Professor Gumbert

376Report
Professor Gumbert

L'aula era piena di studenti oziosi che scarabocchiano sui loro taccuini mentre il professor Gumbert parlava dei tecnicismi delle basi psicologiche e di come i padri della psicologia aprissero la strada alla migliore comunità di questa generazione.

Gumbert indossava occhiali dalla montatura spessa che sembravano attaccarsi al suo naso a punta bombata, le sue grandi mani intrecciate sotto il suo didietro mentre camminava per la stanza. I suoi occhi grigi si posarono sugli studenti con un debole interesse mentre ipotizzava quali avrebbero abbandonato entro la fine del semestre successivo.

Molte delle ragazze avevano una notevole quantità di pelle che mostrava contro i vestiti dai colori vivaci, il liscio rigonfiamento dei loro seni e la scollatura pronunciata quando ogni ragazza si accasciava sul suo lavoro. Dopo anni passati a vedere così tante skin disponibili in mostra per il suo piacere, Gumbert è rimasto impassibile dai display.

Ogni pochi semestri una singola ragazza si distingueva da tutto il resto con le sue magnifiche doti, l'inclinazione della sua scollatura che conduceva gli occhi dalla parte inferiore del collo fino alla curva del polpaccio, il tutto collegato al movimento fluido del suo passo . Essendo un professore esperto, Gumbert poteva individuare una di queste creature con uno sguardo impegnato. Sapeva che la sua lezione era noiosa e che poteva fare il discorso nel sonno, ed era per questo che sceglieva sempre quell'oratorio specifico per il primissimo giorno di corso: ora poteva rimuginare sui pensieri di Sigmund Freud mentre scrutava il gruppo per la sua amata Afrodite.

Non si poteva dire dove potesse essere la bellezza nella stanza, ma Gumbert sapeva che l'avrebbe trovata prima che la metà del discorso fosse finita. Come se stesse leggendo un libro, lo studioso iniziò la sua ricerca dal lato sinistro della stanza. La sua ricerca aveva portato molteplici fallimenti accompagnati da una valutazione segreta con quasi un quarto del suo discorso completato. Gumbert non poteva impedire al suo cuore di provare una fitta di infelicità per i suoi inutili sforzi. Ancora concentrato sul suo compito, Gumbert ha continuato a parlare e cercare, studiando il volto distratto dei suoi studenti.

Il suo discorso praticato stava per concludersi quando vide la ragazza più bella della stanza seduta vicino all'angolo più in alto a destra dell'aula magna. I suoi capelli neri stavano cadendo da una fascia disordinata di un rosso brillante, la ciuffa dei suoi capelli creava una crocchia sciolta che poggiava sulla sua corona.

Gumbert sorrise un po' mentre la splendida creatura sussultava quando si rese conto che il suo professore la stava fissando. La sua lingua flessibile scivolò timidamente sul suo labbro inferiore pieno e rosa mentre i suoi occhi marroni erano ombreggiati dalle sue palpebre svolazzanti. Una macchia di ombra scura accentuava il bordo dei suoi occhi, schioccando contro la brillante oscurità del suo mascara, il contrasto di colori così profondi contro la tonalità rosa della sua bocca. La ragazza non poteva avere più di diciannove anni e scoprì che era assolutamente raggiante nel suo innocente disagio di essere osservata; Gumbert sorrideva mentre terminava il suo discorso con il cuore leggero dato dai suoi sforzi realizzati.

Il primo compito è stato scritto alla lavagna con sbuffi di indignazione appena udibili seguiti da carta arruffata mentre venivano strappati e capovolti. Alcuni studenti hanno scattato una foto digitale della lavagna e hanno continuato a non prestare attenzione alla classe mentre gli altri studenti ascoltavano attentamente l'introduzione della lezione. Quando Gumbert ebbe finito il suo secondo discorso, gli studenti universitari iniziarono ad andarsene.

Afrodite era in fondo alla fila verso la porta e Gumbert si sentiva fortunato per questo. Durante la lezione aveva riflettuto su ciò a cui lei stava scarabocchiando o pensando. A volte l'uomo anziano doveva fare un respiro profondo in modo da poter smettere di immaginare che la giovane volpe si stesse adattando per impedire che i succhi della sua figa le macchiassero il sedile.

Vide che era sbandata dietro la mandria e prese la decisione di saltare attraverso la finestra delle opportunità. Con le articolazioni scricchiolanti, Gumbert si alzò dalla sedia e andò in fondo alle scale in modo da poter incontrare l'Afrodite di questo semestre.

«Salve signorina» disse con un tono di arroganza. Afrodite alzò lo sguardo scioccata, altre trecce le incorniciavano il viso. Il suo cardigan rosso pendeva sotto il denim scuro dei suoi jeans sorretto dalla cintura marrone scuro che teneva ordinatamente la sua abbottonatura bianca.

"Ciao", rispose senza mezzi termini, dimenticando momentaneamente le sue maniere e ignara che il suo professore voleva piantare la bocca sulla sua scollatura esposta. “Sono Lexi. C'è qualcosa di cui volevi parlarmi, signore?" chiese il giovane studente con statura irrequieta.

Gumbert si inumidì le labbra, permettendo ai suoi occhi di guardare il piccolo rigonfiamento del suo ventre appena sopra la cintura prima di darle una risposta. «Sembra che lei stia seguendo la lezione in modo piuttosto equo, signora...»

"Michelle".

"..SM. Michela. Devo ammettere che sembri un po' giovane per la maggior parte dei miei studenti”, suggerì il professore, facendo sembrare che fosse nei guai. Gumbert non si preoccupò di pensare a come avrebbe potuto reagire la ragazza e rimase sbalordito nel vedere un adorabile rossore di rabbia abbellire le sue guance mentre l'acqua si raccoglieva ai suoi angoli.

La sua reazione le rese uno spettacolo di bellezza intoccabile, ma lui fu preso dal panico per le lacrime. Le lacrime iperattive gli hanno reso i nervi insensibili. “Scusa, non volevo turbarti. So che il primo giorno è duro, ma non c'è niente su cui piangere", corresse Gumbert al suo studente, tentando di esprimere preoccupazione.

Lexi ha imbrattato la sua ombra quando si è asciugata la lacrima. “No, no: stai bene. So di sembrare giovane, voglio dire che ho compiuto 18 anni solo pochi mesi fa. I miei ormoni stanno solo agendo dalla mia gravidanza. Sono passati quasi 3 mesi, lo sono!” si offrì l'adolescente mentre si tamponava un fazzoletto accartocciato contro la pelle.

"Beh, congratulazioni", esclamò Gumbert, sperando che Afrodite non esitasse a tradire, se avesse avuto un fidanzato. "Il tuo fidanzato è un uomo fortunato."

“Non ho un fidanzato? Non ho nemmeno un ragazzo! Il padre non era pronto per essere padre. Non lo biasimo nemmeno io; la rottura del preservativo non è stata colpa sua.

Il silenzio coprì i due per alcuni imbarazzanti secondi mentre Lexi tirava su col naso. Per essere una ragazza abbastanza intelligente da potersi iscrivere al college, era completamente ignara dell'uomo di mezza età che non riusciva a distogliere lo sguardo dalla profonda scollatura che portava direttamente ai jeans attillati.

Lexi tirò un sospiro prima di scendere le scale, pronta per arrivare alla sua prossima lezione. Pensando velocemente, Gumbert la fermò e la invitò nel suo ufficio. Senza nemmeno chiedersi il motivo per cui voleva vederla, Lexi acconsentì e lo seguì in un back office.

“È un peccato che tu non abbia una controparte maschile per aiutare con il bambino. Naturalmente, c'è sempre tempo per te per trovare qualcuno di nuovo. Immagino sia un'orribile grata sui tuoi nervi", disse il professore mentre il suo bersaglio si accomodava su una delle sedie.

Il suo sguardo intravide l'orologio: "Uh, sì. Gli ormoni fanno peggiorare i miei sbalzi d'umore di dieci volte. È interessante passare da una vertiginosa nausea all'eccitazione di una troia del campus".

I due ridacchiarono mentre Gumbert pensava che la sua Afrodite fosse una puttana per lui. Un piccolo formicolio nella sua regione pelvica si trasformò in un continuo brusio di lussuria, la sua asta cominciava ad allungarsi.

"Essere la troia del campus è presumibilmente una vita divertente", ha commentato con nonchalance, sedendosi dietro la scrivania. La sua agitazione per il suo commento non è passata inosservata, la specifica rotazione dei suoi fianchi gli ha permesso di pensare che si stesse aggiustando la fica inumidita a causa della sua speculazione. Piccole protuberanze sorsero dove Gumbert presumeva che fossero i suoi capezzoli, confermando i suoi sospetti.

“Ho sentito dal fratello maggiore di un amico che lo era. Certo, il pensiero può eccitarmi quando i miei sbalzi d'umore si trasformano in lussuria", arrossì la giovane futura madre.

"Hai mai pensato di dilettarti nello stile di vita?" Le sopracciglia di Gumbert si sollevarono alla domanda.

Gli occhi di Lexi si spalancarono mentre sentiva la proposta sottostante alla sua domanda. Non sentiva i lanci di una notte appassionata innescata dal tocco di un uomo da quasi 3 mesi e stava impazzendo per la voglia di farsi scopare. Ora stava pensando all'ultima scopata che aveva vissuto e ora stava immaginando il suo professore al posto del suo ultimo amante.

Con i succhi che scorrevano dalla sua fessura rosa, Lexi alzò le spalle nel tentativo di far sembrare l'idea normale. "Non ci ho davvero pensato", ha detto.

I suoi capezzoli si erano induriti ancora di più adesso, le protuberanze chiaramente visibili dalla sua posizione. Ora, la sua figa era così bagnata che si muoveva costantemente sulla sedia, un nuovo rossore che le tingeva le guance.

“Beh, prenderesti mai in considerazione di provarlo? Una donna sexy come te farebbe sicuramente fatica a trovare volontari,” le sorrise.

"Signore, sta suggerendo di essere uno di quei volontari?"

"Solo se vuoi un buon voto in questo corso, Lexi."

L'adolescente non poteva credere che le stesse succedendo, ma lo vedeva come l'occasione perfetta per alleviare la sua eccitazione repressa. Senza nemmeno pensarci, Lexi si alzò in piedi e lasciò cadere la borsa a terra, con un tintinnio che risuonava nella stanza mentre si toglieva il cardigan dalle spalle. In un altro minuto si stava sbottonando la camicia.

La sua pelle arrossata brillava alla luce del suo ufficio mentre Gumbert non si preoccupava di nascondere i suoi occhi fissi. Il suo sguardo delineava le curve interne dei suoi seni paffuti, giudicando che i tumuli fossero perfettamente adatti alla sua mano.
Gumbert oziava sulla sua sedia mentre guardava la ragazza che gliela faceva passare sopra la scrivania, l'ondeggiare dei suoi seni pendenti lo ipnotizzava. La sua trance era sconvolta dalla sua mano snella che tirava la cerniera dei suoi pantaloni, l'enorme tenda del suo cazzo eretto che si intrometteva. La lunghezza della sua asta completamente eretta, ondeggiava alla sua libertà prima di essere stretta nella mano morbida di Lexi.

Chiuse gli occhi con un sorriso sul viso con i primi colpi del palmo di lei, la sensazione della sua pelle sulla sua verga calda lo rendeva più duro. Non passò molto tempo prima che le sue labbra dipinte fossero avvolte attorno alla sua circonferenza, il calore umido della sua gola spalmava il suo cazzo palpitante con la sua saliva scivolosa.

La bocca calda e bagnata di Lexi piacque all'asta di Gumbert, la sua lingua che rotolava sapientemente intorno alla punta. I suoi fianchi stavano pompando nella sua bocca mentre i suoi gemiti iniziavano a salire. Le sue ciocche scure ora si erano districate dal suo chignon disordinato e le pendevano lungo la schiena in grandi riccioli.

"Ecco fatto, piccola troia incinta, succhiami il cazzo del cazzo", sputò Gumbert al suo studente. "Un lavoro del cazzo per quel grado." Un piccolo strattone al cuoio capelluto di Lexi le fece capire che la sua mano si stava impigliando tra i suoi capelli. Adesso era il lavoro della sua mano che le faceva muovere la testa su e giù sul suo membro rigido.


"Ooh sì, fica arrapata. Mmm, mettiti quel cazzo in gola, stupida puttana." Gumbert le stava sibilando a denti stretti, l'assalto di un orgasmo imminente che ribolliva dentro di lui.
Il suo cazzo palpitante si sincronizzava con la sua fica succosa, le sue pareti spasmodiche impazzivano mentre la sua lingua volava sul suo albero sensibile. Sapeva che la sua verga eccessivamente palpitante era il segno rivelatore del suo inizio dell'orgasmo. Quando la prima corda di sperma le ha sparato in gola, Lexi ha succhiato avidamente più forte, concedendosi abbastanza spazio per ingoiare il delizioso liquido in gola.

Dopo numerosi colpi dalla punta della sua testa di cazzo, Lexi continuava a succhiare il cazzo ancora duro del suo anziano professore; anche se avesse voluto smettere di succhiargli il cazzo, non poteva a causa della sua mano che spingeva. Per minuti, ha continuato il suo lavoro di succhiargli il cazzo, togliendosi con successo il reggiseno e la cintura dal corpo. Quando un nuovo carico di sperma stava facendo il centro del suo albero, Gumbert ha tirato fuori la ragazza dal suo inguine e l'ha fatta stare nuda di fronte a lui.

La forma nuda della sua Afrodite brillava nella scheggia di luce solare nell'ufficio, i suoi seni gonfi che fluivano nella curva del suo stomaco in crescita e si riversavano sulle sue gambe snelle. Deliberatamente, Gumbert le strinse la mano forte intorno alla vulva umida. La dolce ragazza ha leccato il palmo della mano del professore mentre si radicava dolcemente nel suo tumulo scivoloso.

Lexi tubò e sospirò di piacere mentre il suo insegnante dava piacere alla sua fica solitaria. Ha allargato le gambe per permettere alle sue grosse dita di entrare nel suo tunnel e massaggiare le pareti interne vellutate della sua figa.

Una volta che due delle sue dita furono dentro il suo calore, le spinse dentro e fuori, strofinandole delicatamente le pareti. Con solo pochi colpi delle sue dita penetranti, Lexi iniziò a rimbalzare e rotolare i fianchi, desiderando più delle sue dita dentro di lei.

"Lo so che ti piace," sussurrò con voce roca prima di leccarle i capezzoli duri. "Dimmi cosa vuoi Lexi."
Nessuna risposta è stata data per alcuni istanti mentre Lexi si godeva la sensazione delle sue dita che riempivano il suo squarcio lubrificato. "Oh, per favore," implorò attraverso i pantaloni, "Per favore, conficcami il tuo cazzo! Per favore, fammi rimbalzare su e giù sul tuo cazzo Mr. Gumbert."

Gumbert sorrise alla sua studentessa e tirò fuori le dita dalla stretta caverna delle sue parti intime solo per schiaffeggiarle il clitoride eretto. Lexi rimase senza fiato per lo schiaffo e gemette quando la mano del suo professore atterrò ancora e ancora sul suo clitoride palpitante.

L'altra mano afferrò il suo cazzo affamato di fica e tirò i suoi fianchi larghi verso di lui, le ginocchia che cadevano a cavallo della sua vita. I loro inguini scivolosi si strofinavano l'uno contro l'altro, la sua fessura inzuppata si apriva per abbracciare la punta del suo cazzo. Le sue profondità gli succhiarono il cazzo dentro ei due gemettero all'unisono.

Lexi rotolò i fianchi mentre il suo professore le schiaffeggiava la mano contro il culo. Il globo del suo culo tremolava ad ogni suo rimbalzo, ad ogni suo schiaffo le oscillazioni si moltiplicavano. I loro fianchi oscillavano avanti e indietro l'uno contro l'altro, le tette gonfie della giovane ragazza rimbalzavano felici ad ogni mossa.

Gumbert gemette mentre le sue mani tiravano il corpo di Lexi sul suo cazzo. I loro succhi riempivano la stanza di un odore di sesso, un po' della loro miscela macchiava il cavallo dei suoi pantaloni. Alcuni dei succhi giovanili di Lexi sono scivolati dal suo clitoride orgoglioso e sulla parte anteriore della sua maglietta, lo sfregamento del suo bocciolo sensibile che ha reso i suoi gemiti più frenetici.

«Oh, professor Gumbert! Il tuo cazzo si sente così bene nella mia fica stretta! Mmm fammi venire il mio culo incinto per venire su tutto il tuo cazzo,” la ragazza implorò freneticamente mentre il suo corpo rimbalzava più forte, ottenendo la sua lunghezza abbastanza profonda da sentire la sua cervice urtata dalla sua punta.

La sua bocca si strinse sul sassolino rosa della sua tetta mentre i suoi fianchi si piegavano più forte nella sua fessura accogliente. Con solo altre tre spinte, Gumbert ha rilasciato un nuovo carico del suo sperma nel suo grembo incinta. Potenti zampilli eruttarono dal suo orgasmo, i genitali della coppia si unirono a una febbre passionale
.
Le pareti di Lexi massaggiavano e mungevano il cazzo del suo professore con gusto, il suo stesso orgasmo innescato dalle corde del suo sperma. La sborra scese lungo il cazzo immobile di Gumbert e gli coprì la pelle con i succhi d'amore, il suo corpo teso che si contraeva contro le sue spalle cadenti.

I due rimasero accasciati l'uno contro l'altro, riprendendo fiato. Si tennero stretti l'un l'altro, l'odore del sesso aleggiava ancora su di loro. Per un breve periodo, i due furono amici intimi che avevano condiviso un forte legame; quella connessione si è interrotta quando hanno sentito il cazzo bagnato di Gumbert scivolare dal buco di Lexi.

Dopo la sua scivolata, il resto del tempo sembrò dissolversi in una confusione. In quelli che sembravano essere secondi, Lexi si era pulita dallo sperma, si era infilata tutti i vestiti e aveva raccolto le sue cose. Un altro secondo è passato e la studentessa si è scortata fuori dall'ufficio, lasciando il suo professore a sistemarsi prima di andare alla sua prossima lezione

Storie simili

Una ragazza di nome Areola Parte 06

Una ragazza di nome Areola e sua sorella di nome Beaver di Vanessa Evans Come al solito, è meglio leggere le parti precedenti prima di questa. Parte 06 Pigiama party da Jade Non avevamo idea di cosa avremmo fatto mentre eravamo lì, o cosa avremmo dovuto indossare, quindi abbiamo buttato una varietà di vestiti e altre cose in una piccola valigia e l'abbiamo messa in macchina. Poi abbiamo passato un'oretta in bagno facendoci apparire al meglio e sfogando un po' di eccitazione in ognuno di noi. Abbiamo indossato una gonna e una canotta, le gonne erano minigonne, non micro-mini, e le...

324 I più visti

Likes 0

The Futa Fairy - Futa Doctor's Hot Wish Capitolo 1: Futa Desire della dottoressa Rita

La Fata Futa - Il caldo desiderio del dottore Futa Capitolo uno: Il desiderio futa della dottoressa Rita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 Era passato un mese da quella fatidica mattina in cui imparai qualcosa di impossibile. Qualcosa di straordinario. Qualcosa che mi faceva bagnare la figa quasi ogni mattina quando sprofondavo nel sonno durante il giorno. Sì, il giorno. Ho fatto il turno di notte al St. Claire's Hospital. Un mese fa, ero stato fermato dal poliziotto futa, l'agente Cindy. Il solo pensiero di quella futa prepotente ha reso la mia figa così bagnata. Rabbrividii nel mio camice...

160 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

385 I più visti

Likes 0

La moglie di Rick parte 5 di 6

La storia del mio amico La moglie di Rick 5 (5 di 6) La scena: Bendata, ero in ginocchio sul soggiorno pavimento, le ginocchia divaricate, l'inguine stretto contro il sedere di Linda, la mia moglie, anche lei inginocchiata e seduta sui talloni. Linda, dentro volta, era inginocchiato tra le gambe tese di William, che seduto sul nostro divanetto. Ora, immagina questo: io, il signor eterosessuale, mi stavo sporgendo in avanti con le braccia intorno a mia moglie. La mia mano sinistra era posta su quella di Linda mano sinistra che strizzava e massaggiava le palle di William. Il mio diritto la...

225 I più visti

Likes 0

Incontri sessuali di un giovane - 26 – Prima notte di sesso con Rupali

Incontri sessuali di un giovane uomo- 26 – Trio con Rupali e Manavi. La storia è di uno dei miei amici Montu Kumar inizia intorno all'anno 2011-12, circa 7-8 anni indietro dal tempo presente. È diventato amico di me durante una sfilata di moda a Delhi.. Dove era l'Event Planner. Mi ha raccontato la sua storia durante i nostri numerosi incontri. Questa è una storia di sesso a tre con Rupali e Manavi La storia è di uno dei suoi amici Montu Kumar inizia intorno all'anno 2011-12, circa 7-8 anni indietro dal tempo presente. È diventato amico di me durante una...

411 I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

446 I più visti

Likes 0

Vicini cattivi_(1)

Mi sono svegliato la mattina dopo con il luminoso sole mattutino di luglio che entrava dalla finestra. con un sorriso stampato in faccia ma ho ancora un leggero senso di colpa nello stomaco dalla sera prima. Mi sono girato per controllare l'ora e ho notato che Tony stava ancora dormendo. Erano le 8.50 di mattina. Mi alzai dal letto e mi tuffai subito nella doccia. Una volta fuori, con un asciugamano addosso, scesi le scale per farmi una tazza di caffè. In piedi in cucina, caffè in mano quando Andy stava tornando da una delle sue corse mattutine. Si era tolto...

352 I più visti

Likes 0

Moglie violentata in Sudafrica

Mia moglie Elaine ed io abbiamo fatto una vacanza in Sudafrica l'anno scorso e abbiamo deciso di provare a vedere quanto più possibile del paese. Abbiamo volato a Johannesburg e abbiamo trascorso un paio di giorni a guardarci intorno. Abbiamo ricevuto molti avvertimenti sui pericoli della città, capitale mondiale degli omicidi, e abbiamo preso taxi ovunque. Le township sono state un vero shock culturale ma con una guida e stando nei trasporti, non abbiamo avuto problemi. Abbiamo viaggiato a Port Elizabeth e abbiamo affittato un bungalow, era bellissimo. Ci siamo rilassati e probabilmente eravamo meno consapevoli di ciò che ci circondava...

415 I più visti

Likes 0

Dal negozio di alimentari a f

Ho guardato l'incredibile seduttrice da dietro pensando a tutte le cose sporche che le avrei fatto se ne avessi avuto la possibilità, che era esattamente come lo volevo. L'ho seguita da lontano e ho continuato a fare acquisti, o in questo momento per lo più facendo finta di farlo. Ero così perso nel corpo della ragazza adolescente di fronte a me che lo shopping per quello per cui ero venuto non sarebbe successo a causa della mia immaginazione iperattiva. Il fatto che il mio cazzo fosse duro come una roccia non aiutava, specialmente nei jeans attillati che indossavo. Speravo davvero che...

387 I più visti

Likes 0

Delizia del taglio

Frank si asciugò il sudore dalla fronte con il dorso del guanto e continuò a potare le rose di Seymour. Erano le 12:45 e, come un orologio, sentì Dee e la sua amica Tanya vagare nel giardino sul retro. Sbirciò da dietro i fiori e li vide camminare a piedi nudi verso il gazebo con un pranzo al sacco. Dee indossava il suo consueto abito leggero con stampa floreale. Il suo sorriso luminoso e i capelli dorati di seta di mais le davano una bellezza simile a una dea. Il suo vestito le abbracciava i fianchi e metteva in risalto le...

286 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.