La ragazza dietro il muro

1.8KReport
La ragazza dietro il muro

Ero al secondo anno di college quando l'ho incontrata. Kacey viveva nel dormitorio accanto a me, ma non l'avevo mai vista. La conoscevo solo dal nome sulla porta e da quello che ho sentito quella prima notte. Mi sono seduto nel mio letto preparandomi per andare a dormire. Accanto al letto fu spinto contro il muro, e fu allora che l'ho sentito; un gemito morbido e sexy dall'altro lato del muro. Ho spazzato via il primo suono ma quando ho sentito il secondo, un po' più forte e più a lungo, ho iniziato a immaginare il creatore di questi piccoli rumori sexy che stavano mandando tutto il sangue nel mio corpo che correva verso il mio cazzo il più velocemente possibile. Ascoltai di nuovo e udii un terzo gemito di profondo piacere seguito da un lieve grugnito. Quando ho iniziato ad accarezzare il mio cazzo lungo i gemiti della ragazza dietro il muro, mi sono reso conto che non sentivo nessuno tranne lei. Il pensiero di lei che si diverte, accarezzando il suo piccolo clitoride arrapato e toccando la sua figa bagnata e stretta mi ha fatto arrabbiare così tanto. Accarezzavo sempre più velocemente mentre ascoltavo il suo ansimare e i suoi gemiti diventavano più forti. Come volevo solo irrompere lì dentro e mostrarle una vera scopata, poi l'avrei davvero fatta gemere. Il solo pensiero mi faceva venire. Ho emesso un profondo grugnito e lei deve aver sentito perché si è fermata. Mi sono sentito imbarazzato per un momento prima di sentire bussare al muro. Continuò, sbattendo contro il muro; gemendo e gridando "non fermarti!" . Ho accettato volentieri e ho sbattuto contro il muro. Mi sono proiettato via sempre più forte ascoltando i suoi gemiti. "Sembri così sexy." mormorai tra un respiro e l'altro "Dio ti fotterei così forte!" Potevo sentire il suo letto oscillare sotto le sue urla di "Continua! Non fermarti! OHHH!!" E con questo sapevo che aveva raggiunto il suo climax e il suono della sua scram che si dissolveva in un morbido gemito mi faceva venire a lungo e duramente.
La mattina dopo mi sono svegliato con un biglietto che era stato infilato sotto la mia porta.
Grazie per la notte scorsa Dovremmo rifarlo un po' di tempo -Kacey
Dio, anche la sua calligrafia mi ha reso duro. Dovevo vedere che aspetto aveva.
Nei giorni successivi ho cercato di cogliere un barlume di Kacey senza fortuna. Ancora senza fallo ogni notte ho ricevuto un colpo al muro seguito da quello stesso piccolo gemito sexy mentre parlavo sporco con lei.
Una notte mi sono seduto vicino alla mia porta in attesa di sentire la sua porta aprirsi. Alla fine ho sentito il tintinnio della maniglia della sua porta mentre attraversava il corridoio fino alla lavanderia. Afferrai velocemente il mio cesto della biancheria ed entrai un attimo dopo di lei. Il mio cazzo ha reagito immediatamente alla prima vista di lei. Era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Era alta e magra, con i capelli biondo sporco raccolti. Il suo corpo era impeccabile, completamente tonico come potevo vedere chiaramente nei vestitini che indossava. Le sue tette a coppa C erano sbarazzine in un reggiseno sportivo bianco che contrastava con la sua profonda abbronzatura dorata. Sul fondo indossava il più corto dei pantaloncini di spandex che abbracciava il suo culetto stretto e perfetto. "Oh scusa, non sapevo che la macchina fosse stata presa." Ho mentito. Lei mi sorrise. "Va tutto bene, ora lo cambio". Disse mentre spostava la sua collezione di piccole infradito di pizzo nell'asciugatrice. Tutto quello che potevo fare era immaginarmi il suo culo impeccabile con quei tanga e immaginare di strapparglieli per leccare la figa. Ho spostato il mio cestino per coprire la mia enorme erezione. La guardai mentre si alzava in punta di piedi per raggiungere le lenzuola dell'asciugatrice. Mi sono avvicinato dietro di lei, permettendomi di sfiorare quel culetto stretto per aiutarla. "Grazie" disse mentre si girava verso di me, i fianchi che si toccavano ancora. "Sono Kacey, penso che tu viva accanto a me" sorrisi di rimando.
"Sì." e senza pensarci ho detto "ti sento di notte" ma prima che potessi scusarmi ho visto che era contenta di questa affermazione.
"Yah, il mio ragazzo vive a 8 ore di distanza. È così difficile quando voglio solo sentirmi bene, sai." Lei spiegò. Ho lasciato che la mia mano cadesse sul suo fianco.
"Sì." Ho detto "Beh, sono felice di poterti aiutare". Kacey si avvicinò, la sua gamba setosa che sfiorava il rigonfiamento dei miei pantaloni.
"Beh, c'è qualcosa che potresti fare per aiutarmi di più?" Lei chiese. Era così civettuola che mi stava rendendo più difficile. dovevo toccarla. Le ho afferrato il culo stretto e l'ho sollevata sull'asciugatrice vibrante che ospitava i tanga di pizzo che le coprono la figa.
"Bene vediamo." dissi mentre la mia mano strinse il suo addome nudo facendola tremare. "Mi piacerebbe davvero vedere lo sguardo sul tuo viso quando fai quei piccoli gemiti sexy." Le mie mani abbracciavano le sue tette perfettamente rotonde e potevo sentire i suoi capezzoli diventare duri sotto il suo reggiseno sportivo. La mia mano le corse sul collo e lei emise un debole sospiro prima che mi chinassi per baciarla. Mi ha infilato la lingua in bocca e ha iniziato a macinare il suo clitoride arrapato contro il mio cazzo duro mentre l'asciugatrice vibrava contro di noi Ho infilato la mano nel suo reggiseno sportivo e le ho dato un colpetto sui capezzoli duri. "Oh" gemette mentre si spingeva contro di me più forte. Lo voleva così tanto e io glielo avrei dato. la mia mano cadde e iniziò ad accarezzarle la figa sui suoi colpi. Ora potevo sentire che non indossava biancheria intima. "Oh si!" Ha gridato mentre mi ha afferrato la nuca e ha gettato indietro la testa in quello che è stato il primo di molti orgasmi a venire. "Ho bisogno del tuo cazzo dentro di me" gemette. L'ho sollevata dall'asciugatrice e l'ho portata attraverso il corridoio fino alla mia stanza. prima ancora che la porta finisse di chiudersi si è tolta il reggiseno sportivo e ho dato la mia prima occhiata alle sue due tette gloriosamente rotonde. Le ho strinse forte mentre l'ho lanciata contro il muro e lei ha iniziato a strapparmi i vestiti di dosso. Con un rapido movimento ho tirato giù il suo spandex e gettato una delle sue gambe sopra la mia spalla mentre mi inginocchiavo per affrontare la sua figa. Era così liscio ed eccitato che sapevo che stavo morendo dalla voglia di dargli il piacere che desiderava. Le ho tirato i fianchi verso di me e ho iniziato a leccarle e succhiarle il clitoride mentre gridava con disinvoltura. La mia lingua si muoveva sempre più velocemente sul suo clitoride eccitato e iniziò a tremare così tanto che non riusciva più a stare in piedi, quindi l'ho aiutata a farsi strada verso il pavimento. Ha allargato le gambe e io le ho spinte ulteriormente divaricate mentre tornavo alla sua figa. Ho spostato le dita dentro e fuori dal suo ingresso. Era fradicia nel suo stesso succo e l'ho sparso con la lingua. "69" gridò tra i pantaloni. Mi sono rilassato e ho ruotato i suoi fianchi per sedermi sulla mia faccia mentre iniziava a leccare la punta del mio cazzo. Dio, si sentiva così bene nella sua bocca mentre abbinava il mio ritmo al suo dondolio. Mi è piaciuto lungo la piega delle labbra della sua figa e l'ho sculacciata. "OH SI! Ho bisogno di sentirti dentro di me!" Non doveva dirmelo due volte. L'ho girata di nuovo e ho allargato le sue gambe tremanti per lei. Ho strofinato il mio cazzo lungo il suo clitoride e l'ingresso, stuzzicandole la figa mentre emetteva un piccolo gemito di desiderio dopo l'altro. Le sfioro il clitoride un po' più forte e lei geme più forte. "Per favore" implorò lei senza fiato. "Per favore, fottimi. Per favore. OH! Ho bisogno di quel grosso cazzo dentro di me" Avevo stuzzicato abbastanza la sua povera figa arrapata e le avevo allargato le gambe per fare il mio grande ingresso. Urlò di piacere mentre entravo. Era bagnata fradicia e così meravigliosamente stretta. Le sue gambe si contrassero mentre ci gobbavamo sempre più velocemente, emetteva i suoi piccoli gemiti sexy per tutto il tempo.
"Sali in cima" le dissi. Ci siamo girati e ho messo le mani sui suoi fianchi, guidando ogni spinta più in profondità in lei. Mi ha picchiato sul petto.
"SÌ" gridò "Sì! Mi fai sentire la figa così bene!" Ha strofinato il suo clitoride contro di me ad ogni spinta, emettendo un piccolo sussulto ogni volta. Volevo davvero farla urlare, ho iniziato a massaggiarle il clitoride con il pollice mentre mi spingevo sempre più dentro di lei. "Fottimi più forte!" Lei ha gridato. Mi sono seduto leggermente per avere un'angolazione migliore nel suo punto G e lei si è lamentata in approvazione. Tutto il suo corpo iniziò a tremare mentre urlava raggiungendo il suo climax. Potevo sentire le mie palle contrarsi mentre entravo nella sua figa stretta. "Sì, sborrami dentro!" Ha gridato e io l'ho obbligata, mentre sincronizzavamo i nostri orgasmi. "Sì" esclamò dolcemente mentre io tiravo fuori. "Andiamo di nuovo"

Storie simili

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2.4K I più visti

Likes 1

RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

RASANDO LE GAMBE E LA FIGA DEI MIEI COMPAGNI È puramente immaginario ma basato su un incidente realmente accaduto, ma il personaggio è reale ed è un'ex fidanzata in Thailandia. Spero che la storia ti piaccia. .................................................. .................................................. .......... Tornando a casa un giorno ho trovato la mia coinquilina Tan che stava frugando nell'armadietto del mio bagno. Questa è la storia che seguì. Tan ha 34 anni e io ne avevo quattro in più ed è per questo che andavamo così d'accordo che ci prendevamo cura l'uno dell'altra che spesso sfilava in mutande, tranne quando veniva il suo ragazzo. “Merda Barry...

1.9K I più visti

Likes 0

Tiffany fa una crociera ai Caraibi 5

Tiffany e la crociera ai caraibi 5 Ero riposato e riposato quando Tiffany è tornata. Era esausta. La sua figa era cruda e le sue labbra erano gonfie da così tanto succhiare il cazzo. Non lo sapevo, ovviamente. Ho bisogno di un po' di riposo. disse mentre chiudeva la porta del bagno per un'autoispezione. Mi sento abbastanza bene, vado al surf bar. Ho chiamato attraverso la porta. Ok divertiti. Sarò nel mondo dei sogni. Tiffany ha risposto. Era sollevata di essere sola per un po' e di potersi riposare e ripulire dalla scopata. Mi sono seduto alla fine del surf bar...

1.2K I più visti

Likes 0

Servizio fotografico lesbico

Sono arrivato in hotel con i miei amici. Siamo stati tutti in gita scolastica a Washington D.C. per tre giorni. La nostra scuola lo fa ogni due anni con la seconda e l'ottava classe. Ogni anno l'intera scuola media va al campo insieme, quindi so già com'è passare qualche giorno insieme a queste ragazze. Probabilmente dovrei darti alcuni sfondi. Eravamo in quattro in questa stanza. Eravamo io, Sayre, Mylene, Alana. Andiamo tutti Alana alla stessa scuola privata. Sayre è il più lontano attraverso la pubertà di tutti noi. Ha il seno a coppa C e un culo grosso. È alta 5...

1.1K I più visti

Likes 0

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

1.1K I più visti

Likes 0

Ufficio sogno parte 5

Era una giornata di mezza estate in ufficio e tutti si lamentavano della temperatura nonostante fosse ancora mattina presto. Il caldo mi inzuppava il corpo di sudore. Lasciandomi cadere sulla sedia in ufficio, accesi il ventilatore e aspettai un po' di sollievo. Stavo cercando di concentrarmi sul mio progetto ma dopo poco tempo il caldo ha fatto vagare i miei pensieri. Ho deciso di prendermi un po' di tempo libero per fare surf. Ho cliccato sui miei siti preferiti. Presto ho riprodotto un video di due ragazze e un ragazzo. Il ragazzo sembrava davvero felice, stava scopando una delle ragazze e...

970 I più visti

Likes 0

La mia vita pt 7

Parte 7 di ? Mi sono svegliato. Poi è andato sotto la doccia. Sono rimasto lì, lasciando che l'acqua mi scorresse addosso. Mi sono pulito. mentre stavo finendo. Kelly è entrata. È entrata nella doccia. Ma mentre cercava di toccarmi, sono sceso e mi sono asciugato. cosa c'è che non va disse non voglio dissi L'ho fatto ma non l'avrei lasciata decidere quando l'ho fatto come ieri sera. Sono andato in soggiorno. Sara era seduta sul divano. cosa stai guardando dissi solo un po' di tv niente di speciale ha detto com'era la Disney ha aggiunto siamo stati benissimo dissi la...

1.2K I più visti

Likes 0

The Hardwoods: Kevin impara ad amare il cazzo

13-15 LUGLIO 1973: KEVIN IMPARA AD AMARE IL CAZZO Questa storia è raccontata dal punto di vista del tredicenne Kevin Hardwood. Suo fratello diciassettenne lo incastra, il che fa sì che suo padre lo sculacci. Kevin cede alla richiesta di Luke di succhiargli il cazzo in modo che non continui a metterlo nei guai. Era una calda giornata estiva di metà luglio. Mi stavo rinfrescando nel cortile sul retro della piscina di famiglia. Avevo l'intera piscina tutta per me con mio padre al lavoro e mia madre e mia sorella in visita dai vicini. Nuotavo pigramente a dorso intorno alla piscina...

756 I più visti

Likes 0

RWBY - I preferiti dell'insegnante capitolo 1

Aspettatevi errori di grammatica, questa non è la mia lingua madre X-X-X-X-X Le cose sono tranquille alla Beacon Academy, soprattutto nelle camere da letto, anche se in una di esse succede qualcosa che nessuno potrebbe mai immaginare: I corridoi sono vuoti, tutti sono nel cortile oa passeggio per la città. Se qualcuno attraversasse uno di essi, sarebbe sorpreso di sentire suoni strani e piuttosto sospetti. Ora, se qualcuno entra nella stanza da cui proviene il rumore, la sua mascella cade a terra quando vede una scena così incredibile. In uno dei letti, tre corpi si agitano in un intenso atto sessuale...

718 I più visti

Likes 0

Island Royale: Il Rapporto (Capitolo Sette)

Capitolo sette ____________________________ Cynthia mi aveva incoraggiato a tornare all'asilo e ad assistere nel tutoraggio di un particolare gruppo di ragazze che solo di recente avevano sottoposto per la prima volta alla manutenzione dei genitali maschili. Su suo suggerimento ho saltato la colazione la mattina successiva, ansioso di non essere troppo tardi per iscrivermi a un'opportunità mattutina di visitare questa lezione, e sono passato direttamente dalla mia suite alla reception al piano principale. La possibilità di partecipare all'addestramento di alcune delle più giovani schiave sessuali studentesche di Island Royale sembrava essere stata ancora più apprezzata tra gli ospiti rispetto alla mia...

628 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.