Lo schiavo del presidente Milford Parte 3

1.3KReport
Lo schiavo del presidente Milford Parte 3

Scarlett era stata una ragazza timida e introversa prima che sua madre la portasse alla Casa Bianca tre mesi prima, ma il trauma che aveva subito la notte delle elezioni aveva costruito un guscio intorno a lei e non aveva detto una sola parola a nessuno da quando aveva perso la sua verginità. Se non fosse stato per le sue urla e il suo pianto, non avrebbe emesso un solo suono, tranne le suppliche di panico che sono cadute nel vuoto quando il chirurgo generale le ha rimosso il clitoride per ordine del presidente Samuel Millhouse Milford. La sua vita nei mesi trascorsi si era trasformata in un inferno vivente e il suo nuovo obiettivo nella vita era evitare la tortura e il dolore mentre cercava un mezzo e un tempo per fuggire, scappando o attraverso il suicidio.

Fece ciò che le era stato detto senza obiezioni nel tentativo di evitare ulteriore dolore. Quando la First Lady le ordinò di mangiarla, Scarlett fece del suo meglio per il desiderio di evitare le torture che erano diventate una parte costante della sua vita. Non si è lamentata quando il Samuele le ha ordinato di mangiare sua madre. Tutto quello che ha fatto è stato urlare dal dolore quando suo figlio grasso Greg le ha infilato il cazzo nel culo senza esitazione di lubrificazione. Gli uomini e le donne della Casa Bianca avevano scaricato le loro frustrazioni e piaceri sadici sull'adolescente sin dal suo arrivo e lei si era abituata. Nei mesi successivi al giorno delle elezioni si era programmata per compiacere gli altri il più velocemente umanamente possibile. La sua vita si era ridotta a un fermo principio, compiacere gli altri nel tentativo di evitare il dolore che derivava dalla disobbedienza.

E così, quando la sua guardia la svegliò giovedì mattina presto e le disse che il presidente aveva un ospite speciale da intrattenere; ha fatto i movimenti senza lamentarsi. Si è fatta la doccia, si è rasata le gambe, le fossette e la fica, si è truccata nel modo che piaceva al presidente e si è vestita con gli abiti che le erano stati assegnati. Mesi fa era vergine, mesi fa un uomo non l'aveva mai vista in mutande, figuriamoci completamente nuda, ma ora era abituata agli uomini che la osservavano ogni mossa e batteva appena ciglio mentre le sue guardie la osservavano sotto la doccia, e la osservò di nuovo mentre indossava il reggicalze, le calze nere ei tacchi che l'avevano aspettata sul letto. Odiava trovare vestiti così preparati per lei; significava che avrebbe passato un altro giorno a dare piacere a un vecchio e forse a sua moglie. Era sotto costante controllo, senza dubbio perché i poteri forti erano ben consapevoli che era a rischio di fuga e suicidio.

Sua madre, che era vestita allo stesso modo, stava aspettando fuori dalla stanza di Scarlett e la coppia camminava diligentemente dietro le guardie mentre tornavano allo Studio Ovale. Il legame di Scarlett con sua madre una volta era indissolubile; una volta aveva amato la donna come nessun altro nella sua vita. Ora la odiava oltre l'odio, in parte perché l'aveva lasciata sola alla Casa Bianca mentre andava a girare un altro film, ma soprattutto per la gioia che provava ovviamente ogni volta che Scarlett veniva torturata e contaminata davanti a lei. Odiava il modo in cui sua madre si bagnava quando a loro due veniva detto di accarezzarsi l'un l'altro, e odiava il modo in cui sua madre schizzava quando veniva ogni volta che a Scarlett veniva detto di mangiarla fuori.

Scarlett e sua madre entrarono lentamente nello Studio Ovale e si inginocchiarono pazientemente vicino alla porta. Adesso erano poco più che schiavi dell'harem, o per essere esatti, Colleen era poco più di uno schiavo dell'harem; Scarlett era una schiava dell'harem e assolutamente niente di più. Ma questa non era una stranezza, per niente. Due generazioni fa James Milford e suo figlio avevano condotto con successo una campagna al senato per togliere il diritto di voto alle donne, poi il loro diritto di proprietà, seguito da un divieto che teneva le ragazze fuori dalla scuola, una ridefinizione dello stupro, e per il momento erano finite, la tipica donna americana era poco più che una schiava, prima dei genitori, poi del marito. Era solo il fatto che la Colleen l'avesse portata al cinema che Scarlett era in grado di leggere e scrivere e in precedenza aveva goduto di libertà che erano lontane dalla norma.

C'erano due nuove persone nella stanza, due facce che Scarlett doveva ancora vedere. Il primo era un uomo della stessa età del presidente. Era un uomo enormemente grasso con la testa calva e occhiali spessi. Indossava una tuta blu gessata che si estendeva fino a coprire il suo corpo massicciamente obeso. Era chiaramente un capitano d'industria, Scarlett conosceva il tipo, aveva incontrato molti uomini proprio come lui da quando era arrivata alla Casa Bianca. Accanto a lui era inginocchiata una giovane donna snella sui vent'anni con corti capelli neri e seni piccoli. Era vestita con un corsetto di pelle attillato, mutandine di pelle sul retro e stivali di pelle nera alti fino alla coscia. Il collare di ferro sigillato intorno al suo collo e le catene di ferro attorno ai suoi polsi dicevano a Scarlett che era di proprietà di uno dei due uomini, molto probabilmente il più anziano.

Il secondo uomo, tuttavia, si è distinto come un pollice dolorante. Aveva trent'anni, più o meno la stessa età degli uomini di mezza età che Scarlett si era abituata a vedere alla Casa Bianca. Aveva anche una discreta quantità di peli sul viso, non esattamente la barba, ma la collottola che veniva dai giorni passati senza radersi. I suoi capelli rossi erano arruffati e spettinati, e sebbene lei fosse vestita con giacca e cravatta, i suoi vestiti erano spiegazzati e gli pendevano come se avesse perso molto peso e abbastanza velocemente. Indossava stivali piuttosto che scarpe eleganti, e gli stivali erano consumati e sembrava che li avesse appena puliti e non avesse ancora trovato il tempo per lucidarli adeguatamente. Era un grosso, ma non ancora grasso, con pesanti borse sotto gli occhi e ogni centimetro di lui dava a Scarlett l'idea di essere stato in viaggio e di aver viaggiato in condizioni molto meno lussuose di cui godevano la maggior parte degli ospiti del Presidente. Fu subito presa da lui, colpita dal suo aspetto insolito. Ecco un uomo che Scarlett aveva immediatamente associato a un'aria di mistero.

Il presidente Milford era immerso nella sua solita diatriba su come ha iniziato in politica gestendo l'ormai famosa Cowboy Tavern. Non associava il suo successo in politica alla sua famosa famiglia, ma piuttosto alle abilità che aveva acquisito gestendo il primo bordello legale di schiavi bianchi della nazione. Lo aveva abituato a trattare con politici stranieri e gli aveva insegnato molto sulla natura umana. Le connessioni che ha stabilito lì, trattando con l'élite mondiale, gli hanno dato la prima opportunità di entrare nel mondo come una potenza politica nel carattere dei suoi parenti.

“Vieni qui, Scarlett,” ordinò, schioccando le dita. "È la figlia di Colleen Soss", ha aggiunto mentre accarezzava la scrivania, invitandola a sedersi. "Sono sicuro che hai sentito parlare di lei, è di proprietà dei Worthington Studios e una delle loro più grandi star."

"So che non ha il colletto", ha detto Samuel alzandosi dalla sedia e avvicinandosi all'adolescente, "Ma dopotutto è una star del cinema, o lo sarà". Allargò le gambe di Scarlett, "Vedi, le ho tolto il clitoride", le aprì le labbra della figa, "Sto pensando di farne una nuova legge per le donne. Li impedirà di allontanarsi come un cane sterilizzato; li manterrà sottomessi ai loro proprietari”.

"Beh, questa è un'idea nuova", disse l'uomo più anziano mentre si sporgeva in avanti per dare un'occhiata più da vicino alla figa di Scarlett. "È una cosa carina, proprio come sua madre."

“Mi dispiace, sono stato scortese. Vieni qui Colleen.» Sorrise mentre Colleen si affrettava al suo fianco. “Colleen, vorrei presentarti Andre Cowen e il signor Rick O'Connell della National Press. Scusa l'aspetto di Rick, ha fatto un viaggio abbastanza avventuroso qui".

"È un piacere", ha detto Rick alzandosi in piedi e stringendo la mano a Colleen. Scarlett non aveva mai visto niente di simile prima. Rick colse lo sguardo di disapprovazione sul viso di Samuel e gli tolse rapidamente la mano. "Mi scusi signore, sono stato via dall'America troppo a lungo e credo di aver preso delle cattive abitudini."

“Staranno con noi, Andrea è l'ex presidente della Federal Reserve e il mio nuovo consigliere economico e Rick, beh, Rick documenterà il mio tempo alla Casa Bianca e scriverà la storia della mia vita. Voglio che entrambi vi assicuriate che il loro soggiorno qui sia il più piacevole possibile".

Andre ha semplicemente ignorato Colleen, come faceva la maggior parte degli uomini quando incontrava le donne. Tornò a guardare Scarlett. “Sembri una giovane fica. In quanti film hai recitato?" Ha accarezzato uno dei seni dell'adolescente e lei non ha potuto fare a meno di tremare con disgusto. Odiava essere toccata, specialmente quando uomini dell'età di Andre e Zio Sam la toccavano.

"Tre, padrone." Scarlett non guardò Andre mentre parlava; teneva la faccia a terra. Era stata istruita a chiamare gli uomini "maestri", fin dalla giovane età, a meno che non le fosse stato detto diversamente. L'aveva sempre odiato, specialmente quando era una ragazza e doveva rivolgersi ai ragazzi più giovani di lei come "padrone". Erano state le prime parole che aveva pronunciato da quando aveva perso la verginità, ma era stata anche la prima domanda diretta che qualcuno le aveva fatto dal giorno delle elezioni.

Samuel sorrise, ovviamente felice che Scarlett avesse attirato l'attenzione del suo nuovo consigliere economico così prontamente. "Perché non la porti in camera tua per la notte, Andre, possiamo continuare questa discussione più tardi."

"Credo che mi piacerebbe." Disse Andre mentre afferrava una manciata di capelli di Scarlett e la tirava giù dal tavolo. "Dai una mossa, puttana."

"Sono sicuro che le prime linee ti hanno dato le palle blu proprio come me che ti piacerebbe scopare una delle più belle starlette d'America."

"Penso che mi piacerebbe."

Scarlett si guardò alle spalle e colse la vista di sua madre mentre afferrava la cravatta di Rick e lo tirava a sé. Diede al giovane segnalato un lungo bacio profondo. Era delusa di vedere il nuovo sconosciuto accettare così prontamente il presidente sulla sua offerta di scopare sua madre. Scarlett aveva, almeno per il momento, creduto che quest'uomo sarebbe stato diverso, che almeno sarebbe stato gentile e rispettoso dei sentimenti di una donna. Sapeva in fondo che era cresciuto nella stessa cultura di tutti gli altri uomini che aveva incontrato nella sua breve vita, ma c'era ancora qualcosa in Rick che le aveva fatto pensare che sarebbe stato diverso.

Storie simili

Una storia d'amore al liceo pt 3

Era lunedì, ma fortunatamente le vacanze di primavera erano in pieno svolgimento. Mi sono svegliato dopo un altro sogno, questa volta su Hailey e Abbey allo stesso tempo. Abbey stava cavalcando il mio cazzo, mentre limonava con Hailey. Questa volta non mi sono schizzato nei pantaloni, ma mi sono comunque svegliato piantando una tenda importante. La prima cosa che ho fatto è stata controllare il telefono quando mi sono ripreso. Anna-beth mi ha mandato un messaggio chiedendomi se volevo venire a casa sua. Ho accettato ma non sono potuto venire fino alle 12:00. Ho lasciato la mia stanza e sono andato...

202 I più visti

Likes 0

La moglie di Rick parte 5 di 6

La storia del mio amico La moglie di Rick 5 (5 di 6) La scena: Bendata, ero in ginocchio sul soggiorno pavimento, le ginocchia divaricate, l'inguine stretto contro il sedere di Linda, la mia moglie, anche lei inginocchiata e seduta sui talloni. Linda, dentro volta, era inginocchiato tra le gambe tese di William, che seduto sul nostro divanetto. Ora, immagina questo: io, il signor eterosessuale, mi stavo sporgendo in avanti con le braccia intorno a mia moglie. La mia mano sinistra era posta su quella di Linda mano sinistra che strizzava e massaggiava le palle di William. Il mio diritto la...

803 I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

874 I più visti

Likes 0

Atto di fede

Trascorrendo i tuoi anni formativi a San Francisco, ti evolvi in ​​modo diverso, soprattutto quando si tratta di sesso. Non ho mai avuto fidanzate per dire, e non avevo nemmeno i pantaloncini da fantino, ma mi masturbavo abbastanza spesso. Vale a dire, avevo altri interessi. Così, quando avevo quindici anni, sono andato nel quartiere di Castro, anche se non potevo bere, ho pensato di dare un'occhiata in giro. Le persone erano davvero amichevoli....Un ragazzo carino e curioso...heh...vai a capire. C'era un bar particolare, con un caffè sul marciapiede dove mi è stato chiesto di unirmi a dei ragazzi davvero carini e...

186 I più visti

Likes 0

Cameriera di latte cremoso

Cameriera di latte cremoso Kelsey Diaz aveva sempre avuto ragazzi dopo di lei, anche alle elementari. C'era solo qualcosa in lei che sembrava attirarli. Non lo capiva davvero quando era una ragazzina, ma era diventato almeno un po' più ovvio quando aveva frequentato il liceo. Kelsey era un bel mix di latino e nativo americano, circa un quarto nativo americano per quanto ne sapeva. Ma ciò che significava fisicamente per lei era che era quella che i ragazzi chiamavano una bomba totale. Sospettava segretamente che a volte volessero solo stare con lei per avvicinarsi alla sua famigerata mamma pornostar. A volte...

177 I più visti

Likes 0

Le tette si fanno bang bang

Ancora una volta vi porto la copia scritta di un'avventura interrazziale più recente. Proprio come prima, adoro ricevere posta da tutti voi e se non ricevete una risposta da me la prima volta, diavolo, scrivetemi di nuovo. Un piccolo retroscena per questa storia: è successo una notte l'estate scorsa. Stavo tornando a casa da un club (mio marito è stato via per la settimana - allenamento). A circa ¼ della strada di casa, la mia macchina ha iniziato a fare i capricci e alla fine ha ceduto. Usando il mio cellulare e una rubrica di una stazione di servizio vicina, ho...

1.1K I più visti

Likes 0

La riunione dell'anniversario - CH 2

Tornai in fondo al corridoio e andai a cercare un'altra birra. Dopo quello che avevo appena passato, ne avevo bisogno. La mia testa nuotava per la confusione. Ero appena stato ricattato nella fottuta zia Edna. E mentre è stato certamente piacevole, ho trovato l'intera faccenda un po' strana e stravagante. Poi mi ha colpito... E Heather? La mia mente correva a pensare se dovevo dirle cosa era appena successo. Cosa avrei detto quando sarebbe andata a cercare le sue mutandine? Come potrei spiegare cosa è successo; che ero stato beccato da zia Edna? Come potevo dirle che Edna si è imposta...

910 I più visti

Likes 0

Il fine settimana (parte 2)

Seconda parte della mia prima storia. Questo è il mio primo tentativo, quindi perdonate eventuali errori o contrattempi. In questo capitolo le cose si fanno interessanti! Se l'incesto non fa per te, non continuare a leggere. Capitolo 2: Comportamento scorretto. Mi sono fatto strada di sopra, i miei genitori se n'erano appena andati. Beh, se sono bloccato qui, dovrò solo sballarmi. pensai tra me e me, sorridendo mentre facevo due passi alla volta. Mentre arrivavo in cima alle scale, Danielle stava appena uscendo dalla sua stanza. Era vestita per uscire. Non riuscivo a trattenermi dal pensare Accidenti. Indossava una maglietta attillata...

738 I più visti

Likes 0

Affari universitari

Affari universitari di Droid447 L'allenamento delle cheerleader era finito. Janet e Bianca hanno aspettato negli spogliatoi finché tutti gli altri non se ne sono andati. Avevano flirtato tra loro durante le ultime settimane, esitando a fare il primo passo. Quando lo fecero, non c'era modo di fermarli. Janet guardò fuori dalla porta, assicurandosi che fossero soli... Pensavo che non se ne sarebbero mai andati, ha detto Janet. Bianca guardò la sua amica con occhi amorevoli, pensando: è così carina. Come al solito, Janet era più disponibile, avvicinandosi a Bianca e abbracciandola. Bianca esitò un secondo, non era ancora abituata a pomiciare...

352 I più visti

Likes 0

La realizzazione di una troia - parte 4

«Di solito» disse il dottor Field. “Avrei un'infermiera presente e lei rimarrebbe durante l'esame, ma il tuo patrigno mi dice che non sarà necessario. In effetti, sarà invece presente quando lo chiamo. Dice anche che non c'è bisogno di darti un vestito o di lasciare la stanza mentre ti spogli. Mi sorrise, ma non in modo molto amichevole. Allora, vai avanti, togliti il ​​vestito. Papà mi aveva detto di indossare un vestito di cotone senza reggiseno o mutandine, così me lo sono tolto sopra la testa e sono rimasto lì con i sandali. Il dottore si leccò le labbra. “Capisco che...

313 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.