Cappuccetto Rosso: Fuori dal bosco?

1.2KReport
Cappuccetto Rosso: Fuori dal bosco?

"Cosa.. CHE CAZZO?!"

"Ehm... ciao."

"Cosa... CHE CAZZO?! CHE CAZZO STAI FACENDO? Perché la fica di Molly è sulla tua... sulla tua..."

Peter è arrabbiato, oltre che incazzato, ma è un maschio umano. Ha un cazzo, e quel cazzo è più preoccupato del fatto che la mia lingua è a pochi millimetri dalla fica gocciolante della ragazza sexy.

Il Lupo si allunga su di me e afferra il culo di Molly. La sua voce esce bassa, come un ringhio, "Dovresti venire a prendere la figa che hai sempre sognato".

La bocca di Peter sembra essersi seccata, o forse non può più parlare a causa del sangue che scompare dal suo cervello al suo cazzo pulsante. Barcolla, si ferma, come se stesse indovinando se stesso, poi si precipita verso il letto, lasciandosi dietro i vestiti.

Sento il peso di Molly allontanarsi da me mentre lui le afferra i fianchi, facendola inginocchiare sul bordo del letto. Ho una visione chiara mentre seppellisce la lingua tra le sue gambe, leccando i suoi succhi dall'orgasmo che le ho dato.

Vedo il Lupo sorridere con la coda dell'occhio. Comincia lentamente a fottermi di nuovo, sdraiandosi quasi piatto sopra di me mentre entrambi guardiamo Peter che mangia la fica di Molly.

"Non è molto bravo in questo, vero?" sussurra, il suo respiro mi solletica il collo, le sue labbra sfiorano il ricciolo del mio orecchio. Rabbrividisco, gli occhi fissi sulla lingua del mio ragazzo nella fica del mio migliore amico. La stessa fica che mi ha appena fatto scivolare la lingua, strisciando, succhiando il suo sperma.

I suoi denti sul mio capezzolo attirano un gemito dalle mie labbra. Peter smette di leccare la figa di Molly e, come se fosse respinto dal nostro voyeurismo, infila il suo cazzo in Molly. Lei geme, girando i fianchi e fottendo Peter a sua volta. Riesco a vedere la sua delicatezza sul suo cazzo, e quasi mi alzo dal letto per leccarli entrambi.

Forse può leggere la mia mente - le grandi menti pensano allo stesso modo, giusto? - perché mi scava sotto la nuca, mi solleva e spinge le mie labbra contro Molly e Peter. Le mie labbra entrano in contatto con il clitoride e il cazzo; istintivamente lecco. Comincia a fottermi più velocemente, guardando Peter e Molly che si strusciano sulla mia lingua.

Posso dire che Peter si sta avvicinando, il suo ansimare diventa più forte e le sue spinte diventano più irregolari. Molly trema, urla "OHHHHH FUCK", e lei viene, il che si traduce in Peter che perde il suo carico. Mi allontano mentre si appiattiscono, esausto per lo sforzo.

Il Lupo si stacca da me, aggiustandosi i vestiti. Ho appena il tempo di aggiustare il mio prima che mi tiri in spalla. Siamo fuori dall'appartamento in meno di un minuto; Peter e Molly non hanno possibilità di rispondere né hanno la forza di inseguirci.

Sbalzato come sono, tutto quello che vedo sono le scale di cemento prima che irrompe alla luce del sole. I miei piedi toccano terra, ma lui continua a trascinarmi per mano. Tutto sembra sfocato, come se il mio cervello non riuscisse a mettersi al passo con la realtà di quello che sta succedendo. Ad un certo punto, vediamo i poliziotti correre verso di noi. Mi spinge contro un edificio, schiacciando il mio corpo e le mie labbra in un bacio che non aiuta il mio disorientamento.

Passano e continuiamo a camminare a passo veloce, avvicinandoci alla zona imprecisa della città. Comincio a tirare indietro la sua mano, cercando di resistere il più possibile al mio telaio da 100 libbre contro un uomo che sembra che potrebbe facilmente fare distensioni su panca due di me. Tira semplicemente più forte e io inciampo dietro di lui in quello che sembra un magazzino vuoto.

"Oh mio Dio, mi ucciderà," penso, e cerco di affondare i talloni nel pavimento grigio e sporco. Il problema è che non siamo più in pubblico, quindi non c'è bisogno che mi tenga in piedi. Vengo sollevato di nuovo sopra la sua spalla.

"No!! NO NO NO NO NON LO DIRÒ A NESSUNO!! PER FAVORE!!! NON FATEMI DEL MALE!" Imploro, bestemmiando, scalciando e facendo del mio meglio per liberarmi dal suo braccio.

Il mio culo colpisce il metallo mentre mi fa sedere su un tavolo industriale. Sto facendo del mio meglio per non piangere, desiderando di averlo morso prima invece di cedere al desiderio. La sua mano mi afferra il mento, costringendomi a guardarlo negli occhi - marrone scuro, profondi, e nonostante la mia paura, faccio tutto ciò che è in mio potere per non sbavare.

"Non ti farò del male," dice, le sue labbra si avvicinano pericolosamente alle mie. Mi chino in avanti, verso l'alto, verso il suo viso -

"Almeno, non se non vuoi che lo faccia," conclude, allontanandosi. Quasi cado dal tavolo. Scompare dalla mia vista. Mi giro per trovarlo, mi dà le spalle, mentre si toglie la camicia. La sua schiena si increspa di muscoli, bellissime linee interrotte solo dai graffi che le mie unghie hanno lasciato. I suoi boxer spuntano dai jeans, che gli pendono sui fianchi. Il respiro mi si blocca in gola, estasiato dalla vista di questo tizio follemente figo a cui è capitato di scoparmi prima.

Si volta e mi sorprende a bocca aperta. Lo vedo sorridere alla mia mano appoggiata sulla mia parte interna della coscia, disegnando inconsciamente dei cerchi sulla mia pelle tenera. Si avvicina a me, il suo petto vicino al mio viso mentre si allunga intorno a me, afferrando una bottiglia fuori dalla mia vista.

"Vuoi un drink?"

Da qualche parte, con la mia dignità e la mia capacità di respirare, getto gli ultimi brandelli della mia inibizione. Gli prendo di mano la bottiglia di whisky e gliene verso un po' sulla spalla, leccando e mordendo dove il liquore gli bacia la pelle.

Ringhia, un sorriso sporco che gli appare sulle labbra. "Stai sprecando..." mi sussurra all'orecchio, prima di spingermi gentilmente sul metallo freddo. La mia camicia è tirata su, il whisky mi gocciola sullo stomaco. Lo lecca, il bruciore del liquore e il calore della sua lingua mi rendono la figa scivolosa al pensiero che forse, solo forse lui...

La sua lingua stuzzica sotto la mia cintura, sfiorando quasi il mio clitoride. I miei fianchi si muovono verso l'alto, le mie mani cercano di spingere la sua testa contro la mia fica implorante, ma lui si allontana ridendo. Non va lontano, però. Lo tiro tra le mie gambe per la parte superiore dei suoi jeans, intrappolando il suo cazzo contro di me mentre gli blocco le caviglie dietro la schiena.

Le sue mani mi spingono su la camicia e il reggiseno mentre armeggio con il bottone dei suoi jeans. Mi morde il labbro inferiore prima che senta i suoi denti sfiorarmi la nuca. Ansimo, improvvisamente in topless mentre mi strappa i vestiti di dosso. Mi succhia forte il capezzolo, facendomi gridare in un misto di dolore e piacere.

Spingendomi di nuovo sul tavolo, comincia a togliermi la gonna, mentre libera il suo enorme cornuto dai jeans. Tenendo le mie mani sopra la mia testa, si ferma per un secondo, baciandomi teneramente il lobo dell'orecchio.

"Massimo," dice.

I nostri occhi si incontrano. "Ehm... cosa?"

"Max. Mi chiamo Max", ride.

Che cazzo. Non so cosa dire, quindi rispondo a tono, "Lily".

Seppellisce la bocca contro il mio orecchio, "Non stavo cercando di ottenere il tuo nome. Voglio solo che tu sappia cosa dovresti urlare."

Ogni centimetro scivola improvvisamente nella mia figa, la mia schiena si inarca al suo assalto. L'aria nei miei polmoni sfugge e non riesco nemmeno a respirare per gemere. Il Lupo - Max, come cazzo si chiama!!- sembra senza fiato, momentaneamente immobile nella mia stretta umidità.

"Sei così -" tira fuori, spingendo forte, "scopando", un'altra spinta, "stretto", geme contro il mio collo, strofinando contro la mia clitoride mentre seppellisce il suo cazzo più a fondo nella mia fica.

Si ritira completamente e temo che stia per scappare come la nostra fuga dall'appartamento. Invece, cade in ginocchio, la lingua appiattita contro il mio buco dolorante, strofinando in ogni direzione. Prendo abbastanza aria per gemere, ad alta voce, seppellendo le mie mani nei suoi capelli. Mi dibatto sul tavolo, facendo cadere il whisky sul pavimento. Il vetro va in frantumi di lato, l'aria diventa intossicata mentre lo imploro di andare avanti.

Sento la mia figa stringersi, formicolare mentre mi spinge all'orgasmo. "NON FERMARE!" urlo, sentendo i miei addominali contrarsi mentre la sua lingua scivola in profondità. Vengo forte, inarcandomi dal piano del tavolo, "FFUUUCCKKKMAXXX".

Rabbrividisco quando i metalli freddi entrano in contatto con il mio rossore post-orgasmo. Non c'è tempo per riposare; mi tira giù dal tavolo, piegandomi in vita e spingendo i miei seni nella superficie ormai calda.

Tenendo le mie mani sopra la mia testa, spinge nella mia fica. Una mano occupata con i miei polsi, l'altra spinge sulla parte bassa della mia schiena, spingendo la mia sensibile clitoride contro la superficie sottostante. Intrappolata com'è tra il metallo e la sua asta calda, la mia figa pulsa e si stringe di più attorno al cazzo di Max. Mi scopa forte e veloce, le sue unghie affondano nella mia pelle mentre mi tiene inchiodata.

"Vieni di nuovo per me, Lily. Fammi sentire che vieni di nuovo," rallenta, lasciando che ogni centimetro si faccia strada lentamente fuori dal mio buco stretto. Rabbrividisco, muovendo i fianchi sul suo cazzo, "Max…"

Lo sento ridere, e poi sento il bruciore della sua mano mentre mi schiaffeggia il sedere. Piagnucolo, spingendo ancora indietro il suo cazzo, "Per favore. Dammelo," sussurro appena.

Spinge ogni centimetro dentro di me, strofinandomi la clitoride con le dita. "Ora, Lily."

Il mio corpo lo obbliga, la mia fica si stringe mentre vengo di nuovo.

Si tira fuori e quando cerco di alzarmi, crollo a terra. Avvolge le mani tra i miei capelli, attirandomi fino al suo cazzo. Avvolgo le mie labbra attorno alla punta, succhiando il mio succo che gli sta ricoprendo la pelle. Lui geme, spingendosi ancora di più nella mia gola. Comincia a fottermi la bocca come ha fatto con la mia figa, cullandomi la testa con l'altra mano.

"Ti piace questo," ringhia- un'affermazione, non una domanda- il suo cazzo completamente sepolto. Deglutisco, la mia gola si contrae attorno alla sua testa, facendolo gemere. Mi lascia le mani e io gli afferro il sedere, attirandolo più a fondo nella mia bocca. Mi stacco da lui e comincio con cura a leccargli le palle. Il suo respiro accelera, stimolato dalla vista della mia lingua rosa che copre delicatamente ogni centimetro di lui. Gli succhio la base del cazzo e la sua testa rotola all'indietro, le mani affondate di nuovo tra i miei capelli.

"Succhiami."

Faccio scorrere la punta della lingua sulla sua asta, stuzzicando la punta.

"Succhiami, Lily."

Avvolgo le mie labbra attorno alla punta, succhiando solo leggermente in cima.

La sua pazienza si esaurisce e mi abbassa la testa. Aumento la tensione nella mia bocca e lui geme mentre i suoi movimenti diventano più veloci. "Cazzo.." geme, il suo cazzo seppellito nella mia gola. I nostri occhi si incontrano e vedo che non può più trattenersi. Lo sento venire, il suo cazzo che si contrae contro la mia lingua. Deglutisco tutto, le sue mani su entrambi i lati della mia testa afferrano il bordo del tavolo, preparandosi a non cadere.

Ci vestiamo in silenzio. Una Camaro nera è seduta di lato. Mi guida dolcemente verso di esso. Usciamo dal magazzino e lui si ferma vicino al parco dove stavo attraversando la prima volta per andare da Molly. Goffamente, scendo, quasi aspettandomi che se ne vada. Tuttavia, scende, si siede sul cofano e mi tira verso di sé. In piedi tra le sue gambe, non posso fare a meno di immaginare tutte le cose incredibilmente cattive che potremmo fare sul cofano. Sembra leggermi di nuovo nella mente e ride: "Un'altra volta". Mi afferra il sedere per attirarmi contro la sua faccia, assorbendo il mio odore.

Altrettanto velocemente, si alza ed è di nuovo in macchina. "Dì al tuo fidanzato pezzo di merda di imparare a leccare la fica, o accetterò volentieri il suo lavoro."

Rido: "Forse dovresti".

Un altro sorrisetto. Le sirene interrompono il nostro momento: "Ti troverò la prossima volta che dovrai essere spezzato a metà correttamente".

"Domani allora."

Se ne va, un sorriso sul volto e una contrazione nei pantaloni che peggiora solo quando si volta e vede le mie mutandine rosse sul sedile del passeggero.

"Domani lo è."

Storie simili

Un ragazzo in Babeland capitolo 8

Domenica era stata una giornata tranquilla per Lee, dopo il tempo trascorso con Stacey venerdì mattina non aveva fatto sesso con nessuna delle sue sorelle per tutto il fine settimana. Era ormai lunedì. Kim e Stephanie erano all'università e sarebbero rimaste fino a tardi, Marie e tutte le altre sorelle tranne April erano al lavoro, lasciando solo loro due sole in casa. Ciao Lee una allegra April salutò suo fratello mentre si dirigeva verso la cucina, per qualche motivo lei aveva avuto un passo agile negli ultimi giorni. Sei felice, cosa sta succedendo? Lee abbracciò sua sorella mentre lei lo salutava...

649 I più visti

Likes 0

La sala comune

Yo wats up questa storia è una storia vera sul mio incontro a scuola con questa ragazza. Julia mi ha guardato tutto il giorno. Ho raccolto questi e ho giocato bene passandole davanti. Questo deve aver frustrato la sua somma perché all'ora di pranzo sembrava così frustrata. Più tardi, quando ero seduto nella sala comune da solo, è entrata e ha chiuso a chiave la porta, il che non è stato uno shock perché ho immaginato cosa avesse pianificato. Ora so di non essere il ragazzo più figo della scuola, ma sicuramente non sono il più brutto e con il mio...

2.3K I più visti

Likes 0

Lo schiavo del presidente Milford Parte 3

Scarlett era stata una ragazza timida e introversa prima che sua madre la portasse alla Casa Bianca tre mesi prima, ma il trauma che aveva subito la notte delle elezioni aveva costruito un guscio intorno a lei e non aveva detto una sola parola a nessuno da quando aveva perso la sua verginità. Se non fosse stato per le sue urla e il suo pianto, non avrebbe emesso un solo suono, tranne le suppliche di panico che sono cadute nel vuoto quando il chirurgo generale le ha rimosso il clitoride per ordine del presidente Samuel Millhouse Milford. La sua vita nei...

2.6K I più visti

Likes 0

Passeggiata nel pomeriggio

Si alzarono in una gloriosa mattina di luglio. Il mare era come uno specchio, già c'era un luccichio di calore che saliva dai ciottoli della spiaggia. Ha indossato un paio di pantaloncini da spiaggia mentre lei indossava un paio di slip del bikini. Uscirono dalla porta sul retro sulla spiaggia e scesero al mare per un tuffo rinfrescante. È rimasto leggermente indietro ed è stato in grado di vedere il suo sedere perfetto che si muoveva negli slip del bikini. Non ha mai smesso di meravigliarsi della sua bella figura. Si è precipitato in acqua per nascondere l'inizio di un'erezione. Aveva...

2.2K I più visti

Likes 3

La ragazza dietro il muro

Ero al secondo anno di college quando l'ho incontrata. Kacey viveva nel dormitorio accanto a me, ma non l'avevo mai vista. La conoscevo solo dal nome sulla porta e da quello che ho sentito quella prima notte. Mi sono seduto nel mio letto preparandomi per andare a dormire. Accanto al letto fu spinto contro il muro, e fu allora che l'ho sentito; un gemito morbido e sexy dall'altro lato del muro. Ho spazzato via il primo suono ma quando ho sentito il secondo, un po' più forte e più a lungo, ho iniziato a immaginare il creatore di questi piccoli rumori...

1.9K I più visti

Likes 0

Non era giusto, il che lo rendeva così CALDO

Questa è una storia vera. Molti di coloro che hanno letto alcune delle mie altre storie (alcune finzioni, altre vere) possono ricollegare questo incidente al punto in cui è iniziato, quando mi sono separato e poi divorziato da mia moglie. Sono divorziato dalla mia ex da un paio d'anni e vado a casa sua per visitare nostro figlio. Una figlia adolescente della sua amica (questa è l'amica con cui voleva che facessi un rapporto a tre in passato) non poteva andare d'accordo con sua madre, quindi sta con la mia ex e guarda nostro figlio mentre l'ex lavora, gioca, qualunque cosa...

1.2K I più visti

Likes 0

Freddy in bagno: la confessione di mia moglie

Freddy in bagno: la confessione di mia moglie di rat_race * * * * * Come ti sentiresti se scoprissi che non ero davvero vergine quando ti ho incontrato? Mia moglie, che all'epoca era la mia ragazza convivente, era nuda a letto con me un pomeriggio, quando mi fece quella domanda. A quel punto non me ne rendevo conto, ma era una domanda che avrebbe finito per cambiare definitivamente il nostro rapporto. A proposito di Bea Ho incontrato mia moglie, Bea, durante il mio primo anno di college nell'autunno del 1972, e me ne sono subito innamorato. Bea si è rivelata...

818 I più visti

Likes 0

Le avventure di Sarah - Capitolo 2

Tyshawn riuscì a uscire dalla porta e si incamminò lungo la strada. Sentì la puttana che gli urlava contro dalla porta. Lui la ignorò e cercò di reprimere la sua rabbia. Vide Jesse e Frank che lo aspettavano all'angolo. Si diressero verso la loro vecchia scuola dove avrebbero preso la navetta fino al punto di partenza per prendere l'autobus per Claremont. “Che succede Ty? Sembri incazzato. Jess ha detto. La cagna era in forma rara questa mattina. disse Tyshawn. Sì, è proprio una pesca. Jess ha detto. Ehi amico, guarda cosa ho. disse Jesse e tese qualcosa che sembrava una macchina...

731 I più visti

Likes 0

Un poliziotto, una ragazza carina e un biglietto rosa acceso

L'agente Rick Cordan era seduto nel suo veicolo sull'autostrada I-77. Osservò la strada davanti a sé mentre cercava gli speeder. Era stato un martedì sera lungo e noioso. Solo una manciata di veicoli lo aveva superato e nessuno di quei conducenti stava superando il limite di velocità. All'improvviso, una Civic blu del 2013 gli è sfrecciata accanto! L'autista stava facendo un 80 in un 65! Finalmente un po' di azione! Cordan mise il suo veicolo in Drive, svoltò a sinistra e inseguì l'autista. Ha acceso le luci della macchina prima di accendere le luci e la sirena della macchina della polizia...

879 I più visti

Likes 0

Decadente

Diritto d'autore 2003 Pubblicazioni FK Mmmmm..., sì, Lisa... sì... continua così... sì..., lecca..., leccami! Sbuffo! Sbuffo! Sbuffo! Con i capelli corti e scuri, Lisa leccò via la fica della sua amica bionda, entrambe ragazze di ventun anni tutte nude e sole nella stanza del motel, che si divertono, eccitandosi a vicenda. Oh Lisa..., oh, oh, sisss!, gridò Sue dai capelli lunghi e dagli occhi azzurri mentre la lingua di Lisa scendeva in profondità nella figa della bionda, andando avanti all'infinito per i successivi tre minuti! Alla fine, Sue esplose, Sissss..., si...Sto per venire...Sto per venire! Cinque secondi dopo, le labbra...

723 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.