Island Royale: Il Rapporto (Capitolo Sette)

629Report
Island Royale: Il Rapporto (Capitolo Sette)

Capitolo sette
____________________________



Cynthia mi aveva incoraggiato a tornare all'asilo e ad assistere nel "tutoraggio" di un particolare gruppo di ragazze che solo di recente avevano sottoposto per la prima volta alla manutenzione dei genitali maschili. Su suo suggerimento ho saltato la colazione la mattina successiva, ansioso di non essere troppo tardi per iscrivermi a un'opportunità mattutina di visitare questa lezione, e sono passato direttamente dalla mia suite alla reception al piano principale.

La possibilità di partecipare all'addestramento di alcune delle più giovani schiave sessuali studentesche di Island Royale sembrava essere stata ancora più apprezzata tra gli ospiti rispetto alla mia visita precedente, perché, sebbene fossi arrivato abbastanza presto, un certo numero di uomini, ciascuno vestito con abiti leggeri, vesti blu o bianche, si erano già radunati nell'atrio per offrire volontariamente il loro tempo nell'istruzione dei giovani affidati a Cynthia. Ho aspettato con gli altri finché un giovane, armato di portablocco, ha confermato che tutti i volontari erano arrivati ​​e potevano essere scortati attraverso l'hotel e sul retro. Salimmo sul treno in attesa di passeggini aperti per il breve viaggio attraverso il campo da gioco e presto ci trovammo davanti a una porta aperta che conduceva alla Nursery.

Scoprii che non tutto il nostro entourage sarebbe andato a trovare queste giovanissime ragazze e al nostro arrivo fummo divisi in tre gruppi. Un assistente amministrativo maschio ha guidato il mio gruppo oltre l'aula che avevo visitato in precedenza e siamo entrati in un'altra stanza arredata in modo simile. Quattordici ragazzine asiatiche nude e ridacchianti sedevano alle loro scrivanie mentre noi entravamo e prendevamo posto, e un uomo dall'aspetto severo stava in piedi a osservarle in silenzio da dietro la sua scrivania nella parte anteriore della stanza. Una volta che ci siamo sistemati, ha incoraggiato i suoi alunni ad esprimere il loro apprezzamento per il nostro aiuto durante la lezione e poi ha incaricato le ragazze di assumere le posizioni richieste davanti a noi.

Una timida ragazzina giapponese di nome Hiroko si avvicinò timidamente a me stringendo un piccolo asciugamano bianco al petto. La bambina non era particolarmente attraente, ma i suoi dolci occhi scuri e i corti capelli neri, uniti alla carnagione pallida e al comportamento timido, le davano un aspetto teneramente fragile mentre stava davanti a me, lanciando timidamente i suoi occhi avanti e indietro tra il mio viso e l'inguine. .

Al segnale dell’istruttore, la bambina si inginocchiò davanti a me, sistemò con cura l’asciugamano al suo fianco e poi cominciò ad aprire la mia vestaglia. Sono rimasto affascinato dalla sua goffaggine nel togliere il mio pene dall'indumento e l'ho aiutata a espormi. Il mio cazzo era flaccido ma si muoveva al tocco delle sue piccole dita, e mentre lei accarezzava con cautela la punta del mio cazzo potevo sentire che cominciavo notevolmente a gonfiarmi e indurirmi. Ben presto il suo dolce accarezzare la mia asta mi fece erigere completamente e mi fece venire voglia di azione.

Fatta eccezione per un bacio occasionale sulla punta del mio cazzo, la ragazzina non ha fatto alcuno sforzo per servirmi oralmente ma ha invece usato la sua mano destra per accarezzarmi metodicamente il cazzo. Ho sorriso con piacere mentre mi massaggiava l'organo, con la lingua che usciva dalla bocca in concentrazione concentrata, apparentemente ignara di tutto tranne che del compito che aveva davanti. Ad un certo punto il suo pompaggio è diventato un po' intenso e mi sono abbassato, l'ho presa delicatamente per il polso e ho rallentato la sua azione. Lei mi guardò, il suo volto pieno di preoccupazione, ma io ricambiai il sorriso e, sollevata, lei tornò al suo lavoro manuale.

Ero sulla buona strada verso il climax quando la ragazzina accelerò di nuovo il ritmo delle sue bracciate. Lei lasciò la presa sui miei testicoli e mi asciugò la punta del cazzo con il palmo della mano, portandomi ancora più vicino all'orgasmo.

Adesso mi stava accarezzando il membro con entrambe le mani, e quando ha baciato la parte inferiore del mio cazzo sapevo che non potevo trattenermi più a lungo. Esplosi, lanciando nell'aria una densa scarica di sperma che si inarcò e si posò sulla testa della bambina. Hiroko inclinò rapidamente il mio cazzo verso di lei e i miei colpi successivi le schizzarono sul mento e sul petto nudo mentre fissava affascinata la mia virilità gonfia ed in eruzione.

Il mio ultimo scatto è sfuggito a malapena al mio cazzo e si è formato una schiuma mentre la ragazzina, con le sue piccole mani ora scivolose di sperma, continuava a masturbarmi. Ho cominciato a perdere l'erezione ma la ragazza ha continuato a massaggiarmi il membro finché non ho fatto scivolare la mano verso il basso e l'ho presa di nuovo delicatamente per il polso, facendole cenno di lasciarmi. Mi pulì l'inguine con il suo asciugamano umido, ora leggermente fresco al tatto, prima di usarlo per asciugarsi lo sperma dal viso, dal petto e dalla testa. Poi mi baciò di nuovo la punta del cazzo e, incrociando le gambe, si sedette per terra ai miei piedi. Il suo piccolo ornamento rosso si trascinò sotto di lei mentre si sistemava, e lei ci giocò casualmente mentre fissava il mio pene semiflaccido.

Da ogni lato potevo vedere alcune delle altre ragazzine ancora impegnate a masturbare i loro visitatori mentre il resto degli studenti, come Hiroko, sedevano in silenzio davanti ai loro "insegnanti", aspettando pazientemente ulteriori ordini. Nel giro di pochi minuti gli Ospiti rimanenti raggiunsero l'orgasmo e l'istruttore disse ai bambini che potevano prendere posto.

“Ora, ragazze”, ha intonato mentre si alzavano, “non dimentichiamo di ringraziare i nostri Ospiti per il loro aiuto”. All’unisono i più piccoli hanno risposto: “Grazie, Maestro!”



* * * * * * * *


Era metà mattinata quando tornai dall'asilo. La colazione era ancora a mia disposizione nella sala da pranzo, ma nonostante non avessi mangiato dalla sera prima, non avevo ancora molta fame.

Né mi sentivo eccitato. Ci aveva pensato la piccola Hiroko.

Così mi sono ritrovato qui, a vagare senza meta per l'ampia distesa dell'Island Royale Compound e a sentirmi... annoiato! Sono rimasto lì per un po' mentre alcuni ospiti vestiti con pantaloncini da jogging giocavano a pallavolo sulla sabbia con un certo numero di schiave del sesso a seno nudo, ma presto mi sono stancato di guardare le tette delle ragazze che si agitavano selvaggiamente mentre si manovravano sotto la palla. Una settimana prima non avrei creduto possibile per me – per qualsiasi uomo normale, del resto – essere circondato da bellissime donne nude, ognuna dedita a fornire il piacere supremo, eppure ancora priva di interesse per il sesso.

Sorprendente.

Mi sono ricordato che, sebbene l'Island Royale fosse prima di tutto un sex Palace, la direzione forniva anche altri servizi comunemente associati ai villaggi di vacanza più "tradizionali", e mi è venuto in mente che durante il mio soggiorno non mi ero avvalso di molti di questi altri servizi. Ho deciso quindi di visitare la spa per un drink o due e un massaggio.

Vestito ancora con la mia ampia vestaglia bianca lunga fino alle caviglie, mi avventurai attorno al confine sud dell'hotel e lungo il sentiero tortuoso di cemento che conduceva alla Clubhouse. Entrando nell'edificio ho notato che la maggior parte degli avventori sparsi nella lounge erano vestiti in modo simile, e ho ordinato casualmente un Bloody Mary a uno degli addetti in topless prima di sedermi al bar.

Il posto non era per niente affollato, ma mentre mi sedevo due uomini di mezza età con racchette da tennis, ciascuno vestito con pantaloncini e maglietta a maniche corte, entrarono di lato e caddero sugli sgabelli del bar immediatamente alla mia sinistra. Entrambi parlavano in francese, ma col tempo mi unii alla conversazione e loro passarono cortesemente a un inglese impeccabile a mio vantaggio. Ci siamo scambiati alcuni innocui convenevoli e alcuni aneddoti sulle nostre recenti conquiste sessuali, e col tempo abbiamo gravitato attorno a un tavolo dove, mentre l'alcol scorreva, le nostre discussioni sono diventate molto più aperte e sincere.

I signori, appresi, erano entrambi industriali europei estremamente ricchi – uno francese, l’altro belga – e si erano conosciuti diversi anni prima durante una precedente visita alla località. Sebbene mantenessero contatti minimi tra loro "a casa", come risultato dell'amicizia che avevano sviluppato mentre erano al resort, da allora avevano programmato reciprocamente le loro visite periodiche all'Isola Royale. Mi hanno chiesto cosa facevo per vivere; Naturalmente non potevo dire loro che ero un giornalista che faceva ricerche sul business della schiavitù dei bianchi e li lasciavo semplicemente con l’indefinita impressione che fossi in qualche modo associato al “business delle comunicazioni”.

Entrambi gli uomini erano arrivati ​​con la navetta del mercoledì pomeriggio, e scherzando ho commentato che sembravano essere diventati un po' "stanchi" del resort, dato che avevano già rinunciato ad alcune delle attrazioni più deliziose a loro disposizione sull'isola e avevano ha optato invece per giocare a tennis. Entrambi risero di gusto e Maurice si appoggiò allo schienale della sedia. "Questa è ovviamente la tua prima visita qui", ha risposto. “Dopo un po’ imparerai che devi camminare con te stesso. Altrimenti ti brucerai!” Ho riso e scosso la testa, ma in privato ho capito che probabilmente aveva ragione.

Il francese Pierre era stato ospite del resort due volte prima della prima visita di Maurice. Dopo aver completato con successo un progetto di costruzione multimiliardario – rimase piuttosto sul vago sia riguardo alla natura del progetto che all’ubicazione specifica del cantiere in Medio Oriente – Pierre era stato tranquillamente informato dal suo ospite locale dell’esistenza di Island Royale . Mi confessò che inizialmente aveva liquidato la descrizione del resort come niente più che una storia inverosimile, ma poche settimane dopo il suo ritorno nel suo ufficio a Parigi venne a sapere che la direzione era stata contattata e che il francese era stato nominato per unirsi a lui. il "cerchio speciale" dei clienti dell'Island Royale. Ancora incerto su cosa pensare di questa offerta del tutto insolita, contattò il suo socio d'affari del Medio Oriente e, su sua sollecitazione, accettò di accompagnarlo al resort. Da allora, Pierre è diventato un visitatore abituale.

Maurice aveva saputo del resort in modo molto diverso. Ricordava con un sorriso il giorno in cui lo sconosciuto basso e tarchiato con un forte accento russo aveva visitato il suo ufficio vicino a Bruxelles, insistendo ostinatamente a parlare in privato con l'industriale nonostante il suo categorico rifiuto di rivelare in anticipo alla segretaria agli appuntamenti la natura dei suoi affari. Maurice ha detto che inizialmente aveva cercato di congedare l'uomo dal cappotto sporco, ma poiché era chiaro che il russo non avrebbe ricevuto un rifiuto, gli ha concesso un po' di tempo nel tardo pomeriggio. Una volta nell’ufficio privato di Maurice, il russo non identificato – forse Alexis, che avevo incontrato prima, mi chiesi – “ha raccontato una storia davvero straordinaria”, come ha detto il belga. Divertito, ma ancora piuttosto incuriosito, dalla descrizione del resort fatta dallo sconosciuto, Maurice mi ha detto di aver accettato educatamente l’invito del russo a visitare l’Isola Royale, di aver scortato il visitatore dal suo ufficio e di essersi diretto a casa. Non aveva pensato più a quell'incontro, disse, fino a quando, pochi giorni dopo, un corriere privato gli consegnò una busta sigillata che conteneva una lettera contenente ulteriori istruzioni e il nome di un socio d'affari fidato che Maurice fu incoraggiato a chiamare per confermare l'accaduto. legittimità dell'invito. Maurice ha detto di aver fatto immediatamente quella chiamata e, "Bene, il resto è storia", ha concluso con un sorriso robusto.

I signori mi hanno poi invitato a raccontare loro come ero venuto a conoscenza dell'esistenza del resort. Naturalmente non potevo dire loro la verità, così ho semplicemente informato che avevo ricevuto una visita abbastanza simile a quella descritta da Maurice, anche se – per rendere la mia storia un po' più plausibile – ho ricordato il mio recente visitatore al Cairo e ho identificato il messaggero come britannico anziché russo. Entrambi gli uomini sembravano ansiosi di sapere se avevo trovato l'Island Royale come tutto ciò che avevo immaginato, ed entrambi sembravano trarre grande soddisfazione dalle mie assicurazioni che ero davvero piuttosto soddisfatto della mia "scoperta" del resort. In retrospettiva, penso che i due europei avrebbero potuto cercare rassicurazioni con tatto sul fatto che la natura clandestina della località sessuale sarebbe rimasta per me un segreto gelosamente custodito, ma all'epoca attribuivo alle nostre discussioni nient'altro che le gentili reminiscenze di altri viaggiatori in vacanza. .

In tutto abbiamo trascorso alcune ore molto piacevoli durante il pranzo prima che Pierre annunciasse che avrebbe prenotato una delle suite "a tema" per le quattro e che sarebbe andato "nel Vecchio West" dopo una doccia. Anche Maurice si alzò, indicando vagamente che anche lui sarebbe tornato nei suoi alloggi per un bagno caldo e "qualche intrattenimento femminile", e ci separammo. La Clubhouse stava cominciando a riempirsi di ospiti che completavano le loro partite di golf e io mi sono recato alla spa per ricevere ulteriore attenzione dalla massaggiatrice argentina in topless che stava lì ad aspettare vicino alla porta. Ho pensato che mi sarei seduta un po' nel bagno turco, poi mi sarei fatta un bel massaggio e magari una sega prima di tornare in camera mia per un pisolino. Dopotutto, dovevo tornare alla Graduate School alle 22:45 quella sera e scopare di nuovo Alyssa, quindi volevo essere completamente riposato per la sua "lezione".

Questa volta, ho pensato, avrei dovuto provare a montarla alla "pecorina" e ho sorriso tra me e me in attesa.



* * * * * * * *


Sabato mattina era arrivato troppo presto per quanto mi riguardava.

Mi sono svegliato e ho trovato la mia avvenente compagna di letto norvegese di quindici anni addormentata al mio fianco e il mio piccolo sex toy di otto anni, anch'egli nudo ovviamente, rannicchiato vicino ai miei piedi. Ho abbassato scherzosamente il lenzuolo, rivelando il giovane seno sodo della bionda, prima di alzarmi per andare in bagno. Quando tornai, Nicole si era già svegliata ed era seduta sul letto, con i suoi capezzoli rosa che spuntavano da sotto i lunghi capelli scandinavi color lino. Stava sorridendo, offrendomi con entusiasmo il suo corpo, mentre Jennifer rimaneva profondamente addormentata ai piedi del letto e ignara del mondo.

Avevo acquistato l'adorabile Nicole la sera prima tardi dopo la mia "lezione" con Alyssa e avevo deciso di trattenerla per la notte per il mio divertimento. L'avevo vista per la prima volta mentre giaceva su un fianco nell'erba vicino alla piscina, succhiando metodicamente il cazzo di un enorme europeo peloso, ma l'avevo persa di vista sotto la sua enorme veste quando lui l'ha spinta bruscamente a terra e si è rotolata sopra. per montarla. Ricordo di essermi chiesto brevemente se sarebbe rimasta schiacciata sotto il peso di quest'uomo incredibilmente grande, e i miei pensieri si erano rivolti più alla pietà per la giovane donna mentre immaginavo quanto a disagio doveva essere stata bloccata sotto di lui mentre lui la scopava.

Per fortuna, l'Uomo Elefante non rimase sopra di lei a lungo. Con un paio di grugniti raggiunse l'orgasmo e rotolò via, lasciando la giovane ragazza senza fiato al suo fianco. Rimase immobile, con le gambe spalancate e la sua figa bagnata perfettamente liscia che brillava nella morbida luce a bordo piscina, mentre il suo padrone transitorio si distendeva sull'erba.

Passarono ancora diversi minuti prima che il volgare Neanderthal si muovesse di nuovo. Facendo scivolare rudemente la sua grossa zampa sul ventre, si mosse verso l'alto e cominciò a spremere i piccoli seni della giovane donna, impastandoli come pasta di pane, torcendole e tirandole i capezzoli mentre la povera ragazza sussultava in un silenzioso disagio. Ma presto si stancò di questa attività e, borbottando qualcosa alla ragazza che non riuscivo a capire, lei annuì e si alzò, si strofinò la figa gonfia e poi si diresse verso il Boudoir stringendo i suoi teneri seni tra le mani.

L'ho seguito e abbiamo raggiunto contemporaneamente l'ingresso del Boudoir. “Mi dispiace, Maestro”, disse educatamente, “ma sono ancora in seduta. Per favore, permettimi di servirti più tardi. "Aspetterò", ho risposto, e lei ha sorriso.

Ho seguito Nicole nel Boudoir e mi sono seduto di fronte al suo box doccia per studiare il suo corpo mentre si puliva. Era una ragazza affascinante e attraente, con lunghi capelli biondi e scintillanti occhi azzurri. I suoi fianchi erano piuttosto sottili e mostrava un culetto rotondo meravigliosamente stretto. Stando a soli 5'6'' circa, le sue gambe e cosce sottili presentavano un pacchetto davvero delizioso.

Nicole si accorse che la stavo osservando e si voltò per permettermi una visione migliore del suo viso e del suo corpo nudo. Eravamo soli nella stanza e volevo togliermi la toga ed entrare nella doccia con lei, ma ricordai a me stesso che tecnicamente era ancora "in seduta" e non sarebbe stata a mia disposizione finché non avesse finito i suoi preparativi.

Ha preso un pezzo di tubo appeso al muro e, a mio beneficio, è rimasta di fronte a me in modo che potessi guardarla mentre si lavava la figa. Allargò le gambe e si accovacciò un po' mentre inserisce leggermente la testa dell'ugello nella sua vagina, e l'acqua sgorgò dalla sua piccola fica calva e stretta e scorreva giù tra le sue gambe. Nicole tirò fuori l'ugello dalla sua fica, un getto d'acqua usciva ancora dalla punta, e lo tenne mentre si passava ripetutamente le mani sulle labbra della vulva. Aprendo le labbra con le dita, si accovacciò di nuovo leggermente e immerse di nuovo la testa dell'ugello nella figa, e di nuovo l'acqua scorreva dalla sua femminilità. Ha ripetuto questo processo più volte, ovviamente divertendosi mentre l'acqua le scorreva sul clitoride e penetrava in profondità nella sua vagina, prima di concludere finalmente la doccia.

Le ho consegnato un asciugamano; lei lo accettò con un sorriso e insieme entrammo in silenzio nella stanza accanto. Dall'altra parte, la rossa con grandi seni lentigginosi che avevo visto correre davanti a me nel Complesso il pomeriggio precedente sedeva con calma spazzolandosi i capelli sotto un'enorme asciugatrice a cupola, ma la donna nuda finì presto e se ne andò poco dopo che Nicole si era seduta su una sedia lì sotto. un altro asciugacapelli, e ancora una volta io e la ragazza eravamo soli. L'adorabile giovane bionda sedeva spazzolandosi i capelli mentre la macchina ruggiva, osservandomi mentre io la guardavo. Nicole doveva sapere che mi stavo eccitando e ha aperto le cosce per permettermi una visione chiara della sua bellissima figa pelata.

Dopo aver passato il tempo sotto l'asciugacapelli, Nicole si alzò e si voltò verso la parete a specchio per applicare mascara e rossetto freschi. Mentre si sporgeva dal bancone, fissavo il suo culetto rotondo e sodo e le labbra sottili del suo genere esposto, e quando siamo migrati nel camerino mi sono ritrovata ad accarezzare ripetutamente la parte anteriore della mia vestaglia. Eravamo entrambi ancora soli – a quell’ora non era in servizio nemmeno un addetto all’“assegnazione dei vestiti” – ed era molto tranquillo. Nicole gettò il suo asciugamano in una cesta, si avvicinò a dove ero seduto e mi mise il braccio sulla spalla, con la sua figa liscia e calva a pochi centimetri dal mio viso. Ho fatto scivolare due dita nei recessi morbidi e umidi della sua femminilità e l'ho scopata con le dita; chiuse gli occhi e fece le fusa silenziosamente. Nicole era ora pronta per la seduta successiva e insieme ci siamo diretti in silenzio verso la mia stanza per la notte. La brezza di mezzanotte era fresca e mentre camminavamo Nicole incrociò le braccia per fornire un po' di calore al suo corpo nudo. Anch'io le misi un braccio attorno e giocai con i suoi capezzoli maturi che si erano induriti deliziosamente nell'aria fredda della notte.

Ero ben consapevole che avrei lasciato l'Isola Royale la mattina successiva e avevo quindi deciso di rendere la mia ultima notte al resort davvero memorabile. Mentre attraversavamo l'ingresso principale ho notato un'adorabile giovane ragazza caucasica con i capelli castano chiaro, di non più di otto anni, in un sonno profondo mentre giaceva distesa su uno dei tanti grandi divani che punteggiano la hall dell'hotel. La bambina indossava un vestito da sole rosa con volant, ma mentre dormiva il suo indumento le era salito fino alla vita, esponendo la sua piccola fessura morbida e priva di peli e l'ornamento di ciliegia rosso vivo appoggiato comodamente sulla parte superiore della coscia. Per capriccio, ho guidato la giovane donna verso questa deliziosa creaturina e mentre Nicole era al mio fianco ho risvegliato l'affascinante piccola bella addormentata prepuberale.

La bambina si svegliò di soprassalto e si strofinò gli occhi. Mi è sembrata sinceramente grata per l'opportunità di abbandonare il suo divano in favore di un vero letto per la notte, e Nicole ha sorriso con approvazione per la mia decisione di includere la giovane donna nel nostro imminente appuntamento. Insieme attraversammo il corridoio deserto e entrammo in un ascensore. Mentre la cabina saliva, la bambina fece scivolare silenziosamente la sua piccola mano sotto la mia vestaglia e cominciò ad accarezzarmi dolcemente il pene, ma abbandonò il suo tocco quando arrivammo al quinto piano. Ben presto stavo guidando il nostro ménage á trois nella Suite 516.

Nicole, che ovviamente era già nuda, si trasferì direttamente nel mio letto mentre aiutavo la ragazza più giovane a togliersi il suo modesto indumento. Mentre stava davanti a me, con la testa appena più alta del mio inguine, lessi il nome visualizzato sul suo amuleto.

"Bene, Jennifer", dissi dolcemente, "benvenuta nella mia stanza". Il bambino era raggiante di gioia. "Grazie, Maestro", rispose e piegò con cura il vestito sullo schienale di una sedia. Dalla sua voce la presi come americana – o almeno canadese – poiché le mancava il caratteristico accento europeo che mi aspettavo dalle giovani schiave sessuali caucasiche dell'Isola Royale. Mi chiedevo come fosse arrivata al resort. Rapito? Venduto forse da un “amico di famiglia fidato”? Non mi importava. Tutto ciò che contava era che lei fosse lì, con Nicole, per regalarmi un'ultima notte di supremo piacere carnale.

La piccola Jennifer è strisciata sul mio letto e si è seduta a gambe incrociate alla sinistra di Nicole, in attesa delle mie istruzioni. A questo punto Nicole era scivolata sotto le lenzuola e giaceva appoggiata alla testiera, con i suoi giovani seni sodi completamente esposti alla vista. I miei occhi scattavano avanti e indietro tra i gloriosi globi gemelli di Nicole e la dolce innocenza della piccola figa pelata di Jennifer mentre entrambe le donne mi fissavano intensamente, cercando consigli su come desideravo che mi facessero piacere.

Con nonchalance ho aperto la vestaglia, rivelando alle due ragazze nude il mio pene completamente eretto. Gettando i miei vestiti sul pavimento, sono strisciato nel letto e mi sono posizionato sulla schiena, incastrato tra i miei due partner sessuali invitati, curioso di scoprire quale delle adorabili signorine avrebbe tentato il primo assalto alla mia virilità.

La piccola Jennifer ha fatto la prima mossa, strisciando giù per prendere la mia asta in mano mentre iniziava a leccarmi attentamente i testicoli. Nicole si unì poco dopo, baciandomi sul viso e sulle spalle, facendo scivolare i suoi seni sul mio petto mentre avanzava metodicamente lungo il mio addome. Si fermò per leccarmi i capezzoli mentre tirava fuori le gambe da sotto le morbide lenzuola bianche, e io rimasi lì, assorbendo il piacere della sua carezza mentre Jennifer continuava a massaggiarmi le palle con le labbra e la lingua.

Col tempo Nicole raggiunse il mio inguine e lei e Jennifer si impegnarono in una breve battaglia campale per il controllo del mio cazzo. Alla fine Jennifer ebbe la meglio e Nicole si ritirò a cavalcioni sul mio petto, sporgendosi in avanti per permettermi di accarezzare i suoi piccoli seni lisci e i suoi capezzoli rosa e duri, mentre Jennifer rimase sotto per stuzzicare ulteriormente con la lingua il mio pene già gonfio.

Il desiderio di immergere il mio cazzo in profondità nella mia figa stretta e bagnata era ormai diventato travolgente. Ho spostato Nicole sulla destra e mi sono posizionato sopra di lei, senza lasciare alla povera piccola Jennifer niente da infilarle in bocca. Nicole allargò le cosce in attesa e Jennifer, da non escludere, afferrò la mia asta e la guidò con attenzione verso la dolce fica umida di Nicole per la mia penetrazione iniziale. La ragazzina ha continuato a massaggiarmi delicatamente i testicoli con le dita anche mentre iniziavo a picchiare la carne morbida della mia schiava sessuale adolescente.

Potevo sentire che mi stavo avvicinando all'orgasmo, ma volevo prolungare ancora di più il mio godimento. Fermandomi sopra Nicole, mi sono voltato e ho preso Jennifer per la spalla, guidandola verso l'alto per unirsi a noi. Mentre ancora impalavo la giovane donna, ho chiesto alla bambina di allargare le gambe e mettersi a cavalcioni della testa di Nicole e, mettendo le mani a coppa sotto le piccole natiche sode di Jennifer, ho iniziato a leccare intensamente i contorni lisci come la seta delle sue labbra di figa prepuberale proprio mentre riprendevo la mia si spinge nella sorella schiava.

Jennifer strillò di gioia mentre trascinavo ripetutamente la mia lingua sulla sua vulva, tirando delicatamente la sottile catena d'oro che emergeva dal suo sesso, avventurandosi leggermente nelle morbide pieghe interne delle labbra calve inferiori della bambina. La mia lingua ha trovato il suo minuscolo clitoride e l'ho torturato senza pietà, e presto ho assaggiato un liquido dall'odore dolce che colava dalla fica della bambina mentre lei contraeva le cosce in rapide contrazioni orgasmiche.

Con Jennifer così soddisfatta per il momento ho rivolto di nuovo la mia attenzione a Nicole, che rimaneva ancora persa in una trance di piacere sessuale sotto di me. L'ho picchiata ancora più forte, facendo danzare le tette della giovane donna sul suo petto, e dopo diversi altri minuti sono esplosa in una serie massiccia di eiaculazioni, inondando l'interno della sua femminilità con il mio seme. Ero esausto e crollato, senza fiato al suo fianco mentre Jennifer, ancora a cavalcioni della testa di Nicole, mi sorrideva dall'alto.

Ero esausto ma Jennifer ha cercato di darmi ancora ulteriore piacere. Ha spostato agilmente la gamba di lato, è strisciata in ginocchio fino al mio inguine e ha iniziato a leccarmi lentamente il pene. Il mio cazzo si è indurito di nuovo e la ragazzina ha preso la mia asta in bocca mentre Nicole giaceva tranquillamente al mio fianco. Presto ho eiaculato di nuovo e, ormai completamente esausto, mi sono addormentato proprio mentre la ragazzina ingoiava abilmente il mio sperma e riprendeva il suo delicato massaggio con la lingua del mio organo.



* * * * * * * *


La vista della bella Nicole nella luce del sole del primo mattino, che mi invitava con le sue giovani tette sode per l'ennesimo giro di giochi sessuali, era davvero piuttosto allettante, ma proprio mentre raggiungevo il letto il telefono squillò per ricordarmelo con una voce registrata che l'"orario del check-out" era alle 9:00 e che il breve viaggio in autobus per tornare alla pista di atterraggio sarebbe dovuto partire alle dieci. Il nostro volo di ritorno, sottolineava la Voce, sarebbe ripartito puntualmente un'ora dopo.

Ovviamente avevo ben poco da mettere in valigia dato che la maggior parte dei miei bagagli erano rimasti al sicuro nel piccolo aeroporto della Costa Rica. Ho guardato l'orologio e ho pensato che avevo tempo per un altro pompino prima di dover raccogliere appunti e cassette audio per il lungo viaggio verso casa. La mia piccola compagna di letto di otto anni, Jennifer, aveva cominciato ad agitarsi al suono del telefono e, sebbene la bellissima nubile bionda fosse piuttosto seducente, ho scelto invece di farmi succhiare dalla bambina per l'ultima volta all'Island Royale. . Con un bacio ho congedato Nicole, rimandandola al Complesso dove sapevo che sarebbe emersa dal Boudoir per essere senza dubbio reclamata da un altro Ospite in pochi minuti, e ho risvegliato completamente Jennifer dal suo sonno.

La ragazzina si sedette sul letto, ancora mezza addormentata, ma vedendomi accarezzare il mio pene flaccido a pochi centimetri dal suo viso, istintivamente si sporse in avanti e cominciò a fare una Fellatio. L'ho guardata, osservando la sua testa muoversi avanti e indietro sulla mia asta indurita, e in mezzo agli splendidi sentimenti di eccitazione sessuale ho riflettuto su quanto facilmente avevo chiesto a questa bambina di svegliarsi per farmi un pompino - e proprio come Ben addestrata come schiava sessuale, la donna in età prepuberale mi aveva fornito questo servizio senza il minimo accenno di riserva o protesta. Eppure eccomi qui, con le mani sui fianchi, a guardare l'ampia distesa dell'Oceano Pacifico in un glorioso sabato mattina presto, mentre questa ragazzina nuda si accovacciava davanti a me, succhiandomi avidamente il cazzo.

Ondate di piacere emanavano dal mio inguine. Avrei voluto immergere di nuovo il mio cazzo in una piccola figa stretta e mi sono pentito di aver licenziato Nicole in precedenza. Ho controllato di nuovo l'orologio ma ho concluso che non avevo il tempo di convocare un'altra donna nel mio alloggio prima che mi venisse richiesto di presentarmi alla reception, e così sono tornato a guardare dall'alto in basso la ragazza mentre abilmente passava la lingua sulla punta del mio pene.

La piccola Jennifer si era sentita a disagio nel succhiarmi il cazzo nella sua goffa posizione iniziale e si ritirò per adattarsi ad una posizione inginocchiata davanti a me. Presto riprese a scoparmi con la bocca, muovendo ritmicamente la testa e contemporaneamente facendo scorrere la lingua su tutta la mia asta. La sua bocca sembrava troppo piccola per accogliere l'intera lunghezza del mio membro, eppure in qualche modo la giovane donna è riuscita ad accettare l'intero mio cazzo gonfio senza conati di vomito, seppellendo ripetutamente il naso nella fitta foresta riccia dei miei peli pubici con ogni impressionante spinta di La sua testa.

La ragazzina intensificò i suoi sforzi non appena notò il sapore salato del mio pre-sperma. Abbassai lo sguardo e la vidi masturbarsi, strofinando la sua piccola mano sulle curve lisce della sua vagina, aprendo le labbra inferiori e facendo scivolare le dita sottili nell'interno morbido e umido del suo sesso. Si stuzzicava scherzosamente il clitoride usando la sottile catena dorata nella fessura, e il suo ornamento rosso ciliegia dondolava febbrilmente tra le sue gambe mentre faceva ripetutamente entrare e uscire le dita dalla sua piccola figa pelata.

La vista della bambina che si serviva di sé mi ha spinto ancora più vicino al mio climax, ma ero determinato a trattenermi il più a lungo possibile dall’implacabile attacco orale di Jennifer alla mia virilità. Sentii però la sua lingua trascinarsi ancora una volta sulla punta del mio pene e non riuscivo più a controllarmi. Jennifer mosse la mano per afferrare la mia asta pulsante e con una spinta del bacino eruttai, riempiendo di sperma la bocca della ragazza. Jennifer era ben preparata per questo e aveva stabilizzato la testa per ricevere il mio eiaculato anche se continuava ad accarezzarmi l'asta. Non fece alcuno sforzo per deglutire e accettò con entusiasmo il mio sperma mentre scaricavo in una serie di spasmi orgasmici.

Ero esausto ma conservavo ancora un'erezione completa, e la ragazzina si inginocchiò tranquillamente davanti a me, la punta del mio cazzo ancora conficcata nella sua bocca mentre mi accarezzava dolcemente l'asta. Quando fu sicura che avessi eiaculato completamente si ritirò e, mentre ancora stringeva il mio pene in mano, inclinò la testa all'indietro, la bocca aperta piena di liquido schiumoso bianco latte, per mostrarmi con orgoglio il volume del mio orgasmo. Mi chinai e le sfiorai teneramente la guancia; Jennifer accettò il mio tocco gentile mentre deglutiva.

La ragazzina rimase in ginocchio davanti a me, accarezzandomi il pene ormai semi-eretto mentre io facevo scorrere le dita tra i suoi morbidi capelli castano chiaro. Sospirai, sapendo che presto avrei lasciato l'Isola Royale per tornare in un mondo in cui fare sesso con una bambina sarebbe severamente vietato. Eppure, in piedi davanti a questa ragazzina nuda di otto anni accovacciata sul bordo del letto mentre mi massaggiava pazientemente il cazzo, sembrava tutto così giusto – così naturale – che le donne di tutte le età prestassero volentieri servizi sessuali su richiesta.

Ho guardato di nuovo il mio piccolo giocattolo. Jennifer sembrava certamente piuttosto contenta della sua esistenza come schiava del sesso. Senza dubbio entro pochi minuti dalla mia partenza sarebbe tornata nel Complesso, aspettando con ansia la sua prossima occasione per succhiare un altro del flusso infinito di Master maschi che avrebbero visitato il resort nei mesi e negli anni a venire. E senza dubbio anche la bambina desiderava il giorno in cui anche lei sarebbe stata abbastanza grande per allargare finalmente le gambe e sfruttare appieno la sua fica per far godere gli uomini.

Avrebbe trascorso la maggior parte della sua vita in questo splendido scenario del Sud Pacifico, pensavo, offrendo allegramente il suo corpo per l'uso e il divertimento di migliaia e migliaia di avventori del resort, beatamente ignari di un mondo oltre l'Isola Royale. Greg had indeed been right after all: Little Jennifer did not perceive herself as a “sexually abused” child; rather, she fully embraced her existence as but a plaything devoted exclusively to providing to men the unique pleasures of her gender.

Storie simili

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2.4K I più visti

Likes 1

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

1.1K I più visti

Likes 0

The Hardwoods: Kevin impara ad amare il cazzo

13-15 LUGLIO 1973: KEVIN IMPARA AD AMARE IL CAZZO Questa storia è raccontata dal punto di vista del tredicenne Kevin Hardwood. Suo fratello diciassettenne lo incastra, il che fa sì che suo padre lo sculacci. Kevin cede alla richiesta di Luke di succhiargli il cazzo in modo che non continui a metterlo nei guai. Era una calda giornata estiva di metà luglio. Mi stavo rinfrescando nel cortile sul retro della piscina di famiglia. Avevo l'intera piscina tutta per me con mio padre al lavoro e mia madre e mia sorella in visita dai vicini. Nuotavo pigramente a dorso intorno alla piscina...

756 I più visti

Likes 0

RWBY - I preferiti dell'insegnante capitolo 1

Aspettatevi errori di grammatica, questa non è la mia lingua madre X-X-X-X-X Le cose sono tranquille alla Beacon Academy, soprattutto nelle camere da letto, anche se in una di esse succede qualcosa che nessuno potrebbe mai immaginare: I corridoi sono vuoti, tutti sono nel cortile oa passeggio per la città. Se qualcuno attraversasse uno di essi, sarebbe sorpreso di sentire suoni strani e piuttosto sospetti. Ora, se qualcuno entra nella stanza da cui proviene il rumore, la sua mascella cade a terra quando vede una scena così incredibile. In uno dei letti, tre corpi si agitano in un intenso atto sessuale...

718 I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania

Mi ha assunto tre settimane fa. Un lavoro per il quale sono grato ma completamente non qualificato. Ma poi io sono giovane e asiatica, e lui è più vecchio e bianco, e nel corso dei miei doveri (e sì, anche nel corso del mio ficcanaso) ho scoperto la metrica del porno sul suo hard- drive con giovani donne asiatiche. Sono ben lungi dall'essere scoraggiato da questo. Voglio dire, non fraintendetemi, non ho alcun desiderio di scopare fino in cima, e sono anche dolorosamente consapevole dell'intero cliché della dinamica di potere tra uomo bianco e ragazza asiatica. Ma togliendo tutto questo dall'equazione...

2K I più visti

Likes 2

Bravado, parte 2

Kevin si svegliò la mattina dopo intontito, sbronzo e duro come una roccia. Debby giaceva accanto a lui nuda, sorridendo e accarezzando il suo piccoletto. Charles non era a letto. Kevin sussurrò, smettila! e ha provato a staccare le mani, ma ha semplicemente stretto e ha continuato a giocare con lui. Kevin sapeva che Charles non era felice che fossero finiti tutti in una cosa a tre la scorsa notte, ma a Debby non sembrava importare. Kevin sentì Charles che girava per la cucina. Kevin guardò Debby negli occhi e gridò: “Charles! Debby non smetterà di giocare con il mio cazzo!...

2.4K I più visti

Likes 0

Sculacciata Amanda

Ho scritto questa storia per la ragazza dei miei desideri. L'ha letto e gli ha dato la sua approvazione. Ho cambiato il nome per proteggere i colpevoli :) È piuttosto breve: non riesco a immaginare di durare a lungo se questo si avverasse. Fatemi sapere cosa ne pensate. ====================================================================================================================================== ======================== Avevo incontrato Amanda 2 anni prima come parte di una chat room online. L'avevo considerata sexy dal momento in cui avevo controllato il suo profilo e non potevo credere alla mia fortuna quando ci ha provato. Eravamo in chat da un po' di tempo, ma alla fine ci siamo incontrati nel...

2.4K I più visti

Likes 0

RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

RASANDO LE GAMBE E LA FIGA DEI MIEI COMPAGNI È puramente immaginario ma basato su un incidente realmente accaduto, ma il personaggio è reale ed è un'ex fidanzata in Thailandia. Spero che la storia ti piaccia. .................................................. .................................................. .......... Tornando a casa un giorno ho trovato la mia coinquilina Tan che stava frugando nell'armadietto del mio bagno. Questa è la storia che seguì. Tan ha 34 anni e io ne avevo quattro in più ed è per questo che andavamo così d'accordo che ci prendevamo cura l'uno dell'altra che spesso sfilava in mutande, tranne quando veniva il suo ragazzo. “Merda Barry...

1.9K I più visti

Likes 0

Sorella divertente (Pt1)_(0)

Andare in discoteca in città non è poi così male dici ai tuoi amici quando continuano a chiederti perché lo fai, Perché lo faccio? ti chiedi per la decima volta mentre tu e tua sorella state sulla piattaforma affollata aspettando il tubo a casa. Entrambe vestite con gonne quasi troppo corte per decenza e top attillati, tua sorella si è sempre lamentata del fatto che non indossi mai un reggiseno, i tuoi seni sodi e larghi e quasi cadono dalla linea del collo del taglio inferiore. 23:00 e non puoi credere a quante persone stanno ancora viaggiando, la vedi saltare e...

1.5K I più visti

Likes 0

Servizio fotografico lesbico

Sono arrivato in hotel con i miei amici. Siamo stati tutti in gita scolastica a Washington D.C. per tre giorni. La nostra scuola lo fa ogni due anni con la seconda e l'ottava classe. Ogni anno l'intera scuola media va al campo insieme, quindi so già com'è passare qualche giorno insieme a queste ragazze. Probabilmente dovrei darti alcuni sfondi. Eravamo in quattro in questa stanza. Eravamo io, Sayre, Mylene, Alana. Andiamo tutti Alana alla stessa scuola privata. Sayre è il più lontano attraverso la pubertà di tutti noi. Ha il seno a coppa C e un culo grosso. È alta 5...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.