Kiara si unisce all'esercito - Capitolo 2

1.3KReport
Kiara si unisce all'esercito - Capitolo 2

Kiara si trascinava nervosamente lungo il corridoio con le sue infradito. Avresti dovuto sfilare nell'ufficio del personale di addestramento con un'uniforme da lavoro immacolata, ma lei aveva deciso di andare com'era e dichiarare ignoranza se necessario. Dentro, sperava che il sergente istruttore ricordasse il loro momento fuori se fosse stata vestita con gli stessi abiti attillati in cui l'aveva vista prima. Mentre si preparava per andare in ufficio, aveva notato quanto i suoi pantaloncini fossero bagnati intorno all'inguine. C'era una macchia evidente che sarebbe stata visibile a chiunque avesse passato anche uno sguardo superficiale se non avesse stretto le gambe insieme. Si era fermata per un momento mentre li tirava su, sapendo che avrebbe dovuto almeno cambiarli per conservare qualche briciolo di dignità della giornata, ma andò com'era, eccitata per il suo stato disordinato. Una vocina dentro di lei diceva che voleva essere vista così, aveva visto l'effetto che aveva avuto sul suo sergente istruttore e dentro di lei era nato un germoglio di fiducia sessuale.

Kiara era stata completamente esposta oggi, i suoi ormoni le stavano inondando il flusso sanguigno ed era ancora così disperatamente eccitata dalla sua sessione di masturbazione interrotta nel gabinetto. Annusò sottilmente le sue dita e confermò ciò che già sapeva. Chiunque nelle immediate vicinanze saprebbe quanto fosse eccitata senza nemmeno guardare la macchia che si allarga tra le sue gambe, si poteva sentire l'odore della nitidezza della figa sulle sue dita e che emanava tra le sue gambe. Era un pasticcio, un pasticcio tremante di ormoni ed erotismo ed era sopraffatta dall'energia nervosa mentre camminava verso il suo destino.

Kiara si avvicinò all'ufficio e sbirciò dentro. Non riusciva a vedere nessuno lì dentro e tirò un udibile sospiro di sollievo. Qualunque cosa stesse per succederle non avrebbe avuto un pubblico. Ha capovolto mentalmente il pensiero sulla sua testa e si è resa conto che sarebbe stata sola con la persona che era la causa del suo stato. Quest'uomo aveva avuto una reazione fisica significativa alla sua figa scoperta meno di un'ora prima e ora doveva stare da sola con lui. Esitò, ma fu vista. "Recluta! Qui dentro..." disse una voce profonda e imponente da un piccolo ufficio laterale in cui non era mai stata prima. Si considerava una "brava ragazza" e non aveva avuto problemi seri fino a quel momento durante il corso, che era l'unico motivo per essere convocata all'ufficio dei sergenti addestratori in circostanze normali.

Timidamente, Kiara entrò nell'ufficio del sergente istruttore, si chiuse la porta alle spalle, ma non riuscì a guardarlo negli occhi. I suoi occhi saettarono a destra ea sinistra e divenne acutamente consapevole di quanto fosse confinato l'ufficio. C'era una piccola scrivania di fronte a lei e due morbide sedie senza braccioli dietro di lei, ma a parte la sedia su cui sedeva il suo sergente istruttore, non c'era spazio per nient'altro. Davanti a lei sulla scrivania c'era la sua biancheria intima. Sciolti ora, si sono seduti esattamente al centro della scrivania. "Immagino che tu sappia perché sei qui?" chiese. Era una domanda retorica, e lei rimase in silenzio, i suoi occhi continuavano a concentrarsi sulle sue mutande, ancora incapaci di incontrare i suoi occhi. "Quello che è successo oggi non era accettabile", ha affermato, "e dovrai essere punito". In silenzio, pensava che questo giudizio fosse duro con lei, ma non aveva intenzione di discutere. "Sei d'accordo? Hai bisogno di una punizione? GUARDAMI QUANDO MI RIVOLGO A TE!" L'improvviso cambiamento di tono la fece sussultare ei suoi occhi si alzarono per incontrare i suoi. Non sembrava arrabbiato, sembrava calmo. Adesso era nel suo mondo e lui aveva il controllo completo. Chiaramente, l'incidente in precedenza, quando si era imbattuto nel suo culo e nella figa scoperti in piena vista al sole, lo aveva colto alla sprovvista, ma l'equilibrio del potere era ancora una volta nelle sue mani. "Sì, merito di essere punita, sergente istruttore" riuscì a squittire. La sua voce tremava mentre parlava.

Il sergente istruttore si alzò da dietro la sua scrivania e Kiara non poté fare a meno di notare che non indossava la sua cintura standard e che i suoi pantaloni erano notevolmente stretti intorno all'inguine. La cintura era tenuta nella mano destra e piegata a metà tre o quattro volte. Fece un passo laterale attorno alla sua scrivania e la superò per metà sul lato sinistro. Mentre le passava accanto, il suo inguine le sfiorò l'anca, in parte a causa delle dimensioni dell'ufficio, in parte intenzionalmente, ha valutato. In silenzio, rimase immobile e alzò leggermente il mento nel tentativo di mantenere la calma. Le sue viscere tremavano selvaggiamente, la sua bocca era secca e sembrava che tutta l'umidità del suo corpo le stesse inondando l'inguine mentre il nervosismo e l'attesa della sua imminente punizione la facevano impazzire per l'eccitazione. Nella sua testa, Kiara era in subbuglio. Aveva a malapena baciato un ragazzo prima ed eccola qui, fradicia dopo essersi esposta pubblicamente a un uomo più anziano e al suo superiore prima di masturbarsi mentre ricordava l'incidente. Sentì il palmo del suo sergente istruttore sulla parte bassa della schiena. La forza applicata era morbida ma chiara, si piegò in avanti fino ai fianchi finché la testa non poggiò sulla scrivania, proprio dove giacevano le mutande. Su di esso poteva annusare se stessa e l'inconfondibile odore di un uomo. Non era qualcosa a cui era abituata con le mutande, ma lo trovava incredibilmente eccitante. L'effetto del movimento significava che le sue gambe si giravano naturalmente verso l'interno, allargando i fianchi e le guance. Non c'era modo che il suo sergente istruttore non sarebbe stato in grado di vedere la macchia bagnata che si era rapidamente allargata che si era formata tra le sue gambe e aveva macchiato i suoi pantaloncini da corsa. Con le gambe aperte, Kiara sentì e sentì contemporaneamente la reazione del suo sergente istruttore. La sua asta si contrasse contro il suo fianco e inspirò.

Prendendosi un momento per ricomporsi, il Sergente Istruttore le si fece dietro e Kiara lo sentì accovacciato. Ora non c'era dubbio che avesse una visione completa dei suoi pantaloncini da corsa fradici e persino lei poteva sentire l'odore acuto dei suoi succhi nel piccolo spazio. Le mani trovarono i lati dei suoi pantaloncini e le afferrarono la cintura. Costantemente le tirarono giù i pantaloncini ma si incastrarono tra le sue cosce. Kiara sapeva che non c'era modo di resistere a ciò e permise alle sue gambe di continuare il loro raggio di movimento, inarcò leggermente la schiena e le sue gambe si aprirono per rilasciare il suo ultimo brandello di modestia. Ancora non indossava biancheria intima, che sarebbe comunque inutile ora, la sua figa era ancora una volta esposta a quest'uomo. La sua figa bagnata era orgogliosamente in mostra, poteva sentire il debole solletico del suo respiro tra le gambe e sentiva le gambe iniziare a tremare per l'attesa. Desiderava respingere, sentire lui entrare in contatto con il suo sesso e darle piacere. Il nervosismo le aveva congelato il cervello, era completamente compiacente e avrebbe fatto qualsiasi cosa le fosse stato comandato a questo punto. Non riusciva a pensare a nient'altro che a quanto desiderasse, o avesse bisogno, di sentire il suo tocco. Voleva essere rivendicata e presa. Era qui, docile e obbediente, lui la voleva? Internamente, ha supplicato di sentire l'asta spessa di quest'uomo perforare il suo imene e deflorarla sulla scrivania. Perché non la stava scopando? Perché non la stava già rendendo una donna?

'Colpo!' Dopo un breve periodo di immobilità, la prima cosa che Kiara seppe fu un'esplosione di dolore che si inarcava dal punto dell'impatto sulla sua guancia destra. Come aveva sospettato, la cintura era stata preparata come un corto flagello. Sentì la spessa cinghia di cuoio alzarsi e cadere sulla sua morbida carne esposta con forza e guaì forte mentre sussultava. Istintivamente, una mano strinse la scrivania per sostenersi e l'altra si morse per cercare di attutirsi dal dolore della sculacciata. Strinse gli occhi e il suo respiro si fece bollente.

Rapidamente, Kiara perse il conto degli urti contro la sua pelle. Ognuno la dondolava in avanti sulle sue infradito mentre il dolore sconvolgeva il suo sistema. Era sdraiata sulla scrivania e si sentiva gli occhi pizzicarle dalle lacrime, ma invece di essere turbata, era in un mondo di piacere. Era sul punto di perdere il controllo. Tutto ciò che voleva fare era abbandonare la sua solita timidezza e montare su quest'uomo che le stava causando un tale dolore e un'eccitazione primordiale. Era una maniaca per essere stata così eccitata dalla sua esposizione e dallo stimolo fisico di essere stata sculacciata così spietatamente? Mentre i colpi continuavano, sentì dei lividi rosa brillante che le salivano sulle guance. Con sorprendente precisione, il sergente istruttore trovò più e più volte lo stesso punto. L'unica tregua disponibile era l'occasionale passaggio tra le guance. Il suo dito era stato morso forte ora, il dolore quasi uguale al martellamento a cui erano state sottoposte le chiappe. Se lo tolse dalla bocca e le sue labbra trovarono l'unico altro oggetto a sua disposizione, la biancheria sporca. Assaggiò i suoi succhi imbevuti nella biancheria intima che ora veniva usata per attutire i suoi gemiti, ma c'era anche un altro sapore lì. Sapeva di uomo, salato e amaro, non aveva mai assaggiato lo sperma di un uomo prima e sperava che fosse quello che era. La miscela delle sue stesse mutande sporche, del succo della sua figa e qualunque cosa il suo Sergente Istruttore le avesse lasciato addosso, l'ha trovata inebriante. Adesso bastava, aveva bisogno che lui la prendesse.

Storie simili

La vita di lex parte 1_ (3)

Mi ero quasi abituato alle entrate non annunciate di Lex nella mia stanza. Le avevo chiesto di smetterla di irrompere nuda, quindi ora di solito erano coinvolti mutandine e reggiseno o un asciugamano se si fosse appena fatta la doccia. Esci? sbottò lei invece di un saluto. Indossava pantaloncini del pigiama extra corti e una canotta. Dall'esperienza passata sapevo che probabilmente non aveva le mutandine sotto. I suoi seni, trattenuti a malapena dalla maglietta attillata, rendevano più che evidente che non indossava un reggiseno. Ciao Lex, come stai? Ho pensato che forse potevo evitare la domanda. Sto benissimo, tu sei fantastico...

2.1K I più visti

Likes 0

Le avventure di Jessica 4!

Le avventure di Jessica 4 Note dell'autore: Ehi gente, questa è la mia quarta storia della serie e non vedo l'ora di ricevere un feedback. Adoro scrivere queste storie, ma sono molto impegnato ora, quindi potrebbe passare un po' di tempo tra le storie. Amo tutti i miei fan e odio i miei non fan, lol, beh, non ti odio davvero, mi chiedo solo perché non ti piacciono le mie storie. Ci sarà incesto in questa storia, e se odi l'incesto, non leggerlo. Questa è la quarta avventura di Jessica nella serie e, in futuro, fai attenzione a un ospite speciale...

2.2K I più visti

Likes 3

Le tette si fanno bang bang

Ancora una volta vi porto la copia scritta di un'avventura interrazziale più recente. Proprio come prima, adoro ricevere posta da tutti voi e se non ricevete una risposta da me la prima volta, diavolo, scrivetemi di nuovo. Un piccolo retroscena per questa storia: è successo una notte l'estate scorsa. Stavo tornando a casa da un club (mio marito è stato via per la settimana - allenamento). A circa ¼ della strada di casa, la mia macchina ha iniziato a fare i capricci e alla fine ha ceduto. Usando il mio cellulare e una rubrica di una stazione di servizio vicina, ho...

2.2K I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

2.3K I più visti

Likes 0

Un weekend non così noioso

Solo per Holly! :-P Era proprio come tutti gli altri venerdì che erano passati quest'anno. La scuola durava 48 ore e iniziava la ripetizione che era diventata il suo fine settimana. La maggior parte delle persone vedeva il proprio fine settimana come un momento per uscire e divertirsi, Naomi invece li considerava troppo lunghi e noiosi. Non aveva molti amici in questa nuova città e non guidava, quindi non poteva scappare in spiaggia. I fine settimana non avevano nulla in serbo per lei. Naomi ha riflettuto su cosa avrebbe potuto fare per intrattenersi questo fine settimana mentre apriva la porta, buttava...

2K I più visti

Likes 0

Vicini cattivi_(1)

Mi sono svegliato la mattina dopo con il luminoso sole mattutino di luglio che entrava dalla finestra. con un sorriso stampato in faccia ma ho ancora un leggero senso di colpa nello stomaco dalla sera prima. Mi sono girato per controllare l'ora e ho notato che Tony stava ancora dormendo. Erano le 8.50 di mattina. Mi alzai dal letto e mi tuffai subito nella doccia. Una volta fuori, con un asciugamano addosso, scesi le scale per farmi una tazza di caffè. In piedi in cucina, caffè in mano quando Andy stava tornando da una delle sue corse mattutine. Si era tolto...

2K I più visti

Likes 0

Uno stile di vita oscillante, capitolo 3

Dato che ora operavo da single, ho deciso di rispondere ad alcuni annunci in una rivista di scambisti. Ho provato a cercare le coppie che volevano qualcosa di insolito, e ho detto in ogni risposta che ero disposto a provare qualcosa che non fosse pericoloso o doloroso. Nessuno degli annunci a cui ho risposto aveva menzionato il sesso bisessuale, ma ho pensato che qualsiasi ragazzo che cercava di condividere sua moglie con un altro ragazzo probabilmente stava segretamente pensando di provarlo. Si è scoperto che ero praticamente sui soldi. Ho ricevuto una risposta positiva da più della metà delle mie lettere...

2.3K I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

2K I più visti

Likes 0

Moglie violentata in Sudafrica

Mia moglie Elaine ed io abbiamo fatto una vacanza in Sudafrica l'anno scorso e abbiamo deciso di provare a vedere quanto più possibile del paese. Abbiamo volato a Johannesburg e abbiamo trascorso un paio di giorni a guardarci intorno. Abbiamo ricevuto molti avvertimenti sui pericoli della città, capitale mondiale degli omicidi, e abbiamo preso taxi ovunque. Le township sono state un vero shock culturale ma con una guida e stando nei trasporti, non abbiamo avuto problemi. Abbiamo viaggiato a Port Elizabeth e abbiamo affittato un bungalow, era bellissimo. Ci siamo rilassati e probabilmente eravamo meno consapevoli di ciò che ci circondava...

3.5K I più visti

Likes 0

La scommessa_(6)

Molti anni fa, ero completamente innamorata del mio migliore amico Jim. In realtà, sono stato il primo amico di sua moglie, ma sapevo che non erano felici. Mi diceva sempre che era una macchina del sesso, che lo voleva sempre e con posizioni folli. Ogni volta che mi trovavo tra fidanzati, mi chiedevo come sarebbe stato il cazzo di Jim nella mia figa. Non ho mai agito per lealtà verso sua moglie. Sapevo che tradiva molto e a volte pensavo che fosse con le sue benedizioni. Un giorno mi chiamò per dirmi che finalmente lo aveva lasciato. È andata a Parigi...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.