Un tabù familiare pt.1

872Report
Un tabù familiare pt.1

Ok, cominciamo, ok, mi chiamo Max Gardner, ho 16 anni e vivo con mia madre e mia sorella maggiore in California, da quello che mi dicono i miei amici e la maggior parte delle ragazze del mio liceo... la scuola dice che sono un tipo piuttosto attraente, ho i capelli corti e neri con le punte smerigliate, un corpo ben tonico grazie al fatto che faccio parte della squadra di wrestling, e... beh diciamo solo che i ragazzi nello spogliatoio sono gelosi del mio "pacchetto". Bene, questa storia inizia circa un mese fa, dopo che mi sono rotto una gamba durante gli allenamenti di wrestling, costringendomi a trascorrere le vacanze di primavera a casa per la maggior parte del tempo e non crederai a quanto sia incredibilmente noioso essere un ragazzo attivo come me e dover rilassati e rimani a letto la maggior parte del tempo. Mia madre, Sharon, e mia sorella Kim, però, sono state entrambe buone con me, da quando papà ci ha abbandonati, entrambe si sono assicurate di prendersi cura di me e di assicurarsi che vivessi uno stile di vita piuttosto mascolino, infatti mia madre ha insistito che mi sono unito alla squadra di wrestling e non a quella di nuoto, non che mi lamentassi davvero, dopo che mio padre se n'è andato, avevo bisogno di sfogare un po' di rabbia e il wrestling mi ha aiutato in questo.

Ero lì sdraiato sul letto, potevo sentire che mamma o Kim erano giù per le scale a preparare la colazione, mi sentivo piuttosto ansioso e avevo bisogno di alleviare un po' lo stress, quindi ho preso il mio portatile e ho iniziato a cercare un po' di porno, ho trovato questo video di questo ragazzo con due donne che condividevano il suo cazzo, una succhiava l'asta e l'altra lavorava le palle, ho abbassato velocemente una mano e ho iniziato a masturbarmi, il video era davvero hot, le donne sembravano madri e mia figlia, più o meno della stessa età di Kim e di mia madre, non ci ho pensato molto, ero molto interessato al porno, la donna più anziana stava lavorando la lingua sulla punta del cazzo del ragazzo, proprio sul buco prima di sparare, poi l'ho sentito dirlo.....

"Dio mamma, bevilo!"

Se non avessi sparato in quel momento, il mio cazzo si sarebbe afflosciato proprio in quel momento, il ragazzo nel video stava scopando sua madre e sua sorella! Ho cliccato velocemente sul video e ho chiuso il portatile, in quel momento ho alzato lo sguardo e ho visto mia sorella Kim sulla soglia, la mia faccia era rossa, non sapevo se aveva sentito il video ma avevo il cazzo fuori aperto e c'era una bella quantità di sperma sulla mia mano, ci fissiamo per un po' finché la mamma non ci chiama per colazione. Kim emise un sospiro nervoso e parlò.

"Allora, d-hai bisogno di aiuto?" lei chiese

"No", ho detto, "posso prepararmi da solo, grazie". Ero imbarazzato

Ho preso le stampelle e mi sono alzato dal letto prima di rendermi conto di non essermi tirato su i pantaloni, e Kim aveva gli occhi fissi sul mio cazzo da dieci pollici e mezzo prima di liberarsene di scatto e distogliere lo sguardo.

"Uhh Kim, non hai sentito niente quando sei entrato, vero?" ho chiesto

"A dire il vero ero troppo distratto per sentire qualcosa" rispose Kim arrossendo

Zoppicai fino al bagno, mi lavai le mani e scesi le scale. La mamma aveva già apparecchiato in tavola la colazione, uova e bacon con qualche biscotto. Durante la colazione non potevo fare a meno di pensare al video e pensare a mia mamma e Kim, non volevo ma dovevo ammetterlo, erano entrambe le donne più belle che io conosca, Kim, aveva 18 anni, lunghi capelli neri con una striscia bionda sempre libera mentre il resto era quasi sempre raccolto in una coda di cavallo, labbra carnose, graziosi occhi verdi, una bella abbronzatura sulla pelle dato che usava un lettino abbronzante nel seminterrato che lei e la mamma usavano come spa, anche Kim aveva un corpo assassino, seni a coppa 38D, gambe lunghe che ogni uomo vorrebbe avvolte intorno a sé e un culo pieno e sodo. La mamma invece era di tutt'altra categoria: aveva 32 anni, aveva avuto Kim quando ne aveva 14, aveva i capelli ricci che le arrivavano a metà delle spalle, degli occhi castani bellissimi, qualcosa che ho preso da lei, la sua il corpo era molto ben tonico, completo di seni a coppa da 34K, gambe che arrivavano fino in fondo e forse la cosa più vicina che potessi vedere a un culo perfetto, era abbastanza rotondo, abbastanza sodo e abbastanza morbido, inutile dirlo diciamo, a scuola molti miei amici mi dicono che vorrebbero scopare mia sorella e mia mamma, e io di solito gli rispondo con un pugno in faccia, fino a quella mattina non avevo mai visto Kim o mia madre così, ma con Kim che si avvicinava a me e al video, non riuscivo a togliermi questi pensieri sporchi dalla testa, e non aiutava su cosa indossavano.

Kim era in canottiera, senza reggiseno, non riuscivo a vedere i suoi capezzoli ma la maglietta era un po' troppo piccola per lei, e le stringeva il seno, e indossava questi pantaloncini corti che le mettevano in mostra il culo e le gambe, qualsiasi altro giorno non mi avrebbe influenzato, ma immagino che dal momento che non ho fatto molto nell'ultimo mese e ho trascorso la prima metà delle vacanze di primavera a letto ero più o meno irrequieto, poi c'era la mamma, indossava il suo accappatoio, che andava bene, ma sotto indossava la camicia da notte, che era abbastanza lunga da coprirle a malapena il sedere ma abbastanza corta così che ogni volta che si piegava, potevi avere una bella vista.

"Quindi oggi potrai togliere quell'ingessatura a Max," ha detto la mamma, strappandomi dai miei pensieri

"Oh, fantastico, allora posso avere un po' di libertà stasera," ho detto, pensando che tutto quello che dovevo fare era uscire e chiamare Karen, questa ragazza della mia classe con cui ho flirtato, e speriamo di poter scopare così Posso alleviare un po' di questo stress

"Aspetta adesso, il dottore ha detto che anche se sarai in grado di camminare, vuole che tu rinunci a quella gamba il più possibile per un'altra settimana," ha detto la mamma.

"Cazzo" ho imprecato, dovevo restare rinchiuso per un'altra settimana, toro

"Ehi, almeno mantieni la lingua PG-13 a tavola, signore" mi ha rimproverato la mamma

"Mi spiace, mamma" mi scusai

"Va tutto bene, capisco che hai proprio voglia di prendere una boccata d'aria fresca" disse

Dopo colazione, sono andato di sopra e mi sono preparato per una doccia, sono andato nell'armadio del corridoio, ho preso un asciugamano e sono andato zoppicando in camera mia, mi sono tolto i vestiti e ho messo una protezione plastica per il mio gesso, mi sono avvolto nell'asciugamano e sono andato in bagno, quando ho aperto la porta, ho detto Kim, dopo che si è appena tolta le mutandine, abbiamo sussultato entrambi per la sorpresa e ho lasciato andare l'asciugamano mostrandole ancora una volta il mio cazzo, siamo rimasti immobili per circa 30 secondi , i miei occhi passavano dai suoi capezzoli marroni e succulenti alla sua figa rasata, i suoi occhi erano fissi sul mio cazzo che cresceva lentamente, dopo 30 secondi abbiamo capito cosa stava succedendo e ho subito preso il mio asciugamano e mi sono coperto e lei ha preso il suo asciugamano per coprirsi.

"Dio, Kim, mi dispiace tanto, avrei dovuto bussare" sbraitai con la faccia rossa come un pomodoro

"Va tutto bene," rispose Kim, arrossendo "Credo che siamo pari, ci siamo incontrati entrambi nudi"

"S-sì" ho riso nervosamente e ho chiuso la porta, proprio quando la mamma è uscita dalla sua stanza, questa volta era solo in vestaglia e aveva un asciugamano sulla spalla

"Lui Max, sembra che tu abbia visto un fantasma" disse la mamma preoccupata

"Oh, non è niente, mamma, per sbaglio ho messo un po' di pressione sulla gamba ed è stato strano" Le ho dato una spiegazione debole ma lei se l'è bevuta

"Forse dovrai abituarti a camminarci sopra, tutto qui" disse con un sorriso poi abbassò lo sguardo e vide la mia erezione, l'asciugamano la copriva ma formava comunque un rigonfiamento

Ci ho messo velocemente la mano sopra per coprirlo e lei è arrossita e si è messa le mani sulla bocca

"Uhh" era tutto quello che potevo dire

La mamma ha abbassato le mani, il che ha allentato la sua veste e ho potuto osservare bene la sua scollatura prima che se la aggiustasse

"Quindi Kim è già lì" ha chiesto la mamma.

"Sì, ha chiuso a chiave la porta" ho risposto

Passarono dieci minuetti e Kim uscì dalla doccia con un asciugamano avvolto attorno, io entrai in bagno e aprii la doccia con l'acqua fredda e ci saltai dentro, mi masturbai furiosamente fino a farmi venire la sborra, assicurandomi di non farcela un rumore, avevo l'immagine di me, di mamma e di Kim in quel video invece che delle altre persone, speravo solo che questo fosse l'ultimo pensiero incestuoso che avrei avuto.

Siamo andati dal dottore e siamo tornati, e come ha detto la mamma, il dottore mi ha detto che dovevo stare lontana dalla gamba per un'altra settimana dopo che mi avevano tolto il gesso, quindi siamo tornati a casa, e la mamma è andata a lavorare come cameriera al a Hooters, Kim ha scelto di restare a casa e prendersi una settimana libera per prendersi cura di me nonostante le mie proteste, nell'ultimo mese loro due si sono alternati restando a casa per prendersi cura di me e andando a lavorare, il loro capo non l'ha fatto Non importa, si riferiva al fatto che mia madre era lei stessa una madre single, quindi di solito aggiungeva un piccolo bonus per mia madre o Kim quando andavano al lavoro mentre ero a letto. Sono andato nella mia stanza, con un bastone che il medico ha insistito perché usassi per alleviare quanto più sforzo possibile la mia gamba. Mi sono tolto i vestiti e ho indossato un paio di pantaloni della tuta e la mia maglietta da wrestling senza maniche.

Dopo un'ora ho sentito l'odore che mia sorella stava preparando dei popcorn e probabilmente si sarebbe seduta a guardare un film. Non ci avevo pensato, poi lei ha bussato alla porta.

"Ehi" disse

"Ehi Kim, sto preparando i popcorn" ho chiesto

"Sì, ho pensato che ti avrebbe fatto comodo un po' di compagnia, così ne ho fatta un po' per noi e ho preso un film," rispose Kim mentre teneva in mano la custodia di un dvd, non riuscivo a distinguere la copertina e tanto meno il titolo

Ho semplicemente alzato le spalle e annuito e lei è entrata con i popcorn e il dvd, indossava la sua canottiera e una minigonna che era come la camicia da notte di mamma, abbastanza lunga da coprirsi ma abbastanza corta da potersi chinare per infilarsi dal dvd ho visto che non indossava le mutandine, non ho detto niente e mi sono semplicemente coperta dalla vita in giù. Kim si è seduta accanto a me e ha messo i popcorn tra di noi mentre il film iniziava, sembrava essere degli anni '70, poi è passato direttamente a una scena di sesso, era un porno, io e mia sorella stavamo guardando una prono insieme! Mi sono appena messa in bocca un pezzo di popcorn prima che Kim spostasse la ciotola di lato e incrociasse le mie labbra. Ero congelato quando la sua lingua si insinuò nella mia bocca e per i popcorn finalmente riuscii a spingerla via.

"KIM CHE CAZZO?!" ho urlato

"Ho solo pensato che avevi bisogno di qualcuno che ti aiutasse con il tuo stress, ragazzone." Kim mi fece l'occhiolino.

"S-sono tuo fratello!!" ho ribattuto

"Che è diventato duro guardando il mio corpo nudo", ha detto Kim

"E-era solo un riflesso" ho detto

"Un riflesso nel vedere tua sorella nuda" Kim mi baciò ancora e afferrò il mio cazzo che era duro attraverso i pantaloni e iniziò a strofinarlo con il pollice e l'indice, "E sembra che il ragazzone qui voglia giocare" sorrise maliziosa

Non potevo sopportarlo, ho schiacciato le mie labbra contro le sue e abbiamo pomiciato come matti mentre Kim mi accarezzava attraverso i pantaloni della tuta e io le ho fatto scivolare la mano sotto la gonna e le ho toccato la figa.

"Kim, ho davvero bisogno di tutto questo, basta che sia qualcosa di diverso dal semplice stare in giro a non far nulla" l'ho implorata, lei ha risposto abbassandomi i pantaloni

"Bene allora, immagino che tu abbia accumulato un sacco di stress, eh, questa è la tua terza erezione oggi?" Ha baciato la punta del mio cazzo facendomi rabbrividire

Kim ha leccato i cerchi intorno alla punta del mio cazzo prima di prenderlo in bocca, ho emesso un sussulto di piacere mentre la sua testa dondolava su e giù sul mio cazzo e mi accarezzava le palle.

"Kim, è così fantastico, lo adoro!" ho detto

Lei mi ha fatto uscire il cazzo dalla bocca e mi ha sorriso: "Allora questo ti piacerà" mi ha dato un piccolo bocconcino amichevole, sono quasi arrivato proprio lì, poi ha continuato a succhiarmi il cazzo di tanto in tanto fermandosi solo per nominarlo. come un cane con un giocattolo da masticare e lasciami sentire i suoi denti sopra, dovevo ammetterlo, non pensavo che mi sarebbe piaciuto ma non mi piaceva semplicemente farmi mordicchiare il cazzo, mi piaceva e mi piaceva ho sentito che il mio orgasmo stava arrivando. Kim ha iniziato a farmi un deepthroat ed è riuscita a infilarle tutti i dieci pollici e mezzo in gola, ho pensato che, dato che era popolare tra i ragazzi a scuola, avesse esperienza con l'orale. Poi mi ha colpito, avevo bisogno di venire, quindi ho tenuto la testa di Kim abbassata in modo che il mio cazzo fosse fino in fondo alla sua gola e ho sparato il mio carico, potevo sentire la sua gola contrarsi ed espandersi mentre ingoiava fino all'ultima goccia del mio sperma facendomi spara un altro carico che comincia a fuoriuscire dai bordi della bocca. Alla fine dovette alzarsi per prendere aria, quindi dopo un ultimo sorso alzò la testa e ansimava come se avesse corso per un miglio.

"Merda Max, eri come una manichetta antincendio" ansimò Kim, poi prese lo sperma sugli angoli della bocca con il dito e lo leccò via, "Però gustoso" sorrise

"È stato incredibile, Kim" ansimai

"Non abbiamo ancora finito, fratellino" Kim mi baciò poi si alzò in modo che la sua figa fosse sulla mia faccia, "Ti va di ricambiare il favore?"

Non ha dovuto chiedermelo due volte, ho sbattuto la mia faccia lì dentro e l'ho penitrata con la lingua, e le ho leccato la sua deliziosa fica, con i suoi gemiti in segno di gratitudine, le ho toccato la figa e ho trovato il suo clitoride e ho iniziato a mordicchiarlo , facendola gemere di piacere.

"OH DIO Max!" Mi ha tenuto la testa abbassata e mi ha spruzzato i suoi succhi su tutta la faccia e io l'ho leccato con entusiasmo.

"Ragazzo Kim, non sei durato 5 minuti" ho sorriso

"C-come l'hai imparato?" mi chiese Kim ansimando

"Ho 16 anni e anche i tuoi amici e le ragazze del tuo lavoro vogliono scoparmi, non pensavi che avrei rinunciato ad almeno un'offerta" risposi

"Bene," Kim si mise a cavalcioni su di me "Da quando ci siamo fatti un orale" Ha cominciato a strofinarsi contro di me, la sua figa è scivolata su e giù per il mio cazzo

"Non ho il preservativo" spalanco gli occhi sapendo cosa sarebbe successo

"Non preoccuparti, prendo la pillola" rispose Kim e mi baciò, le nostre lingue danzavano l'una nella bocca dell'altra mescolando i sapori dei rispettivi succhi

Kim si è sollevata e io mi sono sbattuto contro di lei, entrambi abbiamo sussultato di piacere mentre ha iniziato a cavalcare il mio cazzo, DIO la sua figa era stretta, le ho tolto la maglietta e ho iniziato a succhiare il suo capezzolo destro, volevo rotolarmi così Potevo essere in cima ma lei mi ha fermato.

"Devi tenere lontana quella gamba, anche se è sul ginocchio" Kim mi baciò "Lascia che la sorella maggiore si prenda cura di te" prese velocità e mi premette la faccia tra le tette

Mi sono lasciato cavalcare per non so quanto tempo, minuetti, ore, tutto il resto della giornata? Tutto quello che so è che ci siamo divertiti l'uno con l'altro, con la sua figa stretta attorno al mio cazzo, passando dal mordicchiarle i capezzoli, al baciarla, al toccarle il buco del culo, entrambi abbiamo lanciato urla e abbiamo orgasmato insieme, ho baciato Kim un'ultima volta prima che lei mi è scesa e lei mi ha leccato il cazzo e mi ha fatto un ultimo pompino prima che venissi per la quinta volta, e ha deglutito.

"È stata la migliore scopata che abbia mai avuto" Kim mi ha coccolato, con i seni premuti contro il mio petto

"Anche qui" ho concordato e la ho baciata, "Quindi sarà una cosa normale?"

"Lo sai" Kim mi baciò l'orecchio e mi fece l'occhiolino

Storie simili

Croma.

Sai che è strano, ma non riesco a ricordare nulla. Robert sentì la porta chiudersi alle sue spalle e rimase sull'ingresso con l'aria smarrita. È così? disse una voce da più lontano nella stanza. “Sì,” disse Robert, con la fronte aggrottata. In effetti, quando l'ho detto, non riuscivo nemmeno a ricordare il mio nome, che ci crediate o no. Charlotte guardò dietro l'angolo, alzando un sopracciglio verso di lui. Spero che tu non abbia dimenticato il mio. Carlotta! Naturalmente,” Robert rise sottovoce. “Ora che lo dici, sembra quasi che all'inizio non lo sapessi. E... la cosa più dannata, ma non riesco...

2.4K I più visti

Likes 1

INTERROMPERE UN'ABITUDINE

Se non fosse per il neo sul cazzo di Aaron Denton, sarei molto più felice, io ti garantisco. Quel neo mi dà fastidio dalla terza elementare, quando l'ho visto pisciare nel bosco. Che cosa? disse con aria assente, guardando i nostri sguardi inorriditi, no rendendosi conto che stava facendo qualcosa di completamente innaturale. Il resto di noi stava solo ciondolando, pisciando regolarmente attraverso il nostro chiusure lampo come persone sensibili, ma non Aaron. Merda. Senza nemmeno dare ci ha pensato un secondo, Aaron si è aperto la zip dei jeans, si è abbassato i pantaloni, fino alle ginocchia -- (aaack!) --...

1.1K I più visti

Likes 0

The Hardwoods: Kevin impara ad amare il cazzo

13-15 LUGLIO 1973: KEVIN IMPARA AD AMARE IL CAZZO Questa storia è raccontata dal punto di vista del tredicenne Kevin Hardwood. Suo fratello diciassettenne lo incastra, il che fa sì che suo padre lo sculacci. Kevin cede alla richiesta di Luke di succhiargli il cazzo in modo che non continui a metterlo nei guai. Era una calda giornata estiva di metà luglio. Mi stavo rinfrescando nel cortile sul retro della piscina di famiglia. Avevo l'intera piscina tutta per me con mio padre al lavoro e mia madre e mia sorella in visita dai vicini. Nuotavo pigramente a dorso intorno alla piscina...

756 I più visti

Likes 0

RWBY - I preferiti dell'insegnante capitolo 1

Aspettatevi errori di grammatica, questa non è la mia lingua madre X-X-X-X-X Le cose sono tranquille alla Beacon Academy, soprattutto nelle camere da letto, anche se in una di esse succede qualcosa che nessuno potrebbe mai immaginare: I corridoi sono vuoti, tutti sono nel cortile oa passeggio per la città. Se qualcuno attraversasse uno di essi, sarebbe sorpreso di sentire suoni strani e piuttosto sospetti. Ora, se qualcuno entra nella stanza da cui proviene il rumore, la sua mascella cade a terra quando vede una scena così incredibile. In uno dei letti, tre corpi si agitano in un intenso atto sessuale...

718 I più visti

Likes 0

Il mio compleanno speciale

La settimana scorsa è stato il mio diciottesimo compleanno, e che compleanno è stato. Non fraintendetemi però, è iniziato in modo schifoso come i miei ultimi tre compleanni, ma è finito in un modo che non avrei mai potuto prevedere. Mi chiamo Stephanie e, come ho detto prima, ho diciotto anni. Ho lunghi capelli neri e lisci, non chiamarmi bruna perché mi dà fastidio, sono neri, non castani, con scintillanti occhi azzurri. Di solito la gente si prende gioco della mia altezza, quando sei alto solo un metro e settanta, è destinato a succedere, immagino, e io peso quarantacinque chili e...

427 I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania

Mi ha assunto tre settimane fa. Un lavoro per il quale sono grato ma completamente non qualificato. Ma poi io sono giovane e asiatica, e lui è più vecchio e bianco, e nel corso dei miei doveri (e sì, anche nel corso del mio ficcanaso) ho scoperto la metrica del porno sul suo hard- drive con giovani donne asiatiche. Sono ben lungi dall'essere scoraggiato da questo. Voglio dire, non fraintendetemi, non ho alcun desiderio di scopare fino in cima, e sono anche dolorosamente consapevole dell'intero cliché della dinamica di potere tra uomo bianco e ragazza asiatica. Ma togliendo tutto questo dall'equazione...

2K I più visti

Likes 2

Bravado, parte 2

Kevin si svegliò la mattina dopo intontito, sbronzo e duro come una roccia. Debby giaceva accanto a lui nuda, sorridendo e accarezzando il suo piccoletto. Charles non era a letto. Kevin sussurrò, smettila! e ha provato a staccare le mani, ma ha semplicemente stretto e ha continuato a giocare con lui. Kevin sapeva che Charles non era felice che fossero finiti tutti in una cosa a tre la scorsa notte, ma a Debby non sembrava importare. Kevin sentì Charles che girava per la cucina. Kevin guardò Debby negli occhi e gridò: “Charles! Debby non smetterà di giocare con il mio cazzo!...

2.4K I più visti

Likes 0

Sculacciata Amanda

Ho scritto questa storia per la ragazza dei miei desideri. L'ha letto e gli ha dato la sua approvazione. Ho cambiato il nome per proteggere i colpevoli :) È piuttosto breve: non riesco a immaginare di durare a lungo se questo si avverasse. Fatemi sapere cosa ne pensate. ====================================================================================================================================== ======================== Avevo incontrato Amanda 2 anni prima come parte di una chat room online. L'avevo considerata sexy dal momento in cui avevo controllato il suo profilo e non potevo credere alla mia fortuna quando ci ha provato. Eravamo in chat da un po' di tempo, ma alla fine ci siamo incontrati nel...

2.4K I più visti

Likes 0

RASATURA LE GAMBE DEI MIEI COMPAGNI PIATTI

RASANDO LE GAMBE E LA FIGA DEI MIEI COMPAGNI È puramente immaginario ma basato su un incidente realmente accaduto, ma il personaggio è reale ed è un'ex fidanzata in Thailandia. Spero che la storia ti piaccia. .................................................. .................................................. .......... Tornando a casa un giorno ho trovato la mia coinquilina Tan che stava frugando nell'armadietto del mio bagno. Questa è la storia che seguì. Tan ha 34 anni e io ne avevo quattro in più ed è per questo che andavamo così d'accordo che ci prendevamo cura l'uno dell'altra che spesso sfilava in mutande, tranne quando veniva il suo ragazzo. “Merda Barry...

1.9K I più visti

Likes 0

Sorella divertente (Pt1)_(0)

Andare in discoteca in città non è poi così male dici ai tuoi amici quando continuano a chiederti perché lo fai, Perché lo faccio? ti chiedi per la decima volta mentre tu e tua sorella state sulla piattaforma affollata aspettando il tubo a casa. Entrambe vestite con gonne quasi troppo corte per decenza e top attillati, tua sorella si è sempre lamentata del fatto che non indossi mai un reggiseno, i tuoi seni sodi e larghi e quasi cadono dalla linea del collo del taglio inferiore. 23:00 e non puoi credere a quante persone stanno ancora viaggiando, la vedi saltare e...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.