Il destino come un vampiro

93Report
Il destino come un vampiro

Quindi sono sicuramente uno scrittore dilettante, ma questa fantasia è stata nella mia mente ultimamente. Ho sentito che il modo migliore per assecondarlo era farlo uscire su carta, per così dire. Tieni presente che lo stavo scrivendo più per me stesso che per qualsiasi altra cosa, ma mi sentivo come se dovessi condividerlo, nel caso in cui qualcun altro lo apprezzasse. Questa è solo la seconda storia erotica che scrivo, quindi per favore, andateci piano con me. Mi piacerebbe critiche o commenti costruttivi, e se ricevo feedback positivi, prenderò in considerazione un sequel, o una serie, o qualunque cosa faccia galleggiare la mia barca. Oh, e il sesso non arriva fino alla fine della storia, quindi se stai cercando una sveltina, non la troverai qui. Senza ulteriori addio, buon divertimento.


Le cose vanno davvero a sbattere durante la notte? Marissa si è ritrovata a fare costantemente questa domanda. Si era sempre detta di non lasciare che la sua immaginazione avesse la meglio su di lei, ma le notti in cui camminava da sola per le strade buie o si ritrovava a guardarsi alle spalle prima di andare a letto, non riusciva a scrollarsi di dosso la sensazione di essere osservata. In tutta onestà, l'idea delle cose che si nascondevano nell'oscurità la affascinava. Eppure, la terrorizzava allo stesso tempo. Fin da bambina si è trovata attratta dall'ombra; c'era qualcosa di così allettante in loro. Ogni volta che andava da suo padre per queste strane sensazioni, notava come si irrigidiva visibilmente, come il suo viso si induriva ei suoi pugni si serravano. Non ha mai capito perché si sentisse così a disagio, o addirittura a volte arrabbiato quando veniva sollevato un argomento del genere. Ogni conversazione su questo è finita allo stesso modo. Suo padre finì per piangere dietro la porta della sua camera da letto chiusa. (Non poteva andare da sua madre per queste cose, perché era morta quando Marissa aveva solo pochi giorni.) Crescendo, divenne più sensibile al modo in cui lui reagiva. Capì che doveva esserci qualcosa che non andava in lei. Quindi ha smesso di chiedere, solo per il suo bene. Ma presto l'avrebbe scoperto.

Marissa era in piedi davanti allo specchio, sistemandosi una ciocca dei suoi capelli biondi e disordinati dietro l'orecchio. Non aveva mai particolarmente apprezzato il suo aspetto. Aveva riccioli chiari che le incorniciavano il viso, un paio di occhi nocciola che desiderava fossero azzurri e un corpo decente. Era alta circa cinque piedi e sei, aveva gambe lunghe e un busto da abbinare. L'unica caratteristica di cui si sentiva benedetta era il petto. Sicuramente non mancava lì. Ma mentre applicava gli ultimi ritocchi al trucco, tutto ciò di cui si preoccupava era passare una buona notte. Alle 12:00 avrebbe compiuto 18 anni. Nonostante la sua età, la sua amica Nicki aveva programmato di portarla in un club, con l'uso di documenti d'identità falsi ovviamente. Proprio in quel momento il suo telefono squillò; un messaggio di Nicki: "Qui. Pronto a festeggiare?" Marissa sorrise al suo telefono e inviò una rapida risposta prima di voltarsi per lasciare il bagno. Spense l'interruttore, mandando il bagno nell'oscurità. Mentre attraversava lo stipite della porta, i peli sulla nuca cominciarono a rizzarsi. Sentendo che qualcosa non andava, rallentò il passo e girò la testa, guardandosi alle spalle. Non vedeva nulla nell'oscurità, eppure sentiva una spinta elettrica verso di essa. I suoi occhi si chiusero e fece un respiro profondo, 'Sto perdendo la testa' mormorò a se stessa. Scosse leggermente la testa, cercando di schiarirsela. Continuò lungo il corridoio, ignorando la sensazione che stava provando. Accertandosi di lasciare almeno una luce accesa, afferrò la sua borsa e uscì dalla porta, ignorando per tutto il tempo l'impulso di tornare nell'oscurità. Questi impulsi erano diventati sempre più intensi ultimamente. Era preoccupata che qualcosa potrebbe essere così sbagliato con lei che aveva bisogno di vedere un professionista. Mentre camminava verso l'auto di Nicki pensò che quella potesse essere la sua unica soluzione, ma poi di nuovo, cosa le avrebbero detto? Non aveva una fobia del buio come alcune persone l'hanno fatto; lei ne era attratta... no, collegata ad esso. Non si era mai sentita così fortemente per qualcosa. Era come se appartenesse all'oscurità... o qualunque cosa ci fosse nell'oscurità. Infatti, come rise con Nicki, dovette nascondere lo sguardo vitreo che aveva sopraffatto i suoi occhi, sentiva tutto il suo corpo una spinta così potente che le strappò l'aria dai polmoni. Ansimò per respirare e si mise la mano sul petto scioccata. Quella era stata la sensazione più forte che avesse mai provato. Giurò di aver sentito l'oscurità parlarle, chiamarla. Coprì rapidamente il suo piccolo incidente con un colpo di tosse, sperando che Nicki non se ne accorgesse. Diede un'occhiata e quando si rese conto che la sua amica stava ancora ridendo come se niente fosse, sospirò di sollievo. Marissa trascorse il resto del viaggio osservando le ombre intorno ai lampioni mentre passavano sulla strada.

Una volta arrivate al locale, le ragazze sono entrate facilmente e si sono dirette verso il bar. Ordinarono qualche giro di shot, allontanandosi da quei tipici drink femminili. Alcuni ragazzi si erano offerti di comprare loro un po' di quella merda alla frutta, ma li avevano respinti.
"Perdenti," mormorò Nicki rifiutando un altro gruppo di ragazzi. Marissa ridacchiò e alzò gli occhi al cielo. "Niente cazzate per noi!" urlò Nicki mentre teneva in aria l'ultimo bicchierino. Marissa fece tintinnare il suo bicchiere contro quello di Nicki e rispose con un entusiasta "Diavolo no!" mentre li inclinavano all'indietro e li sbattevano contro il bancone. A quel punto i due si sentivano abbastanza bene e decisero di colpire la pista da ballo. Il basso vibrava contro i loro piedi e mentre l'alcol annebbiava maggiormente il loro cervello, le luci lampeggianti intorno a loro diventavano confuse. Alcuni dei ragazzi che avevano cercato di offrir loro da bere hanno approfittato della situazione e si sono intromessi, urtando e strillando con le ragazze ubriache. Marissa si arrese alla musica, lasciando che i suoi fianchi ondeggiassero al ritmo e il suono le riempisse le orecchie. Nicki ha seguito l'esempio, amando anche il mix tra alcol e musica. Ballarono per un po', di tanto in tanto interveniva un nuovo ragazzo, che prendeva il posto del ragazzo prima di lui. Marissa si voltò e alzò gli occhi al cielo mentre guardava due ragazzi che praticamente combattevano a pugni per mettersi alle spalle di Nicki. Nicki alzò il pollice a Marissa e le fece l'occhiolino, ovviamente godendosi l'intrattenimento che si svolgeva alle sue spalle. Proprio in quel momento, Marissa sentì il ragazzo dietro di lei allontanarsi. Si aspettava che il prossimo saltasse dentro come facevano ormai da un'ora, ma nessuno si avvicinò dietro di lei. Confusa, si voltò a guardare. Ora, invece di uno dei bar creeps in piedi dietro di lei, c'era l'uomo dall'aspetto più strano. Sembrava avere poco più di vent'anni e aveva i capelli corvini, a punta in cima e un po' più lunghi ai lati. Mentre le luci colorate tremolavano su di lui, gli occhi di Marissa vagarono sul suo corpo. Lui era alto. Molto alto. Probabilmente era alto un metro e ottanta. Notò anche quello strano abbigliamento che indossava. Normalmente avrebbe alzato gli occhi al cielo e avrebbe scritto l'uomo come un patetico ragazzino emo che probabilmente si taglia le braccia per attirare l'attenzione. Ma mentre guardava il suo lungo cappotto di pelle, il suo colletto alzato ei suoi jeans scuri come la notte, non poté fare a meno di apprezzare quanto lo stile gli si adattasse perfettamente. Ma non furono i suoi vestiti ad attirare la sua attenzione. Erano i suoi occhi. Un piccolo sorrisetto si formò sulle sue labbra sottili mentre gli occhi di Marissa si spalancavano. A fissarla c'erano occhi così azzurri che sembravano brillare. Se fosse stata abbastanza vicina, avrebbe visto che erano blu scuro al centro con un anello azzurro intorno. Un groppo le si strinse in gola mentre lui accorciava la distanza tra loro. Voleva allontanarsi, ma i suoi piedi erano bloccati sul posto. Quando le si avvicinò e le mise delicatamente le mani sui fianchi, attirandola a sé, sentì delle scosse elettriche attraversarle il corpo. Lei inspirò bruscamente, guardando la pelle chiara delle sue mani, le mani che le avevano appena trasmesso sensazioni elettrizzanti. Mentre si muovevano in quello che sembrava un movimento lento, tutti gli altri sulla pista da ballo sono scomparsi. In quel momento, sembrava che fossero gli unici due in tutto l'edificio. Era in un tale stato di trance che a malapena notò la sua testa avvicinarsi alla sua. I suoi occhi saettarono sul suo viso. Ha memorizzato i suoi lineamenti, la sua pelle pallida, la sua mascella forte, le sue labbra. Le sue labbra sembravano bloccate in un sorrisetto malvagio, un sorrisetto che diceva che lui sapeva qualcosa che lei non sapeva. Quando i suoi occhi raggiunsero i suoi, quasi cadde. I suoi occhi brillavano ancora di più. Si guardarono l'un l'altro per quelle che sembrarono ore. Ma quando ruppe il loro sguardo e abbassò lentamente la testa, lei fu presa dal panico. Si chinò e le appoggiò le labbra sul collo. Sentì il suo corpo congelarsi per la paura o per l'anticipazione, a seconda di cosa si verificasse prima. Mentre deglutiva a fatica e chiudeva gli occhi, sentì i suoi denti sfiorarle la pelle sensibile. Il suo stomaco si irrigidì e lo sentì sorridere contro la sua pelle. Poi lui le mordicchiò gentilmente il collo con denti molto più affilati di quanto Marissa pensasse dovessero essere. Ma mentre ansimava e apriva gli occhi, lui era sparito. Marissa guardò Nicki. Davanti a lei c'era la sua amica che le alzava il pollice e le faceva l'occhiolino. I due idioti ubriachi stavano ancora litigando dietro di lei. Lo sguardo di Marissa cadde sul pavimento, completamente confuso. Mentre si concentrava sulle luci che vagavano sulle piastrelle, si rese conto che qualunque cosa fosse appena accaduta, era accaduta in pochi secondi... o forse il tempo si era fermato. Qualunque cosa sia successa è stata strana. Era sicura di aver appena ballato con quello strano uomo. Ma la situazione davanti a lei diceva che non era passato del tempo. Chiuse gli occhi, rivivendo i ricordi che le erano appena accaduti. Se lo immaginò in piedi dietro di lei, le braccia intrecciate dietro la schiena. Vide il suo sorrisetto sexy, il sorrisetto che racchiudeva segreti che Marissa non vedeva l'ora di scoprire. E i suoi occhi. I suoi occhi che ardevano di un potere ardente. Riaprì gli occhi e si guardò intorno. Era sicura che fosse stato qui. Ed era sicura che fosse ora di partire. Marissa si mosse vivacemente verso la porta, lasciando che la sua amica la chiamasse. Il suo cervello era in una tale frenesia. Tornò a casa velocemente, la sua mente che si affannava per una sorta di spiegazione logica. Ma non è arrivato niente. Era così confusa. La sua fronte si corrugò e il suo viso si irrigidì mentre si concentrava sul muovere un piede davanti all'altro. Allungò cautamente la mano e fece scorrere delicatamente le dita sull'area che erano state le sue labbra. La sua pelle formicolava ei ricordi del suo tocco elettrico le riempirono il cervello, quasi togliendole il fiato. Poteva ancora quasi sentire le sue labbra contro il suo collo, il che le fece arricciare il viso ancora più confusa. Poi da dietro di lei sentì una risatina profonda. Si fermò bruscamente e guardò dritto davanti a sé, troppo spaventata per guardarsi alle spalle. Il suo respiro divenne rapido e il cuore le batteva contro il petto. Sentì una presenza avvicinarsi dietro di lei e in una frazione di secondo decollò. Saltò fuori dai suoi talloni, lasciandoli indietro. Con i piedi appoggiati al terreno freddo, non osava voltarsi indietro, si precipitò semplicemente in direzione della sua casa, che ora era in vista. Quando raggiunse l'ultimo isolato, notò i lampioni lampeggiare e spegnersi mentre correva accanto a loro. Ogni palo che superava li mandava a sprofondare la strada dietro di lei nell'oscurità. Spinse le gambe ancora più forte, i suoi capelli sferzarono dietro di lei. Avvicinandosi alla sua porta d'ingresso, corse sul marciapiede e quasi cadde sulla veranda. Si riprese rapidamente e aprì la porta d'ingresso, sbattendola dietro di sé con la stessa rapidità con cui l'aveva aperta. Dopo aver girato la serratura scivolò contro la porta finché non si sedette sul pavimento, con la schiena appoggiata al legno freddo. Il suo petto si alzava e si abbassava velocemente, cercando di prendere aria. Appoggiò la testa all'indietro e chiuse gli occhi, cercando di rallentare il battito cardiaco. "Sto davvero perdendo la testa" borbottò nella casa vuota. Si premette il viso tra le mani e scosse la testa, cercando di dare un senso alla situazione. La sua pace però non durò a lungo, poiché l'unica luce che si era assicurata di andarsene uscì. La sua testa si alzò di scatto, i suoi occhi tentarono immediatamente di adattarsi alla completa oscurità che la circondava. Fece un respiro profondo e si alzò in piedi tremante. "Va bene! Basta!" urlò nel buio. "So che ci sei! E non so cosa vuoi da me, ma ho smesso di evitarti. Ora vieni fuori e affrontami come un uomo!" minacciò. L'aria si fece calma intorno a lei e per un attimo si chiese se avesse commesso un errore. Aveva provocato qualunque bestia giacesse nell'oscurità. Proprio come aveva chiesto, due apparvero degli occhi, che la fissavano dall'altra parte della stanza. Deglutì e fece involontariamente un passo indietro. Ad ogni passo che faceva indietro, gli occhi facevano due passi verso di lei. Si allontanò dalla figura finché la sua schiena non premette contro il muro. Lei attese con paura, ma anche ansia, mentre la figura colmava il divario tra loro. Si avvicinò così tanto a lei che poteva sentirne il respiro contro il viso. Voltò la testa dall'altra parte e strinse gli occhi mentre il suo petto cominciava a sollevarsi e cadere di nuovo nel più totale nervosismo. Quando i momenti passavano e non accadeva nulla, lei apriva cautamente gli occhi e si voltava a guardare la figura di fronte a lei. Ma proprio nel momento in cui guardava nelle sfere blu davanti a lei, sentiva una foschia invadere la sua mente Immediatamente i suoi occhi si rannuvolano addormentata e sentì i suoi muscoli indebolirsi mentre il suo corpo iniziava a scivolare sul pavimento. Poco prima che i suoi occhi si chiudessero e il sonno la sopraffacesse, sentì due braccia fredde, anche se forti, afferrarla prima che incontrasse il suolo. Poi tutto è diventato nero.


Tutto quello che vedeva attraverso la sua visione offuscata era il corridoio buio. Notò i muri di mattoni umidi e gocciolanti d'acqua. C'erano torce accese contro il muro ogni tre metri circa. L'aria era densa di umidità e si chiese se fossero sottoterra. Sentì quelle braccia familiari attorno alla sua schiena e dietro le sue gambe, che la sostenevano. Alzò lo sguardo, ma vide solo un contorno nero. La foschia sopraffece la sua mente ancora una volta ei suoi occhi divennero troppo pesanti per tenerli aperti. L'unico suono era quello dei suoi piedi che avanzavano nelle pozzanghere sul pavimento di pietra. Mentre si avvicinavano alla loro destinazione, Marissa notò che stava diventando più caldo. Poteva sentire un lieve mormorio di persone e sentì il tessuto di una tenda sfiorarle la pelle. Ma i suoi sensi furono interrotti mentre ancora una volta fu spinta nell'incoscienza.


Quando si svegliò, la morbida consistenza della pelliccia accolse il suo corpo freddo. Istintivamente lo afferrò e si coprì con la coperta. Si mosse, agitando la testa avanti e indietro sul cuscino, cercando di riprendersi dal sonno anormale in cui era stata costretta. I suoi occhi si aprirono lentamente, incontrando il caldo bagliore delle candele e delle torce diffuse nella stanza. Si mise seduta e osservò la scena davanti a lei. Le pareti erano le stesse del corridoio, ma qui l'umidità non era così forte. C'era un caminetto scoppiettante a destra di una porta con tende. Sparsi sul pavimento e sul letto c'erano tappeti e coperte di pelliccia e un paio di sedie imbottite anch'esse coperte di coperte erano a sinistra del letto. "Ciao?" chiamò piano. Il silenzio la salutò in risposta. Spinse indietro le coperte e scivolò giù dal letto. Abbassò lo sguardo e notò che indossava una camicia da notte rosso scuro, ma mancavano tutti gli altri suoi vestiti. Mentre si avvicinava al caminetto, il suo mangime nudo urtava contro il pavimento di pietra. Infilò le mani sotto le braccia, per tenersi al caldo. Sul mantello, ha notato delle immagini. Guardando più da vicino, le immagini sembravano avere almeno 100 anni. Era sorpresa dalle ottime condizioni in cui si trovavano. Ma a un esame più attento, un rantolo le uscì dalla bocca. In ogni foto c'era un uomo che somigliava in modo identico all'uomo del club. Fu allora che ricordò tutto quello che era successo. I ricordi le invasero la mente e, come al momento giusto, sentì la presenza di un corpo dietro di lei. Si voltò imbarazzata, ma tenne gli occhi fissi sul pavimento, troppo spaventata per guardare l'uomo davanti a lei. Notò che indossava ancora i jeans scuri del club e sebbene lo guardasse solo una piccola parte, poteva dire che era muscoloso sotto i vestiti. Non capiva il sentimento che l'aveva sopraffatta. Era come se una forza invisibile stesse cercando di prendere il controllo dei suoi occhi. Sebbene stesse cercando di tenere gli occhi a terra, sentì un potere come nessun altro costringere i suoi occhi verso l'alto. Non capiva come fosse successo, ma ora non aveva altra scelta che guardare negli occhi l'essere davanti a lei. Dall'espressione compiaciuta sul suo volto, capì che era stata opera sua.

"Ciao Marissa". Le sue parole rotolarono sulla pelle come seta e sorrise per l'effetto visibile che aveva su di lei.
"Chi sei?" Quasi sussurrò in presenza di qualcuno ovviamente non umano. Quando aveva pronunciato il suo nome, lei aveva rabbrividito a quel suono. La sua voce era pura seduzione.
Lui ridacchiò in risposta e si fermò brevemente, dirigendo la sua attenzione alle antiche immagini dietro di lei. "Abbiamo molto di cui parlare", disse porgendole la mano tesa. Marissa gli guardò stancamente la mano, incerta se prenderla. Ma quando tornò a guardarlo negli occhi, sentì un'attrazione così profonda dentro di lei che trovò la sua mano che incontrava la sua senza pensarci due volte. Lui le sorrise diabolicamente e le prese il braccio mentre la scortava fuori dalla stanza. Attraversarono la tenda in una stanza che Marissa considerava un soggiorno, in mancanza di un termine migliore. Dentro c'era un altro camino nella parte anteriore della stanza. Sul retro c'era un bar, pieno di bottiglie di liquori, tutte in lingue diverse. Attorno al camino c'erano molti soffici divani e sedie, tutti ricoperti di coperte. L'arredamento ricordava la camera da letto nel fatto che non c'erano finestre, c'erano muri e pavimenti in pietra, candele e torce e un forte accento sui tappeti di pelliccia di colore scuro. La condusse al divano davanti al fuoco e le ordinò di sedersi. Marissa lo osservò mentre si avvicinava con grazia al bancone e versava in due calici un liquido rosso, che pensava fosse vino rosso. Tornò nell'area salotto e le porse la tazza perché la prendesse. Lo sorseggiò e trattenne un brivido per l'amarezza. Si sedette su una sedia di fronte a lei, osservando ogni sua mossa.
"Allora, adesso rispondi alla mia domanda?" Chiese quasi sarcastica, fissando il liquido rosso intenso nella tazza.
Continuò semplicemente a guardarla finché lei non ebbe altra scelta che interrompere la concentrazione sul drink e incontrare i suoi occhi.
"Da dove vorresti che iniziassi?" Disse maliziosamente.
"Chi sei?" Ha ribadito, punteggiando ogni parola.
Il suo sguardo intenso non vacillò né vacillò mentre le rispondeva.
"Io sono Derek."
Ci fu una lunga pausa mentre attendeva la sua prossima domanda.
"Perché sono qui?" chiese Marissa nervosamente, incerta sulla risposta che stava per ricevere.
Derek espirò lentamente, ma non perse mai un'oncia del suo comportamento ovviamente fiducioso e potente.
"Perché ora mi appartieni," rispose, i suoi occhi brillavano fortemente a ogni parola che diceva.
Marissa aprì la bocca per bombardarlo di altre domande e per insultarlo per essersi riferito a lei come un oggetto e per averla trattata come se potesse possederla.
Aspettandosi questa risposta, alzò semplicemente la mano e riversò su di lei un potere che cessò immediatamente tutte le esplosioni provenienti dalla sua bocca.
"Te lo spiegherò e tu mi obbedirai. Hai capito?" Ha parlato Marissa si è limitata ad annuire con la testa, sentendosi completamente dominata.
"Io sono Derek. Il Signore dei Vampiri. Ho visto più giorni di te, tuo padre o il nonno di tuo nonno. Sono il più potente quindi sarebbe saggio da parte tua non sfidarmi,'
"Conosci mio padre?" chiese Marissa, ovviamente mancando di rispetto agli ordini che le aveva appena dato. Lo lasciò andare e sorrise: "Hai coraggio, piccola. Sapevo di aver fatto una scelta saggia..."
Marissa guardava attentamente mentre l'uomo affascinante e affascinante di fronte a lei spiegava,
"Conosco tuo padre. Conoscevo anche tua madre." Marissa si irrigidì al suo riferimento a sua madre.
"Vedi, prima che tu nascessi, i tuoi genitori si sono imbattuti accidentalmente nell'esistenza della mia specie. Ho promesso di risparmiare loro la vita se fossero rimasti in silenzio." Derek continuò, continuando a fissare gli occhi di Marissa.
"Naturalmente, come ogni essere umano, non hanno tenuto la bocca chiusa e hanno dovuto pagarne il prezzo. Ho detto a tuo padre che se non avesse ascoltato il mio avvertimento ci sarebbero state... delle conseguenze." Marissa sentì le lacrime nei suoi occhi mentre lui le spiegava la storia di cui aveva già anticipato il finale.
«L'ho avvertito che se avesse parlato di noi avrebbe perso entrambe le donne della sua vita. Dopo che sei nato, tuo padre ha raccontato ad alcune persone del suo incontro con me. modo il prezzo doveva essere pagato. Quella notte ho visitato la tua casa. Ho preso la vita di tua madre. A questo punto le lacrime scorrevano pesantemente sul viso di Marissa. Voleva distogliere lo sguardo da lui, ma lui stava usando il suo potere per tenerla esattamente dov'era.
"Ma quando ti ho visto, mi è venuto in mente qualcosa. Quando dico che sono il più potente, è perché ho un potere che tu non capirai mai. Quando ti ho visto, ho capito che dovevi essere mio. Ho visto del potenziale in te per governare con me, per essere il mio compagno. Nessun altro essere, umano o immortale, ha irradiato con quel tipo di potenziale. Ti ho reclamato quella notte. Ho detto a tuo padre che avresti avuto fino al tuo 18° compleanno. Allora avresti Sii mio." Si fermò di fronte a lei mentre finiva il suo discorso. Ritirò il potere e gli occhi di Marissa si spostarono immediatamente e seppellì il viso tra le braccia. Il suo comportamento triste però non durò a lungo, perché si alzò rapidamente in piedi, la tazza si schiantò a terra mentre tentava di colpirlo, prenderlo a calci, graffiarlo, fare tutto ciò che poteva fare per fargli del male.
"Hai ucciso mia madre! Come osi toccarla!" Ha urlato tra le lacrime
"E se pensi di possedermi, allora hai sbagliato tutto!" Gli ha sputato addosso.
Le afferrò saldamente i polsi, ma non abbastanza da farle male. Non sussultò nemmeno contro le sue braccia agitate. Ha semplicemente spinto il suo potere su di lei, rendendola immobile. Si avvicinò a lei, mettendole una mano sulla parte bassa della schiena e avvicinando strettamente i loro corpi. Le scostò i capelli dal collo con la punta delle dita, facendola rabbrividire e facendole venire la pelle d'oca. Il suo respiro scorreva sulla sua pelle e il suo pianto rallentò, per lo più preso dal respiro affannoso. Posò un bacio molto leggero nel punto in cui la sua spalla incontrava il collo. Marissa strinse gli occhi, cercando di ignorare l'immenso piacere che il suo tocco stava causando. Era diverso da qualsiasi altro. Era stata con altri ragazzi prima, ma il potere di Derek ovviamente creava un nuovo livello di sensazioni. Quando la sua lingua saettò fuori, lei dovette reprimere un gemito. Le sue zanne si allungarono e lui le morse la pelle abbastanza forte da lasciare un segno, ma non le ruppe la pelle. Nonostante fosse congelata dal suo potere, Marissa si sentiva per lo più congelata dalla situazione che si stava verificando sul suo collo.
"Presto sarai contrassegnato come mio, per sempre." sussurrò contro la sua pelle. "E presto ti renderai conto che questo era il tuo destino." Quando l'ultima parola uscì dalla sua bocca, rilasciò il suo potere su di lei e lei sarebbe scivolata a terra, se non l'avesse presa sotto le braccia. Lei lo guardò, stordita e con gli occhi gonfi. Lui ricambiò il suo sguardo solennemente, eppure l'umorismo danzava nei suoi occhi. Fu allora che le voci che echeggiavano da un tunnel nella stanza distolsero la loro attenzione l'una dall'altra.
"È ora di incontrare il clan." Derek disse, ancora una volta mettendole il braccio sotto il suo e guidandola lungo un fresco corridoio buio come la pece. L'unica luce era un tremolio alla fine, che era la stanza accanto. Mentre oltrepassavano un'altra tenda, Marissa rimase sbalordita dalle dimensioni della stanza. Sembrava essere una sala comune. Il soffitto era realizzato con un'architettura elegante e da esso pendeva un lampadario. Ancora una volta c'erano numerosi posti a sedere e tappeti di pelliccia. C'erano vecchi mobili e un bar rifornito di liquori stranieri. Ma l'imponenza della stanza non attirò a lungo la sua attenzione, perché si rese presto conto che c'erano occhi ardenti che la fissavano da quasi ogni punto della stanza. Il suo petto si strinse per il nervosismo e come se lo avesse percepito, il braccio di Derek avvolse i suoi muscoli, attirandola contro di sé. Non era ancora a suo agio con l'essere vicino all'uomo che aveva ucciso sua madre, ma mentre occhi minacciosi vagavano per ogni centimetro del suo corpo, avrebbe preferito essere al fianco di Derek piuttosto che altrove. Si guardò intorno stancamente.
La voce di Derek la fece quasi trasalire mentre tuonava, "Questa è Marissa. So che tutti voi stavate aspettando questo momento da un po'. Lei è la vostra leader predestinata. La tratterete con lo stesso rispetto che date a me, perché governerà a il mio lato." Marissa quasi svenne per la responsabilità che le stava caricando sulle spalle, ma mentre tutte le teste nella stanza si chinavano, sentì il potere di Derek tenerla in piedi. La condusse attraverso la folla mentre si separavano un sentiero per loro, per tutto il tempo che guardavano incuriositi dall'umano. Le fece cenno di sedersi su una sedia dall'aspetto molto regale, ma non era niente in confronto alla sedia su cui sedeva accanto a lei. Si concesse di far uscire il respiro che aveva trattenuto e rilassarsi. Ha scansionato la stanza e ha contato 30 persone... o vampiri, come preferiscono essere chiamati. Uno di loro, notò, stava camminando nella loro direzione. Si avvicinò a Derek e si abbassò su un ginocchio, reggendo un grande calice. Derek lo prese e lo congedò. Portò il bicchiere alle labbra e bevve qualche sorso, le sue zanne si abbassarono e i suoi occhi si illuminarono più luminosi. Marissa osservava affascinata e con orrore. Si accorse che la consistenza del liquido era densa, molto più densa del vino. Il liquido rosso nella tazza era sangue. Derek notò che lei lo fissava con la coda dell'occhio e allungò semplicemente il braccio, offrendole la tazza ma senza voltare la testa per non guardare la sua gente. Marissa lo fissò sorpresa. "Si aspetta davvero che io beva questo?" lei ha pensato. Ma mentre la tazza le rimaneva davanti, si rese conto che era serio. Tremante gli prese la tazza e si fermò brevemente a guardarla. Se lo portò alle labbra e se lo lasciò scivolare in bocca. Si aspettava un sapore di ferro, una consistenza molto grossolana. Ma invece ha assaggiato un sapore dolce. In effetti, era il liquido più rinfrescante che avesse mai bevuto. Non si era resa conto di quanta sete avesse avuto. Bevve un altro sorso avido, assaporando come soddisfaceva non solo le sue papille gustative, ma qualcosa di profondo dentro di lei. Non lo capiva, perché sapeva di essere ancora umana. Dopo aver bevuto un altro paio di sorsi disordinati, guardò Derek in cerca di risposte. Sentiva che avrebbe dovuto essere disgustata di se stessa, ma niente aveva mai avuto un sapore così buono e provava un intenso desiderio di averne di più.
Come se, leggendo i suoi pensieri, Derek rispose: "È perché tu sei il Prescelto, Marissa. Non ti ho rivendicato solo per puro egoismo. Le Parche ti hanno ritenuto degno di questa posizione. Era il tuo destino. Forse imparerai per capirlo..." Spiegò a fondo. Posò la tazza, sentendosi troppo a disagio per bere ancora. I pensieri correvano nella sua mente. Marissa si chiese come se la sarebbe cavata suo padre in quel momento.
"Ti trasformerò stanotte" annunciò Derek, distogliendo Marissa dai suoi pensieri. I suoi occhi si spalancarono e un rantolo le si bloccò in gola.
"Co... cosa... cosa?" balbettò. Derek continuò semplicemente a guardare avanti, mantenendo il suo aspetto severo. Ora i pensieri che le passavano per la testa andavano da zero a novanta.

Il resto della giornata... o della notte, Marissa non poteva dirlo dato che non c'era il senso della luce del giorno, lo trascorsero con Derek. La scortò attraverso il sistema di tunnel, presentandola ai vampiri più anziani della corte, i quali si inchinarono tutti in sua presenza e le spiegò le responsabilità che avrebbe ricoperto. Marissa era così sopraffatta. Non poteva andare fino in fondo. Non poteva morire. Ha rifiutato di essere trasformata in un mostro, non importa cosa dicessero questi cosiddetti "destini". Non lascerebbe suo padre e non apparterrebbe a nessuno. Doveva scappare.

Fu quando Derek si scusò per occuparsi di affari urgenti che lei fece la sua mossa. Era semi-cosciente quando lui l'aveva portata dentro di sé, quindi pregò di ricordare come trovare il tunnel. La sala comune si era svuotata, quindi corse facilmente attraverso un tunnel da cui aveva notato che proveniva una corrente d'aria. I suoi occhi non erano assolutamente quelli di un vampiro, quindi corse alla cieca, seguendo la brezza e tastando il muro. Sentì lo schiocco dei suoi piedi contro il terreno bagnato e sperò che non ci fosse nessuno a sentirla. Fu quando vide una luce davanti a sé che raddoppiò la velocità e corse con tutte le sue forze, sperando che fosse il mondo esterno. Mentre si avvicinava, entrò in un'apertura. Era una caverna rotonda circondata da torce e il suo stomaco cadde quando si rese conto di essere a un bivio. C'erano due tunnel da percorrere, quindi permise alla sua adrenalina di pompare di scegliere e corse lungo quello di sinistra. Corse nell'oscurità per così tanto tempo che si chiese se doveva tornare indietro. Ma mentre continuava a correre, si rese conto di aver sentito delle voci avvicinarsi a lei. Il suo cuore si fermò e decise che sarebbe andata giù per l'altro tunnel. Mentre si fermava, si voltò e andò a sbattere contro il muro. Ma il cosiddetto "muro" era un Derek molto arrabbiato. Urlò mentre i suoi occhi azzurri si illuminavano nell'oscurità. fece rapidamente un passo indietro, creando distanza tra loro. Ha continuato a fare il backup, non esattamente sicura di quale dovrebbe essere il suo piano d'azione.
"Non puoi avermi!" Urlò, decidendo di ragionare con lui
"Non mi interessa quello che hanno detto i 'Destini', ti sbagli. Non sono un possesso e non sarò costretto a conviverci e ad essere trasformato in un mostro, a causa degli errori dei miei genitori!" Stava urlando disperatamente contro di lui, la sua voce riecheggiava nei tunnel. Il fatto che fosse semplicemente lì, immobile, inespressivo, è ciò che l'ha fatta arrabbiare.
Lei si girò sui talloni e fece per correre nella direzione opposta a lui, ma lui alzò immediatamente la mano, bloccandola sul posto. Fece un cerchio rotante con le dita, costringendo efficacemente il suo corpo a voltarsi verso di lui. Lui fece scattare il polso, facendole cenno di farsi avanti, ogni senso della sua disobbedienza era svanito, anche se poteva vedere la lotta nei suoi occhi. Mentre lo raggiungeva e guardava in quegli occhi minacciosi, sentì la nebbia familiare annebbiarle la mente. L'oscurità la consumava e lei sentì ogni senso di speranza abbandonare il suo corpo mentre le sue braccia la avvolgevano possessivamente. Non sarebbe andata da nessuna parte.

Si è svegliata nello stesso posto di ieri. Giaceva sopra il letto, circondata da coperte di pelliccia. Solo che questa volta le sue mani erano legate al letto con una corda. Tirò contro i suoi vincoli, grattandosi la pelle.

"Non lo farei, piccola. La tua pelle è così delicata, ti farai male" Marissa cercò nella stanza la fonte della voce finché non lo trovò seduto su una sedia davanti al camino. Le fiamme danzavano sul suo viso pallido, facendolo sembrare ancora più severo del solito.
Marissa si arrabbiò, "Derek, lasciami andare! Te l'ho già detto, non appartengo a te..." prima che finisse la frase, lui era al suo fianco. With his speed, he stopped the words from even leaving her mouth.

"YOU BELONG TO ME, WHETHER OR NOT YOU LIKE IT. I OWN YOUR SOUL." His face was dangerously close to hers now. "You. Are. Mine." He said firmly before he pressed his lips to hers passionately. He placed his hand behind her neck, possessively pulling her closer into the kiss. Marissa couldn't help the lust that rolled through her in waves. With the flick of his wrist, the rope snapped and he pulled her up, breaking the kiss. He held her face centimeters from his.

"You can no longer deny the destiny that the fates have given you. There is no running from it. You belong to me. You have from the moment you turned 18." He once again kissed her, his want for her growing. Marissa felt the deep pull within her and gave into it. She moved her hands over his coat and unbuttoned it. He helped her slide it off his shoulders, all the while not breaking the kiss. She ran her hands down his muscular chest, pulling a growl from him. He quickly kicked off his pants and his cock sprang free. Marissa let out an involuntary growl at the sight of it. It was about 8 inches long and she couldn't help but reach out and stroke it, needing to feel him. He grabbed the back of her head and roughly pulled her lips to his, groaning into her mouth. He pushed her backwards onto the bed and ripped the nightgown off with ease. She shivered at the cold air, causing her nipples to harden. He placed fiery kisses along her neck and trailed them down, occasionally swirling his tongue over her skin and eliciting a desperate moan from her. As he sucked her left nipple, he squeezed the right one, rolling her nipple gently in between his fingers. He nipped it gently with his teeth, sending electric shocks through her body. She arched her back as he roughly kissed down her stomach and to her thighs. He swirled his tongue along the inside of both her thighs and placed gentle kisses on her pussy. He looked up at her, making her beg for more.
"Derek, Ugh, please!" She said breathlessly as she looked back at him, pleading.
He shot her his devilish smirk and licked the entire length of her slit. She screamed in pleasure and arched her back, pressing his face farther into her pussy. He rubbed her clit with his thumb and slowly swirled his tongue around her entrance, teasing her. He started to move his tongue in and out of her until he was fucking her with his tongue. She moaned loudly and tangled her fingers in his hair, pressing his face into her.
"Mmmm, fuck, Derek. Ugh!" She moaned his name
He couldn't handle anymore, so ignoring her groan of disappointment when he sat up, he positioned his swollen cock at her entrance. He leaned down and placed his lips next to her ear.
"Are you ready?" her asked seductively, but she knew he was asking in more ways than just one. She took a deep breath and nodded her head.
"Please" she whimpered.
"There's no escaping when I start.." He growled into her ear. He kissed the side of her neck and ran his tongue along it until his lips were positioned over the spot where her neck met her shoulder. Marissa gripped onto his strong arm with one hand and tangled her fingers into his hair, preparing herself. He slammed all the way into her as his fangs pierced her skin. She screamed loudly and wrapped her legs around his waist, pulling him in as deep as he could go. As he began to pull back, he began to drink the blood from her neck. He slammed in full force and she gasped as she pulled his hair and dug her nails into his back. He growled in response and began thrusting harder, pushing a high-pitch moan from her with each thrust. She turned her head, exposing more of her neck to him. He groaned at her submission and fucked her as hard as he could. He ran his tongue over his mark, closing the wound. He gripped her hips, pulling her into him with each thrust. He was gaining more stamina from drinking her blood and he plunged deeper and deeper into her. Marissa's breath began to get shallow and she threw her head back in pure ecstasy. She bit her lip and looked into his glowing eyes. Nothing had ever felt this good. His big cock was pumping in and out of her with such speed and force that she thought she would pass out. Every touch and kiss he gave her sent waves of pleasure through her body. She was basically squeaking each time he pumped in and out of her. Her chest rose and fell rapidly, her breathing sped up and she squeezed her eyes shut as a a scream ripped from her lungs.

As the most powerful orgasm of her life rolled through her and he nipped where his mark would be on her neck and whispered into her ear. "Mine."
She gasped for air as she felt that the powerful urge inside her was content. The pull she felt towards the dark was appeased and now she just felt pure bliss fulfilling her destiny.
As a second orgasm hit her, she arched her back, pressing her chest to him. She pulled his head down until his ear was next to her mouth.
Sensing that he would cum soon, she whispered in his ear back, "Yours."
He moaned and kissed her roughly, nipping her lips with his teeth. He began thrusting into her so hard that the sound of their bodies slapping together echoed through the room. Marissa dug her nails into his back and bit down on his shoulder just as he had done to her, even though she didn't have fangs yet. This pushed him over the edged and he groaned and pumped into her until his seed filled her. Marissa sighed happily and reached down to stroke his softening dick. He gave her one more lustful kiss before pulling out.

He wrapped a blanket around her and watched as his bite began to turn her. She felt the utter exhaustion overtake her.

"Sleep, my little vampire. You need the rest for your transformation" He ordered.

He leaned down and pressed his nose to her neck, taking in her scent. His nipped his mark, proud of his work. As he pulled back and looked into her tired eyes, he saw the green of her eyes begin to glow before they shut and her transformation began.

Storie simili

Nicole, l'amica di mia sorella

Questa è una storia completamente vera e cercherò di raccontarla nel modo più accurato che posso ricordare. Spero vi piaccia e fatemi sapere se volete la seconda parte. Mi chiamo Kevin e questa è la storia della mia estate prima del college. Era l'estate dopo che mi sono diplomato al liceo ed ero felice di avere un'estate per rilassarmi prima di iniziare l'università. Avevo una sorella, Caitlin, un anno più grande di me che aveva finito il suo primo anno di college. Ho anche avuto un fratello minore alle medie. Ora un po' di background su me stesso. Non sono particolarmente...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

887 I più visti

Likes 0

La mia figliastra mi sta facendo impazzire (Parte 9)

È passata una settimana. Sono ancora incredulo su quello che è successo tra me e la mia figliastra Nadine giovedì sera. Le ho davvero sborrato nel culo? Quindi ha davvero spinto il mio sperma fuori dal suo culo e me lo ha spalmato su tutto il corpo? Dopo, mi ha davvero pisciato sul cazzo sotto la doccia mentre stavo venendo? Ho davvero infilato il mio cazzo nel suo culo e ho fatto pipì nel suo culo mentre lei stava venendo? Tutto questo suona così selvaggio. Così incredibile. Ma so che è successo. È solo difficile da elaborare. Ho fantasticato su Nadine...

666 I più visti

Likes 1

Appuntamento notturno da ricordare

Mentre ti tenevo stretto, l'acqua calda è caduta sui nostri corpi, tenendoci al caldo durante il nostro abbraccio appassionato. Era il nostro appuntamento notturno settimanale e abbiamo deciso di finirlo il più intimamente possibile. Abbiamo deciso di fare una doccia calda e buia insieme mentre le canzoni d'amore suonavano dal nostro altoparlante. Era assolutamente perfetto. Sentirti tra le mie braccia nell'oscurità più assoluta, aggiungeva questo senso di vicinanza che non sentivo da un po'. Non potevo fare a meno di baciarti. All'inizio con delicatezza, ma col passare del tempo ho trovato sempre più difficile contenere il mio amore per te. Ti...

248 I più visti

Likes 0

L'impiegato

È venerdì sera! Tecnicamente, è lunedì. Ma il mio programma di lavoro mi lascia libero il lunedì e il martedì, quindi quelle sono le serate in cui esco e mi diverto. Tuttavia, la mia idea di divertimento è diversa dalla maggior parte... Non passo le mie notti a casa; diavolo, non li spendo nemmeno nella mia città natale. Guiderò trenta, quaranta miglia fuori strada per divertirmi. Non vado nei club o nei bar. Non esco e non vado a organizzare feste, né mi ubriaco di merda e mi prostituisco con il primo ragazzo che mi viene a prendere da terra. Vado...

278 I più visti

Likes 0

Classe di schiavitù

“Benvenuta classe, alla prima lezione di...” il giovane insegnante maschio si avvicina alla lavagna, raccogliendo il gesso e scrivendolo a caratteri cubitali “BONDAGE 101” Tra gli studenti scoppia un ruggito di risate e risate, una presenza relativamente ridotta di sole 10 persone circa, 9 delle quali maschi e una femmina che non sembrava affatto appartenere a quel posto. Vestito con una gonna lunga con trecce e classi. Lentiggini chiare da abbinare alla sua pelle pallida. Con gli occhi bassi su un libro, senza prestare molta attenzione all'insegnante o agli altri studenti del resto. L'insegnante ha proseguito “Se sei venuto qui per...

216 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

989 I più visti

Likes 0

Io e Gavin

Questa è una storia sul mio amico e sua madre che vivono nella porta accanto. Avevo 24 anni, mi ero diplomato presto al liceo e poi mi ero laureato presto al college. Ho ottenuto un ottimo lavoro con una grande azienda con un considerevole bonus alla firma che ho applicato a un acconto su una casa. Vivevo lì da 6 mesi e conoscevo molto bene i miei vicini. Janice, un'infermiera che lavorava nell'ospedale locale. Era divorziata da diversi anni e ha lavorato duramente per provvedere al figlio di 12 anni Gavin. Gavin era un ragazzo snello di 12 anni in seconda...

1K I più visti

Likes 0

Dal negozio di alimentari a f

Ho guardato l'incredibile seduttrice da dietro pensando a tutte le cose sporche che le avrei fatto se ne avessi avuto la possibilità, che era esattamente come lo volevo. L'ho seguita da lontano e ho continuato a fare acquisti, o in questo momento per lo più facendo finta di farlo. Ero così perso nel corpo della ragazza adolescente di fronte a me che lo shopping per quello per cui ero venuto non sarebbe successo a causa della mia immaginazione iperattiva. Il fatto che il mio cazzo fosse duro come una roccia non aiutava, specialmente nei jeans attillati che indossavo. Speravo davvero che...

1.1K I più visti

Likes 0

La moglie di Frank parte 5

La moglie di Frank parte 5 Il viaggio di Jim Ritorno al Sexy Shop storia di: SindyxSin Jim riporta Kathy al sexy shop. NOTA DELL'AUTORE: Questa è una storia sessuale continua. Potrebbe avere del sesso rude e non dovrebbe essere letto da persone che non amano quel tipo di sesso. Non è per tutti, dolore, umiliazione e altri atti sessuali usati per degradare una persona non per tutti. Se questo ti eccita, sono felice, ma per favore non provare nulla di tutto questo su partner riluttanti. Le storie che precedono questa sono; Moglie Franchi, 1,2,3,4. Con l'aiuto di Frank e di...

916 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.