Danny diventa una femminuccia parte 1

1.4KReport
Danny diventa una femminuccia parte 1

"Cosa stai pensando?" chiese il dottor Brooks.

Daniel si rese conto che si stava allontanando di nuovo. Beh, non proprio distanziandomi, fissando il bel viso del dottor Brooks. Daniel non aveva mai visto un dottore bello come il dottor Brooks.

Era giovane, forse trentenne, ma sembrava più giovane. Era pallida e alta, alta come Dan e anche più alta con i tacchi. Aveva guance alte e rotonde, occhi color smeraldo e i capelli più lisci e neri che si possano immaginare, una frangia piatta tagliata sulla fronte e il resto tirato indietro in un'alta coda di cavallo. Indossava una gonna blu attillata che arrivava a metà coscia e calze nere. Indossava una giacca da abito che si intonava alla gonna, ma se l'era tolta e l'aveva drappeggiata sullo schienale della sedia. Indossava una camicetta bianca abbottonata senza maniche e le sue spalle toniche in qualche modo distraevano Dan tanto quanto le sue gambe e il suo viso. I grossi occhiali neri hanno appena portato la sua sensualità nel territorio delle pornostar.

"Danny?"

Si rese conto che lo stava facendo di nuovo. I suoi occhi erano persi nella curva del suo collo, desiderando che la sua camicetta avesse un taglio più profondo. Sbatté le palpebre un paio di volte per schiarirsi le idee e la guardò.

"Eh?"

"A cosa stai pensando in questo momento?"

Dan sentì le sue guance iniziare a scaldarsi. In nessun modo poteva dirle quello che aveva appena pensato. Il dottor Brooks pensava che Dan avesse problemi ad aprirsi con lei, ma non sapeva mai cosa dire. A volte si limitava a sedersi in silenzio per cercare di farlo parlare, ma Dan si accontentava di fissarle le cosce e fingere di allontanarsi.

"Uhm, niente," borbottò.

L'accenno di un cipiglio giocava all'estremità delle sue labbra imbronciate. "Non possiamo fare progressi se non vuoi aprirti, Danny tesoro."

Quella era un'altra cosa. Dan non aveva mai avuto un dottore che lo chiamasse "tesoro" o "dolcezza" o "piccola". In effetti, non si chiamava nemmeno "Danny". Il dottor Brooks aveva appena iniziato a chiamarlo così. Cercando di farlo aprire, pensò. Ha anche programmato che la ragazza della reception andasse in pausa quando Dan aveva il suo appuntamento, quindi non c'era possibilità che venissero ascoltati. Dan sapeva che era solo nel suo cervello pieno di ormoni, ma sembrava che il dottor Brooks volesse scoparlo.

"Ehm, mi dispiace dottor Brooks," borbottò.

"Gwen," lo corresse con un sorriso.

"Giusto, ehm, scusa Gwen."

Lei rise, le mani giunte davanti a sé e sorridendo positivamente a lui. "Non c'è bisogno di scusarsi, Danny dolcezza. Che ne dici di questo: tua madre ti ha indirizzato a me perché era preoccupata che fossi depresso. Abbiamo passato tutto questo e tu non pensi di essere depresso quindi lascia che te lo chieda : cosa ti preoccupa? Tua madre e Chris pensano che tu sembri distante ultimamente."

Chris era la ragazza di mamma. Sì, ragazza. Dopo che papà se n'è andato, la mamma ha iniziato a frequentare esclusivamente donne. Abbastanza rapidamente lei e Chris si sono messi insieme e si sono trasferiti tutti insieme. Dan ha deciso di dirlo ad alta voce.

"Sono Chris," sbottò.

La dottoressa Brooks inarcò leggermente le sopracciglia ma rimase in silenzio. Dan si agitò sulla sedia. All'improvviso non aveva più voglia di "dirlo solo". Non gli piaceva affermarsi o attirare l'attenzione. Parlare tendeva ad attirare l'attenzione. Notò che riusciva a malapena a vedere la piega tra il mignolo della dottoressa Brooks e quello successivo con il modo in cui le sue scarpe erano tagliate. Si chiese se le sue unghie dei piedi fossero dipinte.

"Di cosa si tratta Chris, tesoro?" chiese gentilmente, alzando un po' la sedia per potersi avvicinare di più.

Lui sospiro. "È solo che... da quando si è trasferita... è come se la mamma non fosse più mia madre. È la ragazza di Chris. Passano tutto il tempo insieme e anche se la mamma esce con me, anche Chris è lì e ha spostato tutte le sue cose in casa e la stanza dei giochi si è trasformata nella sua palestra di casa".

Ci fu una pausa prima che uno dei due parlasse. Il dottor Brooks ha iniziato a dire bene, dolcezza quando Dan l'ha interrotta.

"E lei lotta con me."

"Che cosa?"

"Lei mi lotta. Come il maltrattamento, ma è davvero forte."

"Giusto, credo che sia una combattente di arti marziali miste nel suo tempo libero, giusto?"

"Sì, quindi è davvero forte e brava nel wrestling. Pensa che mi piacciano i maltrattamenti ma non lo faccio e lei non mi crede. A volte è..." esitò. "A volte mi blocca e mi fa il solletico o mi mette in una strana presa o qualcosa del genere."

"Dolcezza, è-"

"So che sta solo suonando come se sapessi che non sta cercando di essere cattiva, ma non mi crede quando dico che voglio smettere".

"Danny, è fantastico."

"Questo è... eh?"

"Questo è perfetto- Va bene, sto andando avanti con me stesso. Daniel, ricordo che hai detto che avevi problemi a condividere lo spazio quando tuo cugino è venuto a trovarti. Penso che possiamo trovare alcune strategie che saranno molto utili quando tu vai al college. Ora, con il problema del wrestling: combattila indietro!"

"Ma... non voglio-"

"Daniel," disse, e lui fu colto alla sprovvista da come lo disse dolcemente. Dan non riusciva a capire se la sua mente gli stesse giocando brutti scherzi o se le sue pupille fossero appena diventate più grandi e le sue guance un po' più rosse. Incrociò le gambe per nascondere l'erezione che stava crescendo.

Sospirò, si tolse gli occhiali e li mise da parte. Si chinò in avanti e prese una delle sue mani tra le sue. Dan non aveva idea di cosa dire.

"Sai che non sono un terapeuta molto tradizionale, vero?"

Lui annuì. Sua madre si era assicurata di sottolinearglielo in anticipo per qualche motivo.

"Alcune delle cose che dico sembreranno molto strane o insolite. Cose che la maggior parte dei terapeuti non dice, perché so che funziona. Voglio che tu almeno provi le cose che suggerisco, anche se sembrano strane o non -tradizionale. Posso avere il tuo impegno su questo?"

Gli stava accarezzando il dorso della mano con il pollice. Il cazzo di Dan si sforzava dolorosamente contro i suoi jeans. Deglutì e annuì.

"Bene," sussurrò. Si alzò un po' più dritta, ma gli tenne la mano.

"Ora, Danny, ti dirò una cosa che non credo che un terapeuta tradizionale ti direbbe: sei una specie di debole."

Dan sbatté le palpebre per la sorpresa. La dottoressa Brooks gli tenne la mano un po' più forte come se avesse paura che tentasse di fuggire.

"Tuo padre non ha mai trattato male con te in modo positivo. Ti ha dato un terribile esempio di mascolinità, quindi l'hai rifiutato. Perché sei un tesoro e non tratteresti mai una donna nel modo in cui trattava tua madre. Il problema è, soprattutto con tua madre che porta in giro tutte queste donne, le sue amiche, tua zia e tua cugina, non vieni socializzato per diventare un uomo. Stai diventando più femminile. L'ho visto, anche da quando abbiamo iniziato le nostre sessioni. "

Dan non aveva idea di cosa stesse parlando. Si è vestito come un ragazzo. Parlava come un ragazzo. Semplicemente non gli piaceva il conflitto.

"Non sei assertivo, non sei fisico, non sai come reagire", ha continuato. "Questo è fantastico, quello che sta facendo Chris. Penso che lei voglia vederlo in te. Dovresti reagire".

"Lei è più forte di me..."

"Forse. Tu sei più grande di lei. E come fai a sapere che è più forte? Hai davvero provato a sopraffarla?"

"Non credo..."

"Fallo. Diventa cattivo. Non preoccuparti se le stai facendo del male. Chiedile di mostrarti una mossa e poi fallo su di lei e non lasciarla alzare. Mostrale chi è il capo. Mettila a disagio per fare sei a disagio. Mettiti sopra di lei e solleticale la schiena. Infila la mano nella sua maglietta. Schiaffeggiale la tetta", rise. "Sto scherzando," disse e inarcò leggermente le sopracciglia e si fermò in un'espressione da non sto scherzando. "Se vuoi davvero sorprenderla, vieni prima da lei. Aspetta che tua madre non sia in casa e prendila in cucina e abbracciala con l'orso e non lasciarla andare. Capisci cosa sto dicendo?"

Danny esitò. Aveva ragione su una cosa: non sembrava qualcosa che un terapeuta avrebbe detto.

"Non lo so..."

"Daniel, avevi detto che ci avresti provato. È davvero importante che provi a farlo. Dico sul serio."

Si grattò la testa. "Allora ok."

Si sporse in avanti e lo abbracciò. È stato fortunato che non gli abbia detto di alzarsi in piedi per il loro abbraccio perché sarebbe entrato nei pantaloni. Così com'era, solo le loro spalle si toccavano e il suo cazzo pulsava dolorosamente contro i suoi pantaloni. Gli baciò la guancia e alla fine si sedette e lo lasciò andare.

"Sono davvero orgoglioso di te, dolcezza. Ci vuole molto coraggio per cambiare. Ho piena fiducia in te".

---------------------------------------

"Allora, Danny, com'è andata?"

"Ehm, non così bene."

"Perché no?"

Dan sentì le sue guance scaldarsi. "Semplicemente, ehm, non l'ha fatto."

La dottoressa Brooks incrociò le gambe e incrociò le mani in grembo. "Beh, dimmi cos'è successo."

"Uhm, ho provato a fare quello che hai detto... le ho chiesto di mostrarmi una mossa e sembrava davvero felice. È come una transizione in cui stanno cercando di soffocarti ma poi ci vai sopra. Ha mostrato me l'ho fatto e poi l'ho fatto su di lei e stavo cercando di fare quello che hai detto, tipo, ero sopra di lei e non l'ho lasciata alzare e le ho fatto il solletico-"

"Sotto i vestiti o sopra i vestiti?"

"Uhm, sopra i vestiti immagino. Le sue costole."

"Hmm."

Una pausa imbarazzante prima di dire: "Bene, continua".

"E poi... questo è imbarazzante", borbottò.

"Va bene, tesoro. È importante che tu me lo dica così possiamo fare progressi."

"E poi... io, tipo, le ho dato un lampone sul collo, stava ridacchiando molto e io... sono diventato duro."

"Okay, è naturale. E poi? Sembra che stesse andando bene."

Si massaggiò la nuca. "Beh, mi sono tirato indietro in modo che la mia erezione non si stesse sfregando su di lei e lei mi ha sbilanciato e poi è salita in cima e mi ha fatto il solletico per molto tempo. Ha tipo... ha spremuto la mia erezione attraverso i miei jeans un po' volte mentre mi prendeva in giro".

"Bene!" disse il dottor Brooks. Era quel fastidio che aveva sentito nella sua voce? Sospirò e si pizzicò il ponte del naso. "Okay, in realtà è un progresso, che tu ci creda o no." Si tolse gli occhiali e li mise da parte. "Ecco cosa voglio che tu faccia. Alzati."

Dan si alzò. Così ha fatto il dottor Brooks. Indossava ballerine oggi, quindi i loro volti erano livellati. Lei tese le braccia.

"Abbracciami."

Era vestita come l'altra volta, gonna nera e camicetta bianca più scollata dell'altra, maniche lunghe con tagli sulle spalle, setosa e così sottile che sarebbe stato come toccarle la pelle direttamente se lui avesse messo le mani su di lei. Dan tossì e tornò a sedersi per cercare di nascondere l'erezione che si stava formando.

"Daniel," disse con tono tagliente e clinico, come se fosse qualcosa che aveva spiegato molte volte prima, "so qual è il tuo problema e so perché sei seduto proprio ora. So cosa stai provando nascondere. Non nasconderlo. Smettila di preoccuparti e alzati e abbracciami". Scosse un po' le braccia per dare enfasi e sorrise. "Inoltre, so che lo vuoi," disse strizzando l'occhio.

Ha dovuto insistere molte altre volte, ma alla fine Dan ha ceduto e si è alzato, zoppicando verso di lei mentre il suo cazzo si sforzava contro i suoi pantaloni. Rimase ferma, aspettando che lui iniziasse l'abbraccio, così fece lui, posandole goffamente le mani sulla schiena e premendo insieme le loro spalle. Gli gettò le braccia al collo e premette i loro corpi insieme. Il suo cazzo premette contro la sua coscia e lui indietreggiò di riflesso con i fianchi.

"Non farlo," disse con fermezza, stringendo di nuovo i loro fianchi. Ha iniziato a sudare. Lo strinse un po' più forte contro di lei e lui avvolse le sue braccia intorno a lei per tutto il tempo. La sua schiena era liscia e morbida ma tonica. Le sue cosce erano ferme contro le sue e lui poteva sentire i rigonfiamenti dei suoi seni contro il suo petto. Strofinò la testa accanto alla sua, appoggiando il mento sulla sua spalla. È stato stupefacente. Si sentiva come se stesse librando nell'universo. Si sentiva così nervoso che avrebbe potuto avere un infarto ma non voleva che finisse. Non era nemmeno sicuro di quanto fosse durato. Potrebbero essere passati dieci secondi o dieci minuti. Alla fine lei lo lasciò andare e lui barcollò sulla sedia. Era stordito dall'eccitazione.

"Vedi? Ce la puoi fare. Come ti sei sentito?"

"Bene," borbottò.

"Quello che voglio che tu porti via oggi è questo: diventa cattivo. Non sei stato cattivo. Stavi giocando. Voglio che usi la ragazza di tua madre per farti sentire bene in quel modo. Non ti piacerebbe sentirti di nuovo così?"

Lui annuì e disse di sì.

"Bene."

-----------------------

"Allora, Danny tesoro, com'è andata?"

"Non...non così bene. Cattivo, in realtà."

"Come mai?"

Dan si agitò e fissò i suoi piedi, rifiutandosi di guardarla negli occhi. "Sei sicuro che questa sia la migliore, ehm, strategia?"

"Sì, lo sono. Perché? Cosa è successo?"

Dan stava provando la strategia del dottor Brooks da una decina di sedute ormai, da qualche mese. Aveva seguito il suo consiglio e sembrava funzionare. Inizialmente voleva che le sessioni di wrestling si fermassero, ma invece il suo atteggiamento era cambiato. Era diventato in forma migliore negli ultimi due mesi ed era migliorato nel grappling, imparando nuove tecniche e imparando come usare il suo peso a suo vantaggio.

Anche lui è diventato "cattivo". Avrebbe bloccato Chris e non l'avrebbe lasciata alzare, le avrebbe fatto il solletico sotto la maglietta o le avrebbe solleticato il sedere infilandole la mano nei pantaloncini. Lui ha messo a terra la sua erezione sul suo sedere e lei rideva istericamente come se fosse uno scherzo. L'avrebbe messa in una strozzatura nuda e posteriore così forte fino a quando non avesse picchiettato e lui l'avrebbe lasciata riprendere fiato e poi l'avrebbe fatto di nuovo. Più si comportava male con lei, più lei sarebbe stata gentile con lui la prossima volta che fosse salita in cima. Stava funzionando.

Fino alla scorsa settimana. Qualcosa era cambiato.

"Devi, sai, chiamare la polizia come se fosse successo qualcosa di brutto?"

"No, non lo faccio."

"Oh... non sei, tipo... non si chiama giornalista obbligatorio o qualcosa del genere?"

"Ah, quello. Te l'ho detto, non sono molto tradizionale. Come posso aiutare i miei pazienti se chiamo le autorità su di loro?" Si fermò, il viso e il petto divennero leggermente arrossati. "Hai... penetrato Chris o qualcosa del genere?"

"No io no-"

"Oh." Sembrava delusa.

"-è stato qualcosa che ha fatto. Ehm, qualcosa che fa."

"Cos'è, tesoro?"

"È davvero imbarazzante..."

"Bene. Facciamo il massimo ogni volta che succede qualcosa di imbarazzante tra te e Chris. Che cosa è successo?"

Non voleva dirglielo. Ha provato a cambiare argomento un paio di volte, ha cercato di chiudere la bocca, ha cercato di dire che glielo avrebbe detto più tardi, ma lei non ha ceduto fino a quando alla fine lui ha ceduto e glielo ha detto. Stavano lottando, proprio come al solito, e Dan si è piantato sul sedere di lei per un po' troppo a lungo ed è entrato nei pantaloni.

"Comprensibilmente. Ma non è la prima volta che succede, giusto?"

"Giusto, ma... penso che non se ne sia accorta prima e l'ha notato questa volta."

"Come ha reagito?"

"Sembrava strana... come uno sguardo davvero intenso come se non riuscissi a capire se fosse arrabbiata o felice... e poi mi ha fatto delle cose."

"Cosa ha fatto?"

"Ha preso della roba dalla stanza della mamma... come roba BDSM. Mi ha ammanettato e poi mi ha legato le gambe e poi ha messo le manette attorno alla gamba del divano, quindi ho dovuto sdraiarmi sul tappeto... lei tipo ...si è spogliata e mi ha sbattuto il sedere in faccia. Molto. Tanto che non riuscivo a respirare e poi lei mi lasciava respirare e poi si sedeva sulla mia faccia molto. Per tipo un'ora. Penso che lei... sai..."

"Climax? Mi sembra giusto, non credi?"

"...eh?"

"Beh, pensala come un'estensione del gioco a cui hai già giocato. Voglio dire, è stata tutta una questione di potere fin dall'inizio, vero? Hai usato il tuo corpo per trattenerla e l'hai usata per il rilascio sessuale . Ha fatto la stessa cosa a te; semplicemente non è abbastanza forte per farlo senza strumenti. Comunque, hai detto che questo è in corso. Ovviamente non ti sei lasciato ammanettare la prossima volta, giusto?"

"È davvero subdola", borbottò Dan. Il dottor Brooks si è limitato a ridere, quindi ha continuato: "Inoltre, come una volta l'avevo immobilizzata e lei si è messa a sedere sulla mia coscia fino a quando non è arrivata al culmine".

"Sinceramente, Danny tesoro, a questo punto hai due opzioni. Una: lascia che lei riprenda il controllo da te, si sdrai e goditela, perché ammettiamolo..."

Ha lasciato che l'implicazione si bloccasse.

"Non è un po' troppo lontano?"

"Come mai?"

"Non è questo, tipo, tradire la mamma?"

"Niente affatto. Tua madre è perfettamente consapevole di come agisco."

"Con... la sua ragazza?"

"Bene, possiamo coinvolgere tua madre in modo più diretto per evitare confusione. Le parlerò quando verrà a prenderti. Ora, due: puoi riprendere il controllo da solo. Diventa cattivo. Più cattivo."

"Pensavo di essere..."

"Andiamo, ora, dolcezza. Solletico? Wedgies? È roba da bambini. Era per aumentare la tua sicurezza. Schiaffeggiala. Spaventala. Trascinala per i capelli e gettala sul tuo letto. Non sborrare i pantaloni; masturbarsi con lei. Sii un uomo. Oppure."

"...o altro...?"

La dottoressa Brook sospirò e gettò di nuovo gli occhiali da parte. Era un gesto che Dan cominciava a temere.

"Alzati," gli disse. Entrambi si sono alzati in piedi. "Colpiscimi", disse.

"Che cosa??"

"Colpiscimi. Nello stomaco. Posso sopportarlo", disse, accarezzandosi la pancia. A giudicare dal suono solido e martellante, aveva dei veri addominali lì sotto.

"No!" protestò. Si fece coraggio internamente. Questo è stato totalmente pazzo. Non avrebbe mai picchiato il dottor Brooks.

"Va bene," disse. Strinse la mano destra a pugno e la affondò nello stomaco di Dan. Gli tolse il fiato e si piegò in due, le braccia incrociate sul ventre e cadde a terra. Si inginocchiò accanto a lui, gli afferrò il polso e lo tolse di mezzo e gli martellava ripetutamente le costole, whap, whap, whap, whap, whapwhapwhapwapwhap.

"Pronto a colpirmi ora?"

"No," ansimò. Conosceva questo gioco, da suo padre. Se avesse risposto, avrebbe solo peggiorato la sua punizione. Non poteva picchiare papà perché era troppo grosso; alla fine avrebbe vinto, qualunque cosa accada, quindi ha dovuto semplicemente prenderlo.

"So cosa stai pensando. Posso vederlo in faccia. Non sono tuo padre. Non ti odio. Sono il tuo terapeuta. Sono tuo amico e, francamente, ti amo più di tuo padre non ha mai potuto. Ti sei impegnato almeno a provare e in questo momento non ci stai provando. So che sei perfettamente capace. Ora, colpiscimi. "

"No," mise il broncio.

"Va bene," disse e si alzò. Sembrava davvero arrabbiata ora. Dan si sentiva malissimo per averla delusa, ma lei gli stava chiedendo di fare l'impossibile. Se potesse sopportare di essere picchiato da qualcuno che lo odia, allora potrebbe sopportare di essere picchiato da qualcuno che lo ama.

"Mettiti questo," disse. Tirò fuori qualcosa da uno dei cassetti della sua scrivania e glielo gettò addosso. Era un prendisole. Nero con motivo floreale rosa e bianco.

"Cosa...?"

"Se vuoi essere una femminuccia, allora vestiti come tale. Vai avanti. Vai avanti."

"Sai cosa?" scattò. Qualunque cosa, decise, facciamo questo gioco. Si alzò e si tolse la maglietta sopra la testa, si tirò giù i jeans e si tolse le scarpe. Con solo i suoi boxer e calzini, si è messo quello stupido vestito.

La dottoressa Brooks fece il giro della scrivania, un paio di manette in mano e all'improvviso si trovò addosso a lui, trascinandolo in giro e ammanettandolo a faccia in giù alla gamba della sua scrivania. Gli tirò su il vestito intorno ai fianchi e gli strappò via i boxer. Dan stava per protestare quando guardò e vide che il dottor Brooks si stava spogliando. Si aprì la gonna e la lasciò cadere e si tolse completamente le calze e le mutandine. Dan la guardò a bocca aperta. Il suo pube era tagliato a triangolo sopra la sua figa. I suoi fianchi e le sue cosce erano più tonici di quanto avrebbe pensato, il che era estremamente sexy per lui. Si tolse il top, slacciò il reggiseno e lo gettò a terra. Aveva addominali e seni vivaci e rotondi con capezzoli rosa.

Dan non era sicuro di che tipo di punizione avrebbe dovuto essere. Aveva ragione, si è divertito quando Chris lo ha cavalcato fino a quando non ha raggiunto l'orgasmo. Era solo in conflitto al riguardo. Non era in conflitto sul fatto che il dottor Brooks lo cavalcasse. Poteva cavalcare il suo cazzo, la sua faccia, poteva fare quello che voleva. Stava solo guardando nella direzione sbagliata. Fu solo quando fece qualcosa dietro di lui, frugando in un cassetto e allacciando alcune fibbie, fu solo quando si mise a cavalcioni sul suo sedere e lui sentì qualcosa di freddo e umido premergli contro il sedere che si rese conto di cosa stava succedendo. Stava cercando di scoparlo con uno strap-on.

"Wow, aspetta un minuto."

Si chinò in modo che i loro volti si toccassero quasi. "Hai cambiato idea? Pronto a prendere il comando?"

"Beh, no," disse e poi grugnì mentre la testa del dildo gli scivolava nel culo.

"Oh, smettila di piagnucolare. È piccolo," gli disse, inserendone lentamente sempre di più dentro di lui finché i suoi fianchi non furono premuti contro il suo sedere. Si sdraiò sulla sua schiena e raccolse le braccia sotto le sue spalle e le afferrò saldamente.

"Sei a un punto molto cruciale in questo processo, Danny," grugnì, tirando lentamente quasi completamente fuori e spingendo delicatamente il tutto dentro. "Devi prendere una decisione reale. Diventerai un femminuccia o uomo? Ti tratterò come la prima finché non mi convincerai del contrario e indovina un po'? Anche Chris e anche tua madre ora. Puoi semplicemente essere una femminuccia per sempre, oppure," grugnì di nuovo, accelerando accelerare il ritmo, sbattendo i fianchi contro il sedere di Dan e facendolo tremare, "puoi essere un uomo. Decidi tu".

Ha raggiunto sotto di lui, brancolando per il suo cazzo.

"Alza i fianchi," sussurrò. "Sollevali così posso vedere con cosa stai lavorando."

Le sue dita sfiorarono le sue palle e lui alzò istantaneamente i fianchi per darle accesso. Ancora scopandolo, gli accarezzò il cazzo, facendo scorrere delicatamente le dita sulla testa ancora e ancora.

"Oh merda," disse, la guancia schiacciata contro il tappeto.

Sentì l'orgasmo provenire da dentro i suoi fianchi, oltre il punto in cui il cazzo di plastica del Dr. Brooks lo stava scopando e rese la sensazione ancora migliore quando gli sprizzò fuori, schizzando contro le sue dita mentre lei continuava a dargli piacere.

"Va bene, piccola," sussurrò e continuò mentre il suo cazzo si contraeva e schizzava. Alla fine finì e lei si fermò.

"Sto davvero accumulando il mazzo contro di te qui, Danny, perché credo in te. Un rinforzo positivo per il tuo comportamento da femminuccia renderà le cose ancora più difficili ma uscirai dall'altra parte ancora più da uomo. Oppure no , Credo."

Li ha tirati fuori e li ha puliti con un asciugamano. Dopo averlo ammanettato, lo ha fatto sdraiare con la testa in grembo e gli ha messo un impacco freddo sulle costole dove lo aveva colpito. Gli accarezzò i capelli con l'altra mano mentre lui la guardava imperscrutabilmente.

"Ehm, dottor Brooks?"

"Chiamami Gwen, Danny," gli ricordò, asciugandosi una ciglia vagante dalla faccia.

"... funziona davvero?"

"Come ho detto, tesoro, funziona davvero in due modi. Capisco il fascino di essere, sai, un uomo sottomesso, ma hai notato qualcosa?"

Le sopracciglia di Dan si avvicinarono l'una all'altra. "Che cosa?"

"Sei arrivato all'orgasmo e io no. Non posso davvero andarmene a meno che non sia con un uomo che sa cosa vuole", sospirò. "Va bene. A te la scelta. Voglio solo essere sicuro..."

Continuò a parlare ma il primo commento aveva chiaramente messo in moto la mente di Dan.

Storie simili

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2.4K I più visti

Likes 1

RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

RASANDO LE GAMBE E LA FIGA DEI MIEI COMPAGNI È puramente immaginario ma basato su un incidente realmente accaduto, ma il personaggio è reale ed è un'ex fidanzata in Thailandia. Spero che la storia ti piaccia. .................................................. .................................................. .......... Tornando a casa un giorno ho trovato la mia coinquilina Tan che stava frugando nell'armadietto del mio bagno. Questa è la storia che seguì. Tan ha 34 anni e io ne avevo quattro in più ed è per questo che andavamo così d'accordo che ci prendevamo cura l'uno dell'altra che spesso sfilava in mutande, tranne quando veniva il suo ragazzo. “Merda Barry...

1.9K I più visti

Likes 0

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

1.1K I più visti

Likes 0

The Hardwoods: Kevin impara ad amare il cazzo

13-15 LUGLIO 1973: KEVIN IMPARA AD AMARE IL CAZZO Questa storia è raccontata dal punto di vista del tredicenne Kevin Hardwood. Suo fratello diciassettenne lo incastra, il che fa sì che suo padre lo sculacci. Kevin cede alla richiesta di Luke di succhiargli il cazzo in modo che non continui a metterlo nei guai. Era una calda giornata estiva di metà luglio. Mi stavo rinfrescando nel cortile sul retro della piscina di famiglia. Avevo l'intera piscina tutta per me con mio padre al lavoro e mia madre e mia sorella in visita dai vicini. Nuotavo pigramente a dorso intorno alla piscina...

756 I più visti

Likes 0

RWBY - I preferiti dell'insegnante capitolo 1

Aspettatevi errori di grammatica, questa non è la mia lingua madre X-X-X-X-X Le cose sono tranquille alla Beacon Academy, soprattutto nelle camere da letto, anche se in una di esse succede qualcosa che nessuno potrebbe mai immaginare: I corridoi sono vuoti, tutti sono nel cortile oa passeggio per la città. Se qualcuno attraversasse uno di essi, sarebbe sorpreso di sentire suoni strani e piuttosto sospetti. Ora, se qualcuno entra nella stanza da cui proviene il rumore, la sua mascella cade a terra quando vede una scena così incredibile. In uno dei letti, tre corpi si agitano in un intenso atto sessuale...

718 I più visti

Likes 0

Island Royale: Il Rapporto (Capitolo Sette)

Capitolo sette ____________________________ Cynthia mi aveva incoraggiato a tornare all'asilo e ad assistere nel tutoraggio di un particolare gruppo di ragazze che solo di recente avevano sottoposto per la prima volta alla manutenzione dei genitali maschili. Su suo suggerimento ho saltato la colazione la mattina successiva, ansioso di non essere troppo tardi per iscrivermi a un'opportunità mattutina di visitare questa lezione, e sono passato direttamente dalla mia suite alla reception al piano principale. La possibilità di partecipare all'addestramento di alcune delle più giovani schiave sessuali studentesche di Island Royale sembrava essere stata ancora più apprezzata tra gli ospiti rispetto alla mia...

628 I più visti

Likes 0

Il mio compleanno speciale

La settimana scorsa è stato il mio diciottesimo compleanno, e che compleanno è stato. Non fraintendetemi però, è iniziato in modo schifoso come i miei ultimi tre compleanni, ma è finito in un modo che non avrei mai potuto prevedere. Mi chiamo Stephanie e, come ho detto prima, ho diciotto anni. Ho lunghi capelli neri e lisci, non chiamarmi bruna perché mi dà fastidio, sono neri, non castani, con scintillanti occhi azzurri. Di solito la gente si prende gioco della mia altezza, quando sei alto solo un metro e settanta, è destinato a succedere, immagino, e io peso quarantacinque chili e...

427 I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania

Mi ha assunto tre settimane fa. Un lavoro per il quale sono grato ma completamente non qualificato. Ma poi io sono giovane e asiatica, e lui è più vecchio e bianco, e nel corso dei miei doveri (e sì, anche nel corso del mio ficcanaso) ho scoperto la metrica del porno sul suo hard- drive con giovani donne asiatiche. Sono ben lungi dall'essere scoraggiato da questo. Voglio dire, non fraintendetemi, non ho alcun desiderio di scopare fino in cima, e sono anche dolorosamente consapevole dell'intero cliché della dinamica di potere tra uomo bianco e ragazza asiatica. Ma togliendo tutto questo dall'equazione...

2K I più visti

Likes 2

Bravado, parte 2

Kevin si svegliò la mattina dopo intontito, sbronzo e duro come una roccia. Debby giaceva accanto a lui nuda, sorridendo e accarezzando il suo piccoletto. Charles non era a letto. Kevin sussurrò, smettila! e ha provato a staccare le mani, ma ha semplicemente stretto e ha continuato a giocare con lui. Kevin sapeva che Charles non era felice che fossero finiti tutti in una cosa a tre la scorsa notte, ma a Debby non sembrava importare. Kevin sentì Charles che girava per la cucina. Kevin guardò Debby negli occhi e gridò: “Charles! Debby non smetterà di giocare con il mio cazzo!...

2.4K I più visti

Likes 0

Sculacciata Amanda

Ho scritto questa storia per la ragazza dei miei desideri. L'ha letto e gli ha dato la sua approvazione. Ho cambiato il nome per proteggere i colpevoli :) È piuttosto breve: non riesco a immaginare di durare a lungo se questo si avverasse. Fatemi sapere cosa ne pensate. ====================================================================================================================================== ======================== Avevo incontrato Amanda 2 anni prima come parte di una chat room online. L'avevo considerata sexy dal momento in cui avevo controllato il suo profilo e non potevo credere alla mia fortuna quando ci ha provato. Eravamo in chat da un po' di tempo, ma alla fine ci siamo incontrati nel...

2.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.