Valli e montagne: capitolo 2

254Report
Valli e montagne: capitolo 2

[centro]2: La caccia.
mercoledì, 13 dicembre 2006, 22:00[/center]

Non so cosa mi sta succedendo. Sono troppo eccitato per un drink amichevole. Nuovo amico? Forse è così. È passato un po' di tempo dall'ultima volta che ho incontrato un nuovo volto.

Mi sono infilato i Calvins e ho frugato nell'armadio in cerca di qualcosa di decente. Mi sono fermato su un paio di pantaloncini Abercrombie e una maglietta nera. Terribile elegante per un mercoledì sera. Sapevo che era nella parte inferiore degli anni Cinquanta (freddo per la California del sud questa sera presto), ma non mi importava. È stato quasi come un incantesimo che mi ha messo sul pilota automatico da lì in poi. Un pilota automatico molto veloce. Qualunque sia la ragione, non potevano essere passati 5 minuti prima che fossi già nella mia nuovissima Camaro del 2006 gialla con strisce nere da corsa, a strillare fuori dal complesso.

Era a soli cinque minuti di macchina da The Hunt. Molti parcheggi sono stati abbandonati... Sembrava quasi morto dall'esterno. Ho parcheggiato nel primo posto accanto all'edificio, ho spostato la leva del cambio, ho inserito il freno di stazionamento e ho spento la Camaro. Ho sentito uno strano bisogno di sbirciare nello specchietto retrovisore prima di uscire. La porta sbatté, echeggiando sotto la pioggia. Ebbi un improvviso sibilo di inquietudine; il posto sembrava chiuso. Feci il giro dell'ingresso e dalla porta uscì un gigante... Be', almeno un metro e ottanta.

"Ti aspettavi?" grugnì.

"Uh. Sì. Jack Mitchell." Che razza di posto è questo? "Ti aspettavi?" Veramente?

"Jack ti sta aspettando. Dentro, a destra."

L'ho adocchiato per un momento. Non riuscivo a capirlo, ma c'era davvero qualcosa che non andava in lui. Annuii ed entrai.

Sono stato accolto da una musica fantastica all'apertura delle porte del bar principale. Suonava molto meglio all'interno di quanto sembrasse dall'esterno. Il barista sorrise e fece un cenno con la mano dall'altra parte della stanza. Ho dato il mio solito segno di "pace" e ho sorriso. Guardando più indietro, ho visto un volto familiare che mi fissava. Era strano... Gli occhi di Jack sembravano brillare di verde... E ancora più strano, quel bagliore mi accendeva, quasi come se accendessero un fuoco nelle mie vene. Ho attraversato il bar. Era pieno!

Solo quando ero a metà del bar mi sono reso conto di una cosa: gli occhi di tutti gli avventori, i baristi, le cameriere e i ballerini del bar sembravano brillare. L'ho agganciato alle luci nere, pensandoci poco. "Jack Mitchell?"

Jack aveva lo stesso aspetto che avevo ricordato. Molto in forma. Si potevano vedere i suoi muscoli delineati nella sua camicia grigia attillata. Indossava ancora lo stesso cappello da sci nero.

"Kaedan! Ho pensato che non avresti voluto perdere un giro di drink gratis. Sono felice di conoscerti finalmente dopo sei anni." Fece cenno al drink davanti a lui, alzando il suo.

"Diavolo no. Che cosa hai ordinato?" chiesi mentre ingoiavo un assaggio.

"Questa è solo una normale Long Island", annunciò quasi a malincuore.

Lo guardai con curiosità. "Contrariamente alla tua 'non normale' Long Island?"

"Sì." Ha bevuto un sorso.

Ooooook allora. "Quindi ti prendo a calci in culo in piscina adesso o dopo?" Ho schernito.

"Siediti, rilassati un attimo! La pioggia ti aspetterà quando te ne andrai, senza fretta! Sono solo le dieci e mezza. Siamo appena arrivati."

"Va bene, bello." Ho preso un altro sorso. Era dannatamente buono.

Questa volta, potrei dire che in realtà mi stava fissando con certezza, occhi di giada che scrutavano la mia anima. Non disse nulla per un'eternità, sembrava... E, stranamente, mi andava bene. Normalmente avrei iniziato a divagare.

Odiavo ammetterlo a me stesso, ma Jack era CALDO da morire. Non mi ero mai ancorato tanto quanto bisessuale, ma accidenti. Era sensuale. Sentivo i palmi delle mani iniziare a sudare, il battito cardiaco aumentava. Più a lungo ci fissavamo l'uno sull'altro, più lui sembrava caldo. La sua mascella era come se fosse stata realizzata da un esperto scalpellino. Angoli perfetti, i suoi peli sul viso sono tagliati in un sottile sottogola che delinea questa caratteristica. Non aveva nemmeno una macchia sulla sua pelle pallida e liscia. Le sue labbra erano sottili... e invitanti. Il suo petto renderebbe istantaneamente una donna bagnata di lussuria e un uomo duro di invidia; i pettorali si gonfiavano in quella maglietta, lo scollo a V mi lasciava intravedere i peli corti e scuri del petto ben curati.

Alzai il bicchiere per prendere un altro drink e scoprii che era già vuoto. Essendo incantato come me, un cubetto di ghiaccio scivolò fuori dal vetro e mi scese in gola. Ho soffocato, tossendo la causa in grembo a Jack. Scoppiò a ridere. Almeno ha il senso dell'umorismo...

Mentre si spostava all'indietro sulla sedia, non potei fare a meno di notare che i suoi quattro canini erano anormalmente lunghi... e appuntiti. Ancora una volta, non so perché, ma l'ho trovato estremamente sexy. Sembrava fosse perfetto.

Jack terminò la sua risata e scherzò: "Sai come iniziare una conversazione, va bene".

Ho sorriso imbarazzato. "Sì, beh, neanche tu sei un grande in conversazione. Ti piacerà succhiarmi il sangue con quelle tue zanne?"

La stanza si zittì all'istante. Gli abitanti si trascinarono per fissare la mia direzione. Ho sentito ogni cellula del sangue fuggire dalla mia faccia per la paura. Non sarei stato sorpreso se ogni singola persona al bar mi stesse fissando.

Jack mi derise piano, lanciandomi un'occhiataccia, poi scoppiò a ridere, più forte di prima. Qualunque cosa fosse appena accaduta, sembrava neutralizzare il danno. Il bar è tornato alla sua precedente atmosfera amichevole e non giudicante. Ero senza parole. In che cazzo mi sono cacciato?!

Si zittì e tracannò il resto del suo drink. Mi scrutò, socchiudendo in modo dannato l'occhio sinistro. Il suo viso si addolcì. Lui sorrise. "Avrei davvero dovuto spiegarti un po' prima di invitarti qui. È colpa mia. Vuoi andare da qualche altra parte? Non voglio che ti senta a disagio, anche se mi rendo conto che probabilmente è troppo tardi per quello..."

Duh.

"Sto bene, amico, ma vuoi darmi un indizio? Che cazzo ho detto per farglielo fare?" chiesi, indicando sottilmente tutti gli altri nel bar.

"Sì. È giusto." La sua voce si calmò fino a diventare un semplice sussurro. "Semplicemente non dire 'sangue' o 'vampiro' qui. Non prendiamo molto bene quest'ultimo termine, e alcuni di loro hanno fame dopo il sonno quotidiano. Vedi, questo equivale all'ora di pranzo per noi ."

Che cosa. Noi? Noi? Noi chi? Noi tu? Noi io? Noi loro? Co-cosa? Sono diventato confuso.

Jack sorrise gentilmente. "Lo so amico, avrei dovuto dirtelo in anticipo. Non pensarmi diverso solo perché sono 'non morto' come lo chiamereste." La sua voce si calmò di nuovo. "Oh, e se vuoi dire 'la parola V', per favore sostituiscila con lavoratore di terzo turno o festaiolo a tarda notte o qualcosa del genere... sii creativo. Alcuni di loro, in particolare Derek" - fece cenno a un uomo all'estremità del bar - "odio il termine, grazie all'industria cinematografica. È un insulto razziale. A parte questo, sii te stesso! Non siamo socialmente diversi".

Tornai in me, illuminato dal suo discorso, anche se ancora a disagio. "Ok, non mi stai prendendo in giro... sei davvero un va-yama-pomma-lama... 'terzo cambio'? Se capisci cosa intendo."

"Sì." Jack fece cenno alla cameriera. "Ti darò un secondo giro per farti perdonare. Suona bene?"

"Finché posso prenderti a calci in culo."

"Il mio culo è tutto tuo, stallone. Forza."

Non sapevo come prenderlo. Si è imbattuto in un vampiro gay proprio lì. Qualunque cosa, alcol gratis. mi occuperò io.

La cameriera fece sedere delicatamente i nostri drink davanti a noi, sorrise allegramente e saltò via, le tette che rimbalzavano magnificamente. Jack alzò il bicchiere, bevve un sorso e si alzò dalla sedia. Mi sorrise. "Beh, cosa stai aspettando? Prendi il tuo drink e portalo nella sala da biliardo così posso mostrarti cos'è l'abilità."

Aww, diavolo no, non mi ha appena sfidato! Sta andando giù. Ho alzato un sopracciglio, facendogli un sorrisetto, ma il sorrisetto è svanito quando ho capito il problema che stavo affrontando ora... Avevo un ramo che mi pugnalava i pantaloncini dall'interno, urlando per sfuggirgli, e non stava prendendo "no" per una risposta.

Apparentemente Jack era ignaro di questo - grazie a quei fottuti dei - ma dalla sua espressione curiosa potevo dire che sapeva che stava succedendo qualcosa... senza rendersi conto che ero io. "Qualcosa non va, Kaedan? La tua sedia ti ha inghiottito o stai facendo marcia indietro?" Sorrise dolcemente.

Ora che sapevo cosa fosse, non potevo smettere di guardargli i denti mentre sorrideva o rideva. Quelle zanne erano così... naturali a guardarlo. Non facevano sporgere le sue labbra e nemmeno lasciavano intendere che esistevano mentre la sua bocca era chiusa. E i suoi denti erano di un bianco brillante che pensavo esistesse solo nei film, integrando la sua pelle pallida, anche se in qualche modo abbronzata in modo sincrono. Avevo la sensazione che nel prossimo futuro avrei imparato molto di più sui vampiri... Più come un bisogno di imparare qualcosa su di loro... In particolare Jack. Tutto ciò che avevo mai sentito nella mitologia aveva ancorato i vampiri come questi animali impazziti per il sangue, bramando costantemente l'essenza della vita, eppure eccomi qui in un Vampo-Bar con un vecchio compagno di classe che si diverte come farei altrove, anche contando le interruzioni avevo causato.

"Cazzo no, non mi sto tirando indietro. Te l'avevo detto che ti avrei posseduto." Ho esitato un momento, poi ho infilato rapidamente la mia mano destra nei miei pantaloncini, ho afferrato il mio cazzo e l'ho infilato nella gamba dei miei pantaloni. Merda. Qualunque cosa. Siamo ragazzi. Otteniamo rocce in momenti casuali. E FA SCHIFO!

Saltai dalla sedia, afferrai il mio drink (che era incredibilmente meglio di quello appena prima) e spinsi giocosamente Jack nel sedere verso i tavoli... scoprendo che aveva i glutei più stretti su cui avessi mai messo le mani. Rise, seguendo il mio ruolo.

E poi mi ha annegato. Stavo già ronzando hardcore, dopo un drink più un sorso del secondo. Quelle isole lunghe erano la MERDA! Voglio la loro ricetta del mix. Ho sorriso demoniaco.

Gli ho spinto l'inguine nell'angolo del tavolo - per caso, lo giuro - e l'ho piegato sul letto del tavolo da biliardo. Lo sentivo ridere di me... Abbastanza sicuro che sapesse della mia improvvisa disabilità. Si girò e si alzò in piedi, stabilendo immediatamente un contatto visivo con me. Quegli occhi... quegli scintillanti occhi di giada... mi hanno trafitto il cuore e l'anima come non mi ero mai sentito. Mi sentivo euforia guardandoli dentro.

Jack ridacchiò. "Vedo che ti sei calmato un bel po'. Sono contento, anche se vorrei che non fosse necessario perché sei un peso leggero!" Ha deriso.

"Amico, stai andando giù. Tirali su. Il mio colpo."

Esitò un momento, mantenendo la sua postura e lo sguardo primordiale. Si avvicinò a me, interrompendo il contatto visivo. I suoi occhi si posarono sul mio petto, si fermarono un momento e tornarono ai miei. Alzò un sopracciglio, regalandomi di nuovo quel sorriso sensuale. "Capisco di cosa si trattava il tuo trambusto." Gli fece l'occhiolino sornione, si voltò verso il tavolo e cominciò a collezionare il biliardo.

Ho guardato il mio inguine e ho sentito la mia faccia diventare un forno. Forza amico, non è giusto! Vai, cazzo, GIÙ, non più SU! Gesù Cristo. Penserà che sono uno strano cane cornuto. Mi voltai verso il muro, aggiustai ANCORA il mio pacco e cercai di riguadagnare la compostezza che mi era rimasta. Ho preso il mio drink dal tavolo vicino e ho preso un sorso rinfrescante. Molto meglio.

Raggiunsi Jack, con il bastone da biliardo in mano. Mi guardò. "State tutti bene? Non riesco a immaginare com'è avere un'erezione di fronte a uno sconosciuto. Dev'essere mortificante!" Ha scherzato.

"Amico, sul serio? Non hai mai avuto questo problema? Sei una bugia." Ho preso il mio bastone e ho segnato la punta con il gesso. "Allora quanto sei bravo?"

"Quanto sono bravo?" Ridacchiò. "Beh, che domanda schietta. Dovrai solo scoprirlo da solo." Prese la mira con la stecca, alzando lentamente gli occhi dalla mira verso di me, senza muovere la testa dalla postura. Quello sguardo mi ha quasi portato oltre il limite. Potevo solo vedere il semicerchio inferiore dei suoi vibranti smeraldi, che mi sorrideva in qualche modo.

WACK.

Le palle giravano in ogni direzione; una pausa perfetta… e non stava nemmeno guardando il tavolo! Mi è caduta la mascella. Ecco il 3-Ball, angolo sinistro... 5, centro sinistro... 2, angolo destro... Ecco il 7. E il 6... E in qualche modo, le mie strisce sono state appena spostate dal centro.

Le palline 1 e 8 hanno rallentato i loro giri vertiginosi... con l'1 che si è accoccolato contro la tasca d'angolo, desideroso di rotolare dentro, e l'8 che si è allineato maestosamente dietro di esso, allineandosi con la tasca che fa cenno. Batté la stecca sul pavimento di pietra, vi appoggiò il viso sulle mani e mi rivolse uno sguardo inspiegabile... Quasi come stesse dicendo Ti arrendi, o vuoi umiliarti?, ma in modo carismatico, quasi tono romantico.

Whoa, whoa, whoa - non quasi come stava dicendo - me l'ha detto senza muovere le labbra. Giuro che l'ha fatto. L'ho sentito. Non era la mia immaginazione. Sono così ubriaco? Lo fissai per un momento, inespressivo. Alzai il bicchiere e ne bevvi un sorso abbondante, con gli occhi impassibili.

Jack sorrise dolcemente, dirigendosi verso la tasca d'angolo. Abilmente, ha frustato la stecca dietro di sé, si è piegato all'indietro sul tavolo e ha puntato bruscamente la stecca verso la bilia 8. "Tasca ad angolo", suonò. Facendo schioccare il suo braccio destro a sinistra, la sfera d'ebano schizzò via dalla punta della stecca, sbattendo 1 nel foro, subito dopo. Non ho avuto alcuna possibilità.

Si chinò all'indietro e si sdraiò sul tavolo da biliardo, sorridendomi a testa in giù dall'altra parte del tavolo. La sua camicia si alzò leggermente per rivelare una folta scia di capelli ben curati che scendeva verso il basso. Il mio sguardo lo seguì. "Due su tre?" ridacchiò.

Fissai il suo inguine, leggermente gonfio, e trangugiai il resto del mio drink. Dovrei giocare a biliardo quando vedo due di lui su tre? L'inferno è in queste bevande...? Mi chiedo cosa ci sia in quei pantaloni... "No, amico, sto bene. Quindi, uh... hai una ragazza?"

Maaaaaaaaaan, che cazzo sto pensando, chiedendo stronzate del genere? Imbiancai e fissai i miei sandali, mescolandoli leggermente con disgusto per me stessa. Lo sentii alzarsi e voltarsi verso di me. Guardai imbarazzato verso di lui, incontrando uno sguardo curioso e dolce. "Nah," rispose lui dolcemente.

Si alzò dal tavolo da biliardo, aggiustandosi la maglietta per perfezionare il suo look, nascondendo la scia del tesoro, e fece il giro del tavolo, fermandosi un piede davanti a me. Potevo sentirlo analizzare il mio intero corpo, iniziando con il viso, scendendo il busto, fermandosi alla vita, all'inguine, poi lentamente tornando indietro per incontrare i miei occhi. "Tendo a preferire il tipo più... maschile." Mi fece l'occhiolino innocentemente e mi colpì delicatamente la spalla con un pugno.

Storie simili

Moglie violentata in Sudafrica

Mia moglie Elaine ed io abbiamo fatto una vacanza in Sudafrica l'anno scorso e abbiamo deciso di provare a vedere quanto più possibile del paese. Abbiamo volato a Johannesburg e abbiamo trascorso un paio di giorni a guardarci intorno. Abbiamo ricevuto molti avvertimenti sui pericoli della città, capitale mondiale degli omicidi, e abbiamo preso taxi ovunque. Le township sono state un vero shock culturale ma con una guida e stando nei trasporti, non abbiamo avuto problemi. Abbiamo viaggiato a Port Elizabeth e abbiamo affittato un bungalow, era bellissimo. Ci siamo rilassati e probabilmente eravamo meno consapevoli di ciò che ci circondava...

415 I più visti

Likes 0

Una ragazza di nome Areola Parte 06

Una ragazza di nome Areola e sua sorella di nome Beaver di Vanessa Evans Come al solito, è meglio leggere le parti precedenti prima di questa. Parte 06 Pigiama party da Jade Non avevamo idea di cosa avremmo fatto mentre eravamo lì, o cosa avremmo dovuto indossare, quindi abbiamo buttato una varietà di vestiti e altre cose in una piccola valigia e l'abbiamo messa in macchina. Poi abbiamo passato un'oretta in bagno facendoci apparire al meglio e sfogando un po' di eccitazione in ognuno di noi. Abbiamo indossato una gonna e una canotta, le gonne erano minigonne, non micro-mini, e le...

327 I più visti

Likes 0

La ragazza dietro il muro

Ero al secondo anno di college quando l'ho incontrata. Kacey viveva nel dormitorio accanto a me, ma non l'avevo mai vista. La conoscevo solo dal nome sulla porta e da quello che ho sentito quella prima notte. Mi sono seduto nel mio letto preparandomi per andare a dormire. Accanto al letto fu spinto contro il muro, e fu allora che l'ho sentito; un gemito morbido e sexy dall'altro lato del muro. Ho spazzato via il primo suono ma quando ho sentito il secondo, un po' più forte e più a lungo, ho iniziato a immaginare il creatore di questi piccoli rumori...

77 I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

448 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

388 I più visti

Likes 0

La moglie di Frank parte 5

La moglie di Frank parte 5 Il viaggio di Jim Ritorno al Sexy Shop storia di: SindyxSin Jim riporta Kathy al sexy shop. NOTA DELL'AUTORE: Questa è una storia sessuale continua. Potrebbe avere del sesso rude e non dovrebbe essere letto da persone che non amano quel tipo di sesso. Non è per tutti, dolore, umiliazione e altri atti sessuali usati per degradare una persona non per tutti. Se questo ti eccita, sono felice, ma per favore non provare nulla di tutto questo su partner riluttanti. Le storie che precedono questa sono; Moglie Franchi, 1,2,3,4. Con l'aiuto di Frank e di...

328 I più visti

Likes 0

Delizia del taglio

Frank si asciugò il sudore dalla fronte con il dorso del guanto e continuò a potare le rose di Seymour. Erano le 12:45 e, come un orologio, sentì Dee e la sua amica Tanya vagare nel giardino sul retro. Sbirciò da dietro i fiori e li vide camminare a piedi nudi verso il gazebo con un pranzo al sacco. Dee indossava il suo consueto abito leggero con stampa floreale. Il suo sorriso luminoso e i capelli dorati di seta di mais le davano una bellezza simile a una dea. Il suo vestito le abbracciava i fianchi e metteva in risalto le...

288 I più visti

Likes 0

Le conseguenze 5

Jim stava camminando avanti e indietro per un'ora, dopo aver distrutto la loro flotta d'invasione, erano partiti dopo il unica nave rimasta della flotta Krang. Mary e Amber lo avevano osservato per quasi tutto il tempo Jim se non lo fai Siediti, ti farò fuori di testa, non posso sopportare molto di più del tuo ritmo,” Mary quasi ringhiò. Jim si sedette rapidamente sulla sedia di comando cercando di non guardare Mary, scusa Mary, odio questa attesa, è vero niente a portata di mano su cui non fare nulla su cui lavorare, sai che odio essere inattivo. Mi rendo conto che...

155 I più visti

Likes 0

The Futa Fairy - Futa Doctor's Hot Wish Capitolo 1: Futa Desire della dottoressa Rita

La Fata Futa - Il caldo desiderio del dottore Futa Capitolo uno: Il desiderio futa della dottoressa Rita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 Era passato un mese da quella fatidica mattina in cui imparai qualcosa di impossibile. Qualcosa di straordinario. Qualcosa che mi faceva bagnare la figa quasi ogni mattina quando sprofondavo nel sonno durante il giorno. Sì, il giorno. Ho fatto il turno di notte al St. Claire's Hospital. Un mese fa, ero stato fermato dal poliziotto futa, l'agente Cindy. Il solo pensiero di quella futa prepotente ha reso la mia figa così bagnata. Rabbrividii nel mio camice...

164 I più visti

Likes 0

Incontri sessuali di un giovane - 26 – Prima notte di sesso con Rupali

Incontri sessuali di un giovane uomo- 26 – Trio con Rupali e Manavi. La storia è di uno dei miei amici Montu Kumar inizia intorno all'anno 2011-12, circa 7-8 anni indietro dal tempo presente. È diventato amico di me durante una sfilata di moda a Delhi.. Dove era l'Event Planner. Mi ha raccontato la sua storia durante i nostri numerosi incontri. Questa è una storia di sesso a tre con Rupali e Manavi La storia è di uno dei suoi amici Montu Kumar inizia intorno all'anno 2011-12, circa 7-8 anni indietro dal tempo presente. È diventato amico di me durante una...

414 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.