Trofeo Moglie Mezzaluna - Capitolo Uno

453Report
Trofeo Moglie Mezzaluna - Capitolo Uno

Era una serata frizzante sulle colline intorno alla città. Con i lampioni gialli che punteggiavano il fianco della collina come lucciole e il raschio delle auto sportive che serpeggiavano per le strade strette, sembrava e sembrava molto vivo. Persone sui balconi e sulle terrazze con vista sulla città, alcuni mangiano, bevono e si divertono mentre altri fanno qualcosa di un po' più privato. Claire Moore era uno di questi individui più riservati. Era la stereotipata casalinga di Hollywood: lunghi capelli biondi fluenti che ricadevano sulle sue spalle e brillavano nella luna a tarda notte; un paio di seni finti che erano una coppa GG e che erano sempre assicurati che sembrassero la caratteristica più importante della sua figura; una cornice a clessidra sottile e ben tonica; dietro un tondo e impertinente che traballava ad ogni passo; e ovviamente gambe lunghe e infinite che terminavano fino a un perfetto paio di piedini.
Claire gemette, inclinando la testa all'indietro, quasi ululando alla luna mentre sentiva il cazzo perfettamente spesso e coperto di vene di Juan sbattere nella sua vagina bagnata. Le sue dita si piegarono strettamente sul corrimano di metallo del balcone mentre lui la dondolava avanti e indietro con ogni forte spinta. Lui grugnì leggermente nel suo orecchio mentre stava dietro di lei, tenendole i fianchi e scopando la stretta figa casalinga di Claire.
Juan aveva Claire inchiodata contro il fianco del suo balcone, riempiendole la figa con il suo lungo cazzo sudato. Ad ogni spinta i suoi seni tremavano da una parte all'altra e il suo sedere traballava. Lui fece scorrere la lingua lungo la parte posteriore del suo collo, ridacchiando un po' prima di interrompersi con un altro grugnito pieno di piacere. Claire chiuse gli occhi mentre sentiva il cazzo di Juan gonfiarsi nella sua vagina e pulsare contro le sue dolci e umide pareti della figa. Trattenne un altro gemito lussurioso mentre lo sentiva crescere di ritmo.
Si sta avvicinando, pensò, con la testa confusa di passione e desiderio profondo. Ha usato il corrimano come leva mentre pompava di nuovo la sua figa sul suo cazzo. Il tonfo sordo dei loro corpi che si scontravano echeggiò sul balcone mentre lei gemeva e gemeva sottovoce. Juan le schiaffeggiò le natiche rotonde, lasciando piccole impronte rosse mentre gemeva vedendo il suo sedere tremare sotto la sua sculacciata. Sapeva che non sarebbe durato a lungo e iniziò a dare a Claire colpi singoli e profondi mentre sospirava ad ogni colpo della sua fica. Dopo cinque o sei, Juan emise un grugnito basso e primordiale, facendo scivolare il suo cazzo scintillante dalla figa di Claire e spruzzandole su tutto il culo con il suo sperma denso e caldo. Poteva sentirlo scivolare lungo le sue guance rotonde, persino gocciolarle sulle cosce mentre scorreva via dal suo corpo; alcuni gocciolavano sul pavimento sotto i suoi piedi.
Claire sorrise da sopra la spalla mentre sentiva il suo seme caldo ricoprirla dietro, "Mmmmm, che giardiniere dispettoso!" Lei ridacchiò mentre Juan tratteneva il respiro, la sua faccia rossa e il suo cazzo ancora sussultato.
«Hai detto che avevi bisogno di aiuto, señora. Sono molto felice di aiutarti", ansimò mentre faceva un piccolo passo indietro. Guardò il suo cazzo vedendolo contrarsi e brillare in quella poca luce che c'era. L'odore dello sperma caldo riempì entrambe le loro narici mentre Claire piantava le labbra sulle sue. Lui fece scivolare le mani intorno alla sua vita, evitando timidamente lo sperma ancora caldo e l'attirò più vicino, usando la lingua mentre si baciavano appassionatamente. Mentre riprendeva fiato, Juan sentì le tette di Claire sollevarsi contro i peli rasati del suo petto. Non poté fare a meno di accarezzarli per l'ultima volta prima che lei si tirasse indietro, palpando la sua carne morbida sormontata da capezzoli induriti.
“Devi andare adesso Juan”, disse Claire con una nota di tristezza, “Mark tornerà da quella conferenza da un momento all’altro!”
"Sì, sì!" annuì Juan con uno sguardo indagatore mentre si chinava e raccoglieva i suoi pantaloncini e una maglietta scolorita.
Claire si avvicinò alla grande porta di vetro dal pavimento al soffitto e la aprì. Emerse nella sua casa da molti milioni di dollari, attraversando l'imponente cucina a pianta aperta e oltrepassando il divano in pelle nera a forma di R fino alla porta d'ingresso, ancora completamente nuda. Presto apparve Juan, vestito dietro di lei, baciandola un'ultima volta sulle labbra prima di andarsene, salutandola educatamente.
Mentre Juan sfrecciava a bordo del suo pick-up malconcio, Claire si appollaiò sul bracciolo del divano. Si guardò alle spalle alle tracce di sperma lucido e rise tra sé con uno sguardo compiaciuto che le attraversava il viso. Prese il cellulare dal tavolino di vetro e lo aprì. La prima cosa che fece fu aggiungere il numero di Juan alla chiamata rapida, sapendo che sarebbe tornato felicemente e molto rapidamente ogni volta che avesse avuto bisogno di una bella scopata. Questo valeva per la maggior parte dei numeri in chiamata rapida sul telefono di Claire. Juan era sesto con Nick il lavavetri a 1; il suo allenatore personale Alexander al 2; il suo vecchio capo Jeff al 3; il suo attuale capo Connor al 4; e infine Bill da tutta la Crescent sulla 5.
Tutti questi uomini conoscevano il profondo calore della vagina di Claire. Che fosse fuori, accanto alla fresca piscina azzurra, sul cofano di una delle auto sportive di Mark nel garage o nella grande camera da letto con il suo letto a baldacchino, l'avevano tutti scopata da qualche parte. Sorrise a quella consapevolezza e poi si spostò verso il bagno per una doccia purificante.

***

Claire sedeva a un bisogno del divano, il telefono in una mano, un bicchiere di vino nell'altra e una vestaglia di seta che copriva la camicia da notte rosa nascondendo il suo corpo. La sua figura odorava di ricchi frutti tropicali e non più del fetore del sesso quando iniziò a mandare messaggi a Lois, la sua vicina di casa.
“Non crederai a quello che abbiamo fatto io e Juan!” iniziò Claire
'Lasciami indovinare…. L’ha scopato?!” rispose Lois pochi istanti dopo, mentre anche lei sedeva tranquillamente a guardare la TV.
'Sì! Si sentiva fantastico in me. Bello e grosso, davvero duro!'
«Che puttana fortunata!» Ho il cazzo molle qui che cerca di stuzzicarmi per andare a letto", rispose Lois mentre guardava suo marito dal telefono.
'Lol. Buon divertimento! Anche il mio sta tornando! -.-” rispose Claire con un lungo, speranzoso sorso di vino.
Fu allora che sentì il rombo di un motore entrare nel vialetto. Si alzò e andò in cucina, versando un bicchiere di vino per Mark e tornando al suo posto. Gli ci vollero alcuni istanti prima di aprire la porta ed entrare, con un sorriso storto sul viso mentre parlava con voce esasperata: "Ciao tesoro!"
Claire sorrise di rimando mentre Mark le si avvicinava. Lei si allungò e lo abbracciò, baciandolo per un momento: “Ti ho lasciato fuori del vino; ho pensato che ti avrebbe aiutato a rilassarti."
Annuì lentamente, i suoi occhi sembravano stravolti mentre marciava lentamente verso la cucina, lasciando la sua piccola valigia vicino al divano. Sbadigliò sonoramente prima di bere un lungo sorso di vino. Tornò dalla sua meravigliosa moglie, sdraiata sulla morbida pelle del divano.
"Oh Dio, ne ho bisogno!" Mark disse che sembrava stanco mentre fissava il viso morbido di Claire.
"Qual è il problema?" chiese un po' preoccupata.
“Quell’incontro è stato così noioso. Parliamo di discorsi di due ore!” sbuffò alzando gli occhi al cielo, "L'anno prossimo manderò uno dei miei manager a quella spazzatura!"
Claire gli accarezzò la coscia con il piede: “Oh tesoro…. Sono così felice di riaverti con noi."
Dentro di sé sorrise alla sua bugia. Assumeva l'espressione di una moglie premurosa ogni volta che Mark tornava, sapendo che sarebbe stato troppo stanco per qualsiasi cosa in camera da letto. A parte qualche mano o un pompino occasionale, Mark non faceva sesso intimo con lei da mesi, ma non ne era stato davvero turbato. Claire sapeva che lui amava troppo il suo lavoro per notare davvero la loro mancanza di sesso e, comunque, stava ricevendo molta attenzione da molti altri uomini.
“Oh grazie tesoro! Anche tu mi sei mancato. Perché non hai ricevuto la mia chiamata ieri sera?" chiese Mark facendo sembrare i suoi occhi pastosi e innocenti.
“La notte scorsa…,” Claire sembrò tranquilla mentre ricordava quali bugie non aveva ancora usato, “ero fuori con alcune ragazze del Crescent. Siamo andati in quel nuovo posto in città; La Polla.
Annuì leggermente, accettando la bugia per la verità.
Claire sorrise mentre suo marito distoglieva lo sguardo, prendendo altro vino. Come poteva aver dimenticato la notte scorsa? Due dei manager di Mark dal suo ufficio erano arrivati ​​in cerca di appunti su qualcosa che lei non riusciva a ricordare. Con i suoi metodi un po' da troia e una bella camicia da notte trasparente, Claire aveva indotto i due uomini a arrostirla allo spiedo proprio sul divano su cui ora sedevano lei e suo marito.
Lei ridacchiò leggermente sottovoce poiché riusciva solo a ricordare i loro cazzi e non i loro nomi. Sapeva anche che aveva bisogno di scoprire quello che le aveva scopato la figa. Lui l'aveva fatta raggiungere l'orgasmo tre volte, il che era un po' un'impresa per i suoi amanti.
Mark poi interruppe i suoi pensieri: “Vado a letto, tesoro. Domani molto presto avrò un debriefing in ufficio."
"Va bene tesoro, mi alzo tra un secondo." parlava a bassa voce, guardando il bicchiere.
Mark raggiunse le scale accanto al divano e si avvicinò al letto, stropicciandosi gli occhi. Claire prese il suo bicchiere e si diresse silenziosamente in cucina, lavando entrambi i bicchieri nel lavandino. Guardò fuori dalla piccola fessura rettangolare di una finestra sopra il lavandino verso le luci delle altre case dall'altra parte del Crescent. C'erano cinque case sulla Mezzaluna e in ciascuna una moglie trofeo. Ogni donna aveva uomini che la inseguivano (per alcune includevano anche i loro mariti). Si scambiavano storie e cazzi come nessun altro gruppo di donne in città ed erano sempre felici di accontentarli.
Claire continuò a strofinare il bicchiere di vino mentre guardava fuori e attraverso il Crescent fino alla casa di Beth. Era una donna molto corposa con un culo rotondo e un seno enorme che non era fatto di plastica. Claire poteva vedere la sagoma della figura a forma di mela di Beth tra le tende della camera da letto di casa sua. Potrebbe anche essere una figura maschile molto più snella che la sperona da dietro mentre ovviamente lo fanno a pecorina sul suo letto. Claire sapeva che non era il marito di Beth. Anche Glen, come Mark, era via per lavoro.
Deve essere l'amico di suo figlio, John…. o era Jack, pensò Claire sorridendo. Guardò più da vicino quando vide Beth impennarsi, ancora scopata sempre più duramente dal suo amante più giovane. Claire poteva solo immaginare la sensazione di quel cazzo duro e potente che la prendeva da dietro. Il pensiero che una matricola del college glielo dasse fece chiudere gli occhi a Claire e respirare profondamente. Sentì la sua vagina muoversi ma si fermò e riaprì gli occhi. Dopo diversi altri secondi la coppia cadde sul letto, le loro forme ancora ansimanti mentre riposavano lì. Poi l'oscurità scese nella stanza e Claire rimise gli occhiali nell'armadio mentre Beth e il suo amante si rilassavano.
Claire risalì le scale, percorse un lungo corridoio con una vista eccellente della città ed entrò in camera da letto. Mark era già sdraiato sul letto a baldacchino, con gli occhi chiusi e a metà addormentato. Si tolse la vestaglia, la appoggiò dietro la porta e si sdraiò accanto a suo marito. Claire posò la mano sulla sua coscia massaggiandola delicatamente prima di spegnere la lampada sul comodino e chiudere gli occhi lasciando che l'oscurità del sonno la prendesse.

Storie simili

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2.4K I più visti

Likes 1

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

1.1K I più visti

Likes 0

The Hardwoods: Kevin impara ad amare il cazzo

13-15 LUGLIO 1973: KEVIN IMPARA AD AMARE IL CAZZO Questa storia è raccontata dal punto di vista del tredicenne Kevin Hardwood. Suo fratello diciassettenne lo incastra, il che fa sì che suo padre lo sculacci. Kevin cede alla richiesta di Luke di succhiargli il cazzo in modo che non continui a metterlo nei guai. Era una calda giornata estiva di metà luglio. Mi stavo rinfrescando nel cortile sul retro della piscina di famiglia. Avevo l'intera piscina tutta per me con mio padre al lavoro e mia madre e mia sorella in visita dai vicini. Nuotavo pigramente a dorso intorno alla piscina...

756 I più visti

Likes 0

RWBY - I preferiti dell'insegnante capitolo 1

Aspettatevi errori di grammatica, questa non è la mia lingua madre X-X-X-X-X Le cose sono tranquille alla Beacon Academy, soprattutto nelle camere da letto, anche se in una di esse succede qualcosa che nessuno potrebbe mai immaginare: I corridoi sono vuoti, tutti sono nel cortile oa passeggio per la città. Se qualcuno attraversasse uno di essi, sarebbe sorpreso di sentire suoni strani e piuttosto sospetti. Ora, se qualcuno entra nella stanza da cui proviene il rumore, la sua mascella cade a terra quando vede una scena così incredibile. In uno dei letti, tre corpi si agitano in un intenso atto sessuale...

718 I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania

Mi ha assunto tre settimane fa. Un lavoro per il quale sono grato ma completamente non qualificato. Ma poi io sono giovane e asiatica, e lui è più vecchio e bianco, e nel corso dei miei doveri (e sì, anche nel corso del mio ficcanaso) ho scoperto la metrica del porno sul suo hard- drive con giovani donne asiatiche. Sono ben lungi dall'essere scoraggiato da questo. Voglio dire, non fraintendetemi, non ho alcun desiderio di scopare fino in cima, e sono anche dolorosamente consapevole dell'intero cliché della dinamica di potere tra uomo bianco e ragazza asiatica. Ma togliendo tutto questo dall'equazione...

2K I più visti

Likes 2

Bravado, parte 2

Kevin si svegliò la mattina dopo intontito, sbronzo e duro come una roccia. Debby giaceva accanto a lui nuda, sorridendo e accarezzando il suo piccoletto. Charles non era a letto. Kevin sussurrò, smettila! e ha provato a staccare le mani, ma ha semplicemente stretto e ha continuato a giocare con lui. Kevin sapeva che Charles non era felice che fossero finiti tutti in una cosa a tre la scorsa notte, ma a Debby non sembrava importare. Kevin sentì Charles che girava per la cucina. Kevin guardò Debby negli occhi e gridò: “Charles! Debby non smetterà di giocare con il mio cazzo!...

2.4K I più visti

Likes 0

Sculacciata Amanda

Ho scritto questa storia per la ragazza dei miei desideri. L'ha letto e gli ha dato la sua approvazione. Ho cambiato il nome per proteggere i colpevoli :) È piuttosto breve: non riesco a immaginare di durare a lungo se questo si avverasse. Fatemi sapere cosa ne pensate. ====================================================================================================================================== ======================== Avevo incontrato Amanda 2 anni prima come parte di una chat room online. L'avevo considerata sexy dal momento in cui avevo controllato il suo profilo e non potevo credere alla mia fortuna quando ci ha provato. Eravamo in chat da un po' di tempo, ma alla fine ci siamo incontrati nel...

2.4K I più visti

Likes 0

RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

RASANDO LE GAMBE E LA FIGA DEI MIEI COMPAGNI È puramente immaginario ma basato su un incidente realmente accaduto, ma il personaggio è reale ed è un'ex fidanzata in Thailandia. Spero che la storia ti piaccia. .................................................. .................................................. .......... Tornando a casa un giorno ho trovato la mia coinquilina Tan che stava frugando nell'armadietto del mio bagno. Questa è la storia che seguì. Tan ha 34 anni e io ne avevo quattro in più ed è per questo che andavamo così d'accordo che ci prendevamo cura l'uno dell'altra che spesso sfilava in mutande, tranne quando veniva il suo ragazzo. “Merda Barry...

1.9K I più visti

Likes 0

Sorella divertente (Pt1)_(0)

Andare in discoteca in città non è poi così male dici ai tuoi amici quando continuano a chiederti perché lo fai, Perché lo faccio? ti chiedi per la decima volta mentre tu e tua sorella state sulla piattaforma affollata aspettando il tubo a casa. Entrambe vestite con gonne quasi troppo corte per decenza e top attillati, tua sorella si è sempre lamentata del fatto che non indossi mai un reggiseno, i tuoi seni sodi e larghi e quasi cadono dalla linea del collo del taglio inferiore. 23:00 e non puoi credere a quante persone stanno ancora viaggiando, la vedi saltare e...

1.5K I più visti

Likes 0

Servizio fotografico lesbico

Sono arrivato in hotel con i miei amici. Siamo stati tutti in gita scolastica a Washington D.C. per tre giorni. La nostra scuola lo fa ogni due anni con la seconda e l'ottava classe. Ogni anno l'intera scuola media va al campo insieme, quindi so già com'è passare qualche giorno insieme a queste ragazze. Probabilmente dovrei darti alcuni sfondi. Eravamo in quattro in questa stanza. Eravamo io, Sayre, Mylene, Alana. Andiamo tutti Alana alla stessa scuola privata. Sayre è il più lontano attraverso la pubertà di tutti noi. Ha il seno a coppa C e un culo grosso. È alta 5...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.