Confessioni di una troia sborra Pt. 1-2

629Report
Confessioni di una troia sborra Pt. 1-2

Sono una troia da quando avevo diciotto anni. È difficile per me raggiungere l'orgasmo senza un cazzo in bocca. Sono dipendente dallo sperma. Lo mangio, a volte più di due volte al giorno. Lo sogno. Ho fatto docce di sperma. Esiste un programma in dodici fasi per le troie sborrate? Scommetto che c'è. Il problema è che in realtà mi piace essere una troia sborra. Quando c'è della sborra sulla mia faccia, di solito c'è anche un sorriso lì. E viceversa.

Non sono sempre stata una troia sborra. Ho iniziato come una vergine innocente, come tutti gli altri. Ma questo è praticamente cambiato quando ho avuto il mio primo orgasmo. Dopo di che sono rimasta vergine per un po', ma non ero più veramente innocente. In effetti, ero sulla buona strada per diventare un succhiacazzi amante dello sperma. Semplicemente non lo sapevo.

Ma sto andando avanti a me stesso. Ecco perché penso che il primo orgasmo sia stato così importante: è come la differenza principale tra ragazzi e ragazze. I ragazzi sono più o meno tutti uguali, per quanto riguarda la loro liberazione: certo, ci sono differenze, ma possono quasi tutti guardare del porno, sputare in mano e avere un orgasmo perfetto.

Mentre le donne sono tutte diverse. Alcuni di noi possono scendere usando le dita; altri semplicemente non possono. Alcuni hanno bisogno di qualcosa dentro - un dito per uno, ma un cazzo per un altro e solo un vibratore per un terzo - e alcune donne non riescono a scendere se c'è, tipo, qualcosa dentro di loro. Alcuni di noi non possono venire mentre scopiamo, altri vengono solo quando veniamo scopati. E così via.

Perché siamo tutti così diversi? Ho una teoria: ha a che fare con il nostro primo orgasmo, e questo dipende molto da come scopriamo il nostro sesso. Penso che la maggior parte dei ragazzi lo scopra più o meno allo stesso modo. Ops. Eccolo, proprio di fronte a te. Un giorno è improvvisamente più grande del normale e sembra divertente. La prossima cosa che sai, lo stai pulendo e si spegne! Quando un ragazzo inizia a fare la doccia ogni giorno senza che gli venga chiesto, è praticamente certo che abbia scoperto L'orgasmo.

Ma il sesso di una donna è nascosto, anche a lei. Di solito inizia ad avere "sentimenti" senza sapere da dove vengono, sai? Quindi prova questo o quello, di solito all'inizio false partenze e vicoli ciechi, a volte per molto tempo. Fino a quando un giorno, si spera, scoprirà cosa fa per lei. Ed è così che ho scoperto la mia troia di sperma interiore.

Quindi comunque,


Capitolo uno: quella sensazione divertente


La storia del mio primo orgasmo,
di Cindy Amore
(no, quello non è il mio vero cognome. Duh.)

È iniziato al campo estivo, il giorno dopo il mio diciottesimo compleanno. Lo so, lo so: sono un ritardatario. Quindi denunciami. Avrebbe potuto succedere altrettanto facilmente quando avevo quindici anni, ma non è successo. Vicoli ciechi, sai? Sono basso e un po 'piccolo seno, e avrei potuto facilmente passare per quindici, motivo per cui penso che così tante persone si siano approfittate di me. Ma avevo 18 anni.

Ogni estate i miei genitori mi mandavano al campo per sei settimane, da quando avevo 13 anni. Questo è stato il mio ultimo anno e sapevo che mi sarebbe mancato. Sapevo anche che era la mia ultima possibilità di fare qualcosa - non sapevo esattamente cosa - con Linda Sue, una consulente del campo negli ultimi tre anni per la quale avevo una grande cotta. Quando l'ho guardata avevo... dei sentimenti, sai?

Linda Sue era carina e sicura di sé, aveva lunghi capelli biondi e un seno davvero molto carino. Non molto più grande della media, ma perfetto. Pensavo fosse così bella e l'ho seguita in giro come un cagnolino. Lo prendeva come dovuto, e dopo le attività della giornata a volte mi lasciava andare in giro e fare cose per lei: dipingerle le unghie, spazzolarle i capelli... Dio quanto amavo spazzolare i suoi lunghi capelli biondi di notte quando si preparava per letto. Ho le farfalle solo a pensarci. Quest'anno, perché sapeva che avevo 18 anni, mi ha lasciato uscire finché non è stata davvero pronta per andare a letto.

Era la prima volta che la vedevo in camicia da notte. L'avevo già vista in costume da bagno, ma questo era diverso; era estate, e faceva caldo, e la sua camicia da notte era bianca e sottile, e con la luce dietro di lei, era come se non avesse niente addosso. Potevo vedere la forma del suo tumulo, anche la forma delle labbra della sua figa, un po'.

Mi ha sorpreso a fissarlo. Arrossii, ma non riuscivo proprio a distogliere lo sguardo. Per la prima volta, ho sentito un formicolio nella mia fica. Questo non era solo un vago Sentimento, era localizzato. Avevo comunque guardato Linda Sue con totale adorazione, ma ora stavo fissando le sue parti di ragazza e sentivo qualcosa che si agitava nella mia.

Forse era lusingata, forse era solo eccitata (aveva un ragazzo, ma lui era via). Probabilmente non saprò mai perché di sicuro, ma lei mi prese la mano e se la mise sul seno. Il mio cuore si è quasi fermato.

Era così morbido. Più morbido di quanto avessi mai immaginato. Potevo solo vedere le sue aureole marrone chiaro attraverso la sua camicia da notte, e potevo vedere il suo capezzolo indurirsi sul seno che non stavo toccando. Ancora più importante, potevo sentire l'altro capezzolo sollevarsi sotto la mano che la stava toccando. Stavo toccando il seno di Linda Sue! Pensavo di essere in paradiso. Quel formicolio nella mia figa stava decisamente diventando più forte, ed è stato davvero bello.

"Ti sei mai... toccato?" lei chiese.

"Toccare... toccarmi dove?" balbettai.

"C'è qualcosa che faccio per rilassarmi di notte", ha detto, "dopo aver spento le luci". Esitò. “A volte, beh, una volta, ho lasciato che il mio ragazzo mi aiutasse. Ma era troppo rude. Se ti chiedo di fare qualcosa e ti dico esattamente cosa fare, lo farai per me? Proprio come voglio? Senza chiedere qualcosa in cambio?"

Balbettai un sì, poi deglutii e dissi che avrei fatto qualsiasi cosa. Nulla.

“E non lo dirai? E non chiederai qualcosa in cambio?"

"Lo prometto. Attraversare il mio cuore."

"Bene. Mi fiderò di te. Ma questo è il nostro segreto, ok?

Bene? Mi aveva al "nostro".

Aprì il cassetto del comò in alto e tirò fuori un piccolo dildo. Non era a forma di pene o altro, era più simile a un rossetto oversize, ma era liscio e rosa e mi ha dato un piccolo brivido a toccarlo.

Mi prese per mano e mi condusse nel suo letto singolo. Tirò indietro le coperte, si adagiò a faccia in su sul lenzuolo e accarezzò il lato del letto accanto al fianco per farmi sedere.

“Ora mi toccherò, ok? Con la mia mano destra. Prendi la tua mano e mi tocchi dall'altra parte, proprio come faccio io. Te lo dico io se sbagli”.

“Non lo farò. Lo farò esattamente come vuoi tu. Io... voglio toccarti."

“Non si tratta di ottenere qualcosa che vuoi, ricordi? Si tratta di quello che voglio. Se te lo lascio fare, dev'essere sufficiente".

"Capisco. Volevo solo dire che voglio fare quello che vuoi. Sei così bella, Linda Sue”, sgorgai.

Si è pavoneggiata. "Grazie."

Chiuse gli occhi e tirò l'orlo della sua camicia da notte sul seno destro. Il solo guardare la sua tetta nuda mi faceva tremare. L'ho rispecchiata, sollevandola anche sul seno sinistro.

Si accarezzò con la punta delle dita di una mano, dall'anca fino al seno. Le ho accarezzato l'altro lato, allo stesso modo.

Le sue dita circondarono l'aureola destra. La mia girava intorno alla sua sinistra. "Sì", sibilò, trattenendo il respiro. "Esatto."

Teneva il piccolo dildo nella mano sinistra. Cominciò a spostarlo sulla pancia e a strofinare il monticello con esso. “Mmm,” sussurrò. Cominciò a stuzzicare delicatamente il capezzolo destro mentre il dildo sondava vicino alle sue pieghe. Ho guardato attentamente, non volendo dispiacerle, poi ho iniziato a sfiorare delicatamente l'altro capezzolo con il palmo della mano allo stesso tempo, quindi entrambi i capezzoli venivano stimolati insieme. "Oh, che bello, Cindy, lo stai facendo proprio bene."

Sono elettrizzato dall'elogio. Cominciò ad accarezzarsi il seno, prendendolo a coppa nella mano e sfiorando con la punta delle dita il capezzolo eretto mentre iniziava a sondare l'ingresso del suo giardino segreto con il dildo. L'ho seguita, prendendo a coppa l'altro seno nella mia mano, sfiorandole l'altro capezzolo finché non è diventato duro.

Si contorceva un po'. “Uhm, questo mi prende entrambe le mani. Continua a farmi il seno".

La fissai, affascinata, mentre la sua mano si spostava davanti al suo tumulo, infilava un dito dentro e iniziava a strofinare qualcosa che non potevo vedere. L'altra mano teneva il dildo, ma stava scomparendo dentro di lei, più in basso. Le accarezzai il seno, sfiorando con il dito il suo capezzolo duro in tempo per il movimento del dito nelle sue pieghe. Il suo respiro era più veloce.

«Oh, va bene, Cindy. …. così buono… mm… fammi entrambe le tette… oh, sì…”

La sua mano stava lentamente immergendo il dildo dentro e fuori di lei. Potevo indovinare dove stava andando. Ho iniziato a emozionarmi in un modo nuovo. Il suo dito, d'altra parte, ora si muoveva molto più velocemente, sfregando con un ritmo feroce. Non riuscivo a dire con quale mano dovevo essere sincronizzato, quindi ho preso una decisione e ho programmato con cura le mie carezze così ho spazzolato rapidamente un capezzolo, a tempo con il dito che si muoveva tra le sue pieghe, e ho fatto scivolare il palmo della mano sull'altro capezzolo più lentamente, a tempo con la mano che fa scorrere gradualmente il dildo dentro e fuori.

"Oh! Cindy! Questo è... bene... bene!. Proprio così, proprio così, oh, oh. Il suo respiro si fece affannoso e il suo dito si sfregò avanti e indietro freneticamente. Socchiuse gli occhi, concentrandosi. Continuavo ad accarezzarle le tette. Erano così morbidi, così lisci... grugnì, poi grugnì di nuovo, inarcando la schiena. “Ehm. Oh. Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa Uh, uh, uh… Mm… Mmm… Mmmm.” Sospirò e si rilassò, lasciando cadere le mani lungo i fianchi. mi sono congelato.

“No Cindy, continua così. bello. Solo non i miei capezzoli adesso. Ho massaggiato delicatamente i suoi seni, godendomi la sensazione sotto le mie mani, la loro morbidezza, il modo in cui si muovevano.

«È stato bello, Cindy. Fermati adesso. Puoi accarezzare il bottone sulla tua stessa figa, come hai visto fare a me, ma solo una volta in questo momento, per vedere se sai dov'è. Rotolò su un fianco. «E puoi tornare domani sera. Oh, rimetti questo nel mio cassetto. Ha teso il dildo, puntando l'estremità verso di me. Ho preso la punta in mano. Era caldo. E scivoloso. E solo un po' bagnato.

Lo fissai nella mia mano. Mi sono sentito davvero strano. Linda Sue mi osservava da vicino. "È interessante?" chiese scaltra.

"Ehm." Oh Cristo. Ero così ovvio?

Ha ottenuto uno scintillio malvagio nei suoi occhi. «Ecco qualcosa per te, allora. Sei stato bravo stasera. Puoi... puoi succhiarlo. Mi osservò attentamente per vedere come avrei reagito. Mi sentivo divertente, soprattutto divertente laggiù. Ho messo la punta del dildo in bocca e l'ho succhiato. Era salato e... muschiato. È stato il mio primo assaggio della figa di un'altra ragazza.

Linda Sue si sedette sul letto. “Ti piace, vero? Hm. Bene. Più profondo. Spingilo più a fondo nella tua bocca. Ora coccolati, come ti ho mostrato.

La mia mano scivolò obbediente nei miei larghi pantaloncini da campo e nelle mie mutandine. Ho spinto nella piega in cima al mio monticello e sono sceso fino a quando ho sentito una specie di bottone. Ho provato un brivido improvviso quando ho toccato il mio clitoride per la prima volta.

"Ti piace", osservò Linda Sue. "Ora succhialo e accarezzati." Feci come mi era stato detto e provai una vertiginosa sensazione di piacere.

"Basta così", sbottò Linda Sue. “Mettilo via adesso. E non più coccole! Lo saprò. Si tirò il lenzuolo sopra la spalla e chiuse gli occhi. «Torna domani sera, dopo lo spegnimento delle luci. Non far vedere a nessuno. Mettilo nel cassetto mentre esci".

La notte successiva ero senza fiato per l'attesa, pronta a fare qualsiasi cosa Linda Sue avesse chiesto. Mi ha fatto fare il seno mentre si masturbava di nuovo, ma era quasi superficiale, come se fosse più interessata a quello che sarebbe successo dopo. Mi ha fatto succhiare di nuovo l'umidità dal dildo e me lo ha fatto infilare in bocca e accarezzarmi allo stesso tempo. Ha mantenuto il controllo completo, affascinata dal suo potere su di me. Non vedevo l'ora di continuare ad accarezzarmi, ma Linda Sue mi ha dato il permesso solo per un colpo alla volta, quando ho spinto il dildo in bocca. Mi ha fatto continuare così finché non ho respirato affannosamente e tremante. Poi mi fermò e mi congedò per la notte.

Le due notti successive furono le stesse, ma Linda Sue mi lasciò baciare uno dei suoi seni e leccare il capezzolo mentre raggiungeva l'orgasmo. Mi ha accarezzato i capelli. Mi ha permesso di avvicinarmi un po' a un orgasmo tutto mio ogni notte. Ma non sapevo ancora cosa fosse un orgasmo. Sapevo solo che ogni notte era meglio e più eccitante. Ero in balia. Farei qualsiasi cosa Linda Sue chiedesse.

La notte successiva fu una sorta di svolta. Linda Sue si sdraiò sul letto e si tirò su la camicia da notte sopra la vita. Ho aspettato che mostrasse i suoi seni, ma non l'ha fatto. Invece chiuse gli occhi e disse: "Vorresti baciarmi?"

Avvicinai il mio viso al suo, ma lei si voltò. “Ehi. Non sulla bocca,” lo rimproverò. "Non sono lesbo." Indicò i suoi setosi peli pubici biondi. "Laggiù."

“Uhm. Bene. Intendo sì. Voglio dire, per favore.

Sorrise contenta. «Vai avanti allora. Bacialo.”

Mi inginocchiai sul pavimento, il legno duro contro le mie ginocchia e la parte superiore dei miei piedi. Girò i fianchi verso il bordo del letto e io l'ho baciata sul suo pube.

"Abbassa", ordinò. "Tra le mie labbra di figa." Ha spostato i fianchi. “No, non lì. Più alto. No!" Sbuffò esasperata. "Trova il mio pulsante".

Ho cercato con le mie labbra, esplorando questo posto strano e nuovo. "Questo è tutto!" lei disse. “No, torna indietro. Oh si. Bacialo. Bacialo.” Lei si contorceva. "Uh, bacio alla francese, con la lingua."

Ho cominciato goffamente a leccarle il clitoride, ascoltando attentamente il suo respiro per capire quando stavo facendo bene. Ho iniziato a capirlo, a quanto pare.

“Uh, uh, uh... si, siss... mm. Mm. Mm. Oh. Dio. Cindy! Non fermarti! Non fermarti! Oh, cazzo, non osare fermarti. Non... oh... AhhhAAAa. Oh! Fermare. Fermare!" Ansimava. «È stato bello, Cindy. Brava ragazza. Prendi la... cosa. Dal mio cassetto. Mettilo dentro di me. Oh! Vai piano! Ora spingilo dentro e fuori. Lentamente. Ok, ora tiralo fuori fino in fondo". Si alzò a sedere, con gli occhi lucidi. “Adesso succhialo. Succhialo e gioca con te stesso. Continua a succhiare e giocare finché non lo dico io.

Ho iniziato a succhiare il dildo, spingendolo dentro e tirandolo fuori mentre Linda Sue mi dirigeva senza fiato. La sensazione delle mie labbra allungate e della mia bocca piena erano indissolubilmente legate al piacere e all'eccitazione provenienti dal mio bottone dell'amore. Qualcosa iniziò ad accadere, qualcosa che non avevo mai sentito prima. Ho cominciato ad ansimare.

"Smettila ora", ordinò Linda Sue. Ho continuato. Non volevo fermarmi. "Smettila, ho detto!" mi sono congelato.

"Ragazzaccia! Sei in tempo. Non tornare domani sera. E non giocare con te stesso. E mettilo via. Ew, prima lavalo. Ora vai."

Sono partito con le lacrime agli occhi, umiliato. La notte successiva rimasi fuori dalla cabina di Linda Sue e guardai la luce nella sua finestra spegnersi, il mio cuore pieno di dolore.

Il giorno dopo, a pranzo, ho controllato il mio sacco della posta. C'era una nota. Non è stato firmato. Diceva solo "Stasera". Il mio cuore è balzato in aria. All'improvviso la mia figa era bagnata. Stasera!

Dopo il tramonto sono scivolato fuori dal mio dormitorio e mi sono diretto verso la cabina di Linda Sue. Mi sono fermato, incerto su cosa fare. Il camioncino del ragazzo di Linda Sue era parcheggiato sulla strada sterrata accanto alla cabina di Linda Sue. Mi sono avvicinato alla finestra e ho guardato dentro. Linda era seduta sul letto in camicia da notte e baciava il suo ragazzo. Le stava toccando il seno.

"Non così difficile", ha rimproverato Linda Sue. Cominciò a mettere la mano sotto l'orlo della sua camicia da notte. L'ha schiaffeggiato. "Non sotto!", decretò. "Solo in cima." Sembrava percepire che la guardavo in qualche modo. Alzò lo sguardo, proprio verso di me, i suoi occhi fissi nei miei. "Smettila di sbirciare!" lei ha ordinato. "Entra qui."

Entrai docilmente nella sua cabina e mi fermai davanti al suo letto, con la testa bassa. "Questa è la ragazza di cui ti ho parlato", ha detto Linda Sue al suo ragazzo. Mi guardò dubbioso. "Lo farà davvero?"

Linda Sue tirò su col naso. "Cosa farai se te lo dico io, Cindy?"

Ho strascicato i piedi. "Nulla." Ho risposto.

"Dillo."

«Farò qualsiasi cosa per te, Linda Sue. Nulla. Dimmi solo quello che vuoi,” supplicai. "Dimmi cosa fare."

"Guarda questo", ha detto al suo ragazzo. "Vai al comò e tiralo fuori", disse. Ho tirato fuori il dildo e l'ho tenuto in alto. "Succhialo", disse semplicemente. Gli occhi del suo ragazzo si spalancarono. L'ho messo in bocca. "Continua a succhiarlo finché non ti dico di smetterla." Linda Sue e il suo ragazzo hanno guardato mentre succhiavo il dildo dentro e fuori dalla mia bocca.

Era strano farlo davanti al suo ragazzo e non giocare con il mio bottone, ma ho comunque avuto un formicolio distintamente sessuale mentre svolgevo il mio compito. “Brava ragazza,” disse con approvazione. Sorrido, spingendo il dildo dentro e fuori dalla mia bocca con piacere ora.

“Puoi smettere, Cindy. Mettilo via ora. Non ne avremo bisogno stasera. Vieni qui."

Mi sono avvicinato al letto.

"Inginocchiarsi." Mi sono messo in ginocchio.

"Gioca con te stesso. Lentamente. Se inizi a sentirti davvero eccitato, fermati".

Ho messo la mano nei pantaloni e ho iniziato a strofinarmi il clitoride, ma mi sembrava sbagliato farlo davanti al suo ragazzo e non avere niente in bocca. "Che ti succede?" chiese Linda Sue. Non sapevo cosa dire. Ero così imbarazzato.

"Va bene, puoi fermarti." Pensò un momento. "Vorresti chiudere gli occhi e succhiare il... il dildo?" lei chiese. Annuii, con gratitudine.

«Vai a prenderlo allora. Ora chiudi gli occhi e riprova. Ricordati di fermarti quando dovresti”.

Con gli occhi chiusi potevo dimenticare chi stava guardando. Con il dildo in bocca tutto sembrava normale, più o meno. Mentre strofinavo il pulsante dell'amore, con il dildo che mi scivolava dentro e fuori dalla bocca, mi eccitavo sempre di più. Quando ho sentito di perdere il controllo, ho smesso.

“Brava ragazza,” disse Linda Sue con approvazione. "Ancora." Ancora una volta ho succhiato il dildo e ho giocato con me stesso fino a quando non sono stato vicino, poi mi sono fermato, sperando disperatamente che lei mi dicesse di andare avanti. Lei no. Si limitò ad annuire soddisfatta.

“Ecco cosa faremo. Jimmy, puoi baciarmi mentre mi tocco. Abbassati i pantaloni». Il suo ragazzo ubbidientemente si abbassò i jeans ei boxer. La sua erezione ondeggiava nell'aria. Ho fissato il mio primo pene. Mi sono sentito attratto da esso. Volevo toccarlo. Volevo... succhiarlo, ho realizzato con dispiacere. Non potevo crederci. Ma non potevo negarlo.

“Mentre lui mi bacia e io mi tocco, Jimmy metterà... quello. Nella tua bocca. Succhialo e gioca con te stesso. Se ti ecciti troppo, fermati e conta fino a dieci. Poi ricomincia. Ma non smettere di succhiare. Quando te lo dico, e solo quando te lo dico, puoi emozionarti quanto vuoi. Puoi andare avanti e non fermarti. Sta per succedere qualcosa di meraviglioso. Ma solo quando dico. Capisci?" Ho annuito. "Rispondetemi."

«Sì, Linda Sue, ho capito. E farò quello che hai detto. Ero imbarazzato, ma eccitato. Stava per lasciarmi... non fermarmi. Qualcosa stava per succedere. Qualcosa di buono.

Linda Sue e il suo ragazzo hanno cominciato a pomiciare mentre guardavo. È stato bello. Fece scivolare una mano sotto il suo pigiama e cominciò a strofinarsi. Il suo respiro è diventato più veloce. L'erezione di Jimmy oscillava davanti alla mia faccia. Mi venne l'acquolina in bocca (non potevo crederci, ma eccolo lì).

"Puoi iniziare ora", concesse Linda Sue. Ho aperto la bocca e ho messo la mano nei pantaloni. Ho iniziato a strofinare il pulsante. Tutto era normale, ma mi mancava il dildo. Poi Jimmy mi ha messo in bocca il suo cazzo duro.

È stato scioccante. Non era affatto come il dildo. Era caldo, per dirne una, e morbido e duro allo stesso tempo, ma non duro come il dildo. Aveva un sapore divertente. Non come Linda Sue, ma... interessante. Il movimento della sua asta dentro e fuori la mia bocca era familiare, però, e confortante. La testa era grande, ma mi stavo abituando. Ho deciso che mi piaceva il modo in cui mi riempiva la bocca. Ho mosso il mio dito a ritmo con il cazzo in bocca, ed è stato ancora più emozionante di prima. È andato avanti fino a quando non sono diventato davvero, davvero eccitato. Anche Jimmy sembrava eccitato.

"Dimmi quando sei vicino", ha sussurrato al suo ragazzo. Non stavo prestando attenzione. ‘1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10’. Ho ricominciato a giocare con il mio pulsante dell'amore. Ci sono voluti solo pochi secondi prima che mi sentissi come se stessi per esplodere. ‘1- 2- 3- 4- 5- 6- 7- 8- 9- 10’. Un colpo. Due. Tre. ‘1-2-3-4-5-6-7-8-9-10’.

Jimmy grugnì. "Sono vicino", disse, una tensione nella sua voce. Qualcosa di strano stava filtrando dalla fessura del suo pene, ma non importava. Linda Sue ha detto le parole magiche.

“Avanti, Cindy! Non fermarti, non fermarti per niente. Continua finché non ce la fai più".

Ero in fiamme. stavo esplodendo. Qualcosa di straordinario si stava accumulando dentro di me. Il cazzo iniziò a spingermi forte in bocca, andando più veloce, ma non importava. Stavo per cadere su una sorta di limite, in non sapevo cosa. Qualcosa di meraviglioso.

Jimmy mi è venuto in bocca, inondandolo di sperma amaro e salato, ma non importava. Solo una cosa contava: non mi fermavo! Il liquido caldo mi traboccò dalla bocca, gocciolando sul mio mento, ma non importava. stavo venendo! Sì!! stavo venendo! Dio mio! Il cazzo di Jimmy è caduto dalla mia bocca e ho sentito la sborra calda che mi schizzava in faccia, ma non importava. Stavo vivendo la cosa più incredibile mai vista nella mia vita. Tutto era buono. Tutto era MERAVIGLIOSO! Lo sperma in bocca era buono. Deglutii di riflesso. Lo sperma sulla mia faccia era buono. Il cazzo che mi spingeva in bocca era buono. Ho succhiato di riflesso. Ho continuato a succhiare e strofinare finché non ce l'ho più fatta.

Sono crollato, esausto. Ho sentito vagamente Linda Sue gemere con il proprio climax, ma in qualche modo non sembrava importante. Jimmy mi stava asciugando la faccia con una bandana, scusandosi, ma non mi importava. Avevo trovato il Santo Graal e niente sarebbe più stato lo stesso.

Jimmy veniva nella cabina di Linda Sue ogni notte fino alla fine del campo, e anch'io. Si sono baciati, Linda Sue si è massaggiata e io ho strofinato il mio bottone dell'amore e succhiato il cazzo di Jimmy finché non è venuto in bocca, poi mi è stato permesso di raggiungere l'orgasmo. Dopo un po', Jimmy sembrava più interessato a venire nella mia bocca che a baciare Linda Sue. Ha iniziato a lasciarsi toccare le sue tette nude, e questo ha aiutato un po', ma le cose hanno cominciato a calmarsi tra me e Linda Sue. Non mi importava molto. Aveva bisogno di me se voleva tenere Jimmy su un filo senza doversi mettere qualcosa di "schifoso" in bocca. E ho scoperto che mi aiutava davvero avere un cazzo in bocca, tremante, sul punto di esplodere, così da potermi sditalinare oltre il limite.

Quindi quello è stato il mio primo orgasmo, e il mio secondo, e immagino il mio settimo o ottavo. È così che ho imparato a farmi venire, e più o meno come l'ho fatto da allora. Col tempo ho imparato che la lingua di qualcun altro può farmi impazzire, o le loro dita molto, molto abili, ma in generale sono una ragazza autosufficiente quando si tratta di stimolo clitorideo. Oh, e posso - e avere - sborrare con un dito o più dentro di me, o con un cazzo dentro di me, e anche una volta con un cazzo su per il culo (ma questa è un'altra lunga storia).

Ma fino ad oggi può essere difficile per me raggiungere l'orgasmo senza un cazzo in bocca, preferibilmente tremando e perdendo prima dello sperma. Con un cazzo in bocca, è un'altra storia. Posso venire così facilmente, allora. In effetti, una delle cose che preferisco ora è mettere in fila alcuni ragazzi con dei cazzi grossi e farmi fottere la bocca uno per uno mentre mi sditalo. Questo praticamente garantisce che avrò un orgasmo o tre, prima che finisca. Ed è sorprendentemente facile da configurare. (Come ho detto, i ragazzi non sono poi così complicati quando si tratta di scendere, almeno nella mia esperienza.) Quindi passo molto tempo con lo sperma in bocca e la sborra in faccia, in questi giorni. E mi piace davvero. Cosa posso dire? Sono solo una tipa succhiacazzi, amante dello sperma e sborra. E orgoglioso di ciò.

Quindi questa è la mia storia. Forse sarei diventata comunque una troia che succhia sperma. Forse è innato, non condizionato. Ma per quanto mi riguarda, devo ringraziare Linda Sue per il fatto che generalmente ho un cazzo infilato in gola e sborro in faccia quando raggiungo l'orgasmo.

Quindi, grazie, Linda Sue, ovunque tu sia. Mi hai messo su una strada strana, ma è la mia strada. E finora lo adoro.


Capitolo 2 - Giorni di gloria


Sono tornato a casa dal campo estivo con la coda in fiamme. Avevo scoperto L'orgasmo e quella era la cosa più importante che potessi immaginare in quel momento. Una ragazza deve avere le sue priorità, dopotutto.

Il mio percorso di scoperta era stato certamente un po' contorto da Linda Sue, il mio primo amore, che mi aveva insegnato a toccarmi sotto la sua stretta supervisione, mentre succhiavo un dildo, e che finalmente mi aveva fatto venire solo quando il cazzo del suo ragazzo stava esplodendo nella mia bocca vergine. Le ultime notti al campo estivo ho avuto orgasmi esplosivi ogni notte, con il cazzo del ragazzo di Linda Sue che mi veniva in bocca ogni volta.

Ero un po' confuso su tutto questo. Va bene, più di un po'.

Avevo leccato Linda Sue e l'amavo, come un cucciolo di cane, quindi ero lesbica? Sicuramente non avevo attaccamenti emotivi con nessun ragazzo... ma avevo un debole per i cazzi. Mi sono piaciuti davvero molto. Soprattutto quando mi sono venuti in bocca durante i miei orgasmi esplosivi. Forse ho anche avuto un gusto per il ragazzo cum. Quindi in pratica non avevo idea di cosa stesse succedendo, nemmeno nella mia testa.

Di notte stavo sveglio fino a tardi a strofinare il mio bottone dell'amore senza un vero successo. Stavo diventando caldo e infastidito, ma alla fine frustrato e un po' dolorante. Continuavo a strofinare la palla magica 8 e continuava a dire "Rispondi confusa, chiedi di nuovo". Niente da succhiare, niente orgasmo. Quindi non è giusto.

Non avrei assolutamente provato a farmi un ragazzo da succhiare; Non avevo mai avuto un ragazzo prima, e gli unici ragazzi che conoscevo erano degli idioti, sai, i tipici adolescenti; nei videogiochi e nel porno grossolano su Internet con donne dalle tette giganti che vengono incasinate nel culo. No grazie, ma no, grazie lo stesso. Comunque, non volevo un ragazzo, ero troppo confuso. Tutto quello che volevo era un cazzo da succhiare mentre mi masturbavo.

Quindi ho optato per il piano B: prendi un dildo. È vero, non avevo mai avuto un orgasmo reale con solo un dildo in bocca, grazie a Linda Sue, ma alcune volte mi ero avvicinato terribilmente, anche grazie a Linda Sue. Sembrava valesse la pena provare. Così. Al mio emporio di dildo di quartiere adatto alle ragazze, giusto?

Come se.

C'era questo negozio di libri per adulti fatiscente in cui ero passato, in una zona piuttosto squallida della città, che pubblicizzava giocattoli sessuali nella loro vetrina (e film da $ 0,25, qualunque fossero). È stata una lunga passeggiata da dove ho vissuto, ma fattibile. Quindi l'ho fatto. Era un vero posto tipo vecchia scuola, il tipo in cui ce n'erano molti, immagino, prima che inventassero Internet, il fuoco e cose del genere. Ho pensato che mi sarei infilato, avrei comprato un piccolo dildo, l'avrei messo nello zaino, sarei tornato a casa, sarei salito in camera mia, me l'avrei messo in bocca e avrei fatto una piccola festa suzione-sfregamento. Facile, come dicono i vecchi.

Non. Ero così impreparato. Era come una valanga di porno lì dentro, accatastato fino al soffitto e totalmente in faccia. Ho visto alcune foto di donne che sorridevano con la sborra in faccia e gocciolavano fuori dalla bocca, il che era confortante, in un modo strano, ma c'erano così tante altre stronzate DAVVERO strane. Ero un po' impazzito.

Mi sono guardato intorno in cerca di un piccolo dildo rosa. C'erano troppi dildo davvero strani che hanno catturato la mia attenzione. C'erano mostri viola con cose appuntite che spuntavano, super mostri neri che non stavano nel mio zainetto, quelli lunghi e flessuosi come serpenti a due teste di un'antica mitologia basata sul cazzo...

Il ragazzo dietro il bancone mi ha notato. «Zaino», disse.

"Oh giusto. Scusa." Ho consegnato il mio zainetto. Mi ha strizzato gli occhi.

"Hai diciotto anni, ragazza?"

Ho tirato fuori la mia tessera studentesca della Kefauver High (Vai, Wildcats... sì, qualunque cosa...), mostrando il mio diciottesimo compleanno sei settimane fa. Passò mezzo minuto a fare i calcoli, poi annuì. "Bene."

Mi guardò in modo strano. Proprio in quel momento ho notato che ero tipo, l'unica ragazza del posto. Un gruppo di ragazzi più grandi stava cercando di controllarmi senza fissarmi. Altri stavano semplicemente fissando. Stavo diventando un po' a disagio. Ma sono venuto qui per prendere qualcosa, maledizione.

Mi sono schiarito la gola. "Posso guardare i tuoi dildo?"

Il ragazzo fece un gesto intorno. Devono essere stati cinquanta, impilati in alto e in basso, per lo più enormi e strani, con strani attaccamenti alieni. "Qualche tipo in particolare?" chiese, non scortese.

Ho preso un respiro profondo e ho semplicemente versato. Dopotutto, il ragazzo era un professionista, giusto? Come un barista, più o meno. "Sì, beh, voglio qualcosa da succhiare mentre mi masturbo", sbottai. “Non sono nemmeno sicuro che funzionerà. Sono abituato ad avere un cazzo in bocca per aiutarmi a scendere, quindi... quale sarebbe di più? Non ho molti soldi", ho concluso.

Era stato tranquillo in una sorta di modo furtivo lì dentro per tutto il tempo, ma all'improvviso era come se tutti stessero trattenendo il respiro. Si sentiva la caduta di uno spillo, fatta eccezione per i gemiti e i gemiti registrati provenienti dall'area video nella parte posteriore.

"Che cosa?" Ho detto.

Sembrava pensieroso, il che non sembrava essere un'espressione a cui il suo viso era davvero abituato. "Scendi quando un ragazzo ti viene in bocca?" chiese alla fine, come se stesse cercando di mettere le cose in chiaro.

"Sì, in pratica."

“Okay... penso che abbiamo qualcosa che ci aiuterà. Sì. Decisamente. Uh, mi ci vorrà un minuto", indicò la pila di disordine che traboccava dalla vetrina. “Dirti cosa. Prendi dei gettoni", mi ha messo in mano gettoni video per un valore di dieci dollari da dove erano impilati vicino al registro. “Vai a sederti. Guardare un film. Sulla casa. Prendete lo stand numero dodici. Dice chiuso, ma non preoccuparti. Io... verrò a bussare quando avrò qualcosa per te. Potrebbe volerci un po'. Relax. Prenditi un carico... via.

“Uhm. Sì, ok. Sicuro. Uhm. Grazie. Molte grazie."

“Certo, pulcino. Piacere mio."

Ho camminato lungo un corridoio buio sul retro, cercando lo stand dodici. C'erano molti ansimanti e strilli provenienti dagli altoparlanti all'interno di piccole cabine con porte. Alcuni erano chiusi, ma altri erano aperti. Vedo che erano tutti sistemati allo stesso modo: uno sgabello corto, cromato e non in pelle, uno schermo TV con una fessura per le monete, un cestino e un piccolo ripiano con una scatola di kleenex.

Il kleenex sembrava un tocco di classe per una tale discarica di formaggio, ma ehi. Cosa sapevo?

Il posto puzzava di sesso. Puzzava di sperma. ragazzo cum. Ho un formicolio all'inguine. Aveva un odore davvero, davvero buono. In un modo davvero brutto, sporco. Mi stavo accendendo.

Ho trovato lo stand numero dodici, uno in meno rispetto alla fine. Abbastanza sicuro, c'era scritto "Chiuso" sulla porta in gesso. Diceva anche "buco della gloria" in un pennarello arancione diurno. Sì come ti pare. Sono entrato e ho chiuso la porta. Aveva una serratura. Vera privacy. Ho capito allora che questo era un posto in cui i ragazzi venivano a masturbarsi guardando il porno. Duh. Avrei dovuto immaginarlo. Da qui l'odore. Dannazione. Tutti quei cazzi, che sparano a tutta quella sborra nelle vicinanze, dietro le porte chiuse.

Così vicino, eppure e allora?

Oh bene. Ho avuto un po' di tempo da perdere mentre aspettavo il mio dildo. Forse potrei trovare un video di una ragazza che mi somigliava, succhiare il cazzo, e immaginare che fossi io, e, sai, dare una piroetta al vecchio bottone dell'amore con un cazzo immaginario in bocca. Valeva la pena tentare. Potrebbe essere meglio che succhiare uno sciocco dildo, vieni a pensare. Ho chiuso la porta.

Ci sono voluti alcuni token per capire il menu del video. Queste cose non sono durate davvero a lungo! Ma alla fine ho trovato qualcosa di promettente chiamato cumpilation orale di torta alla crema, che si è rivelato essere un film di nient'altro che ragazze che succhiano cazzi e si fanno sborrare in bocca. Mi ha disgustato, ma mi ha eccitato, un po', quindi ho ha scaricato tutti i token, decompresso e ha deciso di provare qualcosa di nuovo.

Funzionava, un po', ma non abbastanza. Mi stavo eccitando, va bene, ma non riuscivo ad arrivare dove volevo. Mi mancava davvero avere qualcosa in bocca. Guardarlo e cercare di immaginare che fosse reale sembrava un sacco di lavoro. Immagino che quella roba sia più facile per i ragazzi. Sono più visivi: lo vedono, ci credono. Io, ho bisogno di assaggiarlo.

Ho sentito qualcosa che graffiava il muro tra il mio stand e quello della porta accanto. It was pretty dark, but I could make out a hole the size of a doorknob in the wall, partly blocked by a sliding panel. I felt kind of guilty sliding the panel open. I probably shouldn’t be peeping on some guy jacking off, but I was curious. Maybe if I saw a real cock getting close, smelled it…

Dreams really do come true. As soon as I slid the panel aside, before I could even get my eye to the oversized peep-hole, a large, semi-erect penis pushed through the hole, practically in my face. I stared, my mouth watering, my pussy tingling. It waggled, like it wanted to play. A cock! Unsupervised! With no dorky guy attached! (Well, none visible anyway.) And it looked friendly. Inviting even.

Nothing ventured, nothing gained. I ventured.

I pulled the stool over to the… the Glory Hole! Well, duh… skooched down until it was at mouth level, and pulled my jeans and panties down far enough to reach my love button without too much contortion. The sight and smell of an aroused cock right in front of my face was intoxicating.

Show time. I took the proffered dong in one hand and put the other hand in my pants. The cock stirred and started to stiffen as I handled it. It felt really good, warm and firm. I slipped a digit into my slit and fingered the magic eight ball, asking the same old question—but this time I felt the response changing from ‘Answer Hazy, Ask Again’ to ‘Yes’. È stato così bello.

The cock was getting hot and hard as I stroked it. A nice buzz started in my clit. O si. I eased my mouth over the head and wrapped my lips around the shaft. Mmm. A very nice buzz. I started to suck on it.

Bingo. My clit was humming with that Old Familiar Feeling. I was back on the path that I knew led home. I began to slide my mouth up and down, moving that lovely dick in and out of my face. The hole and wall arrangement was nice. I had total control. I pulled back until just the head was in my mouth, filling it nicely, and began to contentedly lick and suck while I stirred my love button, knowing where this would lead.

The dick in my mouth unexpectedly began to leak a familiar greasy fluid. Attesa! Not yet!

Troppo tardi. It began to jerk and pulse, shooting jets of hot cum into my mouth. I sucked and swallowed, using my lips and tongue to keep that cock cumming as long as possible, while I feverishly rubbed my sweet spot for release. But it was over too soon. That delicious prick I had had such high hopes for softened, slipped from my mouth, and disappeared back into the wall. What a gyp!

I was kicking myself for taking my time, enjoying the ride, while this once-in-a-lifetime gift of no-strings-attached, ready-to-suck cock just came and went, without me finishing, when I heard a distinct scratching sound on the opposite wall. I turned to look, suddenly hopeful.

Hallelujah! Another glory hole! I slid the panel aside with two shaking hands, one hand shaking and skanky with my own pussy drool.

The cock that came out of the wall this time was fully erect, longer and darker than I’d seen before, kind of a pale olive color, with a noticeable curve to the left. It was very clean, and very handsome. My mouth literally watered as I approached the gently bobbing head, opened wide, and let my lips engulf it. It was hot, and hard, in the way that only cocks are—soft and tender on the surface, but firm, practically rigid, inside—and almost sweet. It was way longer than my mouth was deep, so I only took it partway in. Then I let the tip slide out from my mouth and sucked the side of the shaft, sliding down from the head as far toward the base as far as I could reach, then back up. It was responsive. It liked what I was doing to it, I could tell.

I sucked it slow, savoring the texture, not letting it get ahead of me. I was developing a spectacular buzz emanating from my love button, spreading in a warm wave through my loins. My finger was starting to distinguish different features of my clit: a sensitive shaft that I had to be gentle with, a hood I could rub vigorously, and a shy tip that would get real sensitive if I tickled it tenderly, then would deliver jolts of pure joy right through me.

I was determined to climax with this cock before it was spent. I tried to focus on myself, to get there first, but my mouth wanted to taste this new cock’s excitement too much. It was like an electric circuit. The more jazzed the cock felt in my mouth, the more jazzed-up my girl parts got.

I got on my knees on the black wooden floor and used both hands to get myself off, one rubbing my clit, the other teasing my pussy lips at the rim of my opening. As the feeling built, I thrust my mouth onto that beautiful, delicious cock again and again, fucking it with my face, as deep as I could. I could feel it swelling, the skin getting tighter. I tasted the precum just as I crested the wave of pleasure coming out of my twat, and when the dam burst at last and spasms of sweet release flooded me from the center of my little universe, the cock in my mouth erupted, spurting cum like a hose, into my mouth, down my throat, spilling out onto my face, running down my chin. It was like coming home.

As I rode the wave of excruciating erotic joy, I felt for the first time that I was drawing almost as much pleasure from the cock as from my girl stuff. The cum wasn’t actually sweet, but it was heady. È stato bello. I was hungry for it and I sucked it up greedily.

That was the moment I truly became a cum slut, sucking and serving that anonymous cock, worshipping it with my tongue and lips, savoring the semen that I licked off the shaft and sucked from the head. I knew that from that day on, for the rest of my life, even as a toothless granny, I would want to suck cock and taste cum shooting out of it—not just to help me reach my own orgasm, but for it's own sweet sake.

I used the kleenex to mop up the spilled semen, zipped up, and staggered out onto the street in an erotic daze, barely remembering to grab my daypack at the counter. I never went dildo shopping again, but I did visit my friendly neighborhood glory hole every chance I got for the rest of the summer.

By the last few weeks of my Magic Summer, I had a routine at the bookstore. I’d stroll in, nod at the guy behind the counter, and head down to booth twelve, daypack and all. Some of the regulars would follow me into the back, semi-discreetly—I mean, not actually shoving or tripping over each other. Guy discreet, you know?

I’d lock the door, drop trou, take a bottle of oil from my daypack and spread it on my happy parts, so I wouldn’t rub myself raw over the next hour or two, and by then there would be scratching on both walls and I’d be open up. The booth was small enough to let me use both holes at once. Both glory holes, that is. My personal love hole and my bung hole were still virginal, thank you. Only my mouth was open to the public pubis. But that hole was open wide.

I’d open both glory holes and watch in satisfaction as the first two pricks of the day came through the walls. I was familiar with most of them by now, but there was almost always at least one new cock sometime during my suck-a-thon.

Sometimes the dicks emerged already fully erect, particularly the ones I knew well, as if they were anxiously awaiting reacquaintance with my oral pleasure palace. Others were at half mast, until I started giving them my attention. I would take one in each hand and pump them up as needed, until they were both good and stiff. I liked the heft and feel of them. I enjoyed the look of their veiny shafts and round heads, so different, yet so alike, all of them hard and wanting release.

Then I’d settle into a squat, with one hand dipping into my personal playground, and I’d alternate a while—sucking one cock while pumping the other with my free hand, going back and forth, tasting and fondling, until I started to get that good feeling from Happy Valley.

Then I’d choose one cock to focus on and give it my undivided head, bobbing, sucking, swirling, licking, enjoying the way the pressure built as it approached orgasm. I liked to take my time with my own orgasm now. There were plenty of cocks. I’d casually keep the other cock in play with my free hand while I sucked my chosen dick, working it into a frenzy. Soon I’d feel it swell in my mouth, oozing precum.

As often as not, when the first cock boiled over and started squirting warm bursts of cum into my mouth, I’d have a little ‘gasm myself. Just a warm up. The cum all tasted different. A few guys’ tasted nasty, and I’d spit them into a kleenex, but most were okay or actually good, and I gobbled them up, sucking hard on the dicks while they came so I could get it all.

I always felt a little sad to see them pull back into the wall, soft and flaccid, but I also got a little feeling of satisfaction, of accomplishment.

Man, it was nice to have another cock in my hand, already set to go, especially if I was building toward a big climax. I could fill my mouth and start sucking another dick with no delay, fresh sperm still on my tastebuds, keeping my female mojo going uninterrupted until I clenched and came. Nine times out of ten, when I came, the cock in my mouth would erupt too, no matter how long or short a suck I had given it. Girl power!

I’d usually squat there, masturbating and swallowing cum—most familiar, some strange—for about an hour, sometimes two, until I had about four girl-gasms under my belt, at least two of them big ones. Then I’d zip up and take off, a spring in my step, fresh pussy drool in my panties, cum in my tummy, and a big smile on my face.

I particularly remember my next-to-last visit. There were a couple of regulars hanging around outside when I walked up, just waiting to see if I’d drop by, I think. (I was coming there pretty often by then.) We never spoke, never made eye contact. But they sure checked out my ass and my bouncy little titties!

They mainly wanted to see if I was a real girl, I think. Why it mattered, I’m not really sure. You put your dick through a hole in the wall and it gets sucked. Who cares who’s doing the sucking? I guess maybe it’s the principle of the thing. Or something. Anyway…

I walked down to booth twelve, my heart already skipping a beat, locked the door, stretched, and pulled my pants and panties down, feeling a little moist and tingly Down Under. I took my time—olive oil, or coconut oil? Coconut stayed slippery longer, but olive oil had a warm sensual texture. Hmm. I spread my clit and pussy lips with olive oil, then spread out a little bandana on the floor to soak up the drippage, and slid the first glory hole open for business.

It was magic that day. First thing, the sweetest pink dick popped out of the wall, already pulsing with excitement. I took the round shaft in my hand and squeezed it. It swelled in pleasure. I popped the reddening head into my mouth and sucked, running my tongue over the slit. I tasted that slippery foreshadowing precum right away, the perfect accompaniment to olive oil.

I dipped my pussy finger into my mouth, mixing the olive oil and precum, tasting them together, running my finger around the cock head in my mouth, then returned my finger to my swollen clit, where I felt their mingled fluid textures sliding over me together. The dick in my mouth swelled impossibly, then gently splashed cum right onto my tongue, just like that.

I shuddered with a small girl-gasm of my own at the sudden surprising taste. I didn’t let the cock slip from my mouth and out of my hand right away. I gripped it tight, sucking gently and licking all around the head, affectionately. It rippled and shot a little more come inside my mouth, as if to say thanks.

I opened the other glory hole, already a little breathless, only to meet my old friend, the long olive cock with the left hand curve—the first glory hole cock I had cum on. We had a happy reunion. I had been practicing for weeks now, and I was able to take the whole length of that long, handsome dong into my mouth, suppressing my gag reflex, and open my throat. I felt my throat muscles contract around the rim of his helmet as I swallowed.

I rocked back and forth, that long cock down my throat, my fingers flashing over my oiled clit, for several minutes, taking it out only to breathe. We came together massively. I almost fell over, and the man attached to the cock must have done the same—his weenie popped back through the hole with an audible plop, and I heard low, deep laughter from the other side of the wall.

I sucked seven cocks that day, and had four breathtaking orgasms.

On this particular visit, I went on sucking cock and eating cum for a while—even after zipping up Miss Happy Pants—just for the pleasure of it: feeling them tremble, grow suddenly bigger in my mouth, then explode, pulsing with excitement, heat, and cum.

Eventually I closed up shop, waited for the scratching on the walls to stop, and split. I was in a good mood, loose and happy, content, feeling like I’d eaten a little too much yogurt, but ready for a cup of dark roast coffee and something for dessert. I had a pastry at a little cafe in the chi-chi district that was gradually eating away the seedy part of town. I felt like I owned this part of the city: Queen Cindy the First of the Olde Raunch District. I so ruled.

My final visit to the bookstore a few days later was sad and different. There were a bunch of cop cars out front and lots of flashing lights. I didn’t go in. I walked past and made myself scarce for a while, and when I came back, the sign just said CLOSED.

It never reopened. After a while I stopped going by. I poked into the few other, surviving smut stores, the last two nearby and a couple by the edge of town, but none of them had anything like my Glory Hole. It was the last of its kind, I guess.

Like summer break, my glory days were over. It was time to leave my ‘rent’s house and start a new chapter in my life, anyway. I had confidence now that I would find other cocks to suck, somewhere. They were out there, just waiting for Cindy’s Special Mouth. I couldn’t wait to taste them.

And I was still a virgin! Time to fix that, soon, I thought.

Storie simili

Imparare lo stile di vita Pt 4 - Eccitarsi con i tatuaggi

Hanno cambiato la biancheria da letto e Michael si è fatto la doccia e poi si è vestito. Poi Michael ha messo le lenzuola sporche in ammollo nella macchina e poi erano in viaggio. A questo punto, Silk stava morendo di fame. Michael ha preso le chiavi e quindi Silk lo ha lasciato guidare naturalmente. L'ha portata nel suo appartamento per prendere un'altra camicia da indossare poiché all'altra mancavano alcuni bottoni. Ha cambiato il suo vestito e lo ha incontrato di nuovo in macchina. Ha portato loro una tavola calda per camionisti e l'ha guardata in faccia. Fu lieto di notare...

680 I più visti

Likes 0

Quale videoregistratore?_(1)

Ho tenuto d'occhio Eric da quando ha iniziato a occuparsi di bar nel ristorante in cui lavoravo. Avevamo avuto alcune conversazioni casuali, ma niente che sembrava portare da nessuna parte. È stato frustrante da morire. Lo volevo tanto, ed ero determinato ad averlo. Giovedì è stata una serata presto per entrambi. Facevo il turno di pranzo così uscivo di lì verso le 6 ed Eric scendeva alle 10. Gli ho chiesto se sapeva qualcosa sui videoregistratori dato che avevo problemi a far funzionare correttamente il mio. Gli ho detto che la foto era tutta incasinata e poteva darci un'occhiata. Certo, ha...

661 I più visti

Likes 0

Cronache di Craigslist cap. 03: Chuck

Cronache di Craigslist: Chuck Sono passati alcuni giorni dal mio ultimo incontro, come probabilmente puoi capire, sono stato dannatamente eccitato. Alex è impegnato tutta la settimana ma sarà libero la prossima settimana per alcuni giorni. (Sarà il mio fine settimana, quindi sono dannatamente eccitato per questo). Ma, tornando al qui e ora... Cosa posso dire, il desiderio sta colpendo duramente oggi. Durante l'ora di pranzo, ho filtrato le centinaia di annunci, cercando un altro ragazzo freddo con cui uscire. Ho inviato alcuni messaggi e ho aspettato le mie risposte. Niente, dato che il mio turno era quasi alla fine. Mi sentivo...

480 I più visti

Likes 0

Delizia del taglio

Frank si asciugò il sudore dalla fronte con il dorso del guanto e continuò a potare le rose di Seymour. Erano le 12:45 e, come un orologio, sentì Dee e la sua amica Tanya vagare nel giardino sul retro. Sbirciò da dietro i fiori e li vide camminare a piedi nudi verso il gazebo con un pranzo al sacco. Dee indossava il suo consueto abito leggero con stampa floreale. Il suo sorriso luminoso e i capelli dorati di seta di mais le davano una bellezza simile a una dea. Il suo vestito le abbracciava i fianchi e metteva in risalto le...

606 I più visti

Likes 0

Giù alla fattoria_(3)

C'è poco sesso in questa storia. La storia parla di sesso ma non entra nei dettagli che molti di voi desiderano. Oltre 17.000 parole; 34 pagine di lunghezza. Non sono un agricoltore né ho mai passato un solo giorno a lavorare in una fattoria. Per favore, non infastidire i dettagli di questa storia e dimmi: Non è così che si fa in una fattoria. Giù in fattoria Edward Johnson era in piedi sul portico anteriore della casa colonica a due piani della sua famiglia e osservava la campagna circostante. I primi raggi di sole avevano appena illuminato i campi di grano...

417 I più visti

Likes 0

Un weekend non così noioso

Solo per Holly! :-P Era proprio come tutti gli altri venerdì che erano passati quest'anno. La scuola durava 48 ore e iniziava la ripetizione che era diventata il suo fine settimana. La maggior parte delle persone vedeva il proprio fine settimana come un momento per uscire e divertirsi, Naomi invece li considerava troppo lunghi e noiosi. Non aveva molti amici in questa nuova città e non guidava, quindi non poteva scappare in spiaggia. I fine settimana non avevano nulla in serbo per lei. Naomi ha riflettuto su cosa avrebbe potuto fare per intrattenersi questo fine settimana mentre apriva la porta, buttava...

738 I più visti

Likes 0

Uno stile di vita oscillante, capitolo 3

Dato che ora operavo da single, ho deciso di rispondere ad alcuni annunci in una rivista di scambisti. Ho provato a cercare le coppie che volevano qualcosa di insolito, e ho detto in ogni risposta che ero disposto a provare qualcosa che non fosse pericoloso o doloroso. Nessuno degli annunci a cui ho risposto aveva menzionato il sesso bisessuale, ma ho pensato che qualsiasi ragazzo che cercava di condividere sua moglie con un altro ragazzo probabilmente stava segretamente pensando di provarlo. Si è scoperto che ero praticamente sui soldi. Ho ricevuto una risposta positiva da più della metà delle mie lettere...

780 I più visti

Likes 0

Valli e montagne: capitolo 2

[centro]2: La caccia. mercoledì, 13 dicembre 2006, 22:00[/center] Non so cosa mi sta succedendo. Sono troppo eccitato per un drink amichevole. Nuovo amico? Forse è così. È passato un po' di tempo dall'ultima volta che ho incontrato un nuovo volto. Mi sono infilato i Calvins e ho frugato nell'armadio in cerca di qualcosa di decente. Mi sono fermato su un paio di pantaloncini Abercrombie e una maglietta nera. Terribile elegante per un mercoledì sera. Sapevo che era nella parte inferiore degli anni Cinquanta (freddo per la California del sud questa sera presto), ma non mi importava. È stato quasi come un...

644 I più visti

Likes 0

Sorelle adorabili

Da adolescente ero molto eccitata, ma me ne stavo per conto mio. Quando avevo 16 anni, mia sorella ne aveva 13, e quando insieme andavamo molto d'accordo. Mia sorella Christina e io ci assomigliavamo molto. Infatti, quando mia sorella superò la pubertà, potevamo passare per gemelle, anche se eravamo a tre anni di distanza. Vivevamo entrambi con i nostri genitori, anche loro vicini. Vivevamo tranquillamente, e con questo intendo dire che eravamo vicini a noi stessi con le nostre vite sessuali. Una volta che tutti gli altri in casa mia si erano addormentati, spegnevo le luci, mi infilavo sotto il letto...

904 I più visti

Likes 0

La moglie di Rick parte 5 di 6

La storia del mio amico La moglie di Rick 5 (5 di 6) La scena: Bendata, ero in ginocchio sul soggiorno pavimento, le ginocchia divaricate, l'inguine stretto contro il sedere di Linda, la mia moglie, anche lei inginocchiata e seduta sui talloni. Linda, dentro volta, era inginocchiato tra le gambe tese di William, che seduto sul nostro divanetto. Ora, immagina questo: io, il signor eterosessuale, mi stavo sporgendo in avanti con le braccia intorno a mia moglie. La mia mano sinistra era posta su quella di Linda mano sinistra che strizzava e massaggiava le palle di William. Il mio diritto la...

552 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.