Affari universitari

99Report
Affari universitari

Affari universitari
di Droid447

L'allenamento delle cheerleader era finito. Janet e Bianca hanno aspettato negli spogliatoi finché tutti gli altri non se ne sono andati. Avevano flirtato tra loro durante le ultime settimane, esitando a fare il primo passo. Quando lo fecero, non c'era modo di fermarli. Janet guardò fuori dalla porta, assicurandosi che fossero soli...

"Pensavo che non se ne sarebbero mai andati", ha detto Janet.

Bianca guardò la sua amica con occhi amorevoli, pensando: è così carina.

Come al solito, Janet era più disponibile, avvicinandosi a Bianca e abbracciandola. Bianca esitò un secondo, non era ancora abituata a pomiciare con una ragazza ma lo desiderava più di ogni altra cosa. Spostò le mani sul seno di Janet e sussurrò: "Il tuo tocco mi fa sempre tremare..."

Si guardarono negli occhi con vera passione; desideroso di baciare, desideroso di sentire. Si sporgevano in avanti allo stesso tempo. Le loro lingue si intrecciarono e danzarono per alcuni minuti; lentamente e seducente prima, poi con fervore, rinunciando alla loro impazienza giovanile. I loro seni si sollevarono e si sfregarono l'uno contro l'altro mentre il loro respiro diventava più profondo e accelerato.

Janet slegò la parte superiore di Bianca e scivolò eccitata verso il basso per leccarle i capezzoli. Bianca gemette e rabbrividì, spingendo il petto in avanti per incontrare la lingua implacabile che la faceva sentire così bene.
Sapeva che Janet poteva farla venire solo giocando con i seni, ma il suo corpo chiedeva di più, molto di più...

Un attimo dopo, Bianca era appoggiata agli armadietti mentre Janet faceva scivolare la testa sotto la minigonna della cheerleader. Janet ha attaccato saldamente la sua bocca alla figa del suo amante, leccando e succhiando con entusiasmo sfrenato. La sua lingua roteò intorno al clitoride di Bianca e su tutte le labbra umide e sensibili.

Bianca non ha avuto la possibilità di sopportare questo delizioso trattamento per più di pochi minuti senza raggiungere un potente orgasmo. Sentì le gambe tremare rapidamente e i fianchi piegarsi in avanti solo un istante prima che il suo mondo si trasformasse in una luce bianca accecante che brillava dietro i suoi occhi roteanti.

Mentre gli spasmi orgasmici le increspavano il corpo, Bianca afferrò la testa di Janet meglio che poteva e la spinse contro il suo inguine, esortando la sua amica a continuare a leccare finché non poteva più rimanere in piedi. Janet obbedì volentieri, spingendo la lingua in profondità nella figa contorta di Bianca, facendola roteare, sperando di prolungare la beata esperienza per il suo amante.

L'adolescente rapita piegò lentamente le gambe deboli, scivolando sul pavimento lucido. Non si era mai sentita così bene prima. Uscire con Janet era la cosa migliore che le fosse mai capitata.

Quando Bianca scese dal cielo, era ora di ricambiare il favore.

Janet si sdraiò sulla piccola panca di legno e sfruttando la sua eccezionale flessibilità, sollevò facilmente le cosce vicino al petto, presentando la sua figa bagnata al suo amante. Bianca si gode la vista per un momento prima di appoggiare anche la sua forma agile in panchina. Poi abbassò la testa e leccò delicatamente le labbra della figa in attesa della sua amica. Ha un sapore così buono!

Questo tocco gentile fece rabbrividire Janet di beatitudine. Alzò la testa per guardare il suo bellissimo amante che baciava le sue parti inferiori in modo così delizioso.

E mentre si avvicinava al climax, la sua reazione è stata la stessa di Bianca. Janet ha spinto la testa della sua ragazza più a fondo tra le gambe mentre gemeva rumorosamente. Finora la coppia era stata molto discreta, attenta a non farsi beccare. Ma in quel momento, a Janet non potrebbe importare di meno se qualcuno potesse sentirla dall'esterno della stanza. È stato incredibile!

Bianca si è un po' preoccupata che Janet stesse facendo troppo rumore, ma ha comunque tenuto la bocca attaccata alla figa del suo amante. Glielo doveva.

L'intero corpo di Janet si contrasse in modo incontrollabile quando il suo orgasmo esplose. Ondate di estasi si irradiavano dal suo inguine al cervello, trasformando la stanza in una macchia di colori vorticosi. Ogni sferza della lingua di Bianca sprigionò un nuovo beato spasmo che si ripeté più volte, finché la donna sopraffatta rimase esausta e completamente soddisfatta sulla panchina.

Un attimo dopo, Bianca si alzò, con la faccia imbrattata dai succhi di Janet, e iniziò a camminare verso le docce. Si guardò indietro con un sorriso malizioso e pensò di invitare Janet a unirsi a lei, ma il suo amante sembrava così tranquillo sdraiato sulla panchina con un'espressione paradisiaca sul viso che decise di non disturbarla.

"Vado a fare una doccia. Torno subito. Non andare da nessuna parte", disse Bianca.

“... essere proprio qui. Ti amo…” fu la debole risposta di Janet.

***

Mentre Janet si rallegrava per le persistenti conseguenze del climax, una strana e silenziosa creatura camminava sotto la panca dove si riposava. Il suo corpo era grigio scuro delle dimensioni di una pallina da tennis. Era liscia e glabra, sorretta da tre gambe ossute lunghe una ventina di centimetri. La sua testa era solo un'estensione allungata del corpo principale senza occhi, naso o orecchie. Sembrava decisamente strano e alieno.

Il mostro era stato attratto dalle intense emozioni che emanavano dalle ragazze un attimo prima; più specificamente, la loro attività cerebrale durante l'orgasmo. Ora si stava avvicinando alla gamba di Janet.

Ignara del pericolo, Janet stava sognando ad occhi aperti, uscire con Bianca è la mia migliore idea di sempre. Penso di amarla davvero.

La piccola creatura non sapeva se il suo veleno fosse sufficientemente forte da immobilizzare questa grande femmina abbastanza tempo per trovare il suo centro di controllo; il suo cervello. L'alieno stava giocando d'azzardo con la sua vita. Ma questo era il modo in cui era stato fatto da sempre. A volte ci sono riusciti e a volte sono stati schiacciati a morte.

È balzato in avanti di qualche centimetro e le ha pugnalato la pelle!

Janet sentì un forte pizzicotto alla gamba e sussultò per una frazione di secondo, poi non riuscì più a muoversi. Era come se tutto il suo corpo fosse diventato improvvisamente paralizzato. Rigido e debole allo stesso tempo.

"Ahia!" Janet è stata in grado di guaire brevemente prima che le sue corde vocali diventassero inutilizzabili.

"Stai bene?" chiese Bianca dalle docce. Sentì il belato, ma capì che Janet aveva sbattuto i suoi piedi nudi contro qualcosa. Lei ha appena sorriso.

Janet si rese conto in preda al panico che qualcosa le stava strisciando su per la gamba ma non poteva farci niente. Cercò invano di urlare. Solo un grugnito soffice e smorzato sfuggì ai suoi kips.

Cosa mi sta succedendo?! non riesco a muovermi!!

La creatura seguì l'attività elettrica appena percettibile emanata dal cervello di Janet. Adesso era molto vicino, le camminava sul petto. È stato anche in grado di rilevare la paura all'interno della femmina. Questa paura l'avrebbe resa molto pericolosa una volta che l'effetto paralizzante del veleno sarebbe stato spazzato via. Aveva bisogno di agire in fretta.

Quando la creatura raggiunse il collo di Janet e iniziò ad arrampicarsi sul suo viso, la donna spaventata riuscì a vederlo! Dio mio! Cos'è questa cosa? Non è possibile!

Janet ha cercato di dare un senso a questa situazione impossibile. Forse si era addormentata dopo il sesso e stava avendo un incubo; ma perché aveva gli occhi sbarrati? Perché non riusciva a svegliarsi? Per favore! devo svegliarmi!

La creatura camminò sul viso di Janet e appoggiò la sua strana testa cilindrica sulla fronte della donna. Essendo così piccola, la creatura aveva bisogno di avvicinarsi molto al soggetto per creare un collegamento mentale di successo. A questa breve distanza dal suo cervello, la creatura poteva facilmente percepire tutta l'attività elettrica che si stava sviluppando all'interno del suo cranio. Si è emozionato.

Janet vide per la prima volta una breve scintilla e sentì un crepitio, rumore elettrico. La sua vista divenne offuscata. In un istante, è diventato molto difficile formulare pensieri coerenti mentre diventavano lenti e discontinui.

Questa era l'abilità principale della creatura. Ha intercettato, interpretato e riorganizzato le connessioni elettriche tra i neuroni di Janet inviando scariche elettriche proprie. Il piccolo mostro doveva convincere Janet che era un amico. Non dovrebbe avere paura. D'ora in poi, sarebbe stato suo compito prendersi cura di lui.

Il puro terrore che Janet aveva provato solo un momento prima iniziò a svanire quando nuovi pensieri alieni le filtrarono nella mente. Non riusciva a capire perché, ma il mostro non sembrava più così minaccioso. Se infatti sentì un calore imprecare attraverso il suo corpo quando si rese conto che quella creatura non era un'estranea. Ma come potrebbe essere se non l'avesse mai visto prima? Janet era così confusa.

Dopo un paio di minuti, i pensieri di Janet furono inesorabilmente spinti in fondo alla sua mente mentre una nuova idea importante si stabiliva nella sua mente. Questa creatura era sua amica. Deve averla dimenticata momentaneamente. Dovrebbe prendersi cura della sua amica come ha fatto "sempre". Questa importante conoscenza sarebbe rimasta impressa nel suo cervello così non l'avrebbe dimenticata di nuovo.

Non ci volle molto prima che il processo di piegamento della mente fosse completo. Quando la creatura è scesa dal corpo di Janet, non è riuscita a formarsi un solo pensiero. La donna stordita si alzò a sedere perplessa e disorientata, gli occhi sbarrati che fissavano in avanti, le braccia che pendevano flosce lungo i fianchi. Passò un momento prima che il suo cervello prendesse velocità e formasse un contenuto cognitivo; era semplice...

Segui... amico.

Janet si alzò e iniziò a camminare, ondeggiando sensualmente i fianchi anche se nessuno la stava guardando. Vicino a lei, la creatura fece strada.

Pochi metri dietro di loro, dentro le docce, Bianca chiuse l'acqua e prese un asciugamano. Canticchiava una canzone felice, immaginando il corpo nudo di Janet sulla panchina, sexy da morire.
Bianca uscì e trovò una stanza vuota. Janet se n'era andata senza nemmeno salutarla.

L'adolescente confusa iniziò a chiedersi se avesse fatto qualcosa di sbagliato, facendo arrabbiare Janet. Perché se n'è andata senza di me?

***

L'ingresso del locale caldaia era a pochi metri dalla zona spogliatoi. Era una stanza ampia e calda; perfetto per le esigenze della creatura. L'aveva scelto per fare una nuova casa permanente.

Quando l'alieno si fermò, lo fece anche Janet. Poi ha sentito il bisogno di sdraiarsi, sperando che l'avrebbe aiutata a "ricordare" come prendersi cura di lui. La donna sbalordita giaceva distesa a terra, con le gambe ravvicinate e le braccia lungo i fianchi, le mani aperte, i palmi rivolti verso il basso. Questa posizione sembrava giusta e dovrebbe aspettare il tempo necessario.

La creatura si mosse intorno a lei, indagando sul corpo di Janet. Le ha toccato una gamba ma non è successo niente. Poi le toccò il braccio con lo stesso risultato. Ora che la femmina era calma e completamente ricettiva, le sue onde cerebrali erano deboli, quasi assenti. L'attività cerebrale era il cibo del mostro; ne ha nutrito. Aveva bisogno di scoprire perché questa donna trasmetteva vibrazioni così forti prima, quando lei e l'altra femmina si toccavano.

La creatura si è posizionata accanto alla sua testa e ha iniziato a inviare migliaia di permutazioni elettriche al secondo attraverso il cervello di Janet finché non ha trovato la risposta corretta. La donna gemette piano e allargò le gambe senza sapere che lo stava facendo. Allo stesso tempo, il suo cervello si accese con un segnale forte e succulento.

Il mostro ha scoperto che lo stimolo sessuale era la chiave per diventare più forti, alimentando le onde cerebrali della femmina. Ciò ha richiesto ulteriori indagini. Girò intorno al corpo di Janet e si mosse tra le sue gambe.

Janet sentì un sottile tocco lungo le sue labbra vaginali e questo la fece sobbalzare. Il suo cervello si impegnò di nuovo inviando un'altra onda. L'alieno se ne accorse. Questo era il posto giusto. La donna affascinata ebbe la ottusa sensazione che ciò non fosse giusto; nessuno dovrebbe giocare con la sua figa tranne Bianca. Ma ha scelto di ignorarlo. Era imperativo prendersi cura della sua nuova amica.

Dopo aver trovato la sua cavità vaginale, l'invasore ha spinto all'interno la sua testa conica. Penetrava solo per pochi centimetri ma bastava per capire il funzionamento del suo corpo. Questo era il centro della riproduzione, da qui il piacere che produceva nella mente della femmina quando veniva toccata.

Nel frattempo, Janet ha iniziato a respirare più velocemente. La sua mente stordita poteva elaborare poco più dei bisogni primari, tra cui il piacere. Non c'era nient'altro nel suo cervello che potesse interferire con questa sensazione gioiosa. Doveva solo restare sdraiata immobile con le gambe divaricate. Di tanto in tanto i suoi occhi iniziarono a spostarsi verso l'alto, mentre la sua eccitazione diventava più forte, riempiendo il vuoto nella sua mente riprogrammata.

Dopo alcuni minuti, Janet stava sollevando i fianchi da terra e li faceva oscillare leggermente su e giù. La creatura fu affascinata da questa strana reazione e cercò di spingere la testa più a fondo, chiedendosi fino a dove potesse arrivare. Quando lo fece, Janet gemette più forte con un tono sempre più alto.

Ma poi, un violento sussulto della donna fece indietreggiare la creatura. Una serie di potenti e piacevoli onde cerebrali percorse la breve distanza tra la testa di Janet e quella della creatura. Potrebbe esserci solo una ragione per questo. Stava raggiungendo l'apice della sua eccitazione! Stava raggiungendo l'orgasmo!

Mentre la donna confusa si contraeva e tremava per un orgasmo che si rifiutava di svanire, la creatura si arrampicò in cima al suo petto e puntò la testa verso il suo cervello. Queste forti vibrazioni orgasmiche erano esattamente ciò di cui aveva bisogno per nutrirsi. E aveva intenzione di ottenere di più, molto di più.

Poche ore dopo e dopo altri tre orgasmi, Janet era ancora a terra, ora rigidamente appoggiata a pancia in giù. Teneva la testa alta, fissando con gli occhi spalancati niente come una sfinge umana.
Il mostro stava sulla schiena della donna, premendo la testa contro il suo cranio, inviando un fiume infinito di scariche elettriche nel suo cervello.

Dopo aver appreso l'importanza della stimolazione sessuale, iniziò ad alterare la sua mente per facilitare questa funzione e, di conseguenza, per ottenere onde cerebrali orgasmiche migliori e più forti. Durante l'intero processo, la figa di Janet non ha mai smesso di contorcersi.

La creatura capì anche che più femmine significavano più cibo nutriente. Qualcosa doveva essere fatto al riguardo.

***

Janet è tornata di soppiatto nello spogliatoio, si è vestita rapidamente e ha iniziato a cercare Bianca. Sembrava e si comportava normalmente, ma ora Janet aveva uno scopo completamente diverso nella vita e avrebbe fatto qualsiasi cosa per realizzarlo, anche tradendo il suo amante. Ha trovato Bianca in classe.

"Ehi! Dove eri?" Bianca chiese sconvolta: "Mi hai lasciato negli spogliatoi senza dire una parola".

"Stavo cercando qualcosa... e l'ho trovato", disse Janet con voce sexy. "Venga con me. Lascia che ti mostri di cosa si tratta.

"Di cosa stai parlando? Che cos'è?" chiese Bianca con curiosità.

Bianca seguì Janet nel locale caldaia chiedendosi cosa stesse succedendo. Non era mai stata in questa stanza prima e notò immediatamente che era accogliente e appartata. Sorrise maliziosa mentre Janet parlava...

“Benvenuto nel locale caldaia; il nostro nuovo nido d'amore", ha detto Janet.

"Oh! Non sapevo esistesse questa stanza!” esclamò Bianca, immaginandosi già nuda tra le braccia di Janet. "Questo è così fantastico!"

“Nessuno viene qui. Questo è tutto per noi", ha aggiunto Janet.

Bianca era sollevata dal fatto che Janet avesse una spiegazione perfetta per averla lasciata quella mattina. Questo posto era l'ideale per le loro scappatelle sessuali e non perdevano tempo. Janet ha spogliato Bianca mentre la baciava sulla bocca, quindi si è tolta i vestiti.

Con la sua eccitazione in overdrive, Janet tirò Bianca a terra e si mosse frettolosamente tra le sue gambe. Un istante dopo, la sua lingua stava sferzando il clitoride di Bianca senza pietà. Le ci sono voluti solo pochi minuti per far tremare la sua amica nel bel mezzo di un climax gioioso.

Bianca inarcò la schiena mentre i suoi gemiti echeggiavano nell'ampia stanza. All'interno dei suoi spasmi orgasmici, poteva sentire la bocca di Janet attaccata al suo inguine come se non ci fosse un domani. Era molto diverso dal trattamento gentile che il suo amante le aveva riservato quel giorno. Come se fosse una donna completamente diversa. Tuttavia, Bianca si è divertita enormemente e il suo climax è durato più a lungo di prima.

In seguito, Bianca giace debolmente a terra, grata per il bel regalo. Osservò con occhi sognanti Janet che strisciava su di lei e inchiodava le braccia al pavimento. Lo trovava un po' strano, ma credeva che Janet avesse in mente qualcosa di strano.

"Dio! Sono venuto così forte e così velocemente! Sei così meraviglioso!" Bianca sussurrò: "Tocca a me farti venire".

Janet non ha risposto. Si limitò a guardare Bianca con uno sguardo vuoto.

Bianca stava per chiedere cosa c'era che non andava quando sentì un suono vicino alla sua testa, come i passi di un cagnolino. Si voltò a guardare e il suo viso mostrò vero terrore. L'alieno era a pochi centimetri dalla sua testa e lei pensava che fosse un ragno gigante. Bianca ha urlato!

“Ah! Un ragno!! Janet, lascia andare le mie braccia! Aiutami ad alzarmi!!”

Poi è successa la cosa più strana. Sentì un crepitio e tutti i suoi pensieri divennero confusi. Niente aveva senso. Le urla cessarono, sostituite da un grugnito attutito. Poi, il panico ha cominciato a svanire. Un'improvvisa conoscenza le balzò in mente. Questo "ragno" era speciale; era amichevole. Nel frattempo, le correnti elettriche che venivano proiettate dalla testa dell'alieno le filtravano nel cranio.

Dopo qualche secondo Bianca smise di resistere e rimase lì immobile, con gli occhi sfocati e fissi, mentre i suoi pensieri erano piegati o repressi secondo i bisogni della creatura. Janet era entusiasta di vedere la sua amica che la guardava senza guardarla affatto. Ora anche Bianca sarebbe stata amica della creatura e avrebbero potuto stare tutti insieme per sempre.

La creatura ha continuato a riorganizzare la mente di Bianca come aveva fatto con Janet, ma lo stava facendo molto più velocemente; prestando particolare attenzione alle parti che controllavano la stimolazione sessuale.

Janet ha rilasciato le braccia di Bianca e si è trasferita sul sito. Si è strofinata la figa mentre guardava i capezzoli di Bianca che si gonfiavano grandi quanto i suoi. Entrambe le donne gemevano in sincronia e presto entrambe avrebbero raggiunto l'orgasmo allo stesso tempo.

Il giorno successivo, Janet e Bianca continuarono a frequentare le lezioni solo per mantenere le apparenze, ma sembravano entrambe distratte, pensando continuamente alla loro nuova amica. Janet sentiva che era sbagliato lasciare la creatura incustodita nel locale caldaia e non vedeva l'ora di tornare indietro. La sua eccitazione era particolarmente evidente al suo inguine, poiché una macchia bagnata si è diffusa su tutti i suoi pantaloncini di jeans causati dai succhi che colavano dalla sua figa.

Da quel momento in poi, Janet e Bianca hanno trascorso ogni momento libero che avevano nel locale caldaia. Il loro amore reciproco era solo un valore aggiunto a una ragione più potente; avevano bisogno di prendersi cura del loro nuovo amico. Era un obbligo inevitabile che era profondamente impresso nelle loro menti e seguirono questo comando cercando costantemente il climax più forte possibile.

***

La creatura crebbe rapidamente, nutrendosi degli strabilianti orgasmi delle ragazze, moltiplicando le sue dimensioni in pochi giorni.

Le ragazze erano entrambe nude. Janet era inginocchiata sul pavimento di cemento a cavallo della testa di Bianca, che aveva la lingua più profonda che poteva nella figa di Janet, prolungando il suo ultimo climax. Bianca poteva sentire le cosce di Janet tremarle intorno al viso e poteva sentire i forti gemiti che riempivano la stanza isolata.

Janet si godeva la prepotente beatitudine, completamente inconsapevole che le sue onde cerebrali orgasmiche venivano assorbite con famelica necessità dal mostro in piedi accanto a lei.

Un attimo dopo, Bianca era inginocchiata sulle mani e sulle ginocchia. Janet era dietro di lei con il viso nascosto tra le natiche rotonde. Bianca era già sull'orlo dell'orgasmo e il suo amico alieno era vicino alla sua testa pronta a nutrirsene.

Quando Bianca raggiunse l'orgasmo, il suo busto iniziò a oscillare violentemente su e giù all'interno delle onde di estasi che viaggiavano attraverso la sua spina dorsale fino al cervello e dal cervello alla creatura.

Ogni giorno che passava diventava una maratona di orgasmi. Le menti delle ragazze erano state alterate in modo tale che ogni climax fosse facilmente raggiungibile e le due amanti sexy si godettero enormemente questa modifica, senza nemmeno rendersi conto del cambiamento.

L'alieno ha apportato altre alterazioni alla mente delle ragazze, più sottili ma altrettanto reali e controllanti. Le ragazze non lo consideravano più solo un amico, era più di questo. Era la loro ragione di vita. Era il loro proprietario. Era il loro Maestro.

***

La rapida crescita della creatura richiedeva molto più cibo. Era ora di aggiungere un'altra donna all'harem e Janet conosceva il candidato perfetto. Savanna era una ragazza selvaggia e la sua fama l'ha preceduta. Janet ha inventato una storia su un incontro sexy con alcuni giocatori di football nel locale caldaia e Savanna non ha esitato a unirsi a loro.

“Sei sicuro che Mark venga? Penso che sia così sexy!” chiese eccitata Savanna, indossando un abito estivo sexy e corto.

"Sì. Lui sta arrivando. Saranno qui tra un momento". Janet ha mentito.

Mentre entravano nell'ampia stanza, Savanna fu un po' sorpresa nel vedere Bianca già nuda che li aspettava.

"Oh mio! Di certo non vuoi perdere tempo!” Savanna ha detto con un sorriso stampato in faccia: "Non ho mai sospettato che tu fossi così audace".

"Non lascerai che ci eclissi, vero?" chiese Janet a Savanna con audacia.

"Non c'è modo!" Savanna rispose, mettendosi già il vestito sopra la testa.

Si sdraiarono tutti per terra e aspettarono. Savanna non aveva mai fatto qualcosa di così selvaggio ed era elettrizzata.

“È così pazzesco! L'hai già fatto? Come hai trovato questo posto?" chiese Savanna, mostrando un pizzico di nervosismo.

“Abbiamo trascorso molto tempo qui. Non te ne pentirai", rispose Janet inespressiva.

La donna ignara non riuscì a vedere il grande mostro nascosto dietro una grande struttura, osservando ogni sua mossa. La creatura si avvicinò silenziosamente da dietro e inviò una scarica di elettricità esattamente nei punti giusti all'interno del cervello di Savanna.

Savanna si sentì come se qualcuno l'avesse fracassata direttamente in testa e poi tutti i suoi pensieri si fossero congelati.

Due secondi dopo, gli occhi di Savanna erano completamente rivolti all'indietro e il suo corpo tremava per l'accurata stimolazione del suo sistema nervoso. Le sue gambe si irrigidirono all'esterno, i suoi capezzoli si gonfiarono in modo incredibile e la sua figa sgorgava come una fontana. Stava avendo il suo primo orgasmo indotto dall'elettricità. Savanna rimase nella stessa posizione, tremando in modo incontrollabile per un paio di minuti incapace di pensare a niente se non a sentire tutto. La sua figa si contorceva senza sosta per tutto il tempo. Era in paradiso.

Il mostro aveva imparato molto da Janet e Bianca e ha usato tutte le sue conoscenze per sottomettere rapidamente il suo nuovo schiavo. Un attimo dopo, Savanna era completamente prosciugata di energia, passiva e ricettiva.

Janet appoggiò amorevolmente il corpo inerte di Savanna in grembo mentre il suo Maestro riprogrammava la donna stordita con un nuovo modo di pensare, un nuovo scopo nella vita. Mentre leggeva e riorganizzava le sue connessioni neuronali, la creatura si rese conto di qualcosa di diverso. A differenza di Janet e Bianca, questa donna non desiderava la compagnia di altre donne; bramava un maschio, più precisamente un fallo.

Adattandosi rapidamente alle nuove informazioni, la creatura ha creato un "fallo" secondo l'immagine nel cervello di Savanna, aggiungendo alcune sue caratteristiche. Questo oggetto sarebbe sufficiente per soddisfare il suo nuovo schiavo e mantenere il suo climax se necessario.

La creatura si mosse sopra il corpo inerte di Savanna mentre la strana appendice appena formata emergeva dalla parte inferiore della sua mole principale. Janet e Bianca lo guardarono chiedendosi cosa fosse. Sembrava un grosso dildo contorto e vivo di circa cinque centimetri di spessore e molto lungo. Piccole protuberanze bluastre lungo la sua superficie creavano circuiti elettrici che si accendevano l'uno nell'altro, ed erano perfettamente calibrati per stimolare ulteriormente il corpo sensibile di Savanna.

Il dildo si è avvicinato all'inguine di Savanna fino a quando la punta non è penetrata nella sua figa. La donna sbalordita si contrasse e gemette ad alta voce, svegliandosi dalla sua incantevole fantasticheria. Il lato opposto dell'appendice si staccò dal ventre della creatura e cadde tra le cosce della donna.

Savanna sentì l'appendice grassa scivolare in profondità nella sua cavità vaginale, allungandola e riempiendola completamente. Questa sensazione è stata incredibile, ma ciò che l'ha davvero spinta oltre il limite sono state le scintille elettriche che le hanno fatto sussultare la figa e il cervello simultaneamente, ancora e ancora. La donna raggiunse un altro orgasmo istantaneo e l'alieno si nutriva da esso.

Mentre Savanna ha raggiunto l'orgasmo più forte della volta precedente, Janet ha guardato l'appendice scomparire all'interno del corpo della ragazza, facendole gonfiare la pancia. Janet immaginò quel lungo fallo che si arricciava e si contorceva nel grembo di Savanna, stimolandola oltre ogni immaginazione. Doveva provarci presto.

"È scivolato completamente dentro di lei!" esclamò Bianca, pensando la stessa cosa.

***

Savanna si unì a Janet e Bianca nelle loro frequenti visite al locale caldaia. Ad ogni pausa nelle loro classi regolari e ogni giorno dopo la lezione, erano tutti lì; giocando tra di loro e con le appendici del mostro.

Oggi Janet era di fronte a Bianca e si piegava in avanti mentre il suo amante aveva tutto il pugno e parte del suo avambraccio che pompavano dentro e fuori dalla sua figa. In questo modo, avrebbe raggiunto l'orgasmo in pochissimo tempo. Accanto a loro, Savanna era accovacciata con l'appendice elettrica vivente appesa alla figa. Non si stava muovendo e nemmeno il verme, ma non era necessario. Era sull'orlo dell'orgasmo e un'altra scintilla l'avrebbe mandata oltre il limite.

Nonostante il gran numero di energia orgasmica, non era abbastanza. L'alieno aveva bisogno di più schiavi prima ancora di considerare la fase successiva dei suoi piani per stabilire una casa permanente.

***

Karla indossava il suo vestito più sexy per attirare l'attenzione di Mark e ci è riuscita. Dopo l'ultima lezione della giornata, si sono spostati nell'angolo più lontano dell'aula vuota. Mark l'ha subito abbracciata, pensando che il sesso fosse un affare fatto. Karla fu colta alla sprovvista da questo. Voleva stare con lui ma non così; non in questo posto. Qualcuno potrebbe entrare da un momento all'altro. Mark l'ha trovato ancora più eccitante.

"Avanti. Sai che lo vuoi,” disse Mark con la voce della sua camera da letto.

“Sì, ma... non qui. Andiamo da un'altra parte», implorò Karla.

“Facciamolo qui. Chi se ne frega se qualcuno ci vede?" Marco ha insistito.

«Mark... no», sussurrò Karla con poca convinzione.

Mark ha infilato la mano sotto la gonna di Karla e ha iniziato ad accarezzarle la figa. Si lamentò ad alta voce e poi se ne pentì, rendendosi conto che qualcuno avrebbe potuto sentirla. Sapeva che stava diventando troppo eccitata per smettere. Non poteva fare sesso all'interno di un'aula e rischiare di essere beccata. Doveva fermarsi!

“Smettila Marco. Non possiamo farlo qui!” disse Karla ad alta voce, allontanandogli la mano.

Essendo un vero idiota, Mark si arrabbiò per l'esitazione di Karla e si precipitò fuori dalla stanza. Credeva di essere troppo figo per essere rifiutato da qualsiasi donna. "Che cosa?! Mi fai innervosire e poi mi spingi via? Sei solo un rompicapo, cagna!

"No... mi dispiace... io..." disse Karla quasi piangendo mentre Mark si precipitava fuori dalla stanza.

Janet stava controllando il cortile della scuola per assicurarsi che non ci fosse nessuno in giro prima di tornare al locale caldaia, quando ha sentito qualcuno piangere. Trovò Karla seduta per terra, vergognosa e confusa. Janet non poteva sprecare questa opportunità.

“Ciao Karla, stai bene? Cosa è successo?" disse Janet con falsa preoccupazione.

"Ho rovinato tutto. Sono uno sciocco. Mark mi odia!”

“Non preoccuparti. Andrà tutto bene,” disse Janet, carezzandole la guancia, “Vieni con me. So qualcosa che ti farà sentire molto meglio".

"Che cos'è?" chiese Karla, grata di avere una spalla su cui piangere.

Pochi istanti dopo, il corpo di Karla si stava sforzando per un climax improvviso, indotto dagli alieni. La sua mente era completamente vuota, consentendo la sola presenza di un piacere prepotente. La donna era in ginocchio, protesa in avanti, con le braccia aiutate strettamente da Savanna e Janet. I suoi fianchi sussultavano avanti e indietro in brevi e rapidi spasmi mentre grugniva in estasi e un breve getto di pipì spruzzava dalle labbra della sua figa. La sua mente assorbiva i segnali elettrici che inevitabilmente le riordinavano la mente mentre la creatura, che ora era alta più di un metro, aveva la testa incollata alla fronte della giovane donna.

Janet aveva avuto ragione nel far sentire meglio Karla. In quel momento, Karla non ricordava più Mark e nemmeno il proprio nome. Era in totale beatitudine.

Dopo pochi minuti, Janet e Savanna sapevano che avrebbero potuto lasciare le braccia di Karla. Janet fece un passo indietro e guardò lo spettacolo con inespressiva eccitazione. Karla ora faceva parte dell'harem e la sua vita non sarebbe più stata la stessa.

Il mio Maestro è così potente! pensò Janet, sentendo la sua figa inumidirsi di nuovo.

Anche Savanna ha osservato la scena per un momento, ma poi è stata distratta dalla sensazione amorosa del suo verme che le scivolava fuori dalla figa. Il verme ha servito bene il suo scopo, stimolando la donna eccitata tutto il giorno e tutta la notte, costringendola a raggiungere l'orgasmo dopo l'orgasmo.

Janet vide il verme e si inginocchiò ai piedi di Savanna, inghiottendo la grassa appendice tra le sue labbra. Adorava semplicemente il modo in cui le sue scariche elettriche le solleticavano il cervello.

Nelle vicinanze, anche Karla iniziò a sentire per la prima volta quelle scariche eccitanti. Il mostro estruse un'altra appendice, identica a quella del corpo di Savanna, e penetrò nella figa della ragazza. L'ultimo schiavo raggiunse l'ennesimo orgasmo mentre l'appendice era solo a metà. Poi scomparve dalla vista.

L'esperienza acquisita dalla creatura studiando il cervello del suo numero crescente di schiavi aveva dato i suoi frutti. La mente di Karla era ora estremamente vulnerabile a qualsiasi tipo di stimolazione sessuale, portandola facilmente all'orgasmo e la trasformazione richiedeva alla creatura solo pochi minuti.

***

I giorni passarono e altre donne furono aggiunte all'harem del mostro. C'erano almeno tre donne intorno alla creatura in ogni momento, che raggiungevano orgasmi continui e fornivano una scorta infinita di cibo. Il più delle volte, c'erano più...

Le donne condividevano appendici elettriche che collegavano una figa all'altra o la figa al culo. Lingue e pugni invadevano ogni buco. I gemiti echeggiarono nelle pareti della stanza, ma non si allontanarono ulteriormente. Il locale caldaia si era dimostrato sia accogliente che sicuro.

La creatura decise che era ora di iniziare la fase successiva. Usando lo stesso foro nel suo ventre per estrudere i dildo viventi, l'alieno stava ora espellendo una densa sostanza verdastra che avrebbe formato un nido. Si stava preparando per la procreazione.

Mentre la massa informe si diffondeva sul pavimento, Savanna e Cynthia, una nuova schiava, condividevano un dildo. Entrambe le donne gemevano contemporaneamente, specchiandosi, seguendo il ritmo delle scariche elettriche che emanavano dalla proboscide aliena, che pulsava in profondità nelle loro fighe.

A pochi passi di distanza, Bianca non riusciva a fermare i suoi continui orgasmi mentre la lingua di Janet le girava intorno al clitoride e al culo. Le sue gambe tremavano rapidamente nell'aria e si strinsero intorno alla testa di Janet, esortandola a continuare a leccarla; per farla venire.

E lo stesso stava succedendo a Janet, che aveva un dildo che le spingeva nel corpo mentre penzolava dalla figa di Karla. Janet non stava più perdendo consapevolezza durante l'orgasmo. Invece, aveva imparato a farlo andare avanti il ​​più a lungo possibile, fornendo più cibo al suo Maestro. Sentì le lievi scosse elettriche nel suo inguine intensificarsi mentre i suoi fianchi tremavano avanti e indietro, facendo sì che il grasso verme le pompasse con zelo il culo.

Karla aveva ospitato l'appendice all'interno del suo corpo solo per pochi giorni, ma ora si sentiva come se fosse parte di lei. Adorava sentire il formicolio costante nella sua figa ovunque e tutto il tempo. Non appena tornò nel locale caldaia, il verme scivolò fuori dal suo buco stretto, cercando un partner da penetrare; e ce n'era sempre uno disponibile.

Karla trovava difficile rimanere nella stessa posizione mentre il suo orgasmo le esplodeva nei lombi, ma era troppo bello lasciarlo finire. Gemeva e rabbrividì, tenendo il dildo collegato all'ano di Janet e completamente ignara dello strano evento che si verificava proprio dietro di lei. The greenish mass was growing larger.

The nest preparation was going to take several days but time was not an issue. Bit by bit, it grew and expanded up to three meters in diameter. The creature had already selected who was going to be the breeder of his first offspring. He chose Janet, the most docile and his favorite.

***

Janet didn’t know what was going to happen and didn’t care. She was instructed to lay still on the soft, mushy surface and she obeyed. The greenish, organic cushion that her master had created was warm and comfortable. Just lying there, waiting, had her on the brink of orgasm.

The large creature moved forward straddling Janet’s body, aiming his crotch at her pussy. When he was in position, a fat phallus emerged from its sheath. It didn’t look like the detachable proboscis the creature extruded before. This one was a streaked, grayish pipe with a rounded tip exuding a glossy lubricant.

Janet jolted violently when she felt the tip of her master’s cock touching the delicate spot between her legs. Her pussy was on fire and the sensation of the cold appendage was overpowering. Janet grunted knowing that her orgasm was seconds away.

The woman’s legs trembled and her torso jerked up and down while the monster’s cock penetrated her vaginal cavity, igniting a potent climax that shattered her already broken mind. Janet felt it going deep inside of her, stretching her pussy to the limit. The overwhelming sensation wouldn't let the orgasm fade away. Her wide open eyes stared forward into the ceiling as the world around her disappeared and the phallus reached bottom.

Both the woman and the creature remained in place, almost immobile, as Janet's climax began to subside. Meanwhile, a bulge formed at the base of the creature's cock. It was slowly moving downward towards the slave's crotch.

Soon, the bulge passed between Janet's pussy lips and into her cavity. She moaned and spread her legs wider. The tension of her strained body was evident while her belly expanded allowing passage to the fat object until an elongated greenish egg, the size of a baseball, emerged from the hollow phallus and penetrated into Janet’s womb.

With this, her orgasm reignited, sending her towards a series of brutal spasms that trashed her body like a rag-doll. Janet moaned so loud, that she risked being heard from the halls at the other side of the walls, but at this moment, she couldn’t care less. She somehow knew that she was being host to a new life-form… a new Master!

Once the creature was certain that the egg was in safely in place, he began to retract his cock. The feeling of Janet’s tight passage twitching hard around his phallus was an obvious indication that she was ready to undergo her new task. Janet would carry the egg just for a few days, during its most vulnerable time. Yet, it should be enough to pass her DNA into the unborn creature.

***

Aside from Janet’s growing belly, the following days were business as usual in the boiler room.

Janet was lying comfortably on the mushy nest with her mouth attached to Bianca’s pussy, while her lover shuddered and moaned under the throes of a lovely orgasm. The egg within Janet’s womb had enlarged a few centimeters while the small embryo developed inside. It already felt heavy. Janet felt immense pleasure knowing that she was carrying a new master and she could cum just by thinking about it. Although, not as hard as Bianca was climaxing at this very moment under her expert ministrations.

Karla and Cynthia were also shivering in bliss while they shared a squirming dildo that linked Karla’s ass to Cynthia’s pussy.

The creature kept feeding from the endless orgasms of his slaves while he waited for Janet to give birth. He could sense movement within the nest entrails. The soggy, organic mass was fifteen centimeters thick and four meters in diameter, with some mounds spread evenly that rose up the thirty centimeters. The nest was also getting ready for the next stage of the offspring development.

Oblivious to the alien’s plans, the girls fucked each other and let the appendages keep them in a constant state of ecstasy. Savanna had become addicted to the delicious sensation of the dildo twisting down her throat whilst its electrical waves tickled her numbed brain.

***

One week later, the time for giving birth had arrived. Janet felt mild contractions as the egg pulsated and churned within her womb. It was an odd sensation but pleasurable nonetheless.

“It’s coming! I am giving birth!” Janet said to Bianca, who detached her suckling lips from Janet’s nipple and looked at her lover with curiosity.

Janet crouched on the mushy ground. She felt the overgrown egg descending through her lubricated passage. The lower section of the egg was already visible as her pussy lips stretched wide, letting it emerged into the world.

Bianca couldn’t stop herself from rubbing her pussy when saw the streams of a viscous fluid pouring from Janet’s opening and forming a puddle between her legs. Savanna also observed the scene with a worm squirming half way into her body.

Janet's eyes rolled back in ecstasy as the thickest part of egg passed through her pussy lips and the upper half of the egg started the glide out, making the task a little easier. The overwhelmed woman felt the usual pain of giving birth but at the same time, she felt so much pleasure that an imminent orgasm was crashing down on her. She almost couldn’t wait for it. Bianca rubbed her pussy faster…

When Janet felt the last part of the egg vacating her body, she let herself fall backwards in bliss. Her entire body jerked with the ripples of the first orgasm even before she hit the ground.

Bianca couldn’t see any of this since she started climaxing the moment she saw the whole egg resting on the surface of the nest. The egg was green and it camouflaged perfectly within the mushy formation, as it was supposed to be. The lubricating substance that covered it and made it shine under the ceiling lights, immediately started to evaporate.

Once the egg was out in the open, the creature hurried to pick it up and moved it to a precise section of the nest. A moment later, the base of the egg extruded tiny filaments that merged firmly with the soft surface underneath and started to get nutrients from it.

***

Shortly after the nest sensed the egg’s filaments entering its surface, it became alive. A hole opened at the top of one of the mounds and a tentacle emerged. It was about five centimeters thick and very long. It waved slowly in the air, searching for food.

Savanna was right there, being witness to this new development. She looked at the tentacle with more curiosity than fear. As the rest of the slaves, she was always horny and this was undoubtedly another opportunity for pleasure.

Cos'è questo? A phallus is growing from the nest!

Savanna didn’t give it much thought and a moment later she was straddling the tentacle and guiding it to the right spot.

I must have it in me…

And this was exactly what the nest wanted. Unlike its creator, it didn’t have the capability of feeding from the female’s brainwaves. It relied on the physical touch to absorb nutrients from every possible source. Now this source was Savanna’s pussy. The tentacle pushed deep inside the woman's tight opening, making her squeal, and started sucking her fluids with eagerness.

The creature observed nearby; so far, everything was going according to the plan.

Savanna was going berserk as the massive phallus penetrated into her body. She felt the tentacle reaching the deepest corner of her vaginal cavity and pushing even further. The tip of the bulged through the woman’s skin as it trashed wildly underneath.

Savanna was enjoying this so much, that she reached an explosive orgasm just a few minutes after the initial penetration. Her toes and fingers curled while her pussy clasped hard around the tentacle. Her mind was absolutely blank, unable to register anything but utter bliss.

The overwhelmed woman collapsed onto the soggy surface of the nest with the fat tentacle still embedded in her body, squirming and sucking the stream of lubricating fluids that she was producing. Savanna, oblivious to the world, just moaned softly, enjoying the alien appendage in her pussy.

The creature kept watching attentively. He had learned about his slave’s anatomy and he knew that Savanna could provide more nutrients than that.

A sudden spark pulled the delighted woman out her orgasmic reverie and prepared her subjugated mind for new commands. The creature attached his head to her's and the electric signals began to flow. New instructions were received and she would obey them thoughtlessly.

Savanna turned to lie on her stomach and placed her legs to either side of the nest’s mound that harbored the tentacle. She made her intentions clear as she whispered the words...

“Fuck my ass…”

Her motion caused the nest to retrieve the tentacle momentarily from her pussy. It waved around, searching for a way back inside and poked her ass cheeks a couple of times before finding her anal entrance. When it did, the penetration was swift and deep.

Savanna grunted in bliss when she felt the thick, pulsating appendage passing through her anus, penetrating her so deeply, churning and squirming within her entrails. She felt as if the nest and herself were becoming one entity, perfectly merged into one another.

The enthralled woman enjoyed this ravishing until she felt her throat becoming full from the inside out. All thoughts vanished after this. She just stood there, in bliss, staring forward and letting herself be used at will by the nest. After all, they were one.

After squirming though her entire body, the tentacle emerged from Savanna’s mouth and twisted in the air for a moment. It realized that he had reached the other end and it was pointless to go further. It went back inside and kept feeding. Savanna reached another orgasm.

***

To the nest, the experience with Savanna’s body provided knowledge, and it started to feed the same way from all the slaves. After a few days, the egg had already doubled its size.

A combination of moans and squelching sounds filled the room constantly. Some of the girls spent all day in the boiler room, ditching classes and forgetting about keeping appearances.

At this moment, Bianca was feeling a huge tentacle pulsating in her ass, slowly sliding deeper. She could also see it projecting forward from her mouth and into Janet’s pussy. She was more than elated by this, almost in trance. She could not believe that she was being fucked in the ass and at the same time, with the same “phallus”, she was fucking her lover. Only her master could make this possible and she worshiped him for this.

Bianca reached another forceful orgasm, eyes rolling back as her mind went blank again. Yet her body endured the blissful reward almost frozen in place. A few restrained spasms shook her body for a minute. Bianca felt like an extension of the tentacle; a vessel of pleasure for her lover.

The nest had recorded, during Savanna’s exploration, that there was nothing beyond a woman’s mouth after passing through a female’s entire body. But it turned out not to be true. As Janet stood in front of Bianca’s face, she offered her pussy for penetration. The living mass of tentacles will have to take this into consideration and always search further ahead.

Janet was totally aware that the tentacle pushing into her womb was coming from Bianca’s mouth. This was enough to send her over the edge almost immediately. She parted her lips in a quiet moan and she climaxed.

Karla was also twitching under waves of incredible pleasure but she was no longer aware of this. She wasn’t aware of anything. Her mind had checked out a while back during one of her countless orgasms. Now her body moved at the creature’s will by pure instinct, receiving the tentacle and tightening around it with absolute devotion.

And from the nest's point of view, Karla was just another source of food. It shoved the tentacle as far as possible into the woman’s pussy, absorbing her fluids. It reached her womb, making her belly bulge as it thrashed about trying to go even further. Karla just moaned and came again.

Cynthia was more aware of things but not less committed to her task. Her master had told her that she had to provide food for the nest and she dutifully offered her body. The thick appendage pushed through her pussy lips and entered her deeper than she thought possible.

The tentacle pushed all the way into Cynthia’s womb and sucked. The fluids entered the fibrous phallus and traveled down across the tube and into the main bulk of the nest. Then it moved through a complex web of fibers into the egg.

The egg was huge compared to the size it had when Janet gave birth to it, but there was still a long way to go in terms of growth.

***

Days later and with the constant care of the slaves, the egg reached its maximum size. The creature developing inside was getting ready to emerge. Karla and Cynthia were oblivious to this fact, enjoying the hungry tentacles as usual.

But at the other side of campus, Mrs. Somers, the College Dean, started to notice an increasing number of girls missing classes. This was not right and she was certain that something out of the ordinary was going on. She needed to find out what was happening…

Janet is missing a lot of classes. Bianca and Savanna too… the Dean thought.

After classes, the Dean saw Savanna wearing a skimpy dress and walking absentmindedly down the hall. She was not heading for the exit but in the opposite direction. This was very suspicious and Mrs. Somers decided to follow her.

Dove sta andando? Cosa sta succedendo qui?

Savanna entered the boiler room and the Dean sneaked Behind her. When she was a few meters in, the Dean turned her head and she saw it! She saw the nest!

“Oh my God!! What is that?!” Mrs. Somers said out loud.

She couldn’t believe the scene before her eyes; the mushy formation of the nest, the tentacles, the naked students, the wild ravishing! Mrs. Somers immediately recognized Karla. She had a huge tentacle shoved up her ass and something was coming out her mouth. Cynthia was on all fours with two tentacles plugged into her body.

“What is happening?! What is this?!” the Dean asked in panic.

Savanna looked back at her, expressionless. She didn't say a word but a thought formed in her mind, The Dean shouldn’t be here. I must inform the master.

The Dean ran back to her office and hurriedly picked up the phone. With shaking hands, she tried to press the emergency numbers but then she stopped. She couldn’t remember them! Come è stato possibile? She was certain the she knew them. Everybody knew them!

“Oh my God! What is the number?! Is there a 9?”

Unseen airwaves were filtering into the room from across the wall and were interfering with the Dean’s brain connections.

Mrs. Somers saw movement by the door and lifted her head. There was terror in her eyes when she saw what it was. A huge spider! No, a monster! And it was walking towards her.

She wanted to run away! She wanted to scream! She did nothing.

The Dean looked at the creature with wide-open eyes. She was quivering from fear but she remained in place, frozen. She just stayed there, staring. Mrs. Somers never realized that the phone had slipped from her hand.

Her thoughts were foggy, discontinuous. This monster was doing something to her and she knew it. She tried to fight it and for a brief second she remembered the number for emergencies, “911”, but her hands wouldn’t obey her brain.

Then Mrs. Somers started to “remember” that this creature was not a stranger. It was her friend. Without turning her eyes away, she noticed that Janet was also in the room, walking closer. Her student was completely naked.

Questo era sbagliato. Students are not allowed to walk naked in school grounds. Her new 'friend' wanted it this way but it was wrong nonetheless. Inside her head, the Dean was still fighting.

Janet walked around the Dean’s desk, stood close behind the older woman and slipped one hand beneath her blouse. She started massaging Mrs. Somers breast and tenderly pinching her nipple.

“Janet…no.” Mrs. Somers pleaded, then she gasped softly. She was losing the battle. Maybe she shouldn’t resist. È stato così bello.

Janet knelt between her teacher’s legs and slid her head underneath her skirt. The moment Mrs. Somers felt the warm tongue licking her pussy, she climaxed.

Her weakened mind, now completely open, was inundated with new knowledge; with a new reality… and with new instructions.

***

Meanwhile, in the boiler room, Savanna was getting romantic with a tentacle that just vacated Cynthia’s pussy. The alluring smell that lingered on the phallus enticed her to lick the tip… but suddenly, Savanna heard a loud squishy sound coming from the egg.

Savanna lifted her head to see the upper section of the egg opening like a flower. She could hear something tearing inside.

“It is opening,” she said to nobody in particular, “the new Master is coming!”.

***

The Dean stood like a statue in front of her desk while Janet removed her skirt. The rest of her clothes followed. After her orgasm, it became impossible to form coherent ideas, yet something in her mind was telling her body what to do, something alien and sinister.

The creature's test had been successful. Now he was strong enough to control human minds remotely and this would be a huge advantage on his quest. He sent a command to Janet, instructing her to stimulate her teacher while he continued reshaping the Dean’s mind.

Janet started thrusting her fingers into the Dean’s pussy and a moment later she had her whole hand inside, slowly pumping the tight, sensitive cavity. Mrs. Somers, unblinking, moaned and waved her hips back and forth.

***

Savanna was also staring but for completely different reasons. Something was coming out of the nest; something big. The excited woman looked at a conic head with three reddish eyes emerging from the egg’s opening.

The thrilling event made Savanna’s pussy tingle with anticipation. Another Master was being born!

***

Mrs. Somers was now sitting on Janet’s face in absolute elation, staring forward at the creature’s head but not looking at all. Her pussy twitched, responding to Janet’s agile tongue but her brain was silent, open and subjugated. The monster’s brainwaves tickled her mind, like a soft caress and she liked it.

Suddenly, an idea formed in her mind, no, it was a feeling, coming from outside; induced by the creature. He was telling her to cum… and she did! Her pussy jolted hard, squirting all over Janet’s face. Then it jolted again, and again.

Within this orgasmic moment, the Dean realized that she existed to obey. Her former identity was irrelevant and dismissed. Mrs. Somers understood that she was a sex slave… and a new climax exploded on top of the previous one.

***

In the boiler room, after contorting her arms and multiple legs out of the constricting egg, the newborn creature was free. He stood on the nest; his body was glossy from the amniotic fluid that soaked his skin.

Savanna looked at him with awe, wondering how a creature this big could have fit inside the egg just moments ago. The monster had greyish skin and a humanoid torso but his head was large and conic, with three big, red eyes. The lower part of his body was more insect-like, with three legs that resembled those of a crab. Then Savanna looked at something amazing… his enormous cock.

As this happened, the original creature walked into the room followed by Janet and his newest slave, the college Dean. Mrs. Somers vaguely remembered being in this room recently but that memory made no sense now and it was irrelevant. All she wanted to do now was to obey and hopefully enjoy more of those glorious orgasms.

The original creature was pleased to see that his son, the first guard of the nest, had hatched from the egg. More clones of this new monster would be created… many more. And the guard itself was going to help with this task.

The creature sent a command to the Dean and the Dean’s pussy twitched…

“Mate”.

Mrs. Somers heart started beating faster at the prospect of having sex with the big creature in front of her. Her stunned brain couldn’t tell if this anxiousness was caused by fear or raw sexual excitement. It made no difference; she was going to let him fuck her nonetheless.

She walked to the monster and climbed on top of his lower extremities, allowing her to position her crotch above his large, curving cock.

When the Dean felt the tip of his phallus pressing at her pussy, she let herself plunge down. The massive phallus stretched her vaginal cavity and penetrated her voluptuous body until it reached bottom. The older woman grunted in bliss.

For a moment, the odd couple remained immobile. Everything was new for the newborn creature and the feeling of this tight body sheltering his cock so delightfully was thrilling. He instinctively jutted his hips forward, just barely, but this was enough to increase the pleasure.

Mrs. Somers was frozen in place. Her fingers curled over and her nails almost digging into the creature’s hard skin. Her brain was empty of thought but full with sensation. She could feel his cock so deep inside of her, pushing at her cervix. When he made his first motion, she moaned loudly. She couldn’t wait for the next one.

The monster discovered that moving his hips meant pleasure, so he started pumping; slowly at first, then increasingly faster. The Dean’s body was like a toy that he could manipulate at will; a toy that needed to be used until he reached his goal, even if he didn’t know yet what his goal was.

Janet sat on the ground and watched the show absentmindedly. She was picturing that large cock stretching the Dean’s pussy, fucking her so forcefully, so blissfully. She wished it was hers.

Vanessa had seen enough and she knelt on one of the nest's mounds, guiding a tentacle between her legs and into her burning pussy.

Mrs. Somers eyes rolled back as she reached her first climax. Her orgasmic convulsions were barely noticeable as the creature kept smashing his cock into her body with eagerness, making her legs, arms and ample tits bounce wildly with every motion.

The soldier pulled the Dean’s feeble body closer to his own and continued fucking her relentlessly. Her orgasm meant nothing to him. If she couldn’t keep up any more he would do it for her, but he was not stopping.

As her climax faded off, Mrs. Somers was barely conscious. Her pussy was oversensitive and the massive phallus was harsh. It was too much to take. But there was a word lingering in her mind that was more important than her own life…”Mate”; and she whispered…

“…More…”

The original creature turned to look at Janet and sent her a signal. He was ready to fuck her again. Janet received the sign in the core of her brain and her nipples hardened.

Janet looked at her master’s enlarging cock and her pussy twitched. Everything else around her sort of disappeared as her attention became completely devoted to that pulsating appendage that claimed her body; il suo grembo.

“Please fuck me, master”

Janet rested on her elbows and knees looking back at her Master with a mischievous smile. The creature was approaching her from behind, his cock ready. A new egg was gliding down the creature’s body, prepared to be expelled inside of hers.

The creature shoved almost the entire length of his phallus inside Janet’s cavity; pressing at her cozy womb that would shelter the new egg. The tightness of his slave’s pussy felt good around his cock and he was planning to really enjoy this, since he didn’t have the same urgency as the previous time. The nest was safer with the soldier around.

And Janet was precisely on the same page. She reached her first climax the moment she felt the hard cock smashing against the cervix. She was hoping to get pregnant again and give birth to another pod; another Master. It was such an honor.

Cynthia, Karla and other girls lying around the nest couldn’t care less about the Dean, Janet or anything else. Their minds drifted in a blissful limbo of never ending pleasure. They had climaxed countless times in the last few hours and their exhaustion was evident by looking at their limp bodies. But even now, their pussies and anuses were twitching, embracing the fat tentacles that churned within, sucking them dry until they were wet again.

Having recovered from her long orgasm, Mrs. Somers was again fully engaged in the wild copulation. The soldier was pumping her with the same stamina as before and the long phallus was pushing the air out of her lungs with every merciless blow. She was elated. One meter away from them, Savanna was on the brink of orgasm.

The Dean had one hand on her belly and she could actually feel the massive cock piercing unbelievably deep inside of her body. She knew that she was going to reach another climax very soon. Savanna was already there.

Weak from the orgasmic bliss, Savanna leaned backwards until her back rested against the egg shell. The tentacle in her pussy was absorbing her fluids with avidity, but since the empty egg didn’t need food anymore, the nest stored it for the next one.

***

A while later they were still going at it. Mrs. Somers was on all fours getting pumped from behind. Janet was still on her knees, enjoying her master’s cock and the rest of the girls were feeding the hungry nest.

The Dean was getting tired from the savage ravishing and her multiple orgasms but as long as the soldier’s cock was inside of her, she was obligated to endure. She had been ordered to mate and disobeying was not an option.

The soldier’s thrusts had become faster the last few minutes and Mrs. Somers thought she was going to pass out from utter bliss. But the creature suddenly stopped. His cock pulsated a couple of times and then it discharged a huge loud of cum directly in the Dean’s womb. The creature understood in an instant that he had met his goal. The female would become undoubtedly pregnant.

Mrs. Somers’ body was packed with sperm within seconds. The strong genetic code of the soldier was going to take over her ovule and create the first clone of the soldier.

When the Dean felt the warm seed filling her body, she climaxed as well. She had always wished to be a mother and now her dream was coming true.

***

Several days later, Janet observed the soldier ravishing Bianca without mercy. The slim girl squealed in ecstasy while the monster pumped her from behind, making her belly bulge to accommodate his huge cock. In a few minutes, she was going to get pregnant as well.

Mrs. Somers was at the end of her pregnancy. The pod growing inside of her belly was almost ready and the soldier embryo developing within the pod was hungry. More females would be needed to nurture him and the others on the way.

Having gained enough power, the original creature began sending mind-controlling waves throughout the entire school. Soon, everyone on campus would gather in the boiler room with a blank stare and a willing disposition to become a slave.

The creature’s colonizing plans were far from over. The little embryo growing within Janet’s belly was an exact replica of him. This new unborn monster was destined to start a new nest in a new place and the cycle would repeat, over and over, across the entire planet.

La fine.

Note from the author: There is a graphic version of this story. (CGI)

Storie simili

Imparare lo stile di vita Pt 4 - Eccitarsi con i tatuaggi

Hanno cambiato la biancheria da letto e Michael si è fatto la doccia e poi si è vestito. Poi Michael ha messo le lenzuola sporche in ammollo nella macchina e poi erano in viaggio. A questo punto, Silk stava morendo di fame. Michael ha preso le chiavi e quindi Silk lo ha lasciato guidare naturalmente. L'ha portata nel suo appartamento per prendere un'altra camicia da indossare poiché all'altra mancavano alcuni bottoni. Ha cambiato il suo vestito e lo ha incontrato di nuovo in macchina. Ha portato loro una tavola calda per camionisti e l'ha guardata in faccia. Fu lieto di notare...

680 I più visti

Likes 0

Quale videoregistratore?_(1)

Ho tenuto d'occhio Eric da quando ha iniziato a occuparsi di bar nel ristorante in cui lavoravo. Avevamo avuto alcune conversazioni casuali, ma niente che sembrava portare da nessuna parte. È stato frustrante da morire. Lo volevo tanto, ed ero determinato ad averlo. Giovedì è stata una serata presto per entrambi. Facevo il turno di pranzo così uscivo di lì verso le 6 ed Eric scendeva alle 10. Gli ho chiesto se sapeva qualcosa sui videoregistratori dato che avevo problemi a far funzionare correttamente il mio. Gli ho detto che la foto era tutta incasinata e poteva darci un'occhiata. Certo, ha...

661 I più visti

Likes 0

Cronache di Craigslist cap. 03: Chuck

Cronache di Craigslist: Chuck Sono passati alcuni giorni dal mio ultimo incontro, come probabilmente puoi capire, sono stato dannatamente eccitato. Alex è impegnato tutta la settimana ma sarà libero la prossima settimana per alcuni giorni. (Sarà il mio fine settimana, quindi sono dannatamente eccitato per questo). Ma, tornando al qui e ora... Cosa posso dire, il desiderio sta colpendo duramente oggi. Durante l'ora di pranzo, ho filtrato le centinaia di annunci, cercando un altro ragazzo freddo con cui uscire. Ho inviato alcuni messaggi e ho aspettato le mie risposte. Niente, dato che il mio turno era quasi alla fine. Mi sentivo...

480 I più visti

Likes 0

Uno stile di vita oscillante, capitolo 3

Dato che ora operavo da single, ho deciso di rispondere ad alcuni annunci in una rivista di scambisti. Ho provato a cercare le coppie che volevano qualcosa di insolito, e ho detto in ogni risposta che ero disposto a provare qualcosa che non fosse pericoloso o doloroso. Nessuno degli annunci a cui ho risposto aveva menzionato il sesso bisessuale, ma ho pensato che qualsiasi ragazzo che cercava di condividere sua moglie con un altro ragazzo probabilmente stava segretamente pensando di provarlo. Si è scoperto che ero praticamente sui soldi. Ho ricevuto una risposta positiva da più della metà delle mie lettere...

779 I più visti

Likes 0

Dal negozio di alimentari a f

Ho guardato l'incredibile seduttrice da dietro pensando a tutte le cose sporche che le avrei fatto se ne avessi avuto la possibilità, che era esattamente come lo volevo. L'ho seguita da lontano e ho continuato a fare acquisti, o in questo momento per lo più facendo finta di farlo. Ero così perso nel corpo della ragazza adolescente di fronte a me che lo shopping per quello per cui ero venuto non sarebbe successo a causa della mia immaginazione iperattiva. Il fatto che il mio cazzo fosse duro come una roccia non aiutava, specialmente nei jeans attillati che indossavo. Speravo davvero che...

797 I più visti

Likes 0

Passeggiata nel pomeriggio

Si alzarono in una gloriosa mattina di luglio. Il mare era come uno specchio, già c'era un luccichio di calore che saliva dai ciottoli della spiaggia. Ha indossato un paio di pantaloncini da spiaggia mentre lei indossava un paio di slip del bikini. Uscirono dalla porta sul retro sulla spiaggia e scesero al mare per un tuffo rinfrescante. È rimasto leggermente indietro ed è stato in grado di vedere il suo sedere perfetto che si muoveva negli slip del bikini. Non ha mai smesso di meravigliarsi della sua bella figura. Si è precipitato in acqua per nascondere l'inizio di un'erezione. Aveva...

808 I più visti

Likes 0

Innamorata del cane

Sara Henderson ha aperto la porta della sua casa appena acquistata, sorridendo tra sé e sé come faceva di solito. Mentre chiudeva la porta, il suo labrador si precipitò attraverso la porta alla sua destra e le saltò addosso. Quando lo vide, il suo sorriso aumentò e si mise in ginocchio, baciandolo velocemente sul muso, evitando la sua lingua, Hey Boy, ti sono mancato? Ridacchiò mentre la sua pelliccia le accarezzava il viso e si alzò, dirigendosi verso la cucina. Si fermò davanti a uno specchio per controllarsi. Permise ai suoi occhi liquidi e color nocciola di controllare il suo corpo...

869 I più visti

Likes 0

Bravado, parte 2

Kevin si svegliò la mattina dopo intontito, sbronzo e duro come una roccia. Debby giaceva accanto a lui nuda, sorridendo e accarezzando il suo piccoletto. Charles non era a letto. Kevin sussurrò, smettila! e ha provato a staccare le mani, ma ha semplicemente stretto e ha continuato a giocare con lui. Kevin sapeva che Charles non era felice che fossero finiti tutti in una cosa a tre la scorsa notte, ma a Debby non sembrava importare. Kevin sentì Charles che girava per la cucina. Kevin guardò Debby negli occhi e gridò: “Charles! Debby non smetterà di giocare con il mio cazzo!...

987 I più visti

Likes 0

Delizia del taglio

Frank si asciugò il sudore dalla fronte con il dorso del guanto e continuò a potare le rose di Seymour. Erano le 12:45 e, come un orologio, sentì Dee e la sua amica Tanya vagare nel giardino sul retro. Sbirciò da dietro i fiori e li vide camminare a piedi nudi verso il gazebo con un pranzo al sacco. Dee indossava il suo consueto abito leggero con stampa floreale. Il suo sorriso luminoso e i capelli dorati di seta di mais le davano una bellezza simile a una dea. Il suo vestito le abbracciava i fianchi e metteva in risalto le...

606 I più visti

Likes 0

Valli e montagne: capitolo 2

[centro]2: La caccia. mercoledì, 13 dicembre 2006, 22:00[/center] Non so cosa mi sta succedendo. Sono troppo eccitato per un drink amichevole. Nuovo amico? Forse è così. È passato un po' di tempo dall'ultima volta che ho incontrato un nuovo volto. Mi sono infilato i Calvins e ho frugato nell'armadio in cerca di qualcosa di decente. Mi sono fermato su un paio di pantaloncini Abercrombie e una maglietta nera. Terribile elegante per un mercoledì sera. Sapevo che era nella parte inferiore degli anni Cinquanta (freddo per la California del sud questa sera presto), ma non mi importava. È stato quasi come un...

643 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.