motivo per cui Bea mi lasciava volentieri sentire e succhiare i suoi seni tutte quelle volte durante il nostro fare l'amore, era perché aveva erroneamente presunto che fosse quello che volevo fare. Ed è esattamente quello che mi ha detto, dritto in faccia. Inutile dire che sono rimasto totalmente scioccato - e, allo stesso tempo, molto sollevato - quando Bea ha finalmente ammesso tutto questo con me.

L'inguine di Bea è decisamente pelosa, ma non al punto da sembrare stravagante. Sebbene Bea mantenga le ascelle e le gambe ben rasate, preferisce lasciare i suoi peli pubici castano scuro "al naturale". E per me va bene, perché appena sotto il triangolo di peli pubici di Bea c'è la sua figa dall'aspetto fantastico.

Devo ammettere che sono stato totalmente infatuato della meravigliosa figa dall'aspetto esotico di Bea, sin da quando ha aperto le gambe per la prima volta e me l'ha lasciata guardare. E questo perché la figa di Bea è una delle fighe più sexy e dall'aspetto più cattivo su cui abbia mai posato gli occhi! E questo la dice lunga, perché proprio come molti di voi là fuori, ho visto letteralmente migliaia di fighe nude di donne diverse pubblicate su vari siti porno su Internet.

Bea è alta circa 5' 2 pollici. Ma lei sembra avere una figura a clessidra. Quindi ha grandi fianchi (un grande bacino) per una donna della sua corporatura minuta. Questo è qualcosa a cui non ho mai pensato molto, cioè fino alla prima volta che ho infilato la mano sotto il vestito di Bea e ho palpato la sua figa coperta di collant. Sono rimasto scioccato nello scoprire quanto fosse grande la sua figa.

Tutto quello che posso dire è che l'ampio e carnoso tumulo della figa di Bea è così grande che sembra che dovrebbe appartenere alle gambe di una donna molto più grande e alta. E la vagina di Bea è anche più larga, e molto più lunga, di quanto ci si aspetterebbe di trovare su una donna della sua bassa statura.

E non è solo la mia opinione. Tutti i ginecologi di Bea nel corso di molti anni hanno finito per fare commenti a Bea sulla posizione insolitamente profonda della sua cervice, in relazione al suo ingresso vaginale. Fondamentalmente, la parte superiore dell'utero di Bea è così inclinata in avanti che, anche con il mio pene eretto lungo sei pollici e mezzo sepolto in profondità nella sua vagina (quando siamo in un rapporto faccia a faccia posizione), riesco a malapena a raggiungere la sua cervice con la punta del mio cazzo.

All'inizio della nostra relazione ho scoperto che potevo truccare la testa del clitoride di Bea, e anche se alla fine sarebbe diventato eretto, i miei sforzi non le avrebbero mai fatto raggiungere un forte orgasmo. Poteva sperimentare solo lievi orgasmi attraverso la stimolazione diretta del clitoride. E non era nemmeno qualcosa che stavo facendo "sbagliato", perché la stessa Bea mi ha ammesso che non può farsi "sborrare bene" semplicemente sfregando e massaggiando la testa del proprio clitoride durante la masturbazione, come la maggior parte altre donne lo fanno.

Invece, la sessualità di Bea è - ed è sempre stata - focalizzata sulla sua vagina. E di conseguenza, ogni volta che si masturba, Bea deve stimolare la propria vagina per raggiungere l'orgasmo con forza. E mi ha detto che ha infilato le dita all'interno della sua stessa vagina da quando riesce a ricordare. Quindi ha perfettamente senso che Bea ami assolutamente l'atto del rapporto sessuale.

Tuttavia, c'è un atto sessuale che Bea sembra amare ancora di più del "scopare", ed è farsi scopare energicamente la figa con le dita. In effetti, questo è l'unico modo in cui ho mai scoperto di poter costantemente far venire l'orgasmo a Bea.

A proposito, la figa di Bea diventa incredibilmente bagnata ogni volta che prova un forte orgasmo. Tipicamente, Bea all'inizio schizza, lasciando fuoriuscire numerosi piccoli schizzi di fluido sperma acquoso chiaro, che sembra proprio come l'urina, ma senza la sfumatura giallastra che l'urina tende ad avere. E poi inizia a sgorgare, mentre letteralmente "eiacula" una serie di globi densi, appiccicosi e semitrasparenti di succo di sperma dalla sua figa che pulsa in modo orgasmico.

E mentre Bea continua a sperimentare un forte orgasmo dopo l'altro, il suo succo di sperma eiaculato può cambiare dal suo stato normalmente semitrasparente e dall'aspetto oleoso; mentre si addensa drasticamente e assume una tinta biancastra che lo fa sembrare molto più simile allo sperma che al succo di figa.

La prima volta che ho assistito a questo, sono rimasto molto sorpreso, perché sembrava proprio che Bea stesse usando i suoi muscoli vaginali per spremere il mio sperma appena eiaculato dalla sua figa sborrata. Ma questo "evento imprevisto" è avvenuto durante i nostri preliminari (il mio cazzo non era ancora entrato in contatto con la fica di Bea). E così quella roba dall'aspetto di sperma era tutta sua, e non mia. Fino a quel momento, non avevo idea che una donna potesse davvero farlo.

Ok ok. Per ora ho smesso di parlare della fica di mia moglie. Prometto. In effetti, ho finito di parlare anche di qualsiasi altro suo attributo fisico. E questo perché gli attributi fisici di Bea non sono le uniche cose che rendono unica mia moglie.

La sessualità interiore di Bea (le sue simpatie e antipatie sessuali) ei suoi comportamenti sessuali sono ciò che la distingue davvero, rendendola incredibilmente diversa dalla maggior parte delle altre donne. In altre parole, a Bea non piacciono la maggior parte delle cose che una donna media tenderebbe a godere durante il sesso. Eppure le piacciono molte altre cose sessuali in modi che una donna media probabilmente non farebbe. Ci sono così tanti aspetti insoliti nella sessualità e nei comportamenti unici di Bea che semplicemente non ho lo spazio qui per discuterne senza impantanare l'intera storia ancora più di quanto non abbia già.

All'inizio della nostra relazione, la sessualità unica di Bea mi ha davvero sconcertato. Poi un giorno Bea mi ha confessato qualcosa che le era successo quando era molto più giovane. Qualcosa che aveva tenuto segreto per molti anni. La sua confessione mi ha aiutato a capire molto meglio la sua sessualità unica. Il "piccolo sporco segreto" di Bea a lungo custodito è l'essenza di questa storia.

A proposito, Bea era sotto The Pill quando mi ha fatto la sua confessione.

A quei tempi, la pillola anticoncezionale era di gran lunga la forma di controllo delle nascite non permanente più efficace, meno invadente e più naturale a nostra disposizione. Ci ha dato la possibilità di scopare quando volevamo, senza alcuna pianificazione preliminare e con un rischio molto basso che Bea rimanesse incinta.

Ma quello che amavamo di più di The Pill era che, durante il nostro rapporto sessuale, ci permetteva di comportarci come se non stessimo usando alcuna forma di controllo delle nascite. E come puoi ben immaginare, quella "finzione" è servita solo a rendere il sesso ancora più eccitante per entrambi.

E ora che ti ho fornito alcune necessarie informazioni di base sulla mia straordinaria moglie, posso solo sperare che troverai il resto di questa storia erotico e affascinante quanto me. Ho fatto del mio meglio per ricreare accuratamente la conversazione e gli eventi di accompagnamento che hanno avuto luogo, mentre Bea mi stava confessando.

La confessione di Bea

Molti mesi dopo aver iniziato a vivere insieme (mentre eravamo ancora entrambi al college), Bea e io eravamo a letto nudi, accarezzandoci scherzosamente i genitali l'uno dell'altra e parlando, mentre stavamo entrando nell'umore giusto per fare l'amore. Ricordo che ero sdraiato sulla schiena e Bea era in ginocchio tra le mie gambe divaricate, di fronte a me. Mi stava accarezzando le palle, mentre io facevo scorrere giocosamente le dita su e giù per la fessura della sua figa chiusa.

Fu allora che Bea mi chiese come mi sarei sentito se avessi scoperto che non era vergine, quando ci siamo incontrati per la prima volta (che è quello che mi aveva sempre fatto credere).

Dopo averci pensato su per un momento, le ho detto che probabilmente non avrebbe fatto molta differenza per me.

Bea esitò per un po', ovviamente immersa nei suoi pensieri, e poi sbottò molto rapidamente: “Va bene. Perché quando ero molto più giovane, ho lasciato che un ragazzo più grande giocasse con la mia figa. E ho giocato anche con il suo cazzo. Là! Ora sai!" Poi Bea ha semplicemente continuato ad accarezzarmi le palle, comportandosi come se quello che mi aveva appena detto fosse "niente di grave".

Per un momento rimasi a terra e le mie dita si fermarono automaticamente all'immobilità all'interno della sua fessura chiusa. Non riuscivo a credere alle parole che avevo appena sentito uscire dalla bocca della mia dolce Bea.

Avevo pensato che lei avesse sollevato l'argomento sul fatto che non fosse vergine quando ci siamo incontrati per la prima volta, fosse solo una situazione ipotetica, e che Bea stesse sollevando quell'argomento solo per giocare mentalmente con me e ottenere la mia reazione. Ma una volta che ho capito che Bea non era affatto ipotetica, non sapevo davvero come rispondere. E così ho verbalizzato il pensiero successivo che mi è venuto in mente.

«Mi hai appena detto che tu e questo ragazzo più grande giocavate l'uno con i genitali dell'altro. Come mai questo ti ha reso non vergine? Ho chiesto.

Bea ha tolto le mani dalle mie palle, ha abbassato lentamente gli occhi e poi ha ammesso con calma: "Ho anche lasciato che Freddy strofinasse il suo cazzo contro la mia figa".

Poi, dopo un lungo momento in cui ho lasciato che tutto affondasse, ho tirato fuori le dita dalla fessura della figa di Bea e mi sono seduto di nuovo sul letto, così che ora eravamo entrambi seduti faccia a faccia nel mezzo del piccolo gemello. letto a una piazza e mezza. Ed è allora che è iniziata la nostra discussione seria.

Ecco l'essenza della conversazione che ha avuto luogo tra di noi e che ha finito per cambiare per sempre la nostra relazione:

"La testa del suo cazzo?" chiesi, ancora senza credere a quello che Bea mi stava dicendo.

"Sì", rispose dolcemente, con gli occhi ancora bassi.

"Contro la crepa della tua figa?"

"SÌ."

"Gli è venuto duro mentre lo faceva?" chiesi, non rendendomi conto di quanto fosse stupida quella domanda, finché non mi uscì di bocca.

"Oh... sì," rispose molto enfaticamente, annuendo lentamente con la testa con gli occhi chiusi.

"Ti è venuto nella figa?"

Lei non mi ha risposto. Invece, ha semplicemente annuito con la testa un po' più velocemente, e potevo dire che era sul punto di piangere.

"Allora quello che mi stai davvero dicendo è che questo Freddy ti ha fottuto?" chiesi.

“Sì, immagino sia quello che ti sto dicendo,” ammise finalmente Bea, ovviamente cercando di trattenere le lacrime. Poi ha aperto gli occhi acquosi per guardarmi dritto negli occhi, prima di aggiungere: “Ma allora ero così ingenuo che pensavo che Freddy stesse solo strofinando il suo cazzo contro la mia figa, e questo è tutto. Non avevo idea che stesse prendendo la mia verginità. Ero piuttosto spaventato e confuso in quel momento.

"Impaurito?" chiesi, ancora sotto shock per quello che stavo sentendo.

"Sì. Impaurito."

"Stai dicendo che questo Freddy ti ha costretto a fare sesso con lui?"

"Beh, sì... e no... voglio dire... più o meno," rispose lei in modo sdolcinato, alzando le spalle. "Mi ha messo all'angolo in una stanza e mi ha detto di abbassarmi i pantaloni."

"E tu sei andato avanti e hai fatto quello che ti ha detto di fare?" chiesi incredulo.

«No, non all'inizio. Ma poi ha detto: 'Che ti prende? Non mi hai sentito?' E si è avvicinato a me, e mi ha detto di nuovo di abbassarmi i pantaloni. Potrei dire dal tono della sua voce che era molto serio.

"Ed è allora che hai fatto quello che ti ha detto di fare?"

"Sì, l'ho fatto", ha ammesso. “Mi sono tirato giù i pantaloni. Ma ho lasciato le mie mutandine, pensando che Freddy volesse solo vedere le mie mutandine, e questo è tutto. Dopo una pausa di un secondo o due, alla fine aggiunse: “Ma poi Freddy mi ha detto di abbassarmi anche le mutandine. E ho capito che voleva vedere la mia figa. E così--"

"... e così sei andato avanti, ti sei abbassato le mutandine e hai mostrato a questo Freddy la tua figa?" chiesi, finendo sgarbatamente la frase di Bea per lei, senza volerlo davvero.

"Non è stato così!" Bea mi ha rapidamente risposto: “Freddy era molto più grande di me. Aveva anche tre anni più di me. Avevo paura di cosa sarebbe potuto succedere se non avessi collaborato con lui. E così, sì", disse Bea con un tono di voce molto misurato e pratico, "mi sono tirato giù le mutandine e ho mostrato a Freddy la mia figa".

"Allora questo Freddy ti ha costretto a fare sesso con lui."

“No, non mi ha costretto a fare sesso con lui. All'inizio, mi ha fatto abbassare i pantaloni e mostrargli la mia figa. E poi si è esposto a me. Ma era così. Sono io che ho deciso di collaborare con lui, dopo.

Mi ha davvero sorpreso quando ho sentito Bea difendere inaspettatamente le azioni di Freddy in quel modo, e ho subito pensato tra me e me, ma non hai finito di dirmi che avevi paura di cosa sarebbe potuto succedere se non avessi collaborato con Freddy? Mi sembra proprio che ti abbia costretto a fare sesso con lui. E ora mi stai dicendo che non l'ha fatto? Cosa c'è di sbagliato in questa immagine?

E poi ho verbalizzato la domanda successiva che mi è venuta in mente, "Allora, chi era questo personaggio di Freddy?"

“Era un amico di famiglia”, ha risposto Bea. “Il suo vero nome era Alfredo, ma tutti lo chiamavano Freddy. Lui e sua madre erano sfortunati e stavano cercando di rimettersi in piedi. Quindi i miei genitori li lasciavano stare in quella piccola pensione nel cortile sul retro di casa mia. Te lo ricordi, vero? Ti ho già portato lì dentro, quando eri a casa mia.»

“Sì, certo che me lo ricordo. Ti è piaciuto Freddy? Voglio dire, era il tuo ragazzo in quel momento?

"Ma stai scherzando? Ho pensato che fosse piuttosto disgustoso, come persona. E di certo non lo trovavo attraente dal punto di vista sessuale, se è questo che intendi.»

"Allora dov'eri quando Freddy ha fatto 'le mosse' con te?"

"Ero nel bagno della piccola pensione."

E sapevo esattamente com'era quel piccolo bagno nella parte anteriore della piccola pensione, perché l'avevo usato prima di me stesso e in più di un'occasione. Riuscivo a malapena a credere che fosse lo stesso bagno in cui Freddy aveva fatto sesso con Bea.

Dopo aver visto l'espressione a bocca aperta di incredulità sul mio viso, Bea ha spiegato: "La domenica pomeriggio andavo lì per guardare la TV per qualche ora e passare un po' di tempo lontano dalla mia famiglia, mentre Freddy e sua madre erano via . Andavano in chiesa ogni domenica. Così pensai di essere solo nella guest house, a guardare la TV quella domenica.

"Durante una pubblicità, mi sono alzato per andare in bagno. E quando ho finito, ho aperto la porta, e c'era Freddy, in piedi sulla soglia. Potevo dire che stava usando intenzionalmente il suo corpo per bloccare la porta, e tenere di uscire dal bagno, mi sono subito allontanata da lui.

"Ed è allora che ti ha detto di abbassarti i pantaloni, giusto?"

"Sì. Solo che quello che mi ha detto veramente è stato: 'Baja tus pantalones'”.

"Freddy ti ha parlato in spagnolo per tutto il tempo?"

"No. Passava dallo spagnolo all'inglese."

"Ma quando ti parlava in spagnolo, lo capivi ancora, vero?"

"Oh, sì. Sapevo esattamente cosa mi stava dicendo. Così più tardi, quando ho sentito la frase 'Baja tus bragas' uscire dalla bocca di Freddy, ho capito che mi stava dicendo di tirarmi giù le mutandine, e mostragli la mia figa."

"Allora fino a che punto ti sei abbassato i pantaloni?"

"Al centro delle mie cosce."

"Quindi, dopo che ti sei tirato giù i pantaloni e le mutandine per mostrare a Freddy la tua figa, cosa ha fatto esattamente dopo?"

“È entrato ancora di più nel bagno con me. Ricordo che continuava a fissarmi l'inguine.

"Allora la tua figa era pelosa?"

"O si. E questo mi ha dato un po' di conforto, ma non molto".

“Scommetto! Freddy ha chiuso la porta del bagno dietro di sé e l'ha chiusa a chiave?

«No, l'ha lasciata aperta.»

“Wow, è piuttosto audace. Doveva sapere che sua madre sarebbe stata via per un po'".

"Sì. Era in chiesa, ricordi?"

"Sì, me l'hai detto, vero?"

"Ma lasciare la porta del bagno aperta è stata comunque una mossa molto audace da parte di Freddy, perché i membri della mia famiglia erano tutti a casa, in quel momento. E ognuno di loro avrebbe potuto entrare nella piccola pensione, cercandomi, e beccarsi Io e Freddy in bagno, che era proprio accanto alla porta d'ingresso. Non posso nemmeno iniziare a dirti quanto quel pensiero mi terrorizzasse, mentre me ne stavo lì con i pantaloni abbassati, mostrando a Freddy la mia figa.

"Ci scommetto. Quindi Freddy è entrato nel bagno con te, lasciando la porta spalancata, e poi?"

“Poi si è tirato giù i pantaloni e le mutande e si è esposto a me. Questo mi ha davvero sorpreso. Ma sono rimasto ancora più scioccato quando Freddy mi ha detto che voleva che giocassi con il suo cazzo. In realtà, l'ha chiamata la sua 'verga'. Mi ha detto che, se avessi cercato di scappare o urlare, avrebbe detto ai miei genitori quello che avevo fatto. Ha detto che avrebbe detto loro che mi ero abbassato i pantaloni per mostrargli la mia 'panocha', e poi gli ha chiesto di lasciarmi giocare con la sua 'verga'”.

"E così ti sei semplicemente avvicinato e hai messo le mani sulla sua 'verga', giusto?"

“Prima ho dovuto superare lo shock iniziale, ovviamente. Ma sì, l'ho fatto. Cosa posso dire? Non avevo mai visto il cazzo di un ragazzo prima. Certo, avevo visto quello del mio fratellino, quando era piccolo, e gli stavo cambiando i pannolini. Ho anche visto mio fratello nudo un paio di volte, mentre faceva il bagno da bambino, mentre io gli facevo da babysitter.

"Ma questo era completamente diverso. Freddy non era un ragazzino. Dopo che Freddy si è abbassato i pantaloni, non riuscivo a smettere di fissare la sua 'cosa'. La verità è che ero così curioso che mi sarei avvicinato e avrei giocato con il cazzo di Freddy, senza che lui dovesse mai minacciarmi.

“All'epoca mi masturbavo già almeno una o due volte alla settimana. Ma dal momento che ero costretta a condividere la camera da letto con mia sorella maggiore, non avevo davvero alcuna privacy durante le ore diurne. E così mi svegliavo nel cuore della notte, e giocavo con me stesso, mentre ero sdraiato nel mio letto, sotto le coperte. E ogni volta che giocavo con me stesso in quel modo, fantasticavo su come sarebbe stato vedere e toccare la "cosa" di un ragazzo.

"E così, quando Freddy si è tirato giù i pantaloni per mostrarmi la sua 'cosa', e poi mi ha detto che voleva che la toccassi e ci giocassi, non ho potuto farne a meno. Dopo alcuni istanti, le mie mani erano gentili di sono saltati sull'inguine di Freddy, tutto da soli, e ho iniziato a toccare e sentire il suo cazzo.

"Quindi presumo che vedere e toccare il cazzo di Freddy vi abbia eccitato tutti?" chiesi, ancora una volta, senza rendermi conto di quanto stupida fosse la domanda, finché non mi fu già uscita di bocca.

“Certo che sì,” rispose pazientemente Bea. “Ma devi capire una cosa. Freddy era un ragazzo ispanico dalla pelle molto scura. In effetti, sembrava più un ragazzo di colore che un chicano. E sai benissimo che, quando si tratta di ragazzi, sono sempre stato attratto da ispanici e anglosassoni dalla pelle chiara, e soprattutto da biondi e rossi. Quindi per me, il cazzo dalla pelle scura di Freddy era piuttosto disgustoso e brutto.

“Il brutto cazzo di Freddy ti ha comunque eccitato,” osservai, quasi sottovoce. E prima che Bea potesse replicare, ho subito chiesto: "Allora, quello che stai dicendo è che è stato come fare sesso con un ragazzo di colore, giusto?"

"Sì, è esattamente quello che mi sentivo in quel momento."

"Wow! È piuttosto pesante. Quindi cosa è successo dopo tra te e Freddy?"

“Beh, è ​​rimasto lì a guardarmi, mentre toccavo e tastavo il suo cazzo per un po'. Poi mi ha preso la mano e mi ha mostrato esattamente come voleva che gli stringessi il cazzo più e più volte. Mi ha anche mostrato come la pelle del suo cazzo potesse essere facilmente spostata su e giù per la sua asta. Lasciò andare la mia mano e io continuai a stringere e giocare con il suo cazzo, proprio come mi aveva mostrato di fare. Poi, Freddy si è allungato e ha iniziato a giocare con la mia figa.

"Questo deve averti davvero sorpreso."

Bea ci ha pensato per un momento e poi ha detto: “No, non proprio. Era più o meno quello che mi aspettavo che facesse a quel punto. Sarei stato molto più sorpreso se non si fosse allungato e non avesse giocato con la mia figa. Dopotutto, stavo già giocando con il suo cazzo. E stava fissando la mia figa. Potrei dire dallo sguardo affamato nei suoi occhi che voleva decisamente allungare la mano e toccarmi la figa.

“Posso certamente capire che voglia farlo. E quindi stavi bene con Freddy che ti palpava la figa?

“Di sicuro non avrei cercato di fermarlo. E poi, dopo che Freddy ha iniziato a giocare con la mia fica, non ci è voluto molto perché cominciasse a sentirmi davvero bene con me».

"Stai dicendo che ti stavi divertendo mentre Freddy giocava con la tua figa?" chiesi, rendendomi conto in seguito che avevo appena fatto un'altra stupida domanda.

“Ci puoi scommettere che lo ero! E quella era la parte peggiore. Non volevo che fosse così bello. Ma lo ha fatto comunque. Non mi piaceva nemmeno Freddy. Eppure ero lì, a fare sesso con lui. E ti mentirei se non ammettessi che mi stavo davvero godendo il sesso. Mi sentivo una così piccola puttana. Ma allo stesso tempo mi sentivo anche assolutamente meraviglioso. Ero così confuso e sopraffatto da tutto ciò che stava accadendo.

"Quindi quello che mi stai davvero dicendo qui è che una volta che Freddy 'ha fatto girare la palla', per così dire, la tua stessa curiosità sessuale ha avuto la meglio su di te, e hai finito per diventare un partecipante volontario da quel momento in poi, Giusto?"

"Sì. Odio ammetterlo, ma hai ragione.

"Okay. Quindi una volta che Freddy ha iniziato a giocare con la tua figa, hai continuato a giocare con il suo cazzo?"

"Sì. È esattamente quello che ho fatto. A proposito, ho dimenticato di menzionare che il cazzo di Freddy era già mezzo eretto quando l'ho visto per la prima volta. Ma ovviamente, la 'cosa' di Freddy è diventata molto più grande e si è irrigidita mentre stavo stringendo Esso."

Bea si fermò per un momento. Poi fissò i suoi occhi nei miei e con uno sguardo totalmente serio sul viso mi disse: "L'erezione di Freddy mi sembrava gigantesca in quel momento!"

"Oh, andiamo. Devi esagerare."

"Beh, non lo sono," insistette Bea. "Ero solo una ragazzina. E l'erezione di Freddy aveva all'incirca le stesse dimensioni della tua. Ma era almeno un pollice più lunga della tua. Forse anche due. Il cazzo di Freddy era decisamente lungo. E questo lo ha reso sembra piuttosto intimidatorio."

"Va bene. Capisco cosa intendi," risposi automaticamente. Poi ho cambiato intenzionalmente argomento chiedendo: "Quindi, quando Freddy si è allungato e ha iniziato a giocare con la tua figa, cosa ha fatto esattamente?"

“All'inizio, ha tastato la parte anteriore del mio inguine con la mano per un po'. E poi ha spinto la mano più in basso tra le mie gambe e ha iniziato a massaggiare tutto il mio tumulo.

"E ovviamente ti è piaciuto."

"Sì. Mi è sembrato bello. E così ho naturalmente allargato un po' le gambe, solo per rendere più facile per Freddy arrivare alla mia figa. Ha infilato le dita nella parte anteriore della mia fessura e ha iniziato a farle scorrere lentamente su e giù per la mia fessura, mentre sentiva tutte le diverse parti della mia figa.

"È stato gentile con te mentre lo faceva?"

"No, non proprio. Ma quello che stava facendo mi sembrava davvero bello. In effetti, mi sentivo così bene che, nel giro di pochi secondi, non avevo più molta paura di Freddy. E ho subito cominciato a sentirmi "ok" all'idea che Freddy avesse le sue dita nella mia figa. Voglio dire, cos'altro avrei dovuto provare per un ragazzo che era impegnato a giocare con il mio clitoride e le labbra della mia figa? E ovviamente stava anche palpando il mio buco del culo e cose del genere.

"Allora cosa è successo dopo?"

“Freddy mi ha detto di allargare le gambe. E così ho allargato le gambe il più possibile".

"Quando l'hai fatto, avevi ancora i pantaloni e le mutandine avvolti intorno alle cosce, giusto?"

“Sì, e Freddy si è rapidamente avvicinato a me. Stavo fissando il suo cazzo, mentre lo portava sempre più vicino alla mia figa. Poi ha seppellito la testa del suo cazzo nella parte anteriore della mia fessura e ha iniziato a strofinare il suo cazzo contro la mia figa.

"Fatemi capire bene. Tu e Freddy eravate ancora in piedi faccia a faccia in bagno, vero?»

"Sì", rispose Bea, "E poi Freddy iniziò a strofinare lentamente il suo cazzo avanti e indietro contro la mia figa."

"Cosa stavi facendo, mentre lo faceva?" Ho chiesto.

"Stavo tenendo la mia figa aperta per lui, perché è quello che mi ha detto di fare, proprio prima di infilare il suo cazzo nella mia fessura."

"Stavi usando entrambe le mani per farlo?"

"Sì, certo che lo ero. Avevo una mano su ciascun lato della mia figa, e tenevo la mia fessura spalancata, proprio come faccio con te, quando strofini il tuo cazzo contro la mia figa."

"Bene, il cazzo di Freddy ha finito per stare bene con la tua figa?" sbottai, e quasi subito mi sentii l'idiota del villaggio. Mi è sembrato come se stessi cercando inavvertitamente di vincere il premio per aver posto le domande più stupide in una conversazione.

"Ma stai scherzando? È stato meraviglioso! E incredibilmente sexy. Immagino che una parte di me abbia sentito che la mia figa doveva contenere il cazzo di un ragazzo. Le altre parti di me erano solo spaventate e confuse da quello che stava facendo Freddy.

"Freddy ha spinto il suo cazzo sempre più indietro nella tua fessura, mentre lo strofinava contro la tua figa?"

"Oh andiamo! Non riesco nemmeno a credere che tu me lo stia chiedendo,” rispose Bea, alzando gli occhi al cielo e scuotendo la testa da una parte all'altra. "Voglio dire, sei un ragazzo. Cosa avresti fatto, se fossi stato Freddy?"

Sapevo che Bea non voleva davvero che rispondessi a quella domanda. Quindi ho semplicemente continuato a farmi le mie domande. Anche se sembravano stupidi, una volta usciti dalla mia bocca.

"Mi hai detto che Freddy è venuto nella tua figa", ho detto, "Quindi devi aver sentito il cazzo di Freddy iniziare a pulsare tra le tue gambe ad un certo punto, giusto?"

"O si! Il cazzo di Freddy iniziò a pulsare bene. Lo sentivo tra le mie gambe. E potevo dire che il suo cazzo stava facendo qualcosa alla mia figa. Ma potevo solo indovinare cosa fosse quel "qualcosa". Tutto quello che sapevo era che, qualunque cosa stesse facendo Freddy, mi sembrava incredibilmente erotica e sexy.

"Non hai sentito la tua figa bagnarsi davvero, quando il suo cazzo pulsava in quel modo?"

“Sì, certo che l'ho fatto. Ma quando il cazzo di Freddy ha iniziato a farlo, la mia figa era già bagnata. Sai quanto posso bagnarmi quando sono eccitato.

"Quindi quello che mi stai dicendo è che hai sentito l'umidità aumentata tra le tue gambe, ma che hai semplicemente pensato che fosse dovuto alla tua stessa umidità?"

"Non completamente. Vedi, in quel momento, pensavo che quello che Freddy stava facendo con il suo cazzo palpitante, fosse pisciarmi nella figa. E potrei dire che stava "facendo pipì" a piccoli scatti. Naturalmente, all'epoca non sapevo cosa fosse lo "sperma". Ma sapevo che i ragazzi pisciavano fuori dalla piccola fessura sulla punta dei loro cazzi. L'avevo visto fare molte volte al mio fratellino, mentre gli cambiavo i pannolini. E così non mi sono mai reso conto che il cazzo palpitante di Freddy stava spruzzando sperma nella mia figa.

"Inoltre, anche se avessi detto che l'aumento di umidità tra le mie gambe era principalmente dovuto all'eiaculazione di Freddy, non avrei mai fatto due più due e realizzato cosa stava succedendo.

"Don’t forget that, back in those days, we didn’t have any sex education classes in elementary school--or in junior high, for that matter. I didn't even know what 'fucking' was, even though I had heard that word being used by some of the kids at school. So I never realized that guys squirted this 'sperm stuff' out of their dicks, and that that was what caused girls to get pregnant. I didn't learn about that kind of stuff until much later on, in high school.”

“When you said that Freddy was squirting sperm directly into your pussy, you really meant inside your vagina, didn't you?”

"SÌ."

“So then what you just admitted to me is that Freddy was really doing a lot more than just rubbing his dick against your pussy, and then cumming in your crack. I mean, he actually had his dick up inside of your vagina, and he was fucking you, wasn't he?”

"SÌ. But he didn't start out that way. At first, he was just rubbing his dick-head back and forth against my pussy. But after he got my wetness all over his dick-head, he moved it farther back into my crack, until I felt it penetrate me.

"And that's when Freddy began thrusting it into me over and over again. He fucked me slowly at first. But pretty soon, he was going at a pretty good pace. Then, all of the sudden, he shoved his dick up deep inside me and began humping away like crazy.”

“Were you guys still standing up, face-to-face?”

“Yes."

"So, what were you doing, while Freddy was humping you like that?"

"Trying to keep from falling over!" Bea replied, with a sarcastic look on her face. And we both laughed at her rude comment.

"No. Seriously," I said, while we were both still chuckling.

"I am being serious," Bea insisted, even though she was just barely managing to regain her composure, "I was having a hard time keeping my balance and staying on my feet."

"Were you still holding your pussy crack pulled-open for Freddy?"

"Well, I still kept on trying to. But I really couldn't. Because he was humping away so fast, that he was slamming his pubic bone up against mine. But that only lasted for about 30 seconds, at the most--thank God!--before Freddy made one, final, hard thrust.

"And then he just held his dick very still. I remember that he had his dick so deep inside me, that my hands were squished flat between our two pubic bones. And that's when I felt his dick start pulsating inside me."

“Did Freddy pull his dick out of your pussy, when it finally stopped pulsating?”

"NO. He just left it deep inside me for quite a while. Then he finally pulled it out of my vagina, and started rubbing his dick-head against my pussy crack again, just like he had done, when he had first stuck his dick between my legs. He did that for a little while. And then he eventually pulled his dick completely out of my pussy.”

“When Freddy did that, did he still have a hard-on?”

“No,” Bea answered, shaking her head, “I could see that he was quickly losing his erection. Of course I had no idea why that was happening. But I could tell that his 'thing' was shrinking back down, and getting a lot softer and smaller.”

“So what happened after Freddy pulled his dick completely out of your pussy?”

“Not much, really. He backed away from me. Then he pulled his underwear back up, zipped up his pants, and calmly walked away, like nothing special had just happened.”

“Wow! I’ll bet you didn’t feel that way.”

“Boy, you've got that right! After Freddy left the bathroom, and I heard him walk out of the front door of the small house, I just stood there for a few minutes, with my pants down, and my legs still spread apart. I didn't know if Freddy was really 'finished with me,' or if he was just 'taking a break' and was going to come back for a 'second go-round.'

"But as soon as I was finally sure that Freddy was really gone for good, I pulled my pants and panties back up, and I ran out of the little back yard house, and straight to my bedroom.

"I threw myself down on my bed, and I cried for a long time. I was dazed and confused. I was also really scared about what Freddy and I had just done together. I didn’t know if anything bad would happen, because of it.

"I knew that what Freddy and I had just done together was 'very naughty.' And I was worried that my family might find out what happened, and that I would no longer be considered a 'nice girl.'

"I was also very worried that Freddy might try to have sex with me again sometime. And worst of all, I just knew, deep down inside, that if he ever tried, I would willingly cooperate with him again. Thank God, Freddy never did come back for seconds!”

“Did you wipe off your pussy first, with some toilet paper or something, before you pulled your pants back up and ran to your bedroom?” Ho chiesto.

“No, I didn’t,” Bea slowly answered, staring at the wall, obviously deep in thought.

“I get the feeling that there’s still something that you’re not telling me. Even though you didn’t like Freddy as a person, there must have been something about Freddy that you really liked. Something that really turned you on a lot. Why else would you just stand there with your pants down, and wait for him to come back into the bathroom for a 'second go-round'? Come on, let’s have it,” I prodded her.

“Okay, okay. But please don't get mad at me,” Bea said, still staring at the same invisible spot on the bedroom wall, behind me.

“I promise I won't get mad at you. Just tell me the whole truth about what really happened that day with Freddy in the bathroom.”

Bea looked straight into my eyes and said, “Freddy stuck his fingers inside me.”

"Va bene. But you already told me that he played with your pussy,” I said.

"NO. You don't understand. After he told me to spread my legs far apart, and before he started rubbing his dick against my pussy, he stuck his fingers deep inside me. At first, it was just one finger at a time. But it didn't take long, before he had two fingers inside me at the same time.”

“So did Freddy's fingers feel good inside your vagina?”

“They didn't just feel good. They felt great!” Bea admitted, and then took a long pause before continuing, “I was enjoying the heck out Freddy fingering me. He was moving his fingers all around inside me, and exploring every part of my vagina that he could reach. And you know how much I love my G-spot. Let's just say that my pussy got really wet.”

“How did Freddy react to your pussy getting 'really wet'?”

“I can't tell you, because I wasn't really paying any attention to how Freddy was reacting. My mind was focused on much more important things--like how great my pussy was feeling!

"But Freddy must have liked my pussy getting wet, because he started thrusting his fingers in and out. He did it slowly at first. But then he kept on speeding up, and--”

“You mean, Freddy finger-fucked you?” I interrupted, in disbelief.

“Yep,” Bea immediately replied.

“Just like I do?” I asked, knowing full well that the next answer that would be coming out of Bea's mouth was most likely going to confirm my just-realized suspicion that the main reason why Bea loves for me to finger-fuck her so fast and hard, is because that's exactly how Freddy finger-fucked her that day in the bathroom.

“Uh-huh,” Bea hummed back, nodding her head. “And he made me cum too. Just like you do. And I don't mean just a little bit.”

“Are you saying that Freddy actually made you gush?” I asked, still finding it hard to believe what I was hearing with my own ears.

“Oh, yeah!”

“But I thought you told me that you were scared and confused.”

“I was. I was scared and confused--and orgasming my butt off--all at the same time. I just couldn’t help myself, you know? No guy had ever seen or touched my pussy before; let alone, fingered me like that.”

“Did you scream out, while you were cumming, like you normally do when I'm finger-fucking you?”

“Yeah, I'm pretty sure that I did make a little bit of noise. But I really tried hard not to. Whenever I used to play with myself in my bed late at night, I used to bite down on my lower lip, and whimper through my nose, like this,” Bea said, before showing me a quick example of what she was describing. “That way, I wouldn't wake up my older sister, or anyone else in the house, while I was busy orgasming. And that's exactly what I did, when I was with Freddy.”

“When you orgasmed, did you squirt all over Freddy's hand, like you do on mine?”

"O si. Unfortunately, I couldn't help that part. And afterwards, I felt so embarrassed. But there was absolutely nothing I could do about it.”

"Va bene. So is that when Freddy moved in closer, and stuck his dick in your pussy?”

"NO. He just kept on finger-fucking me, for I don't know how long. All I know is that Freddy made me cum over and over again, just like you do, when you're finger-fucking me.”

“So then what you're saying is that Freddy must have spent several minutes finger-fucking you?”

“Yeah, that's probably about right. And then all of the sudden, he quit finger-fucking me. And that's when he moved in close to me, and stuck his dick in the front of my crack, and started slowly rubbing it back and forth against my pussy.”

“So, what else are you not telling me about this Freddy guy? Wait. Lasciami indovinare. You liked his balls, didn't you? I mean, you went out of your way to tell me how ugly-looking Freddy's dick was, but you never said one bad thing about his balls, the whole time. In fact, I don't think you even mentioned Freddy's balls at all.”

“Okay, you're right," Bea said, and then paused for a moment, before continuing on, "I didn't say anything about Freddy's balls, because I didn't really want to. I also tried not to tell you about me getting finger-fucked by Freddy. But you can see how well that worked out. Cosa posso dire? Those particular things are just so intimate and personal to me that, even though they happened several years ago, it still makes me feel ashamed and embarrassed to tell you about them.

"But if you really must know...yes, Freddy’s balls did turn me on a lot. Seeing them...and holding them...and feeling them. Back then, I didn't know why they turned me on so much. They just did. And so the truth is that I spent a lot more time feeling out Freddy's balls, than I did squeezing his dick. By the way, Freddy called them his 'huevos.'”

“So is that why you always pay so much attention to my balls? Is it because Freddy's 'huevos' turned you on so much? I mean, do you ever fantasize about Freddy’s 'huevos,' when you’re playing with mine?” I asked Bea point-blank, while staring into her eyes, “Hey, you can be honest with me, because I think I already know the answer to that one anyway.”

Bea kept her eyes focused on mine, as she slowly nodded her head a few times.

“That's what I thought. So, how did it feel to you, while Freddy was humping away at your pussy?” Ho chiesto.

“Do you want me to lie to you, or tell you the truth?”

“The truth would be good right now.”

“Okay," Bea said, pausing for a moment to take a deep breath, and then slowly exhaling, before she went on to admit to me, "It felt absolutely incredible! That's how it felt. God, I loved having Freddy's 'verga' inside my 'panocha'! And that son of a bitch actually made me cum, when he was fucking me. But then that shouldn't surprise you. You know how much I love to fuck.”

“Looking back on everything, how do you feel about Freddy now? I mean, you just got done calling him a 'son of a bitch.' Do you hate him for what he did to you that Sunday afternoon? I mean, you do realize that Freddy raped you that day in the bathroom?”

“Yes, I do know that what Freddy did to me would be considered 'rape.' But believe it or not, I don't hate him for doing it. Heck, if I were in his shoes that day, I probably would have ended up fucking me, too,” Bea said. “Don’t forget that I cooperated with Freddy the whole time. And it should be obvious to you by now, that I actually did a lot more, than just 'cooperate' with him.

"So I really can’t blame Freddy for everything that happened. I have to take some responsibility for my part in all of it. I could have screamed for help, or tried to run away, or done other things to try to escape the situation. But I didn’t.

"Instead, thanks to my own sexual curiosity--and my own horniness--I chose to go ahead and have sex with Freddy. So the truth is, I let Freddy fuck me that day. Heck, I even held my pussy open for him, and helped him do it. And after he left, I wanted him to come back, and do it again. And I'm the one who has to live with all that.”

"Sì. That must be a hard pill to swallow.”

"Chi lo sa? Maybe it was just something that was destined to happen. The truth is that, without Freddy, I know I wouldn’t be the person that I am today.”

“I’m curious. After you had sex with Freddy, did you find yourself masturbating more often?”

“Definitely,” Bea answered, “But I still always did it late at night, while I was lying in bed.”

“Did you masturbate later that same night? You know, after you had sex with Freddy that afternoon?”

“Yes, I did,” Bea nervously admitted, obviously feeling embarrassed again. “I woke up and played with myself over and over again, throughout that entire night. God, I had never felt so horny in my entire life!

"And after that first night, I masturbated a lot more often than I used to. I just couldn't help myself. I would wake up in the middle of the night, with my hand on my crotch, already diddling away.”

“Whenever you were playing with yourself late at night, did you fantasize about Freddy, and what you guys did together?”

“Do you really have to ask me that question? I mean, isn’t it obvious, from everything I’ve told you so far?”

"Sicuro. But I still wanna hear you say it to me out-loud, so that we can get this whole thing out in the open, where it belongs.”

"Va bene. Yes, I admit it. After that Sunday afternoon, whenever I was playing with myself, I fantasized about Freddy a lot. In fact, I still fantasize about Freddy.”

“Even when you’re having sex with me, right?” I asked in a demanding tone-of-voice.

"SÌ. Sometimes I do. I can’t help it. It just kind of happens. Especially when you're finger-fucking me,” Bea replied. She paused abruptly and then asked, "Are you okay with all this?"

“Yeah, I’m just fine, babe,” I answered truthfully.

The Aftermath

I reached across and began fondling Bea's pussy again. The crack of her pussy was sopping-wet, despite the fact that neither she nor I had laid a hand on her pussy during our entire conversation so far.

My penis had also somehow managed to stay at least partially-erect throughout our discussion about Freddy. And at this point, my dick was fully-erect and my piss-hole slit was wet with pre-cum.

“So how do you feel about everything that I’ve just told you? Dai. Be honest with me,” Bea asked, and then reached across and began playfully finger-rubbing the transparent pre-cum all over the very tip of my dick.

“To tell you the truth, the whole thing turns me on a lot. I don’t really know exactly why. But it just does," I said.

Bea was now gently squeezing the head of my dick between her thumb and fingers, obviously trying to get some more pre-cum to ooze out, when I went on to admit to her, "There's something very erotic about finding out now, that you weren't really a virgin when we met. Knowing that you let an older boy have sex with you, back when you were younger, doesn't make you less desirable to me.

"Instead, it turns me on! In fact, just the idea that another guy's dick and his sperm made it up into your womb, long before mine ever did...well, that thought excites me like you wouldn't believe!"

"Oh, I believe it, alright. You're definitely turned-on right now!" Bea remarked with a big grin on her face, as she watched more transparent pre-cum slowly leaking out of my piss-hole slit; and then immediately scooped it up with her fingers, so that she could rub the watery-looking fluid between her thumb and her fingertips.

"Well, it must turn you on a lot, too. Because your pussy’s super-wet right now. In fact, if you'll let me fuck you, I'll prove to you just how much your story about Freddy turns me on.”

“If I'll let you fuck me? Are you kidding me?” Bea immediately responded, girlishly giggling away in anticipation, as she quickly flipped over onto her back and spread her legs wide apart, waiting for me to mount her in a missionary position.

I knelt down between Bea's spread-apart legs, and that's when we both went into “automatic mode.” Bea and I had performed this missionary position “mounting ritual” together so many times before, that neither of us had to even think about it. Bea pulled her pussy crack wide-open, and held it that way with her hands. We both stared at our crotches as I grabbed hold of my shaft, and then rubbed the head of my dick up and down along the crack of Bea's sopping-wet pussy a few times, just to lubricate the head of my dick. When I let go of my shaft, Bea removed her hands from her pussy. And I leaned over to place my chest on top of hers, with my head right beside hers, on the pillow.

And at that point, I was so mentally excited that I was already very close to orgasming. Using only my hips, I pressed the head of my dick against Bea's pussy mound. And her awesome pussy lips automatically guided my dick down the length of her crack, directly to her vaginal entrance. I eased my dick into Bea's warm, wet vagina--all the way up to the hilt, in one smooth thrust. And then I just left it there, without moving it around at all, as I was trying to let my orgasmic feelings subside a little bit.

With my cheek right next to hers, I whispered in Bea's ear, “Now I want you to just lie very still, and close your eyes, and pretend that you've got Freddy’s dark-skinned 'verga' inside you right now.

“Oh, God! Are you sure you really wanna do this?” she whispered back into my ear.

“Of course I do. Non è vero? I mean, this really turns you on, doesn't it? Pretending that I'm Freddy?” Ho chiesto.

“Uh-huh,” Bea hummed back in total agreement. I could feel her cheek moving against mine, while she was obviously nodding her head.

“Well, while you're doing that, I'm gonna lie still too, and just think about Freddy's dick and his sperm being inside your pussy, long before mine ever was.

"Now don't move!” I demanded, “I want you to lie as still as you can--even if you're orgasming.

"And if you do cum, I don't want you to scream out, and get all vocal about it, like you usually do. Instead, I want you to bite down on your lower lip, and whimper through you nose, just like you did when you were with Freddy in the bathroom.

"And now I'm gonna shut up, so that I can fertilize that nasty 'panocha' of yours--just like Freddy did in the bathroom that day!"

I held my dick very still, deep inside of Bea, and we didn't say another word to each other for quite a while, as we both focused our attention entirely on our coupled-up genitals.

And while I continued to fight off my orgasmic sensations, in an all-out effort to try to make this awesome experience last as long as I possibly could, my dick eventually betrayed me, as it drastically pulsated one time, releasing a little glob of sperm in the process. I know that's what happened, because I can always feel the sperm slowly traveling up my urethra, right before it oozes out of my piss-hole.

Bea shuddered for just a moment, audibly sucking air in through her closed and chattering teeth, acting as if she had been unceremoniously dropped into an ice bath. I assumed that this was her response to the feeling of my warm, wet sperm oozing out deep inside her, thanks to my misbehaving dick.

I immediately whispered in Bea's ear, “Freddy just let out some sperm deep inside you. Did you feel that?”

“Oh God, yes!” she emphatically replied. Then Bea went on to whisper in my ear in a quick series of very breathy-but-intense whispers, “Go ahead, Freddy!...Piss it all out!...My 'panocha' is all yours!...I don't even care if you get me pregnant!”

And "pregnant" seemed to be the "magic word" that took Bea over the top. Because right after that word came out of her mouth, she started whimpering like a little lost puppy, and I felt her vaginal muscles begin rhythmically clamping down around my shaft. And as her entire body was orgasmically writhing underneath mine--in spite of her valiant efforts to try to hold her body as still as possible--I could feel Bea's warm wetness squirting out of her pussy, and flowing down my balls.

And I knew that I was quickly losing the battle to hold back my impending orgasm. And within a few more split seconds, I realized that I had already lost that battle--and had reached what I like to call "the point of no return"--when I felt my butt and my leg muscles automatically tighten up, and stay in a contracted position.

And then I began orgasming, with my pulsating penis still buried up to the hilt, as it was busy squirting my whole wad of sperm all over the rear pocket of Bea's vagina, without me ever having to make a single in-and-out thrust with my dick.

Several minutes later, when we both finally came back to our senses, I looked deep into Bea's large, beautiful hazel eyes, while we were still coupled-up. And just as my dick finally softened up enough to fall out of her vagina on its own, I said, “I can't believe we just did that.”

“Neither can I,” she said, “But it was absolutely wonderful! You can be my 'Freddy' any time you want to.”

“Do you really mean that?” Ho chiesto.

"You bet I do," Bea immediately replied with a big smile on her face, "I love you, babe!”

“I love you too!”

Then Bea and I hugged and kissed for quite a long while, before falling asleep in each other's arms. And we didn't say another word about Freddy, after we woke up in the early evening, and went about our normal business for the rest of that day.

The very next afternoon, I surprised and shocked Bea when I intentionally used my body to block the bathroom doorway, as she was trying to leave the bathroom, after she had finished taking a piss.

I immediately ordered her to pull down her pants, and I stepped into the bathroom with her.

And Bea almost-instantly realized what I was trying to get her to do. Because she backed up a little bit, and played right along with me, as she unbuttoned her pants, and unzipped her fly, and then pulled her pants down around her thighs, intentionally leaving her cotton briefs in place. In an ironic twist-of-fate, Bea just happened to be wearing plain white panties that day--just like she had worn during her actual sexual encounter with Freddy.

“Pull down your panties, too!” I barked out as forcefully as I could, while moving in even closer to Bea.

Bea pulled her panties down around her thighs, and my eyes were glued to the front of Bea's hairy crotch, as I casually unzipped my pants. Then I pulled my pants and my jockey shorts down around the middle of my thighs to expose my whole "package" to her, just like Freddy did.

Bea and I went on to re-enact, in our own bathroom, her entire adolescent sexual encounter with Freddy, step-by-step. And while I was playing the role of "Freddy"--a Scotch-Irish version of "Freddy," that is--Bea coached me and corrected me, whenever I was doing something different from the way that she remembers it happening between her and Freddy.

And before everything was said and done, I ended up fucking Bea in close to the same way that Freddy fucked her young, virgin pussy that day.

This re-enactment ended up being a real turn-on for both of us. And I got to learn a lot more about what really took place between Bea and Freddy.

All I can say, is that there were many things that Bea had neglected to mention in her confession to me the day before. For example, she didn't mention the fact that Freddy was feeling out her butt throughout most of the time that he was fucking her.

But most importantly, Bea finally got the chance to mentally process--and begin to come to grips with--much of the sexual stuff that she didn't really understand, back when she was losing her virginity in that small bathroom on that Sunday afternoon.

Over the course of the next few weeks, the subject of "Freddy" kept automatically popping up at some point during our lovemaking, usually during our foreplay. And that was just fine with me. I realized that Bea felt like she needed to explain to me every little detail about what had happened between her and Freddy in the bathroom that day, just so that she could get the whole thing off her chest. And besides, our talking about Freddy during our own sexual encounters always had the effect of getting us both exceptionally turned-on, which only served to drastically improve our own lovemaking.

This intense-but-short-lived "Freddy phase" of our sexual relationship turned out to be a wonderfully exciting experience for both of us--and one that Bea and I will always cherish.

I feel very grateful and honored that Bea chose to share her most intimate and shocking "dirty little secret" with me.

It was Bea's open-minded attitude, her willingness to accept and embrace change, and her unconditional love for me that made it possible for me to later share more of my own intimate and shocking "dirty little secrets" with her.

And I was pleasantly surprised when I eventually found out that Bea also had a few more "dirty little secrets" of her own to share with me. And just in case you were wondering, none of them had anything to do with Freddy.

* * * * *

Storie simili

Cappuccetto Rosso: Fuori dal bosco?

Cosa.. CHE CAZZO?! Ehm... ciao. Cosa... CHE CAZZO?! CHE CAZZO STAI FACENDO? Perché la fica di Molly è sulla tua... sulla tua... Peter è arrabbiato, oltre che incazzato, ma è un maschio umano. Ha un cazzo, e quel cazzo è più preoccupato del fatto che la mia lingua è a pochi millimetri dalla fica gocciolante della ragazza sexy. Il Lupo si allunga su di me e afferra il culo di Molly. La sua voce esce bassa, come un ringhio, Dovresti venire a prendere la figa che hai sempre sognato. La bocca di Peter sembra essersi seccata, o forse non può più...

686 I più visti

Likes 0

Dannii - Capitolo 2: Dannii ha degli amici

Ho incontrato di nuovo Dannii. All'inizio non me ne ero reso conto: c'erano troppe ragazze bionde magre e con i capelli lunghi che si divertivano davanti a me. Alcuni di loro mi guardarono da sopra i loro occhiali da sole, ammiccando mentre passavano. Ero seduto su una sedia di legno, tenuta insieme da un telo di lino, leggendo di tanto in tanto qualche riga del libro che avevo portato giù, ma il più delle volte fissavo il viale e la spiaggia dall'altra parte. Dannii si fermò quando mi vide. Si tolse gli occhiali da sole e mi guardò bene, prima che...

612 I più visti

Likes 0

Vengo a casa tardi

Nuova storia (: Mi sono bagnato a scriverla, quindi spero che tutti si bagnino a leggerla (; Divertiti! -------------------- Lia, sono a casa. Isabelle urla in tutto l'appartamento. Leah sorride e si avvolge l'accappatoio più stretto intorno al corpo mentre si siede sul divano a 'guardare' uno dei programmi preferiti di Isabelle. Sono in soggiorno! Vieni qui e siediti con me, Izzy! Leah chiama, aggiungendo alla fine il soprannome della sua ragazza. Un secondo. Isabelle richiama. Entra nella loro camera da letto e prende dal cassetto il loro cinturino preferito. Grato che le cinghie siano separate in modo che non debba...

430 I più visti

Likes 0

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2K I più visti

Likes 1

White Lucy, Dark Meat ch.1

Introduzione “Shhhh…. Shhhh. sibilò Chris, interrompendomi. Tieni la testa bassa... non guardare in alto... ti vedranno. La mia reazione istantanea, ovviamente, è stata quella di guardare dritto in alto. Fu allora che li vidi. Due neri, alti e robusti, che stavano tagliando la radura erbosa, dritti nella nostra direzione. Non so chi sia stato davvero più sorpreso, Chris o me stesso. Negli 8 mesi in cui siamo venuti qui abbiamo visto forse 3 persone tutte. Our Spot, come eravamo venuti a chiamarlo, era una vecchia riserva abbandonata e ricoperta di vegetazione, in riva al lago. Il nostro posto segreto Era accessibile...

1.6K I più visti

Likes 1

La ragazza dietro il muro

Ero al secondo anno di college quando l'ho incontrata. Kacey viveva nel dormitorio accanto a me, ma non l'avevo mai vista. La conoscevo solo dal nome sulla porta e da quello che ho sentito quella prima notte. Mi sono seduto nel mio letto preparandomi per andare a dormire. Accanto al letto fu spinto contro il muro, e fu allora che l'ho sentito; un gemito morbido e sexy dall'altro lato del muro. Ho spazzato via il primo suono ma quando ho sentito il secondo, un po' più forte e più a lungo, ho iniziato a immaginare il creatore di questi piccoli rumori...

1.3K I più visti

Likes 0

Classe di schiavitù

“Benvenuta classe, alla prima lezione di...” il giovane insegnante maschio si avvicina alla lavagna, raccogliendo il gesso e scrivendolo a caratteri cubitali “BONDAGE 101” Tra gli studenti scoppia un ruggito di risate e risate, una presenza relativamente ridotta di sole 10 persone circa, 9 delle quali maschi e una femmina che non sembrava affatto appartenere a quel posto. Vestito con una gonna lunga con trecce e classi. Lentiggini chiare da abbinare alla sua pelle pallida. Con gli occhi bassi su un libro, senza prestare molta attenzione all'insegnante o agli altri studenti del resto. L'insegnante ha proseguito “Se sei venuto qui per...

736 I più visti

Likes 0

Vecchio magazzino abbandonato

Ho chiamato Marci dandole l'indirizzo di un vecchio magazzino abbandonato che possedevo nel Queens New York, le ho chiesto di incontrarmi lì. Il colpo dei tacchi dei suoi stivali che echeggiano sui muri di cemento è l'unico suono mentre entra nel magazzino e percorre il lungo edificio cercandomi. Si fermò. Le luci fluorescenti verde giallastre le infastidiscono gli occhi. Il pavimento è umido, bagnato in alcuni punti con pozzanghere di acqua nera, e le pareti di cemento scrostate si stanno sgretolando in alcuni punti. Questo magazzino è una discarica, decrepita, deprimente e anche disorientante. Puzza di benzina e fumi di diesel...

755 I più visti

Likes 0

Esca e cambia cap. 13

Grazie a garbonzo607 per le loro perspicaci modifiche. =================================== Ci sono volute sia Gina che Summer che rimbalzavano sul mio letto per svegliarmi. Ero morto per il mondo, eppure avevo incubi sui demoni che facevano a pezzi tutti coloro a cui tenevo, strappando loro le membra e mangiando la loro carne. Quando finalmente le due donne riuscirono a svegliarmi, ero fradicia di sudore e respiravo piuttosto affannosamente. Era ora, mi disse Summer con un sorriso, ma c'era uno sguardo preoccupato sepolto nel profondo dei suoi occhi. Cosa stavi sognando, che ti faceva gemere, agitarsi e rigirarsi, eh? Gina mi ha seguito...

641 I più visti

Likes 0

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

644 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.