Stupro e tortura delle cheerleader - Capitolo 33

779Report
Stupro e tortura delle cheerleader - Capitolo 33

Stupro e tortura delle cheerleader

di

Semiatro

Capitolo trentatré

-------------------------------------------------- ------

Questa è una storia non consensuale e grezza, e se non è quello che ti interessa, non preoccuparti di leggere. Questo è un lavoro di fantasia, è un'impresa creativa, quindi non preoccuparti di leggere se non stai cercando la scrittura NC.

Mi piace ricevere commenti dalle persone a cui piacciono le mie storie, soprattutto dalle donne, è sempre molto incoraggiante. Le mie informazioni di contatto sono aggiornate con i capitoli precedenti su bdsmlibrary.

-------------------------------------------------- ------

«Allora Mack sa che stiamo arrivando?» Jim bevve un sorso di birra mentre le ragazze ballavano sul palco dietro il bancone; i minuscoli bikini che le ragazze indossavano coprivano a malapena i loro corpi nubili e rotanti mentre i loro riflessi ondeggiavano negli specchi a figura intera dietro di loro, riflettendo tutto, con dettagli luridi e osceni.

"Sì, l'ho chiamato, gli ho detto che dovevo parlargli di Lisa." Ho fatto roteare il bicchiere in mano finché i cubetti di ghiaccio non hanno fatto rumore, raffreddando un po' la tequila prima di berne un sorso.

"Cos'ha detto?" Jim intervenne, senza distogliere lo sguardo dalle ballerine.

"Niente di particolare, ho solo detto di passare e parliamo." Ho sentito il colpetto sulla mia spalla, girandomi ho visto una ragazza lì dietro di me, i suoi ampi seni ondeggiavano mentre stava lì obbediente. I suoi capezzoli erano duri come la roccia e le sue grandi areole erano appena nascoste dal filo interdentale teso sopra le sue enormi tette.

"Mack è pronto per te." Era minuta, ma con i tacchi alti su cui barcollava raggiungeva un'altezza rispettabile. I suoi capelli erano lunghi e svolazzavano dolcemente mentre le persone la sfioravano nel corridoio. Ha reagito a malapena quando i ragazzi le hanno afferrato il culo e le hanno strizzato le tette.

Un brivido attraversò la ragazza quando un ragazzo si allungò e le sfiorò il clitoride. I suoi occhi si chiusero per un istante e gemette piano, aspettando pazientemente che io e Jim finissimo al bar.

"Seguitemi, signori." Era appena udibile nel frastuono del bar e nella musica pulsante e palpitante che riempiva il bar.

"Bel culo!"

"Sì, scommetto che troverà lavoro qui." Jim ridacchiò mentre ci facevamo strada tra la folla di persone, finché non uscimmo dal corpo principale del bar e nei passaggi posteriori, dove finalmente la folla si diradò.

"Controlla quello!" Indicai la ragazza che usciva da una delle miriadi di stanze che fiancheggiavano il corridoio. La ragazza indossava tacchi e calze nere velate, spessi polsini di pelle erano chiusi attorno ai polsi e alle caviglie, pesanti morsetti di trifoglio collegati da una catena insieme pendevano dai suoi capezzoli mentre seguiva passivamente il cliente. Era al guinzaglio, era bloccato al collare attorno al collo e c'era un bavaglio incastrato tra i denti con la bava che le colava lungo il mento. La carne dei suoi seni, del suo sedere, brillavano di rosso ed erano attraversati da strisce viziose.

"Immagino che abbia guadagnato bene i suoi soldi." Jim sorrise.

Passavamo di porta in porta, era evidente quello che succedeva dentro, lo schiaffo della carne sulla carne risuonava da ogni stanza. Mentre ci avvicinavamo alla fine del corridoio, un camionista in tuta e cappello da Bruco uscì dall'ultima stanza, seguito diligentemente da una rossa dai seni enormi.

"Da questa parte, signori." La ragazza che ci guidava scannerizzò una chiave di accesso e la porta degli uffici di Mack si aprì.

"Hey ragazzi! Mack ci salutò quando entrammo nel suo dominio, era seduto magistralmente sulla sua sedia, la fila di monitor video copriva il muro di fronte a lui e le scene selvagge del bar venivano riprodotte con vividi dettagli in alta definizione in tempo reale per il suo piacere.

"Cosa sta succedendo? Siediti." Mack indicò le due grandi poltrone reclinabili adiacenti alla sua, non erano così grandi, ma sembravano comunque comode.

"Posso offrirti qualcosa da bere, da mangiare, una piccola fica per lucidarti il ​​pomello?" Il mio cazzo è diventato duro solo quando sono tornato nelle viscere di questo posto, la sala di controllo dell'adorabile, deviato e demenziale impero di Mac.

"No, sto bene." Gli schermi danzavano davanti a me, il bar era affollato, ma la maggior parte delle telecamere erano puntate sulle ragazze che lavoravano ovunque.

«Come sono andati gli affari?» I miei occhi si fissarono su uno schermo in particolare, era una delle stanze dei sotterranei, forse quella da cui avevo visto uscire la ragazza nell'ingresso. La ragazza lì dentro adesso era diversa, era legata a un X-frame e veniva frustata. Il volume era abbassato, ma potevo solo immaginare gli ululati che faceva mentre le code di cuoio sbattevano forte contro la sua figa mentre l'uomo sollevava ripetutamente la frusta tra le sue cosce aperte.

"È stato un po' lento, il prezzo del petrolio è sceso, non tanti soldi da spendere per la fica per i ragazzi, ma soprattutto, sono molto lontani da casa e non hanno molti altri posti dove buttare i soldi, quindi ovviamente fornisco un servizio importante, vitale, alla comunità”. Mack ridacchiò.

"Tutto bene, però, non posso lamentarmi." Ho sentito il battito dei tacchi prima di vedere la ragazza. Il suo culo era rosso vivo e non potevi nemmeno vedere il filo come un perizoma perché era sepolto così profondamente nella fessura. Non aveva un top, i suoi capezzoli erano duri come la roccia, il suo seno sembrava gonfio e crudo. I suoi capelli erano arruffati, striati con evidenti chiazze di sperma essiccato al loro interno.

La ragazza porse a Mack una birra.

"Sicuro che non posso offrirti qualcosa?"

"Sto bene." Intervenni e Jim annuì in segno di approvazione.

“Vedi i suoi capezzoli? Bellissimi, vero? Dio, quanto adoro succhiare quelle cose, dopo averle frustate un po'. Mack mi fece l'occhiolino, poi sorrise e annuì alla ragazza, potevo vedere la costernazione e la paura nei suoi occhi, si fermò per un istante, poi velocemente se ne andò, lasciandoci soli con Mack.

“Allora, ho sentito che hai una proposta per me? Vuoi togliermi Lisa dalle mani?" Mack ha girato una delle immagini del piccolo schermo su quella grande principale, ho potuto vedere Lisa in ginocchio in una piccola stanza, tre cazzi sporgevano attraverso le pareti e lei era impegnata a spostarsi dall'uno all'altro, succhiandone uno mentre usava le mani. per rendere gli altri due cazzi duri e pronti a soffiare. L'immagine era a colori, con dettagli lucidi e spaventosi, e riempiva un'enorme sezione del muro.

"Non conosco i ragazzi, è piuttosto popolare, passa un sacco di tempo nella fossa a succhiare un cazzo dopo l'altro, e i ragazzi adorano toccargli un po' di tette quando ha le labbra avvolte attorno alle loro aste." Potevo vedere lo sperma spruzzato da uno dei cazzi che stava lavorando nella sua mano, vomitato e schizzato sul suo braccio e sulla sua spalla.

"Abbiamo questi motociclisti che sappiamo che vogliono una ragazza, abbiamo la troia asiatica, abbiamo pensato che potresti usare un po 'di colore in questo posto. I motociclisti non la vogliono veramente, non per quello che hanno in mente, sposa puttana per uno dei ragazzi. Sai, la ragazzina, brava a scopare, ma loro vogliono qualcosa in più."

Mack iniziò ad accarezzarsi il cazzo. I suoi occhi erano fissi su Lisa che lavorava duramente per far venire il ragazzo nella sua bocca. Un altro cazzo era già passato attraverso il buco vuoto e lei lo aveva avvolto con le dita mentre cercava di farselo sparare in bocca.

Non l'avevo nemmeno notata in piedi nell'angolo, in attesa di servire, ma Mack schioccò le dita e la ragazza che gli aveva portato la birra si precipitò verso.

"Vai a prendere Lisa." La ragazza guardò Mack impassibilmente, prese il suo comando e uscì rapidamente zoppicando dalla stanza.

“Mi dispiace vederla andare via, ma ho bisogno di mantenere il brodo fresco, lo sapete, e voi ragazzi mi avete portato della buona carne. Sicuramente mi terrai in mente quando troverai qualche nuova bomba, vero?" Mack strizzò l'occhio. Ho appena sorpreso uno dei buttafuori che tirava fuori Lisa dalla stanza del Gloryhole a metà del pompino prima che Mack girasse il grande schermo su un'altra scena.

Ci sono voluti forse 10 minuti perché il buttafuori trascinasse Lisa nell'ufficio di Mack. Non sono sicuro del motivo per cui ci sia voluto così tanto tempo, non è che l'abbiano ripulita o qualcosa del genere. Barcollava sui tacchi alti ed era un disastro quando finalmente venne condotta dentro. La sua pelle era ricoperta di macchie di sperma. I suoi capelli erano appiccicati alla fronte, le sue tette erano rosse, i suoi capezzoli erano duri.

Teneva la testa bassa mentre veniva trascinata nella stanza. Le sue mani erano ammanettate dietro la schiena e aveva una catena corta tra i polsini alle caviglie. Emise un grido di riconoscimento quando alzò lo sguardo e vide me e Jim lì; Non sono sicuro se fosse paura, sorpresa o qualche altra emozione.

"Vedo che ricordi questi ragazzi, stronzi." Mack parlò a Lisa mentre il buttafuori la spingeva in ginocchio davanti alla grande sedia. Per un istante, ho pensato di vedere un po' di ottimismo nei suoi occhi, una certa speranza. Forse pensava che l'avremmo portata a casa.

“Hanno dei piani per te. Ti venderanno a una banda di motociclisti" Mack fece una pausa drammatica, lasciando che lei lo capisse. Potevo vedere il cambiamento istantaneo nel suo volto.

"Diavolo, potresti aver succhiato qualcuno dei loro cazzi, o essere già stato scopato da loro, arrivano abbastanza spesso." Mack sorrise.

"Certo che ti piacerà un grosso maiale tra le gambe quando viaggeranno." Mack sfogliò le telecamere finché non trovò qualcosa da guardare.

“Il tuo carico di lavoro probabilmente diminuirà un po’. Tuttavia, la giornata potrebbe essere un po’ più dura”. L'uomo grosso e grasso rise fragorosamente mentre la prendeva in giro.

Ovviamente era sempre la stessa ragazza che avevamo trovato con le altre, anche se ora sembrava più magra, era scomparso ogni segno della cheerleader del liceo e del corpo giovane e morbido, il suo stomaco era ora teso e piatto, le sue tette erano ancora grande e matura, ma sembrava che avesse lavorato duro, questo era certo.

"Vedi, ora è completamente depilata intorno alla fica, non può avere peli lì sotto, non con la quantità di ragazzi che scopava. Quando avessero sparato, avrebbero fatto un vero casino. Mack ruggì, Lisa semplicemente si inginocchiò, immobile davanti all'uomo e al suo stomaco tremante.

"Sono sicuro che ai tuoi fan mancherà la tua fica, quanti cazzi pensi di aver scopato e succhiato durante il tuo tempo qui?" Lisa si inginocchiò senza rispondere.

"Diavolo, non sono sicuro di quanti anch'io, ma il cazzo ha fatto bene ai miei profitti." Lisa iniziò a tremare nervosamente.

“Quando mi porterete la cosa allora? Devo inserirla nella rotazione, immagino. "

"Forse domani, un paio di giorni al massimo."

"Sei pronto a vedere i tuoi amici stronzare?" Jim l'afferrò per i lunghi capelli biondi e le tirò indietro la testa in modo che potesse guardarlo.

"Vedi cosa fa tutto lo sperma alla sua pelle e alla sua criniera?" Mack stava iniziando a distrarsi, rise a malapena dopo il suo commento.

"Perché voi ragazzi non vi fermate dietro al bancone e la caricate, penso di aver bisogno di un po' di servizio." Mack iniziò ad accarezzarsi il cazzo. La ragazza, qualunque cosa fosse, cameriera, giocattolo del cazzo, era in ginocchio in un angolo, Mack le aveva detto di iniziare a giocare da sola dopo che era andata a prendere Lisa, e lei era accovacciata sul pavimento sui tacchi altissimi e si massaggiava tette e figa obbedientemente, ovviamente non venendo, ma preparandosi a compiacere il grosso uomo grasso.

Lasciai Jim con Mack e Lisa e attraversai il bar. Era rumoroso e affollato. La musica era troppo alta per me e le ragazze, quasi senza vestiti, correvano in giro con una missione. Potevo ancora sentire il rumore mentre entravo nel parcheggio e trovavo il mio camion. Mi sono fatto strada dietro il bancone finché una delle guardie non ha aperto l'alta recinzione per farmi tornare indietro. Jim mi stava aspettando con Lisa al seguito, doverosamente nudo, ammanettato e praticamente privo di emozioni.

Jim ha dovuto caricare Lisa sul camion, era un taxi doppio e avevamo portato dal negozio un sacco di asciugamani su cui farla sdraiare, non volevo che il mio camion fosse un dannato disastro a causa sua.

---------------------

Entrai in camera da letto, togliendomi la maglietta mentre attraversavo il lussuoso tappeto. Ho lanciato la maglietta in aria ed è caduta perfettamente sullo schienale della sedia nell'angolo. La mia testa risuonava ancora dalla base rumorosa e tonante del bar.

Mi sono massaggiato il cazzo e ho iniziato a diventare sempre più duro man mano che mi avvicinavo alla mia piccola amica Emily.

Potevo sentire l'odore rancido del fumo tra i miei capelli e l'odore dolce e disgustoso del profumo e dei corpi delle ragazze. Avevo bisogno di farmi una doccia, ma avevo ancora più bisogno della mia piccola troia.

Emily balzò sul letto dal suo piccolo cuscino a forma di cagnolino sul pavimento. I suoi seni tremavano, i suoi capezzoli diventavano visibilmente duri mentre si inginocchiava sul materasso, allargando le gambe con le mani dietro il collo come le avevo insegnato.

La catena fissata al colletto tintinnò mentre si metteva in posizione, il freddo metallo pendeva tra i suoi seni e scorreva lungo la sua coscia fino a un anello nel muro mentre lei tremava dolcemente.

Mi sono seduto sulla sedia accanto al letto e mi sono slacciato gli stivali, mi sono tolto i jeans e il mio cazzo è scattato sull'attenti nell'istante in cui ho abbassato i boxer.

"Abbiamo riportato Lisa dal club e invece manderemo te là fuori, per sostituirla." Il suo viso cambiò all'istante, non riuscivo a capire se fosse accigliato, o paura, forse entrambe le cose.

"Scommetto che ti piacerà, vero?" Emily non reagì, il suo volto era impassibile.

“Poco prima che la prendessimo lei era in una piccola stanza con tre buchi nei muri perché i ragazzi potessero infilarci i cazzi e lei ha dovuto succhiarli tutti. Avresti dovuto vederla, è esperta, ne aveva sempre uno in bocca, poi le sue mani accarezzavano le altre due contemporaneamente, non perdeva mai un colpo. Emily piagnucolò mentre allungavo la mano e le prendevo il mento.

“A volte però era troppo brava con le mani ed era un dannato pasticcio lì dentro, schizzi di sperma ovunque dai ragazzi che soffiavano prima che potesse mettere le sue belle labbra su quei cazzi e ingoiarlo tutto. Le pareti e il pavimento sono però rivestiti di gomma, facili da spruzzare con un tubo. Ho riso mentre Emily tirava su col naso, come se stesse per iniziare a piangere da un momento all'altro.

“Poi, dopo il suo turno nel Gloryhole, avrebbe dovuto tornare nella stanza delle conigliette. È lì che è legata su una ringhiera, ovviamente imbottita, così può svolgere il suo turno di 3 ore lì, con le tette a penzolare, le braccia tirate fuori e legate davanti a sé, le gambe divaricate legate ai pali nel pavimento. Poi i ragazzi si mettono in fila, pagano 20 dollari, le afferrano i fianchi e la scopano più forte e veloce che possono, finché non le vengono nella figa. Dio, è brutale." Ho asciugato la lacrima che scorreva lungo la guancia di Emily.

"Diavolo, le ragazze hanno bisogno di un bagno ghiacciato dopo, le loro fiche e il loro culo sono così doloranti." Il corpo di Emily tremava violentemente.

«Scommetto che ti stai bagnando solo a pensarci, vero? Tutto quello sperma che ingoierai. Tuttavia, immagino che ti ci vorrà un po' per metterti al passo, per entrare in pratica, in modo da mettere in bocca il cazzo giusto prima che esploda. Ho sorriso sadicamente, chiudendo gli occhi, immaginando la mia adorabile bambina ricoperta di sperma; su tutto il petto, tra i capelli, gocciolandole lungo la pancia e correndo sulla sua figa.

"Non dovrebbero incularli nella stanza dei conigli, ma sai che almeno un paio di ragazzi a notte ci riescono."

"Tuttavia è fantastico per la pelle e i capelli di Lisa, la sua carne è così morbida e liscia con tutto lo sperma, poi i suoi capelli, sono ancora così lucenti." Emily riusciva a malapena a trattenersi dal gridare mentre facevo scorrere le dita tra le sue ciocche, poi sul suo seno.

"Vuoi diventare la stronza della coniglietta?" Riusciva a malapena a balbettare le parole.

"No Maestro, voglio servirti, essere la tua fottuta troia." Le spostai la mano sotto il mento, poi salii sul letto. Spinsi indietro Emily e le salii sopra. Aprì la bocca senza una parola mentre io stringevo le mie labbra sulle sue e infilavo la lingua in profondità nella sua bocca. Amavo la sensazione della mia lingua avvolta attorno alla sua, controllandone il movimento, possedendola in ogni modo.

Ho fatto scorrere le mani sul suo corpo, potevo sentire la sua piccola struttura sotto di me, schiacciata sotto il mio peso mentre le sferzavo la lingua con la mia. Lei ha strillato quando le ho afferrato il capezzolo destro e ho affondato brutalmente le mie unghie nella sua tettarella, torcendola violentemente finché penso di aver versato un po' di sangue.

Alla fine staccai la bocca dalla sua e la fissai negli occhi, senza dire una parola.

"Il permesso di parlare, Maestro?" Ho raggiunto il suo seno sinistro e le ho afferrato il capezzolo, pronto a farla piangere.

"Che cosa hai da dire, stronza?" Tenevo il suo bocciolo tra le dita, ma non affondavo le unghie.

"Questa inutile puttana può succhiarti il ​​cazzo?" Ho iniziato a torcerle il capezzolo, non con forza, quasi delicatamente.

"Niente troia." Mi sono rotolato su un fianco, accanto a lei, e ho fatto scivolare la mano sinistra sulla sua pancia, iniziando a toccarla dolcemente. Era già fradicia quando le infilai facilmente due dita. Non ho detto una parola, l'ho semplicemente fissata negli occhi mentre giocavo con il suo capezzolo e la sua figa.

"Maestro, per favore potresti scopare la figa del tuo schiavo." Ho spinto le dita fino in fondo nella sua presa finché il mio pollice non è stato premuto contro il suo clitoride, ma non le ho risposto, non l'ho nemmeno guardata, ho solo giocato con il suo corpo, che possedevo, di mia proprietà .

Cominciai ad affondare le unghie nel suo capezzolo, non così duramente come con l'altro, ma abbastanza da farla reagire. Iniziò a piagnucolare piano, sapendo cosa stavo aspettando, anche se sapevo che era riluttante.

Lei gemette mentre forzavo le dita dentro e fuori dalla sua figa un paio di volte, poi le tiravo fuori completamente. Le mie dita erano bagnate e le avvicinai alle sue labbra, obbedientemente lei le laccò senza comando. Ancora non parlò mentre facevo scivolare il palmo della mano sulla sua pelle morbida e le stringevo il sedere.

"Hai un culo così bello." Le strinsi il sedere, muovendo le dita tra i morbidi globi. Esitò prima di poter parlare.

"Maestro, vuoi scopare il culo del tuo schiavo." Le ho sputato in faccia, la sua testa si è lanciata all'indietro per lo shock mentre atterrava e le si schizzava sulla fronte in un grosso batuffolo. I suoi occhi si chiusero di scatto per un istante, e quando li riaprì pensai che avrebbe cominciato a piangere sul serio.

"Cos'era quella puttana?" La voce di Emily le si fermò in gola prima che riuscisse finalmente a pronunciare le parole.

"Maestro, per favore potresti scopare il culo di questa sporca fica, venirmi dentro e poi permettere a questo schiavo inutile di pulire il tuo glorioso cazzo con la sua bocca." La fissai negli occhi, assaporando la sua umiliazione.

"Così è più probabile." Ho passato la mano sulla pancia tremante di Emily, poi le ho sputato di nuovo in faccia, facendola singhiozzare più forte, nonostante tutti i suoi sforzi per trattenere le lacrime.

"Lascerai che il tuo schiavo lubrificasse il tuo glorioso padrone del cazzo, così il culo di questa cagna sarà più piacevole da scopare per te?"

"Niente troia." Ho allungato la mano e ho avvolto la mia mano destra intorno alla sua gola sopra il colletto di cuoio e ho iniziato a stringerla sempre più forte. Ho infilato due dita della mia mano libera tra le sue labbra e ho iniziato a premere sulla sua lingua mentre lei iniziava ad ansimare.

“Non vuoi il mio grosso cazzo nella tua fica stretta e asciutta? Penso che sarebbe piacevole sentirti urlare per me. Il suo viso cominciò a diventare sempre più rosso mentre le stringevo la gola.

"Pensavo che ti piacesse ogni volta che mi degnavo di usare i tuoi buchi." Emily mi ha stretto le mani sul polso cercando di combattermi, ma non poteva fare nulla per fermarmi davvero. Alla fine le ho lasciato andare la gola, lasciandola respirare e dandole un forte schiaffo in faccia mentre ansimava.

“Esisti per il mio piacere, fica, sulla tua pancia!” Mi piaceva il modo in cui la ragazza singhiozzava, le lacrime le scorrevano lungo le guance mentre si girava sulla pancia. Trovai un piccolo cuscino e glielo infilai sotto i fianchi.

"Afferratevi le caviglie!" Si voltò a guardarmi.

"Ma Maestro, posso lubrificare il tuo glorioso cazzo." Ha urlato mentre le davo un forte colpo sul sedere.

"Caviglie, adesso!"

“Ma Maestro, per favore!” Ho esitato.

"Fai presto, allora." Emily si alzò dalla pancia e si inginocchiò davanti a me. Ha fatto scorrere la lingua sulla mia asta cercando di lubrificarmi il più possibile, lasciando linee di saliva che scendevano dalla mia verga fino alle sue labbra. Ha avuto un conato di vomito mentre mi prendeva in bocca.

"Basta così, stronza, sulla pancia, tenendoti le caviglie." Emily ha fatto un paio di lunghi colpi con la lingua sul mio cazzo prima di rotolare sulla pancia. Alzò di nuovo il cuscino perfettamente sotto i fianchi e si afferrò le caviglie, allargando le gambe più che poteva.

Non ho perso tempo, appena è stata in posizione le sono stata addosso. Lei grugnì quando lasciai cadere il peso sulla sua schiena. Usando la mano ho guidato il mio cazzo nel suo buco inferiore e ho spinto forte finché non sono stato dentro di lei.

Ho afferrato i capelli di Emily e li ho usati come redini, forzando sempre più il mio cazzo nel suo culo, adorando il modo in cui piagnucolava e mormorava di dolore per tutto il tempo.

“Dio, che bella sensazione, stronza! Una piccola stronzata così stretta." Le tirai indietro la testa usando i capelli, facendole inarcare brutalmente la spina dorsale.

"Ecco, stronza!" Ho provato a prendermela con calma, potevo sentire Emily piangere mentre spingevo il mio cazzo sempre più in profondità dentro di lei, ma non riuscivo a togliermi dalla testa i pensieri di Lisa e del bar. Amavo il modo in cui veniva usata, e anche le altre ragazze.

Emily si contorse a disagio sotto di me mentre iniziavo a pompare più velocemente e più forte nel suo culo. Le lasciai andare i capelli e le chiusi le mani attorno al collo. Potevo sentire il sudore che mi colava dal petto e dalla pancia su di lei mentre urlavo con sforzo.

"Ecco, stronza, Dio, che culo stretto!" Emily ansimava mentre stringevo la presa sulla sua gola, soffocando le sue urla di disperazione mentre cercava disperatamente di respirare.

Il letto scricchiolò sotto di noi mentre prendevo velocità e iniziavo a scoparla brutalmente. Non riesco a descrivere la sensazione, la lussuria completa e assoluta che riempiva la mia testa, il mio corpo.

Emily fece fatica a respirare mentre finalmente le lasciavo andare la gola. Poi le ho preso i capelli con entrambe le mani, li ho strattonati violentemente e le ho martellato il culo con il mio cazzo. Amavo la sensazione di lei sotto di me, il modo in cui gridava, singhiozzava, implorava, mentre le tiravo senza pietà il cuoio capelluto.

"Cazzo, cazzo!" La sensazione dei miei fianchi che penetravano nel suo culo era incredibile. Le sue mani erano staccate dalle caviglie, le sue dita erano strette saldamente nelle coperte del letto sperando in un po' di sollievo, ma io continuavo a pompare la mia asta furiosa nel suo culo ancora e ancora.

"Fanculo!" Potevo sentire la testa pulsare, avevo bisogno di venire, ma amavo la sensazione di schiaffeggiare il mio cazzo nel buco stretto della mia ragazza.

"FANCULO!!!!!!" Le mie palle si contrassero e si riversarono nel suo corpo come un'eruzione. Sembrava che non si sarebbe mai fermato. Era così intenso che quasi faceva male, il mio cazzo si contraeva e pompava, finché non ero esausto.

"Fanculo!" Sono crollato sopra Emily con tutto il mio peso, lei ha grugnito, mentre veniva schiacciata, inchiodata sotto di me.

"Fanculo!" Potevo sentirla singhiozzare sotto di me mentre spingevo lentamente il mio cazzo dentro di lei, cercando di mungere ogni goccia di sperma nel suo buco.

Ho afferrato i capelli di Emily e le ho spostato la testa di lato in modo da poter seppellire la lingua nella sua bocca, mentre continuavo a pompare delicatamente i miei fianchi nel suo culo.

Le lacrime le rigavano le guance. Non ha combattuto, mi ha lasciato solo violare la sua bocca e singhiozzare.

"Cazzo, mi sono sentito bene, stronza!" Emily seppellì la testa nel materasso mentre lentamente tiravo fuori il mio cazzo ancora duro dal suo retto.

"Dio mio!" Mi sono girata sulla schiena, con il cazzo ancora eretto e dolorante.

"Fanculo!" Chiusi gli occhi e assaporai la sensazione mentre Emily piagnucolava.

"Fanculo." Mi sono alzato sul gomito e ho fissato la ragazza per un secondo, poi ho iniziato a infastidirmi per la sua inerzia.

"Perché cazzo non mi pulisci il cazzo, stronza?" Non appena ha alzato la testa dalle coperte le ho dato un forte schiaffo sulla guancia.

"Che cazzo di stronzo, sai qual è il tuo scopo, mettiti il ​​mio cazzo in bocca e puliscilo, adesso!" Le ho dato di nuovo un rovescio in faccia. Rapidamente si affrettò a mettersi sulle mani e sulle ginocchia, con il culo in fiamme per la scopata; poi ha preso la mia asta tra le sue labbra e ha iniziato a pulirla come me, come avrebbe dovuto. Potevo sentire le lacrime che scorrevano dalle sue guance al mio inguine mentre succhiava il mio cazzo, e ne ho amato ogni secondo.

"Pulisci tutto, stronza, questo è ciò per cui sei fatta." Sono ricaduto sul materasso e ho lasciato che Emily mi leccasse e pulisse freneticamente il mio cazzo.

Continua…

Grazie per aver letto. A seconda di come va qui, ho più capitoli da pubblicare.

Storie simili

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2.4K I più visti

Likes 1

RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

RASANDO LE GAMBE E LA FIGA DEI MIEI COMPAGNI È puramente immaginario ma basato su un incidente realmente accaduto, ma il personaggio è reale ed è un'ex fidanzata in Thailandia. Spero che la storia ti piaccia. .................................................. .................................................. .......... Tornando a casa un giorno ho trovato la mia coinquilina Tan che stava frugando nell'armadietto del mio bagno. Questa è la storia che seguì. Tan ha 34 anni e io ne avevo quattro in più ed è per questo che andavamo così d'accordo che ci prendevamo cura l'uno dell'altra che spesso sfilava in mutande, tranne quando veniva il suo ragazzo. “Merda Barry...

1.9K I più visti

Likes 0

Tiffany fa una crociera ai Caraibi 5

Tiffany e la crociera ai caraibi 5 Ero riposato e riposato quando Tiffany è tornata. Era esausta. La sua figa era cruda e le sue labbra erano gonfie da così tanto succhiare il cazzo. Non lo sapevo, ovviamente. Ho bisogno di un po' di riposo. disse mentre chiudeva la porta del bagno per un'autoispezione. Mi sento abbastanza bene, vado al surf bar. Ho chiamato attraverso la porta. Ok divertiti. Sarò nel mondo dei sogni. Tiffany ha risposto. Era sollevata di essere sola per un po' e di potersi riposare e ripulire dalla scopata. Mi sono seduto alla fine del surf bar...

1.2K I più visti

Likes 0

Servizio fotografico lesbico

Sono arrivato in hotel con i miei amici. Siamo stati tutti in gita scolastica a Washington D.C. per tre giorni. La nostra scuola lo fa ogni due anni con la seconda e l'ottava classe. Ogni anno l'intera scuola media va al campo insieme, quindi so già com'è passare qualche giorno insieme a queste ragazze. Probabilmente dovrei darti alcuni sfondi. Eravamo in quattro in questa stanza. Eravamo io, Sayre, Mylene, Alana. Andiamo tutti Alana alla stessa scuola privata. Sayre è il più lontano attraverso la pubertà di tutti noi. Ha il seno a coppa C e un culo grosso. È alta 5...

1.1K I più visti

Likes 0

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

1.1K I più visti

Likes 0

Ufficio sogno parte 5

Era una giornata di mezza estate in ufficio e tutti si lamentavano della temperatura nonostante fosse ancora mattina presto. Il caldo mi inzuppava il corpo di sudore. Lasciandomi cadere sulla sedia in ufficio, accesi il ventilatore e aspettai un po' di sollievo. Stavo cercando di concentrarmi sul mio progetto ma dopo poco tempo il caldo ha fatto vagare i miei pensieri. Ho deciso di prendermi un po' di tempo libero per fare surf. Ho cliccato sui miei siti preferiti. Presto ho riprodotto un video di due ragazze e un ragazzo. Il ragazzo sembrava davvero felice, stava scopando una delle ragazze e...

970 I più visti

Likes 0

La mia vita pt 7

Parte 7 di ? Mi sono svegliato. Poi è andato sotto la doccia. Sono rimasto lì, lasciando che l'acqua mi scorresse addosso. Mi sono pulito. mentre stavo finendo. Kelly è entrata. È entrata nella doccia. Ma mentre cercava di toccarmi, sono sceso e mi sono asciugato. cosa c'è che non va disse non voglio dissi L'ho fatto ma non l'avrei lasciata decidere quando l'ho fatto come ieri sera. Sono andato in soggiorno. Sara era seduta sul divano. cosa stai guardando dissi solo un po' di tv niente di speciale ha detto com'era la Disney ha aggiunto siamo stati benissimo dissi la...

1.2K I più visti

Likes 0

The Hardwoods: Kevin impara ad amare il cazzo

13-15 LUGLIO 1973: KEVIN IMPARA AD AMARE IL CAZZO Questa storia è raccontata dal punto di vista del tredicenne Kevin Hardwood. Suo fratello diciassettenne lo incastra, il che fa sì che suo padre lo sculacci. Kevin cede alla richiesta di Luke di succhiargli il cazzo in modo che non continui a metterlo nei guai. Era una calda giornata estiva di metà luglio. Mi stavo rinfrescando nel cortile sul retro della piscina di famiglia. Avevo l'intera piscina tutta per me con mio padre al lavoro e mia madre e mia sorella in visita dai vicini. Nuotavo pigramente a dorso intorno alla piscina...

756 I più visti

Likes 0

RWBY - I preferiti dell'insegnante capitolo 1

Aspettatevi errori di grammatica, questa non è la mia lingua madre X-X-X-X-X Le cose sono tranquille alla Beacon Academy, soprattutto nelle camere da letto, anche se in una di esse succede qualcosa che nessuno potrebbe mai immaginare: I corridoi sono vuoti, tutti sono nel cortile oa passeggio per la città. Se qualcuno attraversasse uno di essi, sarebbe sorpreso di sentire suoni strani e piuttosto sospetti. Ora, se qualcuno entra nella stanza da cui proviene il rumore, la sua mascella cade a terra quando vede una scena così incredibile. In uno dei letti, tre corpi si agitano in un intenso atto sessuale...

718 I più visti

Likes 0

Island Royale: Il Rapporto (Capitolo Sette)

Capitolo sette ____________________________ Cynthia mi aveva incoraggiato a tornare all'asilo e ad assistere nel tutoraggio di un particolare gruppo di ragazze che solo di recente avevano sottoposto per la prima volta alla manutenzione dei genitali maschili. Su suo suggerimento ho saltato la colazione la mattina successiva, ansioso di non essere troppo tardi per iscrivermi a un'opportunità mattutina di visitare questa lezione, e sono passato direttamente dalla mia suite alla reception al piano principale. La possibilità di partecipare all'addestramento di alcune delle più giovani schiave sessuali studentesche di Island Royale sembrava essere stata ancora più apprezzata tra gli ospiti rispetto alla mia...

628 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.