La ragazza dietro il muro

73Report
La ragazza dietro il muro

Ero al secondo anno di college quando l'ho incontrata. Kacey viveva nel dormitorio accanto a me, ma non l'avevo mai vista. La conoscevo solo dal nome sulla porta e da quello che ho sentito quella prima notte. Mi sono seduto nel mio letto preparandomi per andare a dormire. Accanto al letto fu spinto contro il muro, e fu allora che l'ho sentito; un gemito morbido e sexy dall'altro lato del muro. Ho spazzato via il primo suono ma quando ho sentito il secondo, un po' più forte e più a lungo, ho iniziato a immaginare il creatore di questi piccoli rumori sexy che stavano mandando tutto il sangue nel mio corpo che correva verso il mio cazzo il più velocemente possibile. Ascoltai di nuovo e udii un terzo gemito di profondo piacere seguito da un lieve grugnito. Quando ho iniziato ad accarezzare il mio cazzo lungo i gemiti della ragazza dietro il muro, mi sono reso conto che non sentivo nessuno tranne lei. Il pensiero di lei che si diverte, accarezzando il suo piccolo clitoride arrapato e toccando la sua figa bagnata e stretta mi ha fatto arrabbiare così tanto. Accarezzavo sempre più velocemente mentre ascoltavo il suo ansimare e i suoi gemiti diventavano più forti. Come volevo solo irrompere lì dentro e mostrarle una vera scopata, poi l'avrei davvero fatta gemere. Il solo pensiero mi faceva venire. Ho emesso un profondo grugnito e lei deve aver sentito perché si è fermata. Mi sono sentito imbarazzato per un momento prima di sentire bussare al muro. Continuò, sbattendo contro il muro; gemendo e gridando "non fermarti!" . Ho accettato volentieri e ho sbattuto contro il muro. Mi sono proiettato via sempre più forte ascoltando i suoi gemiti. "Sembri così sexy." mormorai tra un respiro e l'altro "Dio ti fotterei così forte!" Potevo sentire il suo letto oscillare sotto le sue urla di "Continua! Non fermarti! OHHH!!" E con questo sapevo che aveva raggiunto il suo climax e il suono della sua scram che si dissolveva in un morbido gemito mi faceva venire a lungo e duramente.
La mattina dopo mi sono svegliato con un biglietto che era stato infilato sotto la mia porta.
Grazie per la notte scorsa Dovremmo rifarlo un po' di tempo -Kacey
Dio, anche la sua calligrafia mi ha reso duro. Dovevo vedere che aspetto aveva.
Nei giorni successivi ho cercato di cogliere un barlume di Kacey senza fortuna. Ancora senza fallo ogni notte ho ricevuto un colpo al muro seguito da quello stesso piccolo gemito sexy mentre parlavo sporco con lei.
Una notte mi sono seduto vicino alla mia porta in attesa di sentire la sua porta aprirsi. Alla fine ho sentito il tintinnio della maniglia della sua porta mentre attraversava il corridoio fino alla lavanderia. Afferrai velocemente il mio cesto della biancheria ed entrai un attimo dopo di lei. Il mio cazzo ha reagito immediatamente alla prima vista di lei. Era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Era alta e magra, con i capelli biondo sporco raccolti. Il suo corpo era impeccabile, completamente tonico come potevo vedere chiaramente nei vestitini che indossava. Le sue tette a coppa C erano sbarazzine in un reggiseno sportivo bianco che contrastava con la sua profonda abbronzatura dorata. Sul fondo indossava il più corto dei pantaloncini di spandex che abbracciava il suo culetto stretto e perfetto. "Oh scusa, non sapevo che la macchina fosse stata presa." Ho mentito. Lei mi sorrise. "Va tutto bene, ora lo cambio". Disse mentre spostava la sua collezione di piccole infradito di pizzo nell'asciugatrice. Tutto quello che potevo fare era immaginarmi il suo culo impeccabile con quei tanga e immaginare di strapparglieli per leccare la figa. Ho spostato il mio cestino per coprire la mia enorme erezione. La guardai mentre si alzava in punta di piedi per raggiungere le lenzuola dell'asciugatrice. Mi sono avvicinato dietro di lei, permettendomi di sfiorare quel culetto stretto per aiutarla. "Grazie" disse mentre si girava verso di me, i fianchi che si toccavano ancora. "Sono Kacey, penso che tu viva accanto a me" sorrisi di rimando.
"Sì." e senza pensarci ho detto "ti sento di notte" ma prima che potessi scusarmi ho visto che era contenta di questa affermazione.
"Yah, il mio ragazzo vive a 8 ore di distanza. È così difficile quando voglio solo sentirmi bene, sai." Lei spiegò. Ho lasciato che la mia mano cadesse sul suo fianco.
"Sì." Ho detto "Beh, sono felice di poterti aiutare". Kacey si avvicinò, la sua gamba setosa che sfiorava il rigonfiamento dei miei pantaloni.
"Beh, c'è qualcosa che potresti fare per aiutarmi di più?" Lei chiese. Era così civettuola che mi stava rendendo più difficile. dovevo toccarla. Le ho afferrato il culo stretto e l'ho sollevata sull'asciugatrice vibrante che ospitava i tanga di pizzo che le coprono la figa.
"Bene vediamo." dissi mentre la mia mano strinse il suo addome nudo facendola tremare. "Mi piacerebbe davvero vedere lo sguardo sul tuo viso quando fai quei piccoli gemiti sexy." Le mie mani abbracciavano le sue tette perfettamente rotonde e potevo sentire i suoi capezzoli diventare duri sotto il suo reggiseno sportivo. La mia mano le corse sul collo e lei emise un debole sospiro prima che mi chinassi per baciarla. Mi ha infilato la lingua in bocca e ha iniziato a macinare il suo clitoride arrapato contro il mio cazzo duro mentre l'asciugatrice vibrava contro di noi Ho infilato la mano nel suo reggiseno sportivo e le ho dato un colpetto sui capezzoli duri. "Oh" gemette mentre si spingeva contro di me più forte. Lo voleva così tanto e io glielo avrei dato. la mia mano cadde e iniziò ad accarezzarle la figa sui suoi colpi. Ora potevo sentire che non indossava biancheria intima. "Oh si!" Ha gridato mentre mi ha afferrato la nuca e ha gettato indietro la testa in quello che è stato il primo di molti orgasmi a venire. "Ho bisogno del tuo cazzo dentro di me" gemette. L'ho sollevata dall'asciugatrice e l'ho portata attraverso il corridoio fino alla mia stanza. prima ancora che la porta finisse di chiudersi si è tolta il reggiseno sportivo e ho dato la mia prima occhiata alle sue due tette gloriosamente rotonde. Le ho strinse forte mentre l'ho lanciata contro il muro e lei ha iniziato a strapparmi i vestiti di dosso. Con un rapido movimento ho tirato giù il suo spandex e gettato una delle sue gambe sopra la mia spalla mentre mi inginocchiavo per affrontare la sua figa. Era così liscio ed eccitato che sapevo che stavo morendo dalla voglia di dargli il piacere che desiderava. Le ho tirato i fianchi verso di me e ho iniziato a leccarle e succhiarle il clitoride mentre gridava con disinvoltura. La mia lingua si muoveva sempre più velocemente sul suo clitoride eccitato e iniziò a tremare così tanto che non riusciva più a stare in piedi, quindi l'ho aiutata a farsi strada verso il pavimento. Ha allargato le gambe e io le ho spinte ulteriormente divaricate mentre tornavo alla sua figa. Ho spostato le dita dentro e fuori dal suo ingresso. Era fradicia nel suo stesso succo e l'ho sparso con la lingua. "69" gridò tra i pantaloni. Mi sono rilassato e ho ruotato i suoi fianchi per sedermi sulla mia faccia mentre iniziava a leccare la punta del mio cazzo. Dio, si sentiva così bene nella sua bocca mentre abbinava il mio ritmo al suo dondolio. Mi è piaciuto lungo la piega delle labbra della sua figa e l'ho sculacciata. "OH SI! Ho bisogno di sentirti dentro di me!" Non doveva dirmelo due volte. L'ho girata di nuovo e ho allargato le sue gambe tremanti per lei. Ho strofinato il mio cazzo lungo il suo clitoride e l'ingresso, stuzzicandole la figa mentre emetteva un piccolo gemito di desiderio dopo l'altro. Le sfioro il clitoride un po' più forte e lei geme più forte. "Per favore" implorò lei senza fiato. "Per favore, fottimi. Per favore. OH! Ho bisogno di quel grosso cazzo dentro di me" Avevo stuzzicato abbastanza la sua povera figa arrapata e le avevo allargato le gambe per fare il mio grande ingresso. Urlò di piacere mentre entravo. Era bagnata fradicia e così meravigliosamente stretta. Le sue gambe si contrassero mentre ci gobbavamo sempre più velocemente, emetteva i suoi piccoli gemiti sexy per tutto il tempo.
"Sali in cima" le dissi. Ci siamo girati e ho messo le mani sui suoi fianchi, guidando ogni spinta più in profondità in lei. Mi ha picchiato sul petto.
"SÌ" gridò "Sì! Mi fai sentire la figa così bene!" Ha strofinato il suo clitoride contro di me ad ogni spinta, emettendo un piccolo sussulto ogni volta. Volevo davvero farla urlare, ho iniziato a massaggiarle il clitoride con il pollice mentre mi spingevo sempre più dentro di lei. "Fottimi più forte!" Lei ha gridato. Mi sono seduto leggermente per avere un'angolazione migliore nel suo punto G e lei si è lamentata in approvazione. Tutto il suo corpo iniziò a tremare mentre urlava raggiungendo il suo climax. Potevo sentire le mie palle contrarsi mentre entravo nella sua figa stretta. "Sì, sborrami dentro!" Ha gridato e io l'ho obbligata, mentre sincronizzavamo i nostri orgasmi. "Sì" esclamò dolcemente mentre io tiravo fuori. "Andiamo di nuovo"

Storie simili

La storia di Jeannie

Molti anni fa, quando avevo 15 anni, ho scoperto la scorta di riviste porno di mio padre. A quel punto sarei stato felice di vedere semplicemente una foto di un seno nudo. Tuttavia, i gusti di mio padre erano un po' più contorti del tipico porno di Playboy. La sua scorta includeva riviste di bondage, graphic novel e diverse copie della rivista Variations. Suppongo che sia stata questa scoperta e le innumerevoli ore che ho passato con quelle riviste a condurmi alla storia che devo raccontarti oggi. Ho letto ogni rivista e copertina del libro per coprire ogni possibilità che ho...

178 I più visti

Likes 0

La scommessa_(6)

Molti anni fa, ero completamente innamorata del mio migliore amico Jim. In realtà, sono stato il primo amico di sua moglie, ma sapevo che non erano felici. Mi diceva sempre che era una macchina del sesso, che lo voleva sempre e con posizioni folli. Ogni volta che mi trovavo tra fidanzati, mi chiedevo come sarebbe stato il cazzo di Jim nella mia figa. Non ho mai agito per lealtà verso sua moglie. Sapevo che tradiva molto e a volte pensavo che fosse con le sue benedizioni. Un giorno mi chiamò per dirmi che finalmente lo aveva lasciato. È andata a Parigi...

376 I più visti

Likes 0

Una ragazza di nome Areola Parte 06

Una ragazza di nome Areola e sua sorella di nome Beaver di Vanessa Evans Come al solito, è meglio leggere le parti precedenti prima di questa. Parte 06 Pigiama party da Jade Non avevamo idea di cosa avremmo fatto mentre eravamo lì, o cosa avremmo dovuto indossare, quindi abbiamo buttato una varietà di vestiti e altre cose in una piccola valigia e l'abbiamo messa in macchina. Poi abbiamo passato un'oretta in bagno facendoci apparire al meglio e sfogando un po' di eccitazione in ognuno di noi. Abbiamo indossato una gonna e una canotta, le gonne erano minigonne, non micro-mini, e le...

322 I più visti

Likes 0

La moglie di Rick parte 5 di 6

La storia del mio amico La moglie di Rick 5 (5 di 6) La scena: Bendata, ero in ginocchio sul soggiorno pavimento, le ginocchia divaricate, l'inguine stretto contro il sedere di Linda, la mia moglie, anche lei inginocchiata e seduta sui talloni. Linda, dentro volta, era inginocchiato tra le gambe tese di William, che seduto sul nostro divanetto. Ora, immagina questo: io, il signor eterosessuale, mi stavo sporgendo in avanti con le braccia intorno a mia moglie. La mia mano sinistra era posta su quella di Linda mano sinistra che strizzava e massaggiava le palle di William. Il mio diritto la...

222 I più visti

Likes 0

The Futa Fairy - Futa Doctor's Hot Wish Capitolo 1: Futa Desire della dottoressa Rita

La Fata Futa - Il caldo desiderio del dottore Futa Capitolo uno: Il desiderio futa della dottoressa Rita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 Era passato un mese da quella fatidica mattina in cui imparai qualcosa di impossibile. Qualcosa di straordinario. Qualcosa che mi faceva bagnare la figa quasi ogni mattina quando sprofondavo nel sonno durante il giorno. Sì, il giorno. Ho fatto il turno di notte al St. Claire's Hospital. Un mese fa, ero stato fermato dal poliziotto futa, l'agente Cindy. Il solo pensiero di quella futa prepotente ha reso la mia figa così bagnata. Rabbrividii nel mio camice...

158 I più visti

Likes 0

White Lucy, Dark Meat ch.1

Introduzione “Shhhh…. Shhhh. sibilò Chris, interrompendomi. Tieni la testa bassa... non guardare in alto... ti vedranno. La mia reazione istantanea, ovviamente, è stata quella di guardare dritto in alto. Fu allora che li vidi. Due neri, alti e robusti, che stavano tagliando la radura erbosa, dritti nella nostra direzione. Non so chi sia stato davvero più sorpreso, Chris o me stesso. Negli 8 mesi in cui siamo venuti qui abbiamo visto forse 3 persone tutte. Our Spot, come eravamo venuti a chiamarlo, era una vecchia riserva abbandonata e ricoperta di vegetazione, in riva al lago. Il nostro posto segreto Era accessibile...

140 I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

147 I più visti

Likes 0

La ragazza di mamma 2

Robyn strinse i denti e lasciò che il messicano non lavato dietro di lei spingesse il suo cazzo grasso dentro di lei. Le sue mani le afferrarono il grasso dell'anca in modo che non potesse andare da nessuna parte mentre si forzava più a fondo. La sua testa oscillava avanti e indietro mentre lasciava che lui la riempisse ancora e ancora. Era piuttosto grosso e lei sapeva che era solo questione di tempo prima di scendere di nuovo. Chiudendo gli occhi per la vergogna, ascoltò gli uomini intorno a lei. Stavano dicendo alcune cose piuttosto vili su di lei e su...

145 I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

443 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

383 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.