Jilly

359Report
Jilly

Ho sedotto, costretto o imposto me stesso a una ragazza giovane, minorenne. Chiamalo come vuoi, ma è successo, mi vergogno di averlo fatto, dopo la prima volta, ma ho continuato a godermi ciò che ho cospirato perché accadesse, ancora e ancora. Una storia vera che fortunatamente è andata bene, sarebbe potuta andare dall'altra parte! Perchè è successo? Sono un ragazzo, sposato da 15 anni e ad essere sincero annoiato di scopare mia moglie, che era passata dal godersi il sesso a sopportarlo. Avevo bisogno di un po' di spezie, qualcosa per farmi sapere che potevo ancora "tirare", qualcosa per aumentare il mio ego. Queste sono le mie scuse!

Possedevo un po' di terra, sul retro della mia casa, non avendone alcuna utilità, l'ho affittato a una donna del posto e a una delle sue figlie perché tenesse il loro pony. Sarah era una donna bassa, larga nel raggio, quella che potresti descrivere come una "ragazza di campagna". Jilly, la sua figlia più piccola non assomigliava per niente a sua madre. Anche se dall'aspetto abbastanza semplice era una bionda con la coda di cavallo, molto magra, di 15 anni ma aveva un mucchio di tette troppo grandi per il suo corpo piccolo, sembrava che fosse apparsa dall'oggi al domani! Ho spesso flirtato con Sarah con doppi significati e suggerimenti che potrebbero essere presi in entrambi i modi. Niente di dannoso e non ne è mai venuto fuori nulla. Jilly era, che, credevo, troppo giovane e ingenua per capire le battute, si limitava a sorridere mentre io e sua madre ci divertivamo verbalmente.

Un fine settimana, poiché le circostanze sarebbero prevalse, mia moglie sarebbe andata via per un fine settimana lungo, io non potevo per impegni di lavoro e anche Sarah e suo marito e la figlia maggiore sarebbero andati via. Jilly doveva restare a casa e badare al pony. Sarah mi ha chiesto se volevo tenere d'occhio Jilly e assicurarmi che fosse al sicuro dopo aver cavalcato da sola, cosa che non ha mai fatto. Accettai e mi offrii persino di cucinare il tè per la giovane Jilly.

Venerdì sera ho salutato mia moglie, ho parlato di nuovo con Sarah, di fronte a Jilly, in modo che tutti sapessimo cosa stava succedendo durante il fine settimana. Jilly era la sua solita timidezza e sorrideva sempre mentre Sarah spiegava che doveva fare come le avevo detto, non per rispondere o mettere in discussione le mie istruzioni. Sarah era sempre stata severa, Jilly sempre pronta a eseguire qualsiasi istruzione, il che avrebbe reso il mio fine settimana interessante. Stavo già pianificando quello che stavo per fare, la mia mente correva e il sangue scorreva in regioni ovvie del mio corpo, mentre Sarah parlava con Jilly deve essere stato ovvio quando ho catturato Jilly, prima guardando in basso mentre riceveva i suoi ordini e poi sembrava che stesse guardando il mio inguine, i suoi occhi si spalancarono mentre alzava leggermente lo sguardo da terra.

Sabato mattina, ho lavorato e finito all'ora di pranzo. Jilly è scesa per scacciare il suo pony ed è tornata a casa. È tornata verso le 15:00, ha cavalcato il suo pony ed è andata a fare un giro. Ho tenuto d'occhio il suo ritorno, 2 ore dopo. Mi sono assicurato di essere nei paraggi quando è tornata. Cavalcò fino alla sua stalla e smontò. Non ho potuto fare a meno di notare l'enorme macchia di umidità sui suoi pantaloni, ovviamente si era divertita a cavalcare. "Quando hai finito di buttare fuori il tuo pony, ho una pizza per il tè" le ho detto.
“Ok, sarò lì tra un po'” ha risposto.

Circa mezz'ora dopo è apparsa alla porta, ha bussato e ha aspettato che la facessi entrare. "Farai meglio a tuffarti nella doccia" dissi mentre la indirizzavo verso il bagno con doccia al piano di sotto. “Io, ehm, um” balbettò. Se il mio piano era di funzionare, dovevo portarla sotto la doccia. "Dai, sbrigati, il tè si raffredderà" le dissi mentre più o meno la spingevo nella doccia. Aspettai fuori dalla porta, ascoltando l'inizio della doccia. Era una doccia multigetto, molta acqua e molto rumore. Non appena l'ho sentito iniziare, ho aperto la porta della doccia, dall'esterno, facilmente eseguibile con il tipo di serratura utilizzata, sono entrata silenziosamente e ho rimosso i vestiti di Jilly. Li ho messi velocemente in lavatrice e l'ho acceso. Avevo messo di proposito un asciugamano speciale nel bagno con doccia, era simile a un grande “pelle martellata” usato per pulire le auto. Sono stati utili in quanto ti asciugavano rapidamente e si asciugavano rapidamente, ideali per il Trekking o il campeggio poiché erano sottili e leggeri. Ho richiuso la porta dall'esterno.

La doccia si è fermata, ho sentito la porta aprirsi. Jilly stava canticchiando tra sé e sé mentre presumevo che si stesse asciugando e poi l'ho sentita dire a se stessa: "Dove sono i miei vestiti?" Ho bussato alla porta, "Sei già pronto?" Le ho chiesto. "Ehm, dove sono i miei vestiti?" gridò attraverso la porta. "Li ho messi nel bucato, non ne hai portati di puliti?" Sapevo benissimo che non l'aveva fatto. "Io, ehm, non ne ho portato nessuno" balbettò. "Bene, avvolgi l'asciugamano intorno a te finché non sono pronti" le dissi.
Jilly apparve dalla doccia, l'asciugamano era bagnato e semitrasparente dove si attaccava al suo corpo. La copriva appena, da appena sopra le sue tette fino alla parte superiore delle sue gambe, l'asciugamano era solo abbastanza largo da avvolgerla e lei lo aveva nascosto sotto il braccio per legarlo a lei. Mi ha seguito con molta modestia fino in cucina.

"Per favore, siediti" l'ho accompagnata. Mentre si sedeva, l'asciugamano si è impigliato sul sedile della sedia, il tipo di materiale lo ha reso appiccicoso e mentre spostava il sedere all'indietro si è bloccato sul sedile, aprendo l'asciugamano, è caduto, giusto il tempo necessario per esporre quelle tette impertinenti ma eccessivamente grandi . Ho avuto un rapido flash dei suoi capezzoli rosa prima che riuscisse ad afferrarlo e avvolgerlo di nuovo intorno a sé. Jilly arrossì di un rosso brillante. "È il mio regalo per lavare i tuoi vestiti?" ho chiesto con umorismo. "Allora cosa ottengo per averti servito il tè?" Le ho chiesto scherzosamente. Di nuovo Jilly guardò il pavimento e arrossì. Avevo dato a Jilly un grande bicchiere di vino rosso da bere con il suo pasto, io invece avevo del succo d'arancia. Prese un bel sorso di vino, ovviamente non abituata a sorseggiare alcolici; lo bevve come se fosse pop.
Le ho riempito rapidamente il bicchiere ogni volta che quasi lo svuotava. Abbiamo mangiato il tè più o meno in silenzio, come ho detto che era piuttosto timida. La sua scollatura era in mostra e sono sicuro che mi ha visto dare un'occhiata, senza guardarla.
Finimmo di mangiare e le avevo riempito il bicchiere altre due volte, potevo vedere dall'espressione semi vitrea del suo viso che la bevanda stava facendo effetto. Le sue spalle si erano abbassate e sembrava molto più rilassata.

"Dimmi una cosa, giovane Jilly, se fossi stato il tuo ragazzo e avessi visto la tua figa tutta bagnata, quando saresti tornata dalla corsa, mi sarei tuffato dritto tra le tue gambe e le avrei leccato la figa" le dissi all'improvviso. (Ho pensato che potrei anche saltare direttamente dentro).
Jilly si accigliò e mi guardò, "Cosa intendi?" chiese sconcertata. Ho sorriso compiaciuto e ho risposto "Beh, ovviamente ti sei eccitato quando sei andato a cavallo, la tua figa aveva bagnato i tuoi pantaloni da ginnastica affinché tutti li vedessero". Ancora una volta arrossì copiosamente. "Non essere imbarazzato" dissi "La maggior parte delle ragazze si eccita quando vanno a cavallo, è un po' come masturbarsi a cavallo, vero?" Jilly mi guardò di nuovo con aria interrogativa "Masterbating?" lei rispose. "Non dirmi che non ti sei mai masturbato?" Ho detto "Lo fanno tutti, non c'è niente di cui essere timidi". Jilly è rimasta molto silenziosa per un momento e poi ha detto molto piano "Mi sono toccato, sai, laggiù". Ho sorriso nel tentativo di rilassarla di più, il drink stava facendo il suo dovere, ho pensato che l'avrei solo aiutata.
"E ti piace anche il tuo ragazzo che ti lecca laggiù" dissi spingendo l'argomento. Jilly sembrava molto rilassata ora che il ghiaccio era stato rotto. "Non ho mai avuto un ragazzo e perché dovrebbe leccarmi, sai, laggiù?" lei chiese. Mi carezzai il mento, come se fossi immerso nei miei pensieri, almeno lei stesse seguendo il mio esempio. "Hai sentito parlare di un pompino?" Ho chiesto. “Le ragazze a scuola dicono che ne danno uno ai loro fidanzati ma non so cosa vogliano dire veramente” ha risposto lei, ora ridacchiando, la bevanda stava facendo effetto! La mia era ingenua! "Significa che si mettono il cazzo del fidanzato in bocca e lo succhiano fino a sborrare", l'ho educata, "Quando un ragazzo lo fa alle loro ragazze, leccandogli la figa significa che stanno facendo lo stesso favore a loro”, ho proseguito. Jilly sorrise, ora non imbarazzata nel parlare dell'argomento, "Non ho mai sentito di loro che i loro fidanzati glielo fanno" disse quasi interrogativamente. Ho riso, "Guarda se hai intenzione di succhiare il tuo ragazzo il minimo che può fare è ricambiare il favore" ho ribattuto. "Beh, perché dovrebbero leccarmi?" ha chiesto "Sai, laggiù" ha continuato mentre indicava il suo inguine.

“Dai, andiamo e siediti in salotto e ti istruirò, se vuoi. In questo modo sarai un passo avanti rispetto alle tue amiche". Ci alzammo entrambi e ci dirigemmo verso il divano. Penso che Jilly pensasse che tutto ciò che intendessi fosse parlare, ma avevo altri piani. Si sedette con cura assicurandosi che l'asciugamano non si staccasse mentre si sedeva, anche se si è rilassata un po'. Le sue gambe si erano leggermente aperte, ma mentre ero seduto accanto a lei non potevo vedere nulla in mostra. Si è seduta ad aspettare che io parlassi. "Sai quando ti masturbi hai un orgasmo, usando le dita?" Per metà l'ho chiesto, per metà le ho detto. Sorrise e arrossì allo stesso tempo.
"Immagina di avere quel tocco sostituito dalla lingua di un ragazzo" ho continuato. Potevo vedere gli ingranaggi che si agitavano nella sua testa. "Ai ragazzi piace farlo?" lei chiese.
"Beh, di certo lo faccio!" Ho risposto.
"Lo so, facciamo finta che io sia il tuo ragazzo e ti senti eccitato", ho continuato.
"Prima ti bacerei". Mi sono avvicinato a lei e l'ho beccata sulle sue labbra. All'inizio teneva la bocca chiusa ma mentre io perseveravo rilassava la bocca e ci baciammo delicatamente alla francese. Potevo sentirla riscaldarsi e metterle il mio braccio intorno a lei, abbassando l'altro per posare la mia mano sul suo seno. Ci siamo guardati entrambi negli occhi mentre la mia mano le prendeva il seno, fuori dall'asciugamano. Ha messo la sua mano sul dorso della mia, all'inizio ho pensato che l'avrebbe tirata via ma non l'ha fatto, ha più o meno guidato la mia mano fino a quando non ho sentito il suo capezzolo irrigidirsi.
"Così noi?" Ho chiesto. Jilly si limitò a sorridere ed emise un forte sospiro mentre facevo scivolare giù l'asciugamano per rivelare i suoi seni. Non batté ciglio mentre l'asciugamano le scivolava in vita. Poi mi sono chinato e mi sono preso un capezzolo in bocca. Jilly appoggiò la testa all'indietro e si rilassò. Penso che la bevanda stesse rendendo qui sonnolenza. Di nuovo gemette mentre le leccavo e le mordicchiavo i capezzoli, spostandosi da un seno all'altro, non solo erano grandi ma erano molto sodi, con mia gioia.

Coraggiosamente, feci scivolare la mia mano, dal suo seno, giù sopra il suo stomaco e sotto l'asciugamano. Le mie dita trovarono una morbida copertura di pelo nella parte superiore della sua figa. Jilly fece le fusa morbide quando trovai il suo clitoride con la punta del mio dito.
"Ora devi confrontarlo con una lingua che lo tocca" dissi mentre le solleticavo ancora un po' il clitoride con il dito. Scesi debitamente la mia strada, srotolando l'asciugamano, con facilità, da lei. Jilly ora era così rilassata che penso che potrei farle qualcosa? Le ho aperto le ginocchia e ho posato gli occhi sul mio premio, lì a fissarmi in faccia c'era la sua figa vergine, pieghe rosa di carne scarsamente ricoperte di peli pubici biondi e lanuginosi. Mi leccai le labbra, Jilly ridacchiò di me, con gli occhi spalancati e sbavando davanti a lei. Mentre avvicinavo il viso alla sua "minge" pubescente, iniziò ad ansimare in attesa. La saliva gocciolava dalla mia lingua, la mia bocca si preparava a ricevere il dolce succo di figa verginale. Ho messo la punta della mia lingua alla base della fessura della sua figa e le ho dato una, lunga, lenta leccata verso l'alto. Jilly si irrigidì, stringendomi le cosce intorno alla testa.
"Dio mio!" esclamò mentre arrotolavo la lingua attorno al suo clitoride gonfio. Ancora un paio di leccate su e giù e lei venne. È stato così veloce che ci ha colto entrambi di sorpresa. Ansimando per il fiato sogghignò da un orecchio all'altro "È stato fantastico!" esclamò, a sbuffi.
“Beh, la seconda volta sarà ancora meglio” le dissi.
"Lo farai di nuovo?" chiese, a metà implorata. "Ti dico una cosa" ho detto "ti piacerebbe provare qualcosa che anche le tue amiche più esperte non hanno mai fatto?" Le ho chiesto.
"Cosa, vuoi dire... cazzo?" chiese, ora per niente timida o pudica. "Forse più tardi" ho risposto: "Prima voglio che tu provi qualcosa che non molti ragazzi faranno a una ragazza e sono sicuro che ti piacerà".
Eccitata Jilly annuì con la testa, i suoi luminosi occhi azzurri brillavano di gioia. Ovviamente mi ero imbattuto in un argomento a cui desiderava prendere parte, dall'essere la ragazza meno esperta della sua classe a fare qualcosa di cui poteva vantarsi, che loro non avevano.

Le feci cenno di avvicinarsi al tavolino, appoggiandoci sopra l'asciugamano le chiesi di inginocchiarsi di fronte ad esso e di chinarsi. Era l'altezza giusta su cui appoggiare lo stomaco mentre si sdraiava in avanti. Le ho passato un cuscino su cui appoggiare la testa, essendo il ragazzo premuroso che sono. Ho preso la mia posizione dietro di lei, Jilly tremava in attesa, cosa le avrei fatto? Le ho aperto le ginocchia per essere accolta con una vista di lei, la figa ancora gocciolante e il suo ano mignolo/marrone. Ho messo entrambe le mani su di lei, natiche quasi da ragazzo e le ho aperte, mi sono sporto in avanti e ho tirato fuori la lingua. L'ho leccata dal clitoride all'ano e viceversa. I fianchi di Jilly mi ricambiarono. "CHE SOLLETICATO!" mi ha urlato contro. "Beh, ti farò il solletico ancora un po'" le dissi mentre ripetevo il processo. "Ooooh" strillò e iniziò a ridere.
Ho forzato la lingua su per il suo canale anale, questo ha provocato un altro "Ooooh" di Jilly, questa volta senza ridacchiare, ha ricominciato ad ansimare. Ho iniziato a infilare il dito nella sua figa, facendolo rotolare come meglio potevo mentre lo spingevo il più lontano possibile dentro di lei. Continuando a forzare la mia lingua dentro e fuori dal suo sedere, le infilai un secondo dito nella figa. Jilly non riusciva a tenere fermo il sedere, le sue mani si infilarono sotto la pancia e iniziò a giocare con il proprio clitoride. “Mmmm…..mmmmm” uscì dalla sua bocca mentre si dimenava sul tavolo. Il suo muscolo sfintere si strinse sulla mia lingua e la sua figa sgorgò, i suoi succhi urlavano fuori e giù per il mio collo e il mio petto.

Riuscii a rimuovere la lingua e le dita e mi sedetti sulle anche mentre Jilly sussultava e si contorceva mentre si calmava dal suo orgasmo. "Beh, sembrava che ti piacesse, te l'avevo promesso" le dissi. "E' stato epico" ha risposto mentre si girava sul tavolo e si sedeva. "Ora che ne dici di imparare a succhiare il cazzo?" le ho chiesto, si spera. Jilly sorrise, si sporse in avanti e mi slacciò i jeans, mi aprì la cerniera e mi spinse i jeans e i boxer lungo le cosce. I suoi occhi si illuminarono quando vide per la prima volta un cazzo eretto. "Possiamo scopare... dopo?" chiese con un grande sorriso stampato in faccia. "Vuoi che prima ti scopi la figa o il culo?" le ho chiesto, sorridendole di rimando. Jilly si accigliò, "Anche le ragazze si fanno scopare i culi?" lei chiese. “Solo quelli molto bravi” ho risposto “Sarai molto bravo?”
Prendendo il mio cazzo in mano, come un'esperta, ha risposto "Sarò molto, molto brava, ora cosa devo fare con questo?" ha detto mentre oscillava il mio cazzo.

Ho insegnato a Jilly l'arte di fare un pompino. Sì, era goffa, no, non era eccezionale ma era entusiasta, la sua lingua ballava lungo il mio cazzo e si è imbavagliata un paio di volte, probabilmente attraverso il drink. Continuava a scusarsi! Dopo un po', penso che si sia arresa, la sua mascella era dolorante e penso che la sua figa avesse voglia di farsi scopare.

"Lasciami sdraiare sul pavimento, tu mi cavalchi e poi puoi abbassarti su di me" istruì Jilly. "Prima, però, penso che potremmo aver bisogno di un po' di lubrificante, solo per aiutare".

Mi è capitato di avere una vasca di lubrificante pronta, chi ha detto che non l'avevo pianificato? Ho ricoperto due dita di lubrificante e mentre Jilly si è inginocchiata ne ho inserito uno nella sua figa e uno nel suo sedere (speravo di scopare anche il suo culo mentre ne avevo l'opportunità). Jilly dondolò i fianchi avanti e indietro, quasi raggiungendo l'orgasmo mentre la toccavo.
Mi sdraiai sulla schiena e feci cenno a Jilly di accovacciarsi su di me. Ho tenuto il mio cazzo all'ingresso della sua figa, ho dovuto dividere le sue labbra per lei mentre ha iniziato ad abbassarsi. Jilly fece una smorfia mentre il mio cazzo la penetrava. "Prenditi il ​​tuo tempo" l'ho accompagnata. "Lo voglio in me ORA!" gridò mentre si spingeva giù, prendendo ¾ del mio cazzo dentro di sé. "Oooh, sta bruciando!" esclamò mentre cercava di prendere ancora più cazzo dentro di lei. Aveva ragione, anche con il lubrificante era così stretta! Ho sentito il mio cazzo raggiungere le profondità della sua figa verginale, fortunatamente non c'era sangue. Jilly aveva le sue mani premute sul mio petto, per sostenermi. "Ora sollevati lentamente" dissi. Ho sentito le pareti della sua figa aggrapparsi al mio cazzo mentre si sollevava da me. "Ora abbassati di nuovo lentamente" le dissi. Jilly ha iniziato a farsi un'idea, presto mi stava scopando al suo ritmo, il mio cazzo scivolava più facilmente dentro e fuori di lei. Jilly si alzò e vidi quei suoi bei seni puntati verso il soffitto, allungai una mano e ne presi uno per mano. Le mani di Jilly si strinsero sulle mie mentre entrambi le massaggiavamo le tette. Adesso mi stava scopando vigorosamente, il mio cazzo toccava il fondo nel suo utero.

La mascella di Jilly cadde, la bava le scivolò fuori dal lato della bocca mentre sentivo la sua figa inondare i miei peli pubici con il suo succo di sperma. Fece dei gargarismi mentre si spingeva su di me. "Mmm... oooh... era così buono, molto meglio di quanto pensassi" mi informò, "Possiamo farmi il culo adesso?" Chi ero io per rifiutare una richiesta così gentile, "Aiutati" le ho detto. Jilly si è spostata in avanti e si è quasi piegata in due mentre ha allineato il mio cazzo con il suo buco del culo, mi ha pulito la testa del cazzo con il lubrificante sull'ano e si è premuta. Il mio cazzo si è quasi piegato in due. "Non entrerà!" ha detto quasi in lacrime "Non entrerà!"
"Calmati e rilassati" dissi mentre prendevo il mio cazzo, prima che lo rompesse! “Giochi con le tue tette e ci penso io” le dissi. Jilly era goffamente in equilibrio su di me, ma in qualche modo sono riuscita a spingere la mia testa di cazzo dentro di lei. "OOO!" gridò mentre il mio cazzo allungava il suo anello anale. Troppo tardi, ha perso l'equilibrio e il mio cazzo le ha sparato. "Owowowow" gridò. Adesso ero nel profondo di lei.

In qualche modo sono riuscito a sollevarla, dopotutto era minuta, a parte le sue tette, ed è riuscita a stenderla sul tavolino da caffè, con il mio cazzo ancora dentro di lei. Adesso era il mio turno di prendere il controllo! Le ho alzato le gambe e ora potevo vedere il mio cazzo, metà dentro e metà fuori dal suo passaggio posteriore. Afferrandole le caviglie ho iniziato a fotterle il sedere. Jilly lasciò andare le sue tette e si chinò per giocare con la sua figa, seppellì due dita dentro se stessa mentre si fotteva con le dita. Mi vergogno a dire che l'ho speronata bene e bene. Potrei non avere mai più la possibilità di farlo di nuovo, mia moglie si è rifiutata di fare l'anale, quindi mi sarei goduto quella che potrebbe essere la mia unica e unica volta. Un veloce mentre le ho scopato il sedere, si è toccata le dita. Ho iniziato a sentire le mie palle stringersi e lo sperma che saliva nella mia spessa vena del cazzo. Sono esploso dentro di lei, non ero venuto così tanto e per così tanto tempo da secoli. Le mie azioni hanno anche spinto Jilly all'orgasmo mentre seppelliva le dita in profondità dentro di sé, il mio sperma caldo e appiccicoso che lubrificava ancora di più il mio cazzo mentre davo qualche altra spinta finale. Stavamo ansimando entrambi.

Ci rotolammo a terra in un abbraccio. "Buono?" Ho chiesto. "Una specie di" rispose lei. "Forse la prossima volta sarà più facile" l'ho informata. "Posso restare stanotte?" Jilly ha chiesto "Non credo che sarò in grado di tornare a casa a piedi", ha riso. "Allora forse possiamo scopare ancora un po'?" Ho chiesto. Jilly sbadigliò "Tutto quello che voglio fare ora è dormire" mi informò.
L'ho portata a letto, l'ho stesa nuda sul materasso e l'ho coperta. Si è addormentata in un istante. Il drink e la scopata l'avevano finalmente sfinita.

Ora dovrei essere imbarazzato ad ammettere di aver scopato Jilly nel sonno, ma non lo sono! Le ho scopato la figa, il culo e persino la bocca (di certo non molto bene) mentre dormiva. Si è svegliata la mattina con un grande sorriso stampato in faccia e ovviamente rinfrescata. "Sono dolorante... ma voglio scopare ancora un po'" mi ha informato "Ci è rimasto solo oggi"

Fortunatamente non è finita qui! Jilly "doveva" raccontare cosa avevamo fatto, a chi e cosa è successo dopo può essere rivelato?

Storie simili

Moglie violentata in Sudafrica

Mia moglie Elaine ed io abbiamo fatto una vacanza in Sudafrica l'anno scorso e abbiamo deciso di provare a vedere quanto più possibile del paese. Abbiamo volato a Johannesburg e abbiamo trascorso un paio di giorni a guardarci intorno. Abbiamo ricevuto molti avvertimenti sui pericoli della città, capitale mondiale degli omicidi, e abbiamo preso taxi ovunque. Le township sono state un vero shock culturale ma con una guida e stando nei trasporti, non abbiamo avuto problemi. Abbiamo viaggiato a Port Elizabeth e abbiamo affittato un bungalow, era bellissimo. Ci siamo rilassati e probabilmente eravamo meno consapevoli di ciò che ci circondava...

415 I più visti

Likes 0

Una ragazza di nome Areola Parte 06

Una ragazza di nome Areola e sua sorella di nome Beaver di Vanessa Evans Come al solito, è meglio leggere le parti precedenti prima di questa. Parte 06 Pigiama party da Jade Non avevamo idea di cosa avremmo fatto mentre eravamo lì, o cosa avremmo dovuto indossare, quindi abbiamo buttato una varietà di vestiti e altre cose in una piccola valigia e l'abbiamo messa in macchina. Poi abbiamo passato un'oretta in bagno facendoci apparire al meglio e sfogando un po' di eccitazione in ognuno di noi. Abbiamo indossato una gonna e una canotta, le gonne erano minigonne, non micro-mini, e le...

328 I più visti

Likes 0

La moglie di Frank parte 5

La moglie di Frank parte 5 Il viaggio di Jim Ritorno al Sexy Shop storia di: SindyxSin Jim riporta Kathy al sexy shop. NOTA DELL'AUTORE: Questa è una storia sessuale continua. Potrebbe avere del sesso rude e non dovrebbe essere letto da persone che non amano quel tipo di sesso. Non è per tutti, dolore, umiliazione e altri atti sessuali usati per degradare una persona non per tutti. Se questo ti eccita, sono felice, ma per favore non provare nulla di tutto questo su partner riluttanti. Le storie che precedono questa sono; Moglie Franchi, 1,2,3,4. Con l'aiuto di Frank e di...

328 I più visti

Likes 0

Fuga alle terme

Introduzione: Mia moglie Lucy vende apparecchiature per ufficio di fascia alta per una grande società nazionale. Questo è il suo quarto anno di successo nelle vendite sul campo. Lucy è stata nominata VENDITORE DELL'ANNO negli ultimi tre anni. Mi chiamo Jim 42 anni e il nome di mia moglie Lucy 40 anni. Siamo sposati da 15 anni. Siamo tanto innamorati ora come lo eravamo il giorno in cui ci siamo sposati. Lucy è una donna straordinariamente bella e lo sa. Ama il sesso e ama stuzzicarmi e darmi piacere. È così disinibita che non mi ha mai negato nessuno dei miei...

449 I più visti

Likes 0

La Vergine violata di Ward Fulton Capitolo 1

Non mio... Capitolo 1 Il centro commerciale era affollato di studenti, tutti desiderosi di approfittare del il sole e la dolce brezza primaverile che soffiava dolcemente dal fiume. Ogni panchina era occupata, e anche gli ampi bordi di cemento che orlate le aiuole erano stipate di adolescenti chiacchieroni, i loro gli spiriti sollevati dall'ultima partenza dell'inverno e dalla vista di migliaia di narcisi che annunciavano l'avvicinarsi della stagione. L'orologio dell'Old Main segnava le undici e mezzo e Suzanne alzò lo sguardo... con impazienza mentre si faceva strada tra la folla. Yvonne aveva detto 1115. Dov'era? Nervosamente, Suzanne si voltò e urtò...

389 I più visti

Likes 0

Le conseguenze 5

Jim stava camminando avanti e indietro per un'ora, dopo aver distrutto la loro flotta d'invasione, erano partiti dopo il unica nave rimasta della flotta Krang. Mary e Amber lo avevano osservato per quasi tutto il tempo Jim se non lo fai Siediti, ti farò fuori di testa, non posso sopportare molto di più del tuo ritmo,” Mary quasi ringhiò. Jim si sedette rapidamente sulla sedia di comando cercando di non guardare Mary, scusa Mary, odio questa attesa, è vero niente a portata di mano su cui non fare nulla su cui lavorare, sai che odio essere inattivo. Mi rendo conto che...

156 I più visti

Likes 0

The Futa Fairy - Futa Doctor's Hot Wish Capitolo 1: Futa Desire della dottoressa Rita

La Fata Futa - Il caldo desiderio del dottore Futa Capitolo uno: Il desiderio futa della dottoressa Rita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 Era passato un mese da quella fatidica mattina in cui imparai qualcosa di impossibile. Qualcosa di straordinario. Qualcosa che mi faceva bagnare la figa quasi ogni mattina quando sprofondavo nel sonno durante il giorno. Sì, il giorno. Ho fatto il turno di notte al St. Claire's Hospital. Un mese fa, ero stato fermato dal poliziotto futa, l'agente Cindy. Il solo pensiero di quella futa prepotente ha reso la mia figa così bagnata. Rabbrividii nel mio camice...

165 I più visti

Likes 0

La mia sorellina Lily, Capitolo 2: Il primo amante di Lily_(0)

Il sole è entrato nella camera da letto e mi sono svegliato e mi sono strofinato gli occhi. Guardai in basso accanto a me e c'era la mia sorellina. Ho preso il mio telefono e ci ho ordinato la colazione, poi l'ho tirata tra le mie braccia. Si è svegliata solo un po' e mi ha massaggiato il petto mentre giaceva lì. La sua mano rallentò mentre si riaddormentava e io giocavo con i suoi lunghi capelli castani con le punte grigio blu. Presto suonò il campanello e scivolai lentamente fuori dal letto. Quando sono tornato lei era seduta e si...

154 I più visti

Likes 0

La ragazza dietro il muro

Ero al secondo anno di college quando l'ho incontrata. Kacey viveva nel dormitorio accanto a me, ma non l'avevo mai vista. La conoscevo solo dal nome sulla porta e da quello che ho sentito quella prima notte. Mi sono seduto nel mio letto preparandomi per andare a dormire. Accanto al letto fu spinto contro il muro, e fu allora che l'ho sentito; un gemito morbido e sexy dall'altro lato del muro. Ho spazzato via il primo suono ma quando ho sentito il secondo, un po' più forte e più a lungo, ho iniziato a immaginare il creatore di questi piccoli rumori...

79 I più visti

Likes 0

Incontri sessuali di un giovane - 26 – Prima notte di sesso con Rupali

Incontri sessuali di un giovane uomo- 26 – Trio con Rupali e Manavi. La storia è di uno dei miei amici Montu Kumar inizia intorno all'anno 2011-12, circa 7-8 anni indietro dal tempo presente. È diventato amico di me durante una sfilata di moda a Delhi.. Dove era l'Event Planner. Mi ha raccontato la sua storia durante i nostri numerosi incontri. Questa è una storia di sesso a tre con Rupali e Manavi La storia è di uno dei suoi amici Montu Kumar inizia intorno all'anno 2011-12, circa 7-8 anni indietro dal tempo presente. È diventato amico di me durante una...

415 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.