The Futa Fairy - Futa Doctor's Hot Wish Capitolo 1: Futa Desire della dottoressa Rita

164Report
The Futa Fairy - Futa Doctor's Hot Wish Capitolo 1: Futa Desire della dottoressa Rita

La Fata Futa - Il caldo desiderio del dottore Futa
Capitolo uno: Il desiderio futa della dottoressa Rita
Con il mio pseudonimo3000
Diritto d'autore 2017

Era passato un mese da quella fatidica mattina in cui imparai qualcosa di impossibile. Qualcosa di straordinario. Qualcosa che mi faceva bagnare la figa quasi ogni mattina quando sprofondavo nel sonno durante il giorno. Sì, il giorno. Ho fatto il turno di notte al St. Claire's Hospital.

Un mese fa, ero stato fermato dal poliziotto futa, l'agente Cindy.

Il solo pensiero di quella futa prepotente ha reso la mia figa così bagnata. Rabbrividii nel mio camice, il cappotto del dottore mi vorticava sulle gambe mentre tremavo. Riuscivo ancora a ricordare così chiaramente quel momento di realizzazione che aveva un cazzo da ragazza. Che il suo clitoride si era trasformato in un cazzo perfettamente funzionante.

Un cazzo che aveva spruzzato sborra perlacea su tutta la mia faccia d'ebano.

Stavo tornando a casa dopo aver lasciato mia figlia, Pattie, al Washington College. Aveva perso l'autobus perché dormiva troppo, quindi ho dovuto accompagnarla a lezione dopo il mio lungo turno in ospedale. Ero stanco. Volevo solo tornare a casa. Non mi ero reso conto che stavo accelerando verso Ainsworth.

E poi l'agente Cindy mi ha fermato.

Era una donna bianca alta e dominante che indossava l'uniforme azzurra del poliziotto di stato, un enorme cazzo che spuntava dai suoi pantaloni. Mi aveva tirato fuori dall'auto con il mio afro corto, mi aveva piegato sul cofano e mi aveva sculacciato così forte.

Poi mi aveva scopato la fica. Mi aveva fatto schizzare la figa. Era un cazzo enorme. Più grande di qualsiasi cazzo che avessi mai avuto, incluso il padre di Pattie. Era uno stronzo, ma era impiccato. Quell'uomo nero aveva un cazzo.

Ma il futa-dick di questa ragazza bianca ha sminuito persino quello di Stefan.

Sono venuto così duro sul suo cazzo. Ho urlato perché tutto il mondo lo ascoltasse, contorcendomi perché tutti lo vedessero. Gli studenti del college di mia figlia erano passati a fare jogging senza dire una parola. Il traffico è passato senza intoppi. Chiaramente, c'era la magia in gioco. Questa poliziotta futa ha affermato di aver espresso il desiderio di una fata futa di prendere il suo cazzo.

Fortunato.

ne volevo uno.

Il mio grande, palpitante albero d'ebano.

Tremavo, in piedi sopra la mia bella addormentata, fissando Carly Wright. Ho tenuto la sua cartella nelle mie mani. Avrei dovuto fare i miei controlli sui suoi parametri vitali, ma non potevo fare a meno di fissare la splendida creatura intrappolata in coma davanti a me.

Da quando l'agente Cindy mi ha scopato, stavo sbavando per Carly Wright. Era come se essere fottuto da una futa avesse premuto un interruttore dentro di me. Ora stavo guardando altre donne, anche mia figlia Pattie, con interesse, bramando le loro forme femminili.

Soprattutto la mia bella addormentata.

Le macchine suonavano intorno a me. Sembrava così placida. Riusciva a respirare da sola, il viso ancora addormentato, i capelli biondi sparsi sul cuscino. Aveva ventitré anni ed era stata coinvolta in un incidente d'auto. La parte posteriore della sua testa era spaccata, infliggendo un enorme trauma alla corteccia cerebrale. Ma il suo tronco cerebrale è rimasto intatto, mantenendo il suo cuore e i suoi polmoni in movimento.

Non si sarebbe mai svegliata.

Era così triste. Era così bella. Sua madre veniva ogni giorno, truccandole il viso, mantenendola fresca e viva. I miei occhi scesero lungo il suo corpo, osservando i suoi seni alzarsi e abbassarsi sotto il suo sottile abito da ospedale. Le sue mani giunte sullo stomaco, le dita intrecciate.

Le ho toccato la guancia, il mio dito si è avvicinato alle sue labbra. Erano umidi. Un riflesso automatico le fece succhiare il dito. Gemevo, il mio clitoride pulsava di invidia, desiderando essere un futa-cock e sentire quelle labbra intorno al mio cazzo.

Avevo strane fantasie di salvarla con il mio futa-cum. Di avere uno sperma magico che potrebbe curarla. Avrei semplicemente fatto scivolare il mio grosso cazzo ebano nella sua bocca, pompando i miei fianchi mentre lei succhiava. La mia figa si stringeva mentre la pressione cresceva e cresceva nelle mie profondità.

E poi esploderei.

Le inonderei la bocca con il mio sperma e sveglierei la mia bella addormentata. Come una favola.

Ho desiderato con tutto il mio cuore, seduto qui, a fissare questa ragazza. Volevo correggere questa ingiustizia. Lo correggerei e l'aiuterei. La mia figa si strinse, prurito. I miei succhi si sono imbevuti nelle mie mutandine. I miei capezzoli erano così duri. La mia mano non vedeva l'ora di scivolare nei miei slip e strofinarmi la figa.

I miei fianchi si mossero. Ero tutto solo. Chi lo saprebbe?

“Ti sveglierò,” gemetti, lasciandola ancora succhiare il dito della mia mano destra mentre la mia sinistra premeva sul mio camice. Ho indossato quelli azzurri. Rabbrividii, le mie dita strofinavano il mio folto cespuglio mentre mi avventuravo nelle mie mutandine.

E poi ho trovato la mia figa.

Ero fradicio.

“Sì, ti sveglierò,” feci le fusa, strofinando la mia carne calda.

ero fuso. I miei succhi mi hanno ricoperto le dita. Mi strofinai le labbra della figa, contorcendomi mentre fissavo il mio amante biondo e addormentato. La mia principessa. L'avrei salvata dalla sua maledizione. L'avrei salvata con la mia potente spada futa.

Gemetti, le mie dita si arricciano mentre si tuffano nelle mie profondità fradicie. Due dita che pompano dentro e fuori di me mentre i miei fianchi si dimenavano. gemetti, amando la vista del mio dito scuro che scivolava dentro e fuori dalle sue labbra color rubino.

Ho immaginato che fosse il mio grosso cazzo d'ebano che usciva dalle pieghe della mia figa.

"Sì, sì, succhiami solo il cazzo", gemetti, la mia figa che si stringe sulle mie dita. “Mmm, sì, ti salverò. Ti salverò.

Le mie dita entravano e uscivano dalle mie succose profondità mentre chiudevo gli occhi, assaporando l'immaginazione. Era il mio cazzo che succhiava con quella bocca calda. Il piacere increspa il mio albero. Vorrei pompare i miei fianchi, lentamente, delicatamente, costruendo la passione nei miei bassi.

La mia fica si strinse sulle mie dita mentre la fantasia bruciava i miei pensieri. Sospirai, contorcendomi, il mio piacere si gonfiava sempre più velocemente. Ho immaginato il mio cazzo da ragazza che le sprizzava in bocca il mio seme salato, mentre Carly lo ingoiava.

Un rossore si allargò sulle sue guance.

I suoi occhi azzurri si spalancarono.

C'era un tale amore in quegli occhi nella mia immaginazione. Sapeva che l'avevo salvata, liberata ed era così grata. Avrebbe succhiato un'ultima volta il mio cazzo prima di scivolare via le labbra. La passione brucerebbe nei suoi occhi, così eccitata dal mio sperma.

Oh, dottoressa Rita, mi hai salvato! Mmm, con il tuo delizioso sperma!

“Uh-huh,” gemetti. "E devi essere così grato."

Lo sono, gemette. E così eccitato... Mi... mi porteresti? Rivendicami! Per favore, dottoressa Rita! Mi hai salvato!

"Sì!" Ho urlato e sono venuto.

Il mio corpo tremava mentre la mia figa si agitava sulle dita. Strinsi i denti per evitare che un altro sfogo mi esplodesse dalla bocca. La gente si muoveva per i corridoi. Era solo prima serata, non troppo lontano dal mio turno, e l'ospedale era ancora pieno di gente.

Il piacere increspava il mio corpo. La fantasia bruciava nella mia mente. Volevo che fosse la realtà così male. Volevo che la fata futa esaudisse il mio desiderio. I miei denti digrignarono mentre il mio pollice mi strofinava il clitoride, mantenendo le onde che mi increspavano attraverso, i succhi che scorrevano oltre le mie dita.

“Ti salverò, mia bella addormentata,” gemetti, con la testa che scattò all'indietro.

Poi il mio piacere ha raggiunto il picco in me. Rabbrividii, staccando le dita dalla sua bocca e dalla mia figa. Luccicavano della sua saliva e della mia crema. Rabbrividii, portandomi tutti e tre alla bocca, assaporando il suo sputo e poi la mia figa acida. Mi sono leccato le dita, rabbrividendo per quanto fossi pervertito.

«È tutta colpa tua, agente Cindy» borbottai.

"Cos'è, dottoressa Rita?" chiese una voce dietro di me.

Saltai e girai di scatto, trovando l'infermiera Pita dietro di me. Era una donna formosa, ispanica, con i capelli castani ondulati che le ricadevano sul viso sorridente. Aveva una tonalità di pelle così deliziosa, un marrone intenso. Indossava un camice, ovviamente, ma i suoi erano viola per i pantaloni e lilla per la parte superiore, lo stetoscopio drappeggiato sulle spalle.

"Niente", ho detto, il mio cuore in gola.

"Ti ho spaventato?" lei chiese.

Ho annuito.

“Lo so, è così facile perdersi a fissarla,” disse Pita, scuotendo la testa. “Una tale tragedia. Così giovane."

"Così giovane." Ho preso un respiro profondo, sentendomi così arrossato. Ho annusato la mia figa acida, trasalito. Pita se ne accorgerebbe?

«Così è arrivata una lettera per te», disse Pita, estraendo una busta spessa dal suo taccuino di metallo, del tipo che si può aprire per contenere dei fogli, e gliela porse.

Sbattei le palpebre, prendendolo. La carta sembrava vecchio stile, la polpa ruvida, una sfumatura giallastra. Sul davanti c'era una scritta argentata scritta in corsivo scorrevole da una penna stilografica. E sul retro era tenuto stretto da un sigillo di cera verde.

«Strano» dissi, girandolo per fissare l'indirizzo.

A: Dott.ssa Rita Jones
Stanza 317, Ospedale St. Claire
11315 Bridgeport Way SW
Lakewood, WA, 98499

Ho sbattuto le palpebre. "Come facevano a sapere che sarei stato in questa stanza?"

«Non ne ho idea, dottoressa Rita», disse Pita alzò le spalle. "Un po' strano, vero?"

Da: Leanan Sidhe
Il riflettore
1 Viale d'Estate
Phoenix, Arizona 85009

"Leanan Sidhe?" Lanciai a Pita uno sguardo perplesso. "E l'Arizona?"

Lei scrollò di nuovo le spalle.

«E non c'è nessun timbro sopra», continuai, «né nessun contrassegno dell'ufficio postale. Chi ha consegnato questa lettera?"

«Sono arrivato con la posta, suppongo. Super strano.

“Sì,” aggrottai la fronte, lanciandole un'occhiata. "È l'idea di uno scherzo del personale infermieristico?"

"Lo faremmo?" chiese Pita, lanciandomi uno sguardo così innocente.

Ho riso: "Sì".

"È legittimo per quanto ne so." La donna ispanica allungò la schiena, le sue tette che premevano in alto. Seni così rotondi. Ho combattuto l'impulso di toccarli. Quel poliziotto futa mi aveva incasinato. "Beh, devo andare nella stanza 218."

Annuii, aprendo il sigillo con il pollice. Mentre usciva, tirai fuori la lettera spessa, con i brillantini verdi che ne uscivano, macchiandomi le dita e piovendo sul pavimento. Ho inarcato un sopracciglio mentre spiegavo l'unico pezzo di carta lì dentro, rivelando più della scrittura argentata e scorrevole.

Chi l'ha preparato ha avuto una grande calligrafia. Il mio è stato atroce. Sono stato all'altezza di quello stereotipo sui medici.

Mia carissima dottoressa Rita Jones

Ti scrivo in merito al tuo desiderio che con più ardore hai espresso. Riconosco il desiderio che esplode nel tuo cuore compassionevole. Sono così commosso dal profondo amore duraturo che hai e dal desiderio di guarire, anche se è nella più sfrenata e cattiva delle mode. Devo confessare che non solo il tuo desiderio è mozzafiato nella sua umanità, ma suscita una gioia così effervescente nei miei inferi.

Ecco perché ti scrivo questa lettera esprimendo il mio più profondo desiderio di realizzare il tuo desiderio. Perché comprendo pienamente sia il fuoco che brucia nei tuoi inferi, sia il desiderio di trasformare il mondo in qualcosa di migliore. Ora che ho sentito la tua passione, e come ho fatto rabbrividire nel Riflettore, il mio desiderio salato si spruzzava nelle acque calme, disturbando la loro superficie specchiata.

Quindi aspetta la mia visita stasera, mia carissima dottoressa Rita, e sappi che il tuo compassionevole desiderio sarà esaudito.

Tuo in comunione,

Leanan Sidhe

Esq. d'estate

Il mio cuore ha avuto un sussulto. La mia figa è diventata desiderio fuso. Era lei. La futa-fata. Doveva essere. Sapeva che volevo curare Casey con la mia ragazza-sborra. Ha ascoltato il mio desiderio e stava per rispondervi.

Era tutto quello che potevo fare per non urlare di gioia in quel momento.

La fata futa era reale e stava venendo a realizzare tutti i miei desideri. È bastato per farmi stringere la figa, per farmi battere il cuore. Rabbrividii, scuotendo i fianchi. Infilai la lettera nella tasca del cappotto, chiedendomi quando sarebbe arrivata.

Quanto tempo sarebbe?

Si spera non a lungo.

Con il passare delle ore, ho continuato a correre attraverso l'ospedale, chiamato per aiutare con i pazienti del pronto soccorso, monitorando anche quelli che erano stati ricoverati agli altri piani. Ma per tutto il tempo, la fata futa aleggiava nella parte posteriore della mia mente.

Controllavo costantemente la mia tasca, accarezzandola o infilandoci dentro la mano per assicurarmi che fosse ancora lì. Che non l'avessi immaginato. Quando ebbi un attimo di respiro, lo tirai fuori dalla tasca e lo fissai, leggendo le parole più e più volte, svenendo di gioia come se fossi una ragazza di diciotto anni invece di una donna di quarant'anni.

Ero una madre.

Un dottore.

Ma mi sentivo così giovane.

Le mie mutandine erano un disastro fradicio. Il mio clitoride faceva male e pulsava. Ho continuato a dover combattere quell'impulso di masturbarmi. Era lì, che mi prudeva tra le cosce, implorando attenzione perché stava arrivando la fata-futa.

E lei mi amerebbe e mi darebbe un cazzo da ragazza.

Erano quasi le tre del mattino quando finalmente mi sono preso una pausa. Stava rallentando. E ancora la futa-fata non era arrivata. Ero così impaziente di incontrare Leann Sidhe. Stavo per andare in sala relax o forse per masturbarmi nella stanza di guardia quando mi sono ricordato dell'indirizzo sulla lettera.

Stanza 317.

La camera della bella addormentata.

Avevo bisogno di essere lì con lei?

Corsi al terzo piano e mi infilai dentro. Era buio. Il suo viso illuminato dal cardiofrequenzimetro. Per riflesso, ho annotato tutte le letture prima di sedermi su una sedia accanto a lei, appoggiandomi allo schienale, fissando il suo viso perfetto.

Come la amerei una volta che l'avrei allenata. La mia principessa.

I miei occhi si fecero pesanti mentre mi sedevo lì. È stata una notte così lunga. E nonostante quanto fossi entusiasta di incontrare Leanan Sidhe, la stanchezza mi ha trascinato giù. Non ho mai dormito abbastanza. Ho sempre dovuto svegliarmi e fare i lavori di casa prima di andare al lavoro, e assicurarmi che Pattie stesse facendo i compiti.

La signora Marcie al suo college l'aveva così distratta. Giuro che aveva una cotta per la sua insegnante.

Ho lasciato che i miei occhi si chiudessero. Il mio telefono aveva un allarme quando dovevo tornare al lavoro e il mio segnale acustico si attivava se avevano bisogno di me. Sì, usavamo ancora i segnalatori acustici. Erano rumorosi e fastidiosi e hanno attirato la tua attenzione.

I miei ultimi pensieri erano di baciare le labbra di Carly, salate del mio sperma, prima che l'oscurità mi abbracciasse.
Fu il battito d'ali, il ronzio di una libellula, a svegliarmi. Ero seduto su una panchina nell'ombra, una leggera brezza che aleggiava vicino a me. Aveva un odore così dolce, portando con sé tutte le delizie dell'estate: erba fresca, profumo di fiori, terriccio morbido. Sbattei le palpebre, fissando una pozza d'acqua in un gazebo di pietra circondato da panchine, il mondo soleggiato al di là.

E in bilico sulla piscina c'era una ragazza alata. Sembrava giovane e snella, la sua schiena elastica che scendeva a un culo rotondo e frizzante. Aveva solo un accenno di curve sulla schiena. Le sue ali erano chiare e venate come libellule, ronzando mentre si librava.

Si voltò lentamente. Anche se sembrava una ragazza, in realtà era una giovane donna appena entrata nell'età adulta, i suoi seni piccoli monticelli, i suoi lineamenti chiari e giovanili. Aveva un sorriso luminoso sulle labbra, i capelli verdi che le cadevano sulle spalle e gli occhi...

Argento. Antica. Mi hanno fatto impallidire. Mi sentivo come un virus prima dell'Everest. C'era una differenza così colossale tra la sua enorme età e la mia vita breve e travagliata.

E poi ho notato che le sue mani erano entrambe avvolte attorno a uno spesso, lungo albero che spingeva forte da una figa glabra. Le sue dita magre riuscivano a malapena a circondare il cazzo mentre lo tirava. Un delizioso brivido la percorse, precum perline sulla punta del suo cazzo.

Ho dovuto succhiarle il cazzo?

"Mio carissimo dottor..." Le sue parole si spensero in un sussulto mentre saltavo in piedi e inghiottivo il suo cazzo. Come potrei resistere? Il suo librarsi lo metteva proprio all'altezza della bocca.

Gemeva mentre succhiavo, assaporando la sua enorme circonferenza che mi riempiva la bocca. Ho fatto roteare la lingua attorno al suo cazzo, assaporando il suo precum salato che usciva. Ho adorato il modo in cui le sue ali svolazzavano più velocemente ogni volta che succhiavo, le sue labbra cantavano gioia.

«Oh, mia carissima dottoressa Rita», gemette. «Oh, che creatura deliziosa sei. Vedo quel cuore premuroso al lavoro, così ansioso di ridurre il gonfiore nel mio tumescente futa-cock.

La fissai, succhiando più forte, lasciandole pensare quello che voleva.

"Mmm, non sei estraneo ai futa o alla gioia delle nostre ragazze-cazzi", ha continuato la fata futa, Leanan Sidhe. "Meraviglioso. Questo rende tutto molto più semplice. Sei già esperto di ciò che offro e desideroso di possederlo tu stesso.

Gemevo un sì sul suo cazzo, le mie mani afferravano il suo albero. Le mie dita scure si avvolsero intorno al suo futa-dick color avorio, stringendolo a pugni mentre muovevo la bocca. Le mie guance si incavavano mentre amavo ogni centimetro del suo cazzo da ragazza che potevo.

Le sue ali ronzavano più velocemente. Le sue mani scorrevano attraverso il mio corto afro, dita così delicate. Gemette di nuovo, il suo viso dall'aria giovanile si contorceva per il piacere. I suoi fianchi ondeggiavano, facendo scivolare il suo futa-dick dentro e fuori dalla mia bocca mentre le sue piccole tette tremavano.

"Oh, sì, sei un vero piacere, mia carissima dottoressa Rita", gemette. “Sapevo che saresti stato un mecenate così meraviglioso. Userai il tuo desiderio per portare tale gioia e gioia nel mondo. Oh, sì, lo farai.

Mi sono lamentato del suo cazzo, così desideroso di farlo.

"E lo farai in cambio del più semplice dei favori che ti chiamerò, un giorno, a compiere."

Nulla. Non voglio fare niente.

Le mie mani hanno preso a pugni il suo cazzo sempre più velocemente, amando il modo in cui il suo albero pulsava nella mia bocca. Le mie guance si incavarono. La mia lingua ha bagnato la testa del suo cazzo mentre la mia figa si stringeva. Rabbrividii, i fianchi si contorcevano, i miei seni tremavano.

Ero nudo.

È stato meraviglioso. La brezza calda accarezzava il mio corpo mentre muovevo la mia bocca, prendendo sempre di più il suo cazzo. La sua punta mi sfiorò la parte posteriore della gola prima che facessi scivolare la bocca su per l'asta, succhiando per tutto il tragitto.

Ha avuto le convulsioni, cantando la sua passione musicale. "Sì, sì, sì, lei è un tale tesoro, mia carissima dottoressa Rita."

Le sue dita si strinsero tra i miei capelli mentre affondavo la bocca nel suo cazzo. Mi ha sfiorato la gola. Questa volta non mi sono fermato. Ho continuato ad andare avanti, combattendo il mio riflesso del vomito. Ho ingoiato il suo cazzo, il suo albero allungando la mia gola.

Rabbrividii, la mia figa si stringeva e i succhi mi scorrevano lungo le cosce. Ho tolto le mani dalla sua asta, afferrandole i fianchi, così ho potuto ingoiare sempre di più. I suoi gemiti crebbero sempre più di tono finché le mie labbra non furono premute nella sua figa. Ho assaggiato il suo dolce muschio.

Delizioso.

"Oh, state rovinando il mio cazzo di ragazza tumescente, mia carissima dottoressa Rita", gemette, tremante, le sue ali una sfocatura ronzante. “Oh, sì, hai una tale passione, un tale bisogno sfrenato di rendere felici le persone. Sei un tale tesoro!”

Le sue dita si strinsero tra i miei capelli mentre il suo corpo si piegava. Il suo cazzo mi pulsava in gola. E poi ha emesso i gemiti più carini e ansimante mentre il suo cazzo è esploso. Ha pompato il suo futa-cum direttamente nella mia pancia. Anche se non sono riuscita a godermi il suo sperma, ho assaggiato i suoi dolci succhi di figa, la mia bocca strofinata sulle sue labbra inferiori. Mi è piaciuto molto, assaggiare la sua crema mentre il suo sperma pompava più e più volte nel mio stomaco.

Mi riempie. Riscaldandomi.

Sono venuto.

Il piacere mi increspò. Non un duro orgasmo, ma solo un assaggio della vera passione che verrà per mano di Leanan Sidhe. Mi sono lamentato del suo cazzo mentre tremava sopra di me, i suoi piccoli seni tremolavano mentre i suoi occhi argentati sbattevano.

"Oh, sì, sei una cosa così cara e dolce, dottoressa Rita", gemette. "Mmm, e una tale passione sfrenata si annida in te per trovare il tuo piacere dalla gioia del mio seme che pompa così malvagiamente nel tuo stomaco."

Rabbrividii solo, le mie cosce diventavano appiccicose per la mia passione. Il suo cazzo pulsava un'ultima volta nella mia bocca. Tirò indietro il cazzo, le ali che ronzavano via. Gemetti quando il suo cazzo si liberò, inspirando mentre il mio corpo ronzava di gioia.

"Allora, è tutto?" chiesi, l'estasi che si riduceva a un bisogno doloroso. Ho fissato il mio corpo ebano, oltre le mie tette imbottite, per fissare i miei peli pubici folti e ricci. "Non vedo il mio futa-dick."

«Be', certo che no, mia carissima dottoressa Rita», ridacchiò. “Abbiamo appena consumato il nostro accordo con una semplice esibizione di talenti orali. No, abbiamo bisogno del vero congresso della nostra carne”.

"Devi fottermi la figa?" chiesi, lottando per analizzare il suo discorso vecchio stile.

“Esattamente,” disse raggiante. «E posso dire con tutta franchezza che il mio futa-cazzo tumescente è molto ansioso di fare conoscenza con la tua bagnata quim. Spero che tu ti senta allo stesso modo".

“Oh, sì,” gemetti, allungandomi sulla schiena accanto alla piscina, con i seni che tremavano. "Vieni a conoscere la mia fica."

Le sue ali abbassarono il suo corpo snello tra le mie cosce. Si accarezzò il cazzo con una mano mentre si chinava su di me. Sembrava così giovane, così fragile con me. Ma quegli occhi... Erano così antichi. Rabbrividii mentre strofinava il suo cazzo contro le mie labbra della figa, un sorriso incrociava le sue labbra.

Rabbrividì di gioia mentre accarezzava su e giù la mia fessura, toccandomi il clitoride con il suo grosso cazzo da ragazza. I suoi piccoli seni in erba tremavano. La sua mano nevosa afferrò il mio seno d'ebano, stringendolo. Il contrasto tra la nostra pelle ha trasmesso un brivido malvagio attraverso di me.

La mia bella addormentata era altrettanto innevata.

"Mmm, amo davvero la tua generosa bellezza nubiana, mia carissima dottoressa Rita", fece le fusa. “La tua pelle è di una tonalità così deliziosa e, devo confessare, ho una tale sanguisuga da far scivolare il mio cazzo tra la valle dei tuoi seni più morbidi. Ma, ahimè, abbiamo il nostro accordo da sigillare, e tu hai il tuo paziente da curare con il tuo desiderio salato.

“Sì,” gemetti. Nubiano? Dovrei essere offeso? Ma poi il suo cazzo è stato così fantastico strofinandomi sulla figa. Non mi importava. "Fottimi e basta."

"Quindi accetti i miei termini?" gemette. "Un favore per averti esaudito il desiderio più caro del tuo cuore?"

"Sì! Farò qualsiasi cosa! Scopami e basta! Trasformami in un futanari così posso guarirla!

Il suo cazzo d'avorio si conficcò nelle mie oscure profondità.

Rimasi senza fiato, la mia figa allargata di nuovo da un enorme cazzo. Non importa con quanti grossi dildo mi sono fottuto, non potevano essere paragonati a un vero cazzo di ragazza dentro di me. Quell'enorme asta carnosa che allarga la mia figa e fa tremare tutto il mio corpo per la gioia.

Le mie morbide tette ebano tremavano mentre si chinava su di me, le ali che sbattevano. I suoi capelli verdi le ricadevano sul viso carino e da ragazza. Rimase senza fiato per la gioia giocosa mentre il suo cazzo alesava così in profondità nella mia figa. Rabbrividii, bloccandola mentre assaporavo l'attrito del suo cazzo futa che pompava via la mia fica calda.

«Oh, mia carissima dottoressa Rita», gemette. “Oh, ti senti così meravigliosamente malvagio sul mio futa-dick. Oh, sì, stiamo creando un tale attrito effervescente. La gioia sta solo ribollendo attraverso il mio corpo. Mmm, lo adoro".

«Sì, sì, sì», sibilai. “Fottimi e basta! Ho bisogno di sborrare su questo grosso cazzo!

"Infatti! Mi piacerebbe così tanto se il tuo caldo quim avesse convulsioni con abietta gioia sulla mia grande circonferenza.

I suoi fianchi si spingevano più velocemente, le sue ali ronzavano su di lei mentre gemeva di gioia. Rabbrividii, la mia figa si stringeva al suo enorme cazzo mentre si tuffava ancora e ancora dentro di me. Il piacere mi attraversò, lasciandomi senza fiato e gemendo. Le mie mani si alzarono, schiacciando i suoi cumuli. Le mie dita afferrarono le sue piccole tette, amando come si sentivano mentre si tuffava più e più volte dentro di me. Le strofinai i capezzoli, facendola sussultare.

Le sue mani ricambiarono il favore, stringendo le mie grandi tette. Abbassò il viso, la sua lingua vorticava intorno al mio capezzolo scuro mentre il suo corpo agile si contorceva. Il suo cazzo continuava a scoparmi mentre mi stuzzicava le protuberanze, circondando le mie areole, la sua testa sfrecciava avanti e indietro mentre la seta dei suoi capelli accarezzava le mie tette.

Faceva così caldo.

Gemevo, contorcendomi, l'aria fresca dell'Estate ci accarezzava intorno. gemetti, torcendo i suoi capezzoli mentre succhiava i miei. Sussultai per la gioia della sua bocca calda che succhiava. La gioia è passata attraverso il mio corpo fino alla mia figa in fiamme.

La mia carne si è fissata sul suo cazzo in picchiata.

“Sì, sì, sì,” ansimai, stringendo i suoi capezzoli. "Continua a fottermi così forte e io verrò su questo cazzo enorme."

Ha succhiato più forte il mio capezzolo. Voleva che sborrassi. Era così impaziente.

Mentre la sua bocca amava i miei capezzoli, andando avanti e indietro, la mia figa si strinse così forte sul suo cazzo spingendo nelle profondità della mia fica. Mi ha eccitato, tuffandosi così forte dentro e fuori dalle mie profondità. Rabbrividii, il mio orgasmo si gonfiava.

Le ho attorcigliato i capezzoli mentre la pressione aumentava. Era così eccitante farsi scopare da una ragazza con un cazzo. Era così sbagliato, così incredibilmente meraviglioso. Mi faceva girare la testa avanti e indietro mentre urlavo il mio piacere, le cosce scure serrate intorno alla sua carne pallida.

“Leanan Sidhe!” ho urlato. "Sì, sì, sì, adoro questo cazzo!"

Ha succhiato più forte il mio capezzolo destro. La mia protuberanza pulsava. Un fulmine si è inarcato nella mia figa. Il plasma caldo è esploso attraverso di me.

Sono venuto.

La mia carne ha avuto uno spasmo per il suo cazzo che spinge. Gemetti, indietreggiando e contorcendomi sotto di lei mentre spingeva così forte. Il suo cazzo speronò nelle mie profondità convulse. La sua bocca ha succhiato così forte il mio capezzolo. Mi ha fatto venire le convulsioni e contorcersi.

"Sborrami dentro!" ho urlato. "Inondami con il tuo futa-cum!"

La sua testa è spuntata dal mio capezzolo. “Sì, mia carissima, dottoressa Rita! Il tuo meraviglioso quim mi ha portato al culmine!

Il suo cazzo sepolto in me. Futa-cum caldo schizzò nelle mie profondità. Rabbrividii, la mia figa tremava più forte mentre il mio orgasmo si intensificava. Lo sperma della fata futa mi ha riempito. Ragazza-sborra. I miei occhi rotearono all'indietro nella mia testa, le stelle danzarono. Il gazebo girava intorno a me.

Mi sono sentito più che sperma riversarsi dentro di me. C'era la magia. Mi ha allagato la fica. Si è rovesciato attraverso ogni centimetro della mia figa. Mi ha fatto rabbrividire e sgroppare. Mi ha fatto gemere per il mio piacere mentre la tenevo, la stringevo.

Ho bevuto nella passione.

L'ho assaporato.

Il mio corpo ha assorbito il suo seme. Ho sentito la sua magia correre attraverso il mio corpo, riversarsi verso di me e poi raccogliersi in un punto. Il mio clitoride Rabbrividii, sapendo che stava succedendo. Stavo cambiando, trasformando. Mi aveva trasformato in una futa.

Il mio clitoride è cresciuto tra di noi, intrappolato tra i nostri stomaci. Rabbrividii, tremando mentre i nostri muscoli si increspavano mentre arrivavamo entrambi. Il mio cazzo è diventato sempre più grande. Il mio cazzo futa si gonfiò per tutta la sua circonferenza, palpitante di passione.

«Oh, sì, mia carissima dottoressa Rita», gemette, inarcandosi per allontanarsi da me. "Posso sentire la tua gioia, sentirla gorgogliare attraverso il tuo corpo come lo champagne più inebriante attraverso le vene di una debuttante la notte del suo presente."

“Sì,” gemetti, sbattendo le palpebre alla sua metafora.

Il suo cazzo scivolò fuori dalla mia figa mentre fissavo il mio nuovo futa-dick. Mi leccai le labbra, amando quanto fosse enorme. Era questa grande, palpitante asta d'ebano, leggermente curva, che si librava di un paio di centimetri sopra il mio stomaco mentre si spingeva dalle pieghe della mia figa.

"Che esemplare potente ti ho regalato", fece le fusa la fata futa mentre si muoveva lungo il mio corpo. Le sue mani pallide afferrarono la mia asta d'ebano. Lo sollevò, portando la punta alle labbra. "Mmm, mia carissima dottoressa Rita, so benissimo che porterai tanta gioia e felicità con questo futa-gallo tumescente."

“Lo farò,” gemetti mentre la sua bocca calda inghiottiva solo la punta del mio cazzo, le sue labbra rosse sigillate ermeticamente mentre succhiava.

Era così potente. Tutto il mio corpo ha avuto convulsioni quando ho sentito il segnale acustico delle apparecchiature mediche. Succhiò, emettendo suoni rumorosi, bagnati, osceni. Le sue guance si incavavano mentre il bip ritmico del cardiofrequenzimetro diventava sempre più forte.

I miei occhi si spalancarono. Il sogno si dissolse intorno a me, le mie mani afferravano la ringhiera di plastica sul lato del letto d'ospedale, la mia bella addormentata sotto di me. I capelli biondi di Carly si aprirono a ventaglio intorno alla sua testa girati di lato.

Così potrebbe succhiare il mio futa-cazzo.

Sussultai, vedendo la spessa asta d'ebano che usciva dal mio inguine. Il mio camice azzurro era abbassato quel tanto che bastava per far uscire il mio nuovo futa-dick. La donna addormentata ha allattato il mio cazzo, succhiando di riflesso, le sue guance bionde che si incavavano con ognuna.

“Sì,” gemetti, tremando di pura gioia. “Oh, sì, mia principessa. ti sto guarendo. Beverai tutte le tue medicine e ti sveglierai guarito. Non è meraviglioso?"

Non ha risposto. Ha solo fatto schifo.

Le accarezzai la guancia, il mio dito d'ebano ricalcava i suoi lineamenti pallidi. Il mio cuore batteva così veloce. Ero come un cavaliere che la salvava.

Rabbrividivo, la mia figa si stringeva ogni volta che succhiava. La potente delizia mi increspò. Gemevo, i miei capezzoli pulsavano, costretto nel reggiseno sotto il camice. Mi sono spostato, il mio camice da dottore ondeggiava e frusciava.

Le accarezzai le guance con il dito mentre continuava a succhiare. I suoi occhi svolazzavano, ruotavano, si muovevano. L'attività svolazzava sul suo EEG. Per la prima volta da quando è stata portata qui, le onde cerebrali sono state captate. Stava guarendo.

“Sì, sì, è così,” gemetti, la mia mano che si muoveva lungo il suo collo, sentendo il suo battito, il suo cuore che batteva così veloce. "Ti sto salvando."

Il mio cazzo faceva male nella sua bocca affamata. Era così incredibile sentirla succhiare. La sua lingua si mosse, sfiorando la punta. Rabbrividii, la mia mano raggiunse il collo del suo camice da ospedale. La mia mano scura premette sotto il panno bianco punteggiato di piccoli fiori rosa pallido. Ho fatto scivolare giù la sua carne calda.

E ho trovato il suo seno caldo.

La mia figa si strinse e il mio cazzo doleva di gioia mentre le accarezzavo il seno. Il suo capezzolo era duro mentre passavo il palmo della mano sul suo tumulo, amando quanto si sentisse setosa. Il suo battito cardiaco cresceva sempre più veloce mentre succhiava sempre più forte.

“Sai che sto cercando di salvarti,” ansimai. “Sì, sì, sì, mia bella addormentata. Fammi solo venire! Prendi la tua futa-medicina.

I succhi imbevuti nelle mie mutandine si sono ammucchiati intorno alla base del mio cazzo. La mia schiena si arcuava, la pressione aumentava. La sua aspirazione era incredibile. La sua lingua accarezzò ancora una volta la delicata corona del mio cazzo.

Sono venuto.

Il fulmine ha sparato dal mio cazzo e attraverso il mio corpo, colpendomi il cervello più e più volte. Il mio cazzo è scoppiato. Jizz pompato nella sua bocca calda mentre la mia figa tremava. Gemevo, stringendole il seno mentre sparavo sempre più del mio futa-cum nella sua bocca, guarendola mentre saziavo i miei desideri.

“La mia bella addormentata! Sì!"

Ha ingoiato il mio sperma. L'ha ingoiato. Il colore arrossì attraverso le sue guance. Le sue mani si contrassero, non si piegarono più in un rictus sullo stomaco. Ho visto le sue braccia magre crescere in salute, la sua massa muscolare tornare, riportandola a com'era prima che tornasse in coma.

I suoi occhi azzurri si aprirono.

Si è lamentata del mio cazzo, ingoiando l'ultima esplosione di futa-cum curativo. Sbatté le palpebre, le sue guance arrossirono così tanto. Gemetti mentre la sua bocca scivolava via dal mio cazzo. Inspirò il respiro, le sue pupille così dilatate mentre mi fissava.

"Chi? Che cosa?"

«Sono la dottoressa Rita Jones», dissi, respirando affannosamente, il mio corpo vibrava per l'euforia di guarirla. “Sei in coma da tre mesi. Fin dal tuo incidente d'auto.

«Incidente... d'auto» disse. Poi i suoi occhi si spostarono sul mio cazzo d'ebano. "Voi...?"

"Ti ho guarito con il mio futa-dick e il mio futa-cum", le ho detto. “Eri cerebralmente morto. Ma ora... Ora stai bene.

"Sono?" lei disse. "Io..." arrossì, leccandosi le labbra. “Il tuo sperma... Era così salato. Lo sentivo... E...» Deglutì. “Dott. Rita, come faccio a sapere che sono completamente guarita?"

"Come ti chiami?" chiesi mentre si contorceva sotto i pantaloncini. "E la tua età?"

“Carly Wright. Ho ventitré anni. Ed è... il 19 luglio 2017.

“18 ottobre”. Le ho sorriso. «Ma l'anno è giusto. Sei guarito.

“Ma...” Si contorse di nuovo, le gambe che si muovevano sotto le coperte. "E se avessi bisogno di... un altro trattamento."

Il mio cazzo pulsava.

"Qualcosa... di più profondo."

"Che dici?" ho chiesto, il mio cuore batteva.

Si tolse le coperte, le gambe che lampeggiavano mentre il camice dell'ospedale le saliva sulle cosce pallide. Sembravano così sani, non più emaciati. "Forse... ho bisogno di un'altra iniezione." Le sue mani si strofinarono l'inguine. "Qui."

“Forse,” gemetti, muovendomi intorno al letto.

Ho sollevato il suo camice da ospedale e mi sono tolto il pannolino per adulti che doveva indossare, esponendo il suo cespuglio biondo arruffato dalla sua eccitazione. È arrossita alla vista del pannolino, ma poi le sue mani hanno afferrato il mio grosso cazzo di futa.

"Iniettami, dottore!"

“Quando sarò pronta,” feci le fusa, strofinando le mani sulle sue cosce pallide. La sua figa sembrava così gustosa. "Devo prima esaminarti."

I suoi occhi azzurri si spalancarono in pura comprensione. «Certo, dottoressa Rita. Fai quello che vuoi per me. Mi hai salvato!"

Le lacrime bruciavano nei miei occhi. "L'ho fatto, mia dolce principessa."

“Principessa...” Sussurrò quel nome, con gli occhi così sbarrati.

Le mie mani scure si mossero lungo le sue cosce color avorio mentre mi chinavo. Il mio cazzo faceva male mentre respiravo il suo dolce muschio. Era diverso da quello della futa-fata, un profumo più delicato. gemetti, avvicinando sempre di più il mio viso.

And shuddered at the first kiss of her wet, silky pubic hairs on my lips and nose. Then I nuzzled into her cunt. I felt her hot flesh rubbing on my face. My hands tightened on her thighs as I took my first lick of another woman's pussy.

I groaned as my tongue dragged through her hot petals. My princess gasped, shuddering on the hospital bed. Her sweet juices coated my tongue. I savored the flavor, taking a moment to just appreciate how wonderful she tasted.

And then I feasted.

“Dr. Rita!” she moaned, her hips humping up against me. “Oh, yes, Dr. Rita, examine my pussy! Make sure I'm healed. Oh, yes!”

Her silky pubic hairs caressed my face as she humped against me. I loved it. I savored the glide of her sticky pussy lips and ticklish curls on my face as my tongue licked and explored. I dove through her labia minora, caressing her clit peeking out of her clitoral hood. Then I moved down and slid into her vaginal entrance, savoring the silky depths of her pussy walls.

Her cunt clenched about my tongue as my hands moved. I gripped her ass as I devoured her pussy, my nose pressed into her golden curls. She groaned, her hands pulling up her hospital gown as she squirmed. She bared her breasts, the monitors sticking to her chest around them.

“Oh, yes, Dr. Rita,” she groaned. “Oh, that's so amazing. Mmm, you're being so thorough. You're exploring so deep.”

“Uh-huh,” I panted, my lips sticky with her juices. “And so far, everything is wonderful.”

“Good,” she moaned, my fingers clenching at her naked ass. They slid between the cheeks of her butt.

Her eyes widened as I brushed her sphincter. She let out a wicked moan—my princess had a saucy vibrancy about her—as I tongued her cunt and jammed a finger into her asshole. I always loved having a man finger-fuck my asshole while eating my pussy.

She bucked hard. Her bowels clenched on my probing finger. Her velvety delight made my dick ache and throb as she humped her hot cunt against my face. Her tits jiggled, her blue eyes squeezing shut.

“Oh, Dr. Rita! I think... Yes, yes, yes! I think it's happening!”

She came.

Her asshole writhed about my finger as sweet juices flooded my hungry mouth. I groaned, drinking down the flood. There was so much wonderful juices pouring out of her. I grew dizzy as I savored her delight, gulping the sweet cream while her moans echoed through the room.

My cock was so hard. I had to be in her. I had to give her another healing injection of my cum. My eyes met hers as she thrashed and humped against me, her breasts heaving. One of her monitors fell off, an alarm sounding.

“Fuck me, Dr. Rita!” she screamed.

I rose, ripping off my doctor's jacket as her hands grabbed my ebony dick. She pulled my shaft to her blonde bush. I groaned at the hot feel of her cunt rubbing on the crown of my girl-cock. She guided me to her entrance.

I buried into my first cunt.

Her pussy spasmed about my dick as I buried into her. I groaned, my back arching, my breasts shaking in my top as I speared into her cunt's depths. She groaned, her body twisting, tits jiggling as rapture spread across her face.

“Oh, Dr. Rita, yes,” she moaned, her hands seizing the hem of my scrubs top. “Fuck me! Give me my injection.”

“I am!” I groaned, my hips pumping away, the hospital bed creaking as I pounded her.

I lifted my arms as she pulled off my top and threw it away. My tits heaved and bounced in my white bra. She grabbed the cups, shoving them up and over my tits. My pillowy mounds spilled dark into her pale hands.

She squeezed them as she humped back into my thrusts. She moaned and gasped, her thumbs rubbing my nipples, shooting delight to my new futa-cock reaming over and over into her hot, spasming pussy.

It was heaven in her orgasming cunt.

“Oh, my god, Dr. Rita,” she moaned, her fingers sinking into my pillowy mounds. “I keep cumming! Your dick is amazing.”

“My futa-dick,” I panted. “I'm a futa!”

“That's so hot! Lo adoro! Your dick is huge!”

“Uh-huh,” I groaned, thrusting so hard into her cunt, the bed shaking, rocking. The beeping alarm continued as I plowed her.

Pleasure rippled through me. My orgasm built so fast in me. I was in my first pussy. Her pussy. I had savored her, rescued her, and now I claimed my sleeping princess. This was so hot. Dizzy pleasure washed through me.

The door opened. Nurse Pita burst in and froze.

“Dr. Rita?” she gasped. “And... Carly?” Then she descended into rapid Spanish.

“I healed her, Nurse,” I groaned, ramming my cock so fast. “With my futa-cum. I healed her, and now I'm injecting her with another load of my futa-cure.”

“Yes, yes, yes,” howled Carly, her blonde hair flying, her hands squeezing my tits so hard. “She healed me, Nurse. With her big futa-cock. It's so amazing.”

“Uh-huh,” I groaned.

Nurse Pita's eyes widened as she stumbled closer. The Hispanic nurse's rich-brown cheeks darkened with a flush. Her nipples tented the front of her scrubs. She stared at my ebony cock plunging over and over into the patient's hot cunt.

“You have a dick, Dr. Rita.”

“Yes!” I moaned. “I'm a futa!”

“And you...healed her?” the nurse asked, crossing herself.

“Uh-huh,” Carly moaned, her pussy spasming so hard as she came again. “Oh, god, I keep orgasming. It's so hot. Oh, fuck, Dr. Rita! Cum in me! Give me my next injection!”

“Yes!” I howled and buried into her spasming cunt.

My pussy convulsed as my futa-cock erupted into her depths. I flooded my princess's pussy. I gave her load after load of my girl-jizz. I shuddered, the rapture spilling through my body. Stars danced before my eyes as I groaned and gasped.

It was so amazing. Cumming with a cock was so awesome. It was such a powerful experience. Every time the cum shot out of my dick, lightning struck my brain, frying it with ecstasy. Stars danced before my eyes.

“My futa-cum cures people, Pita!” I moaned. “We have to study this! Replicate it! We can heal anyone!”

“Anyone, Dr. Rita?” she asked, her voice thick with desire.

“Anyone,” I groaned as my cum fired the final time into Carly's pussy. “And we're going to have a lot of fun studying it!”

Pita's hot eyes met mine. She licked her lips. I knew that she wanted my cock. That she wanted to help me. God, I loved being a futa-doctor. I was so glad I made a wish. I was so glad I sped and got pulled over by Officer Cindy.

And I was so glad that I met Leanan Sidhe. The futa-fairy had made my perverted wish come true!

To be continued...

Storie simili

Moglie violentata in Sudafrica

Mia moglie Elaine ed io abbiamo fatto una vacanza in Sudafrica l'anno scorso e abbiamo deciso di provare a vedere quanto più possibile del paese. Abbiamo volato a Johannesburg e abbiamo trascorso un paio di giorni a guardarci intorno. Abbiamo ricevuto molti avvertimenti sui pericoli della città, capitale mondiale degli omicidi, e abbiamo preso taxi ovunque. Le township sono state un vero shock culturale ma con una guida e stando nei trasporti, non abbiamo avuto problemi. Abbiamo viaggiato a Port Elizabeth e abbiamo affittato un bungalow, era bellissimo. Ci siamo rilassati e probabilmente eravamo meno consapevoli di ciò che ci circondava...

415 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

388 I più visti

Likes 0

Una ragazza di nome Areola Parte 06

Una ragazza di nome Areola e sua sorella di nome Beaver di Vanessa Evans Come al solito, è meglio leggere le parti precedenti prima di questa. Parte 06 Pigiama party da Jade Non avevamo idea di cosa avremmo fatto mentre eravamo lì, o cosa avremmo dovuto indossare, quindi abbiamo buttato una varietà di vestiti e altre cose in una piccola valigia e l'abbiamo messa in macchina. Poi abbiamo passato un'oretta in bagno facendoci apparire al meglio e sfogando un po' di eccitazione in ognuno di noi. Abbiamo indossato una gonna e una canotta, le gonne erano minigonne, non micro-mini, e le...

328 I più visti

Likes 0

La moglie di Frank parte 5

La moglie di Frank parte 5 Il viaggio di Jim Ritorno al Sexy Shop storia di: SindyxSin Jim riporta Kathy al sexy shop. NOTA DELL'AUTORE: Questa è una storia sessuale continua. Potrebbe avere del sesso rude e non dovrebbe essere letto da persone che non amano quel tipo di sesso. Non è per tutti, dolore, umiliazione e altri atti sessuali usati per degradare una persona non per tutti. Se questo ti eccita, sono felice, ma per favore non provare nulla di tutto questo su partner riluttanti. Le storie che precedono questa sono; Moglie Franchi, 1,2,3,4. Con l'aiuto di Frank e di...

328 I più visti

Likes 0

Le conseguenze 5

Jim stava camminando avanti e indietro per un'ora, dopo aver distrutto la loro flotta d'invasione, erano partiti dopo il unica nave rimasta della flotta Krang. Mary e Amber lo avevano osservato per quasi tutto il tempo Jim se non lo fai Siediti, ti farò fuori di testa, non posso sopportare molto di più del tuo ritmo,” Mary quasi ringhiò. Jim si sedette rapidamente sulla sedia di comando cercando di non guardare Mary, scusa Mary, odio questa attesa, è vero niente a portata di mano su cui non fare nulla su cui lavorare, sai che odio essere inattivo. Mi rendo conto che...

155 I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

449 I più visti

Likes 0

Vicini cattivi_(1)

Mi sono svegliato la mattina dopo con il luminoso sole mattutino di luglio che entrava dalla finestra. con un sorriso stampato in faccia ma ho ancora un leggero senso di colpa nello stomaco dalla sera prima. Mi sono girato per controllare l'ora e ho notato che Tony stava ancora dormendo. Erano le 8.50 di mattina. Mi alzai dal letto e mi tuffai subito nella doccia. Una volta fuori, con un asciugamano addosso, scesi le scale per farmi una tazza di caffè. In piedi in cucina, caffè in mano quando Andy stava tornando da una delle sue corse mattutine. Si era tolto...

355 I più visti

Likes 0

Delizia del taglio

Frank si asciugò il sudore dalla fronte con il dorso del guanto e continuò a potare le rose di Seymour. Erano le 12:45 e, come un orologio, sentì Dee e la sua amica Tanya vagare nel giardino sul retro. Sbirciò da dietro i fiori e li vide camminare a piedi nudi verso il gazebo con un pranzo al sacco. Dee indossava il suo consueto abito leggero con stampa floreale. Il suo sorriso luminoso e i capelli dorati di seta di mais le davano una bellezza simile a una dea. Il suo vestito le abbracciava i fianchi e metteva in risalto le...

289 I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

154 I più visti

Likes 0

La ragazza dietro il muro

Ero al secondo anno di college quando l'ho incontrata. Kacey viveva nel dormitorio accanto a me, ma non l'avevo mai vista. La conoscevo solo dal nome sulla porta e da quello che ho sentito quella prima notte. Mi sono seduto nel mio letto preparandomi per andare a dormire. Accanto al letto fu spinto contro il muro, e fu allora che l'ho sentito; un gemito morbido e sexy dall'altro lato del muro. Ho spazzato via il primo suono ma quando ho sentito il secondo, un po' più forte e più a lungo, ho iniziato a immaginare il creatore di questi piccoli rumori...

79 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.