RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

1.6KReport
RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

RASANDO LE GAMBE E LA FIGA DEI MIEI COMPAGNI

È puramente immaginario ma basato su un incidente realmente accaduto, ma il personaggio è reale ed è un'ex fidanzata in Thailandia.
Spero che la storia ti piaccia.
.................................................. .................................................. ..........

Tornando a casa un giorno ho trovato la mia coinquilina Tan che stava frugando nell'armadietto del mio bagno. Questa è la storia che seguì.
Tan ha 34 anni e io ne avevo quattro in più ed è per questo che andavamo così d'accordo che ci prendevamo cura l'uno dell'altra che spesso sfilava in mutande, tranne quando veniva il suo ragazzo.

“Merda Barry, mi hai spaventato a morte! Scusa, ho finito i rasoi e devo radermi le gambe per uscire stasera con il mio ragazzo. Ne hai uno di riserva che potrei avere, per favore?

"C'è un nuovo pacchetto sotto il lavandino." Le ho detto.

"Grazie. Odio farlo, è la parte posteriore delle gambe con cui ho sempre problemi.

“Beh, sai che sono un'infermiera. Vedo corpi di donne tutto il giorno; se hai bisogno di una mano dimmelo. Posso farlo più velocemente di te e probabilmente meglio. dissi sorridendo.

"Si Giusto." disse andando nella sua stanza per spogliarsi. "Avrò bisogno del bagno tra 5", ha chiamato. "Fai una doccia veloce e poi entro."

"Ok nessun problema."

O la mia doccia è durata più di cinque minuti, oppure è stata MOLTO più veloce dato che ero ancora sotto la doccia quando è appena entrata. "Scusa, devo fare pipì!" si è appena buttata sul water e ha iniziato a fare pipì, l'aveva fatto solo due volte prima ed era allora che era ubriaca. Potevo vederla chiaramente attraverso la porta a vetri della doccia e dovevo voltare le spalle nel caso iniziassi a diventare duro, come era il caso.

“Errrr Tan? Ho bisogno del mio asciugamano, me lo passi? È sul retro della porta".

“Scusa non posso. Stai ancora facendo la pipì, dovrai procurartelo da solo. lei mi ha detto.

Merda, il mio cazzo stava iniziando a crescere e avevo bisogno del mio asciugamano. Quindi aprendo la porta sono uscito e lei era lì in piedi a pulirsi la figa con la carta, "Oops, scusa, Tan".

"Di cosa sei preoccupato? Scommetto che vedi donne che fanno pipì tutto il giorno, scommetto che hai anche fatto il bagno a letto. Non è vero?" disse scherzando.

"Beh, in effetti, ho dato una spugna a molte donne che sono troppo malate per prendersi cura di loro."

"Mmmm...quindi significa che ti lavi OVUNQUE?"

“Sì Tan, ovunque. Non posso lasciare parti di esse puzzolenti, vero?"

Lasciando cadere il suo asciugamano coprendosi, mi guardò mentre cercavo di coprire la mia erezione in crescita, "Abbiamo problemi, vero?"

"NO. Solo l'acqua calda a volte ha quell'effetto su di me.

"Peccato, ho pensato che potrei essere io ad avere quell'effetto." Mi sono sentito arrossire in faccia: "Sono stato io, vero? Ti ha eccitato vedermi fare pipì o il fatto che sono mezza nuda?"

“Tan, lascia perdere, vero? Non è giusto. Non ti prendo mai in giro, quindi lasciami in pace per favore.

"Owwww... siamo permalosi?" ha cercato di tirare via il mio asciugamano.

"Guarda, fatti radere quelle gambe così puoi uscire al tuo appuntamento."

"Non può perché deve lavorare fino a tardi, quindi mi prenderò il mio tempo a meno che tu non voglia aiutarmi?" lei chiese.

"Sì, come se mi chiedessi di aiutarti."

"Mmmm... questo significa che NON mi aiuterai?" chiese timidamente. "Timidi siamo?"

“No, non essere sciocco. Non sono timido. È solo che non penso che tu voglia che lo faccia.

Si sedette sul water e mi porse il rasoio e la schiuma: "Fai pure, infermiera".

Suggerendole di alzarsi prima in modo che potessi radermi la schiena, poi si sarebbe potuta sedere per il resto, si alzò e si appoggiò al lavandino: “Aspetta, fammi prima aggiustare l'asciugamano. Altrimenti potrebbe caderti addosso". lei rise.

Annullandolo per regolare l'altezza, lo sollevò dal corpo tirando su l'asciugamano e rifacendo il nodo. Il problema era che era in piedi davanti allo specchio e ho visto il suo intero corpo nudo. Mi ha semplicemente guardato dritto negli occhi e non ha battuto ciglio.

"Va bene, prima li bagniamo." Ho bagnato un panno per il viso e ho iniziato a bagnarle la parte inferiore delle gambe, strofinandole lentamente e sensualmente, quindi ho applicato la schiuma strofinandola prima intorno alla parte inferiore di una gamba, lentamente e delicatamente. Dopo aver finito entrambe le gambe nella parte posteriore, le ho suggerito di sedersi e di iniziare la parte anteriore della parte inferiore delle gambe.

Tan era seduta sul water con la mano tra le gambe e teneva fermo l'asciugamano; impedendomi di alzare lo sguardo tra le sue cosce. Passando il rasoio sulla barba ispida, ha commentato: "È così diverso quando lo fa qualcun altro".

"Come mai? Come può essere diverso? È ancora un rasoio e la tua gamba viene rasata.

"Sì, ma tu vai più piano di me."

"È una brutta cosa?" Ho chiesto.

"Beh, ehm no, proprio il contrario in realtà."

"Non capisco." dissi, interrogandola ulteriormente.

"Beh, lo sai..."

"NO. Cosa intendi, Tan?"

"Beh, è ​​piuttosto erotico vederti laggiù a farmi la barba e ad essere così gentile." lei rispose.

“Oh, ehm, bene, non è intenzionale. Vuoi che io sia più duro e metta più pressione?"

"NO. Va bene così com'è grazie". Lei ha risposto e ho continuato fino a quando non le ho pulito la parte inferiore della gamba.

"Com'è quello?" Ho chiesto. In piedi, alzando l'asciugamano per dare un'occhiata, lo sollevò un po' rivelandomi le chiappe facendomi arrossire di nuovo, ma questa volta non mi disse niente.

"Ora l'altra gamba, per favore, il mio rasoio per gambe personale." ha detto scherzando.

“Non sono solo le gambe che mi rado al lavoro, lo sai. Le persone devono essere rasate ovunque per determinate operazioni".

"Radi anche le donne, Barry?"

"Ovviamente sciocco, non c'è sempre un'infermiera in giro e queste donne vogliono solo essere operate e migliorare. Quindi, per loro, farmi vedere nudi è una cosa da poco".

Sistemandomi sull'altra gamba, ho prima rasato l'esterno, poi ho asciugato la schiuma e poi ho bagnato l'interno strofinando il panno per il viso su e giù per il polpaccio interno. A differenza della prima gamba che ha tenuto rigida e mi ha fatto piegare per raderla, questa volta la sua gamba si è aperta leggermente verso l'esterno separandole leggermente, permettendomi di infilarmi tra loro più facilmente. Sempre con le mani ancora tra le cosce ma con la testa appoggiata al muro ora, continuavo a guardare in alto sperando in un lampo, ma non sarebbe successo con quelle mani in grembo. Arrivando in cima alla parte inferiore delle gambe e asciugandola ho annunciato: "Ecco, tutto fatto". Stavo per lavare il rasoio.

"Err bene, normalmente faccio anche le cosce fino in alto, ma va bene lo farò se sei troppo imbarazzato."

“Non essere sciocco. Posso farlo e sarà più veloce che se lo facessi. Poi puoi andare a guardare un film o qualcosa del genere.

Seduta lì mi chiedevo come sarebbe successo e poi lei disse: “Inizia dalle ginocchia e sali lentamente. “

"Ok non ti preoccupare." Senza chiedere, ho spinto il suo asciugamano a metà delle sue cosce, arrotolandolo sulle gambe e ricominciando dall'esterno. Le ho detto che mi sarei rasato la schiena dopo aver fatto l'interno. Rasando l'esterno, l'ho pulito e asciugato, quindi ho rasato anche l'altro all'esterno.

Ora, per quanto riguarda l'interno, le sue gambe erano ben chiuse e afferrando il panno bagnato glielo strinsi tra le ginocchia; erano così stretti. Forzandomi le mani tra le sue cosce, mi guardò e il suo viso era rosso, ma dovevo farlo ed era l'unico modo.

Applicando la schiuma alle mie mani, ho forzato di nuovo le mie mani tra le sue cosce, strofinandole lentamente su e giù per l'interno delle sue cosce sulla sua pelle, preparandomi per il rasoio. Rasoio in mano, l'ho guardata e adesso era quasi pallida. Senza dire nulla, le presi il ginocchio con l'altra mano che la guardava ancora e li aprii lentamente e delicatamente finché non erano a circa 4 pollici l'uno dall'altro.

Prendendo il rasoio, ho iniziato a radermi ma avevo problemi mentre mi strofinavo contro l'altra coscia con le nocche, ma ho insistito. All'improvviso ho sentito le sue gambe aprirsi leggermente di più mentre la sua testa era ora appoggiata al muro, ho continuato a radermi a metà della coscia e poi ho asciugato quella gamba.

Inumidindo l'altra gamba che ora era aperta di circa 6 pollici, ho iniziato a radermi di nuovo e strofinare via la schiuma in eccesso mentre procedevo; mentre mi radevo continuavo a strofinare le mani su entrambe le cosce assicurandomi di avere tutti i peli.

Tempo per più schiuma e ancora le sue gambe erano solo a circa 6 pollici di distanza. Sapevo che sarebbe stato sia difficile che pericoloso, dato che stavo andando più in alto con la reale possibilità di tagliarla con il rasoio in un'area così piccola con cui lavorare. La mano si è schiumata, ho fatto scorrere le mani all'interno delle sue cosce più della metà, probabilmente più del necessario in questa fase, ma mi stavo arrapando e il mio asciugamano non si comportava da solo.

Prendendo il rasoio in mano ho sentito un piccolo gemito formarsi le sue labbra. Mentre mi avvicinavo alla sua coscia, si aprì lentamente permettendomi di far scivolare la mia mano con il rasoio all'interno. Quando ho iniziato a radermi abbastanza in basso, sempre vicino al ginocchio, sono avanzato più in alto e questa volta le sue gambe si sono aperte mentre salivo.

Quello che è successo dopo mi ha sorpreso quando il suo asciugamano ha iniziato a separarsi lentamente esponendomi più della sua coscia, ho continuato ad andare più in alto. Non ne avevo bisogno perché non avevo ancora finito dove lo ero ancora, ma l'ho fatto e basta. Più schiuma sulle mie mani e inginocchiandomi, guardandola direttamente in faccia, feci scivolare la mano fino in fondo. Fermandosi appena prima della sua figa e strofinando la schiuma nella sua carne lentamente, delicatamente ed eroticamente.

Fissandomi in faccia, allargò le gambe aprendo di lato l'asciugamano, esponendo la sua figa pelosa davanti a me. Inginocchiandomi di nuovo, ho fatto scorrere il rasoio su e giù per la sua coscia radendoselo mentre andavo.

Accanto all'altra parte interna della coscia e mentre la strofinavo vicino alla parte superiore, le sue gambe si aprirono ancora di più, la testa appoggiata al muro, le mani sui fianchi e piccoli rumori provenienti dalle sue labbra. "Merda, fa caldo qui dentro." lei ha commentato, ma io non ho risposto. Ho continuato a strofinarle su e giù per le cosce

"Li asciugherò e controllerò di avere tutti i peli." Le ho detto. Prendendo un asciugamano ho fatto scorrere le mani lungo l'interno della prima coscia strofinando lentamente, osservandola mentre procedevo in alto. Il suo respiro era aumentato, il suo viso era arrossato e teneva il sedile del water con entrambe le mani. Passando dall'altra parte, le ho somministrato lo stesso trattamento alle gambe.

“Va bene tutto fatto. Devo solo assicurarmi di avere tutti i peli, altrimenti sarà piuttosto scomodo se avrò lasciato un po' di stoppia lì dentro". Non ha detto niente e si è semplicemente sdraiata, la testa contro il muro con le gambe spalancate, la figa a meno di due piedi direttamente davanti alla mia faccia.

Facendo scorrere la mia mano lungo l'interno delle sue cosce, l'ho strofinato delicatamente controllando la barba ispida, più vicino alla parte superiore di una delle sue cosce ho afferrato un po' di pelle e ho impastato la carne tra le mani. "Mmmm, CAZZO, sta diventando più caldo." Disse e si sventolò il viso con la mano.

Il mio cazzo era completamente eretto e ora indicava la parte anteriore del mio asciugamano mentre le mie mani continuavano a impastare e massaggiare.

"Dopo essermi rasato, metto sempre un po' di crema idratante poiché la pelle si asciuga rapidamente. È sotto il lavandino. Tan me l'ha detto.

Ora questo sarebbe stato interessante con il mio cazzo che risaltava così com'era. Rimasi semplicemente in piedi di fronte a lei, il mio cazzo che spuntava da sotto l'asciugamano a non più di due piedi di distanza dal suo viso, e lei lo fissava senza fare commenti, solo un guizzo della sua lingua sulle labbra.

Afferrando la crema idratante, l'ho applicata su entrambe le mani e fissandola direttamente ci siamo incrociati gli occhi.

Mettendo le mani su entrambi i lati di una coscia, ho iniziato i miei movimenti lenti strofinando la crema in tondo. Dapprima basso appena sopra il ginocchio, e poi rapidamente le ho sparato entrambe le mani quasi fino alla parte superiore delle gambe, il che le ha fatto emettere di nuovo suoni morbidi dalla bocca.

Passando all'altra coscia, sempre con le mani su entrambi i lati, le strofinai lentamente nello stesso modo di prima; il mio respiro profondo e pesante, perché volevo continuare il gioco. Inginocchiandomi e mettendo il mio cazzo duro contro il suo ginocchio, ho preso lo stesso ginocchio e tirandolo delicatamente per aprirlo ancora di più ho fatto scorrere l'altra mano lungo l'interno della coscia, questa volta impastando più forte la carne.

Spostandomi fino in cima, facendo scorrere le mani in tondo, ora ero solo a un pollice dalla sua fica. Spostando le mani dal sedile del gabinetto si era ora afferrata i seni che erano nascosti sotto l'asciugamano che era stato legato intorno a loro.

"CAZZO SONO CALDO, MERDA È CALDO." lei continuava a dire.

Provaci, pensai, lei può solo schiaffeggiarmi. Lasciando la mia mano sull'interno della sua coscia, impastandola, ho allungato la mano con l'altra e ho staccato il nodo dell'asciugamano, ma lasciandolo comunque al suo posto. Cambiando mano ho iniziato dall'altra coscia.

Le sue mani si spostavano sul seno, si muovevano in cerchi più grandi e l'asciugamano si stava lentamente separando esponendo gradualmente la sua carne. Aumentando la pressione del mio cazzo duro contro il suo ginocchio, lo stava strofinando contro di me. Muovendo la sua gamba da un lato all'altro, il mio asciugamano si aprì mentre lei continuava il movimento contro di me.

Afferrandole le tette con forza e stringendo, l'asciugamano era caduto più in basso e stavo guardando la scollatura dei suoi seni ampi. Era una 38C; Lo so per certo, dato che un giorno avevo guardato la sua taglia di reggiseno quando era in lavanderia. Sudore sul suo viso e che le cola lungo il mento; gocciolando sul suo petto. Ansimava più forte, gli occhi chiusi, i fianchi che si muovevano leggermente sul sedile del water contro la manipolazione della sua coscia con la mia mano; ginocchio che ora va su e giù contro il mio cazzo. L'asciugamano cedette cadendo a terra lasciandomi nuda inginocchiata davanti a lei.

Ora gli occhi si aprono e guardando il mio cazzo duro da 8 pollici contro il suo ginocchio, mormorò "FUCK".

Poi, prendendo il suo asciugamano, l'ho aperto e l'ho lasciato cadere a pezzi. Era seduta nuda sul sedile del water accasciato in avanti, le cosce spalancate, ansimando e fissando il mio membro duro come una roccia.

"Mettimi un po' di crema idratante sul seno, per favore, infermiera." lei ha chiesto.

Muovendomi tra le sue cosce, il cazzo puntato direttamente verso di lei, ho preso una manciata di entrambi i seni e ho iniziato ad accarezzarli con le mie mani inumidite. Stringendoli e accarezzandoli come farei con le sue cosce.

Le sue mani si stavano lentamente spostando lungo il petto fino allo stomaco e ho pensato che avrebbe giocato con la figa, invece ha continuato ad andare più in basso fino a raggiungere le cosce e ha iniziato a far scorrere le mani su e giù.

"Mmmm... ottimo lavoro, infermiera, ti lascerò rasarmi di nuovo se vuoi." Non le ho risposto. Ho solo continuato a palpare i suoi seni. Prendendo un capezzolo tra le dita, li ho girati e tirati ma è stato un po' difficile perché erano così scivolosi.

"Delizioso. Un ottimo lavoro su gambe e cosce, ma ora il resto dei miei capelli è fuori posto, cosa ne pensi? Prendendo la mia mano e appoggiandola piatta contro la sua figa, mi guardò negli occhi.

Tirandomi delicatamente una manciata di capelli tra le dita, inarcò la schiena, "AGHHHH SHIT".

Ho messo il palmo della mia mano contro il suo tumulo pubico e mi sono appoggiato su di lei esercitando una pressione decisa e girando la mano spostando leggermente il pollice sotto il suo inguine.

Guardandomi e aspettando di vedere cosa avrei fatto dopo, l'ho inserito rapidamente nella sua fica satura facendola sedere in posizione verticale. Mi ha preso la mano e gemendo ad alta voce, "CUNT!!"

Le braccia intorno al mio collo ora e tirandomi più vicino appoggiando la sua testa sulle mie spalle, sapevo che se n'era andata e si è eccitata alla grande. Spostando la mia mano verso l'alto, tirando fuori il pollice dalla sua figa, ha suscitato la sua disapprovazione gemendo. “NOOOOO!!”

Spostandomi solo leggermente, ho cercato il suo clitoride con l'estremità del pollice che era stato dentro di lei solo pochi secondi prima. Irrigidendo e raddrizzando la schiena, i suoi denti mi morsero delicatamente il collo gemendo di piacere contro la mia pelle. Strofinando il nodulo indurito sotto il mio pollice, stava girando i fianchi contro il movimento e gemendo forte e più forte ora.

“OH MERDA, Barry! SÌ! Non fermarti, cazzo! AGHHHHH CUMMMMMMNG!”

Poi ho fatto girare la mano e ho spinto tre dita dentro di lei; ditalino la fica veloce e forte. Mentre li infilavo dentro di lei, si fermò dritta di fronte a me, muovendo i fianchi contro la spinta delle mie dita nella sua figa. Indietreggiare selvaggiamente e chiamarmi di nuovo CUNT.

“SÌ! Questo è tutto! FUCKKKK SÌSS! Piegò le ginocchia e spinse forte contro di me e rimase immobile mentre scendeva dall'orgasmo.

Ancora con le mie dita trincerate nel suo grembo, ansimando e sudando, mi guardò e disse semplicemente: "Beh, QUESTO È STATO INTERESSANTE vero? Ma cosa faremo per il mio pube, infermiera? Sorridendo mentre faceva la domanda.

Storie simili

The Terrible Ts – Parte 2 (rivisto)

Ci sono solo alcune modifiche/aggiunte alla storia. La parte successiva non è stata ancora scritta (lo so, pigro). Ma ci lavorerò presto. Grazie per aver letto e commentato. ~~Shel99 ************************************************** ************************************************** **************** Toro POV: Oddio. Anche il suo gemito mi ha reso duro come un cazzo. Non vedevo l'ora di affrontare il suo cazzo. Il bacio di prima mi venne in mente e il suo sapore era ancora sulle mie labbra. Se scopare la sua bocca con la mia lingua fosse il paradiso, mi chiedo come sarebbe scopare la sua bocca con il mio cazzo. Sembra che lo scopriremo abbastanza presto...

487 I più visti

Likes 0

Decadente

Diritto d'autore 2003 Pubblicazioni FK Mmmmm..., sì, Lisa... sì... continua così... sì..., lecca..., leccami! Sbuffo! Sbuffo! Sbuffo! Con i capelli corti e scuri, Lisa leccò via la fica della sua amica bionda, entrambe ragazze di ventun anni tutte nude e sole nella stanza del motel, che si divertono, eccitandosi a vicenda. Oh Lisa..., oh, oh, sisss!, gridò Sue dai capelli lunghi e dagli occhi azzurri mentre la lingua di Lisa scendeva in profondità nella figa della bionda, andando avanti all'infinito per i successivi tre minuti! Alla fine, Sue esplose, Sissss..., si...Sto per venire...Sto per venire! Cinque secondi dopo, le labbra...

361 I più visti

Likes 0

La amo

La amo Una giovane coppia, a tarda notte, su un divano, impara a conoscere l'amore e il sesso Le tue dita sono così delicate sulla mia nuca mentre mi mandano un brivido lungo la schiena. Strettamente abbracciato in un bacio che dura diversi minuti bizzarri, trovo più difficile respirare. Il pezzo di carne esteso nei miei pantaloni è contorto, intrappolato nell'elastico stretto della mia biancheria intima causandogli un leggero disagio, ma vale la pena soffrire sapendo benissimo che ne sei la causa. Una nuova variazione del tuo bacio avviene mentre la tua lingua cerca di separare le mie labbra forzandole tra...

147 I più visti

Likes 0

Michelle - Pigiama party 2 - Capitolo 10

Dio mio! Peni! La scatola conteneva diversi peni finti... diversi colori... diverse dimensioni... ma non c'era dubbio su cosa fossero! Jen, strillai, Dove hai...come hai...cosa...? Questi sono alcuni dei miei migliori amici, sussurrò con voce cospiratrice. A volte, quando non ci sono ragazzi in giro e le mie dita non bastano... Dio mio! Rimasi senza fiato di nuovo, proprio mentre la mia mano raggiungeva la scatola e iniziava ad accarezzare e setacciare i diversi pezzi. Plastica... metallo... gomma... perline su un filo... perline su una bacchetta di plastica... alcune forme davvero strane... cose... non peni... strette a un'estremità... molto grasso dall'altrorosalisciocon...

117 I più visti

Likes 0

Kristen inizia la sua formazione

Kristen inizia la sua formazione PREFAZIONE Per anni Kristen sapeva che mancava qualcosa nella sua vita. Sebbene contenta, Kristen sentiva sempre un enorme vuoto, come se non fosse la donna che avrebbe dovuto essere. Aveva un marito che amava, dei bellissimi bambini e un buon lavoro; in ogni apparenza, aveva una vita perfetta. Tuttavia, mentre Kristen faceva il punto della sua vita, sapeva meglio di chiunque altro che la percezione non era assolutamente la realtà. Nel corso degli anni, Kristen ha cercato qualcosa per riempire il vuoto. Ha provato varie attività presso il centro benessere locale, è diventata tesoriera della scuola...

53 I più visti

Likes 0

Le avventure di Jessica 4!

Le avventure di Jessica 4 Note dell'autore: Ehi gente, questa è la mia quarta storia della serie e non vedo l'ora di ricevere un feedback. Adoro scrivere queste storie, ma sono molto impegnato ora, quindi potrebbe passare un po' di tempo tra le storie. Amo tutti i miei fan e odio i miei non fan, lol, beh, non ti odio davvero, mi chiedo solo perché non ti piacciono le mie storie. Ci sarà incesto in questa storia, e se odi l'incesto, non leggerlo. Questa è la quarta avventura di Jessica nella serie e, in futuro, fai attenzione a un ospite speciale...

1.8K I più visti

Likes 3

Eloise impersona una puttana da Gloryhole

Eloise sedeva lì, i fianchi piegati all'indietro, le ginocchia vicino alle guance, i piedi penzolanti davanti a lei, e ascoltava la conversazione che si svolgeva dall'altra parte del suo locale improvvisato per un po' di sollievo dallo stress che comportava l'immersione di un silicone da 8 pollici cazzo nella sua strappare gocciolante. Qualche istante fa, si stava pizzicando il capezzolo con una mano e strofinando furiosamente il suo clitoride sensibile con un paio di dita dell'altra. Gemiti le uscivano dalla bocca in una cascata sconfinata di oscenità oscene. Aveva gli occhi chiusi, e stava facendo del suo meglio per nascondere il...

679 I più visti

Likes 0

Lusting mio cugino

Io e mio cugino siamo sempre stati vicini. Siamo a soli nove mesi di distanza, rispetto ai tre anni in cui eravamo dal nostro fratello più stretto. Andavamo in giro, mentre i nostri fratelli maggiori se ne andavano e facevano cose lì, e noi facevamo le nostre cose. La nostra cosa, anche se avevamo solo sei o sette anni, era scherzare. Giocavamo a nascondino, solo che trovavamo sempre un posto dove nasconderci insieme, e baciarci, e sdraiarci uno sopra l'altro e gobba asciutta e roba del genere. Non sono sicuro di chi l'abbia iniziato, (sono abbastanza sicuro che sia stata lei...

776 I più visti

Likes 0

Vecchio magazzino abbandonato

Ho chiamato Marci dandole l'indirizzo di un vecchio magazzino abbandonato che possedevo nel Queens New York, le ho chiesto di incontrarmi lì. Il colpo dei tacchi dei suoi stivali che echeggiano sui muri di cemento è l'unico suono mentre entra nel magazzino e percorre il lungo edificio cercandomi. Si fermò. Le luci fluorescenti verde giallastre le infastidiscono gli occhi. Il pavimento è umido, bagnato in alcuni punti con pozzanghere di acqua nera, e le pareti di cemento scrostate si stanno sgretolando in alcuni punti. Questo magazzino è una discarica, decrepita, deprimente e anche disorientante. Puzza di benzina e fumi di diesel...

874 I più visti

Likes 0

Frappè

Frappè Jenna era una ragazza minuta probabilmente di 18 anni in un campo estivo (felice xnxx??). Le piacevano attività come il nuoto, il tiro con l'arco, le minimoto e l'equitazione. Stava andando tutto alla grande, tranne che a tarda notte aveva sempre fame. La cena era alle 6, ma aveva problemi a dormire e, a mezzanotte, aveva un disperato bisogno di uno spuntino. Avendo circa 18 anni, i suoi ormoni stavano entrando in azione ed era interessata a tutto ciò che riguardava il sesso. Jenna: Se solo ci fosse un grosso carico di sperma, potrei ingoiare, andrebbe a segno... (pensò Jenna)...

416 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.