Giù alla fattoria_(3)

60Report
Giù alla fattoria_(3)

C'è poco sesso in questa storia. La storia parla di sesso ma non entra nei dettagli che molti di voi desiderano.

Oltre 17.000 parole; 34 pagine di lunghezza.

Non sono un agricoltore né ho mai passato un solo giorno a lavorare in una fattoria. Per favore, non infastidire i dettagli di questa storia e dimmi: "Non è così che si fa in una fattoria".

Giù in fattoria

Edward Johnson era in piedi sul portico anteriore della casa colonica a due piani della sua famiglia e osservava la campagna circostante. I primi raggi di sole avevano appena illuminato i campi di grano dorato apparentemente infiniti che si stendevano davanti alla casa. A lato della casa di Becky c'era un campo lungo quasi mezzo miglio di steli di mais alti sette piedi. L'unico suono che ruppe il silenzio mattutino fu quello di un trattore da qualche parte in lontananza.

La maggior parte della gente di città si stava appena svegliando per iniziare la giornata, ma non Ed, era un ragazzo di campagna. Era sveglio dalle quattro e mezza di stamattina aiutando la sua famiglia a mungere una cinquantina di vacche da latte.

Ed era un ragazzo di campagna cresciuto in un caseificio nella parte centro-occidentale degli Stati Uniti. I suoi genitori pensavano che fosse un bravo ragazzo sempre lì a dare una mano con le infinite faccende in un caseificio.

La sua famiglia possedeva circa seicento acri di terra di cui circa cento acri erano usati per pascolare le mucche e il resto era coltivato principalmente a mais e grano.

La loro casa a due piani si trovava su una lunga strada sterrata fuori dall'autostrada principale che condividevano con altre due famiglie di contadini. I suoi vicini più stretti erano gli Anderson che vivevano sotto casa sua a circa mezzo miglio e i Green che vivevano sotto gli Anderson, a circa un miglio dalla casa di Ed.

Il signor e la signora Green erano una giovane coppia sulla ventina con tre figli piccoli, il più grande di otto anni. Gli Anderson avevano un figlio, Matt, di diciassette anni, e una figlia Becky, l'unico altro bambino sulla strada che avesse la sua età. Ed aveva tredici anni e Becky dodici. Ed era il più giovane dei figli Johnson che aveva due sorelle gemelle maggiori Sara e Sally che avevano quindici anni.

Ed aveva quell'età imbarazzante poco prima di iniziare la pubertà. Era un ragazzino magro alto quasi un metro e ottanta che era cresciuto sorprendentemente di cinque pollici negli ultimi sei mesi. Le sue ossa erano cresciute ma il resto di lui non era ancora arrivato. Si guardò allo specchio del bagno e vide un corpo quasi imbarazzante. Le sue articolazioni del ginocchio e del gomito sembravano delle dimensioni di un adulto, ma da lì le sue braccia e gambe si erano assottigliate fino a circa la metà di quelle dimensioni per i muscoli delle braccia e delle gambe pietosamente piccoli.

Becky non riusciva a trattenersi guardando la carcassa magra di Ed. Ha riso mentre diceva a sua madre: "Ed è così magro che sembra uno spaventapasseri".

“Becky!” sua madre la rimproverò, "non dovresti parlare di Ed in quel modo".

“Mi dispiace mamma; sembra così divertente soprattutto quando indossa i pantaloncini.

"Vai avanti e ridi ora Becky, ma tra un anno o due quando i suoi muscoli raggiungeranno le sue ossa probabilmente assomiglierà molto a suo padre".

Gli occhi di Becky si ingrandirono. Aveva sempre pensato che il signor Johnson fosse molto bello. "Davvero mamma?"
Annuì con la testa mentre diceva a Becky: «Tale padre tale figlio. Aspetta e vedrai; le ragazze si accalcheranno intorno a lui implorando la sua attenzione.

Guardò Becky e rimase in silenzio finché non fu sicura di avere tutta la sua attenzione e disse con voce bassa e severa: "A Ed piaci Becky".

Becky distolse lo sguardo dallo sguardo di sua madre mentre assumeva una profonda sfumatura di cremisi e disse timidamente: "Aww mamma, non lo fa!"

"Oh sì, lo fa Tesoro, ho visto il modo in cui ti guarda."

Anche Becky era a quell'età imbarazzante proprio all'inizio della pubertà. Era una piccola cinque piedi con braccia e gambe profondamente abbronzate per aver trascorso infinite ore fuori. Sua madre le aveva comprato due reggiseni da allenamento alcuni mesi fa, quando il suo seno ha iniziato a svilupparsi, segnalando l'inizio della femminilità. Becky pensava che i reggiseni fossero troppo limitati e scomodi, quindi quasi tutti i giorni non li indossava, scegliendo magliette larghe per coprire i suoi seni in erba.

Becky chiuse a chiave la porta della sua camera da letto e si tolse i vestiti guardandosi nello specchio a figura intera sul retro della sua porta. I suoi seni erano cresciuti solo leggermente nei pochi mesi da quando i suoi capezzoli si erano gonfiati. Le sue areole erano solo leggermente più rosa della pelle circostante del seno.

Guardava spesso i seni con coppa a C di sua madre e si chiedeva quanto tempo ci sarebbe voluto per avere un seno grande come sua madre. Strinse i muscoli dello stomaco e sorrise, felice di vedere il profilo da ragazza dei suoi muscoli addominali. Si passò le mani sul corpo senza peli partendo dallo stomaco e muovendosi lentamente su e sui seni provando un brivido di eccitazione quando le sue dita entrarono in contatto con i suoi capezzoli sensibili
.
Essere così isolato dagli altri bambini e dalla città; Ed e Becky sono diventati migliori amici e compagni di gioco fin dall'inizio della loro vita. Entrambe le loro case avevano lunghi vialetti fuori dalla strada sterrata ed era più facile e più breve tagliare il campo di grano per passare tra le case dell'altro invece di camminare lungo il vialetto e lungo la strada. Un lungo torrente correva tra le case sul confine della proprietà a metà strada tra la casa di Ed e la casa di Becky.

Era un giorno di inizio autunno, poco dopo che Ed aveva finito con le sue faccende mattutine quando chiamò Becky e le chiese di incontrarlo al torrente. Corse attraverso il campo di grano finché non arrivò al torrente al confine della proprietà. Ed e Becky lo chiamavano un torrente, ma l'unica volta in cui c'era dell'acqua era per alcuni giorni dopo la pioggia. Era più un fossato di drenaggio largo circa quindici piedi e profondo circa 10 piedi. Era ricoperto principalmente da querce e pioppi di tutte le diverse dimensioni, a Ed e suo padre piaceva cacciare scoiattoli lì.

Ed attraversò il torrente al fianco di Becky e aspettò. Presto uscì di corsa dal suo campo di grano e iniziò a camminare verso di lui. Becky era una ragazza molto carina; Ed pensava segretamente che fosse la ragazza più carina della scuola, anche se non l'aveva detto a lei o a nessun altro.

Aveva lunghi capelli biondi che teneva sempre raccolti in una coda alta. Aveva una carnagione sana splendidamente abbronzata, occhi azzurri scintillanti e aveva sempre un bel sorriso ogni volta che lo vedeva. Aveva notato ultimamente che lei gli sorrideva con un sorriso genuino che poteva essere generato solo da qualcuno che fosse veramente felice di vederti.

Era snella con braccia e gambe toniche per aver svolto infinite faccende che entrambi erano tenuti a svolgere vivendo in una fattoria. Il tempo era caldo e indossava un paio di blue jeans dal taglio corto e una camicetta a quadri bianchi e blu. Mentre si avvicinava a lui, fece balenare quel sorriso che pensava avesse riservato solo a lui e disse: "Ciao Ed, che succede?"
Lui ricambiò il sorriso e disse: «Non molto Becky. Hai finito con le tue faccende?”
"Sì, cosa vuoi fare?"
"Non lo so. Vuoi andare alla piscina?"
Anni prima i loro padri avevano usato una terna per ripulire alcuni alberi abbattuti dal torrente e avevano accatastato alcuni dei tronchi tagliati attraverso il torrente come una diga che creava una piccola buca ombreggiata larga circa sei metri e lunga circa quindici. Era profondo solo circa cinque piedi nel punto più profondo.
La piscina era a circa un quarto di miglio lungo il torrente verso il fondo del campo, quindi iniziarono a camminare in quel modo. Durante il tragitto hanno parlato principalmente del film che entrambi avevano visto in città lo scorso sabato pomeriggio.
Mentre si avvicinavano, Ed vide dei movimenti nella piscina e si accovacciò. Anche Becky l'aveva visto e si era accucciata accanto a lui.
Sussurrò: "Chi è?"
Mosse la testa avanti e indietro cercando di trovare un posto per vedere attraverso la fitta boscaglia mentre sussurrava: "Non so, non posso vedere da qui".
Entrambi rimasero bassi al suolo e nascosti dietro la boscaglia e l'erba alta mentre si intrufolavano per dare un'occhiata più da vicino. Strisciarono a mani e ginocchia attraverso l'erba alta quando arrivarono a una trentina di metri da loro. Quando trovarono una piccola apertura nella boscaglia, videro che era il fratello diciassettenne di Becky, Matt e Marsha, una ragazza di sedici anni che viveva in una delle fattorie dietro la loro sulla strada sterrata più vicina a loro.
Matt e Marsha erano sul lato opposto del torrente, seduti su una piccola sporgenza erbosa che era accanto ai tronchi che formavano la diga del pozzo. Erano chiusi in un abbraccio abbracciandosi e baciandosi.
Becky ed Ed si guardarono l'un l'altro cercando entrambi di trattenere la risata che, se fosse stata rilasciata, avrebbe tradito la loro posizione e probabilmente sarebbe finito con entrambi a prendere un tonfo quando Matt li ha catturati. Si sedettero entrambi sul davanzale a baciarsi quando Ed notò che la mano di Matt si spostava sopra la camicetta di Marsha e sul suo seno. Ed e Becky hanno entrambi guardato mentre vedevano la mano di Matt stringersi e strofinarsi il seno.
Matt interruppe il bacio e si mise rapidamente in ginocchio mentre Marsha si sdraiava sull'erba di fronte a lui. Ha iniziato a ridere quando Matt ha preso i suoi pantaloncini e li ha tirati giù e le sue mutandine giù e giù dalle gambe. Matt si slacciò rapidamente la cintura e tirò i pantaloncini sotto le ginocchia. Stava affrontando le due spie ed Ed poteva sentire la sua faccia arrossire mentre entrambi vedevano il pene duro di Matt puntato verso l'alto.
Ed guardò Becky ma lei era troppo imbarazzata per guardarlo. Ed vide che anche lei stava arrossendo. Marsha allargò le gambe e Matt si sdraiò su di lei. Tenendo il suo corpo lontano da lei con una mano, afferrò il suo pene e lo infilò tra le sue gambe. Marsha strillò mentre Ed e Becky guardavano il suo pene scomparire dentro di lei. Matt appoggiò entrambe le mani a terra una su ciascun lato delle spalle di Marsha e pompò il suo pene avanti e indietro dentro e fuori di lei. Marsha sollevò le gambe in alto nell'aria e sia Matt che Marsha gemevano e avevano un sorriso sui loro volti come se si stessero davvero divertendo.
Ed sussurrò molto piano all'orecchio di Becky: "Andiamo via di qui prima di essere scoperti".
Rimanendo bassi a terra, indietreggiarono lentamente dal bordo del torrente. Quando arrivarono entrambi al bordo del campo di grano, si accovacciarono ed entrarono. Erano poche file quando si fermarono ed entrambi corsero veloci verso la casa di Becky.
Sono emersi dal grano dietro casa sua e sono corsi nel fienile. Salirono la scala nel fienile e caddero sulle balle di fieno senza fiato. Giacquero sul fieno in silenzio, entrambi troppo imbarazzati per parlare di ciò che avevano appena visto.
In molte occasioni entrambi avevano visto il toro montare sulle mucche, ma quella era la prima volta che Ed aveva fatto due più due e si era reso conto che anche le persone si accoppiavano.
Entrambi si guardarono timidamente e Becky disse: "Perché lo stavano facendo?"
Ed rispose: "Non ne sono sicuro, ma abbiamo entrambi visto il toro montare sulle mucche".
Alzò le spalle e disse: "Immagino che lo facciano anche le persone".
Becky, con uno sguardo serio sul viso, ha detto: "Non ci avevo mai pensato prima, ma immagino che siano i bambini".
Ed iniziò a guardare Becky in un modo diverso. Guardò il contorno liscio dei suoi jeans tra le gambe chiedendosi che aspetto avesse laggiù. Sapeva che non aveva un pene come lui e ricordava alcuni ragazzi a scuola che dicevano che le ragazze hanno una figa ma non aveva idea di come fosse. Lanciò un'occhiata al suo petto e per la prima volta notò dei piccoli semiglobi rotondi. 'Becky ha le tette!' Pensò tra sé e sé, ma non erano grandi quanto quelle di Marsha o di sua madre.
Furono pochi minuti imbarazzanti mentre sedevano in silenzio a scambiarsi occhiate l'uno con l'altro.
Becky ha finalmente rotto il silenzio chiedendo: "Ed, hai mai baciato qualcuno?"
Ed è rimasto sorpreso dalla domanda, ma è riuscito a rispondere: "No, non proprio, solo mia madre ma non credo che conti. E tu? Hai mai baciato qualcuno?"
Lei rispose: "Nemmeno io".
Lo guardò timidamente con la coda dell'occhio e gli chiese: "Vuoi baciarmi?"
Sorrise e si sedette sul bordo della balla di fieno e disse: "Certo".
Ed aveva segretamente voluto baciarla per molto tempo, ma era stato troppo timido per chiederglielo.
Becky si alzò a sedere e si avvicinò un po' a lui ed entrambi si avvicinarono lentamente l'uno all'altro. Entrambi si incresparono e si avvicinarono l'uno all'altro finché le loro labbra si incontrarono. È stato incredibile; entrambi potevano sentire i loro cuori battere all'interno dei loro petti. Il bacio sembrava continuare all'infinito, ma Becky si staccò da lui dopo solo un paio di secondi e fece un forte schiocco delle sue labbra.
Si guardarono e sorrisero. Becky increspò di nuovo le labbra e si appoggiò all'indietro verso di lui e si baciarono di nuovo questa volta si baciarono per circa dieci secondi. Ha rotto il bacio aprendo gli occhi e ha chiesto: "Ti è piaciuto?"
Ed le sorrise e fece un rapido cenno con la testa. Lei ricambiò il sorriso e si avvicinò a lui finché i loro fianchi non si toccarono. Lo cinse con le braccia e si baciarono di nuovo. Era nervoso, ma l'ho abbracciata e l'ha abbracciata forte mentre continuavano a baciarsi.
Ed pensò a quello che aveva visto giù alla piscina. Mentre Matt stava baciando Marsha, ha spostato la mano dalla sua vita e le ha toccato il seno. Non ne era sicuro, ma mentre ci pensava sempre di più pensava che forse Becky voleva che lui facesse la stessa cosa.
Mosse lentamente la mano dalla sua vita in su verso il suo seno. Quando il suo pollice urtò contro un lato, Becky interruppe il bacio e lo spinse via così forte che cadde dalla balla di fieno e atterrò con forza sul sedere. Becky aveva il fuoco negli occhi quando ha urlato: "Cosa stai facendo?"
Si sentiva imbarazzata, scioccata, 'cosa stava cercando di fare?' urlò a se stessa.
Ed la guardò scioccato e disse a bassa voce: "Mi dispiace Becky, pensavo che tu volessi che io..."
Becky ora era furiosa con lui. Si alzò e si voltò da lui, si avvicinò con passo pesante alla scala sul bordo del soppalco e guardò in basso nel fienile. La mamma ha detto che i ragazzi avrebbero voluto toccarla a volte e che non avrebbe dovuto permetterglielo. Pensava che Ed e lei fossero buoni amici e non si sarebbe mai aspettata che fosse lui a provarci. 'Lo odio!' urlò a se stessa.
Ed si alzò in piedi spazzandosi via, ma non osò avvicinarsi a lei per paura che potesse girarsi e schiaffeggiarlo. Disse con voce mite: "Mi dispiace Becky, vuoi che me ne vada?"
Rimase lì in silenzio per alcuni secondi e poi si voltò verso di lui. Stava guardando il pavimento con le braccia incrociate in alto sul petto nascondendogli i seni.
Becky era la sua migliore amica e la conosceva da sempre. La maggior parte dei suoi ricordi più belli includeva lei. Aveva una brutta sensazione nel petto di aver rovinato la loro amicizia e lei non avrebbe mai più voluto vederlo o parlare con lui.
Continuò a guardare il pavimento e parlò lentamente e piano. "Mi dispiace di averti spinto." Vide una lacrima scendere e scendere dalla sua guancia. "È solo che..." Le emozioni di Becky erano fuori controllo e iniziò a singhiozzare.
Senza guardarlo si voltò e scese velocemente la scala senza dire un'altra parola.
Corse verso la scala e le gridò: "Mi dispiace Becky. Per favore, non essere arrabbiato con me".
Rimase in silenzio e quando arrivò in fondo alla scala guardò attraverso la porta aperta della stalla e la guardò correre verso casa sua.
Era molto depresso mentre camminava lentamente verso casa sua attraverso il mais, senza più preoccuparsi se fosse mai tornato a casa. Trascorse il resto della mattinata seduto al ruscello, poi continuò lentamente a camminare verso casa sua pensando a Becky fino al momento di mungere le mucche. Quella notte, quando andò a letto, non riuscì a togliersi dalla testa gli eventi della giornata. Si girò e si girò fino alle prime ore del mattino, finalmente addormentandosi verso le due del mattino.
Si stava avvicinando alla raccolta, quindi trascorse la settimana successiva aiutando suo padre a preparare l'attrezzatura per andare al campo.
Il sabato prima del raccolto i suoi genitori lo portarono in città e lo portarono a teatro a guardare un film. Ed era in fila al chiosco con alcuni amici quando Becky entrò nell'atrio con le sue amiche. "Wow!" Pensava che fosse bellissima, vestita con una gonna corta e una camicetta in maglia aderente e non troppo attillata che mostrava il suo corpo atletico. Per la prima volta dopo tanto tempo aveva i capelli sciolti. I lunghi riccioli biondi di capelli le scorrevano lungo i lati del viso coprendole in parte gli occhi, dandole un aspetto misterioso e sexy.
Ed guardò le altre ragazze intorno all'atrio e secondo lui era di gran lunga la ragazza più carina dell'atrio, in tutta la città del resto. Guardò gli altri ragazzi nell'atrio e alcuni di loro la stavano fissando. La sua mascella era serrata e il suo cuore aveva una sensazione triste e vuota mentre provava un formicolio di gelosia.
Nell'ultima settimana aveva pensato a cosa avrebbe detto a Becky quando l'avrebbe rivista. Aveva esercitato le sue battute più e più volte nella sua testa. Aveva intenzione di scusarsi di nuovo con lei, ma non poteva farlo con le sue amiche in giro a causa delle domande che le scuse avrebbero sollevato. Quando gli è passata accanto, non sapeva cosa fare, quindi tutto ciò che ha detto è stato: "Ciao Becky".
Era silenziosa e non gli sorrise quando lo guardò solo per un secondo di passaggio e continuò a camminare con le sue amiche nel teatro. 'Dannazione' si disse, 'è ancora arrabbiata con me'.
La sua mente era confusa quando si è seduto a teatro. Fissò lo schermo del film per un'ora e mezza, ma tutto ciò a cui riusciva a pensare era Becky. Si disse ancora una volta che aveva davvero fatto un casino. Ripensava a quel giorno nel loft e desiderava con tutto il cuore di poter cambiare quello che era successo.
È rimasto sorpreso quando le luci del teatro si sono accese alla fine del film mentre si è alzato velocemente e ha cercato Becky. Era con le sue amiche a ridere ea camminare su per l'isola dall'altra parte del teatro. Il film era finito e non aveva idea di cosa si trattasse.
Stava aspettando da solo fuori dall'ingresso del teatro che i suoi genitori lo andassero a prendere. Becky stava aspettando a breve distanza in un gruppo di ragazze il suo passaggio a casa quando un paio di ragazzi della sua scuola si sono avvicinati a loro e hanno iniziato a parlare. Le ragazze erano tutte sorridenti che le guardavano e ridacchiavano tra di loro. Ascoltava ma era troppo lontano da loro per sentire di cosa stavano parlando.
Fissò Becky con la bocca aperta quando guardò uno dei ragazzi e gli fece quel sorriso che pensava gli riservasse. Lo guardò attraverso la cerchia di persone e il sorriso lasciò il suo viso quando lo vide. Lei lo fissò freddamente per alcuni secondi mentre lui pronunciava in silenzio le parole "Mi dispiace". Non ha mostrato alcuna reazione nei suoi confronti e ha riportato la sua attenzione sui suoi amici e ha ricominciato a sorridere.
Si sedette in silenzio sul sedile posteriore del camion e desiderò di non aver sprecato soldi per andare al film. Sua madre, sentendo che qualcosa non andava, gli ha chiesto mentre tornava a casa se gli piaceva il film, lui ha mentito e le ha detto che gli era piaciuto.
Il lunedì successivo iniziò la vendemmia ed Ed fu felice di essere distratto dal pensare a Becky. Ci sono volute due ore al mattino per mungere le mucche e poi ha fatto colazione ed è stato nel campo prima delle sette. L'unica pausa è arrivata nel primo pomeriggio quando sua madre gli ha portato il pranzo/cena.
Ha guidato il camion di suo padre alla stalla verso le sei e ha aiutato sua madre a mungere le mucche e pulire la stalla. Con solo loro due ci sono volute più di tre ore per finire la mungitura. Era esausto quando cadde a letto verso le dieci, grato che il sonno gli fosse stato facile per la prima volta dalla giornata nel soppalco. Quella notte non sognò e sembrava che avesse appena chiuso gli occhi quando sua madre aprì la porta della camera da letto alle quattro del mattino.
Giorno dopo giorno era la stessa cosa, mungere le mucche, accatastare le balle di fieno, mungere le mucche e dormire. Ogni muscolo del suo corpo era dolorante quando finalmente finirono di raccogliere il grano. Le balle erano accatastate in tre grandi pile coperte nel campo e lui sospirò sapendo che quando avrebbero finito di raccogliere il mais avrebbero dovuto impilare tutte le balle nel fienile e nel fienile.
Mancavano pochi giorni alla raccolta del mais quando un cambiamento del tempo ha dato loro una possibilità di pioggia nelle previsioni. Tutti tranne Ed e sua madre sono andati al campo da prima del sole fino a mezzanotte per cercare di finire prima della pioggia. Tutto quello che doveva fare era prendersi cura delle mucche e della stalla. Quando la mamma è tornata dal campo dopo aver fatto colazione a tutti è venuta nella stalla per aiutarlo a mungere. Finirono verso le dieci e lui andò in casa ad aiutare sua madre a preparare il pranzo per tutti.
Poco dopo mezzogiorno qualcuno bussò alla porta e Ed andò ad aprire. Aprì la porta sul retro e fu sorpreso di vedere Becky lì in piedi. Lei gli sorrise a metà e disse: "Ho bisogno di parlare con tua madre".
Gli passò accanto in cucina e disse alla signora Johnson: "Papà ha perso uno degli autisti, puoi risparmiare qualcuno per dare una mano?"
La pioggia sarebbe arrivata in quarantotto ore e sua madre sapeva che avevano bisogno di ogni minuto per portare il mais dentro. Stava per dire a Becky di no quando Ed disse: "Posso farlo mamma".
Sperava di segnare dei punti con Becky e questa era l'occasione perfetta per provare a farcela. Sua madre aveva un'espressione sorpresa sul viso e disse: "No Ed, sei troppo giovane per guidare i grandi camion".
Ha protestato dicendo: "Ho il mio FHP e papà mi ha lasciato guidare l'anno scorso e sono abbastanza bravo con il trattore, per favore mamma posso farlo".
Becky e sua madre lo stavano entrambi fissando e poteva dire che sua madre non era ancora entusiasta dell'idea. "Tesoro", ha detto, "è molto pesante guidare su strada".
Stava pensando a un modo per convincerla quando gli venne un'idea. "Che ne dici di guidare con me alla prima corsa per vedere come sto?"
Poi Becky disse: "E poi andrò con lui per assicurarmi che non guidi troppo veloce".
"Per favore mamma ho tredici anni e papà guidava quando ne aveva tredici, ricordi che raccontava la storia?"
Sospirò e disse: "Non ho tempo per cavalcare con te, ma se Becky... Fammi controllare con tuo padre".
Andò alla radio CB e gli disse che gli Anderson avevano bisogno di un autista e stava pensando di mandare Ed. C'è stata una lunga pausa e quando suo padre è finalmente tornato alla radio ha detto: "Ok, chiama Miller e fallo accompagnare per i primi due viaggi".
Il vice Miller era un quarto delle forze di polizia della contea e un buon amico di famiglia essendo cresciuto con il padre di Ed. La scorsa primavera, quando Ed ha superato il test del permesso di allevamento in fattoria, il vicesceriffo Miller lo ha lasciato senza freno. Ci sono voluti due giorni, ma Ed ha guidato ogni pezzo dell'attrezzatura della fattoria fino a quando il vice Miller non è stato soddisfatto di poterlo gestire in sicurezza.
Sua madre aveva un'espressione preoccupata sul viso quando gli ha letto l'atto di rivolta. Lo afferrò e lo tenne per le spalle e disse con voce severa: "Ed, quel camion non guiderà come il pickup, quando è carico sarà molto pesante e devi andare molto piano dietro gli angoli e lasciare un sacco di tempo per rallentare e fermarsi”.
Guardò Becky e continuò: “Assicurati che vada piano e tieni d'occhio la pressione dei freni. Il vice Miller sarà sul canale nove. Tu parli Becky. Lei si voltò a guardarlo e disse: "E tieni entrambe le mani sul volante quando non cambi marcia".
"Sì signora, staremo attenti."
Ed e Becky uscirono dalla porta e iniziarono a correre verso il camion. Il camion vuoto era parcheggiato nel campo vicino alla casa di Becky. Ed avviò il camion e innestò la marcia, lasciò andare la frizione e si avviarono rombando verso la mietitrebbia. Disse a Becky: "Dove mi vuole".
Prese il microfono CB e disse: "Papà è Becky, Ed è alla guida del camion dove lo vuoi?"
Il signor Anderson è tornato alla radio e ha detto: "Sono quasi pieno, portalo sotto il caricatore il prima possibile".
Il signor Anderson li ha salutati non appena sono andati d'accordo. Ed passò al minimo e guardò avanti e indietro tra la mietitrebbia e il suo percorso in avanti che corrispondeva alla velocità della mietitrebbia. Il signor Anderson ha avuto una vista a volo d'uccello del pianale del camion e gli ha dato istruzioni via radio quando andare avanti e quando era pieno. Alla fine è venuto alla radio e ha detto: "Ok Ed sei pieno di tre quarti, stai attento".
Becky ha cambiato canale alla radio CB e ha detto: "Vice Miller, questa è Becky Anderson, Ed sta andando in viaggio".
Quando arrivarono all'autostrada, il vicesceriffo Miller stava aspettando con le luci rosse lampeggianti. C'erano due macchine ferme sul lato della strada mentre svoltava lentamente sull'autostrada principale e si dirigeva verso il montacarichi. Procedevano a una velocità vertiginosa di trenta miglia orarie durante il viaggio di tre miglia con il vice Miller in testa.
Con entrambe le mani sul volante guardò Becky e disse: "Becky, mi dispiace".
Non lo guardò, ma disse ad alta voce: "Stai zitto e tieni gli occhi sulla strada".
Sospirò e fece quello che lei gli aveva detto di fare. Dopo qualche secondo ha detto: “Dobbiamo parlarne, ma non adesso. Devi concentrarti su quello che stai facendo”.
Il viaggio di tre miglia è andato senza incidenti. Il vicesceriffo Miller si è fermato accanto a Ed quando è sceso dal camion per scaricare. Scese dalla sua auto di pattuglia e chiese: "È andato tutto bene Ed?"
Disse: "Sì signore, nessun problema".
"Bene! Il tuo limite di velocità è di trenta miglia orarie con i lampeggiatori di emergenza accesi. Capisci?"
"Si signore."
"Non lasciare che ti becchi ad andare più veloce o ci sarà un inferno da pagare."
Non è insolito che i giovani adolescenti guidino sulle autostrade durante la raccolta sotto stretta sorveglianza. La maggior parte della gente del posto controlla la radio CB per scoprire cosa sta succedendo nella zona. Quando Becky ha chiamato l'agente Miller, la notizia si è diffusa a macchia d'olio, quasi l'intera contea sapeva che c'era un novellino che guidava per strada.
Ed ha scaricato ed è stato scortato di nuovo al campo. Non ci sono state chiacchiere tra Ed e Becky, l'unica volta che ha parlato è stato per dirgli di "rallentare" o "fare attenzione" e una serie di altri ordini. Era deluso dal fatto che Becky non volesse parlargli, ma capì che non voleva distrarlo mentre guidava trenta tonnellate lungo l'autostrada. Era solo felice che le importasse abbastanza da cavalcare con lui.
Quel pomeriggio fecero quattro viaggi di andata e ritorno, due dei quali senza scorta, fermandosi solo per prendere un pranzo al sacco dalla signora Anderson. Ed ha ricevuto una chiamata radio verso le sei di sera. da sua madre che gli diceva di tornare a casa per fare la mungitura. Alle nove, poco prima che finissero di mungere, sua madre gli disse di tornare dagli Anderson e di guidare il camion. Becky stava aspettando al camion quando è arrivato.
Quella sera fecero altri due viaggi di andata e ritorno verso l'ascensore prima di uscire per la notte poco prima di mezzanotte. A causa dell'oscurità, il vice Miller li ha scortati in entrambi i viaggi.
Non ricordava di essere entrato nella sua camera da letto quella notte perché era così stanco. Era stata una lunga giornata di venti ore e si era addormentato prima che la testa colpisse il cuscino.
La madre di Ed lo svegliò alle quattro e mezza del mattino successivo e nonostante dormisse meno di 5 ore si sentiva pieno di energia. In un modo o nell'altro oggi sarebbe l'ultimo giorno della mietitura. Fece una doccia veloce e fecero colazione prima che lui e sua madre iniziassero la mungitura. Prima delle sette, sua madre lo cacciò fuori dalla porta con un sorriso e disse: "Vai ad aiutare gli Anderson".
Becky ed Ed hanno condiviso ancora una volta lo stesso posto nel camion. Non era vestita con abiti da lavoro come ieri. Oggi era vestita con quello che secondo lui sarebbe stato più appropriato da indossare a scuola o al cinema. Si chiese se si fosse vestita bene perché sapeva che avrebbe cavalcato di nuovo con lui.
Ed voleva segnare qualche punto in più con Becky, quindi quando sono arrivati ​​in autostrada con il primo carico ha detto senza guardarla: "Sei molto carina oggi Becky".
Ed stava provando tutto ciò a cui riusciva a pensare per tornare dalla sua parte buona, ma lei aveva ancora un'espressione di disprezzo sul viso ogni volta che la guardava.
Lo fissò dicendo: "Grazie. Presta attenzione a quello che stai facendo!”
Nel primo pomeriggio potevano vedere la pioggia all'orizzonte dirigersi verso di loro. Sarebbe stato vicino; avevano ancora circa tre ore prima che tutto il mais fosse raccolto. Ed stava spingendo il limite di velocità che gli aveva dato il vice Miller. Ogni volta che portava il camion a trentadue miglia orarie, Becky gli diceva di rallentare. Alla lunga non importava perché l'ultimo grano era nell'ascensore con quindici minuti di anticipo prima che arrivasse la pioggia battente.
Ed ha parcheggiato il camion dove l'aveva trovato ieri, ma prima che uscissero ha chiesto a Becky: "Posso chiamarti domani?"
Becky era sollevata dal fatto che il raccolto fosse finito e si fosse calmata dall'incidente nel loft la scorsa settimana. Dopo aver passato lei stessa un paio di notti insonni, si rese conto che Ed stava solo copiando ciò che avevano visto alla piscina. Aveva continuato ad essere arrabbiata con lui per non sembrare troppo facile. Sapeva in cuor suo che l'avrebbe presto liberato dall'agonia che il suo viso mostrava ogni volta che lo guardava.
Gli sorrise con quel sorriso speciale per la prima volta dalla giornata nel loft. "Sì, puoi chiamarmi, ma domani è la festa del raccolto, quindi ci vediamo allora."
"Wow è fantastico. Ci vediamo domani."
"Ok ciao e grazie per l'aiuto."
Si voltò e iniziò a correre verso la stalla per aiutare con la mungitura. Woo-hoo! Si disse con un sorriso sciocco stampato in faccia. Ed era di buon umore e tornava a casa di corsa sotto la pioggia. Becky non era più arrabbiata con lui e si sentiva come un eroe conquistatore che tornava dal campo di battaglia tra gli applausi fragorosi delle persone che aveva salvato.
Il giorno successivo gli Anderson invitarono la famiglia di Ed a casa loro per la festa annuale del raccolto. Ed aveva tirato fuori il proprio peso durante il raccolto e il signor Anderson e suo padre lo trattarono in modo diverso dopo quel giorno. Becky ha guardato e ascoltato mentre suo padre lodava Ed per un lavoro ben fatto. Gli è stata data più responsabilità intorno alla fattoria e gli è stata anche data più libertà.
Dopo cena Becky ed Ed uscirono e si diressero lentamente verso il fienile per parlare. Non appena si sono fermati, si è rivolto a Becky e ha detto la sua battuta ben provata: "Becky, mi dispiace davvero di averti toccato e ti prometto che non lo farò mai più".
Pensò per un momento: "Va bene Ed, non devi promettere".
Lo guardò con dolcezza negli occhi e un sorriso malizioso sulle labbra: "Ed, mi piaci davvero e un giorno potrei volere che mi tocchi, ma non in questo momento". Ha continuato con uno sguardo serio: "Ho pensato a quello che è successo nel loft Ed e ho capito che stavi solo facendo quello che abbiamo visto alla piscina".
Gli gettò le braccia al petto appoggiandogli la testa sulla spalla e lo abbracciò forte. Ed fu un po' sorpreso da questa mossa; lui la cinse gentilmente con le braccia per non offenderla. "Sono così orgogliosa di te", sussurrò, "papà ha detto che abbiamo fatto un ottimo lavoro ed era orgoglioso di noi".
She moved her face up to Ed’s face gazing into his eyes, beckoning for him to kiss her. He looked into her deep blue eyes unsure as to whether she wanted a kiss. Becky sensing his uneasiness, closed her eyes and puckered her lips. Si sono baciati.
Ed and Becky’s friendship changed that day. She no longer looked at Ed as a playmate but as a friend of the opposite sex and as a likely future boyfriend. They returned to their lives no longer running across the field to see each other on a daily bases. Ed saw Becky at school and he often asked her if he could sit with her at the movies. She always said yes and they would hold hands in the darkness of the movie theatre.
Just a few days before Christmas that year, Ed woke up as usual at four thirty and went to the kitchen for breakfast. His mother and father were talking and concerned because of the weather. The weather forecast called for heavy snow and near blizzard conditions starting that night.
“Ed,” his father said, “We need to get the cows and horses into the barn and get prepared for bad weather.”
Ed nodded his head and asked, “Ok, what do you want me to do.”
“Before milking we need to close the pasture gates and open the doors to the barn. The cows can stay in the corral until the weather gets too bad for them to stay outside.”
The milking went as usual that morning and the cows were all accounted for and moseying around between the corral and the barn. At lunch the weather radar showed that they were going to get hit by the center of the storm and they could expect ten to twelve inches or more of snow with high winds and near blizzard conditions. It started snowing late in the afternoon and there were several inches already on the ground when they went back to the house after the evening milking.
The following morning Ed heard the wind howling as he got dressed and went downstairs for breakfast. When he looked out the backdoor window he hardly recognized the yard. Snow was drifted around the pickup truck and the house.
After milking Ed started shoveling snow away from the front and back doors of the house. He sighed when he realized that after the snow blew back in he would have to do it again in a few hours.
During lunch they received a call on the CB radio from Deputy Miller. “Break one-six for the Johnson farm.”
“Go ahead for the Johnson Farm.” Ed’s father answered.
“This is Deputy Miller. There’s a jack knifed truck on the interstate that’s blocking traffic. Drifting snow has blocked the road and there are people stranded out here. Can you help?”
“Ten-four Miller, it will take a few minutes for us to get geared up. I’ll bring my GPS and portable CB and contact you in route.”
“Ten-four, Anderson farm did you copy?” Miller said.
“Ten-four,” Mr. Anderson answered, “We’ll contact you when we are in route.”
“Girls,” Mr. Johnson said to Ed’s two older sister’s, “pack up some jackets, hats, gloves, and blankets so the people will be warm on the ride back here. Ed get some warm clothes on, you’ll drive the snowmobile with the toboggan on back while I drive the tractor with a hay wagon.”
Ed got dressed and helped his father hook a hay wagon to the tractor. The weather conditions were horrible with blowing snow and the wind chill hovering around zero Fahrenheit. Ed looked toward the house from the tractor shed which was only one hundred and fifty feet from where he was standing and he could just barely see its outline. He retrieved the bags of clothing from the kitchen that his sisters had packed and tied them down on the toboggan.
Ed followed close behind his father as they slowly drove to the GPS coordinates given to them by Deputy Miller. It was more than a mile ride which consisted of driving across the two fields on the other side of the road and pushing down the fence with the front tires of the tractor to gain access to the interstate.
Ed saw the jack knifed eighteen wheeler blocking the road and deputy Millers SUV. They slowly drove around the truck and began seeing other vehicles stopped in various places on the road.
Ed stopped next to the first car and the man behind the wheel got out and asked, “Can you help us? I have my wife and two children in the car.”
“Yes sir,” Ed said trying to talk louder than the wind, “I’ll take you to my house that’s about a mile from here. Do you have warm clothes for the trip?”
He thought for a moment then yelled back over the wind, “My wife and I will be ok but I could use something for my two kids.”
Ed went to the bags and got two blankets and gave them to the man and said, “I’ll be back in a few minutes.”
Ed went to the next car and gave them some clothes and told them they would be going to his house when everyone was ready to travel. Ed and his father loaded twelve people on the wagon while the family in the first car rode on the snowmobile with him.
The father and his eight year old daughter sat on the toboggan wrapped tight in a blanket. Ed put the six year old boy in front of him while his mother sat on the seat behind him. He yelled over his shoulder, “Put your arms around me and hang on tight. It’s going to be a bumpy ride.”
Mr. Johnson with Ed following close behind followed the tracks they made on the way out and headed back to the farm house. Upon arriving Ed’s mother and two sisters came out the door to help. Ed took off his helmet and handed the boy to his sister as the mother and father unloaded. They entered the house through the kitchen where Mrs. Johnson had every coffee cup they owned sitting on the counter ready to give everyone either coffee or hot chocolate.
The young twenty something mother who rode back with Ed looked surprisingly at him and said, “Goodness, you’re just a teenager. I thought you were a full grown man.”
Ed was at a loss for words to say and smiled as his mother said, “He does the work of a full grown man, I’m very proud of him.”
“And so you should be.” as she hugged him saying, “Thank you for rescuing us. I was getting worried about freezing to death or starving.”
“Yes ma’am,” Ed shyly said, “You’re welcome.”
The woman introduced themselves to Ed and his family. Mr. and Mrs. Peters and their children Tammy and Mike lived it a large town that was locate about fifty miles down the interstate.
It was a chaotic scene in the kitchen with well over a dozen people standing around not knowing what to do. Mrs. Johnson spoke up, “Everyone is welcome to have some coffee or hot chocolate and have a seat at the table or in our living room.”
Mr. Johnson then spoke, “Folks I need those jackets and blankets back, there are more people out there that we need to go get.”
Ed and his father headed back to the interstate and rescued nine more people. All totaled they had twenty five people at their house including the truck driver and Deputy Miller while the Anderson’s had rescued twenty two people.
Mr. Johnson along with Mr. Anderson, Deputy Miller, and the truck driver once again went back to the interstate with the large four wheel drive tractors to pull the eighteen wheeler back on the road to allow the snow plow to get through.
Ed had thirty minutes to relax and warm up before it was time to start the milking. He, along with his two sister’s and the Peters went to do the milking while Mrs. Johnson and several volunteers began cooking dinner for thirty people.
It was slow going at first for Ed as none of his helpers had been this close to cows before let alone had ever seen the complex machinery needed to milk them. After the first set of cows was milked they began to get the hang of it and the work proceeded at a faster pace. When they finished, Ed checked the almost full milk tank and realized there wasn’t enough room for the morning milking.
They next went to the barn to make sure the cows were fed and settled in. Mr. and Mrs. Peters watched in awe as he and his sister’s bucked the eighty pound bales of hay down to the cows while snapping the twine in one fluid motion.
They all returned to the house to find a noisy scene. There were people in every room in the house with lines outside each of the bathrooms. Dinner had to be eaten in shifts as there weren’t enough chairs or plates for everyone to eat a once. Ed’s turn to eat was with the Peters family that rode with him on the snowmobile.
Mrs. Peters remarked after taking a drink of milk, “Oh wow, that’s the best tasting milk I think I’ve ever had.”
Ed smiled at her and said, “That’s fresh from this morning’s milking, it hasn’t been skimmed yet so the butter fat is probably higher than you’re used to.”
Mrs. Johnson had allowed some children to sleep in Ed’s bedroom so he quietly went to his closet and gathered the things he would need to spend the night in the barn with the cattle.
Around midnight it stopped snowing and the snow plow followed by the milk truck were able to get through around two in the morning. Ed returned to the house after the milk truck emptied the milk tank to help his mother with breakfast.
Some of the people were eager to return to the vehicles so he began ferrying families back to the interstate on the snowmobile. After breakfast Ed took the Peters family back to the first car that he had stopped by yesterday. Mr. Peters shook Ed hand telling him thank you.
Mrs. Peters hugged him tight and said, “Thank you Ed, I’ll never forget what you and your family did for us. Every time I drink a glass of milk I’ll be thinking of you.”
Ed smiled, “Yes ma’am, it was nice meeting you and your welcome.”
Ed didn’t realize the impact that he and his family had on the Peters family until a week or so later when they received a thank you letter and a Christmas card in the mail from them.
It had been a long and stressful forty eight hours in which Ed had received little to no sleep. After all of the travelers were ferried back at their cars, Ed went home and fell asleep. His mother didn’t bother waking him for dinner or the evening milking, he slept through to the next morning when it was time to do the milking again.
The unusually cold winter passed and the new spring came.

Mrs. Anderson and Becky were invited to Ed’s house for coffee by Mrs. Johnson on a nice warm spring day. Ed was in the yard with his shirt off mowing the grass with the push mower as Becky’s mother parked their truck in the driveway.
“Oh my my,” she said to Becky mock fanning herself, “would you look at that handsome young man over there!”
It was the first time since last summer that Becky or her mother had a look at Ed without heavy winter clothes on. Ed had put on some weight over the winter and no longer had that skinny carcass that he saw in the mirror last year. Mrs. Anderson remembered the conversation she had where Becky thought he looked like a scarecrow.
“You still think he looks like a scarecrow?”
“Stop it mom,” Becky said while playfully slapping her arm, “you’re embarrassing me.”
They got out of the truck and Ed waved, “Hi Becky, Mrs. Anderson. Mom’s in the house.”
They knocked at the door and were greeted by Mrs. Johnson. As they all sat at the kitchen table Mrs. Anderson thought she would have some more fun at Becky’s expense. “Becky and I were noticing that handsome young man in the yard.” She smiled at Becky and continued, “What happened to that scarecrow that you had last year?”
Both ladies laughed seeing it made Becky uncomfortable and watched her turn a shade of red.
Becky protested her treatment, “Stop it mom!”
“He’s growing like a weed and eating like a horse.” Mrs. Johnson explained, “He’s almost six feet tall and he gained thirty pounds over the winter.”
“And it looks like it was all muscle.” She laughed, “You’ll soon have to put a fence up to keep all the girls away.”
“Mom!” Becky groaned turning a deeper shade of red.
The back door opened and Ed walked in. Becky looked up and noticed the sweat on his face and chest rolling down to his deeply carved AB muscles. ‘Mom was right’ Becky thought to herself, he looks almost like his father. She felt a flood of moisture between her legs and a tingle of excitement which made her even more embarrassed.
Ed used his shirt as a rag wiping most of the sweat off. He smiled at her and said, “Hi Becky.”
She smiled back as he walked past her to the refrigerator for a big glass of ice water.
Mrs. Johnson looked at Mrs. Anderson and said jokingly, “He didn’t even notice us. I guess he only has eyes for a certain lovely young lady.”
Ed hearing this stopped drinking in mid gulp and said, “I’m sorry Mrs. Anderson it’s nice to see you too.”
”That’s ok Ed,” she said while laughing, “You have your priorities in the right place.”
Both ladies laughed as Becky gave her mother a dirty look. She didn’t want her mother to embarrass her further especially in front of Ed so she stood and walked out the door in a huff.
Ed finished his drink and walked out the door after her. He caught up to her behind the house and asked, “Hey Becky what’s wrong?”
“Mother’s!” she said sulking.
Ed chuckled, “What did they say?”
“Oh nothing much, they were just teasing me.”
"Riguardo a cosa?" he asked trying to pry it out of her.
“Well, if I tell you do you promise not to get mad at me?”
He looked into her eyes and said in a serious tone, “Becky, I could never get mad at you.”
“Well,” she said trying to say it as delicately as she could, “please don’t get mad but last summer I told mom that you looked like a skinny scarecrow and when we saw you this morning she teased me about it.”
He chuckled again and said, “Ya I know what you mean. I looked at myself in the mirror last year and thought the same thing.”
She smiled, “Thanks for not getting mad.”
“How about now?” he asked holding his arms out to give her a good look at his shirtless body. “Do I still look skinny?”
She grinned as she moved her eyes slowly from his toes to his head and teased, “Well maybe a little but you look very handsome.”
He stepped closer to her and put his arms around her and hugging her. “Thanks, that was nice of you.”
Becky went up on her toes and put her arms around his neck and hugged him back. She strained her neck looking up at him wanting him to kiss her. He bent his head down to meet her lips and they kissed.
He noticed as she pressed her breasts into his chest that they seemed to be much larger than they were last year. Ed had a warm fuzzy feeling and was enjoying the sensation of being pressed up tight to Becky. They stayed in the embrace after the kiss and Ed said in a soft voice, “As long as we’re being honest I should tell you that for a long time I’ve always thought that you are the prettiest girl in school.”
Becky smiled and put her head against his chest and hugged him tighter.
They released their grip on each other when they heard the back door open. Becky’s mother called out to them in a loud excited voice, “Becky, Ed where are you?”
They heard the concern in her voice and ran around the corner of the house, “What’s wrong?” Becky said.
Both ladies were running towards the truck parked in the driveway, “Mr. Green is hurt,” Mrs. Anderson yelled, “hurry, we’ve got to go!”
All four of them jumped into the Anderson's truck and they raced to the Green farm as fast as the dirt road would allow. As they drove up the driveway they could see Mrs. Green waving her arms down by the milking parlor. As the truck slowed Ed opened the door and ran to the barn to find a very chaotic scene. The milking equipment was running, all three of the Green children were crying and Mr. Green was sitting on the ground holding his leg.
“Damn,” He said through clinched teeth, “I think my leg is broke.”
Mrs. Anderson having some first aid experience surveyed the scene and asked. “Can you stand on your other leg?”
“Yes I think so.” Egli ha detto.
Ed squatted down behind him and lifted him to his feet, then Mr. Green put his arm around his neck and he hopped to the truck with Ed’s help. They got him into the back seat and Mrs. Johnson said to Mrs. Green, “Go with them, we’ll watch the children and take care of things here.”
Ed watched the truck until it was out of sight and then went back to the barn. Becky was holding the youngest child who had stopped crying but was still sobbing.
“Take the children to the house,” Mrs. Johnson said to Becky, “and check to see that everything in the kitchen is off.”
Ed and his mother spent the next two hours finishing the milking and cleaning the barn. As they walked to the house Ed’s mother said, “Mr. Green is going to need a lot of help.”
“Ya I’ve been thinking about it and if you can handle things at home I’ll come over here and help out.”
Mrs. Johnson smiled at her son and had a feeling of pride. At his young age he already understood that the work needed to be done. He didn’t protest or whine about it he just sucked it up and would do what was necessary to help out. The cows didn’t care if you had a broken leg they needed to be milked twice a day, period.
For the next six weeks Ed was there every morning at four thirty to do the milking. It didn’t take long for the tight knit farming community to find out about Mr. Green’s situation. Phone calls were made and a ‘duty roster’ of sorts was set up. Every day someone different showed up to help out. The milk went out, the chores were done, and the Green farm barely skipped a beat.

It was a few years later. Ed was seventeen and a strapping young country boy who stood six foot two inches. He weighed in at one hundred and eighty pounds of solid muscle with not an ounce of fat. Becky, at sixteen had also matured into a slim trim five foot six inch blonde beauty.
They weren’t officially a couple, no ring had been given but most of the other student at school knew them to be a couple. Whenever there was an event or a gathering of friends, Ed and Becky always arrived and left together.
Mrs. Hall, one of the beloved teachers who had taught school for more than forty five years was retiring at the end of the school year. A large picnic was planned for the first week in June to celebrate her retirement. She had taught just about everyone who lived within thirty miles of the school including both Ed and Becky’s parents.
The picnic went well with everyone wishing her happiness on her retirement. Many stories were told by her during the picnic much to the embarrassment of some of her past students.
Mrs. York, the teacher who also doubled as the principal, began the search for a new teacher to take the place of Mrs. Hall. There weren’t many inquiries into the position and the few who did inquire politely declined after they found out how isolated the school was. It was over forty miles to a town that had a population of over five thousand people and the discount stores that we are all familiar with.
In mid August with just a few weeks before school was to start they finally found a qualified teacher who had just graduated for college. With the absents of apartments in the area they had promised her a small house in which to live that wasn’t too far from the school building on the out skirts of town.
Ms Karen Allen was a twenty two year old single mother of a three year old boy who had grown up in a big city a few hundred miles from there. Mrs. Anderson and Mrs. Johnson were members of the school board so they were the welcoming committee that met her upon her arrival. Ed, Becky, and her brother Matt also went along to help her move into her house.
Ed, Becky and the others were there waiting when Karen, with her parents following her, pulled into the driveway of her new house. Everyone greeted each other and Mrs. Johnson gave her the keys to the house after she unlocked it.
The house was clean but it needed to be painted before she could move in. Karen along with her parents surveyed the single story two bedroom house and decided on the colors to paint the rooms. Ed, Matt, and Mr. Allen stayed and prepared the house to be painted while the women drove into town to get the paint from the hardware store. When they returned everyone grabbed a brush or a roller and the painting was quickly finished around noon.
Becky didn’t do any painting, Karen’s son Mark had found her to his liking and it became her job to keep him entertained and away from the painting. All of the other school teachers showed up after the painting was finished with a picnic lunch and to meet their new colleague.
After lunch, everyone pitched in and helped carry in the furniture. Karen and her mother stood just inside the front door and directed where all of the furniture and boxes were to go. The kitchen and bathroom were given a good scrubbing and the beds were assembled. After the physical work was finished Ed, Matt, and Mr. Allen walked out onto the front porch.
Mr. Allen asked, “Where do you two live?”
Matt pointed down the road to the east and said, “Down that way about a half mile. You turn right on the dirt road, Ed lives on the first farm and I live on the second farm.”
“That’s good to hear; my daughter will have some friends that live close by.” He then asked, “Where’s the school house from here?”
Ed pointed down the road to the west and said, “It’s down that way about two miles. Just on the other side of town. You should have passed it on your way here.”
“You mean that small red brick building?”
“Yes, that’s it.” Ed replied. “There are only about sixty students in five classrooms. I heard my mom say that Miss Karen will probably be teaching fourth, fifth, and sixth grades.”
” Wow, that will be a big change for her.” Mr. Allen said, “The high school Karen went to had almost two thousand students.”
Matt chuckled and said, “There isn’t two thousand people total within forty miles of here.”
Mr. Allen sighed and said in a concerned voice, “I hope she’ll be ok way out here.”
Ed hearing his concern said, “Don’t worry Mr. Allen, folks take care of each other out here. Either Matt or I will keep the grass cut in the summer and the driveway plowed in the winter. Next weekend we’ll being her enough firewood to last the winter. If something goes wrong with the house or her car we can take care of that too.”
Mr. Allen patted Ed on the shoulder and said, “Thanks, that’s a load off my mind. I was real worried when she took this job. I tried to talk her out of taking it.”
It the late afternoon, most everything of Karen’s was unpacked and the furniture was arranged. Everyone except Ed and Becky left for home to do chores and the milking. Just before they left Mrs. Anderson invited them to their farm for dinner. Around six the Allen’s followed Ed and Becky to the farm for dinner.
Ed and Becky brought their guests down to see the milking parlor and the herd before dinner. Little Mark had become attached to Becky and she carried him on the tour to keep him out of the mud and manure. They were all fascinated with the milking equipment. Becky held little Mark up close to the fence so he could get a close up look at the cows. They all chuckled as Mark screamed when one of the cows stuck her tongue out and tried to lick him.
That evening when Ed and his mother drove home she said to him, “They’re nice people; I think she will be a good teacher.”
“Ya I think so too. Mr. Allen was worried about Karen being way out here all by herself, but I told him that we would look out for her.”
“That was nice of you to say Ed. Oh by the way; did you see the way that little Mark took to Becky?”
“Yes I saw. She held him quite a bit.” Ed said.
Mrs. Anderson sighed, “Becky is going to be a good mother someday. She has the natural instincts of knowing what a child needs.”
She grinned at Ed and said, “She’ll make you a good wife.”
Ed was at a loss for words. He looked at her with an open mouth not knowing what to say. Ed’s mother let the conversation hang and they rode the rest of the way home in silence.
The following day Karen hugged her parents and said good bye to them as they left around noon on their trip home. Mr. Allen told Karen what Ed had told him the day before about helping her out if she needed it.
Mrs. Johnson, Mrs. Anderson, and Becky came by just as they were leaving and picked up Karen and little Mark. They all rode the forty miles to the discount store for their weekly groceries. Karen had just put two gallons of milk into her shopping cart when Becky stopped her.
“Karen, you don’t have to buy milk, we’ve got plenty.”
Karen smiled and said, “Oh, this is going to be difficult getting used to having fresh milk all the time.”
Becky added, “Don’t buy any fruits or vegetables either. Next week we’ll be doing the canning, you’re welcome to come over and help. I sure mom and Mrs. Johnson will share some with you.”
“You mean you do your own canning too?”
“Yes we put up enough to last the whole year plus we sell a lot of it during the summer.” Becky added, “Did you notice the peach and apple trees in your back yard?”
"Veramente?" Karen said, “No I didn’t notice.”
“Ed and I will come over next week and help you pick them and we’ll get them canned.”
The following Saturday after Ed had finished the morning chores he drove their late seventies Dodge Power Wagon over to the Anderson farm and Matt, Becky, and Ed filled the eight foot bed to overflowing with firewood.
When they arrived at Karen’s house, Ed was thinking about what his mom had said to him the other night, he noticed when little Mark saw Becky he ran to her and put his arms up wanting her to pick him up. She picked him up giving him a kiss on the cheek.
They spent the next hour stacking the wood near Karen’s back porch. Karen helped out but had to stop and rest a few times putting her hands on her lower back massaging the muscles.
Karen said to no one in particular, “I don’t know if I’ll ever get used to this country work.”
Becky smiled as she continued stacking firewood, “The day has just started, after we finish here we have to get the peaches and apples picked, mom and Mrs. Johnson have already started canning.”
Karen groaned as she started stacking the firewood again. After the peaches and apples were picked, Karen and little Mark followed the truck over to the Johnson farm. They parked close to a small shed that was on the far side of the milking parlor. Karen noticed several dozen large containers of all shapes and sizes sitting outside the door filled with every kind of vegetable imaginable.
Karen, referring to the vegetables asked, “Where did all of this come from?”
Ed pointed behind the shed and said, “We have a garden over there. Come with me and I’ll show you.”
They walked around the shed and Karen’s mouth fell open when she saw what must have been a five acre garden planted with every kind of vegetable imaginable. Karen stopped dead in her tracks and said, “Wow, that’s the biggest garden I’ve ever seen.”
“Yes it’s pretty big and the Anderson’s have one just as big. My dad and Mr. Anderson are over there right now picking. If you like, I’ll come over to your house next spring and help you plant one.”
“You would do that for me? Thank you Ed.” Karen said, “Usually everything that I’ve ever tried to grow has died.”
“It’s not that difficult, once the soil is prepared right, it will grow.” Ed smiled at her then joked, “We’re farmers you know.”
They walked back into the shed and Karen saw five large pots of hot water sitting on a large wood burning stove, all of the women were working on different parts of the project.
Karen said, “I’ve never done anything like this before. What do you want me to do?”
Karen worked with them until late into the evening canning every type of food imaginable. When she arrived back home she was exhausted but very excited of the day’s events. After she tucked little Mark into bed she called her mother.
“Hi mom,” she said in an excited voice, “You’ll never guess what I did today!”
“You sound excited honey,” Mrs. Allen said, “What did you do?”
“Well, first thing this morning Ed, Matt, and Becky came over and we unloaded a huge truck load of firewood. Then we picked all of the ripe apples and peaches off the trees behind my house. I didn’t even know there were fruit trees back there!”
Karen continued talking a hundred miles an hour to her mother,” We brought them over to the Johnson farm and canned them!”
Mrs. Allen talked to her daughter for more than an hour that night. She was happy and relieved that the Anderson’s and Johnson’s had so readily accepted her daughter and included her into their daily lives. After the call was finished she told her husband how happy she sounded.
It took another two days of work before all of the canning was done. Karen helped carry the completed jars into the cellar for storage and was amazed to see several hundred jars of preserved food plus several large bins filled with potatoes.
“Anything you need Karen just ask and you can have it. With all of the work you’ve done we consider you a full partner.” Mrs. Johnson said. “Next year when you have a garden you’re welcome to bring everything over here and we’ll all work together to get it canned.”
Karen was amazed at what the Johnson’s and the Anderson’s gave her to bring home to stock her pantry. In less than a week of her arriving, she felt like she had known them for her whole life.
The following week Karen was invited back to the Anderson farm and helped in the slaughter of an eighteen hundred pound bull. She was horrified watc

Storie simili

La storia di Jeannie

Molti anni fa, quando avevo 15 anni, ho scoperto la scorta di riviste porno di mio padre. A quel punto sarei stato felice di vedere semplicemente una foto di un seno nudo. Tuttavia, i gusti di mio padre erano un po' più contorti del tipico porno di Playboy. La sua scorta includeva riviste di bondage, graphic novel e diverse copie della rivista Variations. Suppongo che sia stata questa scoperta e le innumerevoli ore che ho passato con quelle riviste a condurmi alla storia che devo raccontarti oggi. Ho letto ogni rivista e copertina del libro per coprire ogni possibilità che ho...

178 I più visti

Likes 0

Una ragazza di nome Areola Parte 06

Una ragazza di nome Areola e sua sorella di nome Beaver di Vanessa Evans Come al solito, è meglio leggere le parti precedenti prima di questa. Parte 06 Pigiama party da Jade Non avevamo idea di cosa avremmo fatto mentre eravamo lì, o cosa avremmo dovuto indossare, quindi abbiamo buttato una varietà di vestiti e altre cose in una piccola valigia e l'abbiamo messa in macchina. Poi abbiamo passato un'oretta in bagno facendoci apparire al meglio e sfogando un po' di eccitazione in ognuno di noi. Abbiamo indossato una gonna e una canotta, le gonne erano minigonne, non micro-mini, e le...

322 I più visti

Likes 0

La moglie di Rick parte 5 di 6

La storia del mio amico La moglie di Rick 5 (5 di 6) La scena: Bendata, ero in ginocchio sul soggiorno pavimento, le ginocchia divaricate, l'inguine stretto contro il sedere di Linda, la mia moglie, anche lei inginocchiata e seduta sui talloni. Linda, dentro volta, era inginocchiato tra le gambe tese di William, che seduto sul nostro divanetto. Ora, immagina questo: io, il signor eterosessuale, mi stavo sporgendo in avanti con le braccia intorno a mia moglie. La mia mano sinistra era posta su quella di Linda mano sinistra che strizzava e massaggiava le palle di William. Il mio diritto la...

222 I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

147 I più visti

Likes 0

Moglie violentata in Sudafrica

Mia moglie Elaine ed io abbiamo fatto una vacanza in Sudafrica l'anno scorso e abbiamo deciso di provare a vedere quanto più possibile del paese. Abbiamo volato a Johannesburg e abbiamo trascorso un paio di giorni a guardarci intorno. Abbiamo ricevuto molti avvertimenti sui pericoli della città, capitale mondiale degli omicidi, e abbiamo preso taxi ovunque. Le township sono state un vero shock culturale ma con una guida e stando nei trasporti, non abbiamo avuto problemi. Abbiamo viaggiato a Port Elizabeth e abbiamo affittato un bungalow, era bellissimo. Ci siamo rilassati e probabilmente eravamo meno consapevoli di ciò che ci circondava...

412 I più visti

Likes 0

Moglie perfidamente selvaggia

Era solo un altro martedì, un martedì come un altro, Barbara si stava vestendo per andare al lavoro e suo marito John si stava già svegliando. Sono sposati da oltre cinque anni e la loro relazione li ha tenuti entrambi soddisfatti. Entrambi hanno convenuto che non avrebbero voluto condividere l'un l'altro con nessun altro, essendo solo una famiglia sposata tradizionale e normale. Barbara amava John immensamente. Ha continuato a mostrare la sua cura per lei proprio come era quando si sono sposati. L'avrebbe baciata, abbracciata, fatto regali, parlato con le sue parole dolci, praticamente tutto. Era sicura che suo marito fosse...

287 I più visti

Likes 0

Quale videoregistratore?_(1)

Ho tenuto d'occhio Eric da quando ha iniziato a occuparsi di bar nel ristorante in cui lavoravo. Avevamo avuto alcune conversazioni casuali, ma niente che sembrava portare da nessuna parte. È stato frustrante da morire. Lo volevo tanto, ed ero determinato ad averlo. Giovedì è stata una serata presto per entrambi. Facevo il turno di pranzo così uscivo di lì verso le 6 ed Eric scendeva alle 10. Gli ho chiesto se sapeva qualcosa sui videoregistratori dato che avevo problemi a far funzionare correttamente il mio. Gli ho detto che la foto era tutta incasinata e poteva darci un'occhiata. Certo, ha...

193 I più visti

Likes 0

The Futa Fairy - Futa Doctor's Hot Wish Capitolo 1: Futa Desire della dottoressa Rita

La Fata Futa - Il caldo desiderio del dottore Futa Capitolo uno: Il desiderio futa della dottoressa Rita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 Era passato un mese da quella fatidica mattina in cui imparai qualcosa di impossibile. Qualcosa di straordinario. Qualcosa che mi faceva bagnare la figa quasi ogni mattina quando sprofondavo nel sonno durante il giorno. Sì, il giorno. Ho fatto il turno di notte al St. Claire's Hospital. Un mese fa, ero stato fermato dal poliziotto futa, l'agente Cindy. Il solo pensiero di quella futa prepotente ha reso la mia figa così bagnata. Rabbrividii nel mio camice...

159 I più visti

Likes 0

White Lucy, Dark Meat ch.1

Introduzione “Shhhh…. Shhhh. sibilò Chris, interrompendomi. Tieni la testa bassa... non guardare in alto... ti vedranno. La mia reazione istantanea, ovviamente, è stata quella di guardare dritto in alto. Fu allora che li vidi. Due neri, alti e robusti, che stavano tagliando la radura erbosa, dritti nella nostra direzione. Non so chi sia stato davvero più sorpreso, Chris o me stesso. Negli 8 mesi in cui siamo venuti qui abbiamo visto forse 3 persone tutte. Our Spot, come eravamo venuti a chiamarlo, era una vecchia riserva abbandonata e ricoperta di vegetazione, in riva al lago. Il nostro posto segreto Era accessibile...

141 I più visti

Likes 0

Tre possono mantenere un segreto se due sono... confusi

«Allora è deciso. Domani Ron va al lavoro e vede con cosa dobbiamo lavorare. disse Kim mentre si rannicchiava nel mio petto, e io l'ho abbracciata. Era stata una domenica mattina emozionante; prima con la russa e poi sesso con le due sorelle. Eravamo tutti un po' stanchi, ma eravamo ancora più affamati. Qualcuno a pranzo? ho chiesto Sto morendo di fame rispose Kim entusiasta Guardai Rachel, che sembrava essere in un altro mondo. “Rach? Pranzo? Ho riprovato. Rachel ruppe il suo sguardo nell'infinito, guardò me e poi Kim. Che cosa? lei ha detto “Pranzo? Sì, ho fame. Stai bene? ho...

109 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.