Kiara si unisce all'esercito - Capitolo 2

301Report
Kiara si unisce all'esercito - Capitolo 2

Kiara si trascinava nervosamente lungo il corridoio con le sue infradito. Avresti dovuto sfilare nell'ufficio del personale di addestramento con un'uniforme da lavoro immacolata, ma lei aveva deciso di andare com'era e dichiarare ignoranza se necessario. Dentro, sperava che il sergente istruttore ricordasse il loro momento fuori se fosse stata vestita con gli stessi abiti attillati in cui l'aveva vista prima. Mentre si preparava per andare in ufficio, aveva notato quanto i suoi pantaloncini fossero bagnati intorno all'inguine. C'era una macchia evidente che sarebbe stata visibile a chiunque avesse passato anche uno sguardo superficiale se non avesse stretto le gambe insieme. Si era fermata per un momento mentre li tirava su, sapendo che avrebbe dovuto almeno cambiarli per conservare qualche briciolo di dignità della giornata, ma andò com'era, eccitata per il suo stato disordinato. Una vocina dentro di lei diceva che voleva essere vista così, aveva visto l'effetto che aveva avuto sul suo sergente istruttore e dentro di lei era nato un germoglio di fiducia sessuale.

Kiara era stata completamente esposta oggi, i suoi ormoni le stavano inondando il flusso sanguigno ed era ancora così disperatamente eccitata dalla sua sessione di masturbazione interrotta nel gabinetto. Annusò sottilmente le sue dita e confermò ciò che già sapeva. Chiunque nelle immediate vicinanze saprebbe quanto fosse eccitata senza nemmeno guardare la macchia che si allarga tra le sue gambe, si poteva sentire l'odore della nitidezza della figa sulle sue dita e che emanava tra le sue gambe. Era un pasticcio, un pasticcio tremante di ormoni ed erotismo ed era sopraffatta dall'energia nervosa mentre camminava verso il suo destino.

Kiara si avvicinò all'ufficio e sbirciò dentro. Non riusciva a vedere nessuno lì dentro e tirò un udibile sospiro di sollievo. Qualunque cosa stesse per succederle non avrebbe avuto un pubblico. Ha capovolto mentalmente il pensiero sulla sua testa e si è resa conto che sarebbe stata sola con la persona che era la causa del suo stato. Quest'uomo aveva avuto una reazione fisica significativa alla sua figa scoperta meno di un'ora prima e ora doveva stare da sola con lui. Esitò, ma fu vista. "Recluta! Qui dentro..." disse una voce profonda e imponente da un piccolo ufficio laterale in cui non era mai stata prima. Si considerava una "brava ragazza" e non aveva avuto problemi seri fino a quel momento durante il corso, che era l'unico motivo per essere convocata all'ufficio dei sergenti addestratori in circostanze normali.

Timidamente, Kiara entrò nell'ufficio del sergente istruttore, si chiuse la porta alle spalle, ma non riuscì a guardarlo negli occhi. I suoi occhi saettarono a destra ea sinistra e divenne acutamente consapevole di quanto fosse confinato l'ufficio. C'era una piccola scrivania di fronte a lei e due morbide sedie senza braccioli dietro di lei, ma a parte la sedia su cui sedeva il suo sergente istruttore, non c'era spazio per nient'altro. Davanti a lei sulla scrivania c'era la sua biancheria intima. Sciolti ora, si sono seduti esattamente al centro della scrivania. "Immagino che tu sappia perché sei qui?" chiese. Era una domanda retorica, e lei rimase in silenzio, i suoi occhi continuavano a concentrarsi sulle sue mutande, ancora incapaci di incontrare i suoi occhi. "Quello che è successo oggi non era accettabile", ha affermato, "e dovrai essere punito". In silenzio, pensava che questo giudizio fosse duro con lei, ma non aveva intenzione di discutere. "Sei d'accordo? Hai bisogno di una punizione? GUARDAMI QUANDO MI RIVOLGO A TE!" L'improvviso cambiamento di tono la fece sussultare ei suoi occhi si alzarono per incontrare i suoi. Non sembrava arrabbiato, sembrava calmo. Adesso era nel suo mondo e lui aveva il controllo completo. Chiaramente, l'incidente in precedenza, quando si era imbattuto nel suo culo e nella figa scoperti in piena vista al sole, lo aveva colto alla sprovvista, ma l'equilibrio del potere era ancora una volta nelle sue mani. "Sì, merito di essere punita, sergente istruttore" riuscì a squittire. La sua voce tremava mentre parlava.

Il sergente istruttore si alzò da dietro la sua scrivania e Kiara non poté fare a meno di notare che non indossava la sua cintura standard e che i suoi pantaloni erano notevolmente stretti intorno all'inguine. La cintura era tenuta nella mano destra e piegata a metà tre o quattro volte. Fece un passo laterale attorno alla sua scrivania e la superò per metà sul lato sinistro. Mentre le passava accanto, il suo inguine le sfiorò l'anca, in parte a causa delle dimensioni dell'ufficio, in parte intenzionalmente, ha valutato. In silenzio, rimase immobile e alzò leggermente il mento nel tentativo di mantenere la calma. Le sue viscere tremavano selvaggiamente, la sua bocca era secca e sembrava che tutta l'umidità del suo corpo le stesse inondando l'inguine mentre il nervosismo e l'attesa della sua imminente punizione la facevano impazzire per l'eccitazione. Nella sua testa, Kiara era in subbuglio. Aveva a malapena baciato un ragazzo prima ed eccola qui, fradicia dopo essersi esposta pubblicamente a un uomo più anziano e al suo superiore prima di masturbarsi mentre ricordava l'incidente. Sentì il palmo del suo sergente istruttore sulla parte bassa della schiena. La forza applicata era morbida ma chiara, si piegò in avanti fino ai fianchi finché la testa non poggiò sulla scrivania, proprio dove giacevano le mutande. Su di esso poteva annusare se stessa e l'inconfondibile odore di un uomo. Non era qualcosa a cui era abituata con le mutande, ma lo trovava incredibilmente eccitante. L'effetto del movimento significava che le sue gambe si giravano naturalmente verso l'interno, allargando i fianchi e le guance. Non c'era modo che il suo sergente istruttore non sarebbe stato in grado di vedere la macchia bagnata che si era rapidamente allargata che si era formata tra le sue gambe e aveva macchiato i suoi pantaloncini da corsa. Con le gambe aperte, Kiara sentì e sentì contemporaneamente la reazione del suo sergente istruttore. La sua asta si contrasse contro il suo fianco e inspirò.

Prendendosi un momento per ricomporsi, il Sergente Istruttore le si fece dietro e Kiara lo sentì accovacciato. Ora non c'era dubbio che avesse una visione completa dei suoi pantaloncini da corsa fradici e persino lei poteva sentire l'odore acuto dei suoi succhi nel piccolo spazio. Le mani trovarono i lati dei suoi pantaloncini e le afferrarono la cintura. Costantemente le tirarono giù i pantaloncini ma si incastrarono tra le sue cosce. Kiara sapeva che non c'era modo di resistere a ciò e permise alle sue gambe di continuare il loro raggio di movimento, inarcò leggermente la schiena e le sue gambe si aprirono per rilasciare il suo ultimo brandello di modestia. Ancora non indossava biancheria intima, che sarebbe comunque inutile ora, la sua figa era ancora una volta esposta a quest'uomo. La sua figa bagnata era orgogliosamente in mostra, poteva sentire il debole solletico del suo respiro tra le gambe e sentiva le gambe iniziare a tremare per l'attesa. Desiderava respingere, sentire lui entrare in contatto con il suo sesso e darle piacere. Il nervosismo le aveva congelato il cervello, era completamente compiacente e avrebbe fatto qualsiasi cosa le fosse stato comandato a questo punto. Non riusciva a pensare a nient'altro che a quanto desiderasse, o avesse bisogno, di sentire il suo tocco. Voleva essere rivendicata e presa. Era qui, docile e obbediente, lui la voleva? Internamente, ha supplicato di sentire l'asta spessa di quest'uomo perforare il suo imene e deflorarla sulla scrivania. Perché non la stava scopando? Perché non la stava già rendendo una donna?

'Colpo!' Dopo un breve periodo di immobilità, la prima cosa che Kiara seppe fu un'esplosione di dolore che si inarcava dal punto dell'impatto sulla sua guancia destra. Come aveva sospettato, la cintura era stata preparata come un corto flagello. Sentì la spessa cinghia di cuoio alzarsi e cadere sulla sua morbida carne esposta con forza e guaì forte mentre sussultava. Istintivamente, una mano strinse la scrivania per sostenersi e l'altra si morse per cercare di attutirsi dal dolore della sculacciata. Strinse gli occhi e il suo respiro si fece bollente.

Rapidamente, Kiara perse il conto degli urti contro la sua pelle. Ognuno la dondolava in avanti sulle sue infradito mentre il dolore sconvolgeva il suo sistema. Era sdraiata sulla scrivania e si sentiva gli occhi pizzicarle dalle lacrime, ma invece di essere turbata, era in un mondo di piacere. Era sul punto di perdere il controllo. Tutto ciò che voleva fare era abbandonare la sua solita timidezza e montare su quest'uomo che le stava causando un tale dolore e un'eccitazione primordiale. Era una maniaca per essere stata così eccitata dalla sua esposizione e dallo stimolo fisico di essere stata sculacciata così spietatamente? Mentre i colpi continuavano, sentì dei lividi rosa brillante che le salivano sulle guance. Con sorprendente precisione, il sergente istruttore trovò più e più volte lo stesso punto. L'unica tregua disponibile era l'occasionale passaggio tra le guance. Il suo dito era stato morso forte ora, il dolore quasi uguale al martellamento a cui erano state sottoposte le chiappe. Se lo tolse dalla bocca e le sue labbra trovarono l'unico altro oggetto a sua disposizione, la biancheria sporca. Assaggiò i suoi succhi imbevuti nella biancheria intima che ora veniva usata per attutire i suoi gemiti, ma c'era anche un altro sapore lì. Sapeva di uomo, salato e amaro, non aveva mai assaggiato lo sperma di un uomo prima e sperava che fosse quello che era. La miscela delle sue stesse mutande sporche, del succo della sua figa e qualunque cosa il suo Sergente Istruttore le avesse lasciato addosso, l'ha trovata inebriante. Adesso bastava, aveva bisogno che lui la prendesse.

Storie simili

Il destino come un vampiro

Quindi sono sicuramente uno scrittore dilettante, ma questa fantasia è stata nella mia mente ultimamente. Ho sentito che il modo migliore per assecondarlo era farlo uscire su carta, per così dire. Tieni presente che lo stavo scrivendo più per me stesso che per qualsiasi altra cosa, ma mi sentivo come se dovessi condividerlo, nel caso in cui qualcun altro lo apprezzasse. Questa è solo la seconda storia erotica che scrivo, quindi per favore, andateci piano con me. Mi piacerebbe critiche o commenti costruttivi, e se ricevo feedback positivi, prenderò in considerazione un sequel, o una serie, o qualunque cosa faccia galleggiare...

92 I più visti

Likes 0

La mia figliastra mi sta facendo impazzire (Parte 9)

È passata una settimana. Sono ancora incredulo su quello che è successo tra me e la mia figliastra Nadine giovedì sera. Le ho davvero sborrato nel culo? Quindi ha davvero spinto il mio sperma fuori dal suo culo e me lo ha spalmato su tutto il corpo? Dopo, mi ha davvero pisciato sul cazzo sotto la doccia mentre stavo venendo? Ho davvero infilato il mio cazzo nel suo culo e ho fatto pipì nel suo culo mentre lei stava venendo? Tutto questo suona così selvaggio. Così incredibile. Ma so che è successo. È solo difficile da elaborare. Ho fantasticato su Nadine...

665 I più visti

Likes 1

Nicole, l'amica di mia sorella

Questa è una storia completamente vera e cercherò di raccontarla nel modo più accurato che posso ricordare. Spero vi piaccia e fatemi sapere se volete la seconda parte. Mi chiamo Kevin e questa è la storia della mia estate prima del college. Era l'estate dopo che mi sono diplomato al liceo ed ero felice di avere un'estate per rilassarmi prima di iniziare l'università. Avevo una sorella, Caitlin, un anno più grande di me che aveva finito il suo primo anno di college. Ho anche avuto un fratello minore alle medie. Ora un po' di background su me stesso. Non sono particolarmente...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

887 I più visti

Likes 0

Appuntamento notturno da ricordare

Mentre ti tenevo stretto, l'acqua calda è caduta sui nostri corpi, tenendoci al caldo durante il nostro abbraccio appassionato. Era il nostro appuntamento notturno settimanale e abbiamo deciso di finirlo il più intimamente possibile. Abbiamo deciso di fare una doccia calda e buia insieme mentre le canzoni d'amore suonavano dal nostro altoparlante. Era assolutamente perfetto. Sentirti tra le mie braccia nell'oscurità più assoluta, aggiungeva questo senso di vicinanza che non sentivo da un po'. Non potevo fare a meno di baciarti. All'inizio con delicatezza, ma col passare del tempo ho trovato sempre più difficile contenere il mio amore per te. Ti...

248 I più visti

Likes 0

L'impiegato

È venerdì sera! Tecnicamente, è lunedì. Ma il mio programma di lavoro mi lascia libero il lunedì e il martedì, quindi quelle sono le serate in cui esco e mi diverto. Tuttavia, la mia idea di divertimento è diversa dalla maggior parte... Non passo le mie notti a casa; diavolo, non li spendo nemmeno nella mia città natale. Guiderò trenta, quaranta miglia fuori strada per divertirmi. Non vado nei club o nei bar. Non esco e non vado a organizzare feste, né mi ubriaco di merda e mi prostituisco con il primo ragazzo che mi viene a prendere da terra. Vado...

278 I più visti

Likes 0

Classe di schiavitù

“Benvenuta classe, alla prima lezione di...” il giovane insegnante maschio si avvicina alla lavagna, raccogliendo il gesso e scrivendolo a caratteri cubitali “BONDAGE 101” Tra gli studenti scoppia un ruggito di risate e risate, una presenza relativamente ridotta di sole 10 persone circa, 9 delle quali maschi e una femmina che non sembrava affatto appartenere a quel posto. Vestito con una gonna lunga con trecce e classi. Lentiggini chiare da abbinare alla sua pelle pallida. Con gli occhi bassi su un libro, senza prestare molta attenzione all'insegnante o agli altri studenti del resto. L'insegnante ha proseguito “Se sei venuto qui per...

216 I più visti

Likes 0

Cameriera di latte cremoso

Cameriera di latte cremoso Kelsey Diaz aveva sempre avuto ragazzi dopo di lei, anche alle elementari. C'era solo qualcosa in lei che sembrava attirarli. Non lo capiva davvero quando era una ragazzina, ma era diventato almeno un po' più ovvio quando aveva frequentato il liceo. Kelsey era un bel mix di latino e nativo americano, circa un quarto nativo americano per quanto ne sapeva. Ma ciò che significava fisicamente per lei era che era quella che i ragazzi chiamavano una bomba totale. Sospettava segretamente che a volte volessero solo stare con lei per avvicinarsi alla sua famigerata mamma pornostar. A volte...

194 I più visti

Likes 0

Le tette si fanno bang bang

Ancora una volta vi porto la copia scritta di un'avventura interrazziale più recente. Proprio come prima, adoro ricevere posta da tutti voi e se non ricevete una risposta da me la prima volta, diavolo, scrivetemi di nuovo. Un piccolo retroscena per questa storia: è successo una notte l'estate scorsa. Stavo tornando a casa da un club (mio marito è stato via per la settimana - allenamento). A circa ¼ della strada di casa, la mia macchina ha iniziato a fare i capricci e alla fine ha ceduto. Usando il mio cellulare e una rubrica di una stazione di servizio vicina, ho...

1.1K I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

989 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.