Imparare lo stile di vita Pt 4 - Eccitarsi con i tatuaggi

351Report
Imparare lo stile di vita Pt 4 - Eccitarsi con i tatuaggi

Hanno cambiato la biancheria da letto e Michael si è fatto la doccia e poi si è vestito. Poi Michael ha messo le lenzuola sporche in ammollo nella macchina e poi erano in viaggio. A questo punto, Silk stava morendo di fame. Michael ha preso le chiavi e quindi Silk lo ha lasciato guidare naturalmente. L'ha portata nel suo appartamento per prendere un'altra camicia da indossare poiché all'altra mancavano alcuni bottoni. Ha cambiato il suo vestito e lo ha incontrato di nuovo in macchina.

Ha portato loro una tavola calda per camionisti e l'ha guardata in faccia. Fu lieto di notare che sembrava perfettamente a suo agio. Alcuni dei suoi appuntamenti non mangerebbero qui. Troppo sotto di loro.

"Servono la migliore bistecca di pollo fritta qui", le disse mentre la scortava dentro.

La cameriera salutò Michael per nome e chiese chi fosse la graziosa bambola di porcellana con lui. Silk era abituata a questa reazione poiché la maggior parte delle persone pensava che assomigliasse a una piccola bambola di porcellana. Michael la presentò alla cameriera e le spiegò che era come la sua seconda madre.

Si sedettero e ordinarono la colazione. Michael era sorpreso che lei avesse ordinato alla lettera la stessa cosa che aveva ordinato lui. Lo stupiva che a loro piacessero molte delle stesse cose. Avevano così tante cose in comune.

"Allora come mangi la tua bistecca?" Ha chiesto poiché stavano confrontando simpatie e antipatie.

“Raro, basta condirlo e farlo rosolare su entrambi i lati finché non è caldo nel mezzo e darmelo. Penso che più fatto sia troppo e tutto il modo in cui è fatto è uno spreco di una buona bistecca", ha risposto.

Ridendo alla sua osservazione, ha risposto: "Sono totalmente d'accordo. Mi piace davvero dannatamente. Il sapore migliore si trova così. Non la mangerò nemmeno se è cotta. Ricordami di portarti fuori per una bistecca."

Lei rise: "Sembra che devo ricordarti un sacco di cose. Come farò mai a stare al passo con te?"

Con un sorriso affascinante ha detto: "Non preoccuparti, ho fiducia in te che non mi deluderai".

La cameriera ha portato il loro cibo e hanno scavato. Ha parlato con Michael e ha incluso Silk nella conversazione quando poteva, facendo sentire Silk molto benvenuta. Ha aggiornato Michael su quello che stava succedendo intorno alla tavola calda e hanno riso di alcune buffonate di una giovane cameriera nuova. Poi li ha lasciati per finire il loro pasto mentre aspettava altri clienti.

Superata la curiosità, Silk ha chiesto a Michael: "Quindi lei sa del tuo diverso stile di vita, Michael?"

Alzando lo sguardo verso la cameriera, chiese: “Chi Starla? In realtà sì, lo fa."

Vedendo che Silk era ancora curiosa, le disse che anche Starla era interessata. Ha spiegato che era così che si sono incontrati.

Silk guardò Starla e poi di nuovo Michael: "È una schiava? Sembra così in controllo, così così…”

"Dominante?" Ha fornito.

"Sì"

Con una risata ha risposto: “No, non è una schiava. Starla è una Domme o Mistress. Ha il suo schiavo maschio. Giovanni è il suo nome. Ha anche alcune schiave, ma non credo che siano le sue schiave a tempo pieno".

Un po' confusa, chiese: "Cosa intendi per Domme?"

“Dom è l'abbreviazione di Dominant. Mi chiamerei Dom. Domme è solo la versione femminile di Dom", le spiegò.

Michael aspettava che lei dicesse qualcosa sul fatto che Starla aveva delle schiave. Non aveva menzionato nulla sull'essere a favore o contro le relazioni bisessuali. Avrebbe dovuto chiederle come si sentiva, per vedere a che punto si trovava su quella faccenda.

Finirono la colazione e lui pagò e lasciò la mancia. Prima che se ne andassero, Starla chiese a Michael se sarebbero andati alla festa di Baron e Michael le assicurò che sarebbero stati davvero lì.

Prendendo la mano di Silk, Starla le disse: "Non vedo l'ora di vederti in azione. Sembra che tu abbia la stoffa per qualcosa di speciale."

"Più di quanto tu conosca Starla", le disse Michael mentre se ne andavano.

Silk era raggiante di orgoglio quando lasciarono la tavola calda. Quello era un complimento meraviglioso che Michael le aveva appena fatto e lei ne era sempre così orgogliosa.

Sono saliti in macchina. Michael ha guidato di nuovo. Non sembrava essere diretto verso nessuna delle loro case.

Quindi ha chiesto: "Dove siamo diretti?

"Shopping, dobbiamo vestirti adeguatamente."

Mentre guidavano, lei studiò i suoi tatuaggi. Alla fine le toccò e le seguì. Fu sorpresa di notare che non li sentivi affatto.

"Che cosa?" chiese infine.

“Non ho mai visto dei tatuaggi. Vivo in una piccola città. Non conosco nemmeno nessuno con uno", ha risposto. "Fa male averne uno?"

"Non proprio. È un bel dolore", le disse.

"Volevo prenderne uno, ma Reed pensava che sembrassero trash su una donna", ha affermato,

"Beh, non sei con lui ora."

Pensando a questo sorrise e disse: "Hai ragione. Non sono. Posso prenderne uno se mi piace."

Ci ha pensato ulteriormente e l'idea è piaciuta ancora di più. Cosa prendere però?

Michael sapeva cosa stava pensando e aveva già deciso di prenderla per prima se voleva averne uno. Una farfalla o una rosa al centro della parte bassa della schiena sarebbero così sexy. Uno anche intorno alla caviglia, li vedeva già.

“Michael, mi porteresti a prenderne uno? Penso che mi piacerebbe uno", ha affermato con una ferma determinazione.

“Che ne dici adesso, possiamo andare subito a prenderne uno. Volere?" le chiese.

Guardando l'orologio, ha chiesto: "Abbiamo tempo? Sono le 11:10."

“Dovremmo avere un sacco di tempo. Cosa devi fare per prepararti prima del tuo spettacolo?" chiese.

Pensando, ha risposto: "Nient'altro che le cose normali alla stazione, ma ho bisogno di farmi una doccia e cambiarmi prima di andare a scuola".

"Nessun problema. Ti porto a casa per l'una. I tatuaggi non richiedono molto tempo a meno che non siano davvero grandi. In ogni caso, non ne vuoi uno grande per te prima", le disse.

“Non lo sapevo. Ho pensato che fosse un processo lungo".

Michael l'ha portata nel luogo dove ha fatto fare l'ultimo. Sapeva che questi ragazzi erano bravi e avrebbero fatto un lavoro di qualità. Quando sono arrivati, hanno dovuto aspettare circa venti minuti. Mentre aspettavano, Michael aiutò Silk a scegliere un tatuaggio. Con il suo aiuto, aveva praticamente deciso di far conficcare una rosa in un cuore da cui gocciolavano alcune gocce di sangue. Era lungo circa tre pollici e largo circa un pollice e un quarto nel suo punto più largo.

“Amo i colori. Finirà davvero così colorato?" Ha chiesto mentre aspettavano

“”Sì, se lo vuoi così. Puoi anche fare l'ombreggiatura. Non ha un colore così pesante", le disse Michael. "Quale vuoi?"

Pensandoci, gli chiese "Quale fa più male?"

"Naturalmente a colori, naturalmente, più lavoro di ago", le disse.

"Va bene, quale sembra migliore?"

Vedendo che pensava che fosse stato vago di proposito, le disse: "Cosa vorresti? Penso che entrambi gli stili stiano bene. Alcuni tatuaggi hanno bisogno di colore pieno e alcuni hanno bisogno di ombreggiatura. Dipende solo. Quello starebbe meglio a colori, ma dipende da te. È il tuo corpo che sta succedendo.”

Gli sorrise pensando, no è il tuo corpo, ti appartengo totalmente, Michael. Si chiese se l'avrebbe presa e marchiata se gli avesse detto che si sarebbe sottomessa a lui totalmente per sempre. Che pensiero. Rabbrividì leggermente a questo e sorrise di nuovo.

Michael guardò il suo viso e si chiese cosa stesse pensando, e poi vide il brivido e sorrise, pensando di saperlo. Stava andando alla perfezione e Michael era felicissimo.

Il tatuatore si avvicinò e chiese loro cosa volessero e Michael prese l'iniziativa e gli disse quale voleva e che era il suo primo tatuaggio. Il ragazzo sorrise a Silk e le disse che sarebbe stato pronto per lei in cinque minuti.

Michael ha detto a Silk di andare in bagno così non avrebbe dovuto alzarsi e scendere. Silk sorrise alla sua premura e fece come le era stato detto.

Quando tornò, l'artista era pronto per lei e le disse di sdraiarsi sul tavolo. Michael si sedette sullo sgabello alla sua testa e sorrise.

L'artista ha chiesto: "Ok, dove lo vuoi esattamente?"

Prendendo di nuovo l'iniziativa, Michael tracciò un cerchio sulla sua schiena che indicava il punto di cui aveva parlato quando avevano scelto il disegno prima. L'artista le ha spalmato qualcosa di freddo sulla schiena e poi ha incollato il contorno sulla roba che aveva spalmato. Dopo pochi minuti rimosse la carta.

"Va bene, come va?"

"Perfetto", ha risposto Michael. Poi a Silk, ha chiesto: "Sei pronto?"

Con un sorriso tremante, ha risposto: "Pronta come non sarò mai".

Il ragazzo ha iniziato il tatuaggio e Silky ha sussultato per il dolore inaspettato.

Michael rise di lei: "Oh sì! Voglio dirti ora, il contorno fa più male"

"Michael, perché hai aspettato fino ad ora per dirmelo?" Lei chiese.

Sorridendo, le disse: "Ho aspettato così non saresti scappato. In questo modo ti impegni. Fa così male?"

L'artista ha ricominciato a tatuare quando ha risposto: "Non molto, semplicemente non mi aspettavo alcun dolore. Immagino di non averci mai pensato".

Michael guardò Silk mentre l'artista tracciava il contorno e vide che stava provando le stesse sensazioni di lui e questo lo sorprese. Era sicuro che fosse molto eccitata e sapeva che lo era dal modo in cui l'ago si sentiva contro la sua pelle. Si eccitava sempre molto mentre veniva tatuato, ma non aveva mai visto una donna sentirsi allo stesso modo. Poi un pensiero è venuto in mente a Michael e gli ha fatto chiedere se tutti gli schiavi si sentivano così all'idea di essere tatuati, avrebbe dovuto chiedere ad alcuni.

L'artista ha terminato il contorno in pochissimo tempo ed è stato ripulito dall'inchiostro in eccesso in modo da poter iniziare il colore. Silk stava quasi ansimando a questo punto e Michael si chiese se sarebbe esplosa mentre l'artista finiva. Questo lo fece ridere e Silk alzò lo sguardo su di lui. Aveva uno sguardo vitreo negli occhi e questo fece sciogliere Michael. Sapeva di aver trovato quello con cui avrebbe potuto trascorrere il resto della sua vita. Sperava che anche lei provasse lo stesso.

"Di che stai ridendo?" Lei chiese.

"Tu, occhi di smeraldo."

Silk colse la parola e la riconobbe abbassando gli occhi al pavimento. Si chiese cosa avesse fatto per giustificare che le fosse detto di obbedire in pubblico. L'artista ha ricominciato a colorare dopo essersi consultato con Michael sui colori che desiderava. Si chiedeva se ricevere un tatuaggio accendesse altre persone. Cosa direbbe Michael se sapesse che l'avrebbe perso proprio qui sul tavolo? Si chiese se avrebbe dovuto dirglielo e chiedere il permesso, poi decise che questo sarebbe stato un buon momento per esercitarsi a controllarlo e non lasciarlo andare. Ha iniziato ad approfondire il respiro e a pensare di andare a cavallo nel grande campo aperto dietro casa sua. Questo ha aiutato molto.

Michael era orgoglioso quando lei abbassò lo sguardo sul pavimento dopo che lui disse la sua parola d'ordine. Di solito la maggior parte degli schiavi impiegava un po' di tempo per ricordare cosa significasse. Era sicuro che lei capisse mentre diceva al tatuatore quali colori voleva e dove. Mentre l'artista riprendeva il suo lavoro, la sentì stringergli di nuovo le mani e osservò i segni che gli dicevano che stava per perdere di nuovo il controllo. Proprio mentre pensava che sarebbe andata oltre il limite, sentì il cambiamento in lei. Il suo respiro si fece più profondo e dopo pochi minuti sembra che si rilassi. Dopo un secondo di confusione, Michael si rese conto che lo stava controllando. Michael si chiese a cosa stesse pensando.

L'artista ha terminato la colorazione e stava ripulendo l'inchiostro. Michael guardò mentre dava gli ultimi ritocchi al tatuaggio e mentre l'artista lo puliva e applicava un unguento, Michael si chinò e le sussurrò all'orecchio: "Ti avrei lasciato venire, se avessi voluto e me lo avresti chiesto, ma Sono molto orgoglioso che tu l'abbia controllato".

"Grazie, Maestro", ansimò in un sussurro, "Forse la prossima volta".

Cogliendo le parole la volta successiva, Michael rise: "Sei dipendente, vero?"

È stato il turno dell'artista di ridere: "Sapevo che era da circa due minuti. Pensavo che sarebbe venuta proprio sul mio tavolo".

A questo Silk arrossì mentre scendeva dal tavolo e si scusava per andare in bagno. Un ridente Michael ha pagato l'artista mentre era in bagno.

"Grazie amico, fai davvero un ottimo lavoro", ha detto Michael al ragazzo mentre gli dava la mancia.

“So che le donne vogliono la perfezione, quindi ci provo. Per quanto riguarda l'altra cosa, spero che non sia imbarazzata,” disse a Michael mentre ripuliva la sua zona.

"Lo supererà, ne sono sicuro, dal momento che ha in programma una prossima volta", disse Michael all'uomo ed entrambi risero di nuovo.

Stavano ancora ridendo quando Silk uscì dal bagno e si avvicinò a loro. Guardò l'orologio e poi tirò la manica di Michael. Quando lui la guardò, lei indicò l'orologio.

Diede un'occhiata al proprio orologio e vide che avevano bisogno di andare in modo che potesse arrivare alla stazione in tempo. Sarebbe stato utile per il capo ritardare un dipendente. Entrambi ne avrebbero sentito parlare dal direttore del programma capo.

Silk rimase in silenzio fino a casa e Michael si chiese perché. Sembrava ancora arrossata ed eccitata, ma non disse nulla. Entrarono nel parcheggio del suo condominio e Michael spense la macchina e aspettò che lei uscisse, sembrava stordita.

"Cosa devi fare per prepararti?" Le chiese infine, facendola trasalire.

Guardando il suo viso sorridente, lei rispose: "Ho bisogno di una doccia e di cambiarmi i vestiti. Pensi che andrebbe bene se indossassi una maglietta ombelicale per non coprire il mio tatuaggio?"

"Accidenti, non credo che al Boss dispiaccia se non è troppo corto." Ha risposto strizzando l'occhio. "Ora, ti mettiamo sotto la doccia e siamo pronti per il lavoro."

Rise e scese dall'auto e salì il vialetto fino al suo palazzo. Si ricordò poi che Michael non era mai stato nel suo appartamento. Mentalmente pensò, aveva raccolto tutto? Questo la fece sorridere.

Salirono i gradini della sua porta, lei aprì la serratura ed entrò. Michael lo seguì pensando tra sé e sé che quella era la prima volta che vedeva anche la sua casa. Quello che vide lo fece sorridere. Sembrava che le piacessero le stesse cose che faceva lui. I loro posti erano molto simili nell'arredamento.

Posò le chiavi sul bancone e si voltò per camminare lungo il corridoio, lo guardò. "Stai arrivando", ha chiesto.

La seguì nella sua camera da letto, chiedendosi cosa avesse in mente, sicuramente non il sesso. Non avevano tempo.

Gli fece cenno di sedersi sul suo letto e appese la giacca. Poi si avvicinò al punto in cui era seduto sul letto e premette il pulsante della sua segreteria telefonica. Ha elencato il suo messaggio mentre procedeva a raccogliere i vestiti da indossare dopo la doccia. Una chiamata proveniva da un venditore che cercava di vendere raccordo; la telefonata successiva è stata di Marcia a scuola che chiedeva se fosse davvero uscita con Michael, a questo lo guardava e rideva; successivo è stato un riagganciare; poi suo padre la chiamò per dirle che il suo cavallo era con un puledro e l'ultimo era uno di Reed.

Si allungò e premette il pulsante di pausa, "Vorresti prenderlo in privato?"

"No, hai il diritto di sentire, inoltre come fa a sapere che hai ascoltato", rispose innocentemente.

"Do I", ha chiesto e poi ha premuto il pulsante di ripetizione.

“Seta, questo è Reed. Immagino che tu stia filtrando le tue chiamate dato che so che sei lì. Odio davvero quando ti arrabbi. Bene ascolta, riprovo più tardi. Fammi un favore e cresci e rispondi quando chiamo di nuovo. Ciao."

A questo Michael strinse il pugno e pensò tra sé e sé, il coraggio di quel ragazzo. Era lui che aveva bisogno di crescere.

Anche il successivo era di Reed, "Silk, sono di nuovo io", questa volta non sembrava così duro. “Volevo parlarti, ma stai giocando di nuovo. Il tuo stupido carattere irlandese. Spero che tu capisca tutto questo. È davvero per il meglio. Sto pensando a te in tutto questo. Accidenti, vorrei che rispondessi al telefono. Ci riproverò più tardi." Poi ha riattaccato. Questa era la fine dei messaggi.

Questo ha fatto incazzare Silk. Michael la guardò notare che adesso era arrabbiata. Quando il telefono squillò un minuto dopo, non fu sorpreso di sentirla dire che era Reed.

Afferrò il telefono, premette il pulsante dell'altoparlante e ringhiò: "Sì, Reed".

Michael sorrise quando Reed rispose con esitazione.

“Bene, ciao Silky. Perché non rispondi al telefono?" Ha affermato con.

Con un sorriso a Michael, sogghignò: "Forse non ero a casa. Ci hai mai pensato?"

“Giusto, certo Silk,” rise Reed. "Come ci credo, stavi solo filtrando le chiamate perché sei arrabbiato e ferito."

“Ferito no, pazzo sì. Veramente arrabbiato da morire, ma non per la rottura e per tua informazione sono stato fuori tutta la notte. Sono appena entrato e ho ascoltato i tuoi messaggi poco prima che tu chiamassi ", ha affermato.

Scioccato, Reed ha risposto: "Con chi e..." a questo sembrava vacillare, "Hai dormito con lui?"

Con una risata, ha risposto "Non che siano affari tuoi, ma sì, l'ho fatto. Oh e Reed, erano le dieci, ora aspetta, fallo cento volte meglio di quanto non sia mai stato con te.

Reed ha iniziato a urlare e chiamarla per nome e lei stava cercando il pulsante di spegnimento quando Michael la fermò. Aspetta, le disse con la bocca.

Michael quindi prese il ricevitore e ascoltò mentre Reed le urlava contro, continuando a chiamarla per nome. Poteva ancora sentirlo anche dall'altoparlante. Con la mano sul ricevitore, le disse di tacere.

“Reed, smettila di parlarmi così. A mio padre non piacerebbe", gli disse.

Questo lo ha fermato. Lo sentì sospirare.

A questo Michael parlò. "E Reed", si fermò lasciando che la sua voce Deep Male affondasse, "Gli piace il suo stupido temperamento irlandese."

Ha quindi proceduto ad riagganciare il telefono, ma non prima che Reed urlasse "Chi è questo?"

Silk notò che le mani di Michael erano chiuse a pugno. “Michael, mi dispiace per questo. Non avrei dovuto provocarlo in quel modo.

“Non sono arrabbiato con te Silk. Sono arrabbiato con Reed. Non tratti le donne in quel modo, come ha fatto lui, soprattutto da quando ti ha scaricata. Quel ragazzo è uno stronzo e tu, il mio animale domestico, stai meglio senza di lui", le disse Michael mentre l'abbracciava al petto.

La tenne stretta per alcuni minuti, poi notò che mancava l'una meno dieci. Dovevano partire per l'una e mezza perché lei fosse puntuale, quindi avrebbe fatto meglio a sbrigarla. Aveva ancora bisogno di una doccia e prima che se ne andassero, lui voleva fare qualcosa per lei.

Spingendola dal petto la informò: "Devi entrare nella doccia così non faremo tardi. Quindi vai avanti.” La colpì alle spalle mentre si allontanava. Rise e andò in bagno. Si tolse le scarpe e si stese sul letto ad aspettare. "Oh e Silk, niente masturbazione, non hai il mio permesso."

Ha iniziato l'acqua e ha preparato un asciugamano mentre si riscaldava. Proprio mentre entrava nella doccia sentì squillare di nuovo il telefono. Ha urlato a Michael; lascia che la macchina lo prenda.

Avendo tutte le intenzioni di farlo, ha ascoltato il messaggio che informava i chiamanti che Silk era fuori e prima che potesse finire, Reed iniziò a urlarle di rispondere. Che idiota pensò di nuovo Michael e sollevò il ricevitore mentre spegneva la macchina. Con un sorriso ascoltò.

“Seta, ci sei? Silk, adesso mi dirai chi era quello," chiese Reed.

Facendo sembrare la sua voce ancora più profonda, Michael ha risposto: "Lei non farà nulla del genere, non sei il suo capo o il suo padrone, e poiché so chi sei, so che non sei nemmeno suo padre. Quindi non hai il diritto di dirle cosa fare, qualunque cosa.

"Ma chi diavolo è questo?" chiese Reed con ardore.

"Sul punto di sembrare infantile", Michael sorrise, "Questo è l'uomo che ha sconvolto il mondo di Silk la scorsa notte e continuerà a scuotere il suo mondo ogni notte."

"Questo è il suo fidanzato, quindi è meglio che ascolti e lasci sola la mia prossima moglie", ha risposto Reed.

Scuotendo la testa e sospirando, Michael disse: “Ora perché sei dovuto andare a mentire. Vedi, posso affrontare qualsiasi cosa, anche gli stronzi come te, ma non sopporto i bugiardi. Ascolta bugiardo; So già che hai scaricato Silk. Quindi questo la rende un gioco leale. Quindi, riprendo da dove hai interrotto".

Reed ha chiesto di nuovo: "Metti subito Silk al telefono o chiamo la polizia".

“Ultimo avvertimento per te, Reed, Silk è mia ora e non vuole più avere a che fare con te. Quindi non chiamarla più, bugiardo", e con questo, Michael riattaccò.

Silk era appena entrata nella stanza, cogliendo l'ultimo pezzo della conversazione. Michael era sdraiato sul suo letto, sorridendo. Era avvolta in un asciugamano.

"Chi era quello?" Lei chiese.

"Reed", era tutto ciò che avrebbe fornito.

"Oh."

"Perché non prendi le cose da mettere sul tuo tatuaggio e io te lo strofinerò", si offrì.

Andò alla sua giacca nell'armadio e la prese dalla tasca. Poi lo portò sul letto, lo porse a Michael e poi si voltò e lasciò cadere l'asciugamano.

A Michael piaceva il fatto che non fosse timida. La nudità non sembrava infastidirla minimamente. Ha spremuto un unguento sul dito e ha iniziato a spalmarlo sul suo tatuaggio. Mentre lo faceva, notò che lei arricciava le dita dei piedi. Notò anche che il suo umore era cambiato di nuovo. Sembrava che si stesse accendendo.

"Questo ti eccita, Silk", ha chiesto?

"Sì", sibilò.

"Voltati e chiudi gli occhi", le disse.

Lo fece e lui cambiò posizione sul letto in modo da sdraiarsi in modo da poter appendere la testa fuori dal letto. Adesso era proprio davanti alla sua faccia.

"Apri le gambe e tieni gli occhi chiusi", le disse mentre la tirava a sé. “Spingiti in avanti e metti le mani sul mio petto.

Fidandosi di lui, fece come le era stato chiesto. Prima che potesse chiedersi cosa stesse combinando, lui la baciò tra le sue gambe, facendole allargare ulteriormente le gambe. Stava anche strofinando il suo tatuaggio, che ha inviato fulmini direttamente al suo nucleo. Gli afferrò la maglietta e poi si ricordò di stare attenta a segnargli il petto. La stava avvicinando molto velocemente e lei ansimava.

«Lascia perdere, Silk. Hai il mio permesso", le disse rapidamente e tornò a darle piacere orale per tutto il tempo accarezzandole il tatuaggio sulla schiena.

In pochi secondi ha perso completamente il controllo. “Oh, Michele. Sì, non fermarti», gridò.

Quando ebbe finito, lui scivolò fuori dalle sue gambe e lei cadde in ginocchio accanto al letto. "Stai bene, pet", ha chiesto?

“Sì, ho solo bisogno di riprendere fiato. È stato incredibile. Grazie."

"Per quello?" Chiese, non capendo.

"Per questo, non l'avevi anche tu, ma grazie."

Guardando l'orologio, balzò in piedi e finì di vestirsi.

Michael ha notato che ha scelto una mezza maglietta a collo alto e una gonna aderente ai fianchi. Notò anche le calze e la giarrettiera che indossava. Chiedendosi se si vestisse sempre così, le chiese: "Indossi sempre le calze?"

Arrossendo lei rispose: "Sì, lo voglio. Non mi piacciono i tubi perché scivolano troppo e devi tirarli giù per fare pipì. Inoltre si strappano molto quando li tiri su. Indosso calze e giarrettiere dalla nona elementare. Penso anche che siano molto sexy".

"Anche molto all'antica", le disse.

Accigliata chiese: "Perché, non ti piacciono?"

“Oh, mi piacciono. È solo che non incontri mai donne che li indossano sempre. La maggior parte li indossa solo per i look. Per favore continua a indossarli, sono molto sexy”, la rassicurò. "Allora, indossi sempre anche vestiti e gonne?"

A questo lei rise: "Mi guardi così da vicino, Michael? Sei il mio stalker?"

Afferrandola e piegandola, la baciò sulle labbra e disse: "Perché sì, mia cara, ti sto perseguitando. Te l'avevo detto che mi piaci davvero".

Rise di nuovo e disse: "Bene, ma ora se non andiamo avanti, sarò nei guai e in ritardo".

"Dannazione", disse facendole l'occhiolino mentre la lasciava andare, "Ancora sventato. Bene, se dobbiamo, andiamo. Sei sicuro, ultima possibilità?"

"Ne sono sicura", rispose lei e poi, vedendo il suo broncio, gli accarezzò il viso, "Ma lo faremo più tardi, amante. Sono solo quattro ore.»

Sorridendole, "Va bene, se lo dici tu, andiamo", le disse e lasciò la stanza.

Afferrò la giacca, infilò i piedi nelle scarpe e uscì dalla porta. Sono andati alla macchina e Michael ha preso il comando e ha guidato di nuovo. Mi sembrava naturale lasciarlo. Mentre andavano a scuola, lo guardò notare i suoi penetranti occhi azzurri ei capelli biondi striati. Ha anche notato che era molto muscoloso. Si è anche ricordata di averlo visto in piedi di fronte a lei che probabilmente era ben al di sopra dei 6 piedi.

"Quanto sei alto Michael?" Lei chiese.

"Sei piedi e tre", le disse.

"Quanto pesi?"

"Circa 240, perché", ha chiesto. "Quanto sei alto e quanto pesi?"

"Mi stavo chiedendo. Io stessa sono alta un metro e settanta e peso centoventi libbre, più o meno", ha risposto.

"Sono impressionato; la maggior parte delle donne non dice mai il loro vero peso, molto carino.

A questo lei rise: "Come fai a sapere che sto dicendo la verità?"

Dandole un'occhiata seria, le disse semplicemente: "Non mi limito a mentire, quindi non mi mentiresti, Silk". Poi rise del suo sguardo serio e disse: “Inoltre, ti ho preso in braccio, ricorda. Sei solo un semplice lapsus, davvero."

Lei rise di lui e poi pensò a qualcosa: "Michael, quando sono andato a farmi la doccia hai detto qualcosa sulla masturbazione. Volevo dirti che non lo faccio."

La guardò e vide che era molto seria. "Mai?" Ha chiesto: "Perché no?"

Il colore si è insinuato fino a macchiarle le guance: "In realtà, non so davvero come. Quando ho avuto quegli impulsi e sentimenti, avevo incontrato Reed e l'avevo implorato di prendersi la mia verginità. Non ci ho mai pensato molto". Lei gli disse.

"Non ti sei mai toccato affatto?" Chiese, non credendo totalmente che una donna facile da eccitare come lei, non si fosse mai masturbata.

Arrossì di nuovo e distolse lo sguardo: "Ovviamente mi sono toccata, ma non ho mai avuto un orgasmo per averlo fatto. Non so davvero come." Si accorse che stava sorridendo. "Ti prendi gioco di me?" Era furiosa.

A questo ha iniziato a ridere: "No, non sto ridendo di te. Stavo sorridendo perché stavo pensando a quanto sarà divertente insegnarti. Ho riso proprio ora perché sembri così arrabbiato. A proposito, sei davvero carino quando sei arrabbiato".

"Mi stai insegnando", arrossì ancora di più fino a diventare ancora più rossa, "A masturbarsi?

“Tra l'altro piccolino, sì. Ti piacerà, fidati di me. Ora dimmi, hai almeno provato piacere solo con una mano o con le dita?" Chiese con estrema franchezza.

“Sì, sia da Reed che da Neil. A Neil piaceva portarmi via in quel modo un paio di volte prima di abbattersi su di me e Reed durante i film ea volte tra una lezione e l'altra per prendermi in giro. Ha detto che gli piaceva quando ansimavo", gli disse.

Alle sue parole, alzò un sopracciglio; “Mi piace anche quando ansimi. Quindi, tra una lezione e l'altra eh, piccolino molto birichino. Qualcuno ha mai saputo cosa stavi facendo?"

Si morse un po' il labbro e poi disse: "Neil l'ha fatto, mi ha detto più tardi di aver visto Reed farlo un paio di volte e il mio migliore amico l'ha visto una volta, ma di solito lo teniamo molto segreto. Ho detto a Reed di non farlo, ma l'ha fatto lo stesso".

Erano arrivati ​​a scuola e così la conversazione era finita. Michael parcheggiò l'auto vicino alla stazione della scuola ed entrarono entrambi. Silk guardò l'orologio e vide che aveva dieci minuti per preparare la sua roba. Tempo più che sufficiente in realtà. Raccolse tutte le sue cose e andò in cabina di pilotaggio. Donny era lì, sorrise mentre lei entrava e le diede il segnale di calma che le diceva che stava per andare in onda. Gli ha dato il segnale di ok e ha posato le sue cose.

Alla fine della canzone, Donny ha acceso il microfono e ci ha parlato con una voce chiara e pulita, "Era un vecchio, ma buono, di Styx. Il prossimo è il tempo con la nostra Amanda White. Questo è Donny Love che saluta per la settimana, il prossimo è la studentessa preferita di tutti, Silky Lang. Ci vediamo tutti qui la prossima settimana alle dieci. Stai bene e fai festa in sicurezza". Donny fece un cenno ad Amanda e spense il microfono. Poi si voltò verso di lei e sorrise mentre toglieva le cuffie da un orecchio. "Come vanno i trucchi, tesoro?" Chiese.

"Bene", gli disse. "Sei pronto a cambiare?"

"Solo un secondo, lascia che installi questi carrelli e ti cambio", le disse mentre preparava i sei carrelli che assomigliavano ai vecchi nastri a otto tracce, che avrebbero trasmesso gli spot pubblicitari. Sono stati progettati per suonare uno dopo l'altro quando impostati. Duravano dai trenta ai sessanta secondi. Questo ha dato loro il tempo di cambiare posto senza aria morta. L'aria morta era un grande no-no. Potresti essere multato o addirittura licenziato per aria morta. Dopo averli sistemati, ha aspettato che Amanda finisse con il tempo e gli segnalasse. Al segnale, ha iniziato il primo posto; gli altri giocherebbero in secessione. Poi si tolse gli auricolari e raccolse il resto delle sue cose e si mosse permettendole di cambiargli posto.

Per prima cosa ha messo gli auricolari, il che le ha permesso di ascoltare lo spettacolo vero e proprio che stava andando in onda. Lo staccò da un orecchio proprio come aveva fatto Donny. A questo punto erano al secondo posto, un annuncio per un rivenditore di auto usate che prometteva ottimi prezzi per gli studenti. Ha afferrato il carrello che aveva il punto di identificazione della stazione che diceva agli ascoltatori che lei era la prossima su di esso e lo ha posizionato accanto alla macchina del carrello. Ha poi messo la sua lista sul tavolo vicino alla tavola armonica e ha iniziato a prendere alcuni CD dallo scaffale per le prossime canzoni che avrebbe suonato. Ha inserito il primo CD che avrebbe suonato e l'ha impostato sulla traccia che voleva. A questo punto il terzo carrello aveva suonato e quindi ha rimosso il primo carrello e ha inserito la sua identificazione della stazione. Quindi doveva solo aspettare che l'ultimo spot venisse riprodotto e poi avrebbe iniziato il suo spettacolo. Detto questo, si voltò di nuovo verso Donny, che stava rilevando le letture dall'apparecchiatura. Voleva conoscere l'attrezzatura oltre a essere un DJ, quindi Michael gli ha fatto trascorrere due ore in più ogni giorno a lavorare con l'altra roba che è stata usata per mettere in onda un programma radiofonico.

"Come stai oggi, Mr. Love", ha scherzato. Tutti adoravano il soprannome di Donny.

"Sarei meglio se uscissi con me, signorina Lang", le disse usando il suo soprannome.

Lei rise e gli disse: "Sogna Donny, ragazzo, te l'avevo detto che non esco con i DJ, con molta gelosia professionale".

"Ancora una volta abbattuta, sei una cattiva signora Silk", le disse cercando di essere seria. Finite le sue letture, raccolse lo zaino e la bottiglia d'acqua, preparandosi a partire le disse: "Andrò a leccarmi le ferite di nuovo, in privato". Stava facendo il broncio mentre lasciava il ponte di volo.

Con una risata, si voltò di nuovo verso la tavola armonica e ascoltò mentre il quinto posto stava finendo e il sesto e ultimo iniziò. Si è preparata per altre quattro ore di spettacolo dal vivo. Si sentiva sempre nervosa per i primi minuti. Ascoltò e si preparò a premere il pulsante che l'avrebbe annunciata al mondo in ascolto.

Storie simili

Una ragazza di nome Areola Parte 06

Una ragazza di nome Areola e sua sorella di nome Beaver di Vanessa Evans Come al solito, è meglio leggere le parti precedenti prima di questa. Parte 06 Pigiama party da Jade Non avevamo idea di cosa avremmo fatto mentre eravamo lì, o cosa avremmo dovuto indossare, quindi abbiamo buttato una varietà di vestiti e altre cose in una piccola valigia e l'abbiamo messa in macchina. Poi abbiamo passato un'oretta in bagno facendoci apparire al meglio e sfogando un po' di eccitazione in ognuno di noi. Abbiamo indossato una gonna e una canotta, le gonne erano minigonne, non micro-mini, e le...

324 I più visti

Likes 0

The Futa Fairy - Futa Doctor's Hot Wish Capitolo 1: Futa Desire della dottoressa Rita

La Fata Futa - Il caldo desiderio del dottore Futa Capitolo uno: Il desiderio futa della dottoressa Rita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 Era passato un mese da quella fatidica mattina in cui imparai qualcosa di impossibile. Qualcosa di straordinario. Qualcosa che mi faceva bagnare la figa quasi ogni mattina quando sprofondavo nel sonno durante il giorno. Sì, il giorno. Ho fatto il turno di notte al St. Claire's Hospital. Un mese fa, ero stato fermato dal poliziotto futa, l'agente Cindy. Il solo pensiero di quella futa prepotente ha reso la mia figa così bagnata. Rabbrividii nel mio camice...

160 I più visti

Likes 0

La moglie di Rick parte 5 di 6

La storia del mio amico La moglie di Rick 5 (5 di 6) La scena: Bendata, ero in ginocchio sul soggiorno pavimento, le ginocchia divaricate, l'inguine stretto contro il sedere di Linda, la mia moglie, anche lei inginocchiata e seduta sui talloni. Linda, dentro volta, era inginocchiato tra le gambe tese di William, che seduto sul nostro divanetto. Ora, immagina questo: io, il signor eterosessuale, mi stavo sporgendo in avanti con le braccia intorno a mia moglie. La mia mano sinistra era posta su quella di Linda mano sinistra che strizzava e massaggiava le palle di William. Il mio diritto la...

225 I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

446 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

386 I più visti

Likes 0

Moglie violentata in Sudafrica

Mia moglie Elaine ed io abbiamo fatto una vacanza in Sudafrica l'anno scorso e abbiamo deciso di provare a vedere quanto più possibile del paese. Abbiamo volato a Johannesburg e abbiamo trascorso un paio di giorni a guardarci intorno. Abbiamo ricevuto molti avvertimenti sui pericoli della città, capitale mondiale degli omicidi, e abbiamo preso taxi ovunque. Le township sono state un vero shock culturale ma con una guida e stando nei trasporti, non abbiamo avuto problemi. Abbiamo viaggiato a Port Elizabeth e abbiamo affittato un bungalow, era bellissimo. Ci siamo rilassati e probabilmente eravamo meno consapevoli di ciò che ci circondava...

415 I più visti

Likes 0

Dal negozio di alimentari a f

Ho guardato l'incredibile seduttrice da dietro pensando a tutte le cose sporche che le avrei fatto se ne avessi avuto la possibilità, che era esattamente come lo volevo. L'ho seguita da lontano e ho continuato a fare acquisti, o in questo momento per lo più facendo finta di farlo. Ero così perso nel corpo della ragazza adolescente di fronte a me che lo shopping per quello per cui ero venuto non sarebbe successo a causa della mia immaginazione iperattiva. Il fatto che il mio cazzo fosse duro come una roccia non aiutava, specialmente nei jeans attillati che indossavo. Speravo davvero che...

387 I più visti

Likes 0

Delizia del taglio

Frank si asciugò il sudore dalla fronte con il dorso del guanto e continuò a potare le rose di Seymour. Erano le 12:45 e, come un orologio, sentì Dee e la sua amica Tanya vagare nel giardino sul retro. Sbirciò da dietro i fiori e li vide camminare a piedi nudi verso il gazebo con un pranzo al sacco. Dee indossava il suo consueto abito leggero con stampa floreale. Il suo sorriso luminoso e i capelli dorati di seta di mais le davano una bellezza simile a una dea. Il suo vestito le abbracciava i fianchi e metteva in risalto le...

286 I più visti

Likes 0

Le conseguenze 5

Jim stava camminando avanti e indietro per un'ora, dopo aver distrutto la loro flotta d'invasione, erano partiti dopo il unica nave rimasta della flotta Krang. Mary e Amber lo avevano osservato per quasi tutto il tempo Jim se non lo fai Siediti, ti farò fuori di testa, non posso sopportare molto di più del tuo ritmo,” Mary quasi ringhiò. Jim si sedette rapidamente sulla sedia di comando cercando di non guardare Mary, scusa Mary, odio questa attesa, è vero niente a portata di mano su cui non fare nulla su cui lavorare, sai che odio essere inattivo. Mi rendo conto che...

153 I più visti

Likes 0

White Lucy, Dark Meat ch.1

Introduzione “Shhhh…. Shhhh. sibilò Chris, interrompendomi. Tieni la testa bassa... non guardare in alto... ti vedranno. La mia reazione istantanea, ovviamente, è stata quella di guardare dritto in alto. Fu allora che li vidi. Due neri, alti e robusti, che stavano tagliando la radura erbosa, dritti nella nostra direzione. Non so chi sia stato davvero più sorpreso, Chris o me stesso. Negli 8 mesi in cui siamo venuti qui abbiamo visto forse 3 persone tutte. Our Spot, come eravamo venuti a chiamarlo, era una vecchia riserva abbandonata e ricoperta di vegetazione, in riva al lago. Il nostro posto segreto Era accessibile...

144 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.