La ragazza dietro il muro

446Report
La ragazza dietro il muro

Ero al secondo anno di college quando l'ho incontrata. Kacey viveva nel dormitorio accanto a me, ma non l'avevo mai vista. La conoscevo solo dal nome sulla porta e da quello che ho sentito quella prima notte. Mi sono seduto nel mio letto preparandomi per andare a dormire. Accanto al letto fu spinto contro il muro, e fu allora che l'ho sentito; un gemito morbido e sexy dall'altro lato del muro. Ho spazzato via il primo suono ma quando ho sentito il secondo, un po' più forte e più a lungo, ho iniziato a immaginare il creatore di questi piccoli rumori sexy che stavano mandando tutto il sangue nel mio corpo che correva verso il mio cazzo il più velocemente possibile. Ascoltai di nuovo e udii un terzo gemito di profondo piacere seguito da un lieve grugnito. Quando ho iniziato ad accarezzare il mio cazzo lungo i gemiti della ragazza dietro il muro, mi sono reso conto che non sentivo nessuno tranne lei. Il pensiero di lei che si diverte, accarezzando il suo piccolo clitoride arrapato e toccando la sua figa bagnata e stretta mi ha fatto arrabbiare così tanto. Accarezzavo sempre più velocemente mentre ascoltavo il suo ansimare e i suoi gemiti diventavano più forti. Come volevo solo irrompere lì dentro e mostrarle una vera scopata, poi l'avrei davvero fatta gemere. Il solo pensiero mi faceva venire. Ho emesso un profondo grugnito e lei deve aver sentito perché si è fermata. Mi sono sentito imbarazzato per un momento prima di sentire bussare al muro. Continuò, sbattendo contro il muro; gemendo e gridando "non fermarti!" . Ho accettato volentieri e ho sbattuto contro il muro. Mi sono proiettato via sempre più forte ascoltando i suoi gemiti. "Sembri così sexy." mormorai tra un respiro e l'altro "Dio ti fotterei così forte!" Potevo sentire il suo letto oscillare sotto le sue urla di "Continua! Non fermarti! OHHH!!" E con questo sapevo che aveva raggiunto il suo climax e il suono della sua scram che si dissolveva in un morbido gemito mi faceva venire a lungo e duramente.
La mattina dopo mi sono svegliato con un biglietto che era stato infilato sotto la mia porta.
Grazie per la notte scorsa Dovremmo rifarlo un po' di tempo -Kacey
Dio, anche la sua calligrafia mi ha reso duro. Dovevo vedere che aspetto aveva.
Nei giorni successivi ho cercato di cogliere un barlume di Kacey senza fortuna. Ancora senza fallo ogni notte ho ricevuto un colpo al muro seguito da quello stesso piccolo gemito sexy mentre parlavo sporco con lei.
Una notte mi sono seduto vicino alla mia porta in attesa di sentire la sua porta aprirsi. Alla fine ho sentito il tintinnio della maniglia della sua porta mentre attraversava il corridoio fino alla lavanderia. Afferrai velocemente il mio cesto della biancheria ed entrai un attimo dopo di lei. Il mio cazzo ha reagito immediatamente alla prima vista di lei. Era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Era alta e magra, con i capelli biondo sporco raccolti. Il suo corpo era impeccabile, completamente tonico come potevo vedere chiaramente nei vestitini che indossava. Le sue tette a coppa C erano sbarazzine in un reggiseno sportivo bianco che contrastava con la sua profonda abbronzatura dorata. Sul fondo indossava il più corto dei pantaloncini di spandex che abbracciava il suo culetto stretto e perfetto. "Oh scusa, non sapevo che la macchina fosse stata presa." Ho mentito. Lei mi sorrise. "Va tutto bene, ora lo cambio". Disse mentre spostava la sua collezione di piccole infradito di pizzo nell'asciugatrice. Tutto quello che potevo fare era immaginarmi il suo culo impeccabile con quei tanga e immaginare di strapparglieli per leccare la figa. Ho spostato il mio cestino per coprire la mia enorme erezione. La guardai mentre si alzava in punta di piedi per raggiungere le lenzuola dell'asciugatrice. Mi sono avvicinato dietro di lei, permettendomi di sfiorare quel culetto stretto per aiutarla. "Grazie" disse mentre si girava verso di me, i fianchi che si toccavano ancora. "Sono Kacey, penso che tu viva accanto a me" sorrisi di rimando.
"Sì." e senza pensarci ho detto "ti sento di notte" ma prima che potessi scusarmi ho visto che era contenta di questa affermazione.
"Yah, il mio ragazzo vive a 8 ore di distanza. È così difficile quando voglio solo sentirmi bene, sai." Lei spiegò. Ho lasciato che la mia mano cadesse sul suo fianco.
"Sì." Ho detto "Beh, sono felice di poterti aiutare". Kacey si avvicinò, la sua gamba setosa che sfiorava il rigonfiamento dei miei pantaloni.
"Beh, c'è qualcosa che potresti fare per aiutarmi di più?" Lei chiese. Era così civettuola che mi stava rendendo più difficile. dovevo toccarla. Le ho afferrato il culo stretto e l'ho sollevata sull'asciugatrice vibrante che ospitava i tanga di pizzo che le coprono la figa.
"Bene vediamo." dissi mentre la mia mano strinse il suo addome nudo facendola tremare. "Mi piacerebbe davvero vedere lo sguardo sul tuo viso quando fai quei piccoli gemiti sexy." Le mie mani abbracciavano le sue tette perfettamente rotonde e potevo sentire i suoi capezzoli diventare duri sotto il suo reggiseno sportivo. La mia mano le corse sul collo e lei emise un debole sospiro prima che mi chinassi per baciarla. Mi ha infilato la lingua in bocca e ha iniziato a macinare il suo clitoride arrapato contro il mio cazzo duro mentre l'asciugatrice vibrava contro di noi Ho infilato la mano nel suo reggiseno sportivo e le ho dato un colpetto sui capezzoli duri. "Oh" gemette mentre si spingeva contro di me più forte. Lo voleva così tanto e io glielo avrei dato. la mia mano cadde e iniziò ad accarezzarle la figa sui suoi colpi. Ora potevo sentire che non indossava biancheria intima. "Oh si!" Ha gridato mentre mi ha afferrato la nuca e ha gettato indietro la testa in quello che è stato il primo di molti orgasmi a venire. "Ho bisogno del tuo cazzo dentro di me" gemette. L'ho sollevata dall'asciugatrice e l'ho portata attraverso il corridoio fino alla mia stanza. prima ancora che la porta finisse di chiudersi si è tolta il reggiseno sportivo e ho dato la mia prima occhiata alle sue due tette gloriosamente rotonde. Le ho strinse forte mentre l'ho lanciata contro il muro e lei ha iniziato a strapparmi i vestiti di dosso. Con un rapido movimento ho tirato giù il suo spandex e gettato una delle sue gambe sopra la mia spalla mentre mi inginocchiavo per affrontare la sua figa. Era così liscio ed eccitato che sapevo che stavo morendo dalla voglia di dargli il piacere che desiderava. Le ho tirato i fianchi verso di me e ho iniziato a leccarle e succhiarle il clitoride mentre gridava con disinvoltura. La mia lingua si muoveva sempre più velocemente sul suo clitoride eccitato e iniziò a tremare così tanto che non riusciva più a stare in piedi, quindi l'ho aiutata a farsi strada verso il pavimento. Ha allargato le gambe e io le ho spinte ulteriormente divaricate mentre tornavo alla sua figa. Ho spostato le dita dentro e fuori dal suo ingresso. Era fradicia nel suo stesso succo e l'ho sparso con la lingua. "69" gridò tra i pantaloni. Mi sono rilassato e ho ruotato i suoi fianchi per sedermi sulla mia faccia mentre iniziava a leccare la punta del mio cazzo. Dio, si sentiva così bene nella sua bocca mentre abbinava il mio ritmo al suo dondolio. Mi è piaciuto lungo la piega delle labbra della sua figa e l'ho sculacciata. "OH SI! Ho bisogno di sentirti dentro di me!" Non doveva dirmelo due volte. L'ho girata di nuovo e ho allargato le sue gambe tremanti per lei. Ho strofinato il mio cazzo lungo il suo clitoride e l'ingresso, stuzzicandole la figa mentre emetteva un piccolo gemito di desiderio dopo l'altro. Le sfioro il clitoride un po' più forte e lei geme più forte. "Per favore" implorò lei senza fiato. "Per favore, fottimi. Per favore. OH! Ho bisogno di quel grosso cazzo dentro di me" Avevo stuzzicato abbastanza la sua povera figa arrapata e le avevo allargato le gambe per fare il mio grande ingresso. Urlò di piacere mentre entravo. Era bagnata fradicia e così meravigliosamente stretta. Le sue gambe si contrassero mentre ci gobbavamo sempre più velocemente, emetteva i suoi piccoli gemiti sexy per tutto il tempo.
"Sali in cima" le dissi. Ci siamo girati e ho messo le mani sui suoi fianchi, guidando ogni spinta più in profondità in lei. Mi ha picchiato sul petto.
"SÌ" gridò "Sì! Mi fai sentire la figa così bene!" Ha strofinato il suo clitoride contro di me ad ogni spinta, emettendo un piccolo sussulto ogni volta. Volevo davvero farla urlare, ho iniziato a massaggiarle il clitoride con il pollice mentre mi spingevo sempre più dentro di lei. "Fottimi più forte!" Lei ha gridato. Mi sono seduto leggermente per avere un'angolazione migliore nel suo punto G e lei si è lamentata in approvazione. Tutto il suo corpo iniziò a tremare mentre urlava raggiungendo il suo climax. Potevo sentire le mie palle contrarsi mentre entravo nella sua figa stretta. "Sì, sborrami dentro!" Ha gridato e io l'ho obbligata, mentre sincronizzavamo i nostri orgasmi. "Sì" esclamò dolcemente mentre io tiravo fuori. "Andiamo di nuovo"

Storie simili

Imparare lo stile di vita Pt 4 - Eccitarsi con i tatuaggi

Hanno cambiato la biancheria da letto e Michael si è fatto la doccia e poi si è vestito. Poi Michael ha messo le lenzuola sporche in ammollo nella macchina e poi erano in viaggio. A questo punto, Silk stava morendo di fame. Michael ha preso le chiavi e quindi Silk lo ha lasciato guidare naturalmente. L'ha portata nel suo appartamento per prendere un'altra camicia da indossare poiché all'altra mancavano alcuni bottoni. Ha cambiato il suo vestito e lo ha incontrato di nuovo in macchina. Ha portato loro una tavola calda per camionisti e l'ha guardata in faccia. Fu lieto di notare...

680 I più visti

Likes 0

Delizia del taglio

Frank si asciugò il sudore dalla fronte con il dorso del guanto e continuò a potare le rose di Seymour. Erano le 12:45 e, come un orologio, sentì Dee e la sua amica Tanya vagare nel giardino sul retro. Sbirciò da dietro i fiori e li vide camminare a piedi nudi verso il gazebo con un pranzo al sacco. Dee indossava il suo consueto abito leggero con stampa floreale. Il suo sorriso luminoso e i capelli dorati di seta di mais le davano una bellezza simile a una dea. Il suo vestito le abbracciava i fianchi e metteva in risalto le...

604 I più visti

Likes 0

Quale videoregistratore?_(1)

Ho tenuto d'occhio Eric da quando ha iniziato a occuparsi di bar nel ristorante in cui lavoravo. Avevamo avuto alcune conversazioni casuali, ma niente che sembrava portare da nessuna parte. È stato frustrante da morire. Lo volevo tanto, ed ero determinato ad averlo. Giovedì è stata una serata presto per entrambi. Facevo il turno di pranzo così uscivo di lì verso le 6 ed Eric scendeva alle 10. Gli ho chiesto se sapeva qualcosa sui videoregistratori dato che avevo problemi a far funzionare correttamente il mio. Gli ho detto che la foto era tutta incasinata e poteva darci un'occhiata. Certo, ha...

660 I più visti

Likes 0

Cronache di Craigslist cap. 03: Chuck

Cronache di Craigslist: Chuck Sono passati alcuni giorni dal mio ultimo incontro, come probabilmente puoi capire, sono stato dannatamente eccitato. Alex è impegnato tutta la settimana ma sarà libero la prossima settimana per alcuni giorni. (Sarà il mio fine settimana, quindi sono dannatamente eccitato per questo). Ma, tornando al qui e ora... Cosa posso dire, il desiderio sta colpendo duramente oggi. Durante l'ora di pranzo, ho filtrato le centinaia di annunci, cercando un altro ragazzo freddo con cui uscire. Ho inviato alcuni messaggi e ho aspettato le mie risposte. Niente, dato che il mio turno era quasi alla fine. Mi sentivo...

479 I più visti

Likes 0

Un weekend non così noioso

Solo per Holly! :-P Era proprio come tutti gli altri venerdì che erano passati quest'anno. La scuola durava 48 ore e iniziava la ripetizione che era diventata il suo fine settimana. La maggior parte delle persone vedeva il proprio fine settimana come un momento per uscire e divertirsi, Naomi invece li considerava troppo lunghi e noiosi. Non aveva molti amici in questa nuova città e non guidava, quindi non poteva scappare in spiaggia. I fine settimana non avevano nulla in serbo per lei. Naomi ha riflettuto su cosa avrebbe potuto fare per intrattenersi questo fine settimana mentre apriva la porta, buttava...

736 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

715 I più visti

Likes 0

Professor Gumbert

L'aula era piena di studenti oziosi che scarabocchiano sui loro taccuini mentre il professor Gumbert parlava dei tecnicismi delle basi psicologiche e di come i padri della psicologia aprissero la strada alla migliore comunità di questa generazione. Gumbert indossava occhiali dalla montatura spessa che sembravano attaccarsi al suo naso a punta bombata, le sue grandi mani intrecciate sotto il suo didietro mentre camminava per la stanza. I suoi occhi grigi si posarono sugli studenti con un debole interesse mentre ipotizzava quali avrebbero abbandonato entro la fine del semestre successivo. Molte delle ragazze avevano una notevole quantità di pelle che mostrava contro...

932 I più visti

Likes 0

La riunione dell'anniversario - CH 2

Tornai in fondo al corridoio e andai a cercare un'altra birra. Dopo quello che avevo appena passato, ne avevo bisogno. La mia testa nuotava per la confusione. Ero appena stato ricattato nella fottuta zia Edna. E mentre è stato certamente piacevole, ho trovato l'intera faccenda un po' strana e stravagante. Poi mi ha colpito... E Heather? La mia mente correva a pensare se dovevo dirle cosa era appena successo. Cosa avrei detto quando sarebbe andata a cercare le sue mutandine? Come potrei spiegare cosa è successo; che ero stato beccato da zia Edna? Come potevo dirle che Edna si è imposta...

625 I più visti

Likes 0

Le conseguenze 5

Jim stava camminando avanti e indietro per un'ora, dopo aver distrutto la loro flotta d'invasione, erano partiti dopo il unica nave rimasta della flotta Krang. Mary e Amber lo avevano osservato per quasi tutto il tempo Jim se non lo fai Siediti, ti farò fuori di testa, non posso sopportare molto di più del tuo ritmo,” Mary quasi ringhiò. Jim si sedette rapidamente sulla sedia di comando cercando di non guardare Mary, scusa Mary, odio questa attesa, è vero niente a portata di mano su cui non fare nulla su cui lavorare, sai che odio essere inattivo. Mi rendo conto che...

496 I più visti

Likes 0

Difenditi

Erano le tre del mattino quando il telefono iniziò a squillare. Ciao? disse John mezzo addormentato. John? Sono io Mary!» Mary era la ragazza di John all'epoca. Che cosa succede? Sai che ore sono? La voce di Mary iniziò a tremare un po'. “È Alessio. Qualcosa è successo. Ovviamente quando si tratta di Alex, la regina del dramma, c'è sempre qualcosa che succede. Alex, tra l'altro, è l'amico intimo di Mary, un'amica transessuale. Mary frequentava sempre delle persone strane, ma se vivi in ​​California, tutti tendono ad essere strani. “Cos'è questa volta? Ha avuto una brutta giornata chi? O qualcuno si...

125 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.