Piccoli giocattoli rotti_(1)

152Report
Piccoli giocattoli rotti_(1)

Lucy fissò suo fratello seduto al tavolo della cucina che versava un flusso costante di sciroppo d'acero sui pancake davanti a lui. Era sempre stupita di come un ragazzo così magro riuscisse a mangiare così tanto senza ingrassare. "Lo stai assaggiando, Sammy?"

Lui la guardò, le guance piene come uno scoiattolo, e annuì.

Non poteva fare a meno di sorridere. Era in momenti come questo che doveva ricordare a se stessa che non era più il suo fratellino. A 20 anni era un giovane con la mentalità di un preadolescente. Colpito da una malattia mentale, l'autismo di Sam lo ha lasciato con una lunga lista di fobie, un'avversione per il tatto, scarse abilità sociali, tra le altre cose. Un genio di talento, tuttavia, il ragazzo che non avrebbe mai dovuto ottenere nulla nella vita si era dimostrato un autore di grande talento, un vero genio delle parole. Quando si è seduto davanti al suo computer, è andato alla deriva in un altro mondo, diventando una persona completamente diversa che ha manipolato le frasi in arte, formando una nuova vita. E ora, persone in tutta la nazione hanno visto la sua foto insieme a una biografia inventata sul retro dei loro romanzi con copertina rigida.

Lucy si scostò dietro l'orecchio una ciocca di capelli lunghi fino alle spalle. Osservava suo fratello con interesse. Esibendo gli stessi capelli biondo sabbia e gli stessi occhi verde spuma di mare, la somiglianza tra loro era quasi inquietante. Era vestito bene, anche se inappropriato, con un completo scuro a tre pezzi. Sam era sempre stato così, faceva e indossava quello che voleva senza preoccuparsi di quello che pensavano gli altri.

"Finito!" Lasciò cadere la forchetta nel piatto e la allontanò da sé.

Lucy gli mise una mano sulla spalla e lo sentì indietreggiare. "Come è stato?"

Il viso di Sam arrossì e perse ogni entusiasmo. "Bene."

Sua sorella sorrise gentilmente e con calma rimosse la mano. "Buono. Senti, Sammy, voglio pulire il tuo computer prima che inizi a scrivere. Pensi di poter caricare la lavastoviglie mentre lo faccio?"

Quando il suo colorito tornò alla normalità, fece un leggero cenno del capo. «Certo, Luce.»

Lucy sapeva che era meglio che pensare che avrebbe effettivamente portato a termine il compito. Prima o poi sarebbe stato distratto da qualcosa. Sembrava che l'unico momento in cui riusciva a rimanere concentrato fosse mentre scriveva.

Entrò nel soggiorno dove Sam aveva la sua postazione vicino al divano. Fogli sciolti erano sparsi tutt'intorno al monitor con circa una mezza dozzina di penne rimaste fuori dal portapenne che aveva comprato apposta per lui. Sospirò, raccogliendo gli strumenti per scrivere e mettendoli al loro posto. Facendo attenzione a non disturbare le carte, prese un panno asciutto e si asciugò sotto di esse, raccogliendo più polvere di quanta avrebbe immaginato ci fosse. Fece scorrere il monitor e la torre del computer sotto la scrivania.

Incuriosita dallo stato dei cassetti della scrivania, ne aprì uno e si fermò, fissando incredula. La modella nuda in posa suggestiva che adornava la rivista erotica era qualcosa che non avrebbe mai creduto potesse finire a casa sua. Ma Kayden Kross, succhiandosi seducentemente un dito, era la prova del contrario. Non rendendosi conto di aver trattenuto il respiro, Lucy espirò velocemente. Il suo fratellino, che mentalmente sarebbe rimasto un bambino, era entrato in qualche modo in possesso di queste riviste di pelle.

Uno per uno, li tirò fuori dal cassetto del computer, impilandoli accanto al monitor. Sembrava che ogni pubblicazione che rimuoveva fosse più volgare e impropria dell'ultima. Alla fine, ha contato 11 riviste che trattavano di tutto, dalle ragazze adolescenti al sadomasochismo. Lucy si sentiva come se ci fosse un grande peso sul suo petto. Sam li aveva visti senza che nessuno gli spiegasse cosa stesse guardando. Aveva voglia di incolpare se stessa per non essersi presa cura di lui.

Lucy indietreggiò dalla scrivania del computer e deglutì a fatica. “Sammy? Puoi venire qui un minuto?"

Non ci fu risposta, ma riuscì a sentire il rumore delle sue Converse sulle piastrelle del pavimento della cucina. In pochi secondi, la sua figura sottile apparve attraverso l'arco che collegava la cucina al soggiorno. Con lunghi passi, colmò la distanza in pochissimo tempo.

I suoi occhi incontrarono i suoi, splendenti di innocenza e ingenuità. Lei sospirò. Questo doveva essere risolto, indipendentemente da qualsiasi imbarazzo che potesse derivarne. «Sammy, stavo ripulendo la scrivania del tuo computer.»

Fece una pausa, sperando che lui si facesse avanti e facesse la prima mossa tirando fuori il porno. Ma nessuna tale fortuna. Lui la fissò a sua volta, aspettando che questo andasse da qualche parte prima di perdere l'attenzione.

«E mentre rovistavo nei cassetti, ho trovato questi.» Lucy si voltò, prese un paio di riviste e gliele porse perché le vedesse.

Inaspettatamente, li strappò dalla sua presa. "Sono miei."

Lucy sbatté rapidamente le palpebre. Non era la risposta che si aspettava. "Sammy, sai cosa sono?" Indicò quelli rimasti sulla scrivania.

Sam la superò fino alla scrivania, facendo attenzione a non toccarla. Mise le due riviste che aveva in mano con le altre. Passando una mano su una delle coperte, corrugò la fronte, ma non rispose.

Lei sospirò di nuovo e lo raggiunse al suo fianco. Ha puntato un dito contro un'adolescente in treccine con mutandine a pois che stringeva un orsacchiotto al petto nudo. “Sammy, questa è pornografia. Sai che cos'è questo? Sono immagini di uomini e donne...»

"... cazzo." Ha finito per lei.

"Samuele!" Doveva trattenersi dal colpirlo in testa. Non era colpa sua se non aveva filtri sociali, ma era comunque scioccante sentire il suo fratellino imprecare. "Questo non è un linguaggio appropriato."

Girò la testa, non capendo bene cosa avesse fatto di sbagliato.

Espirò bruscamente prima di continuare. «Uomini e donne che fanno l'amore o fanno sesso, Sammy. È perfettamente naturale e qualcosa che le persone che sono vicine amano fare.

"Fai?" La sua domanda arrivò quasi prima che lei completasse quello che stava dicendo.

Lucy si mosse, non volendo mentirgli. "È una questione personale, non lo chiedi alla gente."

"Oh." Spostò di nuovo lo sguardo sulle riviste. “Ma queste persone non lo trovano personale. Altri li fotografano e li pubblicano. Eppure a loro non sembra importare.

"Sì, ma quelle persone lo fanno per soldi." Era contenta che la conversazione si spostasse da lei.

Voltò la copertina della rivista per adolescenti, guardando la ragazza col codino che veniva sbattuta da due uomini. “Quindi fanno sesso perché si amano o per soldi? Non possono essere entrambe le cose.

Lucy non sapeva come rispondergli. Spesso dimenticava che Sam poteva essere molto perspicace quando voleva, il che di solito accadeva nei momenti peggiori. “Il fatto è, Sammy, farebbero questo genere di cose solo con persone di cui si fidano e di cui si preoccupano. Capisci?"

"Sì, credo." Chiuse la rivista e raddrizzò la pila. Appoggiando entrambe le mani sulla scrivania, si sporse in avanti e si fece forza. “Ti amo, Luce.”

"E ti amo anche io. Ora puoi dirmi dove hai preso la pornografia?" Gli mise una mano sulla schiena, notando che non sussultava come al solito.

Con un movimento rapido, si alzò dal tavolo e prese a coppa il viso di sua sorella con entrambe le mani avvicinandola e baciandola appassionatamente sulle labbra. Le sue dita percorsero la linea della sua mascella, trovandole il petto. Si strinse più vicino a lei.

Lucy fu colta di sorpresa, non del tutto sicura di cosa stesse accadendo. Questo non poteva essere suo fratello, l'uomo che non voleva nemmeno tenere la mano di qualcuno, essendo così intimo. Si allontanò, facendo qualche passo indietro. “Sam! Cosa stai facendo?!"

Sembrava perplesso. “Ci amiamo, vero? Perché non possiamo fare quello che stanno facendo?"

"Perché non è qualcosa che fratelli e sorelle fanno!" Cercò di non alzare la voce, ma si stava ancora riprendendo dallo shock.

"Perché?"

Alzò le mani in aria. “Perché non è giusto! Ecco perché."

“Ma tu sei l'unica persona che amo. Con chi altro dovrei stare?" Fece un passo verso di lei, ma si fermò a un braccio di distanza.

Lucy sospirò, improvvisamente ferita dalle sue stesse parole. Il suo fratellino voleva solo crescere e trovare l'amore. Ma capiva davvero cosa comportasse esattamente l'amore? «Troverai la ragazza giusta, Sammy. Sei ancora così giovane, sii paziente. Dopotutto, questo non è il genere di cose che prendi alla leggera.

Lo sguardo sul suo viso la fece quasi a pezzi. Per quanto lo riguardava, il suo cuore era spezzato. Ricordava la sensazione di essere rifiutata e sapeva che non era mai piacevole. Riuscendo a sorridere comprensivo, cercò di riportare l'argomento precedente dell'origine di tutti questi problemi. «Senti, ho davvero bisogno che tu mi dica dove hai preso le riviste. Non sarò arrabbiato.

Sam scosse dolcemente la testa.

Sapeva che non avrebbe potuto comprarli da solo poiché teneva il suo documento d'identità con foto nella borsa. Dovevano essergli dati da qualcuno, ma lui non conosceva quasi nessuno oltre a lei. "Sammy, per favore dimmi perché ti hanno dato la pornografia."

Aprì la bocca per parlare, ma esitò e rimase in silenzio. Era ancora ferito.

Lucy non poteva farne a meno; odiava vederlo soffrire. Si mosse in avanti, avvolgendo le braccia intorno a lui in un abbraccio stretto. Rimase rigido, non rilassato. Sam non era mai a suo agio con il tocco, ma piuttosto che trattenere il respiro, notò che la sua respirazione era veloce e superficiale. I suoi pugni si strinsero forte mentre il suo corpo caldo era premuto contro il suo. Rendendosi conto che stava esacerbando la situazione, si lasciò andare lentamente.

Parlava dolcemente. "Ho bisogno di sapere perché hai le riviste."

Sam cercò di sorridere. “Perché non avevo materiale stravagante. Ha detto che immaginare cosa c'era sotto le mutande non poteva essere paragonato a vedere tette, figa e culi veri che venivano scopati. E aveva ragione, sai, Luce. In realtà ho scritto storie su alcune delle immagini che ho visto. Vuoi leggerne qualcuna?”

La mente di Lucy era piena di pensieri. Non sapeva se urlargli contro per aver imprecato di nuovo, sentirsi in imbarazzo per avergli permesso di vederla in mutandine o sorpresa che stesse scrivendo storie erotiche. Ma ora sapeva che era stato un uomo a dargli il porno. "Puoi dirmi il suo nome?"

"No." La risposta fu breve e brusca. «Smettila di chiedermelo, Luce. Se te lo dico, smetterà di darmi le riviste.»

Terminata la conversazione, Sam raccolse la sua pila di riviste e le rimise nel suo cassetto. Lucy sapeva che non li aveva nascosti intenzionalmente, ma la scrivania era solo un posto sicuro dove metterli in modo che non si perdessero. Non provava lo stesso senso di umiliazione che la maggior parte delle persone proverebbe vedendo scoperta la propria scorta pornografica e quindi non avrebbe sentito il bisogno di tenerla nascosta.

«Luce, non ce l'hai con me, vero?» Sam era seduto sul bordo della scrivania, le carte che si increspavano sotto il suo peso.

"Ovviamente no. È normale che i ragazzi della tua età abbiano quel genere di cose.

“Non sto parlando del porno. Quando ti ho baciato e toccato. Eri arrabbiato. Perché?"

«Non ero arrabbiato, Sammy.» Poteva sentire le sue guance arrossire mentre ricordava l'incidente. "Sono solo sorpreso."

"Perché?" Sembrava così innocente nonostante la conversazione osé.

Tutto il suo viso era caldo. “Perché siamo fratelli. E le persone imparentate non lo fanno.

Sam la guardò con aria innocente. "E se non fossi mia sorella, potremmo fare sesso?"

"Ma io sono tua sorella e nessuna domanda ipotetica cambierà le cose."

“Non potremmo fingere che non lo fossi? Le mie riviste inventano cose tutto il tempo.

“No, Samy. Non sta succedendo. Lei incrociò le braccia, leggermente infastidita dalla sua insistenza. "Troverai la ragazza giusta, un giorno."

Il suo sorriso svanì. "Oh, capisco. Puoi dirmi almeno com'è?"

Lucy chiuse gli occhi e si massaggiò le tempie. “Per favore, non farmi domande del genere. È imbarazzante."

"Perché? È solo una domanda." Si è rialzato. "O non hai mai scopato qualcuno?"

“Samuele! Lingua!" I suoi occhi si aprirono di scatto. “Senti, è solo qualcosa di cui non mi sento a mio agio a parlare con mio fratello. Quindi lascia perdere, ok?"

Si strofinò la nuca, scompigliandosi i capelli disordinati. «Bene, ora sei con Alex. E poi c'era Joey. E il ragazzo prima, come si chiamava? Tyler, vero? Ti piaceva, ricordo. Allora perché non dovresti andare a letto con loro?

"Per favore, lascialo andare." Si mise una mano sul fianco.

“Gli hai mai dato la testa? O scopare più di uno alla volta? Prendilo nel culo? Sei mai stato con un'altra ragazza? Giocato con i giocattoli? Usa fruste e –“

"Dio mio!" lo interruppe Lucy, cercando di non urlargli contro. "Sono tutte cose che hai visto in quelle riviste ?!"

Sam spostò il suo peso. "Alcuni di loro."

"E il resto?"

Lui scrollò le spalle. «Solo cose che ho sentito.»

"Dalla stessa persona che ti ha dato il porno?" Poteva sentire il suo viso arrossire per le sue accuse personali.

Lui l'ha ignorata. “Allora, adesso risponderai alla domanda facile? Com'è il sesso? Oppure potrei sempre chiedere cose più umilianti. Sai, sei carino quando sei imbarazzato.

Lucy emise un sospiro, sentendosi sconfitta. “Sì, Sam, ci si sente bene. È questo che vuoi sentire?"

Ha deriso. “Avrei potuto capirlo da solo. Lo sguardo sui volti di quelle ragazze mentre stanno avendo un orgasmo lo rivela. Voglio sapere cosa fai e come ci si sente davvero.

Non stava andando dove si aspettava. Una parte di lei voleva solo andarsene, ma poteva sentire un desiderio malato e assillante di raccontare al fratellino tutti i suoi segreti più sporchi. Si appoggiò allo schienale del divano a pochi passi da lui. "Non c'è davvero modo di spiegare come ci si sente."

"Confrontalo con qualcosa."

Deglutì a fatica, costringendosi a continuare. “Ti sono state date quelle riviste in modo da avere materiale su cui masturbarti, giusto? Bene, immagina la sensazione quando ti tocchi solo tre o quattro volte meglio. È come un solletico che non vuoi fermare. Le sue guance sembravano bruciare. "Questo è davvero il modo migliore in cui posso descriverlo."

Annuì una volta. "E che genere di cose fai?"

«Non sono avventuroso, Sammy. La maggior parte delle cose che hai menzionato non avrei mai nemmeno pensato di farle.

Sembrava insoddisfatto della sua risposta. "Non hai mai fatto un pompino?"

"Beh, c'è quello, sì." Lucy si sentiva bagnata. Non avrebbe mai immaginato di parlare di cose erotiche con suo fratello e la cosa in qualche modo la eccitava. "E sono stato legato prima, ma era qualcosa che voleva."

Un sorriso gli attraversò il volto e fece un passo verso di lei. "Giochi mai con te stesso?"

Ci fu un momento di esitazione prima che decidesse di assecondarlo. "Alcune notti dopo che ti avrò rimboccato le coperte e mi assicurerò che tu stia dormendo, lo farò."

Un altro passo. "Usi i giocattoli?"

«Oh, Dio, no. Non potrei mai convincermi a comprare qualcosa del genere. Lei scosse velocemente la testa.

Fermò la sua avanzata, evidentemente deluso. Ma un sorriso timido si manifestò sui suoi lineamenti. “Potrei aiutarti, lo sai. Ho visto delle foto.

“No, Samy. Niente di sessuale. Improvvisamente lo fece ostruzionismo.

"Posso baciarti di nuovo, almeno?" La sua faccia sembrava così implorante.

Lucy distolse lo sguardo. Questo era sbagliato. Lei lo sapeva, anche se lui no. Ma ancora. Chi doveva sapere? E lo stava evitando semplicemente perché aveva paura che le piacesse? Lei lo guardò. “Va bene, ma solo una volta. Fatto?"

Aveva pensato che una volta che avesse messo le sue labbra sulle sue e avesse sentito un intimo contatto umano, avrebbe esitato e si sarebbe tirato indietro rapidamente. Si è sbagliata. Le sue mani trovarono la parte posteriore della sua testa, aggrovigliando le dita tra i suoi capelli morbidi e attirandola ancora più vicino a sé. All'inizio la stava baciando con esitazione, testando i confini, prima che la sua lingua iniziasse a sondare la sua bocca. Gli occhi di Lucy si aprirono di scatto all'intrusione, ma lentamente la sorpresa cedette al piacere mentre i suoi occhi si richiudevano gradualmente. Per non averlo mai fatto prima, suo fratello era naturale. Sapeva esattamente quanta lingua usare, quando accarezzare, quando succhiare.

Lentamente, una delle sue mani si liberò dai suoi capelli e iniziò a scendere lungo il suo collo, la sua clavicola, e si fermò quando raggiunse il suo seno. Con movimenti cauti cominciò a palpeggiarla e stuzzicarla. Lei gemette nella sua bocca e lui lo prese come un segno per continuare. Avventurandosi più a sud, raggiunse l'orlo della sua camicia e fece scivolare la mano sotto, facendo scorrere le dita lungo la sua pelle chiara. Non lasciandosi ostacolare dal suo reggiseno, si spostò sotto di esso per afferrarle saldamente il seno. Con l'indice e il pollice le pizzicò il capezzolo, suscitandole un altro gemito.

Lucy a questo punto era già premuta contro il divano con suo fratello che usava il suo stesso peso per tenerla inchiodata lì. Sentirlo toccarla in modo così inappropriato stava accendendo il suo desiderio sessuale e lei iniziò inconsciamente a strofinarsi contro di lui. Il suo membro era ormai duro come la roccia, teso contro la patta dei suoi pantaloni. Lucy desiderava ardentemente toccarlo e stringerlo mentre lui l'abbracciava, sapendo nel profondo della sua mente che era completamente sbagliato.

Gli portò una mano al petto e cercò di spingerlo via. Con riluttanza, interruppe il bacio e la fissò con occhi tristi. Sapeva che aveva fatto quello che aveva chiesto e altro ancora. “Grazie Luce.” La sua voce era sommessa.

Cento pensieri le stavano attraversando la mente, ma nessuno più di quanto desiderasse suo fratello. Non poteva fare a meno di sentirsi una pervertita mentre rimuginava sulle molte cose che poteva insegnargli. "Pensavo che volessi sapere come ti senti, Sammy." chiese maliziosamente.

I suoi occhi si strinsero come se non fosse sicuro che fosse solo un trucco. Ma quando Lucy si allungò in avanti e iniziò a togliersi il blazer, i suoi occhi si illuminarono. Scrollandosi di dosso la giacca, iniziò a slacciare i bottoni del giubbotto con dita impazienti e impazienti. Per una volta, si maledisse per essersi vestito con così tanti strati. Sua sorella gli allontanò le mani e cominciò a sbottonarlo. Con il gilet presto slacciato, passò alla sua camicia bianca. A mano a mano che ogni bottone veniva slacciato, il suo petto scarno e pallido diventava sempre più esposto. Con le mani libere, si tirò la cravatta, allentandola e facendola scivolare sulla testa.

Finita con la sua maglietta, Lucy si raddrizzò e si tirò la sua polo viola sopra la testa, rivelando il reggiseno color lilla sotto. Allungandosi dietro, lo sganciò abilmente e lo gettò nel mucchio di vestiti che si stava formando sul pavimento ai loro piedi. I suoi seni a coppa B ora scoperti avevano catturato l'attenzione del suo fratellino. «Sono proprio come li avevi immaginati, Sammy?»

"Meglio." Sam istintivamente andò a raggiungere il suo inguine per darsi piacere.

"Lasciami." Lucy allontanò la sua mano e lentamente, in modo stuzzicante, tirò la cerniera dei suoi pantaloni. Mentre apriva la cerniera, poteva sentire il suo cazzo spingere contro i boxer scozzesi blu che indossava sotto. Con entrambe le mani, gli abbassò i pantaloni ei boxer fino alle ginocchia, esponendo ciò che desiderava così ardentemente vedere. Era sorprendentemente di una lunghezza impressionante, lasciando Lucy in soggezione che questo fosse ciò che il suo magro fratello minore stava nascondendo in tutti questi anni. Si meravigliò ancora per un po', prima di cadere in ginocchio davanti a lui. "Ti piacerà, credo."

Mettendo le labbra sulla testa del suo pene, iniziò teneramente a baciarlo, facendosi strada. Sam la fissò intensamente, ipnotizzato in ogni suo movimento. Lucy iniziò lentamente a leccare, prima la punta, poi su e giù per l'asta. I suoi occhi si alzarono e inclinò la testa all'indietro mentre gemeva di piacere. Le sensazioni erano diverse da qualsiasi cosa avesse mai provato prima. Lei ridacchiò alla sua reazione e questo la spronò ancora di più. Come se stesse sfidando se stessa, iniziò a succhiargli la gola. Lui inspirò bruscamente e poi sembrò dimenticare come espirare mentre tutta la sua bocca lo inghiottiva. Lucy si mantenne in quella posizione per diversi secondi prima di lasciarlo andare a prendere una boccata d'aria. Ha ripetuto lo schema ancora qualche volta prima di decidere di passare a qualcosa di nuovo, assicurandosi di mantenere la sua attenzione focalizzata solo su di lei e su ciò che gli stava facendo. Prendendo una delle sue palle in bocca, lei succhiò delicatamente prima di passare all'altra. Mentre la sua lingua gli accarezzava lo scroto, la sua mano destra iniziò ad accarezzarlo sempre più velocemente. Cominciò a respirare in rapida successione. “Oh Dio…” mormorò.

Ad ogni gemito che lei emetteva, la sottile vibrazione mandava un formicolio attraverso i suoi genitali e una leggera pressione cominciò a formarsi nei suoi testicoli. Sua sorella sentiva che il suo cazzo cominciava a pulsare e sapeva che doveva fermarsi prima che lui non potesse più trattenersi.

Lucy lo lasciò andare e si rialzò. Era questo. "Sei pronto, Sammy?"

Lottò per riprendere fiato. "Per quello?"

"Quello che volevi, ovviamente." Cominciò a slacciare i suoi jeans attillati, facendoli scivolare sui suoi fianchi morbidi e dimenandoli fino alle caviglie. Si spostò sulle sue mutandine viola chiaro abbinate e fece scivolare anche quelle. Rivelando la sua figa nuda, Lucy fece scivolare il dito medio tra le pieghe, si strofinò un po', e poi tirando fuori il dito, ne succhiò i propri succhi.

Gli occhi di suo fratello si spalancarono.

Si chinò in modo seducente per slacciarsi le scarpe da tennis, prima di uscire con cautela da jeans e mutandine, poi spingendoli tutti da parte. «Sdraiati, Sammy.»

Fece come gli era stato detto, sdraiandosi sul tappeto accanto alla pila di vestiti, usando il proprio blazer come cuscino. Ha proceduto a dare il via alle sue Converse, pantaloni e boxer. Lucy si inginocchiò di nuovo, questa volta a cavalcioni su di lui. Afferrando il suo cazzo con una mano, lo guidò verso il suo ingresso umido e lentamente inserì la testa. Trattenne il respiro mentre si sistemava lentamente sul cazzo di suo fratello, sentendolo allungare la sua fica stretta. Era quasi troppo da gestire per lei. Lei si contorse, cercando di adattarsi a tutto. Le sue pareti vaginali pulsavano mentre cercavano di adattarsi alle sue dimensioni. Ascoltò di nuovo suo fratello gemere mentre il calore e la pressione lo sopraffacevano.

Mentre apprezzava e godeva della cosa immensa che la riempiva dentro, era ansiosa di sentire la pressione e l'attrito che ne sarebbero derivati. Iniziando lentamente, Lucy sollevò il suo posteriore fino a quando non poté sentire la testa del suo cazzo che stava per uscire, prima di scivolare di nuovo giù. I suoi movimenti iniziarono gradualmente a prendere velocità mentre si alzava e si abbassava sul suo cazzo, gemendo di intenso piacere. Poteva sentire che stava iniziando a raggiungere il suo apice. La sua figa ha cominciato a stringersi e le sue gambe hanno iniziato a tremare ea cedere mentre veniva sul suo cazzo. Il lubrificante ha reso molto più facile per lui scivolare dentro e fuori mentre lei riprendeva i sensi ed era in grado di ricominciare a macinarlo.

Lucy, per un breve momento, pensò di fermarsi. Questo era sbagliato. Non era già abbastanza grave che si fosse semplicemente presa la verginità di suo fratello, ma ora stava venendo più forte di quanto avesse mai fatto con uno qualsiasi dei suoi altri fidanzati. Come poteva un atto così impensabile e dimenticato da Dio sentirsi così bene? Ma, comunque, potrebbe anche finire quello che ha iniziato. Sorridendo interiormente, la spinse ulteriormente. L'umidità condivisa dai fratelli ha solo aumentato la loro gratificazione. Gridò di intenso piacere, stringendo la fica attorno al suo cazzo mentre cercava di raggiungere un altro orgasmo.

Improvvisamente, le mise entrambe le mani sui fianchi e la fermò. "Aspetta, Luce", disse tra i respiri ansimanti, "voglio provare qualcos'altro".

Sorrise, respirando affannosamente. A Lucy non piaceva essere fermata prima di raggiungere quello stato euforico, ma avrebbe fatto qualsiasi cosa per il suo fratellino. "Certo, Sammy, qualunque cosa tu voglia."

"Puoi alzarti?"

Lucy fece come le era stato chiesto. Le sue ginocchia erano traballanti e poteva sentire il suo corpo tremare dappertutto. Guardò mentre Sam si alzava rapidamente in piedi, apparentemente impassibile e desideroso di qualcosa di più. I suoi occhi studiarono la sua forma nuda, cogliendone la bellezza. Con una mano, le accarezzò la coscia, spostandosi sulle sue natiche e stringendole la guancia del sedere, prima di dargli uno schiaffo. Lei ridacchiò. "Ooh!"

Questo non poteva essere suo fratello. Non era mai stato intimo con nessuno in vita sua, eppure si comportava come se fosse una routine praticata. Questo andava oltre qualsiasi cosa potesse aver letto nelle sue riviste. Quante notti è rimasto sdraiato lì di notte a fantasticare su questo genere di cose?

«Piegati sul divano, Luce.» Il suo tono era scherzoso.

Sua sorella si appoggiò allo schienale del divano, facendosi forza con entrambe le braccia. Lei dimenava il sedere verso di lui in modo invitante. Anche lei potrebbe stare al gioco. «Vieni, Sammy.»

Lui sorrise e iniziò lentamente ad accarezzarle il fianco, l'anca e la coscia. Facendo scorrere una mano lungo la parte interna della sua gamba, si fermò proprio mentre raggiungeva il suo calore. Facendo scorrere le dita lungo la sua fessura, poteva sentire l'umidità ricoprire le sue dita. Proprio come aveva fatto sua sorella, si portò la mano alla bocca, succhiandosi le dita. Il sapore era più dolce di quanto avrebbe immaginato. Sentì il suo cazzo contrarsi mentre assaggiava l'odore e il sapore di suo fratello.

Non volendo perdere altro tempo, si avvicinò alle spalle di Lucy, mettendo il cazzo proprio davanti a lei. Manovrando abilmente, riuscì a scivolare dentro per tutta la sua lunghezza. Entrambi rimasero senza fiato per la soddisfazione che ne risultò. Guardandosi alle spalle, si leccò le labbra implorante, esortandolo a continuare. Cogliendo al volo l'opportunità, Sam le prese i fianchi con entrambe le mani, tirandole il sedere verso di sé mentre spingeva verso l'interno.

"Dio mio!" La testa di Lucy crollò sulle sue braccia mentre si crogiolava nell'estasi.

Suo fratello era spinto ad andare sempre più veloce. Ogni volta che si tuffava in lei, entrambi suscitavano un'ondata di eccitazione. Sam era affascinato dall'osservare, quasi incredulo che stesse davvero scopando sua sorella, e che lei si stesse davvero divertendo. Le diede un altro schiaffo sul culo, lasciandole un'impronta rossa sul sedere.

Alla fine si è stancato della maglietta e del gilet che indossava, quindi ha lottato per uscirne mentre cercava ancora di mantenere il ritmo. Li gettò da parte con noncuranza e iniziò a scoparla con più vigore. Ad ogni spinta della sua lunga asta, le sue palle schiaffeggiavano contro il suo clitoride, fornendo una stimolazione tanto necessaria. Lucy iniziò a gemere più forte, chiaramente godendosi la soddisfazione che stava fornendo. «Dio, Sammy, non fermarti.»

Ma mentre continuava a spingere con entusiasmo, cominciò a sentire la familiare pressione salire. Ignorando la sua richiesta, si fermò, tirando fuori e stringendo il suo cazzo. Non era ancora pronto perché tutto questo finisse. "Sali sul bracciolo del divano." Lui le ha detto.

Cercando ancora di riprendere fiato, seguì il suo ordine. Senza le sue mani che la sostenevano, le sue gambe si sentivano deboli e si sentiva come se potesse cadere da un momento all'altro. Ma riacquistò rapidamente la sua compostezza abbastanza da muoversi. Girò l'estremità del divano e si sedette, appoggiandosi allo schienale del braccio per sostenersi. Sam non ha sprecato un momento. La seguì intorno al divano e prese posizione di fronte a lei.

"Voglio che mi scopi forte." gli chiese ora Lucy.

Poteva sentire il suo cuore battere più forte mentre la sentiva impartire il suo comando con tale volgarità. La sorella, che non aveva mai sentito imprecare in vita sua, ora gli chiedeva di fare quello che desiderava fare da anni ormai. Toccando la sua figa rasata con una mano, l'altra le tastò la parte inferiore del culo, sollevandola per incontrare le sue carezze. Inserendo un paio di cifre, iniziò a scopare con le dita sua sorella. Lei ansimò e ansimò, stringendo i muscoli vaginali per stringersi attorno a lui. Questo lo ha solo spinto. Inserì un altro dito e iniziò ad attaccarla ancora più forte, esplorando l'interno della sua figa. Con il pollice, le strofinò la clitoride.

"Oh, Sam..." gemette.

Le sue dita sondarono ogni centimetro di lei e si sforzò di portarle il più in alto possibile. Era così caldo e morbido. Ma mentre spingeva le dita dentro e fuori da sua sorella, la sentì convulsa e muovere i fianchi per incontrarlo. Emise un altro lungo gemito mentre gli veniva forte sulla mano. Era implacabile, continuando ad attivare il suo punto G mentre rilasciava il liquido limpido e dolce. "Oh, cazzo, Sammy..."

Alla fine si tolse le dita e invece di succhiarsele lui stesso, le mise nella bocca spalancata di sua sorella. Lei leccò avidamente i suoi succhi di dosso, massaggiandosi la clitoride con la propria mano per mantenere la stimolazione.

Sam le tolse le dita dalla bocca e le allontanò la mano. Con nuova delicatezza, rimise a posto il suo cazzo, Lucy emise un sussulto di sorpresa quando dovette adattarsi di nuovo alla sua taglia. Afferrandole entrambi i fianchi, le fece scivolare il sedere dal bracciolo del divano, sostenendo il suo peso inferiore.

Cominciò ad ansimare mentre si spingeva in profondità. "Più forte!" Lei rimase senza fiato.

Non ha esitato. Sam iniziò ad attaccarla più intensamente, scopandola finché lei non gridò più e più volte il suo nome. «Dio, Sammy, lo voglio più profondo.» Ha implorato.

Le sue azioni divennero più spietate mentre la attaccava più forte che poteva. L'intero divano stava tremando ora e poteva giurare che i vicini della porta accanto la sentivano urlare. Ma questo non lo ha scoraggiato. Potrebbe non avere mai più questa possibilità e intendeva assolutamente approfittarne.

Lucy inarcò la schiena, spingendo la sua clitoride nella sua asta mentre scendeva senza pietà. Poteva sentirsi di nuovo raggiungere l'orgasmo e strinse il suo cazzo. Non voleva spingerlo fuori, ma non poteva fare a meno di stringersi contro di lui. Mi sentivo così bene. Tuttavia, non si è lasciato turbare. Fece una pausa nei suoi movimenti, facendo del suo meglio per rimanere dentro di lei. Il piacere che le procurò fu ancora più intenso poiché suo fratello non vacillò.

Quando il suo orgasmo giunse al termine, Sam iniziò di nuovo a spingere ancora più a fondo. Poteva sentire se stesso raggiungere la sua cervice e le sensazioni che forniva a entrambi erano intense. Non era sicuro se le sue urla fossero di piacere o dolore, ma decise di andare avanti finché lei non gli avesse detto diversamente.

Sam si sentiva crescere. "Luce, sto per venire..." Ansimò.

I suoi occhi si spalancarono e cercò di parlare tra un sussulto e l'altro. "Sammy, devi uscire."

Ma non ha ascoltato. Cominciò a prendere velocità, spingendo sempre più velocemente. Lucy gli mise entrambe le mani sul petto, cercando debolmente di spingerlo via, ma senza successo. Sam le sollevò il sedere, facendola inarcare per incontrarlo mentre lui si abbatteva su di lei.

«Sammy, no...» gemette.

Si morse forte il labbro mentre il suo cazzo pulsava dentro di lei, sparando un flusso dopo l'altro di sperma. Lucy ansimò e i suoi occhi rotearono all'indietro mentre veniva con suo fratello. La sua piccola fica si strinse attorno al suo cazzo, lasciando il suo seme in nessun altro posto dove andare. A poco a poco, il suo seme è uscito da lei, anche se lui è rimasto nel profondo.

Senza dire nulla, Sam si chinò per baciarla. Restituì l'azione, perdonando silenziosamente suo fratello. Dopo che il bacio finì, lei lo fissò con i suoi dolci occhi verdi. "Nessuno può saperlo, ok?"

Sam annuì, ancora non capendo del tutto le ripercussioni della sua indiscrezione. Sua sorella si sentiva in colpa, ma lui di certo no. Allungò una mano per accarezzarle la guancia. Lucy aveva sempre desiderato un fratello affettuoso: uno che potesse abbracciare, ballare e toccare. Ma a causa del suo autismo, prima non era stato possibile. Si chiese se tutti quegli inutili anni di terapia avrebbero potuto essere evitati se l'avesse appena scopato.

Come poteva pensare così? Che razza di pervertita malata era diventata? Dopotutto, chissà che tipo di pedaggio avrebbe avuto sulla loro relazione d'ora in poi. Maybe he’d expect this to become a regular thing. Or maybe someone would find out, like her boyfriend. Worse yet, she might end up pregnant.

No, there was no point in getting paranoid. He knew this was a one-time deal, she was on the pill, and no one would believe Sam even if he did tell someone what had happened this morning. Everything was going to be fine. Except for the incestuous knowledge she now held.

Slowly, he pulled out of her, more cum trickling out as he did so. As if nothing had transpired, he straightened up and walked over to his clothes to begin getting dressed.

Unbelievingly, Lucy scooted her butt back and sat on the arm of the couch. “Seriously, Sammy, you have nothing to say?”

He tightened the knot of his tie and smirked. “Sure, what’s for lunch?”

Storie simili

Nicole, l'amica di mia sorella

Questa è una storia completamente vera e cercherò di raccontarla nel modo più accurato che posso ricordare. Spero vi piaccia e fatemi sapere se volete la seconda parte. Mi chiamo Kevin e questa è la storia della mia estate prima del college. Era l'estate dopo che mi sono diplomato al liceo ed ero felice di avere un'estate per rilassarmi prima di iniziare l'università. Avevo una sorella, Caitlin, un anno più grande di me che aveva finito il suo primo anno di college. Ho anche avuto un fratello minore alle medie. Ora un po' di background su me stesso. Non sono particolarmente...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

887 I più visti

Likes 0

La mia figliastra mi sta facendo impazzire (Parte 9)

È passata una settimana. Sono ancora incredulo su quello che è successo tra me e la mia figliastra Nadine giovedì sera. Le ho davvero sborrato nel culo? Quindi ha davvero spinto il mio sperma fuori dal suo culo e me lo ha spalmato su tutto il corpo? Dopo, mi ha davvero pisciato sul cazzo sotto la doccia mentre stavo venendo? Ho davvero infilato il mio cazzo nel suo culo e ho fatto pipì nel suo culo mentre lei stava venendo? Tutto questo suona così selvaggio. Così incredibile. Ma so che è successo. È solo difficile da elaborare. Ho fantasticato su Nadine...

666 I più visti

Likes 1

Appuntamento notturno da ricordare

Mentre ti tenevo stretto, l'acqua calda è caduta sui nostri corpi, tenendoci al caldo durante il nostro abbraccio appassionato. Era il nostro appuntamento notturno settimanale e abbiamo deciso di finirlo il più intimamente possibile. Abbiamo deciso di fare una doccia calda e buia insieme mentre le canzoni d'amore suonavano dal nostro altoparlante. Era assolutamente perfetto. Sentirti tra le mie braccia nell'oscurità più assoluta, aggiungeva questo senso di vicinanza che non sentivo da un po'. Non potevo fare a meno di baciarti. All'inizio con delicatezza, ma col passare del tempo ho trovato sempre più difficile contenere il mio amore per te. Ti...

248 I più visti

Likes 0

L'impiegato

È venerdì sera! Tecnicamente, è lunedì. Ma il mio programma di lavoro mi lascia libero il lunedì e il martedì, quindi quelle sono le serate in cui esco e mi diverto. Tuttavia, la mia idea di divertimento è diversa dalla maggior parte... Non passo le mie notti a casa; diavolo, non li spendo nemmeno nella mia città natale. Guiderò trenta, quaranta miglia fuori strada per divertirmi. Non vado nei club o nei bar. Non esco e non vado a organizzare feste, né mi ubriaco di merda e mi prostituisco con il primo ragazzo che mi viene a prendere da terra. Vado...

278 I più visti

Likes 0

Classe di schiavitù

“Benvenuta classe, alla prima lezione di...” il giovane insegnante maschio si avvicina alla lavagna, raccogliendo il gesso e scrivendolo a caratteri cubitali “BONDAGE 101” Tra gli studenti scoppia un ruggito di risate e risate, una presenza relativamente ridotta di sole 10 persone circa, 9 delle quali maschi e una femmina che non sembrava affatto appartenere a quel posto. Vestito con una gonna lunga con trecce e classi. Lentiggini chiare da abbinare alla sua pelle pallida. Con gli occhi bassi su un libro, senza prestare molta attenzione all'insegnante o agli altri studenti del resto. L'insegnante ha proseguito “Se sei venuto qui per...

216 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

989 I più visti

Likes 0

Io e Gavin

Questa è una storia sul mio amico e sua madre che vivono nella porta accanto. Avevo 24 anni, mi ero diplomato presto al liceo e poi mi ero laureato presto al college. Ho ottenuto un ottimo lavoro con una grande azienda con un considerevole bonus alla firma che ho applicato a un acconto su una casa. Vivevo lì da 6 mesi e conoscevo molto bene i miei vicini. Janice, un'infermiera che lavorava nell'ospedale locale. Era divorziata da diversi anni e ha lavorato duramente per provvedere al figlio di 12 anni Gavin. Gavin era un ragazzo snello di 12 anni in seconda...

1K I più visti

Likes 0

Dal negozio di alimentari a f

Ho guardato l'incredibile seduttrice da dietro pensando a tutte le cose sporche che le avrei fatto se ne avessi avuto la possibilità, che era esattamente come lo volevo. L'ho seguita da lontano e ho continuato a fare acquisti, o in questo momento per lo più facendo finta di farlo. Ero così perso nel corpo della ragazza adolescente di fronte a me che lo shopping per quello per cui ero venuto non sarebbe successo a causa della mia immaginazione iperattiva. Il fatto che il mio cazzo fosse duro come una roccia non aiutava, specialmente nei jeans attillati che indossavo. Speravo davvero che...

1.1K I più visti

Likes 0

La moglie di Frank parte 5

La moglie di Frank parte 5 Il viaggio di Jim Ritorno al Sexy Shop storia di: SindyxSin Jim riporta Kathy al sexy shop. NOTA DELL'AUTORE: Questa è una storia sessuale continua. Potrebbe avere del sesso rude e non dovrebbe essere letto da persone che non amano quel tipo di sesso. Non è per tutti, dolore, umiliazione e altri atti sessuali usati per degradare una persona non per tutti. Se questo ti eccita, sono felice, ma per favore non provare nulla di tutto questo su partner riluttanti. Le storie che precedono questa sono; Moglie Franchi, 1,2,3,4. Con l'aiuto di Frank e di...

916 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.