Sotto la sua scrivania

725Report
Sotto la sua scrivania

Mi ha assunto tre settimane fa. Un lavoro per il quale sono grato ma completamente non qualificato. Ma poi io sono giovane e asiatica, e lui è più vecchio e bianco, e nel corso dei miei doveri (e sì, anche nel corso del mio ficcanaso) ho scoperto la metrica del porno sul suo hard- drive con giovani donne asiatiche.

Sono ben lungi dall'essere scoraggiato da questo. Voglio dire, non fraintendetemi, non ho alcun desiderio di scopare fino in cima, e sono anche dolorosamente consapevole dell'intero cliché della dinamica di potere tra uomo bianco e ragazza asiatica. Ma togliendo tutto questo dall'equazione, alla fine della giornata, me lo scoperei? Non solo sì, ma diavolo sì.

Se in realtà fosse semplicemente uscito fuori e avesse detto "Ascolta Rachel, il sesso farà parte di questa descrizione del lavoro" sarei stato tipo "Matt me lo prometti?"

Ma non ha chiesto. Ricevo sguardi e pause imbarazzanti, ma nessun invito. Nessun "vuoi prendere una birra più tardi". L'ho visto con le donne e non è timido. Lui sa cosa sta facendo. Sa che aspetto ha, quanto è figo. Non vede nessuno sul serio. Lui mi vuole. Eccomi qui. Quindi cosa dà?

Sono stanco di aspettare.

Quindi sono seduto sotto la sua scrivania. eh. Lo so. Completamente diverso da me, ma fanculo. Voglio succhiarlo. Vuole che glielo succhi. Portiamo questo spettacolo sulla strada amIrite?

L'attesa è già atroce. Sarà qui tra 30 secondi come la macchina che è. Ed eccoli, il suono delle chiavi nella porta esterna. Il cuore mi batte nelle tempie mentre i tacchi delle sue scarpe costose risuonano nel vuoto e cavernoso pavimento dello studio. Inizio a rabbrividire quando la porta dell'ufficio si apre, il suo computer portatile cade sul tavolo sopra di me. La sua playlist di pandora hip-hop in streaming agli altoparlanti. Non si torna indietro ora. Riempie il bollitore, accende il macinacaffè. Lo squittio ridicolmente nostalgico della sua vecchia sedia in pelle OMFG sto per svenire.

La vista dei suoi blue-jeans mentre si siede. La mia mano gli gratta il collo del piede mentre corre in avanti. Si ferma, inclinando la testa verso il basso, il sopracciglio alzato. Lo guardo, le mie labbra si aprono ma non escono parole. Sorride perplesso, tornando indietro con nonchalance.

Ok. Siamo su.

I ragazzi di Beastie gridano mentre faccio scivolare le mani sulla sua cintura. Tirando via la pelle dal polo, il bottone dal foro, la cerniera dall'alto. Tiro fuori quello che cerco, dandogli un colpo. Il suo laptop si apre sulla sua scrivania, è così figo.

Mi metto in posizione, i miei seni sulle sue ginocchia, i miei capelli che cadono sul suo grembo mentre inclino la testa per ingoiarlo. La sua mano scende, spingendomi indietro con disinvoltura. Mi fermo, confuso, e mi rialzo di nuovo, questa volta arrivando al punto di baciare il fondo della sua adorabile erezione.

Mi accarezza il naso. ahi! Il suo dito si sposta sul colletto della mia camicetta. Lo picchietta leggermente. Sorrido, spingendo il petto contro il suo ginocchio mentre gli sbottono la camicetta di seta. Il mio reggiseno contro il suo stinco. Mi fa cenno di andare avanti, un altro bacio al suo cazzo, e mi ferma di nuovo. Toccandomi il reggiseno. Lo apro per lui, baciando anche il suo dito e torno a quello che sto cercando.

Un altro colpo di naso! oh mi fermo. La sua mano. Palmo in attesa. Mi fermo un attimo e poi, comprendendo, mi tolgo la camicetta, porgendogliela. Si apre un cassetto e scompare. Lo bacio di nuovo, di nuovo il suo palmo. Il mio reggiseno segue la mia camicetta nel cassetto della sua scrivania, la lussuria mi sale nella pancia mentre la prende. Sono bloccato qui finché non mi restituisce i vestiti. Così fottutamente caldo.

Mi alzo ancora una volta, i miei seni nudi scivolano contro i suoi jeans ruvidi e incontro il suo dito sulle mie labbra. lo bacio. Si gira e si apre, di nuovo quel palmo esigente. Rimango lì, le mie labbra sulla sua mano, aprendo la cerniera della gonna e scivolando fuori dalle mutande. Li consegno, uno per uno. Nudo sotto la sua scrivania. Il suo giocattolo. Il cassetto si chiude, il piccolo clic che emette mentre lo chiude sembra pericoloso. La finalità della mia resa in quel clic.

Rimango lì, la mia fica che si inumidisce mentre guardo la sua erezione. Sono qui perché ero stanco di aspettare, ma ora aspetto. Le cose sono cambiate. Sono suo adesso. Aspetterò il suo invito.

Il suo pollice si muove pensieroso sulle mie labbra, e poi fa un movimento vorticoso con l'indice. Vuole che mi giri. Obbedisco, ruotando lentamente, nuda nello spazio ristretto, mi siedo sui talloni di fronte a lui, incapace di immaginare dove sta andando.

Per un attimo, sento la punta del suo Salvatore Farragamo contro la nuca, che mi spinge la guancia a terra. Lo stinco dell'altra sua gamba che sfrega tra le mie natiche mentre alzo i fianchi per lui. La mia fica bagnata al suo ginocchio ora, e la mia faccia sorpresa e lussuriosa tra la suola della scarpa e il tappeto. Gesù. Non mi interessa quanto sia cliché questo. Fottimi Matt. Prendi quello che vuoi.

Mi guida tra le sue gambe e sento il suo grosso cazzo appoggiarsi al mio buco del culo mentre le sue dita si muovono su di me. Una mano dall'alto e l'altra avvolta intorno alla mia gamba dal basso. Attacca abilmente le mie labbra e il clitoride e io vengo immediatamente come una scolaretta, grugnendo pesantemente sul tappeto. Ansimando nell'odore di pelle della sua scarpa e in un po' di sporco che è riuscito a sfuggire all'aspirapolvere della squadra di pulizia. Non me ne frega nemmeno un piccolo cazzo.

La sua scarpa sotto il mio mento mentre mi rialza. Mi giro per guardarlo e le sue dita trovano le mie labbra. Mi assaggio su di lui mentre succhio avidamente, e finalmente mi invita a prendere quello che volevo in primo luogo. Lo faccio, ingoiandolo avidamente fino in fondo. Non è l'unico a sapere cosa sta facendo. Mi accarezza il mento e io mi metto al lavoro facendo scorrere le labbra su e giù, fermandomi di tanto in tanto per dare alla testa del suo cazzo l'attenzione che merita.

E poi lo sento, suoni lamentosi inconfondibili dal suo laptop. Sta guardando un porno mentre mi inginocchio nuda sotto la sua scrivania, succhiandogli il cazzo. Ho internamente tutte le reazioni che ti aspetteresti da me, dall'indignazione (come cazzo OSI distogliere la tua attenzione da me) alla gelosia (la troia asiatica che sta guardando farsi scopare sul suo laptop è più carina di ME?!) e mi rendo conto - - il suo cazzo è ancora conficcato nella mia guancia - che se mi spingo indietro e mi alzo indignato, dovrò chiedergli i miei vestiti. Lui lo sa. L'ha pianificato! Vuole che mi alzi nuda e impotente nel suo ufficio e implori i miei vestiti.

Se lo faccio, e lui rifiuta, cosa succede? Lascio il mio nuovo fantastico lavoro e corro verso la mia macchina nuda, sperando che l'equipaggio non si sia ancora fatto vivo? Se mi alzo e lui mi restituisce i vestiti, cosa succede? Faccio il caffè e ripasso con lui il programma di oggi come se niente fosse? Se rimango qui, nudo sotto la sua scrivania, e ingoio la sua sborra come una brava puttanella, allora mi lascia? o mi tiene in ginocchio qui tutto il giorno, rendendosi duro con il porno e poi usando la mia bocca come un giocattolo ogni volta che vuole?

Prima che io faccia la mia scelta, inizia a venirmi in bocca. Cerco di allontanarmi ma la sua presa sui miei capelli è spietata e invece mi ingoia brutalmente in profondità. Questo è esattamente quello che ho immaginato quando mi sono masturbato la scorsa notte pensando a questo momento. Come mi avrebbe tenuto saldamente in posizione, il suo cazzo si è conficcato in profondità nella mia gola mentre pompava il suo carico nel mio stomaco a pistone. Nella mia immaginazione ho ingoiato avidamente per tenere il passo, ma in questo momento, nella vita reale, non ho nemmeno bisogno di ingoiare. È così profondo nel mio esofago che non c'è niente da fare se non inginocchiarsi qui impotente, i miei occhi che lacrimano nella sua presa pungente e che tira i capelli mentre il suo sperma incandescente filtra caldamente dentro di me. Sono il suo manicotto. Quello che sono in questo momento, un sacco di carne nudo, in ginocchio, passivo, in cui lui può venire dentro.. questo è ciò che la parola manica del cazzo è stata inventata per trasmettere.

Sussulto udibilmente mentre mi tira via da lui, e mi fermo, asciugandomi una lacrima dalla guancia, sentendomi stupido, timido e piccolo, incerto su cosa fare dopo. Mi ritraggo mentre si precipita dentro, lasciandomi a malapena lo spazio per inginocchiarsi, e di riflesso gli metto una mano sul ginocchio, come per ricordargli che sono qui.

Un colpetto sul mio naso. oh Il lamentoso e scandaloso lamento delle troie asiatiche continua senza sosta sopra di me. Credo che rimarrò qui per un po'.

Storie simili

La moglie di Rick parte 5 di 6

La storia del mio amico La moglie di Rick 5 (5 di 6) La scena: Bendata, ero in ginocchio sul soggiorno pavimento, le ginocchia divaricate, l'inguine stretto contro il sedere di Linda, la mia moglie, anche lei inginocchiata e seduta sui talloni. Linda, dentro volta, era inginocchiato tra le gambe tese di William, che seduto sul nostro divanetto. Ora, immagina questo: io, il signor eterosessuale, mi stavo sporgendo in avanti con le braccia intorno a mia moglie. La mia mano sinistra era posta su quella di Linda mano sinistra che strizzava e massaggiava le palle di William. Il mio diritto la...

555 I più visti

Likes 0

Delizia del taglio

Frank si asciugò il sudore dalla fronte con il dorso del guanto e continuò a potare le rose di Seymour. Erano le 12:45 e, come un orologio, sentì Dee e la sua amica Tanya vagare nel giardino sul retro. Sbirciò da dietro i fiori e li vide camminare a piedi nudi verso il gazebo con un pranzo al sacco. Dee indossava il suo consueto abito leggero con stampa floreale. Il suo sorriso luminoso e i capelli dorati di seta di mais le davano una bellezza simile a una dea. Il suo vestito le abbracciava i fianchi e metteva in risalto le...

613 I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

624 I più visti

Likes 0

Difenditi

Erano le tre del mattino quando il telefono iniziò a squillare. Ciao? disse John mezzo addormentato. John? Sono io Mary!» Mary era la ragazza di John all'epoca. Che cosa succede? Sai che ore sono? La voce di Mary iniziò a tremare un po'. “È Alessio. Qualcosa è successo. Ovviamente quando si tratta di Alex, la regina del dramma, c'è sempre qualcosa che succede. Alex, tra l'altro, è l'amico intimo di Mary, un'amica transessuale. Mary frequentava sempre delle persone strane, ma se vivi in ​​California, tutti tendono ad essere strani. “Cos'è questa volta? Ha avuto una brutta giornata chi? O qualcuno si...

133 I più visti

Likes 0

Imparare lo stile di vita Pt 4 - Eccitarsi con i tatuaggi

Hanno cambiato la biancheria da letto e Michael si è fatto la doccia e poi si è vestito. Poi Michael ha messo le lenzuola sporche in ammollo nella macchina e poi erano in viaggio. A questo punto, Silk stava morendo di fame. Michael ha preso le chiavi e quindi Silk lo ha lasciato guidare naturalmente. L'ha portata nel suo appartamento per prendere un'altra camicia da indossare poiché all'altra mancavano alcuni bottoni. Ha cambiato il suo vestito e lo ha incontrato di nuovo in macchina. Ha portato loro una tavola calda per camionisti e l'ha guardata in faccia. Fu lieto di notare...

690 I più visti

Likes 0

Professor Gumbert

L'aula era piena di studenti oziosi che scarabocchiano sui loro taccuini mentre il professor Gumbert parlava dei tecnicismi delle basi psicologiche e di come i padri della psicologia aprissero la strada alla migliore comunità di questa generazione. Gumbert indossava occhiali dalla montatura spessa che sembravano attaccarsi al suo naso a punta bombata, le sue grandi mani intrecciate sotto il suo didietro mentre camminava per la stanza. I suoi occhi grigi si posarono sugli studenti con un debole interesse mentre ipotizzava quali avrebbero abbandonato entro la fine del semestre successivo. Molte delle ragazze avevano una notevole quantità di pelle che mostrava contro...

941 I più visti

Likes 0

Le conseguenze 5

Jim stava camminando avanti e indietro per un'ora, dopo aver distrutto la loro flotta d'invasione, erano partiti dopo il unica nave rimasta della flotta Krang. Mary e Amber lo avevano osservato per quasi tutto il tempo Jim se non lo fai Siediti, ti farò fuori di testa, non posso sopportare molto di più del tuo ritmo,” Mary quasi ringhiò. Jim si sedette rapidamente sulla sedia di comando cercando di non guardare Mary, scusa Mary, odio questa attesa, è vero niente a portata di mano su cui non fare nulla su cui lavorare, sai che odio essere inattivo. Mi rendo conto che...

505 I più visti

Likes 0

Il compito erotico di Abby

Frequentavo la scuola media da diversi anni e mi ero fatto la reputazione di sfidare intellettualmente i miei studenti, specialmente nell'area della letteratura drammatica. Molti studenti sono andati in una scuola superiore in tutta la città che era eccezionale. . . anche degno di nota a livello nazionale. Uno di quegli studenti. . . Abby era di gran lunga la mia preferita. Aveva effettivamente trascorso i suoi anni elementari in Canada e l'istruzione che ha ricevuto è stata eccezionale. Nonostante la situazione che sto per descrivere. . . avvenuta quando aveva 14 anni, ho avuto il piacere di averla per tre...

499 I più visti

Likes 0

Giù alla fattoria_(3)

C'è poco sesso in questa storia. La storia parla di sesso ma non entra nei dettagli che molti di voi desiderano. Oltre 17.000 parole; 34 pagine di lunghezza. Non sono un agricoltore né ho mai passato un solo giorno a lavorare in una fattoria. Per favore, non infastidire i dettagli di questa storia e dimmi: Non è così che si fa in una fattoria. Giù in fattoria Edward Johnson era in piedi sul portico anteriore della casa colonica a due piani della sua famiglia e osservava la campagna circostante. I primi raggi di sole avevano appena illuminato i campi di grano...

425 I più visti

Likes 0

Le avventure di Jessica 4!

Le avventure di Jessica 4 Note dell'autore: Ehi gente, questa è la mia quarta storia della serie e non vedo l'ora di ricevere un feedback. Adoro scrivere queste storie, ma sono molto impegnato ora, quindi potrebbe passare un po' di tempo tra le storie. Amo tutti i miei fan e odio i miei non fan, lol, beh, non ti odio davvero, mi chiedo solo perché non ti piacciono le mie storie. Ci sarà incesto in questa storia, e se odi l'incesto, non leggerlo. Questa è la quarta avventura di Jessica nella serie e, in futuro, fai attenzione a un ospite speciale...

844 I più visti

Likes 2

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.